Amazon, il manager che sapeva troppo

Il colosso statunitense contro un ex-vicepresidente alla divisione vendite della piattaforma Web Services. Potrebbe sfruttare i segreti aziendali dopo il suo passaggio a Google

Roma – Nella nuova guerra dei servizi in the cloud , la sfida legale scagliata dai vertici di Amazon a meno di sei mesi dal lancio della piattaforma Google Compute Engine . Ai piani alti della divisione vendite di Amazon Web Services, Daniel Powers aveva ottenuto una liquidazione da 325mila dollari per lasciare gli uffici sulla nuvola dell’azienda guidata da Jeff Bezos.

Veterano di IBM, Powers era diventato vicepresidente alle vendite di Amazon Web Services nell’anno 2010, prima di apprendere tutti i segreti degli stessi servizi legati al cloud computing. Congedato nel giugno di quest’anno, era stato subito assoldato dal competitor Google per la sua nuova piattaforma Compute Engine .

Immediata la risposta legale di Amazon, che ha avviato una causa contro Powers per la presunta violazione dei termini dell’accordo stipulato al momento del licenziamento. Al termine del suo contratto di lavoro, Powers non avrebbe potuto legarsi a qualsivoglia società concorrente, almeno per un periodo di 18 mesi .

In particolare , Amazon teme che l’esperienza maturata dal suo ex-vicepresidente si trasformi in un vantaggio competitivo per BigG. Avendo ricoperto una carica di alto profilo, Powers è a conoscenza di segreti e strategie aziendali , che non potranno in alcun modo essere trasferite nelle mani di un diretto contendente nel mercato dei servizi in the cloud.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Lord Kap scrive:
    Copiata
    http://whatif.xkcd.com/18/
  • Franti scrive:
    Troppa coca fa male
    Questi hanno XXXXXto troppo.
  • Enjoy with Us scrive:
    cavolata....
    .... Dover muoversi ben 20 anni prima del possibile impatto rende la tecnica quantomeno poco utile, visto che tutti gli scienziati concordano che il preavviso di un eventuale pericolo da parte di un asteroide sarebbe di pochi mesi, altro che 20 anni!
  • arvaro scrive:
    sparaballe cosmico
    basterebbe mettere bersani...come spara balle lui nessuno
  • ople ople scrive:
    ma questo articolo?
    ma questo articolo per caso è un pesce d'aprile? ha ha
  • controlli scrive:
    che stupidata incredibile
    Come da titolo. Ci sono metodi più semplici, meno complessi, più sicuri, più economici e fattibili della panzana sparata dallo studente del MIT. Lenti solari, vele, laser etc. etc. etc. Diciamo che il povero mentecatto voleva dare aria alla bocca, il vero problema è che amplifica e dà credito a certe str****e.
  • Curioso scrive:
    E se non dovesse funzionare
    la nasa potrebbe reclutare un gruppo di imbianchini in pensione per far detonare una mega paint ball sull'asteroide.[img]http://img849.imageshack.us/img849/8705/sloganpubblicitarioanni.jpg[/img]
    • ndr scrive:
      Re: E se non dovesse funzionare
      - Scritto da: Curioso
      la nasa potrebbe reclutare un gruppo di
      imbianchini in pensione per far detonare una mega
      paint ball
      sull'asteroide.

      [img]http://img849.imageshack.us/img849/8705/slogaWin!
  • 123 scrive:
    a quando le gare di rutti?
    questi studenti si fanno influenzare troppo da "Big Bang Theory"
Chiudi i commenti