Il rientro in ufficio dei dipendenti Amazon: tre giorni a settimana

Il rientro in ufficio dei dipendenti Amazon

Tre giorni in ufficio e due giorni a casa: questa, in generale, la linea dettata da Amazon ai suoi dipendenti per il post-pandemia.
Tre giorni in ufficio e due giorni a casa: questa, in generale, la linea dettata da Amazon ai suoi dipendenti per il post-pandemia.
Guarda 20 foto Guarda 20 foto

Chi lavora nella filiera logistica di Amazon non si è mai fermato, nemmeno durante la fase più dura della pandemia, operando in magazzini e centri di distribuzione per far fronte alla forte crescita della domanda generata dal business legato all'e-commerce. Chi invece è impegnato negli uffici del gruppo ha avuto la possibilità di continuare a essere operativo da casa, in smart working: a quest'ultima categoria è rivolto il comunicato diramato oggi dalla società a proposito delle modalità di rientro in ufficio.

Tre giorni a settimana in ufficio, due a casa

L'azienda si allinea a quanto già stabilito da altre realtà del mondo hi-tech, puntando su una formula ibrida, un mix tra collaborazione in presenza e da remoto. In estrema sintesi, i dipendenti saranno chiamati a trascorrere tre giorni della settimana alla scrivania di fianco ai colleghi, mentre per i due restanti potranno continuare a svolgere le loro mansioni dall'abitazione o da un'altra location a loro scelta.

Volendo proseguire in smart working per più di due giorni a settimana sarà necessario farne richiesta e attendere un responso. Chi ricopre un ruolo compatibile potrà inoltre lavorare da casa per un totale pari a quattro settimane ogni anno (oltre ai due giorni settimanali già previsti). Andy Jassy, attuale numero uno di AWS che a luglio prenderà il posto di Jeff Bezos come CEO del gruppo, ha di recente ribadito che alcuni aspetti della collaborazione in presenza sono difficilmente sostituibili dalle riunioni online. Parole che pronunciate da un colosso del cloud hanno il loro peso.

Semplicemente, non è lo stesso. È davvero cambiato il modo in cui dobbiamo pensare e indirizzare l'innovazione, come sollecitiamo chi si occupa di realizzarla, così come la tipologia dei meeting che organizziamo.

La forza lavoro impegnata nell'infrastruttura della società dedicata alla logistica conta complessivamente circa 1,3 milioni di persone distribuite a livello globale, 500.000 delle quali assunte nel corso del 2020 per far fronte al forte incremento della domanda. Per ragioni ben comprensibili, a loro non è mai stata concessa la possibilità di adottare lo smart working.

Fonte: Amazon
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti