AMD e la super GPU da notebook

Il chipmaker introduce la Radeon HD 6990M. Scheda grafica mobile di fascia alta che gestisce anche i videogiochi più impegnativi. Per giocare sul laptop come sul desktop

Roma – Advanced Micro Devices mette a segno un nuovo colpo in campo mobile, presentando un chip grafico per notebook che riesce a vincere il confronto con qualunque altra GPU della stessa fascia. Secondo le dichiarazioni dell’azienda la Radeon HD 6990M sarebbe infatti il 25 per cento più veloce dei rivali.

La nuova super GPU mobile, utilizzabile anche in configurazione CrossFireX, si presenta con 2GB di memoria GDDR5, che si sommano a una potenza di calcolo di 1,6 teraFlops e 1120 stream processor, 56 Texture Unit, 128 Z/Stencil ROP e 32 Color ROP.

Lo scopo ultimo della HD 6990M è quello di migliorare ulteriormente il gaming sui notebook, per raggiungere qualità delle immagini e frame rate da computer desktop. Per questo motivo, la scheda non si fa mancare il supporto a DirectX 11, 3D stereoscopico e Eyefinity : tecnologia AMD che consente di pilotare più display contemporaneamente.

Un occhio di riguardo viene ovviamente rivolto all’accelerazione hardware per i browser. La
Radeon in questione, già scelta da marchi come Alienware , Eurocom e Clevo, include infatti la tecnologia App Acceleration , che sfrutta la potenza della scheda grafica per migliorare la riproduzione di video, dei contenuti in streaming e della navigazione web.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sgabbio scrive:
    Sti dinosauri...
    Incede di perdere tempo con messive e minacce, ripensarsi ? Rinventarsi ? Troppo difficile ?
    • DuDe scrive:
      Re: Sti dinosauri...
      Continuo a non capire perche' prendersela con un gestore, ma quando uccidono una persona con un arma, vanno a battere cassa al produttore dell arma?
      • ZLoneW scrive:
        Re: Sti dinosauri...
        Secondo me, perché forzare un ISP a fare su migliaia di utenti contemporaneamente il lavoro di prevenzione, controllo e verifica a cui altrimenti dovrebbero provvedere autonomamente, facendo intervenire le forze dell'ordine e la magistratura per ciascun singolo sospettato, comporta risparmi enormi di tempo e soprattutto di denaro.Tempo e denaro loro, degli associati ad AFACT.
Chiudi i commenti