AMD: non parlatemi più di megahertz

Il chipmaker di Sunnyvale non ci sta e, incassando un trimestre con vendite in calo, accusa Intel di avvalersi dei megahertz solo come arma per il marketing. E sembra pronta a cambiare metro di paragone, ma ci sono dei rischi


Sunnyvale (USA) – Preannunciando un terzo trimestre con vendite in calo del 15% rispetto al periodo precedente, AMD ha colto l’occasione per accusare l’acerrima rivale, Intel, di “svalutare il concetto di megahertz” e confondere in questo modo gli utenti.

“Negli ultimi 20 anni, AMD ed Intel hanno adottato architetture simili, così che la differenza fondamentale fra i prodotti delle due aziende consisteva nella frequenza di clock”, ha spiegato ad una platea di giornalisti Aaron Seen, portavoce di AMD. “Di recente, con l’avvento dei processori Athlon e Pentium 4, le nostre architetture hanno preso strade fondamentalmente divergenti”.

Così divergenti, ha sostenuto Seen, che il concetto di megahertz non può più essere preso come unità di misura delle prestazioni di un processore x86 compatibile. E come qualcuno ha fatto notare, questo potrebbe divenire ancor più vero dopo che Intel avrà introdotto, nella sua linea di CPU Pentium 4, la tecnologia hyperthreading annunciata pochi giorni fa presso l’Intel Developer Forum.

Seen ha infatti affermato che l’Athlon esegue più operazioni per ciclo di clock rispetto ad un Pentium 4, una caratteristica che lo rende più veloce, a parità di frequenza, rispetto all’ultima generazione di CPU Intel: un Athlon a 1,4 GHz, a detta di Seen, batte un P4 a 1,7 GHz in molti test, fra cui il popolare benchmark Business Winstone 2001.

AMD sostiene che sarebbe più corretto adottare un’altra unità di misura per confrontare le prestazioni dei processori: ad esempio,la frequenza di funzionamento del chip moltiplicato il numero di istruzioni eseguite dalla CPU in un singolo ciclo di clock.

Seen sostiene che il pubblico degli utenti va educato a distinguere la differenza fra questi due importanti concetti, in modo che sia poi in grado di valutare con equità e giudizio il prodotto di cui davvero necessita.

Secondo diversi analisti, non sarebbe affatto facile per il chipmaker di Sunnyvale riuscire ad imporre un concetto, come quello delle “istruzioni per ciclo di clock”, di certo meno ovvio e immediato per l’utente finale. Ma AMD sembra avere in mente una soluzione più semplice.


Secondo quanto riportato dal noto sito Tom’s Hardware Guide, nel prossimo futuro AMD identificherà gli Athlon con un numero di “modello” che indicherà non più la frequenza di clock, ma la rispettiva “frequenza teorica approssimata” rispetto ad un P4. Ad esempio, un Athlon a 1,4 GHz porterà stampato sopra la dicitura “A1600”, che starà ad indicare come AMD consideri questo chip veloce almeno quanto un P4 a 1,6 GHz.

Tutto questo ricorda da vicino il famigerato PR-Rating, un valore introdotto anni or sono da Cyrix e NexGen per comparare le prestazioni delle loro CPU con quelle dei Pentium di Intel.

Sempre secondo Tom’s, le nuove versioni dei BIOS delle schede madri faranno in modo che al boot del PC venga visualizzato soltanto il modello del chip di AMD e non la vera frequenza di clock.

Molti però temono che se AMD sceglierà questa strada la confusione, invece di diminuire, potrebbe addirittura crescere, rischiando anche di generare malcontento in quegli utenti che, credendo di aver acquistato un chip a 1,6 GHz, si accorgessero poi di averne fra le mani uno a 1,4 GHz.

Dopo aver clamorosamente vinto, nel marzo del 2000, la sfida sul GHz, dallo scorso novembre, da quando cioè Intel ha introdotto sul mercato il P4 a 1,5 GHz, AMD è stata costretta a subire la marcia trionfale della rivale verso la recentissima conquista dei 2 GHz. E nonostante i benchmark abbiano sempre confermato come l’Athlon, a parità di clock, potesse superare un P4 di pari frequenza, in termini di immagine e di marketing Intel ha di certo saputo giocare bene le sue carte. Riuscirà ora fare altrettanto il “piccolo” big di Sunnyvale?

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Linux naviga in brutte acque
    Purtroppo linux sta andando dritto dritto nella trappola preparata da microsoft leggetevi http://www.ziobudda.net
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux naviga in brutte acque
      - Scritto da: Broken CP
      Purtroppo linux sta andando dritto dritto
      nella trappola preparata da microsoft
      leggetevi http://www.ziobudda.netImmagino ti riferisci alla notizia su Zeusnews.Beh... sappiamo tutti come funzionano i brevetti negli USA. Dipende da quanti giudici M$ riesce a comprare... e in quante nazioni (il mondo non sono gli USA... e SUsE e Mandrake sono europee)
  • Anonimo scrive:
    Munehiroooo! Grande!
    Non credevo che avrei visto un tuo articolo su PI!!! Te l'hanno chiesto loro? Ah, sei un grande!Mi piacciono sempre i tuoi commenti. Mi è interessato il tuo articolo.Sei sempre stato gentile con le richieste dei poverEtti che chiedevano con umiltà e hai sbacchettato con competenza i "lamer" o comunque i saccenti e gli scassaminchia-per-forza.Quindi ben venga il tuo articolo!O hai sempre collaborato?Ciao!!!
  • Anonimo scrive:
    parliamoci chiaro
    chi non sa usare linux(o unix) rimarra a vita un utont o peggio ancora un utont-admin...chi di voi è un utont-admin? magari certificato...
    • Anonimo scrive:
      Re: parliamoci chiaro
      - Scritto da: astroboy
      chi non sa usare linux(o unix) rimarra a
      vita un utont o peggio ancora un
      utont-admin...
      chi di voi è un utont-admin? magari
      certificato...Ero un utont-devel (certificato), amaramente pentito... Per il momento devo giocoforza tenermi l'accoppiata win98-mandrake (maledetto il giorno che furono inventati i winmodem!), quando conoscerò meglio linux chissà... ;-)
      • Anonimo scrive:
        Re: parliamoci chiaro
        - Scritto da: Alistair Crowley

        Ero un utont-devel (certificato), amaramente
        pentito... Per il momento devo giocoforza
        tenermi l'accoppiata win98-mandrake
        (maledetto il giorno che furono inventati i
        winmodem!), quando conoscerò meglio linux
        chissà... ;-)io uso tranquillamente un PCTel col Pinguinose non l'hai già fatto, puoi controllare suhttp://www.linmodems.orgi softmodem ora supportati da Linux non sono pochi, potrebbe esserci anche il tuo (di solito è richiesto un kernel 2.2.X o superiore, raramente o forse mai per forza il 2.4.X)
  • Anonimo scrive:
    Proprio non capite
    Dedicato a tutti coloro che hanno criticato l'articolo.Sinceramente non capisco perchè gli utenti di Windows debbano sempre criticare Linux sparando un po' di cavolate su cose che neanche conoscono (la maggior parte di quelli che critica Linux non sanno usare uno Unix).Miei cari signori, noi utenti di Linux non vogliamo imporre nulla a nessuno (contrariamente ad una nota ditta produttrice di sistemi operativi commerciali)... se uno vuole lo usa, altrimenti si compra Windows e vive felice ugualmente.Che poi Linux in dieci anni sia crescito è un dato di fatto, ed è interessante notare che in dieci anni è solo migliorato, invece ci sono software commerciali che di versione in versione sono peggiorati (diventando più lenti, instabile e molto altro ancora), questo significa che la filosofia legata alla GPL funziona (anche se fate fatica a crederlo è un dato di fatto).Poi anche se voi non ve ne rendete conto ogni giorno usate Linux, visto che buona parte dei server sulla rete girano proprio su questo sistema operativo, quindi prima o poi i pacchetti che partono dal vostro IP attraversano proprio un sistema operativo Linux; tutto questo per dire che se criticare Linux state criticando la bellissima internet che usate ogni giorno.Alla fine della fiera: lasciateci stare, noi non vogliamo obbligare nessuno ad usare Linux!Siamo in un mondo libero o no?
    • Anonimo scrive:
      Re: Proprio non capite

      Dedicato a tutti coloro che hanno criticato
      l'articolo.

      Sinceramente non capisco perchè gli utenti
      di Windows debbano sempre criticare Linux
      sparando un po' di cavolate su cose che
      neanche conoscono (la maggior parte di
      quelli che critica Linux non sanno usare uno
      Unix).

      Miei cari signori, noi utenti di Linux non
      vogliamo imporre nulla a nessuno
      (contrariamente ad una nota ditta
      produttrice di sistemi operativi
      commerciali)... se uno vuole lo usa,
      altrimenti si compra Windows e vive felice
      ugualmente.
      ma la stessa cosa la potrebbe dire un utente windows a te.non ti pare?invece non si perde occasione per criticare, come fai tu, la nota ditta produttrice di sistemi opperativi, che, ovviamente, non dira' mai che linux e' meglio di windows.Come sun non dira' mai che bsd e' meglio di solaris.ovvio no?non mi stupisce affatto..
      Che poi Linux in dieci anni sia crescito è
      un dato di fatto, ed è interessante notare
      che in dieci anni è solo migliorato, invece
      ci sono software commerciali che di versione
      in versione sono peggiorati (diventando più
      lenti, instabile e molto altro ancora),
      questo significa che la filosofia legata
      alla GPL funziona (anche se fate fatica a
      crederlo è un dato di fatto).
      invece mi trovi in disaccordo.Il modello non c'entra nulla.Sono le capacita' dei singoli a guidare lo sviluppo.C'e' una marea di software gpl che fa incredibilmente schifo, e questo e' anche colpa del modello gpl, che si affida molto alle capacita' dei singoli programmatori e poco a una pianificazione attenta del lavoro.La filosofia "io butto giu tre righe di codice, qualcuno le migliorera'" non funziona sempre e spesso distoglie dagli obbiettivi.Quanto software GPL c'e' su sourceforge che e' in fase beta 0.1 da un anno?una marea...Non e' una critica a GPL in se, ma non e' neanche vero che GPL e' la panacea.Guarda QNX, praticamente e' blindato, mai un bug eclatante e non mi pare sia GPL.Oppure BeOS.
      Poi anche se voi non ve ne rendete conto
      ogni giorno usate Linux, visto che buona
      parte dei server sulla rete girano proprio
      su questo sistema operativo, quindi prima o
      poi i pacchetti che partono dal vostro IP
      attraversano proprio un sistema operativo
      Linux; tutto questo per dire che se
      criticare Linux state criticando la
      bellissima internet che usate ogni giorno.
      beh.. e' un'affermazione un po' forte...siccome tutte le telfonate passano per il sirio, allora il sirio e' un buon telefono?o non dovrei criticare telecom?
      Alla fine della fiera: lasciateci stare, noi
      non vogliamo obbligare nessuno ad usare
      Linux!

      Siamo in un mondo libero o no?certo.e siamo anche liberi di non usarlo, senza che qualcuno si svegli e mi dia dell'utonto, del pretoriano, del wizard-dipendente, di quello che fa le cose ma tanto non le capisce perche' fanno tutto i wizard, del sys adm incompetente, dell'impreparato etc etcbelle parolemolta ipocrisiaCiao
    • Anonimo scrive:
      Re: Proprio non capite
      - Scritto da: Marco Perdoncin
      Dedicato a tutti coloro che hanno criticato
      l'articolo.

      Sinceramente non capisco perchè gli utenti
      di Windows debbano sempre criticare Linux
      sparando un po' di cavolate su cose che
      neanche conoscono (la maggior parte di
      quelli che critica Linux non sanno usare uno
      Unix).
      Non cadere nello stesso errore: la maggior parte di quelli che criticano il mondo Windows si guardano bene dall'aprire i libri di riferimento e studiare come andrebbe fatto (sia per Linuz che per Windox...) e io ne so qualcosa... ;-)
      Miei cari signori, noi utenti di Linux non
      vogliamo imporre nulla a nessuno
      (contrariamente ad una nota ditta
      produttrice di sistemi operativi
      commerciali)... se uno vuole lo usa,
      altrimenti si compra Windows e vive felice
      ugualmente.La nota ditta non impone per suo unico volere, paga decine di miliardi ai RollingStone per le musiche di trend ( e loro accettano), aggredisce il mercato home con il marketing ( e gli utenti accettano), favorisce lo sviluppo dell'hardware (le aziende vendono di piu' e accettano) e CONVINCE i dirigenti aziendali che solo una grande azienda commerciale puo' offrire servizi e supporto di un certo livello (loro sono tutelati e accettano). Il Betamax era migliore del VHS, ma costava di piu' ed e' morto...Anche Linuz costa, costa il rischio della poltrona del dirigente, che deve riferire agli amministratori, i quali non conoscono che nomi e marchi famosi... triste ma realistico.Solo quando la Nostra (IT) classe dirigenziale sara' (piu') competente sulle tecnologie si avranno pari opportunita' ( e se ne avvantaggera' chi studia e si applica di piu')
      Che poi Linux in dieci anni sia crescito è
      un dato di fatto, ed è interessante notare
      che in dieci anni è solo migliorato, invece
      ci sono software commerciali che di versione
      in versione sono peggiorati (diventando più
      lenti, instabile e molto altro ancora),
      questo significa che la filosofia legata
      alla GPL funziona (anche se fate fatica a
      crederlo è un dato di fatto).In 10 anni tutti sono cambiati o cresciuti:ti dimentichi che allora il dominio delle reti PC era Novell e che Windoz era solo un'interfaccia grafica (RIPETO, una facciata colorata) per il mitico DOS a 16 bit?Novell era talmente sicura di non temere Windox che abbiamo tutti visto come e' andata a finire...Ti dice niente OS/2, S.O. a 32bit lasciato morire da IBM per incapacita' commerciali o perche' ai commerciali interessava di piu' vendere PC (ovvero ferro) con il piu' economico Windox e i server con AIX o con OS/400 ?Ti ricordi che Linuz girava anche sui 386DX a 33MHz con 4MB di RAM e 40MB di HDD?Si chiama concorrenza e stimolo: se ti impegni in un qualche cosa, non puoi fare altro che crescere e migliorare, anche a rischio di errori, ma ti devi dare da fare, altrimenti sei destinato a spegnerti ( o ti spegnera' il mercato...)
      Alla fine della fiera: lasciateci stare, noi
      non vogliamo obbligare nessuno ad usare
      Linux!

      Siamo in un mondo libero o no?Io invece sarei contento si mi obbligassero, cosi' avrei del tempo riservato per studiarmelo!!!Buon Linuz/Windox a tutti !!
    • Anonimo scrive:
      Re: Proprio non capite
      - Scritto da: Marco Perdoncin
      Dedicato a tutti coloro che hanno criticato
      l'articolo.

      Sinceramente non capisco perchè gli utenti
      di Windows debbano sempre criticare Linux
      sparando un po' di cavolate su cose che
      neanche conoscono (la maggior parte di
      quelli che critica Linux non sanno usare uno
      Unix).ma dove fai un giro per i news sparsi per il mondo troverai interi server intasati con invettive innominabili fatti da presunti utenti linux verso windows.

      Miei cari signori, noi utenti di Linux non
      vogliamo imporre nulla a nessuno
      (contrariamente ad una nota ditta
      produttrice di sistemi operativi
      commerciali)... se uno vuole lo usa,
      altrimenti si compra Windows e vive felice
      ugualmente.e qui viene fuori l'anima profondamente snob degli utenti linux, NOIIIII (plurale maestatis)usiamo un sistema stabile (ha ha ha ma sto sistema lo ha scritto dio o degli uomini se lo ha scritto dio non ho altro da dire, se a scriverlo sono stati degli uomini allore buonanotte), poi per non parlare dell'imporre nessuno mi ha imposto niente che ci avete preso per decelebrati.

      Che poi Linux in dieci anni sia crescito è
      un dato di fatto, ed è interessante notare
      che in dieci anni è solo migliorato, invece
      ci sono software commerciali che di versione
      in versione sono peggiorati (diventando più
      lenti, instabile e molto altro ancora),
      questo significa che la filosofia legata
      alla GPL funziona (anche se fate fatica a
      crederlo è un dato di fatto).e qui tocchiamo l'apice.E cresciuto infatti l'ultima red hat 7.1 che trovi allegata a tutte le riviste linux e composta da ben due cdrom. Dici che gli utenti win criticano senza provare ma tu hai provato il divario di velocità in positivo che c'è tra nt4 e win2000 e allora.Ed infine la "FILOSOFIA GPL" come diceva un famoso comico NON CI POSSO CREDERE frapoco diventera religione poi setta e alla fine suicidio collettivo.

      Poi anche se voi non ve ne rendete conto
      ogni giorno usate Linux, visto che buona
      parte dei server sulla rete girano proprio
      su questo sistema operativo, quindi prima o
      poi i pacchetti che partono dal vostro IP
      attraversano proprio un sistema operativo
      Linux; tutto questo per dire che se
      criticare Linux state criticando la
      bellissima internet che usate ogni giorno.Non c'è fine al delirio di onnipotenza che vi pervade perchè non hai anche nominato che la microsoft per i suoi DNS si è rivolta ad una società di terze parti che usa server linux.

      Alla fine della fiera: lasciateci stare, noi
      non vogliamo obbligare nessuno ad usare
      Linux!

      Siamo in un mondo libero o no?Ma chi vi tocca con uomini di fede (pronti a compiere nefandezze di ogni tipo) come voi preferiamo non avere nessun contatto.
  • Anonimo scrive:
    Bha
    Quando linux iniziera' a creare posti di lavoro con debian e non nerd impazziti allora si potraparlare di innovazione,ma perpiacere non ditemi che la debian viene usata dalle aziende non e' cosi e lo sapete benissimo
    • Anonimo scrive:
      Re: Bha
      - Scritto da: Aristocratico
      Quando linux iniziera' a creare posti di
      lavoro
      con debian e non nerd impazziti allora si
      potra
      parlare di innovazione,ma perpiacere non
      ditemi che la debian viene usata dalle
      aziende
      non e' cosi e lo sapete benissimoLinux non crea posti di lavoro (troppo facile),si limita a creare sistemisti intelligenti.Certo, se uno lavora col dio soldo semprein testa, linux non fa per lui, se non funzionanon puoi citare nessuno in tribunale, semplicementeti devi sbattere per farlo andare.Per quanto riguarda la tua ultima affermazione,dove lavoro io (150 dipendenti) facciamo tuttocon SuSe Linux 7.1, e quando dico tutto, intendo:web server, ftp server, Oracle DB Server, Fax Server, news server, SMTP e POP server.Ah, anche LDAP e DNS girano su Linux... e maiavuto un problema che non si potesse risolveresemplicemente accedendo all'enorme knowledgebase condivisa da tutti i linux user del mondo.Certo, se sei abituato a cliccare next, next, next, finish e reboot now, non penso tu possa capire...Hola!
      • Anonimo scrive:
        Re: Bha

        Linux non crea posti di lavoro (troppo
        facile),
        si limita a creare sistemisti intelligenti.
        Certo, se uno lavora col dio soldo sempre
        in testa, linux non fa per lui, se nonscusami, ma uno lavora non con il dio soldo in testa, ma per guadagnare.Stiamo parlando di LA VO RO.Ovvero io ti offro la mia opera in cambio di un equo compenso pattuito fra me e te.Se uno lavora senza pensare ai soldi, non sta lavorando, sta facendo volontariato o e' un appassionato, ma di certo non e' un lavoratore.
        funziona
        non puoi citare nessuno in tribunale,
        semplicemente
        ti devi sbattere per farlo andare.
        Per quanto riguarda la tua ultima
        affermazione,
        dove lavoro io (150 dipendenti) facciamo
        tutto
        con SuSe Linux 7.1, e quando dico tutto,
        intendo:
        web server, ftp server, Oracle DB Server,
        Fax Server, news server, SMTP e POP server.
        Ah, anche LDAP e DNS girano su Linux... e mai
        avuto un problema che non si potesse
        risolvere
        semplicemente accedendo all'enorme knowledge
        base condivisa da tutti i linux user del
        mondo.
        Certo, se sei abituato a cliccare next,
        next,
        next, finish e reboot now, non penso tu
        possa capire...ecco.. sei caduto nella trappola.Hai fatto un'affermazione ridicola.Linux!=sys adm inteligente e preparato.Non da preparazione per osmosi... non basta mettersi il cappelletto rosso di redhat per imparare.E certe cose che si potrebbero tranquillamente fare con un wizard, su linux devo ancora farle seguendo procedure bizzarre o lente e ferraginose.Penso alla configurazione di un virtuale di apache.Fanno tutti copia e incolla, ma e' troppo facile sbagliarsi in quel modo.Li' un wizard ci starebbe benissimo.Chi usa i wizard perche' non sa cosa fanno e' pericoloso, non chi li usa per sbrigarsi.Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Bha
          - Scritto da: i'm a deb man

          Linux non crea posti di lavoro (troppo

          facile),

          si limita a creare sistemisti
          intelligenti.

          Certo, se uno lavora col dio soldo sempre

          in testa, linux non fa per lui, se non

          scusami, ma uno lavora non con il dio soldo
          in testa, ma per guadagnare.Casomai _tu_ fai così... personalmente nonho la mentalità da impiegato, e quindi mi risultadifficile pensare che lavoro 8 ore al giornoper la busta paga... io il mio lavoro lo faccio perchè mi piace (innanzitutto), mi dasoddisfazioni, ed in un modo o nell'altro mimigliora come persona (imparo un sacco di cose)...Infine, è ovvio che se non mi pagassero dovreitrovarmi qualcos'altro da fare, ma per fortuna,con Linux posso lavorare e nel contempo divertirmi... insomma, una cosa non esclude l'altra!
          Se uno lavora senza pensare ai soldi, non
          sta lavorando, sta facendo volontariato o e'
          un appassionato, ma di certo non e' un
          lavoratore.mmmmhh... bah. opinabile. Sinceramente quandolavoro, l'ultimo dei miei pensieri sono i soldi,cerca di capire il mio punto di vista, mi sentireiun tantino frustrato se ciò che faccio per viverenon mi coinvolgesse principalmente da un punto divista passionale. Punti di vista, ne migliore ne peggiore, solodiversi.
          ecco.. sei caduto nella trappola.
          Hai fatto un'affermazione ridicola.
          Linux!=sys adm inteligente e preparato.
          Non da preparazione per osmosi... non basta
          mettersi il cappelletto rosso di redhat per
          imparare.Beh, certo, non intendevo dire questo; dicoche le procedure di configurazione ferraginose lente e difficili aiutano i sysadma capire per bene "cosa" fa la macchina...Certo, ci vogliono anni di studio, e non è perniente facile... ma ti assicuro che è molto stimolante!Gli wizard ti fanno assolvere un compitoin modo breve facile ed indolore, e se iltuo unico pensiero è arrivare al 27 del meseper prendere la busta paga, sono lo strumentoche fa per te... ma la tua figura professionale ne esce ridimensionata, chiunque può (ad esempio)installare e configurare IIS in meno di mezz'ora,ma alla fine, qual'è il valore aggiunto di unaserie di next next next finish? e poi vuoi metterela soddisfazione di vedere un apache perfettamentein "tuning" che hai configurato tu partendo da zero?
          E certe cose che si potrebbero
          tranquillamente fare con un wizard, su linux
          devo ancora farle seguendo procedure
          bizzarre o lente e ferraginose.
          Penso alla configurazione di un virtuale di
          apache.
          Fanno tutti copia e incolla, ma e' troppo
          facile sbagliarsi in quel modo.
          Li' un wizard ci starebbe benissimo.è la mentalità del tutto subito, contro quelladel ragionare-
          capire-
          fare. Windows ti permettedi configurare la tua scheda di rete in cinqueminuti; ma se poi non funziona? o magari il throughput di rete è la metà di quello cheti aspetteresti? con windows non hai scampo,devi solo sperare che la casa madre che ha fabbricatola tua scheda di rete rilasci qualche patch...non hai tool per monitorare nulla, non hai unosniffer (strumento basilare per il troubleshootingsulle schede di rete), sei bloccato! In linuxse hai tempo, voglia e passione, hai tutti glistrumenti che ti servono per risolvere i tuoi problemi da solo, certo, è molto più faticosoche fare doppio click su win98patch.exe; citandoFerretti: "comodo, ma come dire, poca soddisfazione".
          Chi usa i wizard perche' non sa cosa fanno
          e' pericoloso, non chi li usa per sbrigarsi.Assolutamente daccordo su questo punto. Il fatto è che (purtroppo) la comodità tende ad impigrire...

          CiaoCiao!
          • Anonimo scrive:
            Re: Bha


            scusami, ma uno lavora non con il dio
            soldo

            in testa, ma per guadagnare.

            Casomai _tu_ fai così... personalmente non
            ho la mentalità da impiegato, e quindi mi
            risulta
            difficile pensare che lavoro 8 ore al giorno
            per la busta paga... io il mio lavoro lo
            faccio perchè mi piace (innanzitutto), mi da
            soddisfazioni, ed in un modo o nell'altro mi
            migliora come persona (imparo un sacco di
            cose)...stai sbagliando obbiettivotarget failure.mi dispiace, anche io mi diverto facendo il mio lavoro.Il problema e' che il lavoro e' un rapporto economico, non puo' prescindere dal compenso.non si lavora per la gloria.E' questo il concetto.Ogni volta che fai qualcosa che non vorresti fare, e' solo perche' "e' lavoro e lo devi fare".Se fai solo quello che ti piace, quando ti va di farlo, nel modo in cui ti piace farlo, e' un hobby.
            Infine, è ovvio che se non mi pagassero
            dovrei
            trovarmi qualcos'altro da fare, ma per
            fortuna,
            con Linux posso lavorare e nel contempo
            divertirmi... insomma, una cosa non esclude
            l'altra!
            non ho detto questo.ma se il mio lavoro produce qualcosa, in qualche modo va ricompensato.Sono li' per quello, faccio quel lavoro perche', oltre a starmi bene le condizioni, mi sta bene lo stipendio.Non si e' mai visto nessuno che va in un posto in cui lavora piu' di prima e guadagna di meno ed e' anche piu' frustrato.

            Se uno lavora senza pensare ai soldi, non

            sta lavorando, sta facendo volontariato o
            e'

            un appassionato, ma di certo non e' un

            lavoratore.

            mmmmhh... bah. opinabile. Sinceramente quando
            lavoro, l'ultimo dei miei pensieri sono i
            soldi,
            cerca di capire il mio punto di vista, mi
            sentirei
            un tantino frustrato se ciò che faccio per
            vivere
            non mi coinvolgesse principalmente da un
            punto di
            vista passionale.
            Punti di vista, ne migliore ne peggiore, solo
            diversi.
            sono d'accordo.il problema e' che se parliamo di lavoro, non tutto e' stimolante o come piace a noi.Per questo il lato economico e' importante.Potrei anche accettare di fare qualcosa che non mi piace fare, ma ad un prezzo diverso rispetto ad una cosa che faccio con passione.Sono due facce della stessa medaglia.Bisogna trovare il giusto mix fra soddisfazione personale e rendiconto finale.

            ecco.. sei caduto nella trappola.

            Hai fatto un'affermazione ridicola.

            Linux!=sys adm inteligente e preparato.

            Non da preparazione per osmosi... non
            basta

            mettersi il cappelletto rosso di redhat
            per

            imparare.

            Beh, certo, non intendevo dire questo; dico
            che le procedure di configurazione
            ferraginose lente e difficili aiutano i
            sysadm
            a capire per bene "cosa" fa la macchina...
            Certo, ci vogliono anni di studio, e non è
            per
            niente facile... ma ti assicuro che è molto
            stimolante!
            Gli wizard ti fanno assolvere un compito
            in modo breve facile ed indolore, e se il
            tuo unico pensiero è arrivare al 27 del mese
            per prendere la busta paga, sono lo strumento
            che fa per te... ma la tua figura
            professionale
            ne esce ridimensionata, chiunque può (ad
            esempio)
            installare e configurare IIS in meno di
            mezz'ora,
            ma alla fine, qual'è il valore aggiunto di
            una
            serie di next next next finish? e poi vuoi
            mettere
            la soddisfazione di vedere un apache
            perfettamente
            in "tuning" che hai configurato tu partendo
            da zero?
            direi che e' il contrario.siccome i wizard mi fanno risparmiare tempo, ho piu' tempo da dedicare alle cose che mi piacciono.Ovviamente questo non esclude che una preparazione di base molto forte e' necessaria.Arrivo al 27 che ho lavorato di meno, e mi sono divertito di piu' ;)

            E certe cose che si potrebbero

            tranquillamente fare con un wizard, su
            linux

            devo ancora farle seguendo procedure

            bizzarre o lente e ferraginose.

            Penso alla configurazione di un virtuale
            di

            apache.

            Fanno tutti copia e incolla, ma e' troppo

            facile sbagliarsi in quel modo.

            Li' un wizard ci starebbe benissimo.

            è la mentalità del tutto subito, contro
            quella
            del ragionare-
            capire-
            fare. Windows ti
            permette
            di configurare la tua scheda di rete in
            cinque
            minuti; ma se poi non funziona? o magari il
            throughput di rete è la metà di quello che
            ti aspetteresti? con windows non hai scampo,
            devi solo sperare che la casa madre che ha
            fabbricato
            la tua scheda di rete rilasci qualche
            patch...
            non hai tool per monitorare nulla, non hai
            uno
            sniffer (strumento basilare per il
            troubleshooting
            sulle schede di rete), sei bloccato! In linux
            se hai tempo, voglia e passione, hai tutti
            gli
            strumenti che ti servono per risolvere i
            tuoi
            problemi da solo, certo, è molto più faticoso
            che fare doppio click su win98patch.exe;
            citando
            Ferretti: "comodo, ma come dire, poca
            soddisfazione".
            beh non esageriamowindump esiste anche per windows ;)forse pero' mi sono spiegato male.Il wizard per me e' uno strumento per esperti.Cioe', lo puoi usare quando sai esattamente le conseguenze.Altrimenti e' solo dannoso.E non credere che mi piaccia sbrigarmi perche' mi interessa solo lo stipendio, ma perche' considero una perdita di tempo fare cose ripetitive.

            Chi usa i wizard perche' non sa cosa fanno

            e' pericoloso, non chi li usa per
            sbrigarsi.

            Assolutamente daccordo su questo punto. Il
            fatto
            è che (purtroppo) la comodità tende ad
            impigrire...
            i problemi da risolvere ci saranno sempre ;)Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Bha
        - Scritto da: Joe Zarlingo
        Certo, se sei abituato a cliccare next,
        next,
        next, finish e reboot now, non penso tu
        possa capire...tu lo sai che dietro ai wizard c'è un sacco di lavoro, vero? più l'interfaccia è semplice, più automatizza il lavoro, più è difficile tecnologicamente. E' più difficile - e tecnologicamente appassionante - mettere un textbox con scritto "monitor refresh rate?" o fare una routine che lo capisce da sola?Matro
        • Anonimo scrive:
          Re: Bha
          - Scritto da: Matro
          - Scritto da: Joe Zarlingo

          Certo, se sei abituato a cliccare next,

          next,

          next, finish e reboot now, non penso tu

          possa capire...

          tu lo sai che dietro ai wizard c'è un sacco
          di lavoro, vero? più l'interfaccia è
          semplice, più automatizza il lavoro, più è
          difficile tecnologicamente. E' più difficile
          - e tecnologicamente appassionante - mettere
          un textbox con scritto "monitor refresh
          rate?" o fare una routine che lo capisce da
          sola?
          Sono d'accordo. Sia pure con tutti i guai che MS mi ha dato rimane comunque e sempre una soluzione abbordabile in tempi e modi umani. Linux very nice.. very romantic.. ma alla fine non puoi passare le tue giornate sui newsgroup, nella knowledge base e altro. Piacerebbe a tutti noi, ma disgraziatamente il tempo è denaro. E spesso non nostro.
          Matro
    • Anonimo scrive:
      Re: Bha
      - Scritto da: Aristocratico
      Quando linux iniziera' a creare posti di
      lavoro
      con debian e non nerd impazziti allora si
      potra
      parlare di innovazione,ma perpiacere non
      ditemi che la debian viene usata dalle
      aziende
      non e' cosi e lo sapete benissimoQuando linux inizierà ha creare persone capaci di capire quello che stanno facendo davanti alla tastiera, allora si parlerà di innovazione.Non mi sembra giusto additare ad un SO la competenza per creare posti di lavoro.Un SO, deve gestire un HW.Se poi, per necessità viene creato lavoro, bene.Ma se non serve, forzare un idea in modo che crei posti di lavoro, è una distorsione del normale avanzamento delle cose. E non certo segno di progresso
    • Anonimo scrive:
      Re: Bha
      per i posti di lavori contattate il berlusca o il suo emulo americano bill.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bha
      - Scritto da: Aristocratico
      Quando linux iniziera' a creare posti di
      lavoro
      con debian e non nerd impazziti allora si
      potra
      parlare di innovazione,L'innovazione è tale solo se crea posti di lavoro? Teoria estremamente interessante. Secono questi principi non so se saremmo mai arrivati al medioevo.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Bha
      - Scritto da: Aristocratico
      Quando linux iniziera' a creare posti di
      lavoro Non capisco, sembra che questo sito sia frequentato solo da universitari rampanti illusi di diventare manager una volta conseguito il diploma...Ho lavorato operativamente e lavoro nell'IT (da prima che Linus scrivesse quel messaggio e non da qualche giorno/mese), e vorrei esprimere (senza sentenziare) una modesta opinione.Un sistema operativo come Linux rappresenta per molit la vittoria della risorsa umana (intesa come capacita' conoscitiva e investimento su questa) rispetto alla risorsa macchina/SO.Per il solo fatto di esistere come opzione, Linux ha cambiato e sta cambiando il modo di pensare di moltissime aziende, di dimensioni sempre piu' grandi. Non so se abbia contribuito ad aumentare il numero di posti di lavoro, ma sicuramente ha modificato le strategie di composizione nei repsrti IT. Ha contribuito a far capire agli IT manager che il buy-and-plug-and-play non e' la sola opzione, ma solo una delle possibilita', ha allargato le possibilita' di operatori che si trovavano a cambiare cassette di backup tutto il giorno, trasformado chi ne aveva la volonta' in sistemisti capaci.Ha creato concorrenza (leale, perche' Linux presenta pro e contro) e posto l'accento sull'importanza del conoscere i sistemi (rispetto al semplice possederli).Ha dato la possibilita' di un'alternativa (situazione solitamente vantaggiosa per tutti gli utenti, in quanto crea competitivita').E lo ha fatto in una maniera obiettivamente non usuale, senza pubblicita', senza marketing, senza capitali (ma anche senza bancarotta e senza licenziamenti, come succede ovunque in questi giorni nell'IT). Tutto qui.Sono due filosofie che si fronteggiano, ma non c'e' una "soluzione" o un vincitore...Questi messaggi di tono calcistico sono carini perche' sinonimo di passioni contrastanti, ma sono anche abbastanza noiosi, con questo tipico bla bla italiota: linux-fai date-lo fai per i solidi-abbasso la nestle'-comunisti-fascisti-forza g8-viva i caramba. UFFA!Termino con una battuta: Una cosa imparata tanto tempo fa e' questa.Meno male per TUTTI noi (chi lavora per soldi E passione) che:- la corrente salta- i computer si rompono- gli hard disk si guastano- i sistemi operativi non sono perfetti- i programmi si impiantanoaltrimenti non ci sarebbe lavoro per molti dei frequentatori di questo sito (soldi e divertimento)!Cordialmente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bha
        Di tutti i commenti letti questo mi sembra il più sensato, io sono un'appassionato di linux, nella mia professione mi occupo di sviluppare applicazionei internet /intranet, ma la maggior parte delle volte direi il 99% sviluppo in asp piuttosto che in php questo mi fa risparmiare tempo e devo dire che in questi hanni pur molto più lentamente di linux windows sotto certi apsetti è migliorato (Parlo di WIN NT Server) certo ha ancora notevoli difetti che quando lo acquisti alla "modica" cifra di 1.800.000 ti incazzi!!Vorrei infine segnalare che probabilmente perderemo un altro gradissimo SO: il BeOS e questo come nell'editoria è una ferita notevole, perchè quando muore un giornale, muore una voce di libertà, quando muore un SO muore una possibilità di avanzamento della tecnologia.
  • Anonimo scrive:
    we mune
    ciao mune. sempre con la fissa del linux eh?vabbe'. e' un thread che interessa a molti (x chi dice che PI non parla di informatica).credo che le politiche aggressive di marketing siano la cosa + importante x l'espansione dell'informatica alle masse (la gente vede, compra, si creano nuovi posti di lavoro e l'IT si espande) ma e' anche una passione (x me almeno).Credo che PI non sia interessato a dare una visione esagerata di linux ma semplicemente trova gli articolisti interessati sopratutto a questo OS.Invito tutti i windowsmani (io compreso, dato ke preferisco winzozz) a collaborare di + in PI anche x il SO microsoft.Colgo l'occasione x salutarti a nome di tutta padova1.Luca977
    • Anonimo scrive:
      Da Alessandro Del Rosso
      Hai detto bene Luke977: PI è aperto ad ogni idea e "religione" ed è ben felice di vagliare articoli e commenti di chiunque voglia collaborare al quotidiano. Non dimentichiamoci poi che questo è lo spazio Commenti e che le opinioni qui espresse non provengono dalla redazione, ma da esperti del settore o dai lettori. Non dimentichiamoci neppure che PI è una delle poche risorse, nel suo genere, a dare la possibilità a tutti di commentare notizie ed articoli direttamente dal loro interno e dunque con un'ampia visibilità per tutti i lettori.Insomma, fatevi avanti! ;-)Alessandro Del RossoPunto Informatico- Scritto da: Luke977
      ciao mune. sempre con la fissa del linux eh?
      vabbe'. e' un thread che interessa a molti
      (x chi dice che PI non parla di
      informatica).
      credo che le politiche aggressive di
      marketing siano la cosa + importante x
      l'espansione dell'informatica alle masse (la
      gente vede, compra, si creano nuovi posti di
      lavoro e l'IT si espande) ma e' anche una
      passione (x me almeno).
      Credo che PI non sia interessato a dare una
      visione esagerata di linux ma semplicemente
      trova gli articolisti interessati sopratutto
      a questo OS.
      Invito tutti i windowsmani (io compreso,
      dato ke preferisco winzozz) a collaborare di
      + in PI anche x il SO microsoft.
      Colgo l'occasione x salutarti a nome di
      tutta padova1.

      Luca977

  • Anonimo scrive:
    La debian fa schifo
    Mueiro usa la debian e nel suo articolo dice che e' la migliore. cazzate madornali la debian fa schifoscommetto che sono stati quei frocetti di #linux-it a far fare l'articolo
    • Anonimo scrive:
      Re: La debian fa schifo
      Ma ci sei o ci fai?Ma lo sai usare Linux? Lo sai usare apt? Come fai a dire che una cosa fa shifo se non la sai usare?Cmq apt di Debian non ha pari in nessun'altra distro... e prova a smentirmi con esempi concreti.
      • Anonimo scrive:
        Re: La debian fa schifo
        - Scritto da: Debian?
        Ma ci sei o ci fai?Mazza come siamo offesi :)

        Ma lo sai usare Linux? Lo sai usare apt?Certo che lo so usare anche apt so usare
        Come fai a dire che una cosa fa shifo se non
        la sai usare?vatti a leggere il mio altro post

        Cmq apt di Debian non ha pari in
        nessun'altra distro... e prova a smentirmi
        con esempi concreti.Stronzate rpm ultimamente red carpet e pkg di freebsd.
        • Anonimo scrive:
          Re: La debian fa schifo

          Stronzate rpm ultimamente red carpet e pkg
          di freebsd.sysutils/portupgrade rulez! d00dz!!
        • Anonimo scrive:
          Re: La debian fa schifo
          Senti.. intanto rpm non è meglio, è solo stato reso conforme al LSB (linux standard base), pkg di FreeBSD non ha le dipendenze (come in slackware), red-carpet è un updater grafico ed usa le stesse funzioni di apt-get. (anche se io preferisco apt-get) perchè red-carpet usa i channel che ti propone ximian, con apt-get puoi specificare tu i source. Quindi prima di parlare informati.
          • Anonimo scrive:
            Re: La debian fa schifo

            base), pkg di FreeBSD non ha le dipendenze
            (come in slackware), red-carpet è un updaterNon ha le dipendenze? E da quando? Dove l'hai sentita questa balla furiosa? :-)
            Quindi prima di parlare informati.Appunto...
          • Anonimo scrive:
            Re: La debian fa schifo
            ho usato poco FreeBSD, sapevo solo che la gestione dei pacchetti era simile a quella di slackware, cmq compilavo sempre dai ports (che è anche comodo :p ).
          • Anonimo scrive:
            Re: La debian fa schifo

            ho usato poco FreeBSD, sapevo solo che la
            gestione dei pacchetti era simile a quella
            di slackware, cmq compilavo sempre dai ports
            (che è anche comodo :p ).make package DEPENDS_TARGET=package ALWAYS_BUILD_DEPENDS=yes -DFORCE_PKG_REGISTER...beh...portupgrade -ap :o)
    • Anonimo scrive:
      Re: La debian fa schifo
      - Scritto da: Aristocratico
      Mueiro usa la debian e nel suo articolo
      dice che e' la migliore. cazzate madornali
      la debian fa schifo
      scommetto che sono stati quei frocetti di
      #linux-it a far fare l'articolo alla faccia dell'aristocratico!ma che t'hanno fatto questi frocetti su #linux-it?e' stata una esperienza forte e sei rimasto un po' turbato? ha scoperto di te qualcosa che non conoscevi?
    • Anonimo scrive:
      Re: La debian fa schifo
      Sai quanti ne ho sentiti dire 'fa schifo' e 'E' merda' ma senza aggiungere motivazioni concrete,parlando delle cose piu' disparate?Via, anche tu nello scatolone dei generici.
      • Anonimo scrive:
        Re: La debian fa schifo
        Va bene passo alle mie motivazioni sicuramente ve ne sono di altre.1) rpm non si puo usare Non che mi importi io uso i tar.gz ma sai ci sono applicativi un po corposi cui fai prima a installarti i binari direttamente in rpm senza ricompilare tutto e settare tutto2) radici init in puro stile UNIX uno che lavora con red hat ( non per giocare ) non ha voglia di perdere 2 ore lavorative per capire come stanno messe le directory di startup3) il logo e' semplicemente orrendo 4) all'azienda dove lavoro gia hanno storto il naso per una red hat figurati se gli presentavo il cd della debian.queste sono le mie motivazioni.Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: La debian fa schifo
          ok, bastava specificarlo subito, bastava dirlo:"sono un abitudinario e i piu' piccoli cambiamenti mi mandano nel panico piu' completo.Giudico i prodotti dalla copertina (oddio, quello ha un logo bruttissimo, non lo usero' MAI) e di solito vado di fretta.".Avremmo saputo capirti.
          • Anonimo scrive:
            Re: La debian fa schifo
            - Scritto da: kat (...etc come sopra)
            ok, bastava specificarlo subito, bastava
            dirlo:
            "sono un abitudinario e i piu' piccoli
            cambiamenti mi mandano nel panico piu'
            completo.
            Giudico i prodotti dalla copertina (oddio,
            quello ha un logo bruttissimo, non lo usero'
            MAI) e di solito vado di fretta.".
            Avremmo saputo capirti.OK risolta l'incongruenza fine della flammata :)Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: La debian fa schifo
          - Scritto da: Aristocratico
          Va bene passo alle mie motivazioni
          sicuramente ve ne sono di altre.

          1) rpm non si puo usare
          Non che mi importi io uso i tar.gz ma sai
          ci sono applicativi un po corposi cui fai
          prima a installarti i binari direttamente
          in
          rpm senza ricompilare tutto e settare
          tutto
          Non sono assolutamente un esperto, ma so quasi per certo che con tool come alien si può installare qualsiasi tipo di pacchetto sulla debian. Le altre motivazioni mi sembrano veramente poco esplicative del tuo odio verso linux, tipo quella del presentare il cd alla tua azienza...
          • Anonimo scrive:
            Re: La debian fa schifo
            - Scritto da: franzo

            Non sono assolutamente un esperto, ma so
            quasi per certo che con tool come alien si
            può installare qualsiasi tipo di pacchetto
            sulla debian. Le altre motivazioni mi
            sembrano veramente poco esplicative del tuo
            odio verso linux, tipo quella del presentare
            il cd alla tua azienza...Non odio affatto linux ci mancherebbe ho detto infatti che nell'azienda dove lavoro ho fatto installare diverse postazioni linux red hat non trovo a genio la distribuzione debian questo si.
        • Anonimo scrive:
          Re: La debian fa schifo

          Va bene passo alle mie motivazioni
          sicuramente ve ne sono di altre.

          1) rpm non si puo usare
          Non che mi importi io uso i tar.gz ma sai
          ci sono applicativi un po corposi cui fai
          prima a installarti i binari direttamente
          in
          rpm senza ricompilare tutto e settare
          tutto
          apt-get jesusaltro che rpm!!!vuoi kde?apt-get install kdevuoi gimp?apt-get install gimpe via discorrendo, e ti risolve anche le dipendenze.
          2) radici init in puro stile UNIX
          uno che lavora con red hat ( non per
          giocare )
          non ha voglia di perdere 2 ore lavorative
          per capire come stanno messe le directory
          di startup
          per me e' molto piu' ovvioi file di configurazione stanno tutti in /etccosi' hai un unico punto in cui andare a cercare.
          3) il logo e' semplicemente orrendo non e' che redhat o suse o mandrake brillino in questo....
          4) all'azienda dove lavoro gia hanno storto
          il
          naso per una red hat figurati se gli
          presentavo il cd della debian.
          linux di solito si scarica...debian la installi con 9 mega di sistema base.Il resto lo configuri e install con apt o dselect.
          queste sono le mie motivazioni.
          CiaoUn po' debolucce, segno di scarsa conoscenza della distro, ma rispettabili ;)Ciaop.s.: lavoro principalmente su win2k, ma se devo installare linux non ho dubbi, metto un cd della progeny, installo il sistema base e poi apt-get dist-upgrade e mi trovo una distro aggiornata all'ultima versione di ogni pacchetto.
          • Anonimo scrive:
            Re: La debian fa schifo

            e via discorrendo, e ti risolve anche le
            dipendenze.mavala', fai portinstall gimp1 che fai prima, risparmi anche una parola :-)
            per me e' molto piu' ovvio
            i file di configurazione stanno tutti in /etc
            cosi' hai un unico punto in cui andare a
            cercare.male: i file di configurazione dell'OS in /etc, i file delle applicazioni in /usr/local/etc, non facciamo confusione.
            dselect.dselect? orrore! :o)))
          • Anonimo scrive:
            Re: La debian fa schifo


            e via discorrendo, e ti risolve anche le

            dipendenze.

            mavala', fai portinstall gimp1 che fai
            prima, risparmi anche una parola :-)
            bsdlui parla di redhat..dai... una redhat e' meglio di una debian?

            per me e' molto piu' ovvio

            i file di configurazione stanno tutti in
            /etc

            cosi' hai un unico punto in cui andare a

            cercare.

            male: i file di configurazione dell'OS in
            /etc, i file delle applicazioni in
            /usr/local/etc, non facciamo confusione.
            de gustibus non disputandum estquestione di abitudinel'ordine e' un cencetto mentale, non un dogma assoluto.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: La debian fa schifo

            dai... una redhat e' meglio di una debian?RH e' una pezza. Il Cd e' buono per giocare a lanciarselo.... o come sottobicchiere.
        • Anonimo scrive:
          Re: La debian fa schifo

          4) all'azienda dove lavoro gia hanno storto
          il
          naso per una red hat figurati se gli
          presentavo il cd della debian.E tu portagli FreeBSD come faccio io.
        • Anonimo scrive:
          Re: La debian fa schifo
          RPM c'e' anche in Debian.Il logo non mi pare sia un problema.Meglio di Red Hat e' sicuramente.Red Hat e' ormai la distribuzione instabile di linux.Per capire come sono messe le dir in debian basta leggere 2 pagine della policy.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: La debian fa schifo
      - Scritto da: Aristocratico
      Mueiro usa la debian e nel suo articolo
      dice che e' la migliore. cazzate madornali
      la debian fa schifo
      scommetto che sono stati quei frocetti di
      #linux-it a far fare l'articolo Indipendentemente dalla preferenza o meno di una distro, Debian E' (maiuscolo) la distro per eccellenza.Il suo bello non è tanto nell'aspetto tecnico, quanto nel fatto che è una distro non commerciale, fatta da un'organizzazione non ha scopo di lucro, e tra l'altro, che esclude qualsiasi componente commerciale da questa distro.In piena filosofia Linux....
      • Anonimo scrive:
        Re: La debian fa schifo
        - Scritto da: l

        Indipendentemente dalla preferenza o meno di
        una distro, Debian E' (maiuscolo) la distro
        per eccellenza.
        Il suo bello non è tanto nell'aspetto
        tecnico, quanto nel fatto che è una distro
        non commerciale, fatta da un'organizzazione
        non ha scopo di lucro, gia ma il fatto che non e' a scopo di lucro non mi attira :)
        e tra l'altro, che
        esclude qualsiasi componente commerciale da
        questa distro.
        In piena filosofia Linux....Sai che ti dico ? me ne sbatto della filosofia,io uso linux solo per portare la pagnotta a casa sfrutto l'open source come un bel parassitami prendo tutti i pezzi da freshmeat li provo li installo li modifico ci metto il copyright e li vendo :) ecco a che serve linux.non di certo per aprire i miei orizzonti mentali sulla bellezza della filosofia stile stallman.concretezza ragazzo,forse saro troppo rozzo ma di certo non ipocrita
        • Anonimo scrive:
          Re: La debian fa schifo
          - Scritto da: Aristocratico

          Sai che ti dico ? me ne sbatto della
          filosofia,
          io uso linux solo per portare la pagnotta a
          casa
          sfrutto l'open source come un bel parassita
          mi prendo tutti i pezzi da freshmeat li
          provo
          li installo li modifico ci metto il
          copyright
          e li vendo :)
          ecco a che serve linux.
          non di certo per aprire i miei orizzonti
          mentali
          sulla bellezza della filosofia stile
          stallman.
          concretezza ragazzo,forse saro troppo rozzo
          ma di certo non ipocrita Sei proprio un parassita
          • Anonimo scrive:
            Re: La debian fa schifo
            - Scritto da: Erin3

            - Scritto da: Aristocratico



            Sai che ti dico ? me ne sbatto della

            filosofia,

            io uso linux solo per portare la pagnotta
            a

            casa

            sfrutto l'open source come un bel
            parassita

            mi prendo tutti i pezzi da freshmeat li

            provo

            li installo li modifico ci metto il

            copyright

            e li vendo :)

            ecco a che serve linux.

            non di certo per aprire i miei orizzonti

            mentali

            sulla bellezza della filosofia stile

            stallman.

            concretezza ragazzo,forse saro troppo
            rozzo

            ma di certo non ipocrita
            Ti denuncieranno ben bene , e coi peli del tuo culo ci faranno la legna
          • Anonimo scrive:
            Re: La debian fa schifo
            - Scritto da: Sburellone



            Ti denuncieranno ben bene , e coi peli del
            tuo culo ci faranno la legnasi denuncia sto cazzo illusetto che ti credi che lo faccio solo io :)
      • Anonimo scrive:
        Re: La debian fa schifo

        esclude qualsiasi componente commerciale da
        questa distro.
        In piena filosofia Linux....Ovvero, soffrire per la causa? :)
    • Anonimo scrive:
      Re: La debian fa schifo
      - Scritto da: Aristocratico
      Mueiro usa la debian e nel suo articolo
      dice che e' la migliore. veramente uso mandrake 8 sia sul portatile sia sul pc di casa.
      cazzate madornali la debian fa schifouso un sistema debian ridotto sul mio linux ipaq, e devo dire che e' ostica, ma non e' male. e' progettata bene
    • Anonimo scrive:
      Re: La debian fa schifo
      DE HE HE HU HIIIDebian e' il GNU/Linux
  • Anonimo scrive:
    REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!
    Non voglio mettere in discussione pregi e difetti di questo o quel sistema operativo, ma un articolo come questo mi sembra ridicolo !!!Ma che diavolo ! Parliamo di sistemi operativi, codice per macchine o di cause per la fame nel mondo ? Circondare un sistema operativo di questa falsa retorica buonista del tipo "ah... sembrava impossibile... invece... ma non costa nulla... ti rende libero... ti aiuta in famiglia...": SIAMO SERI !Capisco che non si possa/debba essere "spassionati" reporter, ma nemmeno fare delle apologie !!!
    • Anonimo scrive:
      -----------
      Ma quanto strilli
    • Anonimo scrive:
      Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!
      ...mmm... se vedo i tg di oggi, direi che siamo nella piena normalità.Poi, rispetto alle notizie che si sentono sempre ai tg, preferisco ancora queste cose...Siamo messi veramente male dall'altra parte, allora.:((
    • Anonimo scrive:
      Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!
      grande!in effetti non parla nemmeno degli scleri a configurarlo però.... :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!
      - Scritto da: Anonimo
      Non voglio mettere in discussione pregi e
      difetti di questo o quel sistema operativo,
      ma un articolo come questo mi sembra
      ridicolo !!!Si, in effetti l'articolo è un po' aggiografico,però.... che bello vedere un progetto natoper scherzo, farsi largo tra il marasma deiS.O. commerciali _SOLO_ grazie alle suequalità. E' bello, dà un po' di speranza a chi crede cheun software possa nascere, crescere ed avere successo, senza dover ricorrere a business plans,strategie aggressive di marketing, e piùin generale a tutto ciò che con lo sviluppovero e proprio non ha nulla a che vedere.Avete presente quelle ridicole pubblicità dellaMS, con un pc, un piede di porco vicino e la scritta "L'unico modo di violare windows 2000?".Ecco, Linux non ha bisogno di queste sparate,non perchè sia inviolabile, ma perchè i suoisviluppatori hanno coscienza dell'impossibilitàdi creare un S.O. perfettamente inattaccabile,e si guardano bene dallo spacciare linux comel'ultimo baluardo della sicurezza;questo è risaputo anche in MS, ma loro mentono,dimostrando "poco rispetto" (supereufemismo) peri propri acquirenti... Ecco, nella comunitàLinux conta più il rispetto reciproco del porcoguadagno, e palle non ce ne sono, se tutti i soldi che MS ha speso in marketing fossero statiinvestiti in sviluppo, probabilmente oggi avremopiù di un WinXP (ricordiamoci che tutte le principali "innovazioni" presenti sull'ultimapiattaforma MS, sono già presenti da tempo suipiù disparati S.O. in commercio... penso allapossibilità di esportare il display grafico,oppure al "fast user switching"). Insomma, su queste premesse, il tono dell'articoloè ampiamente scusabile... in effetti si parladi S.O. e non di eroi del passato, ma questo"alone" di santità è ben più sopportabile dell'arroganza dei comunicati stampa di MS...Salut! :)
      • Anonimo scrive:
        Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!

        Si, in effetti l'articolo è un po'
        aggiografico,
        però.... che bello vedere un progetto nato
        per scherzo, farsi largo tra il marasma dei
        S.O. commerciali _SOLO_ grazie alle sue
        qualità. Anche Unix e' nato per scherzo, cosi' come il linguaggio C.Per stessa ammissione dei suoi creatori, che volevano fare una parodia di Multix e lo chiamarono Unix.E pensavano che nessuno avrebbe mai usato quel sistema cosi' complesso e quel linguaggio cosi' assurdamente intricato.Invece, per la sindrome del nerd, molta gente ha iniziato a programmare in c su unix, per darsi un tono, per poter dire "guarda quanto sono fico, ho fatto una cosa semplicissima mettendoci tantissimo tempo e nessuno saprebbe rifarla".Ecco perche' stiamo ancora parlando di stupidaggini, come la filosofia che si nasconde dietro al sistema operativo, invece di preoccuparci di imparare ad usarli...e' come se parlassimo di quanto e' bello costruirsi un automobile da soli, fuori dalle logiche di mercato, usando l'acqua come carburante e poi non sappiamo neanche come si accende una macchina...Linux e' bello, il free software e' una bella filosofia, ma perche' l'obbiettivo deve essere sempre lo smantellamento delle logiche esistenti, invece di arrivare gradualmente ad una pacifica convivenza?Ciao a tutti
        • Anonimo scrive:
          Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!

          logiche esistenti, invece di arrivare
          gradualmente ad una pacifica convivenza?Giusto.Il software Microsoft deve convivere pacificamente con il software Microsoft.Akira
          • Anonimo scrive:
            Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!
            - Scritto da: Akira



            logiche esistenti, invece di arrivare

            gradualmente ad una pacifica convivenza?

            Giusto.

            Il software Microsoft deve convivere
            pacificamente con il software Microsoft.

            AkiraSTRAPPATI I PELI DAL CULO
          • Anonimo scrive:
            Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!
            Il software M$ deve Funzionare....
        • Anonimo scrive:
          Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!

          Linux e' bello, il free software e' una
          bella filosofia, ma perche' l'obbiettivo
          deve essere sempre lo smantellamento delle
          logiche esistenti, invece di arrivare
          gradualmente ad una pacifica convivenza?guarda che questo è l'obbiettivo dichiarato di microsoft (MONOPOLISTA riconosciuto dalla giurisdizione USA), non dell'entourage di Linux, che invece mira alla integrazione APERTA tra tutte le piattaforme.Se un'iniziativa apre nuove porte non te la prendere con chi quella porta l'ha aperta, ma con chi vuole chiuderla solo per proprio intere$$e.
        • Anonimo scrive:
          Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!
          Quale pacifica convivenza?Quella per la quale spendo 350.000 lire per acquistare Windows '95 che non funzione ma MS non ne è responsabile e se succedono casini debbo rivolgermi al rivenditore HardWare.Dopo un anno di non funzionamenti esce il sevice Pack01 - dopo due anni di ulteriori non funzionamenti, per turare le falle, invece di un service pack gratuito (che già sarebbe una eresia, voglio il software che funziona e non voglio sevice) esce win '98 con upgrade a 300.000lire.Dopo un altro anno di sofferenza nuovo upgrade a 250.000 sotto forma di Win '98SE poi dopo due anni ed ulteriori 270.000 ecco '98ME.Dopo oltre un milione e SEI anni di malfunzionamenti mi si chiederranno altri soldi per WinXP che, promessa di MS, sarà veloce e stabile.A me sembra che dove manca la libera concorrenza le innovazioni ristagnano paurosamente e quelle poche che vengono introdotte vegono vendute a carissimo prezzo.Uso il PC dalla sua nascita e credimi ci sarebbero milioni di cose da dire su come si truffanno i consumatori spacciando come ottime cose che farebbero vergognare un programmatore dotato di un minomo di dignità.
          • Anonimo scrive:
            Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!

            Quale pacifica convivenza?
            Quella per la quale spendo 350.000 lire per
            acquistare Windows '95 che non funzione ma
            MS non ne è responsabile e se succedono
            casini debbo rivolgermi al rivenditore
            HardWare.sei maggiorenne?sai leggere i contratti?puoi non accettarli e farti ridare i soldianche con OS preinstallatonessunno ti obbliga ad avere windows!
            Dopo un anno di non funzionamenti esce il
            sevice Pack01 - dopo due anni di ulteriori
            non funzionamenti, per turare le falle,
            invece di un service pack gratuito (che già
            sarebbe una eresia, voglio il software che
            funziona e non voglio sevice) esce win '98
            con upgrade a 300.000lire.fud mode is onpotrei dire la stessa cosa di qualsiasi software....il vero problema e' che ognuno vede solo quello che gli fa comodo.le 9 versioni del kernel 2.4 in meno di un anno?mi dirai e' gratis...non regge...vuol dire che qualcosa che non andava c'era.. o no?
            Dopo un altro anno di sofferenza nuovo
            upgrade a 250.000 sotto forma di Win '98SE
            poi dopo due anni ed ulteriori 270.000 ecco
            '98ME.
            Dopo oltre un milione e SEI anni di
            malfunzionamenti mi si chiederranno altri
            soldi per WinXP che, promessa di MS, sarà
            veloce e stabile.mi pare che a parte gli OS open source, facciano tutti cosi'...non sbaglio vero?se linux fosse stato a pagamento, avresti sopportato l'affermazione "questo software sara' pronto quando sara' pronto?"...oppure "il bug sara' fixato quando avremo tempo"
            A me sembra che dove manca la libera
            concorrenza le innovazioni ristagnano
            paurosamente e quelle poche che vengono
            introdotte vegono vendute a carissimo
            prezzo.questo e' vero, ma allora perche' la comunita' open source non porta niente di innovativo oltre alla licenza GPL?linux e' fermo su concetti vecchi di quasi 30 annix e' li' da 20 anni sempre uguale a se stesso..mi chiedo perche', visto che linux non deve conquistare utenti...
            Uso il PC dalla sua nascita e credimi ci
            sarebbero milioni di cose da dire su come si
            truffanno i consumatori spacciando come
            ottime cose che farebbero vergognare un
            programmatore dotato di un minomo di
            dignità.e questo che c'entra?io dico se MS vi sta sul caxxo, usate linux, BeOS, FreeBSd, quello che vi pare.Chi ve lo impedisce?pacifica convivenza vuol dire questo.Vi sentite dalla parte giusta no?Usate o no un OS libero, gratuito, stabile, sicuro ed efficente?E' anche in crescita come diffusione..allora perche' preoccuparsi di quegli stolti che usano windows?La cosa che mi chiedo di solito e', ma quale e' stato il primo os che avete avuto su un pc e con il quale avete imparato d usarlo?penso che in pochi risponderanno qualcosa di diverso da DOS o Windows..Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!
            Non sto facendo un discorso AntiMS e basta, ho portato l'esempio di Windows come quello più lampante su come si possono spennare le persone vendendo solamente fumo.Per quanto riguarda la libera concorrenza sono convinto che la stabilità di WinXP, alla quale ripeto MS giunge dopo 6 anni, sia dovuta anche all'uscita di un S.O. come LinuxIl primo SO che ho usato in collaborazione con un mio amico è stato il DRdos della Digital Research, peccato che Word1 per partire chiedeva solamente MSdos.Discutiamone.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!! -OT-
            ALIEN dove sei ??!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!


            Dopo un anno di non funzionamenti esce il

            sevice Pack01 - dopo due anni di ulteriori

            non funzionamenti, per turare le falle,

            invece di un service pack gratuito (che
            già

            sarebbe una eresia, voglio il software che

            funziona e non voglio sevice) esce win '98

            con upgrade a 300.000lire.

            fud mode is on
            potrei dire la stessa cosa di qualsiasi
            software....
            il vero problema e' che ognuno vede solo
            quello che gli fa comodo.
            le 9 versioni del kernel 2.4 in meno di un
            anno?
            mi dirai e' gratis...
            non regge...
            vuol dire che qualcosa che non andava
            c'era.. o no? No, non ti rispondo che è gratis, ti rispondo che nel "contratto" di Linux, ovvero la licenza GPL, c'è scritto: "This program is distributed in the hope that it will be useful, but WITHOUT ANY WARRANTY; without even the implied warranty of MERCHANTABILITY or FITNESS FOR A PARTICULAR PURPOSE. See the GNU Library General Public License for more details." ti giro la domanda: "sei maggiorenne? sai leggere i contratti?"
          • Anonimo scrive:
            Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!
            - Scritto da: mo basta
            puoi non accettarli e farti ridare i soldi
            anche con OS preinstallato
            nessunno ti obbliga ad avere windows!Con la disinformazione si puo' obbligare qualsiasi ignorante in materia. Conoscendo solo un prodotto compra solo quello.
            le 9 versioni del kernel 2.4 in meno di un
            anno?
            mi dirai e' gratis...
            non regge...
            vuol dire che qualcosa che non andava
            c'era.. o no?C'e' sempre qualcosa che non va' il punto e' che qualcuno ti fa' pagare i suoi sbagli.O no? Con questo se si e' disposti a pagarli nulla di male ma le cose stanno cosi'.
            mi pare che a parte gli OS open source,
            facciano tutti cosi'...
            non sbaglio vero?
            se linux fosse stato a pagamento, avresti
            sopportato l'affermazione "questo software
            sara' pronto quando sara' pronto?"...
            oppure "il bug sara' fixato quando avremo
            tempo"Se LinuX fosse stato a pagamento non sarebbe il Linux che e' Ora, sarebbe un'altra cosa, piu' vicina, come concezione, a Windows e quindi non si farebbero di queste considerazioni.
            questo e' vero, ma allora perche' la
            comunita' open source non porta niente di
            innovativo oltre alla licenza GPL?
            linux e' fermo su concetti vecchi di quasi
            30 anni
            x e' li' da 20 anni sempre uguale a se
            stesso..
            mi chiedo perche', visto che linux non deve
            conquistare utenti...Se Windows rappresenta un'innovazione (cosa da dimostrare) allora mi tengo ben stretti i 20 anni di antichita' di LinuX. Almeno non fa finta di funzionare.
            io dico se MS vi sta sul caxxo, usate linux,
            BeOS, FreeBSd, quello che vi pare.
            Chi ve lo impedisce?
            pacifica convivenza vuol dire questo.
            Vi sentite dalla parte giusta no?
            Usate o no un OS libero, gratuito, stabile,
            sicuro ed efficente?
            E' anche in crescita come diffusione..
            allora perche' preoccuparsi di quegli stolti
            che usano windows?perfettamente condivisibile.
          • Anonimo scrive:
            Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!

            puoi non accettarli e farti ridare i soldi
            anche con OS preinstallato
            nessunno ti obbliga ad avere windows!Balle!!Trovami un portatile economico che NON includa Windows.Farsi ridare i soldi del software che non si accetta poi è al limite del ridicolo: qualunque negoziante ti riderebbe in faccia.Non puoi nemmeno venderlo o regalarlo ad un amico, perché le licenze attuali di Windows non lo prevedono, e invece di fornirti un CD installabile ti viene dato un CD di back-up specifico per il modello acquistato.Se questa non è una tassa sul PC non saprei come chiamarla.
        • Anonimo scrive:
          Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!
          - Scritto da: Kernighan & Ritchie
          e' come se parlassimo di quanto e' bello
          costruirsi un automobile da soli, fuori
          dalle logiche di mercato, usando l'acqua
          come carburante e poi non sappiamo neanche
          come si accende una macchina...
          L'esempio non calza proprio, perchè è virtualmenteimpossibile per chiunque costruirsi da soliuna macchina... invece linux è si ostico, ma nonimpossibile da utilizzare. Un esempio potrebbeessere quello del commercio equo e solidale:questi negozietti vendono merce più buonadei corrispettivi di marca (il cacao che comprilì stai sicuro che nei centri commerciali nonlo trovi... così anche per il caffè), e costameno che al supermercato; senza citare l'eticache c'è dietro, quella di un commercio che nonsfrutta le persone e che si basa su di un pensierodi condivisione, più che sulle campagne marketing(ad esempio) della nestlè.Ma allora perchè la gente non compra questiprodotti? per mille ragioni, nei centri commercialic'è sicuramente più figa, luci, colori, la merceha un aspetto più appetibile (perchè trattata),e la pubblicità ha trapanato così bene che pensiamodavvero di star decidendo noi cosa comprare...Tutte cose che nulla hanno a che vedere conla nostra spesa...A volte il bello stà ad un palmo di naso da noi,basta fare un piccolo sforzo!
          Linux e' bello, il free software e' una
          bella filosofia, ma perche' l'obbiettivo
          deve essere sempre lo smantellamento delle
          logiche esistenti, invece di arrivare
          gradualmente ad una pacifica convivenza?Magari! il fatto è che la convivenza nel mondodei computer si basa sugli standard adottati;se chi fa da traino all'industria (MS) passail suo tempo a creare standard incompatibili conquelli "de facto" (vedi la rimozione dei pluginstile netscape da IE6), il futuro non lo vedo molto roseo....Salut! :)
          • Anonimo scrive:
            Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!



            - Scritto da: Kernighan & Ritchie


            e' come se parlassimo di quanto e' bello

            costruirsi un automobile da soli, fuori

            dalle logiche di mercato, usando l'acqua

            come carburante e poi non sappiamo neanche

            come si accende una macchina...



            L'esempio non calza proprio, perchè è
            virtualmente
            impossibile per chiunque costruirsi da soli
            una macchina... invece linux è si ostico, ma
            non
            impossibile da utilizzare. Un esempioutilizzare e' un conto..farsi un OS e' un altro
            potrebbe
            essere quello del commercio equo e solidale:
            questi negozietti vendono merce più buona
            dei corrispettivi di marca (il cacao che
            compri
            lì stai sicuro che nei centri commerciali non
            lo trovi... così anche per il caffè), e costa
            meno che al supermercato; senza citare
            l'etica
            che c'è dietro, quella di un commercio che
            non
            sfrutta le persone e che si basa su di un
            pensiero
            di condivisione, più che sulle campagne
            marketing
            (ad esempio) della nestlè.
            al di la' dell'eticapensi davvero che il cacaco colombiano possa arrivare in Italia a prezzi inferiori a quelli che trovi nei supermercati?Io non ci credo, anche se il commercio equeo e solidale e' una buona cosa, non risolve minimamente il problema.Mi sembra una sorta di tentativo di tornare all'antico che non puo' competere in nessun modo al giorno d'oggi.
            Ma allora perchè la gente non compra questi
            prodotti? per mille ragioni, nei centri
            commerciali
            c'è sicuramente più figa, luci, colori, la
            merce
            ha un aspetto più appetibile (perchè
            trattata),
            e la pubblicità ha trapanato così bene che
            pensiamo
            davvero di star decidendo noi cosa
            comprare...
            Tutte cose che nulla hanno a che vedere con
            la nostra spesa...
            penso che la gente vada al discount perche' la roba costa meno...ma penso...altrimenti non si spiega perche' tutti (e sottolineo tutti!) mangiano il pollo biancastro, dalle ossa fragili, molliccio che c'e' in macelleria, invece che un bel pollo ruspante di 3 chili, giallastro e duro, ma molto piu' saporito..vuoi la risposta?ti dicono tutti "e' duro, e' giallo, e' grasso" etc. etc.esperienza personale...
            A volte il bello stà ad un palmo di naso da
            noi,
            basta fare un piccolo sforzo!


            Linux e' bello, il free software e' una

            bella filosofia, ma perche' l'obbiettivo

            deve essere sempre lo smantellamento delle

            logiche esistenti, invece di arrivare

            gradualmente ad una pacifica convivenza?

            Magari! il fatto è che la convivenza nel
            mondo
            dei computer si basa sugli standard adottati;
            se chi fa da traino all'industria (MS) passa
            il suo tempo a creare standard incompatibili
            con
            quelli "de facto" (vedi la rimozione dei
            plugin
            stile netscape da IE6), il futuro non lo
            vedo
            molto roseo....
            i plug in netscape sono uno standard solo per netscape e mozilla non "de facto".attenzione ;)Vorra' solo dire che in IE non si potranno usare i plugin di netscape, cosa che per altro non e' mai accaduta. Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!
            - Scritto da: Kernighan & Ritchie
            utilizzare e' un conto..
            farsi un OS e' un altroBeh, certo... io infatti parlavo dell'utilizzodi linux! ;)
            al di la' dell'etica
            pensi davvero che il cacaco colombiano possa
            arrivare in Italia a prezzi inferiori a
            quelli che trovi nei supermercati?Beh, non è una mia fantasia, basta che controlli!Recati nel negozio equo & solidale più vicinoa te, potresti avere una bellissima sorpresa!Ad esempio, tra le altre cose, mi sono compratoun tappeto africano ed un tavolino di viminiintrecciato a mano, ed ho speso in tutto 150.000,portandomi a casa due oggetti splendidi... per quella cifra non mi portavo a casa neanche il piùschifoso dei tavolini di compensato dell'IKEA...Davvero, te lo consiglio: vai a dare un'occhiata,potresti esserne piacevolmente sorpreso...ma qui stiamo decisamente andando off-topic ehehehe :))))
            Io non ci credo, anche se il commercio equeo
            e solidale e' una buona cosa, non risolve
            minimamente il problema.
            Mi sembra una sorta di tentativo di tornare
            all'antico che non puo' competere in nessun
            modo
            al giorno d'oggi.Sai cosa? anch'io un tempo ragionavo così, ed in parte hai ragione: è moooolto difficile che unmodello di businness che rinnega (quasi) tuttele caratteristiche del modello dominante, si possaimporre su larga scala... ma è altrettanto vero che al di là dei preconcetti e delle questionidi principio, basta poco per cambiare le cose dalnostro punto di vista, nella vita pratica di tuttii giorni... Non comprando Nestlè (nè MS) e rivolgendo ilmio portafogli "altrove", faccio qualcosanel mio piccolo, tolgo un po' di soldi a chi neha già fin troppi e ne do a persone che almenostanno tentando (magari in un modo un po' naive)di cambiare le cose...
            altrimenti non si spiega perche' tutti (e
            sottolineo tutti!) mangiano il pollo
            biancastro, dalle ossa fragili, molliccio
            che c'e' in macelleria, invece che un bel
            pollo ruspante di 3 chili, giallastro e
            duro, ma molto piu' saporito..
            vuoi la risposta?
            ti dicono tutti "e' duro, e' giallo, e'
            grasso" etc. etc.
            esperienza personale...vedi che mi dai ragione? fai il parallelo pollo bianco=Windows, pollo ruspante=linux e tutto torna... il pollo ruspante è meno appetibile ma genuino, quello bianco è schifoso ma sipresenta bene! :)
            i plug in netscape sono uno standard solo
            per netscape e mozilla non "de facto".
            attenzione ;)nonono, i "plugin stile netscape" sono da sempreutilizzati da MS, ora li toglie da IE6 perchèvuole imporre ActiveX, che è un tipo di standardproprietario...Ciao!
          • Anonimo scrive:
            Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!
            - Scritto da: Kernighan & Ritchie
            penso che la gente vada al discount perche'
            la roba costa meno...
            ma penso...
            altrimenti non si spiega perche' tutti (e
            sottolineo tutti!) mangiano il pollo
            biancastro, dalle ossa fragili, molliccio
            che c'e' in macelleria, invece che un bel
            pollo ruspante di 3 chili, giallastro e
            duro, ma molto piu' saporito..Io non mangio il pollo del supermercato, uso ancora W95 però. ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!
          Dai, Questa storia e' uno scherzo.... Lo e' vero?:))- Scritto da: Kernighan & Ritchie
          Anche Unix e' nato per scherzo, cosi' come
          il
          linguaggio C.
          Per stessa ammissione dei suoi creatori, che
          volevano fare una parodia di Multix e lo
          chiamarono Unix.
          E pensavano che nessuno avrebbe mai usato
          quel sistema cosi' complesso e quel
          linguaggio cosi' assurdamente intricato.
          Invece, per la sindrome del nerd, molta
          gente ha iniziato a programmare in c su
          unix, per darsi un tono, per poter dire
          "guarda quanto sono fico, ho fatto una cosa
          semplicissima mettendoci tantissimo tempo e
          nessuno saprebbe rifarla".
          Ecco perche' stiamo ancora parlando di
          stupidaggini, come la filosofia che si
          nasconde dietro al sistema operativo, invece
          di preoccuparci di imparare ad usarli...
          e' come se parlassimo di quanto e' bello
          costruirsi un automobile da soli, fuori
          dalle logiche di mercato, usando l'acqua
          come carburante e poi non sappiamo neanche
          come si accende una macchina...

          Linux e' bello, il free software e' una
          bella filosofia, ma perche' l'obbiettivo
          deve essere sempre lo smantellamento delle
          logiche esistenti, invece di arrivare
          gradualmente ad una pacifica convivenza?

          Ciao a tutti
          • Anonimo scrive:
            Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!
            - Scritto da: §o§e
            Dai, Questa storia e' uno scherzo.
            ... Lo e' vero?
            :)) NO :))
            - Scritto da: Kernighan & Ritchie

            Anche Unix e' nato per scherzo, cosi' come

            il

            linguaggio C.

            Per stessa ammissione dei suoi creatori,
            che

            volevano fare una parodia di Multix e lo

            chiamarono Unix.

            E pensavano che nessuno avrebbe mai usato

            quel sistema cosi' complesso e quel

            linguaggio cosi' assurdamente intricato.

            Invece, per la sindrome del nerd, molta

            gente ha iniziato a programmare in c su

            unix, per darsi un tono, per poter dire

            "guarda quanto sono fico, ho fatto una
            cosa

            semplicissima mettendoci tantissimo tempo
            e

            nessuno saprebbe rifarla".

            Ecco perche' stiamo ancora parlando di

            stupidaggini, come la filosofia che si

            nasconde dietro al sistema operativo,
            invece

            di preoccuparci di imparare ad usarli...

            e' come se parlassimo di quanto e' bello

            costruirsi un automobile da soli, fuori

            dalle logiche di mercato, usando l'acqua

            come carburante e poi non sappiamo neanche

            come si accende una macchina...



            Linux e' bello, il free software e' una

            bella filosofia, ma perche' l'obbiettivo

            deve essere sempre lo smantellamento delle

            logiche esistenti, invece di arrivare

            gradualmente ad una pacifica convivenza?



            Ciao a tutti

      • Anonimo scrive:
        _SOLO_ grazie alle sue qualità ???
        ... o anche (soprattutto ?) perche' e' free ???Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: _SOLO_ grazie alle sue qualità ???
          - Scritto da: Paolo Zavarise
          ... o anche (soprattutto ?) perche' e' free
          ???grazie al suo ottimo rapporto prezzo / qualita', allora? :)
          • Anonimo scrive:
            Re: _SOLO_ grazie alle sue qualità ???


            ... o anche (soprattutto ?) perche' e'

            free ???
            grazie al suo ottimo rapporto prezzo /
            qualita', allora? :) Beh spero grazie al rapporto qualità/prezzo perché prezzo/qualità = 0... ;o) Comunque mettetevi in testa che Linux *non* è gratis, è *LIBERO*!!! (Accidenti a RMS e ai suoi integralismi! ;o)
        • Anonimo scrive:
          Re: _SOLO_ grazie alle sue qualità ???
          - Scritto da: Paolo Zavarise
          ... o anche (soprattutto ?) perche' e' free
          ???

          CiaoO semplicemente perche' e' una moda?
          • Anonimo scrive:
            Re: _SOLO_ grazie alle sue qualità ???
            - Scritto da: Ciao


            ... o anche (soprattutto ?) perche' e'
            free

            O semplicemente perche' e' una moda? L'uno, e l'altro.Utenti ed utonti vari si avventano (o avventurano) su linux perchè tutti ne parlano in termini miracolistici, perchè non costa niente (la maggioranza non fa neppure lo sforzo di spendere i 40$ di una release brand, ma si accontenta dei CD scopiazzati dall'amico compiacente), perchè si può avere senza sforzo, perchè è "figo". Fa niente che poi si ritrovino 700 demoni in ascolto su tutte le porte del beneamato alla fine dell'installazione, tanto "linux è più sicuro di winsux" per definizione. Talmente sicuro che, come c'insegna munehiro, è pressochè impossibile rendere non eseguibile lo stack fino al kernel 2.2 (e molto arduo col 2.4, tant'è che il default rimane invariato: si può ancora eseguire qualsiasi cosa sullo stack) per una serie di pastrocchi immani nella gestione dei segnali del kernel. E per avere questo grado di protezione contro i buffer overflows bisogna scegliere una distro cantinara (peggio mi sento) oppure procurarsi SELinux e/o stackguard. Ma facciamo finta di nulla.E non basta. Installare i classici tar.gz, tra l'altro, è molto più sicuro che affidarsi a degli rpm binari pescati su freshmeat, che possono fare DI TUTTO all'insaputa dell'utente, con privilegi di root. Sapere esattamente cosa si installa è cmq fondamentale, ma le distribuzioni più di moda (quelle con venti CD zeppi di roba inutile: MDK, RH, etc.) violano pesantemente questo principio fin dall'installazione di default, per "l'utente medio". Dal punto di vista sistemistico, della stabilità e della sicurezza, *BSD con il suo efficientissimo microkernel ed i suoi default solidi è molto migliore (ed enormemente più moderno) per le applicazioni server, anche se va molto meno "di moda" - meglio così, peraltro. Non è un caso nè un capriccio che slashdot, alfiere della FSF che certo non prende soldi da MSDN, abbia buttato alle ortiche il pinguino per passare a OpenBSD su tutti i suoi server di produzione. Contando anche sul fatto che tra una patch importante e l'altra passa qualche mese, non una settimana.Niente è esente da difetti e linux non fa certo eccezione, ed il difetto non-tecnico più eclatante (non parliamo poi delle enormi pecche architetturali di un kernel monolitico con "moduli" in kernel space, nato vecchio di vent'anni e contestato da Tanenbaum in persona, sui cui testi sacri ha - forse - studiato perfino munehiro) si rivela proprio la sua tendenza a diventare fenomeno "di massa" e vessillo del "tutto gratis a tutti, a qualsiasi costo". Una visione sballata che, peraltro, taglia ancora fuori - dopo 10 anni - il mercato professionale, quello che può realmente spendere: tutti gli utenti che _*DEVONO*_ usare dei CAM/CAD/CAE, dei GIS, dei DTP (si parla di tipografie e RIP, non di quella c@zzata di latex) o dei CAS, o semplicemente applicazioni ERP di medio livello. Insomma, linux esce dalle università solo per atterrare direttamente sulle scrivanie SOHO e ISP, senza passare dall'industria. Grazie alle mode del momento.E non parliamo dell'embedded industriale, meglio stendere un velo pietoso: il migliore dei migliori linux "realtime", quello del Poli-MI, ha pubblicato tempi di latenza, attraversamento e ripetibilità confrontabili con NT + una di quelle patacche realtime che si trovano in giro per poche migliaia di $. Niente a che vedere con l'HARD realtime, quello di QNX o VerteX o pSOS, addirittura molto peggio di AMX o SMX che sono dei semplici entry executables. Ed è ovvio, trattandosi di un kernel monolitico: non si può pretendere di spremere succo di pompelmo da un cavolfiore.
          • Anonimo scrive:
            Re: _SOLO_ grazie alle sue qualità ???
            - Scritto da: *BSD RULEZ

            Dal punto di vista sistemistico, della
            stabilità e della sicurezza, *BSD con il suo
            efficientissimo microkernel ed i suoi
            default solidi è molto migliore (ed
            enormemente più moderno) per le applicazioni
            server, anche se va molto meno "di moda" -
            meglio così, peraltro. Non è un caso nè un
            capriccio che slashdot, alfiere della FSF
            che certo non prende soldi da MSDN, abbia
            buttato alle ortiche il pinguino per passare
            a OpenBSD su tutti i suoi server di
            produzione. Contando anche sul fatto che tra
            una patch importante e l'altra passa qualche
            mese, non una settimana.
            Guarda che quello di Slashdot.org su OpenBSD era solo un pesce d'aprile... Se vai a vedere su netcraft, vedrai che Slashdot gira su linux (con Apache e mod-perl).Cmq, proprio per un server, che compie sempre le stesse funzioni, un kernel monolitico o un microkernel sono all'incirca equivalenti, purchè siano progettati e implementati bene.
            Niente è esente da difetti e linux non fa
            certo eccezione, ed il difetto non-tecnico
            più eclatante (non parliamo poi delle enormi
            pecche architetturali di un kernel
            monolitico con "moduli" in kernel space,
            nato vecchio di vent'anni e contestato da
            Tanenbaum in persona, sui cui testi sacri ha
            - forse - studiato perfino munehiro) si
            rivela proprio la sua tendenza a diventare
            fenomeno "di massa" e vessillo del "tutto
            gratis a tutti, a qualsiasi costo".
            Tanenbaum non è un'oracolo infallibile. E poi, il fatto che l'architettura sia, diciamo, "classica" è davvero una pecca? La garbage collection è da buttare solo perché è stata inventata 40 anni fa? E i principi della programmazione ad oggetti, vecchi di 25 anni, sono ormai superati?
            Una visione sballata che, peraltro, taglia
            ancora fuori - dopo 10 anni - il mercato
            professionale, quello che può realmente
            spendere: tutti gli utenti che _*DEVONO*_
            usare dei CAM/CAD/CAE, dei GIS, dei DTP (si
            parla di tipografie e RIP, non di quella
            c@zzata di latex) o dei CAS, o semplicemente
            applicazioni ERP di medio livello. Ma esistono applicazioni di questo genere per *BSD? Oppure esistono solo per SO commerciali?E comunque SW industriali esistono anche per Linux: LabView per citarne uno.
            E non parliamo dell'embedded industriale,
            meglio stendere un velo pietoso: il migliore
            dei migliori linux "realtime", quello del
            Poli-MI, ha pubblicato tempi di latenza,
            attraversamento e ripetibilità confrontabili
            con NT + una di quelle patacche realtime che
            si trovano in giro per poche migliaia di $.
            Niente a che vedere con l'HARD realtime,
            quello di QNX o VerteX o pSOS, addirittura
            molto peggio di AMX o SMX che sono dei
            semplici entry executables. Ed è ovvio,
            trattandosi di un kernel monolitico: non si
            può pretendere di spremere succo di pompelmo
            da un cavolfiore. Embedded e real-time non sono la stessa cosa. Da quello che so, Linux se la cava bene in ambito embedded (Esempio: TiVo).
    • Anonimo scrive:
      Re: REDAZIONE... MA...MA... SIAMO SERI... !!!

      Capisco che non si possa/debba essere
      "spassionati" reporter, ma nemmeno fare
      delle apologie !!!ah no?e perchè?Munehiro è un opsite, una guest star.Un articolo di giornale spesso può esprimere unicamente una opinione.Consideralo così, se ti pare, no?Una opinione, corredata in più, come omaggio, con dei link e dei documenti fondati.Uno non può esprimere un alogio appassionato a quello che diavolo vuole? E se glie lo pubblicano, tanto meglio.E se, ancora meglio, esprime un concetto che essenzialmente è pure vero... che diavolo c'è di male?Se la redazione è pro-linux, tanto più, Mune ha guadagnato un articolo pubblicato da PI.Io poi ho trovato molto carino il tutto.Neanche eccessivo.Ciao Mune, grazie! Da quando scrivi i commenti ti ho trovato sempre moderato. Non smettere, per favore, di apparire fra gli "opinionisti".Ciao ciao!!!
  • Anonimo scrive:
    Ne hai fatta di strada... bimbo.....
    .... parafrasando una famosa pubblicità....Eppure, in informatica, 10 anni sono un'emormità... abituati ai ritmi frenetici, dove 2 anni sono sufficenti a far diventare una novità tecnologica in un obsoleto vecchiume....Eppure qualcosa resiste.A quel tempo, ricordo, ero un "bocia" con il suo bel C64.... i computer "seri" non erano i PC, ma bensì l'Amiga, l'Atari per la musica, il MAC.il PC era una schifezza lenta, incapibile con quel "C:
    " freddo e spietato: qualsiasi cosa inserita dava come messaggio: "comando non valido".Ora, nell'epoca delle interfaccie grafiche, dove l'unico scopo di un SO non è quello di far funzionare correttamente un pezzo di hardware, ma di regalare emozioni, far provare nuove esperienze.... manco fosse una donna!!!Il C64 è storia, l'amiga, nonostante qualcun sia ancora convinto della sua superiorità ripetto ai PC, è tramontato.....il "C:
    " è stato sostituito da un ben più carino pulsante di start....Eppure, nonostante l'informatica sia basata su meteore, una cosa non è passata sopra di noi come una cometa. Ma è nata, si è evoluta, e continua ad evolversi, pur avendo un "cuore" vecchio di 10 anni.Linux è una sistema che non ci hanno imposto, ma si è imposto.Perchè, nonostante tutto, è stato progettato guardando PIù al suo sviluppo che non hai guadagni di chi lo sviluppa....
    • Anonimo scrive:
      Re: Ne hai fatta di strada... bimbo.....
      8°°)) snif.. basta.. oggi tolgo winlozz!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ne hai fatta di strada... bimbo.....
        Lo so, é OT, e dovrebbe essere da un'altra parte....... ma il nome Skaven da dove l'hai preso? solo per capire se nutriamo gli stessi interessi :) (musicali nel contesto)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ne hai fatta di strada... bimbo.....

      il PC era una schifezza lenta, incapibile
      con quel "C:
      " freddo e spietato: qualsiasi
      cosa inserita dava come messaggio: "comando
      non valido".Il PC a differenza degli altri, soprattutto del MAC, aveva diversi strumenti di sviluppo accessibili a tutti e info facilmente raggiungibili sulla sua architettura.Il risultato fu che la macchina peggiore aveva la possibilità di contare su uno stuolo di programmatori, e quindi programmi, di tutti i generi.Nello scegiere tra una macchina bella ma poco utile e una meno bella ma con enormi potenzialitàla gente ha fatto...la scelta giusta!bye
  • Anonimo scrive:
    Munehiro
    Oi, munehiro mo scrive pr punto-informatico...o magari l'ha sempre fatto...
Chiudi i commenti