Anakata sarà estradato

La Danimarca lo attende per giudicarlo, accusato di intrusione informatica. Il fondatore di The Pirate Bay si dichiara innocente: sarebbe stato a sua volta crackato

Roma – Non è bastato rivolgersi alla corte suprema svedese, né vergare una accorata missiva in cui ha denunciato irregolarità nei procedimenti giudiziari: Anakata, al secolo Gottfrid Svartholm, hacker e fondatore di The Pirate Bay, verrà condotto in Danimarca per affrontare un secondo processo per cracking.

Il trasferimento è previsto per il 27 novembre, il giorno in cui il 29enne finirà di scontare la propria pena presso le carceri svedesi, ritenuto colpevole di aver attaccato i database di Logica, fornitore di servizi per la gestione dei dati dei contribuenti svedesi. La Danimarca lo vuole processare sulla base di accuse simili: Svartholm, con l’aiuto di un complice, si sarebbe appropriato dei dati di migliaia di membri delle forze dell’ordine e di rappresentanti del fisco danese, dati trafugati e ripubblicati online.

Akanata, con le autorità che fin da principio hanno autorizzato l’istanza di estradizione, si è sempre professato vittima del sistema giudiziario: non sarebbe stato debitamente informato riguardo alle accuse danesi. Accuse che peraltro Svartholm vorrebbe scrollarsi di dosso attribuendo le responsabilità dei misfatti a terzi: ignoti cracker avrebbero potuto guadagnarsi il controllo delle sue attrezzature informatiche e prendere impersonare la sua identità per agire sotto mentite spoglie. Sarà questo l’argomento centrale su cui farà leva la difesa di Anakata: questa ricostruzione ha già convinto le autorità svedesi che, nell’impossibilità di attribuire la responsabilità ad Anakata piuttosto che ad un ignoto cracker, lo hanno sollevato da uno dei capi d’accusa ridimensionando notevolmente la pena a suo carico.

Nel caso in cui però la giustizia svedese lo riconoscesse colpevole, Svartholm potrebbe essere condannato a scontare fino a sei anni di carcere. ( G.B. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    quando a Schmidt sifoneranno la cc
    quando a Schmidt sifoneranno la c/c, attraverso "canali privati protetti da tecnologie di crittografia avanzata" ,sara' MOLTO MENO CONTENTO che "gli strumenti crittografici siano a disposizione di ognuno" e siano resistenti a "l'ingerenza informatica da parte di autorità e governi"(*) :PMolto meglio sarebbe stato che "autorità e governi" non avessero legiferato tante cacate e reati finti, da spingere anche le casalinghe a scoprire i2p pgp e tor. Verbo al passato, perche' ormai e' tardi per ripensarci......(*) poi ovvio c'e' sempre qualcuno piu' uguale degli altri... e piu' nsa degli altri...
    • collione scrive:
      Re: quando a Schmidt sifoneranno la cc
      Sunde, di recente, ha centrato il problema, ovvero non dobbiamo aspettarci l'aiuto di mirabolanti tecnologie, ma dobbiamo scendere in piazzami è piaciuto il suo intervento, anche perchè non ha peli sulla lingua e dice, a tutti noi, che siamo diventati dei poveri idioti senza le OOper fortuna qualcuno le OO le ha ancora http://www.affaritaliani.it/sociale/staminali-malati-sangue-foto-napolitano-lorenzin251113.htmlsarebbe ora di cominciare a ragionare di giustizia, invece di ubbidere passivamente e senza discutere alle "leggi" che, ormai è lampante come la luce del sole, sono create e gestite da un autocrazia pseudo-feudale e orientate verso un'ulteriore feudalizzazione della nostra società
  • Leguleio scrive:
    Domanda
    Come giustifica Schmidt il blocco attuato da Google al video "The innocence of muslims"?http://www.ibtimes.com/google-blocking-access-%E2%80%98innocence-muslims%E2%80%99-middle-east-india-789258Finché sono i governi che bloccano tutta la piattaforma Youtube, io lo seguo. Ma quando lo stesso portale si presta volontariamente al loro gioco...
Chiudi i commenti