Anakata, cracker crackato

La giustizia svedese dimezza la pena per il fondatore di The Pirate Bay: una delle sue scorribande cracker potrebbe essere stata condotta da terzi, a suo nome e a sua insaputa

Roma – La corte d’appello svedese incaricata di riesaminare il caso del fondatore di The Pirate Bay Gottfrid Svartholm, altresì noto come Anakata , ha espresso il proprio parere: il 28enne, coinvolto in quello che è stato definito il più importante processo svedese in materia di hacking, è stato assolto per uno dei due capi d’accusa, e si vedrà dimezzare la pena del carcere.

Anakata Anakata, dopo essere stato stanato e arrestato in Cambogia, era stato condannato nel mese di maggio per le sue scorribande informatiche condotte contro i database di Logica, fornitore di servizi per la gestione dei dati dei contribuenti svedesi, e contro i sistemi di Nordea Bank AB. Le accuse di cracking, truffa aggravata, e tentata truffa aggravata sono state ora ridimensionate dalla corte d’appello.

Dopo aver raccolto nei mesi scorsi le testimonianze dello sviluppatore di Tor e portavoce di Wikileaks Jacob Appelbaum a supporto della strategia difensiva di Svartholm, il tribunale ha revocato la condanna per l’attacco ai sistemi bancari di Nordea: Anakata ha sempre sostenuto che terzi avessero agito a suo nome, prendendo possesso delle sue macchine da remoto, e la corte ha ora aderito a questa tesi, riducendo ad un anno di carcere la pena del fondatore di The Pirate Bay.

Anakata, però, resta in attesa di giudizio in Danimarca : l’ estradizione , già autorizzata dalle autorità svedesi e prevista dopo il termine della pena detentiva, condurrà il 28enne di fronte alla giustizia del più meridionale paese scandinavo, dove potrebbe attenderlo una condanna a sei anni di carcere. ( G.B. )

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AXEL scrive:
    Sono basito....
    Mi rendo conto, posto che le cose stiano effettivamente così, che a certi livelli il mondo gira con regole completamente diverse da quelle usuali cui siamo abituati noi, nella nostra quotidianità e con logiche che, a noi (me) poveri mortali-non-topmanager, sfuggono completamente.
  • apo scrive:
    incredibile!
    Ma possibile che tutti in Nokia fossero d'accordo a mettere il timone nelle mani di uno che, per contratto avrebbe centrato gli obiettivi personali se:1) avesse fatto precipitare il titolo in borsa2) avesse s-venduto la divisione cellulari3) avesse fatto in modo che il titolo si risollevasse ma non più di tanto (conseguenza diretta del punto 2)Cioè, un po' come se nel contratto del nostro Schettino ci fosse stato scritto che:1) doveva creare un grave danno all'azienda (affondare una nave da almeno 450 milioni di euro)2) doveva fare in modo che da questo danno rimanesse qualcosa da vendere (le tonnellate di ferro della concordia)3) far si che il nome Costa fosse sulla bocca di tutti senza ulteriore aggravio per l'azienda (tutti i media ne hanno parlato per mesi)L'unica cosa che mi consola è che pensavo che queste cose fossero un'esclusiva tutta italiana, ma come si vede tutto il mondo è paese-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 settembre 2013 09.24-----------------------------------------------------------
  • Skywalkersenior scrive:
    Re: Fatemi capire...
    - Scritto da: Calibi



    Non è necessario andare in Finlandia. Prendiamo
    il caso Italia, e un manager a caso, Giancarlo
    Cimoli. Giancarlo Cimoli è stato prima chiamato a
    salvare le ferrovie dello Stato, e per questo era
    pagato un milione e mezzo l'anno; Che certi personaggi vengano spostati dalla politica senza avere alcuna vera capacità manageriale è chiaro, ma non credo che avesse scritto nel contratto "se fallisce la ditta, mi pagate 25 milioni"
  • zio lambo scrive:
    c'ha da pagare gli alimenti...
    ammazza quanto magna tu moje!!!
    • MacGeek scrive:
      Re: c'ha da pagare gli alimenti...
      - Scritto da: zio lambo
      ammazza quanto magna tu moje!!!Deve essere incappato nella stessa giudecessa di Berlusconi...
      • qualcuno scrive:
        Re: c'ha da pagare gli alimenti...

        Deve essere incappato nella stessa giudecessa di
        Berlusconi...A Berlusconi gli deve rodere proprio quella sentenza per spingerlo scatenare tanti troll contro il giudice. Eppure ha pagato solo una frazione piccolissima del suo patrimonio.
        • Calibi scrive:
          Re: c'ha da pagare gli alimenti...


          Deve essere incappato nella stessa
          giudecessa
          di

          Berlusconi...

          A Berlusconi gli deve rodere proprio quella
          sentenza per spingerlo scatenare tanti troll
          contro il giudice. Stai confondendo vicende diverse. La questione del divorzio da Veronica Lario è stata stabilita dalla corte d'appello quest'anno, e si sa solo che erano tutte donne e che la presidente si chiama Bianca La Monica. Mai sentito di attacchi contro di lei.Invece ci sono stati attacchi sia per i calzini turchesi del giudice Mesiano (Lodo Mondadori), sia per la cena coi colleghi alla vigilia della sentenza del primo agosto del presidente della cassazione Esposito (false fatture Mediaset).Attenzione a queste imprecisioni.
  • Ma ci faccia il piacere scrive:
    Ma chi ha firmato un contratto simile?
    Se i geni di Nokia hanno accettato quelle clausole, biasimate loro e non solo Elop.
  • kitt scrive:
    buona uscita????
    Buona uscita a manager che fanno andare male le aziende?? Allora tutto il mondo è paese. Fosse per me prenderebbe dei bei calci nel fondo schiena e un bel licenziamento in tronco non farebbe affatto male.
    • Calibi scrive:
      Re: buona uscita????
      - Scritto da: kitt
      Buona uscita a manager che fanno andare male le
      aziende?? Allora tutto il mondo è paese. Fosse
      per me prenderebbe dei bei calci nel fondo
      schiena e un bel licenziamento in tronco non
      farebbe affatto
      male.Nel mondo dei liberi professionisti specializzati è così. Tu puoi stilare un contratto che prevede che se il tuo avvocato difensore non ti tira fuori di prigione non lo paghi. E nessun avvocato difensore si farà mai vivo, ce ne fossero pure un milione sulla piazza. :-)I top manager sanno fare cose che pochi altri sono in grado di fare, o comunque questo ci vogliono far credere, io non ho esperienza nel campo. E quiondi le loro pretese economiche sono in proporzione.
      • Izio01 scrive:
        Re: buona uscita????
        - Scritto da: Calibi
        - Scritto da: kitt

        Buona uscita a manager che fanno andare male
        le

        aziende?? Allora tutto il mondo è paese.
        Fosse

        per me prenderebbe dei bei calci nel fondo

        schiena e un bel licenziamento in tronco non

        farebbe affatto

        male.

        Nel mondo dei liberi professionisti specializzati
        è così. Tu puoi stilare un contratto che prevede
        che se il tuo avvocato difensore non ti tira
        fuori di prigione non lo paghi. E nessun avvocato
        difensore si farà mai vivo, ce ne fossero pure un
        milione sulla piazza.
        :-)
        Sbagli. In USA le pagine gialle sono piene di pubblicità di studi legali specializzati in cause sanitarie, che fanno quello che hai appena descritto. Tu non li paghi direttamente, bensì tramite una percentuale sul risarcimento in caso di vittoria (e quindi niente in caso di sconfitta).Ovviamente c'è di mezzo una valutazione del rischio: se tu hai torto evidente e non c'è nessuna possibilità che tu vinca, mica ti difenderanno.
        I top manager sanno fare cose che pochi altri
        sono in grado di fare, o comunque questo ci
        vogliono far credere, io non ho esperienza nel
        campo. E quiondi le loro pretese economiche sono
        in proporzione.In questo caso il problema non sono le pretese economiche in sé ma gli incentivi legati a risultati NEGATIVI.
        • Calibi scrive:
          Re: buona uscita????


          Nel mondo dei liberi professionisti
          specializzati

          è così. Tu puoi stilare un contratto che prevede

          che se il tuo avvocato difensore non ti tira

          fuori di prigione non lo paghi. E nessun
          avvocato

          difensore si farà mai vivo, ce ne fossero pure
          un

          milione sulla piazza.

          :-)



          Sbagli. In USA le pagine gialle sono piene di
          pubblicità di studi legali specializzati in cause
          sanitarie, che fanno quello che hai appena
          descritto. Tu non li paghi direttamente, bensì
          tramite una percentuale sul risarcimento in caso
          di vittoria (e quindi niente in caso di
          sconfitta).Tolto che l'America ha regole sue proprie in questioni simili, che dubito siano applicabili altrove, siamo sempre nell'ambito dei giudizi che hanno un valore predeterminato (e in genere molto alto). Tanto per dire: se la causa è una bagatella come il diritto d'uso del sentiero che porta alla villetta, e che non è monetizzabile, l'avvocato chiederà una parcella indipendentemente dall'esito. Un avvocato deve lavorare a un proXXXXX penale anche quando sa che il suo assistito non ha speranza, per ottenere una pena "umana".
          Ovviamente c'è di mezzo una valutazione del
          rischio: se tu hai torto evidente e non c'è
          nessuna possibilità che tu vinca, mica ti
          difenderanno.Avrei anche da ridire sulla clausola che in caso di perdita della causa non incassano nulla... Mah... Sospetto sia un modo di dire: nel senso che un piccolo anticipo il cliente lo deve dare. E non lo rivede più.

          I top manager sanno fare cose che pochi altri

          sono in grado di fare, o comunque questo ci

          vogliono far credere, io non ho esperienza nel

          campo. E quiondi le loro pretese economiche sono

          in proporzione.

          In questo caso il problema non sono le pretese
          economiche in sé ma gli incentivi legati a
          risultati
          NEGATIVI.Sono questioni che ovviamente si discutono in sede di stesura del contratto e di discussione degli obiettivi. Però torniamo al discorso di partenza: se il pagamento è negato in caso di fallimento o di risultati deludenti, il manager si trova un altro incarico. E l'azienda si deve affidare a uno scalzacani, e rifare la trafila daccapo.
          • tucumcari scrive:
            Re: buona uscita????
            - Scritto da: Calibi
            E l'azienda si deve
            affidare a un <s
            o </s
            altro scalzacani, e rifare la trafila
            daccapo.Quello di prima già scalzacani era se i risultati sono negativi.Tra due scalzacani meglio quello che costa meno...
          • tucumcari scrive:
            Re: buona uscita????
            Ovvio, si può sostituire con uno che si fa sgamare subito. Magari per quelle cose è portato, chissà... ;-)
    • bradipao scrive:
      Re: buona uscita????
      - Scritto da: kitt
      Buona uscita a manager che fanno andare male le
      aziende?? Allora tutto il mondo è paese.Ti sbagli, in questo caso si parla di fuoriclasse, a cui sono bastati meno di due anni per finire di azzoppare, ammanettare e consegnare un colosso come Nokia. Con superbonus per l'impresa ed un posto sicuro nella nuova realtà.Da noi, a parte l'exploit di MPS, le agonie di Telecom e Alitalia sono durate / durano molto di più.
      • MacGeek scrive:
        Re: buona uscita????
        - Scritto da: bradipao
        - Scritto da: kitt

        Buona uscita a manager che fanno andare male le

        aziende?? Allora tutto il mondo è paese.

        Ti sbagli, in questo caso si parla di
        fuoriclasse, a cui sono bastati meno di due anni
        per finire di azzoppare, ammanettare e consegnare
        un colosso come Nokia. Con superbonus per
        l'impresa ed un posto sicuro nella nuova
        realtà.In effetti ha fatto un capolavoro.Ma questi finlandesi possibile siano così ingenui??Qui saremo dei XXXXXni, ma che un uomo M$ potesse fare solo danni in Nokia e lavorasse per il 'nemico' l'avevamo previsto un po' tutti.
        • bubba scrive:
          Re: buona uscita????
          - Scritto da: MacGeek
          - Scritto da: bradipao

          - Scritto da: kitt


          Buona uscita a manager che fanno andare
          male
          le


          aziende?? Allora tutto il mondo è paese.



          Ti sbagli, in questo caso si parla di

          fuoriclasse, a cui sono bastati meno di due
          anni

          per finire di azzoppare, ammanettare e
          consegnare

          un colosso come Nokia. Con superbonus per

          l'impresa ed un posto sicuro nella nuova

          realtà.

          In effetti ha fatto un capolavoro.

          Ma questi finlandesi possibile siano così
          ingenui??
          Qui saremo dei XXXXXni, ma che un uomo M$ potesse
          fare solo danni in Nokia e lavorasse per il
          'nemico' l'avevamo previsto un po'
          tutti.forse la casalinga finlandese sara' ingenua... ma per loro sicuramente era chiarissimo... i manager Nokia avevano pasticciato (maemo/moblin-
          meego ,symbian^N ecc)e poi erano andati in panico (guardando i trend degli iCosi).. e hanno chiesto soldi da un usuraio... quello glieli ha dati, ma poi si sa come finisce..Tra l'altro, strano che P.I. abbia saltato questa notizia[1] gg fa... era passibile di un buon numero di commenti :)[1] http://bits.blogs.nytimes.com/2013/09/13/behind-microsoft-deal-the-specter-of-a-nokia-android-phone/?_r=1&
        • Paolo T. scrive:
          Re: buona uscita????
          Guardando i ruoli del CdA Nokia, penso che sia stato un capolavoro strategico. Gli scandinavi sono quasi tutti tecnici, mentre gli amministrativi sono quasi tutti americani. Si sono costruiti un board su misura.
        • The Dude scrive:
          Re: buona uscita????

          Qui saremo dei XXXXXni, ma che un uomo M$ potesse
          fare solo danni in Nokia e lavorasse per il
          'nemico' l'avevamo previsto un po'
          tutti.beh, potevi mandargli una mail...
Chiudi i commenti