Ancora polemica sul CEO di Mozilla

Brendan Eich non ha avuto un esordio semplice. Ancora prima che potesse fare alcunché per Firefox, ci sono utenti e dipendenti che chiedono le sue dimissioni. E in tre hanno lasciato il consiglio di amministrazione
Brendan Eich non ha avuto un esordio semplice. Ancora prima che potesse fare alcunché per Firefox, ci sono utenti e dipendenti che chiedono le sue dimissioni. E in tre hanno lasciato il consiglio di amministrazione

Le unioni civili gay, o matrimoni gay che dir si voglia, come metro di giudizio su un CEO di un’azienda IT: Brendan Eich, appena nominato al vertice di Mozilla Foundation, ha il suo bel da fare in queste ore a cercare di tamponare la polemica che infuria in Rete. Polemica che lo vede contrapposto, piuttosto inerme, a un gran numero di navigatori e alcuni dipendenti Mozilla che ne chiedono a gran voce le dimissioni : motivo del contendere, il supporto anni fa di Eich a un comitato referendario a favore del divieto di celebrazione delle nozze tra individui dello stesso sesso in California, sostegno da lui mai smentito e mai rinnegato. Ma non è l’unico motivo di attrito, tanto che tre consiglieri della board della Foundation hanno rassegnato le dimissioni proprio in concomitanza con la nomina del nuovo CEO.

A dirla tutta, Eich ha provato a smorzare la polemica prima che divampasse in queste ore: sul suo blog ha pubblicato un lungo post in cui spiegava di avere tutte le intenzioni di collaborare con il mondo LGBT per garantire la massima inclusione e rispetto della comunità omosessuale tra i ranghi dei dipendenti Mozilla e non solo. “Vi chiedo solo il tempo per dimostrarlo – scrive Eich – e allo stesso tempo chiedo scusa per il disagio che vi ho arrecato”. Il CEO poi si inoltra nel ribadire che tutte le policy aziendali anti-discriminazione, nonché i vari benefit estensibili ai partner di qualsiasi sesso, rimarranno inalterate e saranno anzi da lui difese da eventuali abusi o attacchi. Il tutto per mantenere Mozilla “una comunità aperta e tollerante”. Parole che, pare, siano cadute nel vuoto .

In queste ore sono fioriti su Twitter gli interventi di dipendenti e simpatizzanti Mozilla a sfavore del CEO appena nominato. Chiedono, senza mezzi termini, le dimissioni dal ruolo di Eich : quest’ultimo, in effetti, non ha negato le proprie opinioni contrarie alle unioni gay, né ha rinnegato le donazioni (in totale poco più di 3.000 dollari) effettuate a favore della causa che oggi è all’origine di questa polemica. D’altra parte, non si può negare che tutti abbiano evitato di tirare in ballo la competenza o l’autorevolezza di Eich, per negare che sia adatto a ricoprire la posizione di CEO di Mozilla: la questione ruota soltanto attorno alla questione dei diritti civili. Altri dipendenti Mozilla, comunque, hanno cinguettato per sostenere Eich e ribadire di non aver mai avuto problemi di discriminazione lavorando spalla a spalla con lui.

Nell’intera vicenda, che di sicuro non fa bene alla popolarità della community che ruota attorno al panda rosso, va segnalata la posizione trasparente e apparentemente molto aperta di Mozilla : la Foundation ha fatto sapere che ascolterà tutte le voci di dissenso che si alzeranno in questo frangente, e non saranno previste (almeno a parole) ritorsioni nei confronti di quanti si esporranno pubblicamente criticando il CEO. Una posizione, dunque, estremamente tollerante: difficilmente tutte le altre aziende, della Silicon Valley e non, terrebbero un approccio simile in una vicenda che sta acquisendo sempre più l’attenzione dei media e del pubblico. Posizione che però è “intorbidita” dalle dimissioni di Gary Kovacs e John Lilly (due ex-CEO di Mozilla), e quelle di Ellen Siminoff: la loro uscita di scena sarebbe legata ancora alla figura e alla nomina di Eich, dice il Wall Street Journal , poichè avrebbero preferito qualcun altro sulla massima poltrona della Foundation.


!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0],p=/^http:/.test(d.location)?’http’:’https’;if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=p+”://platform.twitter.com/widgets.js”;fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,”script”,”twitter-wjs”);

Luca Annunziata

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

31 03 2014
Link copiato negli appunti