Android, input a mano libera

In luogo della digitazione, la scrittura tradizionale: Google ha messo a disposizione una nuova modalità di input. Sa interpretare anche le emoji

Roma – L’abitudine alla scrittura a mano potrà essere esercitata anche su Android: l’app Google Scrittura a mano libera aggiunge un nuovo strumento ai canali di input della tastiera e del riconoscimento vocale, offrendo agli utenti la possibilità di rivolgersi al proprio dispositivo con svolazzi in punta di dita.

Scrittura a mano

A comunicare la disponibilità dell’applicazione per dispositivi Android 4.0.3 o superiori è l’Handwriting Team sul blog di Google Research: basata su una combinazione di tecnologie OCR e modelli per il deep learning che attingono ed elaborano dati su larga scala, su precedenti implementazioni nel contesto di singole app e su lunghi anni di lavoro, lo strumento è ora pronto ad affiancarsi agli altri sistemi di input su Android.

Oltre all’inglese, supporta 81 lingue in un pacchetto da scaricare separatamente, riconosce corsivo e stampatello, sa interpretare le emoji e promette di non giudicare la calligrafia: tracciando con lo scorrimento delle dita o di un pennino le lettere della parola che si intende scrivere, l’applicazione propone progressivamente delle combinazioni di caratteri che provano a darle un senso. È possibile tarare i tempi di riconoscimento delle parole, ma i confini dello spazio di scrittura sono angusti, soprattutto per i tentatii di composizione rapdia in punta di dita.

L’applicazione funziona anche offline, ma risultati più accurati sono garantiti con il riconoscimento cloud, che in ogni caso si può abilitare e disabilitare a piacere.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Leguleio scrive:
    Ma guarda...
    " ...fino ad arrivare a coinvolgere il progetto Internet.org. Tramite questo progetto, infatti, Facebook intende portare un'offerta di connessione gratuita nel paese, legata a specifici contenuti e servizi ".È incredibile l'aggressività con cui le multinazionali Usa - e forse non solo quelle, tutte quante - conquistano quote di mercato in giro per il mondo, in particolare nei Paesi in via di sviluppo.È di una quindicina di anni fa la politica di far avere gratis un pacchetto di sigarette con il biglietto di ingresso in discoteche alla moda in Sri Lanka. I produttori di sigarette, non potendo più espandere il mercato in patria, a causa di leggi sempre più restrittive contro il tabagismo, hanno iniziato a espanderlo in Paesi in via di sviluppo con questi sistemi: ed è impressionante la somiglianza con la connessione gratuita offerta da Zuckerberg. Come erano saggi i nostri nonni, che ci dicevano che se qualcuno ti offre qualcosa gratis, bisogna andare dai carabinieri. ;)
    • prova123 scrive:
      Re: Ma guarda...
      Sono pienamente d'accordo. Accetterei solo se oltre alle spese ricevessi in aggiunta 50 euro/mese.
    • ... scrive:
      Re: Ma guarda...
      - Scritto da: Leguleio
      Come erano saggi i nostri nonni, che ci dicevano
      che se qualcuno ti offre qualcosa gratis, bisogna
      andare dai carabinieri.
      ;) ;) ;) :| ;) ;) :@ ;) :@ ;) :| ;) :| ;) :| ;) :| :s ;) :( ;) :( ;) :( ;) :s
    • vcbxcvbxcbb vc scrive:
      Re: Ma guarda...
      - Scritto da: Leguleio
      " ...fino ad arrivare a coinvolgere il progetto
      Internet.org. Tramite questo progetto, infatti,
      Facebook intende portare un'offerta di
      connessione gratuita nel paese, legata a
      specifici contenuti e
      servizi ".

      È incredibile l'aggressività con cui le
      multinazionali Usa - e forse non solo quelle,
      tutte quante - conquistano quote di mercato in
      giro per il mondo, in particolare nei Paesi in
      via di
      sviluppo.
      È di una quindicina di anni fa la politica di far
      avere gratis un pacchetto di sigarette con il
      biglietto di ingresso in discoteche alla moda in
      Sri Lanka. I produttori di sigarette, non potendo
      più espandere il mercato in patria, a causa di
      leggi sempre più restrittive contro il tabagismo,
      hanno iniziato a espanderlo in Paesi in via di
      sviluppo con questi sistemi: ed è impressionante
      la somiglianza con la connessione gratuita
      offerta da Zuckerberg.


      Come erano saggi i nostri nonni, che ci dicevano
      che se qualcuno ti offre qualcosa gratis, bisogna
      andare dai carabinieri.
      ;)aspetta, hai scritto qualcosa di sensato; cosa ti sta succedendo?
    • ... scrive:
      Re: Ma guarda...
      - Scritto da: Leguleio
      " ...fino ad arrivare a coinvolgere il progetto
      Internet.org. Tramite questo progetto, infatti,
      Facebook intende portare un'offerta di
      connessione gratuita nel paese, legata a
      specifici contenuti e
      servizi ".

      È incredibile l'aggressività con cui le
      multinazionali Usa - e forse non solo quelle,
      tutte quante - conquistano quote di mercato in
      giro per il mondo, in particolare nei Paesi in
      via di
      sviluppo.
      È di una quindicina di anni fa la politica di far
      avere gratis un pacchetto di sigarette con il
      biglietto di ingresso in discoteche alla moda in
      Sri Lanka. I produttori di sigarette, non potendo
      più espandere il mercato in patria, a causa di
      leggi sempre più restrittive contro il tabagismo,
      hanno iniziato a espanderlo in Paesi in via di
      sviluppo con questi sistemi: ed è impressionante
      la somiglianza con la connessione gratuita
      offerta da Zuckerberg.


      Come erano saggi i nostri nonni, che ci dicevano
      che se qualcuno ti offre qualcosa gratis, bisogna
      andare dai carabinieri.
      ;)un po' come i commenti che con profusione elargisci gratuitamete qui dentro, senza che peraltro ci sia alcuno che te li chieda. già già già....
Chiudi i commenti