Android Wear, ora con supporto ufficiale per iOS

I più recenti dispositivi indossabili animati da Android Wear possono essere accoppiati anche con uno smartphone iOS, ha annunciato Google. La compatibilità con i vecchi smartwatch è possibile ma non è garantita

Roma – Google ha deciso di aprire le porte della piattaforma Wear ai gadget di Apple, un connubio apparentemente limitato ai nuovi dispositivi indossabili – almeno ufficialmente – ma comunque in grado di garantire la stessa esperienza “nativa” disponibile sugli smartphone Android.

Android Wear e iOS

Android Wear for iOS è la nuova app di Google che permette, una volta installata su un iPhone recente (5, 5C, 5S, 6, 6 Plus) equipaggiato con iOS 8.2, di effettuare il pairing fra smartphone e gadget con sistema Wear e quindi avere accesso a tutte le funzionalità.

Si tratta, pur considerando i numeri del mercato del wearable , di un’apertura importante che spezza le politiche lock-in sin qui seguite dai produttori di gadget hi-tech, una pratica che costringeva gli utenti di smartphone Apple o Android ad acquistare necessariamente corrispettivi wearable di Cupertino o basati su Android Wear per la piena compatibilità tra i dispositivi.

La compatibilità di Android Wear su iOS e gadget Wear si limita all’LG Watch Urbane e ai “tutti i futuri dispositivi Android Wear”, ha spiegato Google, mentre l’esperienza di accesso alle informazioni e controllo remoto da iOS dovrebbe essere più o meno simile a quella disponibile su terminali Android.

Una prima avvisaglia della nuova compatibilità tra iOS e Android Wear si era avuta nei giorni scorsi leggendo tra le specifiche dello Huawei Watch , il nuovo smartwatch extra-lusso da 800 dollari in arrivo in questi giorni; per quanto riguarda la possibilità di usare gadget Wear meno recenti, poi, i primi esperimenti confermano la compatibilità “ufficiosa” di Motorola Moto 360 e degli smartwatch di LG (G Watch, G Watch R).

Google potrebbe in futuro “chiudere” la scappatoia che al momento permette di usare la nuova app con i vecchi smartwatch, ma ancora più interessanti da valutare sono i possibili effetti che la compatibilità tra Wear e iOS potrebbe avere sul mercato dei gadget indossabili. Un mercato dove ad esempio i prodotti Pebble cominciano a soffrire la concorrenza di Google e Apple.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fadr scrive:
    orologi
    Possono solo sognare di saturare il mercato come hanno fatto con i telefoni. Frega niente alla gente dei 'rologi pseudo smart.
Chiudi i commenti