Apple aggiorna iPod mini e photo

La regina dei player audio portatili ha introdotto nuovi modelli di iPod mini e iPod photo e, con l'occasione, ne ha ridotto sensibilmente i prezzi. Tra le novità, un nuovo iPod mini da 6 GB e un iPod photo più sottile

Cupertino (USA) – Stessa qualità a minor costo. E’ questo il motto che accompagna sul mercato due nuove versioni di iPod mini e due di iPod photo, i famosi gadget di Apple dedicati rispettivamente al segmento dei player audio ultraportatili e dei media player da taschino con funzionalità di album digitali.

Sotto il case in alluminio del nuovo modello top di iPod mini gira un hard drive del 50% più capiente, utilizzabile per archiviare fino a 6 GB di musica, foto o dati. L’altro modello conserva invece un disco da 4 GB ma, rispetto a prima, costa sensibilmente meno: 209 euro contro il prezzo di lancio di 279 euro. La versione da 6 GB la si può invece portare a casa per 259 euro.

Per contribuire a ridurre il prezzo dei nuovi modelli di iPod mini, Apple ha tolto dalla loro confezione il cavo FireWire e il caricabatterie da viaggio, ora disponibili solo come optional. Restano invece inclusi il cavo USB 2.0, le cuffie e la clip da cintura.

Oltre al prezzo, l’altra grande novità dei nuovi playerini con la mela è l’autonomia dichiarata, che passa da 8 a ben 18 ore: più o meno il tempo di percorrenza – ha sottolineato Apple – della tratta aerea più lunga al mondo. Il tempo di carica della nuova batteria è ora superiore alle due ore.

l'iPod mini Nella famiglia iPod photo la massima capacità di archiviazione resta di 60 GB, in compenso Apple ha martellato i prezzi e ha aggiunto una versione “ultrasottile” da 30 GB. Ora il modello da 60 GB costa 479 euro, contro i precedenti 679, e la versione da 30 GB (che dovrebbe rimpiazzare il vecchio modello da 40 GB) costa invece 379 euro.

Anche in questo caso Apple ha deciso di “alleggerire” il bundle di accessori standard eliminando il dock, acquistabile separatamente per 39 euro.

Tra gli accessori opzionali è invece spuntato l’iPod Camera Connector, che permette di connettere una fotocamera digitale all’iPod photo in modo diretto, senza l’intermediazione di un computer. La periferica verrà commercializzata alla fine di marzo ad un prezzo di 29 euro.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Notizia scorretta?
    infatti, e qua sul forum come al solito la gente si è scatenata sputando sentenze e ridicollizzando sommariamente un intero paese... a quanto pare alla gente piace parlare senza cognizione di causa... il bello è che quando lo fanno i politici nostrani sono i primi a criticarli... :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma Douglas Adams
    addio, e grazie per tutto il pesce...- Scritto da: TPK
    si sara' ispirato agli australiani quando ha
    descritto i Golgafrinchiani?
  • Anonimo scrive:
    in che senso?
    volentieri, ma come? non capisco scusaciao
  • Anonimo scrive:
    Re: www.securstar.com
    - Scritto da: Anonimo
    dcpp... e passa la paurasicome io sono dcppdipendente.... rassicurami ancora, ti prego!:)
  • Anonimo scrive:
    Traffico in rete
    Ho idea che questi ministri siano dei topi da biblioteca e non abbiano idea di cosa sia veramente internet.Il provider deve servire ESCLUSIVAMENTE a connettere un computer alla rete. Ed avendo una linea adsl a pagamento, voglio avere una piena disponibilità di usare tutti i protocolli e le porte disponibili, e poter fare tutte le ricerche che ritengo opportune.Un metodo per monitorare il traffico su internet sarebbe quello dello "sniffing", ossia intercettare i pacchetti di dati che un utente scambia con un server x.Personalmente se io scoprissi che il mio traffico in rete fosse limitato dal mio provider mediante l'uso di sniffer, filtri, controllo o blocco delle porte e di tutti i protocolli di rete, non esiterei a sospendere l'abbonamento e a presentare denuncia per violazione della privacy.In altre parole, voglio la PIENA DISPONIBILITA' di un servizio che pago, le malefatte degli altri utenti non mi interessano.
  • Anonimo scrive:
    Re: semplicemente assurdo
    - Scritto da: Anonimo
    Dovrebbero fare come fanno con i sistemi
    anti-spam integrati nei loro server di
    posta. Non controllare cosa stai facendo ma
    impedire a ogni pc collegato nella loro rete
    di accedere a tutti gli ip di siti
    pornografici!

    Peccato che l'italia (intesa come provider)
    viva del traffico generato dal
    porno/pedo-porno/p2p illegale... ecc...
    Non ti piacciono i siti porno??Beh; devi solo fare un cosa: non andarci , e chi ti obbliga??Anzi per me potresti pure rinunciare ad internet., e sorbirti i programmi di mamma tv.
  • Anonimo scrive:
    Re: ben venga, ma attenzione
    - Scritto da: Segfault
    - Scritto da: Anonimo


    Finche si fermano al pedoporno
    ben-vengano i

    controlli,

    Hmmmm... interessante questa tua idea...
    Quindi diciamo che, siccome a te il
    pedoporno da fastidio, allora ben vengano i
    filtri al riguardo...
    Ora dimmi, quanto tempo passerà prima
    che qualcos'altro dia fastidio a
    qualcun'altro e sia anch'esso filtrato?

    Diciamo che per esempio un giorno si decida
    che le foto gay sono contrarie alla morale e
    quindi si imponga ai provider di
    filtrarle... magari un altro giorno si
    decide che i testi riguardanti informazioni
    che possono essere usate dai terroristi
    debbano venire filtrate... magari un altro
    giorno ancora tutto il porno verrà
    filtrato perché non piace a
    qualcun'altro... un altro giorno si potranno
    filtrare informazioni politiche
    perché... chessò... in periodo
    di elezioni e quindi secondo la legge
    italiana i media non debbono fare propaganda
    politica... infine un giorno si censureranno
    tutte quelle informazioni che direttamente o
    indirettamente offendono la
    sensibilità di qualcun'altro in un
    qualche modo, oppure magari perché
    offendono il governo, o una determinata
    forma di governo... ecc...

    L'unico modo per evitare che questo accada
    è NON INIZIARE a fare questi filtri.
    Indipendentemente dalla materia che
    riguardano.

    Quindi non esiste i "benvengano fintanto
    che".

    Bye,
    LucaE allora che le forze dell'ordine facciano retate ai dipartimenti di fisica delle varie università italiane: li c'è gente che la bomba atomica te la costruiscono sul serio se gli procuri del materiale fissile (U235/Pu239):D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D
  • Anonimo scrive:
    Si ed intanto esiste anche il GF dei
    http://www.repubblica.it/2005/b/sezioni/spettacoli_e_cultura/curatv/realaustralia/realaustralia.htmlIl grande fratello dei bambini!Che bravi questi austrialiani ! Non ho parole ! :|
  • Anonimo scrive:
    Quello che mi fa più incazzare.....
    Che il fenomeno della pedofilia più che essere combattuto in modo efficace stia diventando per qualcuno un modo per qualcuno di mettere sotto controllo la popolazione e quindi distruggere la privacy!Non è che si vogliono nascondere i veri motivi o nascondere i pezzi grossi del fenomeno ? :@Pedofilia, pirateria, terrorismo : ogni scusa è lecita per metterti sotto controllo! Strumentalizzare tali fenomeni è da criminali ! :@
  • Anonimo scrive:
    Re: ben venga, ma attenzione
    - Scritto da: Anonimo
    Finche si fermano al pedoporno ben-vengano i
    controlli, Hmmmm... interessante questa tua idea...Quindi diciamo che, siccome a te il pedoporno da fastidio, allora ben vengano i filtri al riguardo...Ora dimmi, quanto tempo passerà prima che qualcos'altro dia fastidio a qualcun'altro e sia anch'esso filtrato?Diciamo che per esempio un giorno si decida che le foto gay sono contrarie alla morale e quindi si imponga ai provider di filtrarle... magari un altro giorno si decide che i testi riguardanti informazioni che possono essere usate dai terroristi debbano venire filtrate... magari un altro giorno ancora tutto il porno verrà filtrato perché non piace a qualcun'altro... un altro giorno si potranno filtrare informazioni politiche perché... chessò... in periodo di elezioni e quindi secondo la legge italiana i media non debbono fare propaganda politica... infine un giorno si censureranno tutte quelle informazioni che direttamente o indirettamente offendono la sensibilità di qualcun'altro in un qualche modo, oppure magari perché offendono il governo, o una determinata forma di governo... ecc...L'unico modo per evitare che questo accada è NON INIZIARE a fare questi filtri. Indipendentemente dalla materia che riguardano.Quindi non esiste i "benvengano fintanto che".Bye, Luca
  • Sandino scrive:
    Re: e allora
    - Scritto da: ishitawa
    e allora puniamo le telecom di tutto il
    mondo se non impediscono con i loro telefoni
    o cellulari
    - di fare telefonate minatorie
    - di fare telefonate di richiesta riscatto
    in caso di rapimento
    - etc.etc
    ovviamente anche le poste dovranno fare
    altrettantoovviamente il CdA della Beretta Armi va condannato in blocco all'ergastolo....quante gente viene uccisa da pistole beretta?e la fiat per gli omicidi che uno potrebbe commettere investendo persone?
  • shevathas scrive:
    Re: semplicemente assurdo
    - Scritto da: Anonimo
    Dovrebbero fare come fanno con i sistemi
    anti-spam integrati nei loro server di
    posta. Non controllare cosa stai facendo ma
    impedire a ogni pc collegato nella loro rete
    di accedere a tutti gli ip di siti
    pornografici!
    bella cavolata, alcune cosette caro il mio demagogoad uno stesso ip possono corrispondere più siti: per oscurare www.sitoporno.it oscuri anche tutti i siti non porno ospitati in quel server ?come fai a stabilire se un sito è porno in maniera automatica? o censuri qualsiasi sito contenga parole come "cazzo" "fottere" etc. etc. ?e i falsi positivi? come la mettiamo ?
    Peccato che l'italia (intesa come provider)
    viva del traffico generato dal
    porno/pedo-porno/p2p illegale... ecc...
    allora la pornografia è legale non è proibita dalla legge, che sia indecente è un'altro paio di maniche ma nessuno ti obbliga a comprare e/o navigare nel porno.ho come l'impressione che tu sia uno di quelli che vogliono usare la pedoponografia come il pretesto per la "moralizzazione" della rete.
  • Anonimo scrive:
    www.securstar.com
    dcpp... e passa la paura
  • Anonimo scrive:
    inutile e dannoso...
    Si apre un sito pedo-pornografico?OK lasciamo che venga aperto ed indaghiamo ed arrestiamo i responsabili di tale crimine.Oppure condanniamo i gioiellieri per tutti gli omicidi che accadono durante una rapina.Il ragionamento e' lo stesso, un provider fornisce dello spazio sul web e nel contratto di utilizzo il cliente si impegna a pubblicare solo contenuti leciti, se il cliente pubblica contenuti illeciti senza la complicita ed all'insaputa del provider non capisco perche' questo ci debba andare di mezzo.
  • Anonimo scrive:
    La solita scusa
    Come al solito la schifezza pedoporno viene brandita come scusa (perché di semplice scusa si tratta, purtroppo, neppure di reale interesse ad una soluzione definitiva) per censurare e per farsi belli con leggi assurde e/o liberticide davanti algi elettori.Ma perché non costringiamo a pagare l'ANAS e la Società Autostrade per ogni fuga in auto dopo una rapina?Cose che nessuno si sognerebbe di proporre per altri campi, pena il dileggio, chissà perché vengono proposte ad ogni piè sospinto per "regolamentare" Internet.....La libertà di informazione è pericolosa e assai fastidiosa, vero ?-Zoroastro-
  • Anonimo scrive:
    Sono in pericolo
    E si, sono davvero nei guai.Purtroppo sono zio "adottivo" (nel senso che entrambi i genitori sono due miei vecchi amici) di due stupendi pargoli - un maschietto e una femminuccia.Il papà di questi due stupendi frugoletti ha l'hobby "malsano" della fotografia, è quasi a intervalli regolari manda a me e ad altri nostri amici alcune foto compromettenti che ritraggono alcuni momenti più o meno intimi dei due pargoli. Se cerco bene dovrei avere un paio di foto di bagnetto con tanto di paperella gialla, o al limite una qualche seduta (nel vero senso del termine) sul vasetto :))E chi glielo spiega al magistrato che quelle non sono foto pedo-pornografiche?In fin dei conti penso che potrei dimostrare di essere una persona dalla moralità "sana", anche se ho paura che un paio di giorni in cella non me li tolga nessunoMagari con con tanto di foto in prima pagina sui quotidiani e titoli del tipo "Preso il mostro che mangia bambini su internet".Ma è solo questione di tempo, sono convinto che alla fine tutto andrà a finire per il meglio.Di sicuro i giornali riporteranno anche la notizia del mio rilascio (in quarta pagina e in un trafiletto minuscolo... ma che c'entra, bisogna sapersi accontentare).E tutto questo per cosa? Per un "intelligente" legislatore che, cavalcando l'onda del populismo e della ignoranza, cerca di farsi bello e di accaparrarsi consenso.Un "brillante" legislatore che ha promosso sul campo il mio provider rendendolo di fatto uno sceriffo, costringendolo a intervenire e a denunciare ogni presunto abuso (minacciandolo magari di rifarsi duramente su di lui in caso di non intervento)Un legislatore ignorante, che non sa nemmeno di che cosa parla.Visto che purtroppo certi comportamenti di "arruffianamento elettorale" sono soggetti a escalation, spero che un collega di questa "stupenda mente politica" non arrivi, ad esempio, a proporre una legge che costringa tutte le centraliniste a origliare le nostre conversazioni telefoniche.....Come dite? Ci sono già state lamentele in italia a proposito di eccessive richieste di intercettazioni telefoniche? Ma allora....Non c'è dubbio: sono in pericolo (e lo siete anche voi!)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ricapitolando
    - Scritto da: TPK
    - Costringono gli ISP a ricercare i criminali
    - Vietano videogiochi violenti che
    potrebbero spingere a comportamenti
    criminali
    - Lasciano perquisire alle major i
    pericolosi criminali produttori di Kazaa.perchè limitarsi al dopo, facciamo qualcosa anche a livello preventivo, ad esempio:- per risolvere il problema degli incidenti limitiamo la velocità di tutte le automobili tramite opportuno dispositivo a 90 km orari; se qualcuno supera il limite, la multa ovviamente la paga la fiat....- per far contente le mamme rock del moige, instauriamo il corpifuoco il sabato sera per tutti i minori di 40 anni; naturalmente se qualcuno venisse trovato spiaccicato su un palo per aver violato il coprifuoco, in galera ci va a finire la portiera o il portiere del palazzo dove abitava la vittima...vorrei continuare, ma ad onor del vero non ho modo di rintracciare il pusher australiano vera causa di tutto questo... (dopo tutto la mia follia ha un limite, quella di qualcun altro pare proprio di no)
  • Anonimo scrive:
    Re: semplicemente assurdo
    - Scritto da: Anonimo
    Dovrebbero fare come fanno con i sistemi
    anti-spam integrati nei loro server di
    posta. Non controllare cosa stai facendo ma
    impedire a ogni pc collegato nella loro rete
    di accedere a tutti gli ip di siti
    pornografici!
    ah già, e chi li aggiorna gli "ip di siti pornografici"?
    Peccato che l'italia (intesa come provider)
    viva del traffico generato dal
    porno/pedo-porno/p2p illegale... ecc...
    e certo, come no... dimentichi i manuali di coltivazione di marijuana, le istruzioni su come costruire ordigni nucleari, le strategie di terrorismo e di sabotaggio....sveglia! sono anni che porto avanti la mai tesi: internet è un mezzo di comunicazione, più complesso di un telefono o di un fax ma di fatto euiparabile sotto ogni punto di vistanon dobbiamo in alcun modo accettare che la nostra libertà di comunicazione venga limitata, anche per il fine più nobile
  • Anonimo scrive:
    Re: semplicemente assurdo

    Peccato che l'italia (intesa come provider)
    viva del traffico generato dal
    porno/pedo-porno/p2p illegale... ecc... Quali elementi ti portano a fare un affermazione di questo tipo contro i provider?E' vero che un'edicola o un noleggio di Vhs/Dvd guadagnano anche grazie al porno, è vero che se non ci fosse il porno su Internet molti non sanno cosa andare a vedere, o che la Telecom guadagna anche grazie agli 199, ma non credo che si viva solo di questo...
  • Anonimo scrive:
    ridicolo
    Capisco che bisogna fermare questi schifosi malati ma questo è semplicemente ridicolo. Perchè le poste non sono responsabili del materiale pedo spedito con questo mezzo?
  • Anonimo scrive:
    Re: semplicemente assurdo
    - Scritto da: Anonimo
    Dovrebbero fare come fanno con i sistemi
    anti-spam integrati nei loro server di
    posta. Non controllare cosa stai facendo ma
    impedire a ogni pc collegato nella loro rete
    di accedere a tutti gli ip di siti
    pornografici!

    Peccato che l'italia (intesa come provider)
    viva del traffico generato dal
    porno/pedo-porno/p2p illegale... ecc...
    ma sei impazzito ? impedire il porno ?... ma tu sei fuori...
  • Anonimo scrive:
    Re: semplicemente assurdo
  • Anonimo scrive:
    Re: semplicemente assurdo
    Dovrebbero fare come fanno con i sistemi anti-spam integrati nei loro server di posta. Non controllare cosa stai facendo ma impedire a ogni pc collegato nella loro rete di accedere a tutti gli ip di siti pornografici!Peccato che l'italia (intesa come provider) viva del traffico generato dal porno/pedo-porno/p2p illegale... ecc...
  • Anonimo scrive:
    Mai sentito parlare di...
    ....steganografia? e tutti i filtri possono andare al macero...
  • Madder scrive:
    Re: ma che idiota...
    Probabilmente si accorderanno per applicare qualche un filtro sui siti riconosciuti come pedoporno.Quindi un sistema tanto inutile quanto rassicurante per certi idioti. Madder
  • ales19 scrive:
    Re: Il Popolo Australe
    eh si, perche qui i governi brillano per idee sagge e lungimiranti... :)lascia perdere che siamo messi ben peggio noi... :'(
  • Anonimo scrive:
    Re: ben venga, ma attenzione

    Sarei curioso di sapere come si fà a
    filtrare i files pedopornoa manina, te li devi guardare, finché le tecniche di riconoscimento delle immagini non saranno così raffinate da estrapolare completamente la semantica da un flusso di bit
    Finche si fermano al pedoporno ben-vengano i
    controlli, ma ho paura che dopo il pedoporno
    i provider potrebbero essere costretti a
    controllare i files non troppo legali che
    vengono scaricati da ogni utente, per
    passare poi a controllare le ideee per
    catalogare le idee delle persone....il
    grande fratello si avvicina piano piano!!il problema non è tanto quello ma molto più prosaicamente:è lecito che il provider debba farsi carico di un lavoro che spetta ad altri organi?chi lo dice che un povero cristo deve subirsi la violenza psicologica di quelle foto per censurarle al posto degli organi preposti?le leggi devono necessariamente mettere dei paletti ben precisi per normare le questioni che nella realtà dei fatti non sono necessariamente così precisecioé: tralasciando il fatto che alcune foto possano essere indubbiamente riconoscibili e classificabili, senza un'approfondita verifica come fa il provider a determinare che la foto di una 18enne non sia la foto di un 17enne e viceversa?intendiamoci, non si tratta di un discorso capzioso per dire allora non facciamo nulla, se volessimo essere pratici basterebbe agire con buon senso, ma se il provider ne deve rispondere davanti alla legge, quest'ultima che tipo di tutela fornisce per questi casi sul filo di lana?francamente mi sembra che si cerchi di fare lo scarica barile, senza però nessuna speranza di successola notizia era apparsa ieri su /. e tra i vari commenti ricordo qualcuno che diceva che negli stati uniti spesso gli uffici di polizia diventano matti per stabilire se una foto è di una minorenne o meno (proprio sui casi lmite) e spesso devono arrendersi e lasciare perderese non riescono neppure loro, come si può pretendere che lo faccia un ISP?ISP che, per inciso, fa tutt'altro lavoro che stare lì a spazzolarsi un treno di file dei suoi clienti
  • TPK scrive:
    Ma Douglas Adams
    si sara' ispirato agli australiani quando ha descritto i Golgafrinchiani?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ricapitolando
    - Scritto da: TPK
    A quel punto farebbero una legge per
    rinchiudersi tutti in massa in prigione!Attento a non farti sentire da qualche legislatore Texano,potrebbero anche farti governatore ;D
  • Anonimo scrive:
    ben venga, ma attenzione
    Sarei curioso di sapere come si fà a filtrare i files pedopornoFinche si fermano al pedoporno ben-vengano i controlli, ma ho paura che dopo il pedoporno i provider potrebbero essere costretti a controllare i files non troppo legali che vengono scaricati da ogni utente, per passare poi a controllare le ideee per catalogare le idee delle persone....il grande fratello si avvicina piano piano!!I pedofili devono essere combattuti fuori e dentro la rete, ma attenzione a garantire la libertà delle persone!!
  • Anonimo scrive:
    Il Popolo Australe
    Non riesco a capire se e' il caldo, la posizione geografica,l'oceano o forse il caldo deserto australiano, ma ultimamenteho notato che dall'Australia arrivano amenita' di ogni generee sciocchezze cosi' immense da lasciare completamentespiazzati :!Sara' mica per colpa della carne di canguro ?!
  • TPK scrive:
    Ricapitolando
    - Costringono gli ISP a ricercare i criminali- Vietano videogiochi violenti che potrebbero spingere a comportamenti criminali- Lasciano perquisire alle major i pericolosi criminali produttori di Kazaa.Ci vorrebbe qualcuno che li convinca che essendo discendenti di galeotti, sono geneticamente tutti criminali.A quel punto farebbero una legge per rinchiudersi tutti in massa in prigione!
  • Anonimo scrive:
    e allora
    e allora puniamo le telecom di tutto il mondo se non impediscono con i loro telefoni o cellulari- di fare telefonate minatorie- di fare telefonate di richiesta riscatto in caso di rapimento- etc.etcovviamente anche le poste dovranno fare altrettanto
  • shevathas scrive:
    semplicemente assurdo
    in primo luogo le intercettazioni dovrebbe farle solo la forza pubblica, dietro autorizzazione della magistratura. Un provider non è la polizia e non dovrebbe intercettare il traffico dei suoi utenti.Ma se non intercetta il traffico come fa a sapere in che siti i suoi utenti navigano ?E come è possibile controllare e verificare, in maniera automatica, in quanto un controllo a mano sarebbe inimmaginabile per chiunque abbia un minimo di conoscenza tecnica, che un sito contenga materiale pedopornografico ? non credo lo scrivano nei meta-tag.Imho quella della notizia è una non-soluzione buona solo a fare demagogia e tecnicamente inapplicabile, a meno che non si usi la censura preventiva e gli utenti possano navigare solo in una lista di siti "approvati"...brrr... :s
Chiudi i commenti