Apple inciampa ancora sulle batterie

Apple richiama migliaia di batterie ricaricabili vendute per l'uso con alcuni suoi modelli di notebook G4. Il rischio è che le batterie difettose si surriscaldino e inneschino un incendio


Cupertino (USA) – A meno di un anno di distanza dall’ultimo richiamo, Apple ha avviato un nuovo programma di sostituzione delle batterie utilizzate su alcuni modelli di computer portatili con processore G4.

Il ritiro interessa determinate batterie ricaricabili agli ioni di litio vendute in tutto il mondo da ottobre 2004 fino a maggio 2005 e destinate all’uso con gli iBook G4 da 12 pollici e i PowerBook G4 da 12 e 15 pollici. Apple ha spiegato che tali batterie, prodotte in Corea del Sud da LG Chem , possono surriscaldarsi fino a prendere fuoco: ad oggi il pericoloso inconveniente è stato segnalato da sei utenti, ma sembra non aver causato danni alle persone.

Apple ha allestito questa pagina web in cui è possibile verificare se la batteria del proprio portatile è tra quelle difettose e, in caso affermativo, riempire il modulo on-line per la sostituzione gratuita. Apple garantisce tempi di spedizione della nuova batteria compresi fra i 3 e i 5 giorni lavorativi.

“Se siete in possesso di una batteria ritirata, smettete di usarla ed ordinate immediatamente una batteria di ricambio”, si legge sul sito di Apple. “Una volta rimossa la batteria difettosa, usare il trasformatore CA per alimentare il computer”.

Verso la fine dello scorso agosto Apple era già stata costretta a richiamare migliaia di batterie vendute insieme ai propri PowerBook G4 con schermo da 15 pollici: anche il quel caso il costruttore era LG Chem, uno dei più grandi fornitori al mondo di batterie ricaricabili per i computer portatili.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    vantaggi nel tempo
    Credo che un vantaggio dell'open source è che gli aggiornamenti e cambiamenti del software sono legati a necessità reali di soluzione di problemi o di domanda degli utenti (spesso gli autori sono anche utenti) mentre nel software commerciale, specie di largo consumo, aggiornamenti e cambiamenti di versione rispondono, come è giusto, anche a politiche commerciali.In sostanza si riducono i costi di aggiornamento (nuovo acquisto, formazione aggiornamenti collegati) quando l'utente non ne ha bisogno.G:
  • Anonimo scrive:
    Quando si parla di Open Source...
    ...sbuca sempre il nome di SUN, poi IBM e infine hporamai stallman e la sua fondazione non sono più nemmeno presenti nelle note :-sche vomito!viva il software commerciale... quello vero!
    • Anonimo scrive:
      Re: Quando si parla di Open Source...
      - Scritto da: Anonimo
      ...sbuca sempre il nome di SUN, poi IBM e infine
      hp...noti soviet comunisti sovietici
      viva il software commerciale... quello vero!cioè quello che (quasi) tutti piratano ??
      • Anonimo scrive:
        Re: Quando si parla di Open Source...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ...sbuca sempre il nome di SUN, poi IBM e infine

        hp

        ...noti soviet comunisti sovieticidetti anche... "coloro che sfruttano i polli come te"


        viva il software commerciale... quello vero!

        cioè quello che (quasi) tutti piratano ??
        e quanto codice illegittimo è stato trovato nei software open source?per favore, evitiamo commenti autodistruttivi
        • Anonimo scrive:
          Re: Quando si parla di Open Source...
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo


          ...sbuca sempre il nome di SUN, poi IBM e infine


          hp

          ...noti soviet comunisti sovietici.
          detti anche... "coloro che sfruttano i polli come te"Eccone un altro che giudica per sentito dire... A meno che tu sia uno sviluppatore open e ti senta sfruttato.Chissa' perche' questi discorsi li fa' sempre gente che non ha vissuto la cosa, piace tanto parlare di quello che non si sa vero ???


          viva il software commerciale... quello vero!

          cioè quello che (quasi) tutti piratano ??
          e quanto codice illegittimo è stato trovato nei
          software open source?Capita... E quando viene trovato viene tolto o succede un casin, certo fosse cosi' facile e pulito anche il mondo del software closed !
          per favore, evitiamo commenti autodistruttiviTipo ???
        • Anonimo scrive:
          Re: Quando si parla di Open Source...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          ...sbuca sempre il nome di SUN, poi IBM e
          infine


          hp



          ...noti soviet comunisti sovietici

          detti anche... "coloro che sfruttano i polli come
          te"Se non ci fosse l'open source io non lavorerei affatto Fccio: l'integratore/sviluppatore. Al massimo si può dire che coloro che hai nominato qui sopra fanno il mio stesso mestiere


          viva il software commerciale... quello vero!



          cioè quello che (quasi) tutti piratano ??



          e quanto codice illegittimo è stato trovato nei
          software open source?aspetto tue rivelazioni.
          per favore, evitiamo commenti autodistruttivinon cominci molto bene
          • Anonimo scrive:
            Re: Quando si parla di Open Source...
            significa che sei un buono a nulla che da solo non riesce a realizzare nulla di buono
          • Anonimo scrive:
            Re: Quando si parla di Open Source...
            - Scritto da: Anonimo
            significa che sei un buono a nulla che da solo
            non riesce a realizzare nulla di buonoBella risposta: che non c'entra niente, insultante... L'hai pescata sul bignami per troll ???
          • Anonimo scrive:
            Re: Quando si parla di Open Source...
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo


            significa che sei un buono a nulla che da solo

            non riesce a realizzare nulla di buono

            Bella risposta: che non c'entra niente,
            insultante... L'hai pescata sul bignami per troll
            ???quell' imbexxlle non ha mai lavorato in una sw house!
          • Anonimo scrive:
            Re: Quando si parla di Open Source...
            - Scritto da: Anonimo
            significa che sei un buono a nulla
            che da solo
            non riesce a realizzare nulla di buonoma davvero?e nelle software house dove si sfruttano librerie scritte da altri sono tutti dei "nulla di buono"?
          • Anonimo scrive:
            Re: Quando si parla di Open Source...
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            significa che sei un buono a nulla

            che da solo

            non riesce a realizzare nulla di buono
            ma davvero?
            e nelle software house dove si sfruttano librerie
            scritte da altri sono tutti dei "nulla di buono"?Giusto !!! Allora chiunque programmando in c include stdio.h e- lamer !!!:-)
Chiudi i commenti