Apple/ Mactorola e l'iPod nano

di D. Galimberti - A San Francisco, Apple ha svelato i due nuovi prodotti su cui tanto si era speculato nelle scorse settimane: l'erede dell'iPod mini e il tanto preannunciato telefonino di Motorola con iTunes

Roma – Si è molto parlato, nella settimana che precedeva l’evento, della conferenza/party organizzata da Apple e Motorola per presentare a tutto il mondo il nuovo cellulare con funzioni di iPod. Come al solito la fantasia ha preceduto la realtà, e le indiscrezioni non sono mancate, complici molti indizi “succosi” che hanno scatenato le fantasie di utenti e giornalisti.

Pensiamo ad esempio alla conferenza che si è tenuta a Londra per i giornalisti europei, con tanto di diretta satellitare presso il grande Art Depot: sembrava quasi impossibile pensare ad un’organizzazione del genere per un telefono che (come dicevano alcuni) sarebbe stato venduto solo in USA. Pensiamo poi allo slogan scritto sugli inviti recapitati ai giornalisti: “1000 songs in your pocket changed everything. Here we go again”. Forse molti non ci hanno fatto caso, ma a me ha ricordato da subito lo slogan utilizzato nel ’98 per il lancio del nuovo iMac: “Say hello again”. Sette anni fa lo slogan richiamava l’uscita di un nuovo all-in-one che avrebbe segnato un cambiamento, un punto di svolta nei computer Apple, così come lo segnò l’uscita del primo Macintosh (per chi non lo sapesse la frase riprende la scritta “hello” che compariva sui monitor nelle pubblicità di questi computer). Allo stesso modo, ho subito pensato che questo nuovo slogan doveva rappresentare un punto di svolta, più o meno eclatante, per il settore iPod.

A questo aggiungiamo che l’evento è stato organizzato in primis da Apple, il che lasciava presagire che le novità non potevano riguardare esclusivamente un cellulare che, per quanto Apple abbia potuto partecipare a livello di software, resta sempre e comunque un prodotto di Motorola. Qualche novità sarebbe dovuta arrivare anche da Apple… Sarebbe stato il tanto atteso iPod video? Oppure le indiscrezioni che parlavano dell’adozione di nuove memorie flash si sarebbero tramutate in una nuova serie di iPod di diversa concezione? O ancora ci si doveva aspettare qualcosa di assolutamente imprevedibile?

ROKR Dopo una settimana passata a cercare nuovi indizi e nuovi rumor, in cui ognuno ha fatto le proprie previsioni immaginando novità più o meno eclatanti, ieri sera, presso il Moscone Center di San Francisco, sono stati svelati gli “oggetti del mistero”.

Il primo è effettivamente il tanto annunciato ROKR , anche noto come “Mactorola”, e non poteva essere altrimenti. Il nuovo cellulare di Motorola, che include una sorta di versione pocket di iTunes del tutto simile all’interfaccia dell’iPod, può gestire tanto la musica acquistata su iTMS (e protetta quindi con la tecnologia di DRM FairPlay), quanto gli audiolibri e i podcast. L’idea è quella di avere una sorta di iPod shuffle ma dotato di display: ROKR può contenere infatti un numero limitato di brani, per la precisione 100, e si sincronizza attraverso un cavo USB.

Nel momento in cui scriviamo non sono ancora noti tutti i dettagli tecnici, quindi non è dato sapere se il limite dei 100 brani sia un vincolo imposto da Apple come una sorta di tutela per la fascia bassa dei propri iPod, oppure un limite dovuto alla quantità di memoria presente su telefono: sicuramente sarebbe preferibile questa seconda opzione, magari con possibilità di aggiornare la memoria flash, oppure di vedere al più presto nuove versioni con capacità maggiori.

Da sottolineare anche come il “pocket” iTunes installato nel telefono permette soltanto di sincronizzare le canzoni con il computer, ma non di acquistarle direttamente dall’omonimo negozio di musica di Apple: una funzionalità, questa, che molti davano quasi per scontata.

Parlando più dettagliatamente del telefono, si tratta di un tri-band con camera digitale, display a colori, bluetooth e supporto Java. L’ascolto musicale va in pausa in caso di chiamata, e riprende automaticamente quando si chiude la comunicazione.

Negli Stati Uniti, ROKR sarà distribuito in esclusiva da Cingular ed è possibile acquistarlo già ora al prezzo di 249 dollari. Per i clienti europei, ROKR sarà disponibile a fine settembre in Gran Bretagna con una vasta serie di operatori, tra cui O2, Orange, Virgin e BT Mobile. Per ora non si sa nulla su un’eventuale distribuzione nel resto dell’Europa, in particolare in Italia, dove il mercato dei cellulari è sempre molto attivo.
Ma oltre a questo, c’è un’altra grossa novità. Per quattro anni l’iPod è rimasto sostanzialmente sempre identico a se stesso e questo, a mio avviso, ha contribuito al successo del prodotto: mentre la concorrenza sfornava lettori dai design più disparati e per certi versi anonimi, l’iPod è sempre stato immediatamente riconoscibile, anche quando è chiuso in una borsa (o in uno zaino) e si vedono spuntare solamente le sue “cuffiette bianche”. Ora, in un periodo in cui si sprecano i presunti brevetti su come realizzare un elenco di playlist, e le pretese economiche delle major si fanno sempre più insistenti, Apple prosegue diritta per la sua strada presentando un nuovo iPod: nano .

Il nuovo iPod nano va a sostituire la gamma degli iPod mini, riducendone all’estremo le dimensioni ma aggiungendo un display a colori nonché la possibilità di gestire le immagini. A differenza dell’ormai vecchio iPod mini, il nuovo player utilizza memorie flash da 2 e 4 GB, e questo gli ha consentito di dimezzare lo spessore e di ridurre complessivamente del 62% il proprio volume, mentre la durata della batteria è passata a 14 ore. Nonostante questa piccola rivoluzione, che farà assai poco piacere a Hitachi (produttore dell’hard disk dell’Ipod mini), il design rimane sempre quello. Le colorazioni disponibili diventano invece due: il classico bianco e il nero già utilizzato per la versione speciale dedicata agli U2. Anche il software aggiunge qualche nuova feature .

iPod nano L’iPod nano è già disponibile sull’AppleStore al prezzo di 209 euro nella versione da 2 GB e 269 euro nella versione da 4 GB.

I più delusi dagli annunci di Apple sono coloro che si aspettavano un iPod video, ma vale la pena osservare come il nuovo iPod nano non sia molto più grande e pesante di uno shuffle (con il quale condivide l’utilizzo di memorie flash), ma abbia maggiore capacità e soprattutto un display al pari di quello dei fratelli maggiori. L’iPod nano probabilmente renderà scontento chi ha appena acquistato un iPod mini, anche se dobbiamo riconoscere (come abbiamo premesso all’inizio dell’articolo) che l’uscita di un prodotto simile era nell’aria già da qualche tempo.

Tra gli annunci “minori”, una nuova versione di iTunes (la 5, che finalmente permette di raggruppare le playlist in cartelle) e un iPod con serigrafia dedicata ad Harry Potter, con tanto di audiolibri e vari extra sull’argomento disponibili sull’iTunes Music Store.

A corredo della presentazione dei nuovi prodotti, Jobs ha elargito al pubblico i soliti dati, che mostrano come i negozi iTunes, grazie ad un catalogo di oltre 2 milioni di canzoni, vendano quasi l’80% di tutta la musica comprata online. Oggi iTunes Music Store può vantare un catalogo di 10 milioni di account che hanno acquistato in media 60 canzoni a testa, numeri in forte crescita se consideriamo che attualmente vengono acquistate 1,8 milioni di canzoni al giorno.

iPod nano Come ultima nota di colore, non possiamo che far notare come sul palco, insieme a Steve Jobs, era presente Yo-Yo-Ma, un artista vincitore di 16 Grammy Awards: i più informati sapranno che questo artista è contrattualmente legato a Sony e la sua presenza, quasi simbolica, può significare un appianamento delle vivaci polemiche che hanno tenuto banco le scorse settimane, polemiche in parte già placate dalle notizie che vedono Apple e Sony sulla via di un accordo anche per l’iTunes Music Store Giapponese.

Immancabile, a seguito dell’annuncio, l’impennata borsistica che ha portato il titolo AAPL verso nuovi record – sopra i 49 dollari – e non è difficile immaginare che nei prossimi giorni si possa superare la soglia psicologica dei 50.

Domenico Galimberti

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Solvalou scrive:
    Re: neanche Garland ha capito bene


    Il fatto e' che gli utenti P2P sono gia' clienti
    della musica e del cinema, usano solo il P2P come
    una forma pubblicitaria indipendente.Bingo, quoto in pieno. Suppongo pero' anche che, al di la' della retorica direi offensiva dei loro comunicati, i vertici delle majors conoscano bene la situazione.Anche una forma pubblicitaria indipendente e', pero', una minaccia al loro potere tanto quanto il famoso mancato introito. Il mancato introito si spalma piu' o meno su tutto il mercato, ma un pubblico che, educato dall'esposizione a materiale p2p, comincia a fottersene dei canali di promozione, e' un vero incubo per come le majors si sono abituate ad affrontare il mercato discografico e filmografico.
  • Anonimo scrive:
    Trasformare la musica in servizi
    La soluzione c'è: perchè non rendono semplicementela musica un servizio a pagamento?Come oggi paghiamo per i canali di Sky disport, scienza, storia, animali, etc. e poiloro finanziano la realizzazione dei documentari,così si potrebbero creare dei canali, magarivia internet, tematici, di cui noi pagheremmoun abbonamento e da cui potremmo ascoltaretutta la musica del canale quando vogliamoe come vogliamo, e come per Sky, sarebbeil canale a finanziare la produzione di nuovecanzoni. Questo otterrebbe due effetti:a) stimolerebbe la produzione di musica (poichè i canali dovrebbero offrire sempre novità per restare competitivi tra loro)b) renderebbe meno diseguali i guadagni dei musicisti (che avrebbero un loro cachet più o meno definito come oggi il sindacato degli operatori dei documentari per il discovery channel)
    • teddybear scrive:
      Re: Trasformare la musica in servizi
      - Scritto da: Anonimo
      Questo otterrebbe due effetti:
      a) stimolerebbe la produzione di musica
      (poichè i canali dovrebbero offrire sempre
      novità per restare competitivi tra loro)Vuoi stimolarla più di così? C'è una offerta come non c'è mai stata prima. È la domanda che manca, non l'offerta.
      b) renderebbe meno diseguali i guadagni
      dei musicisti (che avrebbero un loro cachet
      più o meno definito come oggi il sindacato
      degli operatori dei documentari per il
      discovery channel)Perchè i musicisti bravi si lamenterebbero che il discografico guadagna di più se loro vendono di più (leggi: hanno fatto un prodotto migliore), mentre loro prenderebbero sempre la stessa cifra anche se il prodotto è scadente. Si arriverebbe al punto che pur di fare qualcosa farebbero roba velocemente e male.Perchè non funziona tutto ciò? Semplice. Perchè a quel punto tutti potrebbero diventare produttori di se stessi. Guadagnerebbe di più chi da un prodotto migliore. E la discografia attuale va in senso contrario. Meglio dieci cantanti schifosi, che uno buono.Meglio dieci brinetyspears/cristinaaguillera/djfrancesco/ecc che puoi manipolare come vuoi e fargli fare quello che vuoi, perchè li sbatti in mezzo ad una strada piuttosto che un artista come gli U2, ad esempio, o George Michael, o anche solo come Robbie Williams. Uno così, da fastidio, ha troppo potere nelle sue mani.Meglio degli artisti che si buciano dopo due album prima di poter alzare la testa.pensi che sei Beatles avessero smesso di produrre musica dopo il secondo album qualcuno si ricorderebbe ancora di loro? Idem per i Rolling Stones, per i Genesis (forse loro ancor più di tutti), o i Pink Floyd, o i Police ecc ?Gruppi come quelli non ne nasceranno mai più.Se ci fai caso, che cosa trovi di "salvabile" tra i "grandi" della musica pop che sono usciti negli ultimi 20 anni e che sono durati a lungo?Al momento mi ricordo unicamente del già citato robbie williams, di Jamiroquai... altro al momento non mi viene. E sono sicuro che non arriviamo a 10...
  • Anonimo scrive:
    Stanno preparando...
    ...il nuovo spot terroristico: tireranno fuori che lo sniffatore di butano era un p2pparo :D:@:|
  • Anonimo scrive:
    Ripeto, non leggo ancora "Abbassiamo....
    .... i prezzi!!!!"E' semplice, è logico, è marketing! :@
  • Crazy scrive:
    Se Abbassassero i Prezzi...
    No per dire, ma su certe cose i costi sono veramente eccessivi... se venissero abbassati i prezzi, costerebbe meno comperarsi l'articolo in questione piuttosto che scaricarlo...Mi spiego meglio: perche` in Italia mi sono trovato a pagare l'ultimo CD che ho acquistato nel 2002 la bellezza di Euro 24,95... quello e` stato l'ultimo CD che ho comperato, ma tengo a far presente che anche in precedenza pagavi i CD da 40 a 50 mila lire... troppo, assolutamente troppo.Da quel momento mi sono accontentato della Radio, e morta la`.Stesso valesi per i DVD, perche` devo pagare un Film, anche abbastanza passato, 30 Euro, quando in America lo trovo come novita` a 12 Dollari?Se in America lo vendono a 12 Dollari, state pur tranquilli che ci guadagnano, quindi, con 30 Euro... quanto stradiavolo ci guadagnano sopra?Se abbassassero i prezzi, potrei dar ragione alla loro crociata contro la pirateria, ma a questi prezzi... se lo meritano... quando potro comperare i CD che mi piacciono aprezzi inferiori ai 10 Euro ed i DVD a prezzi inferiori ai 15 Euro, ...riprendero` a fare acquistiDISTINTI SALUTI
    • teddybear scrive:
      Re: Se Abbassassero i Prezzi...
      - Scritto da: Crazy
      Se abbassassero i prezzi, potrei dar ragione alla
      loro crociata contro la pirateria, ma a questi
      prezzi... se lo meritano... quando potro
      comperare i CD che mi piacciono aprezzi inferiori
      ai 10 Euro ed i DVD a prezzi inferiori ai 15
      Euro, ...riprendero` a fare acquistiNon siamo proprio ai prezzi da te ipotizzati, ma se compri negli states, non è che paghi poi molto di più... e si ti metti d'accordo con un po' di gente, ti dividi pure le spese di spedizione.Io mi sono ritrovato a pagare la metà un disco di Giorgia (l'ultimo), prodotto e stampato in Italia, acquistandolo su Amazon piuttosto che in un negozio italiano... Mi pare assurdo. Significa che qualcuno ha stampato il cd, lo ha mandato di la, lo ha rimandato di qua e costa meno che tenerlo direttamente in italia? E per fortuna che dicono che i corrieri costano tanto!
  • Anonimo scrive:
    I risultati ci sono e come!!!
    Avete visto le ville degli avvocati che seguono la cosa, questi sono molto convinti che la cosa serva e come!!!.
  • Anonimo scrive:
    Ma chi produce software di p2p....
    .... cosa ci guadagna???Per favore toglietemi una volta per tutte questo dubbio amletico; perchè lo fanno per fama o per soldi!!!Grazie a chi mi risponderà!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma chi produce software di p2p....
      Quelli open source niente lo fanno perchè convinti che esiste anche un utilizzo legale della cosa (regola delle pistole) gli altri vivono dei banner che sparano dentro a raffica
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma chi produce software di p2p....
        - Scritto da: Anonimo
        Quelli open source niente lo fanno perchè
        convinti che esiste anche un utilizzo legale
        della cosa (regola delle pistole) gli altri
        vivono dei banner che sparano dentro a raffica azureus, client per bittorrent, tira avanti a furia di donazioni via paypal(io personalmente ho donato 10 euro)kazaa , imesh e simili tirano avanti a furia di banner (e non mi pare soffrano la fame..) ed un pò di spyware e adware.
  • Anonimo scrive:
    Incompatiblità di formati ?
    L'incompatibilità di formati è un incubo per gli utenti ?Può essere, ma non hanno pensato che il problema si risolve semplicemente mettendo a disposizione formati diversi ? Vogliono sempre scaricare sull'utente il lavoro, miliardari scansafatiche che non sono altro.Magnatune ( http://www.magnatune.com/ ) fa esattamente così, ti da la possibilità di scaricare i principali formati, compresi wav e flac, così che da questi puoi creare a tua volta quelli eventualmente non compresi, e per 60 giorni puoi scaricarli tutte le volte che vuoi, anche in formati diversi. E questo per un album che ti vende al prezzo di 5$ ! L'album intero, non fanno giochetti sul singolo brano, loro...E' che Magnatune è su un altro pianeta, le Major ancora non riescono nemmeno ad intravvederlo un modello di businnes del genere, nemmeno come puntino vago e sfuocato all'orizzonte...
    • barotto scrive:
      Re: Incompatiblità di formati ?

      E' che Magnatune è su un altro pianeta, le Major
      ancora non riescono nemmeno ad intravvederlo un
      modello di businnes del genere, nemmeno come
      puntino vago e sfuocato all'orizzonte...Grazie per la segnalazione!!! ;)Ci ho fatto un giretto, mi sono ascoltato un po' di brani in streaming a 128k (completi, non da 30sec.) e mi è già venuta voglia di comprare un album in WAV a 5 euri p) E sono ancor più invogliato dal fatto che metà dei soldi va all'artista, che inoltre rimane proprietario dei brani che produce.La capissero le varie Sony, BMG e compagnia cantando...
  • Anonimo scrive:
    Re: E ci credo!!!
    La vedi? La vedi questa donna stupenda dal fisico strepitoso? E' lì, disponibile, la da via a tutti senza fare discriminazioni!-Oh, bene bene, allora ci vado!Noooo!! E' peccato! Andrai all'inferno!Astinenza figliuolo, rifuggi dalle tentazioni! :D (Giusto per fare un quadro della situazione attuale!) ;)
  • Anonimo scrive:
    Legge di mercato
    Dovrebbe essere noto a tutti: chiunque cerca di spendere il meno possibile.In questo periodo soldi non ce ne sono, quindi o si ABBASSANO i prezzi, oppure ci si arrangia. A volte a scapito della qualita'.......E' curioso che i produttori parlano sempre di mercato, ma sono i primi a andare contro le sue logiche, per sostenenre dei prezzi insostenibili.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: neanche Garland ha capito bene

    Infatti la questione non è incentrata
    sull'incompatibilità dei formati ma sul rapporto
    qualità/prezzo: perché il dvd pirata a 5 ? la
    gente lo compra? Non potrebbero fare lo stesso le
    major e contrastare COSI' la pirateria senza
    giustificare l'alto costo dovuto a protezioni
    totalmente inutili, che a quel prezzo non
    servirebbero nemmeno??? A chi non piacerebbe
    avere un bel dvd originale con tanto di cover
    stampata bene senza la scritta fac-simile e su un
    supporto qualitativamente superiore???
    Venderebbero molte ma molte copie: basterebbe
    solo fare un esperimento!
    Ma dato che sono sordi e masochisti......
    8)quoto tutto!io sono uno di quelli che usano il p2p, ma anche che compra i dvd originali (e magari la collector's edition) dei film che ho visionato e secondo me meritano (per il signore degli anelli ho speso -si, son pazzo- quasi 300? per comprare la versione estesa con le statuette...).non mi "costerebbe niente" se imparassero a vendere tutti i titoli -per così dire in versione base- a 5-10?... mi prenderei pure quelli piuttosto di perder tempo a scaricarli, dato che vorrei tirarmi su una specie di "dvdteca" per me :)ma questo sembra che le major non lo capiscano... :(
  • NSA scrive:
    La legittimazione
    la legittimazione del potere nasce dal basso non dall'alto, e questo vale anche ovvoiamente per il prodotto di questo potere, le leggi.Se la massa dice no, il governo onesto ne prende atto, il governo disonesto usa gli sfollagente.
  • Anonimo scrive:
    Re: neanche Garland ha capito bene
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo[...]

    Infatti la questione non è incentrata
    sull'incompatibilità dei formati ma sul rapporto
    qualità/prezzo: perché il dvd pirata a 5 ? la
    gente lo compra? Non potrebbero fare lo stesso le
    major e contrastare COSI' la pirateria senza
    giustificare l'alto costo dovuto a protezioni
    totalmente inutili, che a quel prezzo non
    servirebbero nemmeno??? A chi non piacerebbe
    avere un bel dvd originale con tanto di cover
    stampata bene senza la scritta fac-simile e su un
    supporto qualitativamente superiore???
    Venderebbero molte ma molte copie: basterebbe
    solo fare un esperimento!
    Ma dato che sono sordi e masochisti......
    8)Invece vogliono spremerti come un limone, coi nuovi formati (blurayhddvd) devi buttare alle capre tutto quello che hai (perche' penso ti roderebbe il fegato sapere che stai guardando qualcosa con qualita' "degradata") perche' vogliono farti mangiare il DRM.
  • Anonimo scrive:
    Re: neanche Garland ha capito bene
    - Scritto da: Anonimo
    Infatti la questione non è incentrata
    sull'incompatibilità dei formati ma sul rapporto
    qualità/prezzo: perché il dvd pirata a 5 ? la
    gente lo compra? Non potrebbero fare lo stesso le
    major e contrastare COSI' la pirateria senza
    giustificare l'alto costo dovuto a protezioni
    totalmente inutili, che a quel prezzo non
    servirebbero nemmeno??? A chi non piacerebbe
    avere un bel dvd originale con tanto di cover
    stampata bene senza la scritta fac-simile e su un
    supporto qualitativamente superiore???
    Venderebbero molte ma molte copie: basterebbe
    solo fare un esperimento!
    Ma dato che sono sordi e masochisti......
    8)Non sono sordi , ma semplicemente ESOSI perchè vogliono solamente massimizzare i guadagni sul singolo prodotto e non sull'intera distribuzione ; io ancora non capisco chi sono qui guru a capo delle case produttrici di contenuti multimediali per non capire alcuni principi economici elementari.
    • Marlenus scrive:
      Re: neanche Garland ha capito bene
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      A chi non piacerebbe

      avere un bel dvd originale con tanto di cover

      stampata bene senza la scritta fac-simile e su
      un

      supporto qualitativamente superiore???

      Venderebbero molte ma molte copie: basterebbe

      solo fare un esperimento!

      Ma dato che sono sordi e masochisti......

      8)

      Non sono sordi , ma semplicemente ESOSI perchè
      vogliono solamente massimizzare i guadagni sul
      singolo prodotto e non sull'intera distribuzione
      ; io ancora non capisco chi sono qui guru a capo
      delle case produttrici di contenuti multimediali
      per non capire alcuni principi economici
      elementari.Non sottovalutarli. Hanno ben chiari alcuni concetti che noi sottovalutiamo.Primo, che l'inevitabile (DRM e leggi antimercato a parte) instaurarsi di un sistema di distribuzione basato sul web aumenta enormemente la competizione, visto che non c'è più la barriera all'ingresso della distribuzione fisica (fare arrivare 1 (uno) CD o DVD in ogni negozio, cosicchè se lo vuoi lo trovi, richiede tirature di decine se non centinaia di migliaia di pezzi, investimento iniziale alla portata solo di grandi aziende; se togli questa barriera, possono nascere società di distribuzione come funghi, portando quindi praticamente tutti i margini fuori dal canale di distribuzione a chi dovrebbe veramente averli, cioè gli autori).In pratica, lottano per la sopravvivenza , per questo sono così agguerriti e non si fermano davanti a nulla.Secondo, la riduzione della barriera all'ingresso non può che causare un aumento dei prodotti disponibili, quindi erodendo fortemente le economie di scala su cui si basano gran parte dei profitti delle major (dato che in teoria il loro lavoro è promuovere i prodotti, se ne promuovono 10 spendono certamente meno che a promuoverne 100, oltre ad aumentare il margine di rischio, visto che numericamente certamente i flop saranno di più, con le relative conseguenze sulle carriere dei dirigenti coinvolti).Terzo, sposterebbe la loro posizione e il loro scopo. Se oggi possono imporre la musica e i film che gli conviene, attraverso la restrizione dell'offerta, cioè mandando a cagare chi non gli sta simpatico, in un libero mercato (o anche solo in un mercato non monopolistico) non potrebbero più farlo.Ci sono anche una serie di ragioni minori (per loro ma non per noi) che non ho tempo di elencare, ma un buon libro per trovarle è cultura libera (http://www.liberliber.it/biblioteca/l/lessig/cultura_libera/html/index.htm) ==================================Modificato dall'autore il 08/09/2005 9.44.13==================================Modificato dall'autore il 08/09/2005 9.45.04
      • Anonimo scrive:
        Re: neanche Garland ha capito bene

        Ci sono anche una serie di ragioni minori (per
        loro ma non per noi) che non ho tempo di
        elencare, ma un buon libro per trovarle è cultura
        liberahttp://www.liberliber.it/biblioteca/l/lessig/cultura_libera/html/index.htmOh, grazie mille caro. Avevo proprio voglia di approfondire. :)
  • Anonimo scrive:
    Programma su Mtv [OT fose?]
    Avete mai visto quel programma su Mtv che danno ogni tanto in cui fanno vedere le cose piu` incredibili dei cantanti/attori/produttori americani? (Il programma e` fatto da Mtv america)Case da decine di milioni di $ (di 20.000 / 30.000 mq (si, non e` un errore di battitura)), parco macchine con decine di auto da centinaia di migliaia di $, spese folli per cose al limite dell'assurdo se non del ridicolo.E poi vengono a piangere miseria?Ma per favore!Vedendo quel programma mi viene da pensare che se il p2p li facesse chiudere dovrebbero fargli un monumento!
    • NSA scrive:
      Re: Programma su Mtv [OT fose?]
      E quelli sono i personaggi noti, bisogna vedere quanto guadagnao gli squali nel fondo dell'oceano, immeritatamente sulle spalle loro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Programma su Mtv [OT fose?]
      - Scritto da: Anonimo
      Avete mai visto quel programma su Mtv che danno
      ogni tanto in cui fanno vedere le cose piu`
      incredibili dei cantanti/attori/produttori
      americani? (Il programma e` fatto da Mtv america)
      Case da decine di milioni di $ (di 20.000 /
      30.000 mq (si, non e` un errore di battitura)),
      parco macchine con decine di auto da centinaia di
      migliaia di $, spese folli per cose al limite
      dell'assurdo se non del ridicolo.

      E poi vengono a piangere miseria?
      Ma per favore!
      Vedendo quel programma mi viene da pensare che se
      il p2p li facesse chiudere dovrebbero fargli un
      monumento!Magari potremmo fare un monumento ad un certo equino, un monumento come questohttp://www.ninoucchino.it/Speciale%20asino/asino03.jpg:)
    • Anonimo scrive:
      Re: Programma su Mtv [OT fose?]
      - Scritto da: Anonimo
      Avete mai visto quel programma su Mtv che danno
      ogni tanto in cui fanno vedere le cose piu`
      incredibili dei cantanti/attori/produttori
      americani? (Il programma e` fatto da Mtv america)
      Case da decine di milioni di $ (di 20.000 /
      30.000 mq (si, non e` un errore di battitura)),
      parco macchine con decine di auto da centinaia di
      migliaia di $, spese folli per cose al limite
      dell'assurdo se non del ridicolo.

      E poi vengono a piangere miseria?
      Ma per favore!
      Vedendo quel programma mi viene da pensare che se
      il p2p li facesse chiudere dovrebbero fargli un
      monumento!Basta vedere il George nomartininoparty che si è comprato 4 ville sul lago di Como + annessa spiaggetta (perché gli seccava andare dalla villa n. 1 alla villa n. 4 percorrendo la strada esterna!!!) dopo aver acquistato chissà quante caxxo di ville negli Stati Uniti e nei posti fighi e quanto caxxo ha preso Schwarzy per Terminator 3 (40 milioni di $!!!!!) e pensare che in Italia un misero dipendente deve farsi il culo per almeno 10 anni per comprare un appartamento di m*rda che ha una superficie pari ad una stanza di quelle ville!!!!Devono capire che E' FINITO IL TEMPO DELLE VACCHE GRASSE e si adeguino ad una vita più modesta!!!! :@ :@ :@
    • Anonimo scrive:
      Re: Programma su Mtv [OT fose?]
      - Scritto da: Anonimo
      Avete mai visto quel programma su Mtv che danno
      ogni tanto in cui fanno vedere le cose piu`
      incredibili dei cantanti/attori/produttori
      americani? (Il programma e` fatto da Mtv america)
      Case da decine di milioni di $ (di 20.000 /
      30.000 mq (si, non e` un errore di battitura)),
      parco macchine con decine di auto da centinaia di
      migliaia di $, spese folli per cose al limite
      dell'assurdo se non del ridicolo.
      Se poi si riducono come Ozzy Osbourne non farei certo cambio con loro.
      E poi vengono a piangere miseria?
      Ma per favore!
      Vedendo quel programma mi viene da pensare che se
      il p2p li facesse chiudere dovrebbero fargli un
      monumento!Non nascondiamo le nostre intenzioni: speriamo quasi tutti che Britney Spears debba mettersi a fare pornazzi per campare e confidiamo che il suo talento in quel campo sarebbe di gran lunga maggiore di quello canoro :D
    • Solvalou scrive:
      Re: Programma su Mtv [OT fose?]
      - Scritto da: Anonimo
      Avete mai visto quel programma su Mtv che danno
      ogni tanto in cui fanno vedere le cose piu`
      incredibili dei cantanti/attori/produttori
      americani? Premesso che ci sono si' i casi descritti da MTV.Tenere presente pero' che le majors sono capaci di tenerti sotto controllo- leggi in debito - anche se vendi una vagonata di dischi.http://www.miscmedia.com/3-6-01.html - in inglese, prima roba che ho trovato.
  • Anonimo scrive:
    W la gnoc.. e il P2P!!!
    Come da oggetto!!! :-))))
  • gianpietrone scrive:
    P2P, si sgonfia la crociata delle major
    Io direi, di fare un legge con la quale si prevede l' impiccagione per chi copia musia o altro coperto dal diritto d'autore; anzi pardon "DIRITTO AL MONOPLOIO". E' incredibile come, le varie LOBBY di potere non abbiano ancora capito la grandezza della Rete e la libertà.Mai e poi mai si potrà porre veti ai Bit. I Bit sono incolore - insapore - nulla di fisico. Diciamo che rappresentano i neuroni dell'intelligenza umana.Per i signori dei diritti ancora una volta dico: FATE LA CUCCIA!!!State rovinando tutto (o almeno state crecando di farlo).In Rete c'è un esercito di "GURU" di centinaia di milioni, con i quali nessun potere potrà mai fare nulla.Avete capito???Un saluto, anche se non ve lo meritate.Io vi aspetto!!!Ho voglia di vedere cosa siete capaci di fare.
  • Anonimo scrive:
    Ultimate Chillout
    Allora, io ho comprato questo set di ben 8 CD. Quando l'ho messo sul mio lettore del PC, mi chiedeva d'installare del software, ma ho ignorato il tutto e, con winamp, mi son messo a leggere le tracce. Risultato: c'erano degli errori nelle tracceCaricando il software dentro nei CD, non si fà altro che attivare un player, il quale, magicamente, rimuove i disturbi. Nella copertina, affianco, ben in piccolo, perchè si legga ben poco, c'è scritto che tali CD possono esser letti solo su PC e che l'impiego di questi, su certi lettori per automobili, può dar luogo a delle riproduzioni errate (errori nelle tracce musicali, a livello uditivo).Ora.. se io volessi ascoltarlo in auto?... Ai posteri...E poi si lamentano tanto se uno cracka le cose. Se dopo aver pagato, non posso neanche esser libero di ascoltarlo dove voglio... capirete che non vi è biasimo al cracker, nè a chi sceglie roba illegale...
    • Guybrush scrive:
      Re: Ultimate Chillout
      Imho non lo avrei mai comprato.Comunque puoi:1) Estrarre le tracce audio mediante ricampionamento in analogico e metterle su un CD di backup.Se lo fai con componenti di qualita' non perdi troppo.2) Puoi scoprire il tipo di protezione usata e aggirarla (tecnicamente e' un crimine, ma non e' dimostrabile).3) Puoi riportare il tutto al negozio e chiedere i soldi indietro perche' sulla tua autoradio i CD non si sentono.Io opterei per la 3.
      GT
      • Anonimo scrive:
        Re: Ultimate Chillout
        - Scritto da: Guybrush
        Imho non lo avrei mai comprato.

        Comunque puoi:

        1) Estrarre le tracce audio mediante
        ricampionamento in analogico e metterle su un CD
        di backup.
        Se lo fai con componenti di qualita' non perdi
        troppo.

        2) Puoi scoprire il tipo di protezione usata e
        aggirarla (tecnicamente e' un crimine, ma non e'
        dimostrabile).

        3) Puoi riportare il tutto al negozio e chiedere
        i soldi indietro perche' sulla tua autoradio i CD
        non si sentono.

        Io opterei per la 3.


        GT
        • Guybrush scrive:
          Re: Ultimate Chillout
          [...]
          Io farei anche 1) e magari 2) solo per fare un
          dispetto alle Majors ;)Si, sarebbe spassono, ma poi daresti ragione a chi dice che se non si vendono CD e' per colpa della pirateria.Ah, questo "tanto per": un CD protetto in questo modo non funziona anche se si possiede un MAC, un AmigaOne o un PC Linux.
          GT
          • Anonimo scrive:
            Re: Ultimate Chillout
            - Scritto da: Guybrush
            (cut)
            Si, sarebbe spassono, ma poi daresti ragione a
            chi dice che se non si vendono CD e' per colpa
            della pirateria.
            (cut)


            GT
        • Anonimo scrive:
          Re: Ultimate Chillout
          Io invece farei la 1) e la 2) (visto che i diritti gli ho pagati) e dopo tutti gli sbattimenti per iuscire a fruire del mio diritto di ascoltarla, la 3) visto che il supporto non è utilizzabile.Se me lo cambiano con uno CDi STANDARD BENE, altrimenti si fottano.Se lo facessero tutti, nel giro di due mesi sparirebbero le protezioni all'interno dei cd. E' assurdo che chi paga diritti e supporto fisico NON POSSA FRUIRE di ciò che gli appartiene.
  • Anonimo scrive:
    Re: neanche Garland ha capito bene
    - Scritto da: Anonimo
    tradizionale (vedi ad esempio l'ultimo spettacolo
    di Beppe Grillo, che presente sul P2P nella sua
    versione milanese per la TV svizzera, mi ha
    definitavamente indotto all'acquisto del DVD
    ufficiale con lo spettacolo tenuto a Roma).hey! quel file l'ho "rellato" io! :) 1250 fonti complete costanti :)Fantasy Crew
    • Anonimo scrive:
      Re: neanche Garland ha capito bene
      Per chi e' meno esperto la compatibilita' E' un grosso problema:e per fare un esempio l'autoradio che ascolto quasi 2 ore al giorno il drm non lo supporta, e nemmeno il lettore portatile.Avevo un ricevitore D+ irdeto, hanno cambiato codifica in Seca, e allora giu' ricevitore Seca, adesso hanno cambiato ancora e vanno in NDS, stavolta li ho mandati a cagare.E ora oltre ad avere 2 soprammobili che ricevono entrambi le stesse tv satellitari free devo pure aggiungerne un terzo per il digitale terrestre, poi c'e' il lettore dvd che non registra, e siccome voglio registrare c'e' pure il vecchio vcr vhsma tanta tecnologia' e' stata necessaria per vedere le stesse cose.......
  • Anonimo scrive:
    Re: neanche Garland ha capito bene
    - Scritto da: Anonimo[...]
    Quindi a poco valgono gli scontati consigli di
    Garland sulla compatibilita' formati, se prima
    non si pensa alla qualita' del prodotto e a
    calibrarne il costo sull'effettiva capacita' di
    ritorno economico (andando quindi a scremare il
    guadagno truffaldino fornito dai polli che prima
    del P2P venivano fregati dagli spot).quoto tuttoe anche io ho fatto la stessa cosa per il video di Grilloe probabilmente se le prime visioni costassero 12 euri come il video di Grillo sarei anche un compratore di dvd originali (almeno quelli decenti)no dico... avete presente quanto costano le versioni extended degli episodi del signori degli anelli?? ma che "ci abbiamo l'anello al naso"?
    • Anonimo scrive:
      Re: neanche Garland ha capito bene
      - Scritto da: Anonimo
      no dico... avete presente quanto costano le
      versioni extended degli episodi del signori degli
      anelli?? merita ma effettivamente è tantocmq il primo episodio extended è completamente un'altro film rispetto alla versione ridotta
    • Anonimo scrive:
      Re: neanche Garland ha capito bene

      no dico... avete presente quanto costano le
      versioni extended degli episodi del signori degli
      anelli?? ma che "ci abbiamo l'anello al naso"?A dire il vero non ce l'hanno messo proprio al naso... e tirano... :s
  • Anonimo scrive:
    Gli utenti non credono alle denuncie...
    ...falso ci credono ma se ne fregano !Tutti i benedetti giorni che aprano un giornale o che guardino la tv vedono sempre la stessa cosa. Politici condannati che governano, truffatori multimiliardari che non vengono puniti, combine e conflitti d'interesse grossi come un continente benedetti come delle opere pie e senza scomodare le porcherie più grosse basta cercare cosa viene fatto ai criminali comuni. Ladruncoli, borseggiatori, assassini che investono vecchie e bambini, teppisti allo stadio e chi più ne ha ne metta: non fanno in tempo a compilare il rapporto, i carabinieri, che quelli sono già fuori che li salutano con il medio mentre se ne vanno. Madri assassine che se la ridono felici eccetera...Ou la gente è stufa !!!O prima si pensa a fare pulizia dove serve veramente o non devono stupirsi che quelli che dovrebbero essere deterrenti diventano inviti a nozze:@
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli utenti non credono alle denuncie
      - Scritto da: Anonimo
      ...falso ci credono ma se ne fregano !
      Tutti i benedetti giorni che aprano un giornale o
      che guardino la tv vedono sempre la stessa cosa.
      Politici condannati che governano, truffatori
      multimiliardari che non vengono puniti, combine e
      conflitti d'interesse grossi come un continente
      benedetti come delle opere pie e senza scomodare
      le porcherie più grosse basta cercare cosa viene
      fatto ai criminali comuni. Ladruncoli,
      borseggiatori, assassini che investono vecchie e
      bambini, teppisti allo stadio e chi più ne ha ne
      metta: non fanno in tempo a compilare il
      rapporto, i carabinieri, che quelli sono già
      fuori che li salutano con il medio mentre se ne
      vanno. Madri assassine che se la ridono felici
      eccetera...

      Ou la gente è stufa !!!

      O prima si pensa a fare pulizia dove serve
      veramente o non devono stupirsi che quelli che
      dovrebbero essere deterrenti diventano inviti a
      nozze:@Anche tu hai centrato il problema.E' proprio così con l' aggravante che chi comanda difende i più forti, quindi siamo al tutti contro tutti e ce ne strafreghiamo tutti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli utenti non credono alle denuncie
      - Scritto da: Anonimo
      ...falso ci credono ma se ne fregano !
      Tutti i benedetti giorni che aprano un giornale o
      che guardino la tv vedono sempre la stessa cosa.
      Politici condannati che governano, truffatori
      multimiliardari che non vengono puniti, combine e
      conflitti d'interesse grossi come un continente
      benedetti come delle opere pie e senza scomodare
      le porcherie più grosse basta cercare cosa viene
      fatto ai criminali comuni. Ladruncoli,
      borseggiatori, assassini che investono vecchie e
      bambini, teppisti allo stadio e chi più ne ha ne
      metta: non fanno in tempo a compilare il
      rapporto, i carabinieri, che quelli sono già
      fuori che li salutano con il medio mentre se ne
      vanno. Madri assassine che se la ridono felici
      eccetera...

      Ou la gente è stufa !!!

      O prima si pensa a fare pulizia dove serve
      veramente o non devono stupirsi che quelli che
      dovrebbero essere deterrenti diventano inviti a
      nozze:@Sicuramente prima o poi arriverà lo scemo che ribatterà alle tue parole, ma per quello che mi riguarda QUOTO TUTTO alla grande.Voglio dire, ogni giorno si legge di gente talmente lorda di sangue che per uscirne devono gonfiare un canotto... E poi te li vedi tutti a spasso perchè hanno l'avvocato col nome di una ridente città siciliana, e così le madri che spappolano il cervello ai figli vanno a farsi le ferie mentre noi magari dovremmo cagarci addosso per esserci masterizzati un pornazzo da quattro soldi rippato da una videocassetta di 10 anni fa.E chi mette il figlio nella lavatrice, e quell'altra che ha affogato il bambino perchè doveva andare a fare la puttanella in tv, e quell'altro che per due soldi d'eredità fa a pezzi la gente e la mette nei sacchi del pattume. Poi intervistano i vicini "mah, è una brava ragazza, è gente normale". SI, NORMALE UN CAZZO. E poi non facciamo la lista dei politici implicati per furti imbrogli e corruzione varia, MA BASTA CON QUESTO SCHIFO!!!E la gente dovrebbe aver paura? Di cosa? Ma questa è la nazione delle ruberie e degli imbrogli, e dei delitti gravi e senza giustizia alcuna. In dieci stuprano una ragazza e poi vanno in giro tranquilli tanto "non possono inquinare le prove", ahahah, eh già, tanto a quella poveraccia l'hanno già inquinata coi loro cazzetti da impotenti. CHE NAZIONE SCHIFOSA, mi vergogno di essere italiano.
      • Anonimo scrive:
        Re: Gli utenti non credono alle denuncie
        mentre noi magari dovremmo cagarci addosso
        per esserci masterizzati un pornazzo da quattro
        soldi rippato da una videocassetta di 10 anni fa.Ma anche se al posto del pornazzo di 10 anni fa ci fosse l'ultima anteprima del cinema che differenza di sarebbe a confronto di certi reati realmente dannosi. Possibile che si debba dare tanta importanza a cose che al massimo danneggiano dei miliardari che i soldi non sanno più dove metterseli mentre invece si possa essere lassivi di fronte ad omicidi, strupri, violenze e furti ai danni non di nani con lo yacht ma di vecchi che magari con la pensione non arrivano manco a fine mese ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Gli utenti non credono alle denuncie
        - Scritto da: Anonimo

        cut
        ....
        Sicuramente prima o poi arriverà lo scemo che
        ribatterà alle tue parole, ma per quello che mi
        riguarda QUOTO TUTTO alla grande.

        Voglio dire, ogni giorno si legge di gente
        talmente lorda di sangue che per uscirne devono
        gonfiare un canotto... E poi te li vedi tutti a
        spasso perchè hanno l'avvocato col nome di una
        ridente città siciliana, e così le madri che
        spappolano il cervello ai figli vanno a farsi le
        ferie mentre noi magari dovremmo cagarci addosso
        per esserci masterizzati un pornazzo da quattro
        soldi rippato da una videocassetta di 10 anni fa.

        E chi mette il figlio nella lavatrice, e
        quell'altra che ha affogato il bambino perchè
        doveva andare a fare la puttanella in tv, e
        quell'altro che per due soldi d'eredità fa a
        pezzi la gente e la mette nei sacchi del pattume.
        Poi intervistano i vicini "mah, è una brava
        ragazza, è gente normale". SI, NORMALE UN CAZZO.
        E poi non facciamo la lista dei politici
        implicati per furti imbrogli e corruzione varia,
        MA BASTA CON QUESTO SCHIFO!!!

        E la gente dovrebbe aver paura? Di cosa? Ma
        questa è la nazione delle ruberie e degli
        imbrogli, e dei delitti gravi e senza giustizia
        alcuna. In dieci stuprano una ragazza e poi vanno
        in giro tranquilli tanto "non possono inquinare
        le prove", ahahah, eh già, tanto a quella
        poveraccia l'hanno già inquinata coi loro
        cazzetti da impotenti. CHE NAZIONE SCHIFOSA, mi
        vergogno di essere italiano.Quoto al 10000% ma purtroppo di quello che succede a te o a quelle persone che sono vittime di ladri, killer, stupratori a quei pidocchi non fotte niente, l'importante è che abbiano la panza piena e il proprio "attrezzo" soddisfatto! La cosa più schifosa è che utilizzano le forze dell'ordine che sono pagate con soldi dei contribuenti per queste p*ttanate e le distraggono da compiti istituzionali come la sicurezza e l'ordine pubblico o la caccia ai grossi evasori che nel frattempo se la ridono grassa come Mr. Parmalat o Mr. Cirio e che comunque sono sicuri che una volta beccati tra attenuanti e cazz*te varie non fanno nemmeno un giorno di galera!!! :@ :@ :@
      • Anonimo scrive:
        Re: Gli utenti non credono alle denuncie

        mentre noi magari dovremmo cagarci addosso
        per esserci masterizzati un pornazzo da quattro
        soldi rippato da una videocassetta di 10 anni fa.E' proprio vero! E poi si legge la scritta "play" del videoregistratore oppure segano le scene meno interessanti attivando un bel "avanti veloce".Meno interessanti a detta del rippatore!!E' uno scandalo! :@ Chissà cosa rischio per quel filmaccio di inizi carriera della Laura Antonelli doppiato in inglese (che non capisco) ma sottotitolato in cinese!Mi sento un pò criminale. (newbie)
        • Bruco scrive:
          Re: Gli utenti non credono alle denuncie
          - Scritto da: Anonimo
          E' proprio vero! E poi si legge la scritta "play"
          del videoregistratore oppure segano le scene meno
          interessanti attivando un bel "avanti veloce".
          Meno interessanti a detta del rippatore!!
          E' uno scandalo!ROFTL!
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli utenti non credono alle denuncie
      Direi che hai centrato il problema.Se non sbaglio è principio giuridico fondamentale che un comportamento costituisce illecito penale se genera allarme sociale. Ora, il p2p è stato accusato di tutto, dal finanziare il terrorismo (e come? con i soldi presi dove da chi?) al buco nell' ozono, eppure l' unico allarme che vedo è quello attaccato alle saccocce delle major.Guarda caso negli USA, per quanto forcaioli possano essere, hanno -avevano fino a poco tempo fa, pensando ad esempio agli screener- ancora almeno il buon gusto di intervenire in sede civile su denuncia di parte.
      • Anonimo scrive:
        Re: Gli utenti non credono alle denuncie
        Non è che la gente non ci crede ma è un fatto puramente statistico: ci sono milioni di persone che scaricano miliardi di brani ogni giorno di queste ne vengono "punite" qualche decina (di cui bisognerebbe vedre quante effetivamente vengono punite), è ben evidente che non è un deterrente molto efficace (per inciso è la tecnica del branco usata anche da molti pesci). Io ho sempre pensato che tutto questo è molto diseducativo (a parte quanto ognuno di noi pensa sulla voracità delle major) ed era meglio ripensare ai sistemi di distribuzione fin dall'apparizione del P2P ma gli uomini sono ciechi. Mi ricorda quelli che difendevano le navi a vela quando uscirono quelle a vapore o coloro che facevano la guerra alle automobili per salvare l'industria delle carrozze. Buon Dl a tutti
        • Anonimo scrive:
          Re: Gli utenti non credono alle denuncie
          Già ma il mercato delle navi a vela x non morire s'è riciclato negli yacht di lusso non ha scatenato la caccia alle streghe perchè il suo maggiore azionista era il papa
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli utenti non credono alle denuncie
      - Scritto da: Anonimo
      ...falso ci credono ma se ne fregano !considera che il valore di log del traffico, per la giurisprudenza italiana, hanno il valore della carta straccia se non supportati da prove piu' concrete frutto di perquisizioni; quindi basta usare partizioni crittate (visto che per legge tu non sei tenuto a fornire la chiave di decrittazione agli inquirenti) e buonanotte
  • CoreDump scrive:
    In Sintesi....
    --quoto dall'articolo --In questo scenario appaiono ovvie le parole rivolte da Garland all'industria dei contenuti: a suo dire è necessario focalizzarsi nel trasformare gli utenti in clienti della musica e del cinema, spingendosi molto oltre rispetto a quanto già realizzato con piattaforme come Apple iTunes. In questo senso Garland cita l'incompatibilità dei formati utilizzati, le difficoltà nell'uso dei materiali acquistati, la scarsa portabilità da un dispositivo all'altro e via dicendo. "L'incompatibilità - ha sentenziato - è un incubo per i consumatori".-------------------------Quello che sarebbe giusto per i consumatori sarebbeprezzo più basso, 0.99 cent sembra poco ma su unalbum interno non lo è cosi tanto, inoltre bisognaaggiungerci il supporto cd ( tassato ) e alla fine ci siritrova ad aver speso più di 10 euro senza averei benefit dell'originale ( copertina, cd serigrafato etc ),poi le major devono capire che i DRM non servono( almeno al momento ) a un tubo, limitiano solo lalibertà d'uso di chi acquista legalmente al pari delleprotezioni dei giochi etc. e aggiungo una notapersonale, qui si parla di internet e di pirateria main italia quanti siamo ad aver una connessione veloce( adsl ) e quanti cè l'hanno e scaricano con il p2p ?, iospesso passo per il centro citta ( roma ) e continuoa vedere extracomunitari che vendono le ultime novitàcd/dvd a iosa a conti fatti incide cosi tanto il p2p datoche molte persone che scaricano sono ancheacquirenti di materiale originale? ( anche se puòsembrare strano è cosi ), non sarebbe ora di smetterladi fare denunce a destra e a manca, di farsi fare leggiad hoc, di sperperare soldi in sodaggi e protezioniinutili e rimboccarsi le maniche mettendosi al tavolinoper cercare una strategia di vendita che porti realivantaggi a tutti, consumatori compresi? saluti.
    • Anonimo scrive:
      Re: In Sintesi....
      - Scritto da: CoreDump
      0.99 centnon è tanto i 0.99 ma la qualità di m***da del mp3, fortunato se è a 192kb, i 320 vbr neanche col binoccoloma anche le assurde protezioni cher ci mettono che rendono difficile la trasportabilità e la libertà di agire sul brano che hai aquistato: pulizia, filtri etcsenza dire che il cd è tutta un'altra cosa o un formato lossless (wav, ape...)
      • Anonimo scrive:
        Re: In Sintesi....
        E' inutile girarci attorno;finche' le major pretendono di mantenere gli introiti o aumentarli non c'e' via d'uscita.Basta esaminare la situazione, siamo ad un punto di evoluzione tecnologica in cui l'esistenza delle major e' difficilmente giustificabile.
        • marchino1981 scrive:
          Re: In Sintesi....
          - Scritto da: Anonimo

          E' inutile girarci attorno;
          finche' le major pretendono di mantenere gli
          introiti o aumentarli non c'e' via d'uscita.Al di là del fatto che il p2p sia giusto o sbagliato, quello che stai dicendo non ha senso. Qualunque azienda pretende di mantenere o meglio aumentare gli introiti! Un'azienda che non lo fa è un'azienda senza fini di lucro, che difficilmente può occuparsi di promozione e distribuzione di musica.

          Basta esaminare la situazione, siamo ad un punto
          di evoluzione tecnologica in cui l'esistenza
          delle major e' difficilmente giustificabile.Perchè? C'è anche gente che ancora compra i cd, e nemmeno poca a quanto mi risulta (anche se in calo). E poi sono le major che organizzano eventi, tour ecc, sobbarcandosi le spese e i rischi (e ovviamente prendendosi un bel po' di soldi indietro se tutto va bene). Anche con i nuovi modi di diffondere la musica (ad esempio acquistando via internet il singolo brano) le major continuano ad avere la loro importanza nella promozione degli artisti.
      • Anonimo scrive:
        Re: In Sintesi....
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: CoreDump

        0.99 cent

        non è tanto i 0.99 ma la qualità di m***da del
        mp3, fortunato se è a 192kb, i 320 vbr neanche
        col binoccoloSpero che tu abbia l'orecchio di un musicista e che abbia un impianto di altissima qualità, che tu viva isalato, senza traffico o rumori esterni... altrimenti mi viene il sospetto che tu sia solo uno che parla a vanvera, per il 99% delle presone un 128 kbps è più che sufficiente, 192 poi non ne parliamo
        • Anonimo scrive:
          Re: In Sintesi....
          - Scritto da: Anonimo

          Spero che tu abbia l'orecchio di un musicista e
          che abbia un impianto di altissima qualità, che
          tu viva isalato, senza traffico o rumori
          esterni... altrimenti mi viene il sospetto che tu
          sia solo uno che parla a vanvera, per il 99%
          delle presone un 128 kbps è più che sufficiente,
          192 poi non ne parliamoancora sta stronzata dei 128 k sufficienti ?fai una semplice prova con un banale paio di cuffie e la differenza la sentie cmq la diff.tra un mp3 e un wav si sente, non ci son azzi
      • Anonimo scrive:
        Re: In Sintesi....
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: CoreDump

        0.99 cent

        non è tanto i 0.99 ma la qualità di m***da del
        mp3, fortunato se è a 192kb, i 320 vbr neanche
        col binoccolofossero anche 32000000kps rimane sempre un mp3! compresso! la qualita` non sara` mai quella di un Wav. Dovrei pagare 1 euro per un mp3??? ma siamo pazzi? un mp3 vale 20cent se non meno. 50 un wav. 10 euro un cd. Cosi le proporzioni sarebbero umane. Addio p2p, pirateria ecc e vendite online a manetta. Senza DRM!!! Scommettiamo???
        ma anche le assurde protezioni cher ci mettono
        che rendono difficile la trasportabilità e la
        libertà di agire sul brano che hai aquistato:
        pulizia, filtri etc

        senza dire che il cd è tutta un'altra cosa o un
        formato lossless (wav, ape...)
        • Anonimo scrive:
          Re: In Sintesi....

          altrimenti mi viene il sospetto che tu sia solo uno che
          parla a vanvera, per il 99% delle presone un 128 kbps è
          più che sufficiente, 192 poi non ne parliamoveramente forse sei tu che parla un pò a vanvera: non serve avere orecchio da musicista e stare su un'isola deserta per sentire pesantemente la differenza tra 128k e 320k. poi se tu sei contento di spendere tanto per musica di scarsa qualità, fatti tuoi
    • AndreaMilano scrive:
      Re: In Sintesi....
      - Scritto da: CoreDump:cuttone:
      di fare denunce a destra e a manca, di farsi fare
      leggi
      ad hoc, di sperperare soldi in sodaggi e
      protezioni
      inutili e rimboccarsi le maniche mettendosi al
      tavolino
      per cercare una strategia di vendita che porti
      reali
      vantaggi a tutti, consumatori compresi?

      saluti.appoggio in pieno.abbassi i prezzi e risolvi tutto. Altrimenti milioni di utenti non li schiodi
      • marchino1981 scrive:
        Re: In Sintesi....

        appoggio in pieno.
        abbassi i prezzi e risolvi tutto. Altrimenti
        milioni di utenti non li schiodiSi certo, se i cd costassero 10 euro tutti correrebbero a comprarli e smetterebbero di scaricarli! Ma quando mai. Forse se un cd pieno zeppo di musica costasse poco più di un cd vergine allora sarebbe possibile. La maggior parte della gente che usa il p2p scarica musica di ogni, dico OGNI, tipo, riempiendosi l'hd di giga e giga di mp3 molti dei quali non verranno mai ascoltati. Avessero comprato tutta quella musica a 1 centesimo a brano starebbero per strada a morire di fame.
        • AndreaMilano scrive:
          Re: In Sintesi....
          - Scritto da: marchino1981

          appoggio in pieno.

          abbassi i prezzi e risolvi tutto. Altrimenti

          milioni di utenti non li schiodi

          Si certo, se i cd costassero 10 euro tutti
          correrebbero a comprarli e smetterebbero di
          scaricarli! Ma quando mai. Forse se un cd pieno
          zeppo di musica costasse poco più di un cd
          vergine allora sarebbe possibile. La maggior
          parte della gente che usa il p2p scarica musica
          di ogni, dico OGNI, tipo, riempiendosi l'hd di
          giga e giga di mp3 molti dei quali non verranno
          mai ascoltati. Avessero comprato tutta quella
          musica a 1 centesimo a brano starebbero per
          strada a morire di fame.Pura e facinorosa idiosincrasia nei confronti di un pensiero razionale e logico. E' ovvio che con un costo ragionevole la pena per il "fuorilegge" andrebbe inasprita (a ben pensarci basterebbe applicare quella odierna).Proponi tu la soluzione allora.La discussione e le critiche, costruttive, sono il metodo migliore per trovare una soluzione che crei il disagio minore. Non trovi?
    • Anonimo scrive:
      5 --
      dovrebbe trovarsi un lavoro vero...
    • Anonimo scrive:
      Re: In Sintesi....
      - Scritto da: CoreDump
      --quoto dall'articolo --
      In questo scenario appaiono ovvie le parole
      rivolte da Garland all'industria dei contenuti: a
      suo dire è necessario focalizzarsi nel
      trasformare gli utenti in clienti della musica e
      del cinema, spingendosi molto oltre rispetto a
      quanto già realizzato con piattaforme come Apple
      iTunes. In questo senso Garland cita
      l'incompatibilità dei formati utilizzati, le
      difficoltà nell'uso dei materiali acquistati, la
      scarsa portabilità da un dispositivo all'altro e
      via dicendo. "L'incompatibilità - ha sentenziato
      - è un incubo per i consumatori".
      -------------------------

      Quello che sarebbe giusto per i consumatori
      sarebbe
      prezzo più basso, 0.99 cent sembra poco ma su un
      album interno non lo è cosi tanto, inoltre bisogna
      aggiungerci il supporto cd ( tassato ) e alla
      fine ci si
      ritrova ad aver speso più di 10 euro senza avere
      i benefit dell'originale ( copertina, cd
      serigrafato etc ),
      poi le major devono capire che i DRM non servono
      ( almeno al momento ) a un tubo, limitiano solo la
      libertà d'uso di chi acquista legalmente al pari
      delle
      protezioni dei giochi etc. e aggiungo una nota
      personale, qui si parla di internet e di
      pirateria ma
      in italia quanti siamo ad aver una connessione
      veloce
      ( adsl ) e quanti cè l'hanno e scaricano con il
      p2p ?, io
      spesso passo per il centro citta ( roma ) e
      continuo
      a vedere extracomunitari che vendono le ultime
      novità
      cd/dvd a iosa a conti fatti incide cosi tanto il
      p2p dato
      che molte persone che scaricano sono anche
      acquirenti di materiale originale? ( anche se può
      sembrare strano è cosi ), non sarebbe ora di
      smetterla
      di fare denunce a destra e a manca, di farsi fare
      leggi
      ad hoc, di sperperare soldi in sodaggi e
      protezioni
      inutili e rimboccarsi le maniche mettendosi al
      tavolino
      per cercare una strategia di vendita che porti
      reali
      vantaggi a tutti, consumatori compresi?

      saluti.Il problema è che i dirigenti delle major NON VOGLIONO RINUNCIARE AI LORO GUADAGNI MILIARDARI!!!!Questo perché sono stati abituati male e non rinuncerebbero al Ferrari, che non potrebbero più acquistare e mantenere (basta sentire ogni volta che esce un nuovo modello di Ferrari quante prenotazioni dagli U.S.A. ci sono e non penso che siano tutti magnati del petrolio), al villone a Beverly Hills e Miami ed amanti varie che certamente non vanno con dei pezzenti!Ma hanno capito MOLTO MALE perché il mondo è cambiato ed i polli non ci sono più!!! 8)
      • Anonimo scrive:
        Re: In Sintesi....

        Ma hanno capito MOLTO MALE perché il mondo è
        cambiato ed i polli non ci sono più!!!
        8) il problema del mondo è proprio che è pieno di polli.e il numero di polli cresce esponenzialmente alimentato da pigrizia, media che ipnotizzano e diverse altre cose...
        • Anonimo scrive:
          Re: In Sintesi....
          - Scritto da: Anonimo

          Ma hanno capito MOLTO MALE perché il mondo è

          cambiato ed i polli non ci sono più!!!

          8)

          il problema del mondo è proprio che è pieno di
          polli.
          e il numero di polli cresce esponenzialmente
          alimentato da pigrizia, media che ipnotizzano e
          diverse altre cose...Eh, che i polli siano aumentati non mi sembra visto che aumentano gli utenti p2p!!! (cylon)
      • Anonimo scrive:
        Re: In Sintesi....
        Io come ho già scritto altrove non voglio muovere un dito. Acquistare musica dal web, masterizzare, stampare la copertina per ritrovarmi alla fine con un Cd tarocco ma legale ... non esiste!Potete anche levare il P2P ma per me non cambia niente. Non vi compro più un tubo di niente!Mandatemi anche la polizia in casa a picchiarmi ma io non vi compro un tubo di niente.Abbassate i prezzi dei Cd e non prendiamoci più per i fondelli. 10 ? un Cd nuovo, pari alle vecchie 20.000 lire e vedrete che la gente torna a comprare.Ma vi ricordate pochi anni addietro che con 18.000 lire si comprava un Cd nuovo e già ci si lamentava che in confronto a cassetta ed Lp erano un furto?Vi siete lasciati prendere la mano in questi anni.Vi siete lasciati prendere la mano e adesso ci siamo rotti di brutto!!! :@ :@
        • Anonimo scrive:
          Re: In Sintesi....
          Anche se devo scegliere di comprare a 1 Euro a canzone oppure a niente continuo a preferire di spendere niente.L'Eurino preferisco darlo al suonatore di strada piuttosto che a questi ladri.Se questi ladri vogliono i miei soldi che vadano in strada, qualcosa si racimola sempre.
        • Anonimo scrive:
          Re: In Sintesi....
          Ben detto!!!!!! Bravo!!!!!!Mi associo anch'io.Magari lo farebbero tutti. Allora di sicuro ci sentiranno una buuona volta.
          • abbasso scrive:
            Re: In Sintesi....
            - Scritto da: Anonimo
            Magari lo farebbero tutti. Allora di sicuro ci
            sentiranno una buuona volta.Vedi, la musica non è poi così importante.E' più importante conoscere l'italiano. Scaldati di meno per gli mp3 e studia di più l'italiano.
          • Anonimo scrive:
            Re: In Sintesi....
            personalmente mi trovo d'accordo con molti utenti, i cd costano in effetti troppo.. ma certe considerazioni cretine ed insulse come "la musica non è poi così importante" tienitele per te.. oguno ha le proprie passioni, i propri interessi, e per me questa è un'arte meravigliosa ed assolutamente rilevante nella nostra società (e nn sto parlando di britney spears e merda varia ma di musica di qualità).. per cui certe merdate tienitele nei meandri di quella tua testa pacata.. bye;
          • abbasso scrive:
            Re: In Sintesi....
            - Scritto da: Anonimo
            personalmente mi trovo d'accordo con molti
            utenti, i cd costano in effetti troppo.. ma certe
            considerazioni cretine ed insulse come "la musica
            non è poi così importante" tienitele per te..
            oguno ha le proprie passioni, i propri interessi,
            e per me questa è un'arte meravigliosa ed
            assolutamente rilevante nella nostra società (e
            nn sto parlando di britney spears e merda varia
            ma di musica di qualità).. per cui certe merdate
            tienitele nei meandri di quella tua testa
            pacata.. bye;Non se sei lo stesso ignorante che ha scritto il messaggio sgrammaticato a cui ho risposto, in ogni caso sei un ignorante perchè insulti le persone. La merda sei tu, che non vuoi far parlare gli altri.BTW, sentiamo, qual è la musica di qualità che tu ascolti... giudicando da quello che scrivi saranno le Spice Girls.
  • Anonimo scrive:
    Bene ....
    Bene ,l'avete picchiata ben bene la testa nel muro ? :D Ora voglio se continuerete ad imporre i vostri prezzi o se incomincierete ad ascoltare i nostri di consigli ! :s
    • xander2k scrive:
      Re: Bene ....
      - Scritto da: Anonimo
      Bene ,l'avete picchiata ben bene la testa nel
      muro ? :D
      Ora voglio se continuerete ad imporre i vostri
      prezzi o se incomincierete ad ascoltare i nostri
      di consigli ! :sSecondo me si continuerà a scaricare illegalmente anche se un cd costasse 5 euro.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bene ....
        - Scritto da: xander2k

        - Scritto da: Anonimo

        Bene ,l'avete picchiata ben bene la testa nel

        muro ? :D

        Ora voglio se continuerete ad imporre i vostri

        prezzi o se incomincierete ad ascoltare i nostri

        di consigli ! :s

        Secondo me si continuerà a scaricare illegalmente
        anche se un cd costasse 5 euro.Certo se con stipendi medi si continua a perdere il potere d'acquisto e poi 5 euro bisogna vedere quali album ! :s
  • Anonimo scrive:
    Soluzione
    Si vieteranno connessioni a larga banda, e si introdurrà una legge che obbliga ognuno ad acquistare almeno un CD , DVD o ebook a scelta una volta al mese, per la modica cifra di 300 ? cad..Ma per piacere, la gente è stanca di pagare per nulla, ed ha altro da comprare con sta recessione. E poi non è detto che ogni porta aperta sullo standard bittorrent sia per scambi illegali, visono le ISO di linux, che ormai sono dei pacconi di vari Gbytes; non mi dicano questi che si basano solo sul traffico generato, perchè mi sa tanto che se s'attaccano a questo si vede che stanno alla frutta.
    • bugybugy scrive:
      Re: Soluzione
      - Scritto da: Anonimo
      non mi dicano questi
      che si basano solo sul traffico generato, perchè
      mi sa tanto che se s'attaccano a questo si vede
      che stanno alla frutta.Questa è una bella domanda, io spero che facciano stateful inspection, ma sinceramente non ho informazioni in merito precise; ho fatto una breve ricerca ma non ho trovato nulla, sarà per domani...ora cerco di studiare un po' :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Soluzione
      - Scritto da: Anonimo
      Si vieteranno connessioni a larga banda, e si
      introdurrà una legge che obbliga ognuno ad
      acquistare almeno un CD , DVD o ebook a scelta
      una volta al mese, per la modica cifra di 300 ?
      cad..tolga pure la parola "scelta" ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Soluzione
      Attento ......gli ultimi dati dicono che invece di avere un -0.2% di PIL, a fine anno sembra che avremo un +0.6 d'incremento PIL.Non saresti più giustificato ..... Devi pagare!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Soluzione
        Non invertire le cifre... +0.2% invece del -0.6%.Una vera ricchezza :(
        • teddybear scrive:
          Re: Soluzione
          - Scritto da: Matthew Reed
          Non invertire le cifre... +0.2% invece del -0.6%.Già... la cosa puzza alquanto però...Non è che ci ritroviamo nuovamente nel caso simile al famoso "paniere", in cui per fare uscire il risultato "bello" si cambiano gli addendi a piacere?Famosa storia del paniere... ci hanno messo dentro il lettore DVD... guarda caso hanno iniziato a scendere i prezzi. Ieri in un centro commerciale ne ho visto uno a 28 euro, legge DVD/CD/Mp3/KodakPhotoDisk.Ventotto euro... quando era stato inserito li trovavi a 10 volte tanto.Ma i prezzi del software sono rimasti uguali. Di lettore ne compri uno. Di DVD, spero, almeno una decina in tutto (altrimenti non sarebbe giustificato l'acquisto di un lettore), o almeno dei noleggi.Sarebbe come se ti dessero la Mercedes Classe E a 298 euro anzichè a 298mila e poi ti facessero pagare il carburante 200 euro al litro, anziche 2 euro.Come? Non costa due euro a litro? Vedrete, vedrete.Un "famoso" economista due anni fa, durante la guerra del golfo disse che secondo lui il prezzo del petrolio non sarebbe sceso affatto. (ed allora era tra i 25 e i 30 dollari al barile), e che anzi, nel giro di due anni avrebbe raggiunto i 90 dollari. Vediamo che succede nei prossimi mesi? Non so se arriverà a 90, ma a 80 sono pronto a scommetterci su.Il povero petroliere texano starà piangendo per quanti soldi in più sta guadagnando ogni momento, senza fare assolutamente niente. A lui è bastato dire... andate e distruggete le armi di distruzione di massa. Che a distruggere l'economia dei cittadini del mondo ci penso io...
          • Chernobyl scrive:
            Re: Soluzione
            - Scritto da: teddybear
            Già... la cosa puzza alquanto però...
            Non è che ci ritroviamo nuovamente nel caso
            simile al famoso "paniere", in cui per fare
            uscire il risultato "bello" si cambiano gli
            addendi a piacere?

            Famosa storia del paniere... ci hanno messo
            dentro il lettore DVD... guarda caso hanno
            iniziato a scendere i prezzi. Ieri in un centro
            commerciale ne ho visto uno a 28 euro, legge
            DVD/CD/Mp3/KodakPhotoDisk.

            Ventotto euro... quando era stato inserito li
            trovavi a 10 volte tanto.

            Ma i prezzi del software sono rimasti uguali. Di
            lettore ne compri uno. Di DVD, spero, almeno una
            decina in tutto (altrimenti non sarebbe
            giustificato l'acquisto di un lettore), o almeno
            dei noleggi.

            Sarebbe come se ti dessero la Mercedes Classe E a
            298 euro anzichè a 298mila e poi ti facessero
            pagare il carburante 200 euro al litro, anziche 2
            euro.Come le cartucce delle stampanti: stampante a 40 euro, cartucce a 30 o piu'Comunque non capisco il nesso adesso con l'incremento del costo della benzina
            Come? Non costa due euro a litro? Vedrete,
            vedrete.
            Un "famoso" economista due anni fa, durante la
            guerra del golfo disse che secondo lui il prezzo
            del petrolio non sarebbe sceso affatto. (edDunque, senza scomodare gli economisti, parliamo piu' semplicemente del picco di Hubbert, studioso (non so di che argomento, ma so che ha lavorato per alcune compagnie petrolifere) che predisse l'aumento del costo del barile prodotto in suolo americano con una decina d'anni di anticipo. Si parla degli anni '60. Se si applica a livello globale, il picco dovrebbe arrivare circa fra il 2004 e il 2006
            allora era tra i 25 e i 30 dollari al barile), e
            che anzi, nel giro di due anni avrebbe raggiunto
            i 90 dollari. Vediamo che succede nei prossimi
            mesi? Non so se arriverà a 90, ma a 80 sono
            pronto a scommetterci su.Non c'e' bisogno di scommetterci su, "La Stampa" 2-3 anni fa aveva pubblicato una tabella in cui si prediceva il costo del barile in base alla durata dell'intervento americano in Iraq. da 30-40 euro nel caso piu' breve a 110 euro nel caso di permanenza molto piu' lunga. Tuttavia non c'era bisogno di scomodare Bush per avere il petrolio cosi' costoso: sarebbe successo lo stesso e nello stesso periodo. Leggiti "La fine del petrolio" di Ugo Bardi, o quello che sta dicendo da 5-6 anni Paolo Fornaciari su "l'Opinione" (www.opinione.it)
            Il povero petroliere texano starà piangendo per
            quanti soldi in più sta guadagnando ogni momento,
            senza fare assolutamente niente. A lui è bastato
            dire... andate e distruggete le armi di
            distruzione di massa. Che a distruggere
            l'economia dei cittadini del mondo ci penso io...Solo il petroliere texano ? Perche' non si guarda anche ai cari sceicchi arabi che si stanno arricchendo con i nostri soldi ? Enrico Mattei aveva inventato il nome "Sette Sorelle" per riferirsi alle compagnie petrolifere (ma perche' c'e' gente che insiste a chiamarle "seven sisters"? l'ha inventato un italiano per una volta questo modo di dire. Allora siamo veramente anglofoni anche nel sangue) ma anche gli "Undici Fratelli" per riferirsi agli sceicchi arabi. Ma parlare male di arabi in questo periodo non fa moda o tendenza==================================Modificato dall'autore il 08/09/2005 10.04.17
          • teddybear scrive:
            Re: Soluzione
            - Scritto da: Chernobyl
            Solo il petroliere texano ? Perche' non si guarda
            anche ai cari sceicchi arabi che si stanno
            arricchendo con i nostri soldi ?Perchè sul costo del sigolo litro di carburante alla fin fine quello che ci guadagna meno è (paradossalmente) lo sceicco. Vero che loro, con lo stesso identico lavoro di prima guadagnano il triplo.Ma è anche vero che tutti gli altri costi vengono spesso considerati in percentuale. Il che è assurdo. Se il costo della materia prima aumenta, non aumenta anche il costo della manipolazione del prodotto. (non lo fanno aumentare in proporzione diretta, per fortuna).Il caso della Francia è significativo. Idea intelligente. Ma qui in italia qualcuno avrebbe da lamentarsi...
          • Chernobyl scrive:
            Re: Soluzione
            - Scritto da: teddybear
            - Scritto da: Chernobyl


            Solo il petroliere texano ? Perche' non si
            guarda

            anche ai cari sceicchi arabi che si stanno

            arricchendo con i nostri soldi ?

            Perchè sul costo del sigolo litro di carburante
            alla fin fine quello che ci guadagna meno è
            (paradossalmente) lo sceicco. Vero che loro, con
            lo stesso identico lavoro di prima guadagnano il
            triplo.Lo stesso identico lavoro ? Quale lavoro ? Dare concessioni e farsi pagare ...
            Ma è anche vero che tutti gli altri costi vengono
            spesso considerati in percentuale. Il che è
            assurdo. Se il costo della materia prima aumenta,
            non aumenta anche il costo della manipolazione
            del prodotto. (non lo fanno aumentare in
            proporzione diretta, per fortuna).Perche' no ? Se la raffineria per funzionare ha bisogno di una certa quantita' di petrolio, e il costo del petrolio aumenta, bisogna che anche la raffineria debba pagare di piu'. Insomma, la discussione non e' cosi' semplice come potrebbe sembrare.
            Il caso della Francia è significativo. Idea
            intelligente. Ma qui in italia qualcuno avrebbe
            da lamentarsi...Quale idea della Francia ? Quella di dotarsi di un apparato atomico ? Allora sono d'accordo :)
          • teddybear scrive:
            Re: Soluzione
            - Scritto da: Chernobyl

            Vero che loro, con

            lo stesso identico lavoro di prima guadagnano il

            triplo.
            Lo stesso identico lavoro ? Quale lavoro ? Dare
            concessioni e farsi pagare ...Esatto. Gli sceicchi arabi si sono visti aumentare gli introiti senza avere alcun aumento di esborso.
            Perche' no ? Se la raffineria per funzionare ha
            bisogno di una certa quantita' di petrolio, e il
            costo del petrolio aumenta, bisogna che anche la
            raffineria debba pagare di piu'. Insomma, la
            discussione non e' cosi' semplice come potrebbe
            sembrare.Ho detto "non in proporzione diretta". Non esiste solo la raffineria nel processo di produzione, ma i costi della petroliere, ad esempio (non solo il loro movimento), gli operai che ci lavorano, ad esempio, lo stoccaggio (per una legge assurda la benzina che produci oggi, non la puoi rivendere che fra 4 mesi), e i serbatoi rimangono sempre quelli. La rete di distribuzione è sempre quella. Non dico che i costi non siano aumentati, ma non sono neanche aumentati parallelamente. Visto che alla fin fine il costo del petrolio incide per un 3% circa sul costo finale del prodotto. Togli pure tutte le tasse, imposte ed accise, ma anche in quel caso c'è stato un aumento spropositato. Due anni fa, vicino a casa mia c'era un distributore che vendeva la super a meno di un euro al litro (0.998). Ieri ho fatto il pieno a 1.312.
            Quale idea della Francia ? Quella di dotarsi di
            un apparato atomico ? Allora sono d'accordo :)No, quella di sovratassare le compagnie petrolifere che senza muovere un dito in più stanno realizzando guadagni mai fatti prima, con un incremento anche del 40% rispetto all'anno precedente di fronte ad un lieve decremento della quantà di prodotto venduto.Se tutti i governi si comportassero così, intendo a sovratassare chi ci guadagna troppo, sarebbe assai meglio. Ma come sempre, alla fine, sarebbe impossibile determinare chi ha guadagnato troppo, chi troppo poco, chi non va tassato perchè amico dell'amante del sottosegretario ecc.Alla fine... come sempre, il modello cubano (quello economico, intendo, non il resto) è l'unico che può garantire (sulla carta) una giusta suddivisione dei beni.Purtroppo in un mondo economico reale, rimane utopico.
          • Anonimo scrive:
            Re: Soluzione
            Quella su Bush è una cavolata.A parte che la maggioranza dei cittadini Iracheni (sciiti e curdi che sono l'80% della popolazione) preferiscono la democrazia ed avere finalmente il potere, loro che erano la maggioranza e non avevano potere riservato alla minoranza sunnita (20% della popolazione).Poi da un punto di vista formale Saddam aveva violato le clausole ONU aveva realmente armi di distruzione di massa: le famose 13 ogive per missili trovate dagli ispettori ONU poco prima dello scoppio della guerra. Lo sò che se si guardasse al formalismo si dovrebbe intervenire in tanti altri casi, a cominciare da Israele da almeno 30 anni: era per puntualizzare.A spingere in sù il prezzo del petrolio ben prima dell'uragano katrina ci hanno pensato le massicice richieste cinesi e chi ha speculato a seguito di queste richieste. A proposito: perchè non ci si coordina a livello mondiale contro questi ignobili speculatori?
          • teddybear scrive:
            Re: Soluzione
            - Scritto da: Anonimo
            A proposito: perchè
            non ci si coordina a livello mondiale contro
            questi ignobili speculatori?Perchè chi "comanda" ci sta guadagnando. In modo diretto o indiretto.Una volta era la politica a comandare, ora è l'economia. Quella dei grandi, non quella dei piccoli.Il pil sale, il pil scende, ecc.Ma che ca**o gliene frega al padre di famiglia (in senso figurato) se il pil del paese sale (o scende) se lui tanto non arriva alla fine del mese?
        • BSD_like scrive:
          Re: Soluzione
          È vero.http://www.rainews24.it/Notizia.asp?NewsID=56511.La tendenza si è invertita ad Aprile scorso; tanto che probabilmente verranno riviste le stime di crescita (già positive) per il 2006.Non solo: vi è la possibilità (ampiamente condivisa dagli esperti) di una maggiore crescita per quest'anno.Questo ovviamente se petrolio e petrolieri lo consentiranno.ma non era meglio attrezzarci per essere un pò petrolio-indipendenti già a partire da 20 anni fà?
      • Anonimo scrive:
        Re: Soluzione
        - Scritto da: Anonimo
        Attento ......
        gli ultimi dati dicono che invece di avere un
        -0.2% di PIL, a fine anno sembra che avremo un
        +0.6 d'incremento PIL.
        Non saresti più giustificato ..... Devi pagare!!!Sì, sì bevetevi le caxxate che dicono che poi a fine anno vedremo chi la prende in quel posto!!!!E' molto probabile che quel +0.2% sarà dovuto ai cinesi che si stanno arricchendo alla faccia nostra: è un po' come quando dicono: "In Italia è tornata a crescere la natalità" sì dovuta soprattutto alle donne immigrate!!!! 8)
    • teddybear scrive:
      Re: Soluzione
      - Scritto da: Anonimo
      E poi non è detto che ogni porta
      aperta sullo standard bittorrent sia per scambi
      illegali, visono le ISO di linux, che ormai sono
      dei pacconi di vari Gbytes;D'accordissimo con te. Ma non mi puoi certo venire a dire che la maggiorparte della gente paga 30 euro al mese per una connessione a banda larga per scaricarsi, continuamente e senza soluzione di continuità le ISO di linux?A parte il fatto che la maggiorparte della gente neanche sa cosa sia linux, una volta che lo hai scaricato ed aggiornato, non mi pare che ti ci vogliano altri gb ogni giorno. Se così fosse, il pinguino è messo assai peggio che "finestre". Io uso BSD, e ti assicuro che non ho mai superato i due GB al mese di traffico, neanche quando ho scaricato per la prima (ed unica) volta, tutti i pacchetti che mi servivano.Ho una connessione a banda larga, FW, pago 86 euro al mese. Se dovessi spendere così tanto per scaricare DVD/CD, sarei messo davvero male. Spenderei molto meno a comprare tutti i CD originali. Anzi. Spendo molto meno a comprare tutti i CD originali. Di DVD ne prendo uno ogni tanto. Ma di CD ne compro parecchi, tutti con Amazon (li compro li da quando ancora era cd-now) e consideando che il prezzo medio non supera mai i 15$ (ma la maggiorparte li paghi meno, molto meno), siamo a due cd al mese per una connessione tipo alice o simili. Mi volete venire a dire che a qualcuno "servono" più di due CD al mese? Ma non ci credo nenache se lo vedo...
      • Guybrush scrive:
        Re: Soluzione
        Io ci lavoro con la connessione a banda larga e mi ci sono volute 11 ore per scaricarmi la nuova distro di Knoppix (3GB).Poi ho lasciato un'altra giornata BT aperto per permettere ad altri di prendere le immagini scaricate.Una settimana fa mi sono dovuto ri-scaricare America's army e tutti gli aggiornamenti, poi ci sono le mappe di Enemy Territory (mezzo giga solo per le mappe piu' comuni), gli add-on di RTW, di Civ III (solo 300 mb tra una cosa e l'altra) e il solito traffico delle mie partite online che comunque tiene la connessione sempre bene occupata, soprattutto la sera.Mi guardo bene dal condividere materiale che possa anche solo far pensare a brani protetti e non scarico niente di cui non sono sicuro al 1001%
        GT
        • teddybear scrive:
          Re: Soluzione
          - Scritto da: Guybrush
          Io ci lavoro con la connessione a banda larga e
          mi ci sono volute 11 ore per scaricarmi la nuova
          distro di Knoppix (3GB).Ci lavoro anche io... anzi, io ce l'ho per il lavoro, non per altro...
          Poi ho lasciato un'altra giornata BT aperto per
          permettere ad altri di prendere le immagini
          scaricate.Cosa che quasi nessuno fa. Sei un caso sporadico. Ma ti devo fare i complimenti. Se tutti facessero come te...
          Una settimana fa mi sono dovuto ri-scaricare
          America's army e tutti gli aggiornamenti, poi ci
          sono le mappe di Enemy Territory (mezzo giga solo
          per le mappe piu' comuni), gli add-on di RTW, di
          Civ III (solo 300 mb tra una cosa e l'altra) e il
          solito traffico delle mie partite online che
          comunque tiene la connessione sempre bene
          occupata, soprattutto la sera.La occupi con il game-online?Alla faccia! Che ca**o ci passa li in mezzo?In azienda abbiamo 5000 dipendenti. I servers ed i mainframe sono tutti dislocati tra praga e scottsdale, ma ce la caviamo ottimamente e i picchi non superano mai gli 8mbit. Una fastweb sarebbe già più che sufficiente, quindi. (tralasciando tutti gli altri fattori, sto parlando esclusivamente di banda e non di altri parametri)
          Mi guardo bene dal condividere materiale che
          possa anche solo far pensare a brani protetti e
          non scarico niente di cui non sono sicuro al
          1001%Già. Ma nel tuo caso, se la autorità giudiziaria facesse un controllo tu sei un condivisore. Poi, molto poi, al limite riesci a dimostrare che non era materiale protetto. Ma se ti entrano in casa e dicono "tu? P2P, tu=ladro" e tu rispondi "io, no copyright, solo free", a loro non gliene importa un fico secco...
    • SardinianBoy scrive:
      Re: Soluzione
      - Scritto da: Anonimo
      Si vieteranno connessioni a larga banda, e si
      introdurrà una legge che obbliga ognuno ad
      acquistare almeno un CD , DVD o ebook a scelta
      una volta al mese, per la modica cifra di 300 ?
      cad..
      Ma per piacere, la gente è stanca di pagare per
      nulla, ed ha altro da comprare con sta
      recessione. E poi non è detto che ogni porta
      aperta sullo standard bittorrent sia per scambi
      illegali, visono le ISO di linux, che ormai sono
      dei pacconi di vari Gbytes; non mi dicano questi
      che si basano solo sul traffico generato, perchè
      mi sa tanto che se s'attaccano a questo si vede
      che stanno alla frutta.Hai proprio ragione !Io che sono anche titolare di internet point stò per chiudere - grazie al decreto pisanu ( il quale ha scambiato la palla con Urbani ) e, ho già trovato un altro lavoro che mi permette di vivere. I terroristi - quelli veri , i venditori di cd illegali ..ecc...., sono la fuori, nel mondo vero non quello virtuale!INTERNET TIME - Net C@fè BOTTIDDA ( SS )
  • Anonimo scrive:
    Le MAJOR..............
    Che si ATTACCHINO al tram...Oggi avrò scambiato in p2p una 20ina di mp3 tra dare e avere con amici in Rete,........alla facciazza dellle MAJOR e delle leggi liberticide che vogliono solo mantenere il potere delle major pagandole come parassiti e a nostre spese.Questo non ha nulla a che vedere con gli ARTISTI che devono essere giustamente remunerati e che inveci sono RAPINATI dalle major e non da noi di INTERNET anche se ci scambiamo gratuitamente file in p2p.Sappiano gli ARTISTI che non siamo noi a derubarlim ma sono le major del malaffare che li stanno portando alla rovina.Quindi gli ARTITI trovino il modo di staccarsi dalle majore di remunerare il loro lavoro in altro modo utilizzando la Rete senza parassiti da mantenere che aggiungono sempre il pizzo a quello che "affittano".
    • Anonimo scrive:
      Re: Le MAJOR..............
      Se crederci ti fa stare meglio.... senza major non ci sarebbero artisti noti, d'altro canto non sono dei bambini inconsapevoli,firmano un contratto perchè sanno benissimo che il loromestiere non è nè la promozione nè la commercializzazione.Gli artisti senza major semplicemente non esistono ed il flop della musica CC ne è la prova lampante.
      • Anonimo scrive:
        Re: Le MAJOR..............
        che è la musica CC?
        • Anonimo scrive:
          Re: Le MAJOR..............
          cvd :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Le MAJOR..............
          - Scritto da: Anonimo
          che è la musica CC?le trionfalistiche musiche delle bande dei carabinieri, acquistabili presso i migliori spacci delle caserme dell'arma
          • Anonimo scrive:
            Re: Le MAJOR..............
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            che è la musica CC?

            le trionfalistiche musiche delle bande dei
            carabinieri, acquistabili presso i migliori
            spacci delle caserme dell'armano i carabinieri non sono così generosi da rilasciare musica CC.
      • Anonimo scrive:
        Re: Le MAJOR..............
        Quale flop?
        • Anonimo scrive:
          Re: Le MAJOR..............
          http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1121612&tid=1121556&p=1&r=PI#1121612
          • Anonimo scrive:
            Re: Le MAJOR..............
            Risposta davvero intelligente! In pratica: dici cazzate e non sai manco tu da dove vengono.
      • Anonimo scrive:
        Re: Le MAJOR..............
        - Scritto da: Anonimo
        Se crederci ti fa stare meglio.... senza major
        non ci sarebbero artisti notiSenza major non ci sarebbero artisti noti agli ignoranti ascoltatori di merda commerciale, vorrai dire. Ecco un motivo in piu' per far morire le major.
        Gli artisti senza major
        semplicemente non esistonoSemmai non esistono artisti CON le major (a meno che per te non sia un "artista" gente come Vasco Rossi).Gli artisti pubblicano per piccole etichette indipendenti che vengono a malapena sfiorate dal p2p.
        • Anonimo scrive:
          Re: Le MAJOR..............
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Se crederci ti fa stare meglio.... senza major

          non ci sarebbero artisti noti

          Senza major non ci sarebbero artisti noti agli
          ignoranti ascoltatori di merda commerciale,
          vorrai dire.
          Ecco un motivo in piu' per far morire le major.Peccato siano gli stessi che scaricano a manetta dal p2p, son quelli che interessano alle major che non cercano fini intenditori.Comunque nel commerciale c'è di tutto, certi giudizi netti son fuor di luogo, e se non ti piace basta non comprare i cd.


          Gli artisti senza major

          semplicemente non esistono

          Semmai non esistono artisti CON le major (a meno
          che per te non sia un "artista" gente come Vasco
          Rossi).Sui gusti non discuto son soggettivi ma mi piacerebbe sapere cosa hai scritto di recente tanto per fare un confronto.
          Gli artisti pubblicano per piccole etichette
          indipendenti che vengono a malapena sfiorate dal
          p2p.Teoria divertente prima di tutto perchè più piccola è l'etichetta maggiori sono i danni, in secondo luogo quale musica gira sul p2p è noto a tutti ,basta farsi una ricerca, si vede che gli utenti dei vari network hanno gusti diversi dai tuoi ed una valutazione diversa degli artisti.Comunque dovresti essere contento se le major troncano il p2p illegale secondo la tua teoria non fanno altro che favorire la buona musica. :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Le MAJOR..............
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            Se crederci ti fa stare meglio.... senza major


            non ci sarebbero artisti noti



            Senza major non ci sarebbero artisti noti agli

            ignoranti ascoltatori di merda commerciale,

            vorrai dire.

            Ecco un motivo in piu' per far morire le major.

            Peccato siano gli stessi che scaricano a manetta
            dal p2p, son quelli che interessano alle major
            che non cercano fini intenditori.E con questo? Qui si parlava del vantaggio di far morire le major.
            Comunque nel
            commerciale c'è di tutto, certi giudizi netti son
            fuor di luogo, e se non ti piace basta non
            comprare i cd.Che e' esattamente cio' che faccio.


            Gli artisti senza major


            semplicemente non esistono



            Semmai non esistono artisti CON le major (a meno

            che per te non sia un "artista" gente come Vasco

            Rossi).

            Sui gusti non discuto son soggettiviLa soggettivita' ha un certo limite e di certo per definire Vasco Rossi un artista bisogna superarlo.
            ma mi
            piacerebbe sapere cosa hai scritto di recente
            tanto per fare un confronto.Scritto?

            Gli artisti pubblicano per piccole etichette

            indipendenti che vengono a malapena sfiorate dal

            p2p.

            Teoria divertente prima di tutto perchè più
            piccola è l'etichetta maggiori sono i danniE perche', di grazia?
            secondo luogo quale musica gira sul p2p è noto a
            tutti ,basta farsi una ricerca, si vede che gli
            utenti dei vari network hanno gusti diversi dai
            tuoi ed una valutazione diversa degli artisti.E questo che c'entra?
            Comunque dovresti essere contento se le major
            troncano il p2p illegale secondo la tua teoria
            non fanno altro che favorire la buona musica. :-)Sbagliato! Troncando il libero scambio faranno piu' soldi e facendo piu' soldi avranno piu' occasioni di finanziare obbrobriose iniziative commerciali tipo gli Hanson.Se invece, per qualche strano miracolo, le major morissero domani non ci sarebbe piu' nessun battage pubblicitario in favore della solita merda e cosi' (si spera) l'orecchio del consumatore medio potrebbe abituarsi ad ascoltare musica migliore.
          • Anonimo scrive:
            Re: Le MAJOR..............

            E con questo? Qui si parlava del vantaggio di far
            morire le major.E con questo le major producono la musica che la gente ama e che scarica tutto qui.
            Che e' esattamente cio' che faccio.Allora le major ed il p2p non sono un tuo problema. :-)

            Sui gusti non discuto son soggettivi

            La soggettivita' ha un certo limite e di certo
            per definire Vasco Rossi un artista bisogna
            superarlo.Ma alla gente piace, è trent'anni che scrive musica proprio scarso non sarà ....

            ma mi

            piacerebbe sapere cosa hai scritto di recente

            tanto per fare un confronto.

            Scritto?Sì musica,testi, canzoni,libri quel che vuoi. .-)



            Gli artisti pubblicano per piccole etichette


            indipendenti che vengono a malapena sfiorate
            dal


            p2p.



            Teoria divertente prima di tutto perchè più

            piccola è l'etichetta maggiori sono i danni

            E perche', di grazia? vd. sopra, le etichette independenti hanno appoggiato FIMI lavorando su piccoli numeri sono le più danneggiate.

            secondo luogo quale musica gira sul p2p è noto a

            tutti ,basta farsi una ricerca, si vede che gli

            utenti dei vari network hanno gusti diversi dai

            tuoi ed una valutazione diversa degli artisti.

            E questo che c'entra?C'entra, c'entra altrimenti non ci sarebbe il problema.

            Comunque dovresti essere contento se le major

            troncano il p2p illegale secondo la tua teoria

            non fanno altro che favorire la buona musica.
            :-)

            Sbagliato! Troncando il libero scambio faranno
            piu' soldi e facendo piu' soldi avranno piu'
            occasioni di finanziare obbrobriose iniziative
            commerciali tipo gli Hanson.Ma come non ti va bene neanche se impediscono alla gente di ascoltare la musica che non ami ? Se la gente la deve comprare sarà un po' più accorta, di palato fino. :-)
            Se invece, per qualche strano miracolo, le major
            morissero domani non ci sarebbe piu' nessun
            battage pubblicitario in favore della solita
            merda e cosi' (si spera) Si vabbè sarebbe la morte della musica come prodotto diffuso. In piena contraddizione con quanto detto sopra. La diffusione va bene quando pagano le major e si diffonde con il p2p non va più bene quando chi ci lavora vuol essere pagato...
            l'orecchio del
            consumatore medio potrebbe abituarsi ad ascoltare
            musica migliore.
            E chi la sceglie, tu ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Le MAJOR..............
            Il punto è che (a monte di discussioni Vasco Rossi sì o Vasco Rossi no, che per inciso, anch'io non amo e trovo eccessiavamente commerciale, ma non è importante) gli artisti devono tornare a guadagnare grazie al loro lavoro. I soldi li devi fare lavorando, andando in concerto, in tour. Non si può continuare a pensare di poter vivere coi proventi del tuo bel CD e di un paio di comparsate a qualche programma televisivo. Tornare a lavorare! E vedi che il problema del p2p sparisce...altroché.Il punto è anche che le Major (e qui si torna su una questione dolente) lanciano artistucoli pop che dal vivo non hanno nessuna presa (se sei figo ma non hai voce, difficilmente sarai un buon interprete live) e, se fosse per loro, i tour potremmo scordarceli (del resto la percentuale per le major è molto più alta sui CD).
          • Anonimo scrive:
            Re: Le MAJOR..............
            E uno scrittore che fa si mette a leggere i libri in piazza ? Se la gente è disposta a spendere per comprare cd è evidente che il mercato c'è finchè si parla di storture legate a manifesti cartelli son d'accordo con te ma quando mi si dice impediamogli di vendere cd e facciamo scaricare indipendentemente dalla volontà dell'autore la cosa non mi torna più. Seguendo lo stesso principio il lavoro di chiunque faccia attività intellettuale viene svalutato.
          • Anonimo scrive:
            Re: Le MAJOR..............
            - Scritto da: Anonimo
            E uno scrittore che fa si mette a leggere i libri
            in piazza ? Non so, pero' i Wu Ming distribuiscono i loro libri in PDF sul loro sito e mi pare che vendano bene lo stesso nonostante siano regolarmente snobbati dalle librerie piu' "commerciali".
          • Anonimo scrive:
            Re: Le MAJOR..............
            - Scritto da: Anonimo
            Comunque dovresti essere contento se le major
            troncano il p2p illegale secondo la tua teoria
            non fanno altro che favorire la buona musica. :-)Vabbè, quando hai finito di fare il filosofo lecchino delle major e delle loro ruberie, ricordati di spegnere winmx e kazaa e poi andare a nanna.
          • Anonimo scrive:
            Re: Le MAJOR..............
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Comunque dovresti essere contento se le major

            troncano il p2p illegale secondo la tua teoria

            non fanno altro che favorire la buona musica.
            :-)


            Vabbè, quando hai finito di fare il filosofo
            lecchino delle major e delle loro ruberie,
            ricordati di spegnere winmx e kazaa e poi andare
            a nanna.ah tu fai così ? Io di solito la musica che mi piace la compro...
      • Anonimo scrive:
        Re: Le MAJOR..............
        Approvo e condivido. smettiamola di fare i profeti.Chi scarica dalla rete, oltre ad essere "un poro can" e' anche un ladro.
        • Anonimo scrive:
          Re: Le MAJOR..............
          - Scritto da: Anonimo
          Approvo e condivido. smettiamola di fare i
          profeti.
          Chi scarica dalla rete, oltre ad essere "un poro
          can" e' anche un ladro.Questo un tempo si chiamava essere piu' realisti del re. Anche le major, volenti o nolenti, hanno cambiato idea sul file sharing. Quello che vogliono gli utenti non è scaricamento gratis (anche se in realtà non è affatto gratis, ma comporta migliaia di euro spesi nell'indotto dell'informatica e delle telecomunicazioni) ma file sharing legale a fronte di un piccolo forfait corrisposto ai detentori dei diritti, vedi la flat Sony in Inghilterra.Sono argomenti molto piu' precisi e intelligenti delle chiacchiere sul "P2P sì, P2P no". Diamo per assodato che il P2P è qui per restare. Lo fanno le major, non vedo perchè non dovremmo farlo noi. Ora il problema è come trasformarlo in un mezzo per promuovere il lavoro intellettuale. I micropagamenti (modello iTunes) sono considerati obsoleti da diversi analisti sia interni che esterni al mondo dell'intrattenimento. EFF propone da anni una flat per sanare la situazione. Il concetto non è P2P sì o no ma quale flat applicare. Il resto sono chiacchiere ormai inutili.
      • Anonimo scrive:
        Re: Le MAJOR..............
        - Scritto da: Anonimo
        Se crederci ti fa stare meglio.... senza major
        non ci sarebbero artisti noti, d'altro canto non
        sono dei bambini inconsapevoli,firmano un
        contratto perchè sanno benissimo che il loro
        mestiere non è nè la promozione nè la
        commercializzazione.Gli artisti senza major
        semplicemente non esistono ed il flop della
        musica CC ne è la prova lampante.Non è vero che senza major non ci sarebbero artisti noti! Gli artisti che valgono veramente molte volte non emergono perché secondo loro non venderebbero, mentre quante volte è capitato di sentire degli "artisti" spinti all'inverosimile che propongono solo della gran cacca (e sappiamo tutti quali)????Oggi non occorrono più intermediari: basta un sito su cui pubblicare i pezzi e fare promozione con i concerti in giro: se vali la gente ti apprezza e compra i tuoi cd!!! 8)
        • Anonimo scrive:
          Re: Le MAJOR..............
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Se crederci ti fa stare meglio.... senza major

          non ci sarebbero artisti noti, d'altro canto non

          sono dei bambini inconsapevoli,firmano un

          contratto perchè sanno benissimo che il loro

          mestiere non è nè la promozione nè la

          commercializzazione.Gli artisti senza major

          semplicemente non esistono ed il flop della

          musica CC ne è la prova lampante.

          Non è vero che senza major non ci sarebbero
          artisti noti! Gli artisti che valgono veramente
          molte volte non emergono perché secondo loro non
          venderebbero, mentre quante volte è capitato di
          sentire degli "artisti" spinti all'inverosimile
          che propongono solo della gran cacca (e sappiamo
          tutti quali)????
          Oggi non occorrono più intermediari: basta un
          sito su cui pubblicare i pezzi e fare promozione
          con i concerti in giro: se vali la gente ti
          apprezza e compra i tuoi cd!!!
          8)Equelli che non emergono chi li conoscie ? se è cosi facile fare promozione com'è che nessuno la fa ? Magari fosse così facile.
          • Anonimo scrive:
            Re: Le MAJOR..............
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            Se crederci ti fa stare meglio.... senza major


            non ci sarebbero artisti noti, d'altro canto
            non


            sono dei bambini inconsapevoli,firmano un


            contratto perchè sanno benissimo che il loro


            mestiere non è nè la promozione nè la


            commercializzazione.Gli artisti senza major


            semplicemente non esistono ed il flop della


            musica CC ne è la prova lampante.



            Non è vero che senza major non ci sarebbero

            artisti noti! Gli artisti che valgono veramente

            molte volte non emergono perché secondo loro non

            venderebbero, mentre quante volte è capitato di

            sentire degli "artisti" spinti all'inverosimile

            che propongono solo della gran cacca (e sappiamo

            tutti quali)????

            Oggi non occorrono più intermediari: basta un

            sito su cui pubblicare i pezzi e fare promozione

            con i concerti in giro: se vali la gente ti

            apprezza e compra i tuoi cd!!!

            8)


            Equelli che non emergono chi li conoscie ? se è
            cosi facile fare promozione com'è che nessuno la
            fa ? Magari fosse così facile.Per fare promozione vanno bene anche le feste di paese e quelle parrocchiane!!!! Bisogna MUOVERSI!!! 8)
          • Anonimo scrive:
            Re: Le MAJOR..............
            ecco un esempio di diffusione del proprio prodotto musicale tramite internet, se ti apprezzano ti premiano!Giuliano Palma & The Bluebeaters sono il primo gruppo italiano ad aver affidato il loro album d'esordio, "The Album", che presentano in questo tour 2001, ad una vendita esclusivamente on line che ha riscosso un successo al di sopra di ogni aspettativa: oltre 12.000 copie !! alle quali è seguita una "nuova edizione" la cui vendita è poi proseguita servendosi dei classici canali di distribuzione discografica.Drop the major
      • Rex1997 scrive:
        Re: Le MAJOR..............
        - Scritto da: Anonimo
        Se crederci ti fa stare meglio.... senza major
        non ci sarebbero artisti noti, d'altro canto non
        sono dei bambini inconsapevoli,firmano un
        contratto perchè sanno benissimo che il loro
        mestiere non è nè la promozione nè la
        commercializzazione.Gli artisti senza major
        semplicemente non esistono ed il flop della
        musica CC ne è la prova lampante.Già, peccato che il flop della musica di tipo CC sia il risultato, in maniera palese, del comportamento di certe major....e della "ignoranza" (nel senso di ignorare, non conoscere) di buona parte del popolo....:(
    • Anonimo scrive:
      Re: Le MAJOR..............
      spioooneee spioooneee!!
Chiudi i commenti