Approvata la tassa europea sul download

Secondo la Commissione europea è una scelta obbligata per non dare vantaggi alle imprese americane che distribuiscono musica e video su internet. Ma conviene agli utenti?


Roma – L’idea è semplice e destinata a mettere in allarme soprattutto gli americani, oltre a preoccupare gli utenti: tutte le aziende statunitensi che intendono vendere servizi digitali ad utenti internet europei dovranno includere l’IVA nella transazione, tarata sull’IVA di uno dei paesi membri dell’Unione Europea.

Questo è quanto la Commissione Europea ha deciso di imporre dal primo giugno dell’anno prossimo su tutte le transazioni gestite da fornitori extra-europei di download di musica o video, di abbonamenti online e altro ancora, quando queste transazioni riguardino l’acquisto di questi servizi da parte di un utente europeo.

Le nuove regole impongono alle imprese extra-europee, dunque principalmente quelle americane, che rappresentano la maggioranza dei fornitori non-europei, di registrare le proprie attività presso le autorità tributarie di uno dei 15 paesi dell’Unione. Da quel momento l’IVA applicata sarà quella decisa dal paese interessato che successivamente “ridistribuirà” il tributo agli altri paesi membri.

Allo stesso tempo la Commissione Europea decide di abolire il “pedaggio dell’IVA” per le imprese europee che vendano servizi digitali al di fuori dell’Unione Europea, una decisione che ha infastidito non poco in queste ore gli osservatori statunitensi che parlano apertamente di discriminazione nei confronti delle imprese extra-europee.

Secondo il Commissario europeo Frits Bokestein, invece, la situazione è opposta: “Questa misura rimuove il grave handicap competitivo oggi in carico alle imprese europee rispetto ai fornitori non-europei di servizi digitali, che si verifica sia quando si esportano servizi fuori dalla UE che quando si vendono servizi ad utenti europei”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Speriamo che chiuda!
    Conosco gente che è stata ricoverata in ospedale dopo aver mangiato schifezze ricevute per posta da Esperia... Magari il loro centro di smistamento le ha lasciate marcire al sole in qualche piazzale...Bah... E' tutto uno skifo.. e probabilmente questo Tombolini è uno che ora sembra una vittima ma i altri momenti sarè stato un rapace!
    • Anonimo scrive:
      Re: Speriamo che chiuda!
      trolltutti sanno che esperya pratica il soddisfatti o rimborsatitrolltroll troll- Scritto da: Dick
      Conosco gente che è stata ricoverata in
      ospedale dopo aver mangiato schifezze
      ricevute per posta da Esperia... Magari il
      loro centro di smistamento le ha lasciate
      marcire al sole in qualche piazzale...

      Bah... E' tutto uno skifo.. e probabilmente
      questo Tombolini è uno che ora sembra una
      vittima ma i altri momenti sarè stato un
      rapace!
    • Anonimo scrive:
      Re: Speriamo che chiuda!
      dick ti sei scelto un nick perfetto per te!
Chiudi i commenti