Arrivano i chip che craccano Xbox

Arrivano i chip che craccano Xbox

Già pronti i primi chip capaci di craccare Xbox, modifiche che consentiranno di far girare su Xbox giochi masterizzati e software non certificati. Per la console Microsoft si apre una nuova stagione. E anche per i suoi utilizzatori
Già pronti i primi chip capaci di craccare Xbox, modifiche che consentiranno di far girare su Xbox giochi masterizzati e software non certificati. Per la console Microsoft si apre una nuova stagione. E anche per i suoi utilizzatori


Roma – Soltanto lo scorso mese, in occasione del rilascio sulla Rete delle prime copie ISO di alcuni giochi per Xbox , qualcuno si domandava se e quando sarebbe uscito un mod-chip per Xbox in grado di farle girare. Oggi questi chippetti sono una realtà e alcuni di essi sono già stati commercializzati attraverso il Web.

I primi mod-chip ad essere stati rilasciati sono Enigmah-X e Xtender : entrambi hanno la capacità di far girare giochi copiati (naturalmente intesi come backup) su DVD o CD, giochi d’importazione e software “non firmato”, riuscendo inoltre a disattivare la protezione Macrovision (che permette, ad esempio, la copia di un DVD-video attraverso un videoregistratore).

L’arrivo di questi chip potrebbe rappresentare, per Xbox, l’inizio della pirateria di massa. Procurarsi le copie dei giochi attraverso Internet, masterizzarle e farle girare – senza neppure la necessità di un disco di boot – su di una Xbox con la modifica, appare infatti ora alla portata di molti.

Attraverso i mod-chip è possibile far girare su Xbox non solo giochi piratati, ma anche qualsiasi software che non contenga la certificazione digitale di Microsoft: questo potrebbe aprire la strada all’arrivo di lettori di DivX o MP3, browser Web o, come si è riportato di recente, una distribuzione Linux .

Secondo i produttori, i due chippetti sono compatibili con ogni versione di Xbox, tuttavia va ricordato che questi prodotti, una volta saldati sulla scheda madre della console, fanno decadere la garanzia.

Enigmah-X è il più economico fra i due, e costa 69$, mentre Xtender ha un prezzo di 79$. Entrambi possono già essere ordinati presso alcuni shop on-line asiatici.

Di prossimo rilascio vi è anche MessiahX , un chip i cui prototipi sono già circolati presso diversi rivenditori e la cui uscita dovrebbe ormai essere imminente. MessiahX sarà il più economico del lotto e costerà solo 36$. Nulla si sa invece di Neo-X, un altro mod-chip per Xbox che, rispetto ai concorrenti, sembra però privo di parecchie funzionalità. Morto invece il progetto Pandora , sulla cui home page si comunica l’abbandono dello sviluppo di quello che avrebbe dovuto essere l’ennesimo cracca-Xbox.

Rimane ora da vedere se Microsoft, come ha fatto Sony prima di lei, intenderà prendere provvedimenti riguardo a questi chip. Come si ricorderà, alla fine dello scorso anno la divisione inglese di Sony fece chiudere due noti siti da cui venivano venduti mod-chip per la PlayStation 2. Tuttavia, c’è da dire che questi siti risiedevano entrambi in Gran Bretagna, un paese le cui leggi prevedono l’illegalità nel produrre, importare, vendere, noleggiare o pubblicizzare dispositivi che aggirino o infrangano le protezioni anti-copia. Una legge che ha per altro un equivalente in quasi tutti i paesi occidentali, compresa l’Italia. Ma gli attuali produttori/distributori di mod-chip sembrano aver “cambiato aria”, ed essersi installati in paesi dove non esiste una simile legislazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 29 mag 2002
Link copiato negli appunti