Asta Networks: noi fermiamo i DDoS

L'azienda sostiene che il proprio sistema di sicurezza è in grado di fermare attacchi Distributed Denial of Service non appena hanno inizio, dando tempo a chi viene attaccato di reagire adeguatamente


Seattle (USA) – Si possono fermare attacchi DDoS imponenti come quelli che in questi giorni hanno messo in ginocchio il network irc Undernet? Lo sostiene Asta Networks, azienda di Seattle che ha appena presentato dei tool che a suo dire consentono, a chi viene aggredito da questi attacchi, di rispondere fin dall’inizio dell’aggressione e dunque di mettersi al riparo.

Come noto gli attacchi DDoS (Distributed Denial-of-Service) consistono nell’invio di massicce richieste di sistema ai server che si intendono attaccare e che possono così venir messi “fuori uso”. Si tratta di un tipo di attacco che da lungo tempo preoccupa gli esperti di sicurezza. In Italia, qualche tempo fa, il provider EDI&SONS si è trovato costretto a respingere un attacco del genere, evidentemente non abbastanza “massiccio” da mettere del tutto fuori uso il network dell’operatore.

Ora Asta Networks si dice convinta che con la propria soluzione molti problemi saranno risolti. L’azienda sostiene di aver individuato numerosi attacchi di denial of service tra Natale e Capodanno e di poter dimostrare che il lavoro compiuto indica la creazione “per la prima volta” di un sistema automatico di difesa contro queste aggressioni telematiche.

Va detto che l’azienda non è l’ultima arrivata ed è pesantemente coinvolta nella realizzazione di applicazioni per Internet2 e dunque il suo annuncio viene preso con molta serietà dagli esperti.

Il sistema, spiega Asta, viene installato su un router del network da difendere e utilizza algoritmi proprietari per individuare la tipologia di pacchetti dati che possono costituire le avanguardie di un attacco DDoS. Asta Networks sostiene che il sistema può individuare la fonte dell’aggressione pochi istanti dopo che questa è iniziata, il tutto senza incidere sulla velocità di flusso dei pacchetti “normali”.

Per chi viene attaccato con un DDoS, la possibilità di conoscere rapidamente la fonte dell’attacco è determinante, perché può permettere di inibire i pacchetti in arrivo da una direzione piuttosto che da un’altra. Non è detto tuttavia che sia decisivo, soprattutto in presenza di attacchi distribuiti basati su un impiego massiccio di macchine diverse, e dunque di origini di attacco differenti.

Il software dell’azienda dovrebbe essere reso disponibile sui mercati entro la fine di quest’anno. Dovesse davvero funzionare, questo sistema renderà Asta un colosso della sicurezza Internet, vista l’altissima richiesta di sistemi di protezione da parte delle imprese online che temono questo genere di aggressioni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma Esisteva Già !!!!!!!!
    Andate a vedere:http://punto-informatico.it/p.asp?i=33850Esisteva già un progetto simile
  • Anonimo scrive:
    nuovo illuminismo
    sono entusiasta di questo progetto in cui ci sono potenzialità stratificate di senso.il primo è che corrisponde al principio che animava la creazione dell'enciclopedia d'epoca illuminista: la creazione di una conoscenza universale e la sua diffusione di massa.sarà vero che si realizza un'utopia?lisa@fabbricaimmaginario.com
  • Anonimo scrive:
    Questo deve essere
    ... internet deve essere questo.Io lo vedo così.Mi domando, dato che le biblioteche dovrebbero fornire questo servizio, perché non sono in rete TUTTE le biblioteche principali, in forma virtuale.Quanto ci vuole a fare la scansione di un testo, passarlo in OCR e metterlo in PDF, o ancora meglio (se solo testuale) in formato TXT?Senza fronzoli e centrini! Conoscenza - concetti - o narrazione, letteratura, spiegazioni.Dove possibile.Altrimenti PDF, HTML, immagini ecc.Internet, insomma.Se posso prendere un libro in Biblioteca, basta estendere il concetto alla rete.Così, se poi voglio prendere fisicamente il libro, posso fare una ricerca sul motore (che mi invento ora) "biblio-it.gov" (ma c'è un sito GOV in italia?) che cerchi fra i cataloghi delle biblioteche di tutta italia, dai grossi centri alle piccole biblioteche... in modo che io possa trovare un libro ovunque, se qualcuno lo dovesse magari aver regalato alla Biblioteca...Questa si che é utopia. Eppure...
    • Anonimo scrive:
      Re: Questo deve essere
      - Scritto da: Eppur Si Stenta
      ... internet deve essere questo.
      Io lo vedo così.
      Mi domando, dato che le biblioteche
      dovrebbero fornire questo servizio, perché
      non sono in rete TUTTE le biblioteche
      principali, in forma virtuale.
      Perche' esiste il copyright.Una biblioteca puo` acquistare un libro e mettere fisicamente a disposizione degli utentila singola copia che ho acquistato.Non puo` pero` riprodurne parti consistentie distribuirle in giro.Serve la licenza GPL.Nel mio Istituto, in collaborazione con la biblioteca centrale del CNR, stiamo portando avanti un progetto del genere.Pero` sara` limitato alle riviste scientifiche, a certe tipologie di utenti e condizionato daaccordi con le case editrici.Un servizio simile, su piu` vasta scala, e` fornito da diversi anni dall'Universita` del Colorado.Andrea
  • Anonimo scrive:
    e le cazza...
    e se qualcuno scrive cazzate? chi lo corregge?
    • Anonimo scrive:
      Re: e le cazza...

      e se qualcuno scrive cazzate? chi lo
      corregge?non credo che publichino informazioni,nozioni sapere o altro senza una conferma da almeno + fonti;gli errori o semplici inperfezioni ci saranno sempre ci saranno SEMPRE visto che il la conoscenza e sempre migliore ...ma con una edizione FREE il primo che si accorge di un enorme cazzata puo contattare immediatamente i responsabili e l'errore (esendo su documenti digitali) puo essere corretto in tempi relativamente brevi sicuramente ci vorranno anni per avere un'enciclopedia valida ....ma ne varra sicuramente la pena
Chiudi i commenti