Asus cavalca l'Eee mania

Nel corso dell'anno lancerà tutta una serie di nuovi prodotti, tra cui PC desktop e televisori, che condivideranno molti dei concetti alla base dell'Eee PC, primo fra tutti il basso costo e la compatibilità con Linux

Taipei – Nel mondo dei subnotebook a basso costo l’Eee PC (v. recensione ) ha fatto tendenza, ed Asus sembra intenzionata a battere sul ferro finché è caldo: non soltanto lanciando nuovi e preannunciati modelli del suo ultraportatile, ma estendendone la filosofia ad altre tipologie di prodotti , quali PC desktop, sistemi all-in-one e persino televisori. Il denominatore comune di questi dispositivi sarà un prezzo particolarmente aggressivo e il supporto a Linux .

A svelare le nuove strategie commerciali di Asus è stato il suo presidente, Jerry Shen, che a DigiTimes ha spiegato come la propria azienda voglia focalizzare una parte sempre più rilevante del suo business sulle soluzioni low-cost. Stranamente, però, Asus ha scelto di non estendere ai suoi nuovi prodotti il marchio Eee , ma di utilizzare al suo posto una sola “E” maiuscola. E così i futuri desktop a basso costo si chiameranno E-DT, i sistemi all-in-one alla iMac E-Monitor, e i televisori “intelligenti” E-TV.

I primi modelli di E-DT , che saranno presentati al CeBIT 2008, utilizzeranno i processori Celeron e avranno un prezzo compreso fra i 200 e i 300 dollari (monitor escluso). I successivi modelli saranno invece basati sulla piattaforma Shelton’08 di Intel , espressamente progettata per i notebook e i desktop a basso costo e basso consumo. Attesa sul mercato nel terzo trimestre, Shelton’08 sarà composta dal processore a singolo core Diamondville (derivato dal Celeron M) e dal chipset 945GC.

E-Monitor è invece una soluzione all-in-one basata su Shelton’08 e ispirata al design di sistemi come l’iMac di Apple e l’XPS One di Dell . Ma se i succitati sistemi hanno un prezzo compreso fra i 1200 e i 2400 dollari, il modello base di E-Monitor dovrebbe invece costare intorno ai 500 dollari, ed includere un sintonizzatore TV. Il suo debutto sul mercato è stato fissato per settembre.

E-TV è infine un televisore LCD da 42 pollici la cui peculiarità è quella di integrare un computer con sistema operativo Linux. Shen ha spiegato che questi televisori avranno funzionalità simili a quelle di un Eee PC Linux-based: ciò lascia pensare che i due sistemi condivideranno lo stesso sistema operativo, e probabilmente anche buona parte dell’hardware. Ipotesi rafforzata dal fatto che, secondo il dirigente taiwanese, un E-TV avrà un prezzo di circa 200 dollari superiore a quello di un televisore tradizionale della stessa categoria: all’incirca il costo di un Eee PC senza schermo, chassis e batteria. Anche in questo caso il mese previsto per la commercializzazione è settembre.

Cattive notizie per chi aspettava un Eee PC con schermo touch-screen : Shen ha infatti annunciato che Asus ha sospeso ogni piano circa il lancio di un Eee PC con pennino, sulla base di un’indagine di mercato condotta internamente. Nessun accenno, invece, agli attesi modelli con monitor da 8 e 9 pollici.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • medioman scrive:
    bluetooth
    gia' oggi con il bluetooth implementato da quasi tutti i cellulari si potrebbe realizzare un tale sistema. Certo e' che qualora tutto cio' prendesse corpo le capacita' di tracciamento fisico, che oggi sono ad appannaggio delle sole forze dell'ordine, si estenderebbe a tutti quei soggetti in grado di realizzare sul territorio network pervasivi di ricevitori, peraltro a costi neppure troppo onerosi. Vista la diffusione del bluetooth, network siffatti potrebbero gia esistere. Cio' non accade solo perche' i dati esposti dai dispositivi in visiblemode non rivelano l'identita' del possessore (tranne eccezioni). Ovviamente l'esclusivita' del bd_address gia' potrebbe permettere di associare un possessore di cellulare a luoghi specifici. Ad esempio si potrebbe verificare se uno stesso soggetto, avvezzo a frequentare un determinato esercizio commerciale, visiti anche altri luogi correlati. Oppure potrebbe permettere di verificare il comportamento di valutazione davanti ad un espositore (permanenza temporale) e ricavare dal modello di cellulare un profilo di capacita' di spesa (un possibile cliente con un cellulare da 1000 euro e' un possibile cliente con alte capacita' di spesa ad esempio)
Chiudi i commenti