Lo State of Incident Management Report di Atlassian

Un report per capire come la corsa al lavoro da remoto ha influito sulla gestione degli incidenti e sulle tempistiche di rilascio dei software.
Un report per capire come la corsa al lavoro da remoto ha influito sulla gestione degli incidenti e sulle tempistiche di rilascio dei software.

Il repentino passaggio allo smart working su larga scala, innescato nell’ultimo periodo dalla crisi sanitaria globale, ha imposto alle aziende l’adozione di nuove modalità per la gestione degli incidenti. Un’esigenza che ha portato con sé qualche difficoltà, come fotografato nel State of Incident Management Report 2020 commissionato da Atlassian. Lo studio ha coinvolto oltre 500 tra professionisti IT e sviluppatori.

State of Incident Management Report 2020

Un documento che rivela come le organizzazioni stanno coordinando il processo, ponendo particolare attenzione sui piani da attuare e gli investimenti da predisporre, tenendo in considerazione il fatto che in molti contesti l’ufficio si è spostato in casa, con tutto ciò che questo comporta, a partire da un’esplosione della domanda per le soluzioni dedicate alla collaborazione da remoto come Zoom, Slack, Meet o Teams.

Una tendenza confermata anche da Atlassian, che nel mese di marzo ha reso gratuiti alcuni dei propri strumenti basati sul cloud indirizzati ad aziende e scuole come Jira Software, Confluence, Jira Service Desk e Jira Core, assistendo poi a un incremento delle registrazioni pari al 125%.

Per questo, oggi più che mai, i team IT e di sviluppo hanno bisogno di strumenti per rispondere, risolvere e imparare rapidamente dagli incidenti, in modo da poter mantenere i servizi attivi e funzionanti. I team incaricati di questa sfida sono gli eroi non celebrati dei servizi da cui dipendiamo per il lavoro, la socializzazione e l’intrattenimento.

Il 2020 State of Incident Management Report di Atlassian

Secondo il report ben il 96% dei chiamati in causa ha dichiarato che almeno una parte della forza lavoro impiegata ha adottato la formula dello smart working in seguito all’arrivo di COVID-19. Ancora, il 51% degli intervistati segnala tempi di risposta agli incidenti più lenti a causa di una domanda andata crescendo e che mette a dura prova gli addetti ai servizi IT. Ne consegue quello che viene definito un eccesso di cautela e un maggiore controllo sui rilasci dei software.

I gruppi di lavoro stanno cercando di rafforzare i controlli di qualità rallentando i loro cicli di rilascio, con il rischio che aumentino gli incidenti a causa dei feedback più lenti e rilasci in bundle.

Per accedere alla versione integrale dello State of Incident Management Report 2020 è possibile compilare il modulo presente sul sito di Atlassian.

Fonte: Atlassian
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti