La tua attività fuori da Facebook: come funziona

Disponibile per gli utenti di tutto il mondo la funzionalità per gestire le informazioni che aziende esterne condividono con Facebook.
Disponibile per gli utenti di tutto il mondo la funzionalità per gestire le informazioni che aziende esterne condividono con Facebook.

Perché su Facebook vediamo inserzioni basate su preferenze o inclinazioni personali che non abbiamo mai condiviso con il social network? In che modo la piattaforma riesce a mostrarmi una pubblicità legata a un prodotto che ho cercato o comprato online pochi giorni prima? Ci spia? No (è successo, ma si trattava di un bug), è il risultato di una dinamica legata a doppio filo al mondo dell’advertising: l’azienda acquisisce dati sul nostro conto da fonti esterne, anzitutto tramite cookie. Un esempio:

  • acquisto un paio di scarpe da un negozio online;
  • il negozio condivide la mia attività con Facebook utilizzando i suoi strumenti riservati alle aziende;
  • il social network la riceve e la salva all’interno del mio account come “ha visitato il sito web di abbigliamento e scarpe” e “ha effettuato un acquisto”;
  • di lì a poco vedrò comparire su Facebook l’inserzione relativa a uno sconto sul prossimo acquisto di scarpe o abbigliamento nello stesso negozio o in altri.

Privacy: la tua attività fuori da Facebook

Da oggi possiamo gestire questi dati in modo più semplice, eliminandoli se lo desideriamo, grazie all’arrivo di una funzionalità inedita chiamata La tua attività fuori da Facebook. Ne abbiamo scritto su queste pagine già nell’estate scorsa con l’avvio della fase di test che ha coinvolto un numero limitato di paesi. Oggi il debutto è a livello globale, Italia compresa. Vediamo come funziona.

Per accadervi dall’applicazione mobile è necessario selezionare la voce “Impostazioni e privacy” nel menu principale, poi “Collegamenti rapidi alla privacy”, scorrere fino alla sezione “Le tue informazioni su Facebook” e infine premere “Visualizza o cancella la tua attività fuori da Facebook”. Ci si troverà così di fronte alla schermata visibile nelle immagini qui sotto al punto 1. Selezionando “Gestisci la tua attività fuori da Facebook” si passa al punto 2 dove è riportato l’elenco completo dei siti esterni che hanno condiviso nostri dati con il social network. Lì anche il pulsante “Scollega le attività” che permette (se lo si desidera) di eliminarli tutti in un colpo solo.

La tua attività fuori da Facebook: come funziona

Agendo sul comando viene chiesta conferma, come mostrato al punto 3, sottolineando che l’azione ha effetto retroattivo, ma che i siti ai quali è già stata fornita l’autorizzazione in futuro continueranno a inviare dati a Facebook per la personalizzazione delle inserzioni pubblicitarie. Una volta premuto il pulsante la pulizia è immediata: la conferma al punto 4.

La tua attività fuori da Facebook: come funziona

L’impostazione è accessibile anche tramite link diretto nel browser su dispositivi mobile o computer. È sufficiente a ripulire la reputazione di Facebook, almeno in parte compromessa per quanto concerne la tutela della privacy? No, in considerazione dei tanti problemi venuti alla luce in seguito all’esplosione del caso Cambridge Analytica. Si tratta ad ogni modo di un piccolo passo nella giusta direzione, quella auspicata anche da Mark Zuckerberg nei suoi molteplici interventi sul tema.

Fonte: Facebook
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti