Auto senza pilota, incidenti di percorso

Con le sperimentazioni su strada ci sono i primi incidenti. Anche se mancano i dettagli, e si tratta probabilmente di scontri con minimi danni, si torna a discutere di responsabilità e scelte morali

Roma – In California sono stati registrati i primi incidenti che vedono coinvolte le automobili che si guidano da sole .

Da quando è stato dato il via, ufficialmente a maggio scorso ma effettivamente da settembre 2014, alla sperimentazione su strada delle vetture senza un umano al volante nello Stato USA, quattro delle 48 auto automatizzate autorizzate a circolare sulle strade californiane sono state coinvolte in incidenti: in tre dei casi si tratta delle Lexus di Google, mentre nel quarto di una del produttore Delphi Automotive.

In realtà si tratta per il momento di numeri assolutamente parziali, soprattutto andando nello specifico: in due dei casi erano i sistemi informatici a controllare la vettura, mentre nell’altra metà guidava ancora una persona fisica.

In tutti e quattro gli incidenti, inoltre, sia Google che Delphi riferiscono che la causa non sia da imputare loro: Delphi – che ha commentato spontaneamente i fatti – afferma che una delle sue vetture, ancora guidata da uno dei suoi autisti, è stata colpita sul fianco destro mentre aspettava di svoltare a sinistra.
In ogni caso, per giunta, si tratterebbe di scontri avvenuti a meno di 10 miglia all’ora e capaci di arrecare minimi danni: anche se non vi sono informazioni precise – i dettagli sugli incidenti per la normativa statunitense sono confidenziali – sembrerebbe trattarsi di piccoli scontri dalle minime ripercussioni .

Google, dal canto suo, attraverso le parole di Chris Urmson, a capo del progetto dedicato all’automotive, conferma che si tratti di incidenti irrilevanti: è impensabile che in un ambiente affollato come quello stradale non si verifichino degli impatti, seppure di minima entità. “Nei sei anni di progetto – ricorda – siamo stati coinvolti in 11 incidenti di poca rilevanza (danni lievi, nessun ferito) nel corso di questi 1,7 milioni di miglia percorse con guida automatica e manuale con i nostri piloti dietro al volante, e non una sola volta la macchina è stata responsabile dell’incidente”.

Nonostante questo restano paure e diffidenze nei confronti delle auto che si guidano da sole e della loro sperimentazione: se paesi come la California o il Regno Unito hanno dato luce verde alla sperimentazione, non mancano le perplessità. Il problema è che se da un lato eliminando il fattore umano si conta di limitare il traffico ed il problema della ricerca estenuante di un parcheggio, dall’altro occorre affidarsi completamente ad una macchina.

La paura è legata – in special modo – alle responsabilità in caso di incidenti: è la logica di un algoritmo a prendere una decisione, non l’etica di un pilota.
L’esempio che fa in questo senso Ian Robertson, responsabile delle vendite di BMW, è il caso di un bambino che salta all’improvviso davanti ad un’auto in corsa su una stretta strada di montagna: sia che la macchina svolti finendo nel crepaccio, sia che prosegua dritto investendo il bambino, la sua scelta porterà ad un evento drammatico. Una scelta che non può essere prevista in fase di sviluppo del software.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ultimate scrive:
    ....
    se un esperto criminale informatico dirotta il drone con il suo pacco.. si parlerà di nuova era della pirateria?
  • me medesimo scrive:
    Fanc*lo
    brevetti, per dirla alla Boris, a caz*o di cane
  • Leguleio scrive:
    Non proprio
    " il negozio digitale rivendica per sé dei droni in grado di ricevere un ordine di acquisto, individuare il prodotto nel magazzino e consegnarlo viaggiando autonomamente al destinatario, ovunque si trovi ".Ovunque si trovi nel raggio di autonomia degli UAV, che non è affatto ampio. Quelli di cui parlano finora sono mezzi elettrici, alimentati a batteria.
    • Funz scrive:
      Re: Non proprio
      - Scritto da: Leguleioe figuriamoci se non ci trovava da ridire :D
      " <I
      il negozio digitale rivendica per sé dei
      droni in grado di ricevere un ordine di acquisto,
      individuare il prodotto nel magazzino e
      consegnarlo viaggiando autonomamente al
      destinatario, ovunque si
      trovi <I
      ".

      Ovunque si trovi nel raggio di autonomia degli
      UAV, che non è affatto ampio. Quelli di cui
      parlano finora sono mezzi elettrici, alimentati a
      batteria.so what?Non sono certo per la distribuzione ai centri di smistamento, quanto pepr l'"ultimo miglio".Piuttosto: non obietti che la legislazione non lo permetterà mai? :p
Chiudi i commenti