AVG: la grafica 3D è roba mia

Una piccola società texana rivendica diversi brevetti sulla grafica 3D e attacca decine di società, un elenco a cui si sono ora aggiunte le tre rivali del mercato console: Microsoft, Sony e Nintendo


Roma – Alcuni vecchi brevetti sulla grafica 3D sono al centro di una bufera legale che, iniziata lo corso giugno, è oggi arrivata a coinvolgere 18 produttori di hardware, 12 editori di videogiochi e 3 produttori di console da gioco.

A lanciare quest’ambiziosa offensiva legale contro questa pletora di produttori è stata una piccola società texana, nota come American Vieo Graphics (AVG), decisa a far valere diversi brevetti sulla grafica 3D acquisiti lo scorso giugno da Tektronix. AVG fa leva su due brevetti in particolare, il numero 5.109.520 (“Image frame buffer access speedup by providing multiple buffer controllers each containing command FIFO buffers”) e il numero 4.734.690 (“Method and apparatus for spherical panning”): secondo l’azienda, tutte le società che ha querelato violano almeno uno dei due brevetti, e i produttori di console li violano entrambi.

I brevetti reclamati da AVG sono in tutto 25 e coprono virtualmente tutte le più importanti tecnologie alla base della grafica tridimensionale, tra cui il rendering di un’immagine 3D su di uno schermo 2D. Registrati tra il 1987 e il 1992, Tektronix ha dato in licenza questi brevetti durante gli anni ’90 a diverse società del settore grafico. La violazione di queste proprietà intellettuali viene ora contestata da AVG ai tre produttori di console Microsoft, Sony e Nintendo; ai produttori di hardware HP, Dell, IBM, Gateway, Acer, Sony, Toshiba, MPC, Systemax, Fujitsu, Micro Electronics, Matsushita, Averatec, Polywell, Twinhead, Sharp, Uniwill e JVC; e agli editori di videogiochi Electronic Arts, Take Two, Activision, Atari, THQ, Vivendi Universal, Sega, Square Enix, Tecmo, Lucas Arts, Namco e UbiSoft. In ciascuna causa la società texana ha chiesto alla corte un’imprecisata somma di denaro a titolo di risarcimento danni.

AVG spera di raccogliere le prime vittorie legali contro alcuni big del settore così da convincere poi tutte le altre società del settore a stipulare con lei contratti di licenza per l’uso delle proprie tecnologie. Una strategia rischiosa ma che, in caso di successo, potrebbe riversare nelle casse di AVG fiumi di dollari.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Salvatore Moscato scrive:
    Re: " TELETRASPORTO "
    Egregio Signor Krene, grazie della Sua costruttiva critica, ma mi permette di fale notare che.: I Genii creano puove possibilità alternative e risolvono problemi e daqnno nuove alternative alla società mon non è nel suo compito di stamparsi soldi personali o escogitare sistemi per tirarle fuori dei bancomat!. Ho Lei conosce altre soluzioni legali?!... In tal caso la ringrazio se mi da qualche lume. CordialmenteArcmio.
    • Passante scrive:
      Re: " TELETRASPORTO "
      - Scritto da: Salvatore Moscato
      Egregio Signor Krene, grazie della Sua
      costruttiva critica, ma mi permette di fale
      notare che.: I Genii creano puove possibilità
      alternative e risolvono problemi e daqnno nuove
      alternative alla società mon non è nel suo
      compito di stamparsi soldi personali o escogitare
      sistemi per tirarle fuori dei bancomat!. Ho Lei
      conosce altre soluzioni legali?!... In tal caso
      la ringrazio se mi da qualche lume.
      Cordialmente
      Arcmio.Dubito che krane parlasse di qualcosa di illegale, per un genio par quello da lei descritto non dovrebbe essere un problema aprire una societa', vendere e tutelare le proprie invenzioni.Certo occorre quanto meno saper leggere e scrivere un contratto in italiano corretto, ma per un genio non dovrebbe essere cosi' difficile. Invece di impestare la rete sempre con il solito compia-incolla in cui lei incensa la sua genialita' potrebbe fare un corso di italiano e di imprenditoria.
  • Salvatore Moscato scrive:
    Risposta al signor Krane del suo commeno
    Per prima cosa chiedo spiegazioni ai Master dei sito.: Come faccio a dare risposta diretta al signor Krane o come posso commentare gli altri, dove devo cliccare per dare risposta come nel caso, fare un commento su gli altri, senza venire in questo posto, oh se è cosi che si fa?.Secondo gradirei che mi spiegaste come posso scrivere il Nickname, se nel registrarmi non mi è stato chiesto?...Terzo, se c'è Salvatore Moscato a che serve il nickname che non ho messopotresti spiegarmi visto la mia poca esperienza nei computer: AIUTARMIPER FARE MEGLIO?!. VISTO CHE IO SONO DEL TUTTO PER TUTTO AUTODIDATTA?!. Egregio Signor Krane: per dare risposta alla Sua domanda mi permetto di citarLe un articolo del testo: " IL DIRITTO PROVATO OGGI " DI PAOLO CENTON GIUFFRE RDITORE Aqquisizione del diritto d'autore e paternità dell'opera dell'ingegno. Il diritto d'autore, spetta ad ogni persona fisica.: ANCHE SE MINORENNE, INTERDETTO, HO MALATO DI MENTE CHE INVOLONTARIAMENTE REALIZZA UN'OPERA DELL'INGEGNO.: QUEL CHE HA VALORE PER LA GIURISPRUDENZA E' CHE HA VALORE PER LA GIURISPRUDENZA E CHE RITIENE NECESSARIO E' CHE L'OPERA ABBIA LE CARATTERISTICHE DI UN'OPERA DELL'INGEGNO E CHE SIA ATTRIBUIBILE ALLA PERSONA CHE NE ACQUISTA LA PATERNITA'. " PER RISPONDERE A LEI DIRETTAMENTE E CONCRETAMENTE, DOVREI VENIRE MENO AL REGOLAMENTO DEL SITO CHE NON SI POSSONO SCRIVERE COSE ANCHE SE VERE "Ma penso che una cosa me la concederanno.: Io ho fatto un progetto e l'ho brevettato, Ho realizzati delle migliorie importanti e per sicurezza mi sono fatto rifare lo stesso brevetto da uno studio specializzato, che mi è stato conXXXXX in Italia; Brevetto che l'ho esteso in brevetto Europeo; Due ditte, creano una terza ditta che plagia direttamente il mio brevetto, quando ho scoperto il plaggio ho sentito il signre dicendole che avevo un regolare brevetto nazionalizzato in 19 PAESI EUROPEI; DISSE SE PASSA DI QUI CI METTIAMO D'ACCORDO. ANDATOLO A TROVARE IL GERMANIA, MI HA DETTO.: NOI STIAMO LAVORANDO; QUANDO UN GIUDICE CI CANDANNA PAGHEREMOPRIMA NO!. iL SEGUITO è SEMPRE PARTE NON SCRIVIBILE (?!.) MA UNA COSA LA PUO' CAPIRE DA SE: Se un bambino realizza un'opera dell'ingegnmo: deve aspettare di diventare maggiorenne per rivendicare il suo diritto.: Ho dovrebbero essere le istituzioni e la Giustizia a darle i suoi diritti?!.Visto che la repubblica: GARANTISCE I DIRITTI DELL'UOMO SIA COME SINGOLO SIA NELLE PLURALITA'?!.DOPO AVERE SPESO UN PRESTITO DI 40.000.000.£. PAGANDO 200.. AL MESE CON UNA PENSIONE DI 600.. AL MESE. COME FACEVO A PAGARE DAI:10 AI 20.000.. DI AVVOCATI?!. HO PER CASO LEI AVREBBE LE POSSIBILITA' DI TRFOVARE UN LEGALE CHE POSSA FARE UNA CAUSA VINTA PER LA METTA DI UN BREVETTO EUROPEO DI INTERESSE MONDIALE E DI PRIMA NECESSITA'?!.?!... HA RAGGIONE: (come vede so già che mi farà questo commento).: " Non lo sà che ce il gratuito patrocinio "?!. Come vede anche se ho fatto due anni la scuola seconda elementere e sono stato bocciato: riesco a prevedere ciò che la gente pensa, diffatti mi è stato dato il gratuito patrocinio assegnandomi un nlegale, che accetta IL CASO E POI PRIMA DI INIZIARE HA FARE QUALCOSA MI MANDA UNA RICHIESTA DI ACCONTO SPESE DI:1.646.20.. IL SEGUITO GLIELO CONDONO, MA LE POSSO AGGIUNGERE CHE MI ASPETTAVO CHE PERSONE INTELLIGENTI MI AVREBBERO FATTO TALE DOMANDA!. lEI E' STATO IL PRIMO... HA VINTO UNA BAMBOLINA!. FORSE LEI INDENTEVA CHE UN GENIO NATO COME IL SOTTOSCRITTO, SI DOVEVA FARE LA MOCCHINETTA PER STAMPARSI I SOLDI DA SE', HO POTERLI TIRARE FUORI DAI BANCOMAT?!.SE UN'UCCELLO QUALSIASI... DEPOSITA LE UOVA NEL SUO NIDO, E UN SERPENTE GLIELI VA A XXXXXXX: DIVENTA PER QUESTO XXXXXXXXXX PER CHE NON PUO' PROTEGGERE IL NIDO, LA SUA PROLE: HO PERCHE I CAIMANI SONO IMBATTIBILI?!. GRAZIE COMUNQUE DEL SUO COMMENTO: LA CRITICA FA CRESCERE L'ARTISTA!.CORDIALMENTE ARCMIO.
  • Salvatore Moscato scrive:
    REALIZIAMO IL TELETRASPORTO VERO0?!.
    SALVE A TUTTI, ho letto che il teletrasporto esiste già e che è stato usato su animali che alcuni sono moti; io non intendo contraddire se ciò è vero o meno; ma voglio dire.: Io ho realizzato il progetto del tele trasporto vero tipo statreck senza alcun rischio ho incidente di qualsiasigenere al corretto funzionamento; se poi come l'auto si rompe un freno, un pezzo, si esaurisce la batteria e l'auto resta in panne, ciò entra nell'imprevedibilità delle cose!.I MIEI PROGETTI SONO BASATI SULLA LOGICA.: 2 + 2 = 4.Esempio: Se c'è la ruta, mettendone due si crea la bicicletta; siccome si vuole di più: Si rinforzano le ruote e si ha la motocicletta ecc. cioè:da ciò che esiste in commercio, io dico: Se alla motocicletta aggiungo la Rulot... non esiste ancora ma basta realizzarla e deve andare perche due più due fa sempre 4. mettendo due cose insieme si ottiene un terzo prodotto, esempio pratico che tutti lo possono provare.:Mettete un colore azzurro, le passate il colore giallo e si ha il colore verde!. Conclusione, se c'è chi ha le possibilità finanziarie, le possibilita di trovare i materiali adatti, Le possibilità di persone specializzati nei vari settori, e le possibilità di creare un gruppo interessato:Io garantisco la riuscita del progetto al 110%!.Però c'è una condizione a cui tengo tassativamente: Chi è interessato a contattarmi per saperne di più, ho chi vuole realizzare il ptogetto, deve sapere che: PRIMA DI ENTRARE NEI MINIMI DETTAGLI: deve dare le garanzie concrete e rassative al sottoscritto!.Ciò per le esperienze fatte come la seguente:Come in questo caso che segue:parlai di un progetto di realizzare Energia ElettricA SENZA CONSUMO!.Mi telefona un signore dicendo che era interessato al progetto e chiedeva un appuntamento, fissammo l'appuntamento e ci siamo incontrati; il Sigoresi è presentato membro di una istituzione Europea, quando ha capito che le girate per sapere il nocciolo non servivano cambio tattica dicendo: Senta, noi siamo un gruppo che aiutiamo la gente in tutto il mondo, senza interesse di lucro, siccome ci sono tanti bambini in africa al buio e senza corrente.: Noi gli garantiamo il segreto del suo progetto se lei ci da la possibilità di aiutare questi maggiormente bam bini che sofftono.Gli disse: semplice esistono i gruppi elettrogeni che danno corrente.Concludo a scanso d'equivoci: PER GLI INTERESSATI HO IL PROGETTO SICURO!.PER I FURBI NON HANNO SPERANZA DI XXXXXXX UNO CHE DI FREGATURE NE HA PRESE TANTI E N0ON I9NTENDE CAMBIARE IDEA DA QUANTO DETTO.- S.M.
    • krane scrive:
      Re: REALIZIAMO IL TELETRASPORTO VERO0?!.
      - Scritto da: Salvatore Moscato
      SALVE A TUTTI, ho letto che il teletrasporto
      PER I FURBI NON HANNO SPERANZA DI XXXXXXX UNO CHE
      DI FREGATURE NE HA PRESE TANTI E N0ON I9NTENDE
      CAMBIARE IDEA DA QUANTO DETTO.-
      S.M.Certo che per essere un genio ti sei fatto XXXXXXX proprio da pollo...
  • krane scrive:
    Re: " TELETRASPORTO "
    - Scritto da: Salvatore Moscato
    <<<" PERCHE NON MI SI DA LA POSSIBILITA' DI
    AIUTARE L'UNANITA "?!.Perche' non progetti un modo per diventare ricco ? Per un genio come te dovrebb essere facile...
  • Salvatore Moscato scrive:
    " TELETRASPORTO "
    DATEMI UNA LEVA E VI SOLLEVERO IL MONDO.Quando Archimede disse: Datemi una leva e vi solleverò il mondo, oh quando Galileo Galilei disse: EPPUR SI MUOVE, Oh quando il sottoscritto disse.: :Tutti abbiamo dovuto lottare con l'astio, contro gli oppositori, e contro l'intera opinione mondiale scettica e spesso anche derisionista!.Ma.: Aechinede ha dimostroto la realtà delle Sue convinzioni reali!.Malgrado Galileo contro tutto il mondo diceva eppur si muove: diceva il vero!.Come altrettando il sottoscritto oggi vanta di avere avuto ragione e oggi in tutto il mondo, ogni persona può trovare ogni indirizzo voluto, senza domandare a nessuno. In altre parole: creando il progetto della.: Dal quale " MIO PROGETTO " è stato realizzato il " COMPUTER DI BORDO " = "NAVIGATORE SATELLITARE DA UN TRENTENNIO IN COMMERCIO MONDIALE£" DIMOSTRANDO DI AVERE AVUTO RAGGIONE, AVENDO CREATO NEL 1984 IL PROGETTO DEL COOPILOTA VISTUALE!. E ancora: Quando gli operatori del pozzo scoppiato nel Golfo del Messico: in diretta hanno chiesto aiuto in tutto il mondo chi potesse darle una nuova idea per continuare a lottare, l'indomani il sottoscritto ha realizzato un vero progetto da I° al VII° punto, dove precisavo: "A QUESTO PUNTO AVETE RISOLTO IL PROBLEMA".Difatti, un'articolo giuntomi dal sito che fece arrivare il mio progetto, mi comunicava un'articolo dove dice tra l'altro: Allora la bp. chiese aiuto in diretta, Molti diedero il loro contributo, conpreso un inventore italiano; per farla breve: "Misero in atto il progetto di tale inventore italiano e in una settimana il pozzo ha smesso di buttare petrolio nel mare"!. Da precisare che il pozzo buttava 70.000- barili di petrolio al giorno nel mare!. Morale della favola continua L'ARTICOLO: NESSUN COMPENSO E NE ANCHE UN GRAZIE!. VI RICORDIAMO CHE TALE INVENTORE ASPETTA ANCORE UN VOSTRO COMPENSO UN GRAZIE: CIAO!.Con Ciò non sto citando dati di fatto per vanagloria, ma per fare capire che se c'è un cervello oggi che è in grado di risolvere ogni problema anche a migliaia di km. e a 1,500. m. nel profondO del mare del Messico, Che è in grado di fare ripartire l'economia mondiale, e far nascere posti di lavoro per tutti... non può l'umanità mangiarsi l'uovo fresco invece di farne un pollaio mondiale per tutti!. E io rimango il Genio Ignoto!. C'è stato l'incidente della "COSTA CONCORDIA" dicevano che la nave scivolava ogni giorno di più... Telefonai e diedi il consiglio di fissare la nave agli scogli prima che si inabissasse, cosa che è stato fatto e tutt'oggi la nave è la, poi telefonai alla stessa persona, dicendole che in una settimana gli avrei fatto mettere la nave in gallegiamento da trasportare; Lo stesso mi rispose che non voleva essere disturbato.Ora siccome i miei progetti sono 2+2 fa sempre e solamente sempre 4!. LO SCOPO PER CHE STO SCRIVENDO E QUESTO.: AVENDO REALIZZATI PROGETTI COME:SALVARE LA ILVA DI TARANTO ELIMINANDO TUTTI I PROBLEMI; RISOLVERE IL PROBLEMA DEL VULCANO DEL ISLANDA DEL NORD CHE HA BLOCCATO L'AVIAZIONE; RISOLVER IL PROBLEMA SE BUTTANO DELLE BOMBE TOSSICHE E REALIZZARE TANTI ALTRI PROGETTI COME REALIZZARE IL TELETRASPORTO UMANO E PROGGETTI FUTURISTICI CHE IL MONDO ANCORA NON SI SOGNA.:
  • frezza denis scrive:
    teletrasporto esiste basta svilupparlo
    chi non crede che le fondamenta del teletrasporto gia esistono nella realta e' perche' e' troppo religioso(buon per lui ma non capira' mai la scienza e il misticismo orientale che c'era gia arrivato da tempo concettualmente). oppure non ha una personalita equilibrata. o e'troppo superficiale. in due parole : guarda troppa televisione e non si legge mai un libro. denis_frezza@libero. it . scrivetemi.
  • frezza denis scrive:
    teletrasporto esiste basta svilupparlo
    chi non crede che le fondamenta del teletrasporto gia esistono nella realta e' perche' e' troppo religioso(buon per lui ma non capira' mai la scienza e il misticismo orientale che c'era gia arrivato da tempo concettualmente). oppure non ha una personalita equilibrata. o e'troppo superficiale. in due parole : guarda troppa televisione e non si legge mai un libro.
  • Anonimo scrive:
    Re: Crisi
    - Scritto da: Anonimo
    Sicuramente la prima cosa che mi salta in
    mente è: "Ben venga!"

    Poi ripensando a come ogni conquista
    tecnologica venga applicata alla guerra o ad
    altri scopi NON civili comincio ad entrare
    in difficoltà

    e' una senzazione che ormai mi pervade da
    molto tempo.... a nessuno di voi capita?A me no.Non è la scure che mi spaventa ma la mano che la brandisce.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non in quello di ST.........
    - A partire da tale
    principio, ma andiamo a finire in campi
    veramente ostici di chimica e fisica, basta
    prendere un po di materia, cambiare con
    opportune manipolazini la frequenza d'onda e
    si ottiene altra materia, compreso anche il
    cibo...e l'energia necessaria a fare questo
    è fornita da un reattore
    materia-antimateria, che fornisce anche la
    spinta di curvatura per la navigazione.Credo proprio che i creatori della serie non avessero nessuna intenzione di andare così in profondità, ma pensavano ad un semplice cuoco elettronico. Anche nel pre-quel Enterprise si accenna al fatto che, mancando alcuni ingredienti di base, non è possibile produrre certi piatti.
  • Anonimo scrive:
    almeno in america si sa
    dove finiscono i soldi ;)certo sparire qualche miliardo di dollari non e cosi difficile in mezzo a quelle spese quindi ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: Finalmente qualcosa si muove

    tuttavia sono molto scettico sul fatto che
    non venga trovato in quanto tutto il resto
    del modello standard funziona tremendamente
    benecercare il bossone con i metodi attuali e come cercare di disegnare in due dimensioni una realta a piu dimensioniil bossone e semplicemente un'astrazione in due dimensioni di una nuova fisica ma cercandola cosi non ci si arriva di certo serve un salto qualitativo che nessuno sembra capace di fare quindi
    Non penso che ci siano dei campi che non
    vengono investigati perchè una
    censura mondiale lo impedisce.se non c'e comunque pessimo segno di ottusitase c'e ormai la gente e cosi ottusa che non ci sarebbe differenza quindi
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma chi sei la Hack?
    - Scritto da: UmAnOiDe/69
    - Scritto da: Anonimo

    sono quello che ha scritto il post

    originario:

    l'astrofisica e la fisica quantistica non

    hanno nulla a che vedere con il
    paranormale,
    No, ma l'interpretazione che molti ingenui e
    poco informati ne danno ha molto a che
    vedere con quelle credenze.Cioe': dici "fisica quantistica" a qualcuno e lui ti risponde "fantasmi" ! ! !

    a parte questo, trovo estremamente utile

    l'esistenza di un'associazione che si occupi

    di verificare le affermazzioni sul

    paranormale. Quello che non condivido e che

    mi fa incazzare e' che quella attuale (il

    cicap) e' un'associazione a denigrare.
    A denigrare...?Si, a denigrare.

    Non me occupo a tempo pieno, ma mi e' capitato

    spesso di leggere le 'clamorose' bufale

    scovate da questi individui. Il piu' delle

    volte sono semplicemente superficiali e

    banali (come l'esperimento che hanno fatto

    per smascherare i crop circle, da ridere)
    Da ridere? Ti riferisci a questo dossier?
    www.cicap.org/crops/index.htm
    Libero di trovarlo comico, io rido di
    più sentendo certe interpretazioni
    fantascientifiche, ma dipende di sicuro dai
    gusti.Fantascientifiche come quelle del CICAP: che affermano che siccome esiste una malattia uccide le mosce in un certo modo allore tutte devono essere morte cosi' senza bisogno di ulteriori prove.A proposito stiamo ancora aspettando che il CICAP pubblichi i risultati delle analisi dei Crop comparsi in Italia l'anno scorso ! Ci vogliono 2 anni per fare analisi ?

    ma il fine (del cicap) non dovrebbe

    essere quello di creare

    un modello matematico, a mio avviso, ma

    documentare ogni caso che, sotto il loro

    controllo, effettivamente risuti

    inspiegabile, cosa che non fanno.
    Un modello matematico... Ma di che parli?Vedono il fenomeno, trovano un trucco con cui il fenomeno puo' essere riprodotto e dicono che il fenomeno non esiste ed e' il frutto di un trucco.Questo e' il loro metodo di indagine ed hanno dimostrato in piu' occasioni la loro superficialita'.
    E se non trovano un fenomeno che sotto
    controllo diventi "inspiegabile" con chi te
    la vuoi prendere, con loro?Se ad un chimico non riescono le formule chimiche con chi me la prendo con il gelataio all'angolo ??Se un biologo continua a mettere campioni sotto un microscopio e non trova nulla cosa pensi ? Io che magare sta usando il mictroscopio al contrario.
    Comunque il fine di queste associazioni
    scettiche non è di dare risposte o
    fornire soluzioni definitive: il più
    delle volte si tratta solo di proporre una
    soluzione alternativa a chi sostiene che - a
    fronte di certi fenomeni - la spiegazione
    paranormale o pseudoscientifica sia l'unica
    possibile. Una volta dimostrato che esiste
    anche un modo perfettamente comprensibile e
    semplice per produrre lo stesso fenomeno sta
    all'intelligenza di tutti noi decidere quale
    soluzione ritenere più verosimile.Con un trucco posso riprodurre una centrare nucleare che funziona senza uranio: nascondo un cavo dalla centrale vicina e se ho fatto bene il trucco ottengo che una centrale finta puo' far finta di funzionare UAUE come ci migliora la vita sapere che una cosa finta puo' far finta di funzionare ??? Lo sapevamo gia', il CICAP non serve ad una ma@@a.
    E come diceva qualcuno, è più
    probabile che leggi della fisica come noi le
    conosciamo vengano violate o che un uomo
    menta?O che l'uomo ne conosca solo una parte e magare un giorno scoprire altre sconvolgenti.Ma chissene della scienza, tanto si puo' riprodurre con un ptrucco.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma chi sei la Hack?

    No, ma l'interpretazione che molti ingenui e
    poco informati ne danno ha molto a che
    vedere con quelle credenze.no, il problema sono solo gli ottusi che imparano a pappagallo
    A denigrare...?si, sai... quel verbo che significa criticare, trattare senza rispetto, infamare...continuo?
    Da ridere? Ti riferisci a questo dossier?
    www.cicap.org/crops/index.htm
    Libero di trovarlo comico, io rido di
    più sentendo certe interpretazioni
    fantascientifiche, ma dipende di sicuro dai
    gusti.No dipende dall'arroganza non dai gusti, poco fa ho risposto ad un altro tuo post, credo che la smettero, non e' produttivo sai? Allora, i crop circle alla cicap sono buoni tutti a farli, il difficile e' cuocere al microonde le spighe, cosa c'entra? informati. Che poi due vecchietti abbiano confessato di aver fatto due cerchi, tra l'altro 'alla cicap' non cambia niene. Se esistono 10tera cerchi e il 99.9% periodico dei questi e' un falso, non significa che il fenomeno non esiste, capito il concetto?
    Un modello matematico... Ma di che parli?si, sai... algoritmo, metodo scientifico...
    E se non trovano un fenomeno che sotto
    controllo diventi "inspiegabile" con chi te
    la vuoi prendere, con loro?guarda, giusto per farti un esempio, l'altro giorno erano ospiti su rai2, un tizio faceva un esperimentro strano (e non ho neanche capito bene cosa dovesse fare), il cicap controllava con tanto di buste chiuse, giudici, segretari, insomma tutto ufficiale. Tutti belli sorridenti pronti a DENIGRARE ancora una volta. Peccato che il tizio e' riuscito in quello che voleva fare, e vuoi sapere cosa hanno fatto quelli del cicap? Hanno detto che quell'esperimento non dimostrava niente (ma come? mi fai allestire tutto, volontari, telecamete, giudici, segretari, e poi l'esperimento non significa niente?, bah...) e che doveva essere ripetuto e che giocavano fuori casa (giocavano fuori casa? lo studio era stato allestito come avevano chiesto loro!!!)... ma va va!!!!.
    E come diceva qualcuno, è più
    probabile che leggi della fisica come noi le
    conosciamo vengano violate o che un uomo
    menta?Gia, e come diceva qualcun'altro:vedo cose che esistono e mi domando perche',immagino cose che non esistono e mi domando...perche' no?
  • Anonimo scrive:
    E noi stanziamo 14 milioni di euro per..
    ... l'esplorazione planetaria, nell'ambito del programma Aurora dell'ESAE' quanto riportato su Le Scienze dal presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana. Il bello è che il tipo di vanta pure, che l'italia con i suoi 14 sacchi batte Francia, Germania e Inghilterra messe insieme.Sti qua buttano 7 sacchi e mezzo solo per vedere quanto è fantascienza il teletrasporto.Povera Italia, povera Europa.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma chi sei la Hack?

    Immagino naturalmente che tu ti riferisca
    alla teoria delle superstringhe Stai a zero, sto perdendo tempo con te lo sai? Dovrei star qui a spiegarti perche la 'teoria' si chiama delle SUPERstrighe e cosa centrino con la materia/energia? spiegami tu perche' non c'entrano sapientino... leggi un po' di piu' e dimuniusci l'arroganza
    "Non esploreremo mai lo spazio"? Si, sai viaggiare con navi, tipo... ha si, l'Enterprise
    Quanto al fatto che l'impossibilità
    fisica di raggiungere la velocità
    della luce sia frutto della mente della
    Hack, beh immagino che lei ti ringrazierebbe
    ma la relatività non è
    esattamente farina del suo sacco!Mai detto che sia farina del suo sacco, scusa qual'e' di preciso il punto che te lo ha fatto credere?, sai leggere da solo ho hai bisogno dell'accompagno?. Comunque, se fossimo nel medioevo la frase piu' comune della hack sarebbe stata ipse dixit (prima che mi chiedi perche', leggi un po' di libri di storia)
    Hai le idee sulla fisica confuse quasi
    quanto il tuo italiano.Sulla fisica? non credo, sull'italiano? boh, trovi? puo' anche essere...
    Sì, immagino che le due cose per te
    possano stare sullo stesso piano. no no, non per me, per la hack, rileggi, sforzati di cogliere il senso delle frasi
    Ma non serve discutere: vuoi credere al
    teletrasporto alla Star Trek? Fallo e vivi
    felice, ma non cercare di far passare per
    retrogradi quelli che leggono e ragionano.retrogradi persone come te? no e che c'entra? ottusi...
  • Anonimo scrive:
    Re: Finalmente qualcosa si muove
    Non capisco di quali cattedrali e circoli massonici tu parli... Io sono un fisico e sono sempre più che contento di spiegare il mio lavoro e la fisica in generale (anche quella che esula dal mio campo) a tutti.Devo dire che spesso (anzi spessissimo) non tutti sono pronti ad ascoltarmi, vuoi per una diffusa ignoranza delle materie e dei metodi scientifici, vuoi per una diffusa pratica nostrana di demonizzare la ricerca come se fosse qualcosa di innaturale (e pensare che qualche secolo fa ci chiamavano "filosofi naturali")Il fatto che tu non capisca l'importanza delle ricerche che si stanno attualmente svolgendo non potrebbe essere più semplicemente essere imputato alla tua ignoranza in materia?L'accelleratore LHC in costruzione al cern non servirà solo alla ricerca del bosone di Higgs (che immagino verrà trovato nella sua versione supersimmetrica) ma anche a scoprire nuovi fenomeni che dovrebbero (o potrebbero... chi lo sa) accadere a quelle energieIl bosone di Higgs è ragionevolmente importante perchè:A) spiega perchè i fermioni, di cui è composta la materia, hanno massaB) Convaliderebbe nella sostanza (anche se rimangono dei buchi noti in cui indagare con le superiori energie di LHC) il modello standard della fisica delle particelle.... Ti assicuro che diverse cose non quadrerebbero se davvero non ci fosse il bosone di Higgs (e quindi il meccanismo di Higgs, legato al teorema di Goldstone, fosse sbagliato); non si tratterebbe semplicemente mi mettere qualche patch ad una teoriaIo personalmente sarei contento se non lo trovassero perchè questo significherebbe che tutto il modello standard e buona parte della fisica teorica vanno riscritti, dando così lavoro a tutta una schiera di fisici come me che altrimenti si troverebbero disoccupati... tuttavia sono molto scettico sul fatto che non venga trovato in quanto tutto il resto del modello standard funziona tremendamente beneNon penso che ci siano dei campi che non vengono investigati perchè una censura mondiale lo impedisce. E non penso nemmeno che la ricerca sulla fusione fredda (che non è un modello teorico ma un "banale" problema pratico) o quant'altro vengano in alcun modo ostacolati dalla sacrosanta ricerca effettuata in campi "adiacenti" che anzi potrebbero probabilmente favorire
  • scorpioprise scrive:
    Re: monta e smonta
    Vado a memoria, visto che è tanto che l'ho letto, ma mi sembra che fosse molto la questione di disponibilità tecnologica in fatto di memorizzazione (diversi miliardi di miliardi di eccetera di bit, o cose simili), dell'ottica (?) necessaria per "leggere" lo spin delle particelle (con il problema dell'indeterminazione di Heisenberg velocità-posizione, e questo forse può essere il grande ostacolo) e del trasporto del materiale.Pertanto direi che si, è possibilista, con qualche ma, però è possibilista, magari non per esseri viventi, ma per il trasporto di oggetti ritengo sia più vicino di quanto si pensi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma di cosa stiamo parlando?
    - Scritto da: Rex1997

    - Scritto da: Anonimo

    Cut

    Il teletrasporto di star trek, ovvero
    quello

    che dovrebbe portare a giro le persone

    è, allo stato attuale delle

    conoscienze, assolutamente impossibile

    Siccome trovo presuntuoso pretendere di

    predire quello che scopriremo non mi

    sbilancio nel dire che sarà
    sempre

    impossibile... di sicuro ad oggi nessuno

    può nemmeno suggerire un
    meccanismo

    plausibile per cui questo possa
    avvenire,

    tanto meno un giornalista con una scarsa

    formazione scientifica
    Be come ho già detto altrove, quando
    nella prima serie di Star Treck (mitici
    telefim!! da me visti sulla prima tv estera
    captabile in Italia...) il comandante Kirk
    chiamava l'Interprise o altri
    dell'equipaggio comunicavano tra di loro con
    un comunicatore personale la stampa di
    allora disse che la cosa era pura
    fantascienza...poi arrivò il
    cellulare...meno male che era impossibile!Beata ingenuità!!! Il cellulare sfrutta una fisica (l'elettromagnetismo) che era conosciuta già dalla fine dell'ottocento... quello di cui invece stiamo parlando nega tutta la fisica conosciuta finora capisci? E siccome la fisica si basa sui fatti in pratica significa che nega i fatti... un po' come dire che un cavallo bianco è nero....
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma di cosa stiamo parlando?
    - Scritto da: Anonimo

    viene definito dai media
    "teletrasporto" si

    fanno solo con i fotoni, inoltre non si

    tratta di trasporto di "materia", ma di

    informazione!

    Occhio che anche il teletrasporto di
    StarTrek funziona alla stessa maniera.
    L'originale viene smontato e nel buffer del
    teletrasporto viene memorizzato lo stato
    quantico di ogni particella. Questa
    informazione viene trasmessa nel punto di
    arrivo e, utilizzando materia del posto,
    viene ricomposta, visto che due particelle
    con lo stesso stato quantico sono
    indistinguibili.L'operazione che descrivi è appunto quello che intendo quando dico "è impossibile"L'operazione, già difficile per un singolo fotone, risulta ai limiti del possibile per un atomo semplice (idrogeno) e asaolutamente improponibile per qualsiasi quantità di materia che puoi vedere col microscopio...conta che la quantità di informazione aumenta geometricamente con in numero di particelle interagenti... fidati... stai parlando non di numeri, ma di quantità così vicine a "infinito" che difficilmente potresti notarne la differenzaQuesto ovviamente vale per quanto riguarda l'aspetto teorico...Praticamente è semplicemente impossibile... non hai bisogno di spiegazioni particolareggiate per capirlo vero? hai la vaga idea di quanti errori si possano sovrapporre su un flusso di dati del genere che percorra anche solo un centimetro? Ti basti pensare che anche una rete di computer ha bisogno di switch che "rigenerino" il segnale ogni tot metri di cavo...Quello che la gente non capisce è che la fisica si fa con i dati e con i numeri... e le grandezze contano!Inoltre la trama dell'universo non è così sottile tanto che le cose si presentino allo stesso modo su scale diverse... quello che accade nella realtà di tutti i giorni è ben diverso da quello che succede su piccole scale, ed esiste anche una soglia minima sotto la quale nessuna fisica potrà mai scendere! Non è questione di conoscere altre teorie o meno... Quello che sappiamo ci impone già dei paletti molto precisi entro i quali possiamo descrivere la realtà.Ci sono dei principi di base che non possono essere violati, perchè la loro violazione porterebbe ad assurdi tali che si scontrerebbero con la descrizione di esperimenti che invece sono più che provati... Il principio di indeterminazione è uno di questi
  • scorpioprise scrive:
    Re: "La fisica di Star Trek"
    Già, è sufficiente fare il solito parallelismo Comunicatore - Cellulare, o sul Tricorder - Palmare.Sognare non è così diverso da inventare!;););)
  • Anonimo scrive:
    Dovrebbero invest + nella fusione fredda
    ...invece che in queste capperate (anche se comunque personalmente tendo a credere all'esperimento Philadelphia).www.freeenergynews.comQui si sta veramente muovendo qualcosa
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma di cosa stiamo parlando?
    - Scritto da: nop


    Il teletrasporto di star trek, ovvero
    quello

    che dovrebbe portare a giro le persone

    è, allo stato attuale delle

    conoscienze, assolutamente impossibile

    e' impossibile e te lo dice anche il
    principio di indeterminazione di Heisenberg
    Te lo dicono tante considerazioni molto più pratiche prima di andare a scomodare i principi primi... ad esempio il fatto che la quantità di informazione da riprodurre presente in una quantità microscopica di materia sia enormemente superiore alla capacità di memorizzazione e calcolo di qualsiasi grid computing?Il fatto che a livello pratico sarebbe impossibile ricreare esattamente lo stato per una quantità così ingente di informazione anche qualora si riuscisse a processarla?Il principio di indeterminazione di Heisenberg non verrebbe scomodato in quanto in pratica lo stato non verrebbe misurato, ma solo trasferito...Da quanto ne so io ad oggi si fa sfruttando la coerenza quantistica di due stati creati allo stesso momento... quindi a tutti gli effetti non si può nemmeno parlare di trasferimento quanto di "misura a distanza"
  • Anonimo scrive:
    diffidenti!!
    ...c'era una volta anche qualcuno che diceva che l'uomo era troppo pesante per volare... e chi di voi si ricorda di quelli che non avrebbero scommesso una lira (anzi un euro :s) sul successo dei computer: macchine grandi come una stanza e che consumavano come un paese....Per una volta che si decide di investire sul futuro invece di fossilizzarsi su quello che già c'è e conosciamo per certo, trovo davvero retrogrado tutto sto scetticismo!... davvero!
  • Anonimo scrive:
    Siamo la somma dei nostri atomi
    Tutto qui, con buona pace di tutti i religiosi integralisti.Quindi il teletrasporto e' allucinante e impossibile, ma non assurdo.Paolo
  • Anonimo scrive:
    Teletrasporto!? se c'è, è "nuovo"
    leggo che si fa riferimento alla tecnologia di teletrasporto attuale per giustificare una ricerca mirata alle applicazioni.Io personalmente ricerco nel campo e posso dirvi che se un giorno riusciremo a teletrasportare oggetti macroscopici non sara' certo con il modello di teletrasporto che abbiamo ora.Tra l'altro, per informazione, siamo riusciti a "teletrasportare un atomo" quest'estate.Ma che vuol dire?Vuol dire che siamo riusciti a copiare lo stato quantistico di un atomo su di un altro atomo, basta.(ventu@castellonet.com)
  • Anonimo scrive:
    ocio al muro!
    non ci sarebbe più bisogno delle bombe, basterebbe teletrasportare il nemico dentro qualche muro.
  • Anonimo scrive:
    Re: anche internet e nata in ambito mili
    - Scritto da: Terra2

    Una volta

    che i militari perfezionarorono il
    sistema,

    mica penserai che il sistema di

    comunicazione attuale dell'esercito USA

    poggi su INTERNET??, questa ARAPNET
    venne

    data ad uso civile e nacque INTERNET.

    Il fatto è che arpanet è roba
    del 69 (bel numero tra l'altro), non gli
    anni 50...
    Gli studi di qualla che poi fu chiamata ARPANET cominciarono durante gli anni 55 in piena era anticomunista e diedero frutto intorno agli anni 60.Nel 1969 i militari cedettero l'uso di ARPANET agli istituti scientifici, Università (Berckeley fu una delle prime a collegarsi) ed enti governativi, mentre i militari trasferirono i loro sistemi di comunicazione su altro tipo di tecnologia derivata dagli studi fatti in precedenza.

    Pertanto solo pensare all'uso di
    cilindri di

    bakelite (non bacchelite) che scorrono

    all'interno di tubazioni con tutti i

    problemi di attrito che tale materiale

    genera, per trasportare informazioni,

    è quantomeno , fantascenza!:):D:|

    Bachelite è più che esatto
    (sempre se scritto col giusto numero di C)

    Dal Garzanti:
    Lemma: bachelite
    Sillabazione/Fonetica: [ba-che-lì-te]
    Etimologia: Dal nome dell'inventore L. H.
    Baekeland (1863-1944)
    Definizione: meno corretto bakelite, s. f.
    nome commerciale di un gruppo di resine
    sintetiche, usate spec. per la fabbricazione
    di interruttori, spine, isolatori ecc.Per la lingua italiana è sicuramente così, non smentisco certamente il Garzanti, ma il termine è una italianizzazione di un nome commerciale tedesco mi sembra degli anni 35-40, Bakelit dal nome del suo inventore...
  • Anonimo scrive:
    Re: Il mondo militare è ricerca
    - Scritto da: Terra2
    - Scritto da: Anonimo

    Tutto ciò che usiamo proviene dal

    mondo militare, esso è la fonte
    di

    gran parte delle tecnologie (e non solo)

    comunemente utilizzate in svariati
    ambiti.

    Medicinali come l aspirina (o
    penicellina in

    altre forme) non sarebbero mai giunte a
    noi

    senza la tecnologia militare...fu nella

    seconda guerra mondiale che si

    riesumò tale molecola e si fece

    ricerca per poterla produrre in grande

    quantità. La scarsezza di gomma

    naturale spinse la ricerca verso la
    gomma

    artificiale, nacque il moderno
    pneumatico.

    Tecnologie prettament emilitari
    sconfinarono

    in ambiti medici...tutte le applicazioni

    delle onde radio sono finite nella

    radiognostica, tutta la ricerca
    militare sul

    suono (sonar etc) è finita in
    campo

    medico e civile, tutta l esperienza
    medica

    militare ci aiuta a sopravvivere ogni
    giorno

    Daccordo con te sul fatto che la ricerca
    militare sia quella che nell'ultimo secolo
    ha generato il maggior numero di scoperte
    poi riversate in ambito civile... ma con
    tutti gli esempi che c'erano proprio questi
    dovevi portare? :)


    L'acido acetilsalicilico era noto dal
    medioevo (nostradamus lo usava estraendolo
    dalla corteccia del salice, da cui il nome),
    non è sicuramente tecnologia della
    seconda e nemmeno della prima guerra
    mondiale.

    La Penicillina (non penicEllina) è
    stata scoperta per caso, non ha nulla a che
    fare con la ricerca militare.
    Solo la sua produzione venne accellerata per
    far fronte alle richieste provenienti dai
    campi di battaglia della 2aGM.

    Il pneumatico deve la sua fortuna alla
    scoperta della "vulcanizzazione", anche
    questa avvenuta casualmente nel 1939, non si
    sa bene se a casa del sig. Goodyear o del
    sig. Hancock, ma comunque in ambito ben
    distante dalla ricerca militare.
    E nonostante la 2aGM sia alla base di tutta
    la ricerca nel campo degli elastomeri
    artificiali, soprattutto da parte della
    Germania (vedi BUMA) che ad un certo punto
    venne privata quasi totalmente di vie di
    accesso al caucciù, la gomma migliore
    rimane quella naturale (cosa che ben sanno
    coloro che hanno una fidanzata non avvezza
    all'uso della pillola :) ). Ne consegue che
    i pneumatici sono fatti quasi esclusicamente
    in caucciù o suoi derivati.
    www.michelin.ch/ch/front/affich.jsp?codeRubri

    In ultimo il buon Marconi, quando aveva
    già una società di
    comunicazioni telegrafiche via radio, la
    1aGM era ancora abbastanza lontana...


    Per quanto riguarda Nylon, Teflon etc. ok...
    la ricerca Dupont ha attinto a piene mani
    dai finanziamenti del governo USA.
    Il Nylon in particolare venne usato
    abbondantemente per la produzione dei
    paracadute USA nell'ultima fase della 2aGM.
    Si arrivò persino a dire che NYLON
    fosse l'acronimo di Now You Lose Old Nippon.



    ==================================
    Modificato dall'autore il 08/11/2004 11.42.04DARPA
  • Anonimo scrive:
    Re: anche internet e nata in ambito mili

    Ma non è tutto, pensa che Babbage
    aveva una intranet casalinga con cui
    riusciva a controllare lo sciacquone del suo
    cesso, la sua teiera e la sua stufetta a
    legna con il suo pallottoliere palmare!E questi palmari wireless non sono forse un caso lampante di "prior art"?http://images.google.it/images?hl=it&lr=&q=scrittura+cuneiforme&btnG=Cerca ;)
  • Terra2 scrive:
    Re: anche internet e nata in ambito mili

    c'e' poco da ridere.
    se ti interessasse conoscere cio' che non
    sai...potrebbe bastare google.Sisi... ok... va bene! Arpanet è nata negli anni 50!Ma non è tutto, pensa che Babbage aveva una intranet casalinga con cui riusciva a controllare lo sciacquone del suo cesso, la sua teiera e la sua stufetta a legna con il suo pallottoliere palmare!
  • Anonimo scrive:
    Re: Ben venga
    Dal punto di vista medico ti posso fare l'esempio di mia madre che ha avuto un intervento al cuore, le hanno messo 2 baipass (non sono sicuro che si scriva così, ma credo si capisca) la ciccatrice dell'operazione le si era allargata dopo un po' di tempo e ha dovuto fare diverse bruciature in ospedale per consumare la carne che le si era formata in eccesso. Per fare questo usavano una sostanza acida in anestesia locale, dopo alcune applicazioni mia madre ha preferito abbandonare a causa dei forti dolori che questo tipo di pratica portava.Un anno più tardi abbiamo trovato un signore sardo che faceva un' "intruglio" (passami il termine) che aveva sottoposto all'attenzione della Bayer, questi l'avevano testato su 100 persone, in tutti e 100 i casi questa sostanza ha mantenuto la promessa di riuscire ad eliminare completamente le ciccatrici recenti (che non avevano più di un anno), alla fine dei test questa bella multinazionale ha risposto che non era interessata perché se fosse uscita con un prodotto simile avrebbe dovuto ritirare troppi prodotti dal mercato, quindi non gli conveniva. Ora, non ho prove che questi test siano veramente avvenuti, ma ti posso dire che su mia madre ha fatto molto più questa sua sostanza che non tutte le bruciature fatte in ospedale.Per quanto riguarda le invenzioni a favore del pianeta che vengono nascoste basti pensare "banalmente" alle industrie dell'auto.Pensa alle denunce fatte da Grillo, quelle fatte da GreenPice che è riuscita a far tirare fuori un prototipo di auto a bassissimo consumo a chi affermava che quell'auto ormai era stata distrutta e si erano persi i progetti. Tutto questo solo per non intaccare il valore del petrolio.Per ultimo pensa alle socetà americane che fanno a gara per conquistare più brevetti possibili, ti sei mai chiesto come mai visto che alla fine ne usano solo pochi di quelli che possiedono?
  • Anonimo scrive:
    E se si perde un atomo?
    Sapete che fico? Miliardi di reazioni a catena nel nostro corpo ;)Magari la bruttona del paese diventa Michelle Hunziker :pFico fico!Byez!Michele
    • Rex1997 scrive:
      Re: E se si perde un atomo?
      - Scritto da: Anonimo
      Sapete che fico? Miliardi di reazioni a
      catena nel nostro corpo ;)
      Magari la bruttona del paese diventa
      Michelle Hunziker :p

      Fico fico!

      Byez!

      MicheleQuesta è fantascienza pura!:|:):DP.S. Però una bella idea...;)
  • UmAnOiDe/69 scrive:
    Re: Ma chi sei la Hack?
    - Scritto da: Anonimo
    sono quello che ha scritto il post
    originario:

    l'astrofisica e la fisica quantistica non
    hanno nulla a che vedere con il paranormale,No, ma l'interpretazione che molti ingenui e poco informati ne danno ha molto a che vedere con quelle credenze.
    a parte questo, trovo estremamente utile
    l'esistenza di un'associazione che si occupi
    di verificare le affermazzioni sul
    paranormale. Quello che non condivido e che
    mi fa incazzare e' che quella attuale (il
    cicap) e' un'associazione a denigrare. A denigrare...?
    Non me occupo a tempo pieno, ma mi e' capitato
    spesso di leggere le 'clamorose' bufale
    scovate da questi individui. Il piu' delle
    volte sono semplicemente superficiali e
    banali (come l'esperimento che hanno fatto
    per smascherare i crop circle, da ridere)Da ridere? Ti riferisci a questo dossier?http://www.cicap.org/crops/index.htmLibero di trovarlo comico, io rido di più sentendo certe interpretazioni fantascientifiche, ma dipende di sicuro dai gusti.Certo, se fossi uno di questi artistihttp://www.circlemakers.org/mi inca**erei parecchio sentendo parlare di ufo, energie misteriose e altre amenità!
    altre volte invece si rifugiano dietro la
    scusa che un fenomeno, seppur da loro
    controllato e misurato, deve essere
    ripetibile e prevedibile; La "scusa"?
    e' vero, il metodo
    scientifico impone questo, Ah, meno male.
    ma il fine (del cicap) non dovrebbe essere quello di creare
    un modello matematico, a mio avviso, ma
    documentare ogni caso che, sotto il loro
    controllo, effettivamente risuti
    inspiegabile, cosa che non fanno.Un modello matematico... Ma di che parli?E se non trovano un fenomeno che sotto controllo diventi "inspiegabile" con chi te la vuoi prendere, con loro?Ah già, certo, è il cover-up....Comunque il fine di queste associazioni scettiche non è di dare risposte o fornire soluzioni definitive: il più delle volte si tratta solo di proporre una soluzione alternativa a chi sostiene che - a fronte di certi fenomeni - la spiegazione paranormale o pseudoscientifica sia l'unica possibile. Una volta dimostrato che esiste anche un modo perfettamente comprensibile e semplice per produrre lo stesso fenomeno sta all'intelligenza di tutti noi decidere quale soluzione ritenere più verosimile.E come diceva qualcuno, è più probabile che leggi della fisica come noi le conosciamo vengano violate o che un uomo menta?
  • Anonimo scrive:
    [OT] Spazio 1999 ...
    Orbiter Space Flight Simulatorhttp://www.medphys.ucl.ac.uk/~martins/orbit/orbit.htmlcon possibiità di operare anche in sistemi solari "alternativi"... e questo è l'add-on per simulare le navette classe Eaglehttp://www.concentric.net/~frytiger/eagle1.zip:)
  • ElfQrin scrive:
    monta e smonta
    Mah, io l'ho letto... evidentemente ci sono molti se e molti ma, e limitazioni dovute alle concezioni attuali, ma in alcuni casi mi sembra addirittura possibilista, anche se magari in un futuro lontano.
  • UmAnOiDe/69 scrive:
    Re: Ma chi sei la Hack?
    - Scritto da: Anonimo

    Oh, chiaramente a te è
    chiarissima la

    differenza tra "teletrasporto" di

    informazione, teletrasporto di UNA

    particella priva di massa (fotone) e

    *teletrasporto* di materia. Se è

    Beh, a me sembra invece che sia tu a non
    aver chiarissimo il concetto di materia ed
    energia, stringhe e vie discorrendo,Se lo dici tu. Poi però mi spiegherai anche perché; magari lo stesso giorno in cui mi spiegherai che diamine c'entrano ora le "stringhe".Immagino naturalmente che tu ti riferisca alla teoria delle superstringhe e non ai lacci delle tue scarpe, resta naturalmente da capire che c'entrino ora.
    chiaramente stiamo parlando di fanscienza,
    dato il cicap ha gia' indagato in materia e
    la hack ha detto che non esploreremo mai lo
    spazio perche' non si puo' superare la
    velocita' della luce.
    "Non esploreremo mai lo spazio"? Quanto al fatto che l'impossibilità fisica di raggiungere la velocità della luce sia frutto della mente della Hack, beh immagino che lei ti ringrazierebbe ma la relatività non è esattamente farina del suo sacco!Hai le idee sulla fisica confuse quasi quanto il tuo italiano.
    Oh, io ne dico un'altra: secondo me l'uomo
    non volera' mai perche' non si puo' far
    crescere le ali...Sì, immagino che le due cose per te possano stare sullo stesso piano. Ma non serve discutere: vuoi credere al teletrasporto alla Star Trek? Fallo e vivi felice, ma non cercare di far passare per retrogradi quelli che leggono e ragionano.
  • DKDIB scrive:
    Re: Ma chi sei la Hack?
    Anonimo B wrote:
    sono quello che ha scritto l'articolo [...]Ah... adesso manco i giornalisti di Punto Informatico si loggano?(Se fosse vero) annamo bene......______Anonimo B also wrote:
    [...]
    teorico del complotto?
    dare addosso agli americani?
    dimostrare le mie teorie?

    ma quale post hai letto?Penso ke Funz non rispondesse a te, bensi' all'autore del thread.Anonimo A wrote:
    esperimenti del genere (sui fotoni) sono stati pubblicati su
    riviste tipo SCIENCE, e riportate anche dal nostrano LE
    SCIENZE...Funz wrote:
    [...] anche Science puo' prendere le sue cantonate, la storia
    della scienza ne e' piena...Anonimo A also wrote:
    ...'fino a spingersi all'idea di wormhole'... neanche avesse
    parlato di david gnomo.Funz also wrote:
    [...] David Gnomo e' meno esoteroco di un wormhole :p
  • avvelenato scrive:
    però pensate che figata
    poter fraggare gli americani a ping = 0 grazie al teletrasporto dei fotoni le lan non avranno più problemi di ping!:Dok, ho fatto la mia trollata giornaliera, me ne vado! (troll)==================================Modificato dall'autore il 08/11/2004 15.13.41
    • shezan74 scrive:
      Re: però pensate che figata
      la migliore dai tempi di maometto :D :D /frag- Scritto da: avvelenato
      poter fraggare gli americani a ping = 0

      grazie al teletrasporto dei fotoni le lan non
      avranno più problemi di ping!


      :D


      ok, ho fatto la mia trollata giornaliera, me ne
      vado! (troll)
  • Anonimo scrive:
    Re: "La fisica di Star Trek"
    Guarda, da leggere è estremamente divertente e interessante, te lo consiglio.Ma per "smontare", "smonta" eccome!Le obiezioni sul teletrasporto sono tantissime, di tipi molto diversi tra loro e tutte macroscopiche.
  • DKDIB scrive:
    Re: Ma chi sei la Hack?
    Anonimo A wrote:
    [...] composto da persone dotate di poteri paranormali (o
    sedicenti tali).Anonimo B wrote:
    [...] questo non significa che queste persone avessero
    effettivamente poteri paranormali [...]Per la serie: cosa di "sedicenti tali" ti sfugge? "Tali"?LOL! :D
  • Kama scrive:
    Re: con quello che spendono in bombe..

    ...si preoccupano per 7.5mln$ per una
    scommessa col futuro..

    è proprio Medio Evo, non c'è
    niente da fare..si...il problema e' che questo gli servira' per teletrasportare le bombe a destinazione ;-)o intanto a creare sistemi di guida, a scopo militare, piu' efficaci.Quindi le spese non si sottraggono, ma si a ggiungono a quelle prettamente militari.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma chi sei la Hack?

    Oh, chiaramente a te è chiarissima la
    differenza tra "teletrasporto" di
    informazione, teletrasporto di UNA
    particella priva di massa (fotone) e
    *teletrasporto* di materia. Se èBeh, a me sembra invece che sia tu a non aver chiarissimo il concetto di materia ed energia, stringhe e vie discorrendo, chiaramente stiamo parlando di fanscienza, dato il cicap ha gia' indagato in materia e la hack ha detto che non esploreremo mai lo spazio perche' non si puo' superare la velocita' della luce.Oh, io ne dico un'altra: secondo me l'uomo non volera' mai perche' non si puo' far crescere le ali...Saluti
  • UmAnOiDe/69 scrive:
    Re: Tecnologia possibile

    Voglio solo fare un osservazione: è
    molto più semplice convincere la
    gente su teorie complottistiche o scandali
    che non sulle loro smentite. Nel primo caso,
    non è necessario esporre prove
    insindacabili per farsi credere, nel secondo
    sì, ma è difficile comunque
    convincere al 100%.Sacrosanto, ahimè. Il problema di fondo è che con chi *vuole* credere non si può dibattere in nessun modo: non servono prove per convincerlo della veridicità delle sue teorie, dunque non è con le prove che lo si può convincere del contrario. Siamo di fronte in tutto e per tutto a una questione di _fede_.Tra l'altro tutte queste storie di "cover-up" mi ricordano un po' la storiella della bambina americana che chiede al padre (o era il nonno? boh!):- ma se Saddam aveva le armi di distruzione di massa, perché non le ha usate quando l'abbiamo attaccato?- perché non voleva farci sapere che le aveva!Ecco, in fondo è lo stesso per il teletrasporto, la tecnologia "aliena", la telecinesi e compagnia bella: il luogo comune recita "Ce l'hanno ma non vogliono farcelo sapere". Sta di fatto che non si capisce cosa ce l'abbiano a fare se queste mirabolanti scoperte non vengono utilizzate mai, nemmeno in guerra!
    • DKDIB scrive:
      Re: Tecnologia possibile
      Umanoide wrote:
      [...] non si capisce cosa ce l'abbiano a fare se queste
      mirabolanti scoperte non vengono utilizzate mai, nemmeno
      in guerra!Ke ingenuo... ma e' kiraro no?Quegli infingardi dei governanti le hanno, le usano... ma manipolano tutti i media affinke' nessuno se ne accorga!Solo poki coraggiosi, i quali non si piegano, e mai lo faranno, d'innanzi alla corruzione del potere politico e di quello economico, riescono a squarciare il velo della menzonia governativa, rivelando cosi' al popolo la realta' dei fatti.___P.S.A scanso di equivoci, voglio precisare ke il mio reply e' velatamente ironico.==================================Modificato dall'autore il 08/11/2004 14.49.59
      • Anonimo scrive:
        Re: Tecnologia possibile
        Cmq per scopi militari si tengono private molti apparecchi, per farvi un esempio il monitor a cristalli liquindi (LCD) fu usato per la prima volta sui sommergibili tedeschi e fu tenuto privato per scopi militari fino ai giorni nostri.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tecnologia possibile

      Ecco, in fondo è lo stesso per il
      teletrasporto, la tecnologia "aliena", la
      telecinesi e compagnia bella: il luogo
      comune recita "Ce l'hanno ma non vogliono
      farcelo sapere".
      Sta di fatto che non si capisce cosa ce
      l'abbiano a fare se queste mirabolanti
      scoperte non vengono utilizzate mai, nemmeno
      in guerra!bhe che ne sai che per esempio non c'e una guerra tra la terra e gli alieni solo che non combattono sulla terra ?????
  • Terra2 scrive:
    Re: anche internet e nata in ambito mili

    Una volta
    che i militari perfezionarorono il sistema,
    mica penserai che il sistema di
    comunicazione attuale dell'esercito USA
    poggi su INTERNET??, questa ARAPNET venne
    data ad uso civile e nacque INTERNET.Il fatto è che arpanet è roba del 69 (bel numero tra l'altro), non gli anni 50...
    Pertanto solo pensare all'uso di cilindri di
    bakelite (non bacchelite) che scorrono
    all'interno di tubazioni con tutti i
    problemi di attrito che tale materiale
    genera, per trasportare informazioni,
    è quantomeno , fantascenza!:):D:|Bachelite è più che esatto (sempre se scritto col giusto numero di C)Dal Garzanti:Lemma: bacheliteSillabazione/Fonetica: [ba-che-lì-te]Etimologia: Dal nome dell'inventore L. H. Baekeland (1863-1944)Definizione: meno corretto bakelite, s. f. nome commerciale di un gruppo di resine sintetiche, usate spec. per la fabbricazione di interruttori, spine, isolatori ecc.
  • Anonimo scrive:
    Ma di cosa stiamo parlando?
    Mi sembra che l'autore di questo articolo non abbia una grossa cultura scientifica vero?Intanto vorrei sapere cosa hanno di "vagamente eretico" e "predente" gli esperimenti con i fotoni...A parte la scelta dei termini che è pessima per un argomento scientifico, volgio precisare che gli esperimenti su quello che viene definito dai media "teletrasporto" si fanno solo con i fotoni, inoltre non si tratta di trasporto di "materia", ma di informazione!In pratica quello che faccio è ricreare lo stato quantico di un fotone su un altro fotone ad una certa distanza, ovvero trasmettere l'informazione contenuta nel primo sul secondoTutto questo (differentemente dalle implicazioni fantasiosamente fantascientifiche suggerite dall'impreparato autore) ha a che fare soprattutto con il problema del "quantum computing", ovvero quel potentissimo calcolatore che avrete davanti a voi se risponderete a questo post tra cinquant'anni, ma che tuttora è in una fase pre-embrionaleIl teletrasporto di star trek, ovvero quello che dovrebbe portare a giro le persone è, allo stato attuale delle conoscienze, assolutamente impossibileSiccome trovo presuntuoso pretendere di predire quello che scopriremo non mi sbilancio nel dire che sarà sempre impossibile... di sicuro ad oggi nessuno può nemmeno suggerire un meccanismo plausibile per cui questo possa avvenire, tanto meno un giornalista con una scarsa formazione scientifica
    • UmAnOiDe/69 scrive:
      Re: Ma di cosa stiamo parlando?
      - Scritto da: Anonimo
      Mi sembra che l'autore di questo articolo
      non abbia una grossa cultura scientifica
      vero?Non mi sembra il caso di entrare in polemica: non lo so e comunque non mi interessa. Se poi dovessimo fare le pulci alla cultura scientifica di tutti i giornalisti staremmo freschi, meglio leggere Topolino.
      Intanto vorrei sapere cosa hanno di
      "vagamente eretico" e "predente" gli
      esperimenti con i fotoni...Mah, la scelta di termini è discutibile, certo anche in quel caso si è discusso parecchio su cosa si fosse realmente ottenuto e se avesse senso di parlare di "teletrasporto". Al limite teletrasporto di informazione, forse...
      A parte la scelta dei termini che è
      pessima per un argomento scientifico, volgio
      precisare che gli esperimenti su quello che
      viene definito dai media "teletrasporto" si
      fanno solo con i fotoni, inoltre non si
      tratta di trasporto di "materia", ma di
      informazione!
      In pratica quello che faccio è
      ricreare lo stato quantico di un fotone su
      un altro fotone ad una certa distanza,
      ovvero trasmettere l'informazione contenuta
      nel primo sul secondoPerfetto.
      Tutto questo (differentemente dalle
      implicazioni fantasiosamente
      fantascientifiche suggerite dall'impreparato
      autore) ha a che fare soprattutto con il
      problema del "quantum computing", ovvero
      quel potentissimo calcolatore che avrete
      davanti a voi se risponderete a questo post
      tra cinquant'anni, ma che tuttora è
      in una fase pre-embrionaleAllora, dici tutto giusto tranne un fatto: le implicazioni fantascientifiche non mi sembra siano frutto della fantasia del giornalista. O abbiamo letto due articoli di PI diversi, infatti, o qui si parla di uno studio preliminare pubblicato dalla Federation of American Scientists in cui si discetta esplicitamente di psicocinesi e varie amenitàD'altronde se ad inalberarsi è stato un fisico e divulgatore attento come Krauss qualcosa di strano ci deve essere sul serio. Non trovi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma di cosa stiamo parlando?

      viene definito dai media "teletrasporto" si
      fanno solo con i fotoni, inoltre non si
      tratta di trasporto di "materia", ma di
      informazione!Occhio che anche il teletrasporto di StarTrek funziona alla stessa maniera. L'originale viene smontato e nel buffer del teletrasporto viene memorizzato lo stato quantico di ogni particella. Questa informazione viene trasmessa nel punto di arrivo e, utilizzando materia del posto, viene ricomposta, visto che due particelle con lo stesso stato quantico sono indistinguibili.Insomma, anche se fossimo 200 anni dalla scoperta del teletrasporto, sarebbero sempre 200 anni dal primo giorno in cui ci si prova, non è che una mattina ci si sveglia e c'è l'invenzione bella e pronta che ci aspetta fuori dalla porta :)
    • DKDIB scrive:
      Re: Ma di cosa stiamo parlando?
      Anonimo wrote:
      Intanto vorrei sapere cosa hanno di "vagamente eretico" e
      "predente" gli esperimenti con i fotoni...
      A parte la scelta dei termini che è pessima per un
      argomento scientifico [...]Su questo quoto... cosi' come non condivido il commento riguardo al libro di Lawrence Krauss. A quanto ne so lo scopo dell'opera e' tutt'altro (anke perke' sarebbe ridicolo accusare una serie di fantascienza di non essere scientifica! :D).
    • Rex1997 scrive:
      Re: Ma di cosa stiamo parlando?
      - Scritto da: Anonimo
      Cut
      Il teletrasporto di star trek, ovvero quello
      che dovrebbe portare a giro le persone
      è, allo stato attuale delle
      conoscienze, assolutamente impossibile
      Siccome trovo presuntuoso pretendere di
      predire quello che scopriremo non mi
      sbilancio nel dire che sarà sempre
      impossibile... di sicuro ad oggi nessuno
      può nemmeno suggerire un meccanismo
      plausibile per cui questo possa avvenire,
      tanto meno un giornalista con una scarsa
      formazione scientificaBe come ho già detto altrove, quando nella prima serie di Star Treck (mitici telefim!! da me visti sulla prima tv estera captabile in Italia...) il comandante Kirk chiamava l'Interprise o altri dell'equipaggio comunicavano tra di loro con un comunicatore personale la stampa di allora disse che la cosa era pura fantascienza...poi arrivò il cellulare...meno male che era impossibile!
    • nop scrive:
      Re: Ma di cosa stiamo parlando?

      Il teletrasporto di star trek, ovvero quello
      che dovrebbe portare a giro le persone
      è, allo stato attuale delle
      conoscienze, assolutamente impossibilee' impossibile e te lo dice anche il principio di indeterminazione di Heisenberg
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma chi sei la Hack?
    sono quello che ha scritto il post originario:l'astrofisica e la fisica quantistica non hanno nulla a che vedere con il paranormale, a parte questo, trovo estremamente utile l'esistenza di un'associazione che si occupi di verificare le affermazzioni sul paranormale. Quello che non condivido e che mi fa incazzare e' che quella attuale (il cicap) e' un'associazione a denigrare. Non me occupo a tempo pieno, ma mi e' capitato spesso di leggere le 'clamorose' bufale scovate da questi individui. Il piu' delle volte sono semplicemente superficiali e banali (come l'esperimento che hanno fatto per smascherare i crop circle, da ridere) altre volte invece si rifugiano dietro la scusa che un fenomeno, seppur da loro controllato e misurato, deve essere ripetibile e prevedibile; e' vero, il metodo scientifico impone questo, ma il fine (del cicap) non dovrebbe essere quello di creare un modello matematico, a mio avviso, ma documentare ogni caso che, sotto il loro controllo, effettivamente risuti inspiegabile, cosa che non fanno.Saluti
  • Anonimo scrive:
    Re: Finalmente qualcosa si muove
    Non ne sarei cosi' sicuro: i fisici in questi decenni sono stati abilissimi a costruire delle 'cattedrali' chiuse in se stesse, dei circoli 'massonici' di scienziati pronti a deridere bassamente l'eresia. Che spesso e' eresia, e su questo siamo tutti d'accordo, ma non si capisce ora come ora perche' dare piu' credito ad una comunita' che se non trova il bosone di Higgs dovrebbe andare tutta unita a zappare la terra, piuttosto che ai fisici che hanno intravisto nuovi sviluppi (come quello della fusione fredda, che, vuoi o non vuoi, e' un fatto della fisica, ed ora e' assolutamente riproducibile). Non si capisce (anzi, mi vien da dire che 'si capisce benissimo...'), perche' esistano anche in queste cose due pesi e due misure: per quale motivo (prettamente 'teorico', senza quindi scendere nel reame della politica e dell'economia), si debba osteggiare a priori la fusione fredda, cosi' come il controllo di gravita', piuttosto che la ricerca dell'ennesima particella che vive a velocita' relativistiche per qualche milionesimo di secondo?Sia l'uno che l'altro esperimento contribuirebbero alla crescita della fisica teorica, con il primo che:- potrebbe dare dei vantaggi tangibili per tutta la societa';- potrebbe costare una frazione del costo degli esperimenti nei super-acceleratori.Io non sono certo per non cercare il bosone di Higgs (anzi, spero che i tentativi per trovarlo falliscano in modo da mettere in luce la necessita' di strade alternative per la ricerca, ma sono sicuro che i fisici hanno gia' pronta una giustificazione bell'e buona), ma anche di dare il rispetto che meritano (leggi: fondi e peer reviews e pubblicazioni) a quei ricercatori che affrontano problematiche alternative, ma non per questo meno interessanti.ZB- Scritto da: Anonimo
    In conclusione... non esiste una fisica di
    serie A e una di serie B
  • UmAnOiDe/69 scrive:
    Re: Ma chi sei la Hack?
    - Scritto da: Anonimo
    Vorrei sapere chi e', e che qualifiche ha,
    chi ha scritto l'articolo,...meglio di
    margherita hack o di uno del CICAP.Lo dici a mo' di insulto. Spiegati e facci capire meglio, magari scopriamo cose che non sappiamo.
    [..]
    e agli esperimenti vagamente eretici e
    peraltro perdenti
    [...]

    Perdenti? mah..., esperimenti del genere
    (sui fotoni) sono stati pubblicati su
    riviste tipo SCIENCE, e riportate anche dal
    nostrano LE SCIENZE...Oh, chiaramente a te è chiarissima la differenza tra "teletrasporto" di informazione, teletrasporto di UNA particella priva di massa (fotone) e *teletrasporto* di materia. Se è così sai anche che quegli esperimenti non sono "del genere", come dici tu: direi che il teletrasporto di un fotone sta al teletrasporto di materia come il telefono sta alla telepatia.Ma magari sono usciti altri articoli su Science che non ho letto, puoi sempre riportarceli. Stesso dicasi per i "brillanti risultati" sovietici nel campo della telepatia.==================================Modificato dall'autore il 08/11/2004 14.08.43
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma chi sei la Hack?
    sono quello che ha scritto l'articolo, solo qualche domanda:teorico del complotto?dare addosso agli americani?dimostrare le mie teorie?ma quale post hai letto?
  • Terra2 scrive:
    Re: Chissa' cosa cercano veramente...
    - Scritto da: Anonimo
    Con il pretesto del "teletrasporto" :oFar viaggiare informazioni con singoli fotoni attraverso una fibra ottica è già un ottimo modo per trasmettere messaggi non intercettabili (e qui il discorso è già lungo...), se poi questi fotoni potessero essere anche teletrasportati in maniera costante ed affidabile sarebbe una vera pacchia.7.5 milioni di $, per l'aviazione USA, sono una spesa ridicola anche solo per ottenere un sistema di comunicazione sicuro. Se poi dalla ricerca esce anche altro, tutto grasso che cola.
    • Anonimo scrive:
      Re: Chissa' cosa cercano veramente...
      - Scritto da: Terra2

      - Scritto da: Anonimo

      Con il pretesto del "teletrasporto" :o

      Far viaggiare informazioni con singoli
      fotoni attraverso una fibra ottica è
      già un ottimo modo per trasmettere
      messaggi non intercettabili (e qui il
      discorso è già lungo...), se
      poi questi fotoni potessero essere anche
      teletrasportati in maniera costante ed
      affidabile sarebbe una vera pacchia.

      7.5 milioni di $, per l'aviazione USA, sono
      una spesa ridicola anche solo per ottenere
      un sistema di comunicazione sicuro. Se poi
      dalla ricerca esce anche altro, tutto grasso
      che cola.Tipo teletrasportare ordigni esplosivi direttamente sui/nei bersagli?
      • Terra2 scrive:
        Re: Chissa' cosa cercano veramente...

        Tipo teletrasportare ordigni esplosivi
        direttamente sui/nei bersagli?Anche... ma quando puoi trasferire liberamente la materia da un luogo all'altro l'elsplosivo diventa del tutto superfluo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Chissa' cosa cercano veramente...

          Anche... ma quando puoi trasferire
          liberamente la materia da un luogo all'altro
          l'elsplosivo diventa del tutto superfluo.eh pensa di poter trasferire saddam nello spazio quindi ;)(senza ossigeno)
    • Anonimo scrive:
      Re: Chissa' cosa cercano veramente...
      - Scritto da: Terra2

      - Scritto da: Anonimo

      Con il pretesto del "teletrasporto" :o

      Far viaggiare informazioni con singoli
      fotoni attraverso una fibra ottica è
      già un ottimo modo per trasmettere
      messaggi non intercettabili (e qui il
      discorso è già lungo...), se
      poi questi fotoni potessero essere anche
      teletrasportati in maniera costante ed
      affidabile sarebbe una vera pacchia.Sei anche un esperto di crittografia quantistica?
      • Terra2 scrive:
        Re: Chissa' cosa cercano veramente...

        Sei anche un esperto di crittografia quantistica?Si
        • Anonimo scrive:
          Re: Chissa' cosa cercano veramente...
          - Scritto da: Terra2


          Sei anche un esperto di crittografia
          quantistica?

          SiFatti un po' di cultura invece di trastullarti colla melahttp://en.wikipedia.org/wiki/Quantum_cryptography
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma se...
    - Scritto da: Anonimo
    Se un oggetto può essere
    teletrasportato, cioè cancellato in
    un posto e duplicato in un altro, allora in
    teoria diventerebbe possibile duplicare
    più volte un oggetto?
    Potremmo avere tutti risorse infinite di
    petrolio, carbone, cibo, per non parlare poi
    di auto, televisori al plasma e Federica
    Fontana?

    Potrebbe nascere un p2p basato sullo scambio
    di oggetti reali?Il teletrasporto non solo è inattuabile, ma allo stato attuale delle conoscienze è addirittura impossibileQuando si parla con toni trionfalistici di "esperimenti di teletrasporto" si parla in realtà della possibilità di riprodurre lo stato quantico di un fotone a distanza, senza ovviamente leggerlo visto che la meccanica quantistica stabilisce che la misura di uno stato ne provoca la distruzione (ovvero il cambiamento verso un altro stato)Sostanzialmente è una tecnica legata più al quantum computing e al trasporto dell'informazione che a quello che star trek ci ha fatto immaginare....
  • Anonimo scrive:
    Re: Finalmente qualcosa si muove
    - Scritto da: Anonimo...............(cut).................
    Il vero grande problema e' che i pochi
    ricercatori che 'osano' vivere le loro
    carriere ricercando in questi ambiti,
    vengono praticamente sempre emarginati dai
    fisici 'ortodossi', che altro non fanno che
    gettare discredito sui primi.
    ..............(cut)..............
    ZioBillLa fisica, differentemente da altre materie come la filosofia, è basata sui fatti, e solo parlando di fatti se ne può discutere o giudicareL'idea che ci sia una fisica "ortodossa" e una "non ortodossa" denota una profonda ignoranza di quello che è la fisica stessaLa fisica è sostanzialmente una teoria, se non proprio unitaria, quantono profondamente interconnessa... Anche adesso si fa ricerca per estendere i modelli noti, che hanno alcuni difetti conosciuti anche se ancora non risoltiC'è la teoria delle stringhe, c'è la quantum gravity nella formulazione a loop e ci sono tante altre teorie che vengono definite "esotiche" per il solo fatto che non hanno ancora una conferma sperimentaleI soldi che vengono spesi per costruire i superaccelleratori servono appunto per cercare una conferma di queste teorie che altrimenti rimarrebbero solo chiacchere prive di fondamentoVolgio far notare anche che ricercare il bosone di Higgs è fondamentale per capire fino a che punto sono inesatte le teorie attuali e dove eventualmente andare a pararte per il futuroIn conclusione... non esiste una fisica di serie A e una di serie B
  • Anonimo scrive:
    Scotty, Beam me up!
    vedi subject :D
  • LockOne scrive:
    PI, benvenuto nell'underground
    bene, era tempo, anche PI entra nell'underground della controinformazione.giorni fa, del resto, tra i 'cinque siti per navigare' appariva, con mia sorpresa, nientemeno chehttp://mmmgroup.altervista.org/i-menu.html
  • Anonimo scrive:
    Re: Finalmente qualcosa si muove
    Prova qui:http://www.gravity-society.org/(vi sono i riferimenti anche a Podkletnov: lo scienziato che per primo ha osservato il fenomeno)Oppure:http://www.gctspace.com/research/sc.html(qui, forse, sono meno attendibili, ma la comprensione del fenomeno e' piu' semplice dei papers degli scienziati del sito precedente).Per avere altri riferimenti, usa Google e, come chiavi:gravity controlSe un giorno riusciremo a controllare la gravita', allora avverra' un cambiamento radicale per la societa'.ZioBill
  • Anonimo scrive:
    ho un certo numero ..
    ... di persone famose da teletrasportare su marte .. indovinate chi fa parte della lista :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: con quello che spendono in bombe..
    Peccato però che questo non venga fatto per altre scommesse sul futuro, magari un pochino più prioritarie, come ad esempio il patto di Kyoto sulle emissioni di gas serra... L'amico Bush si giustifica dicendo che se si impegnassero a diminuire la produzione di gas serra, ci sarebbe un consistente aumento della disoccupazione (tra l'altro, non se ne capisce nemmeno bene il motivo, ma prendiamola per buona).Considerando che gli stati uniti sono la nazione che più di tutte produce questi gas, mi piacerebbe vederlo fra qualche anno, con i suoi lavoratori (che hanno mantenuto il posto di lavoro) ad ammirare New York mentre si trasforma nella Venezia statunitense a causa dello scioglimento dei ghiacci.Come biasimarlo d'altronde, con tutto l'impegno che è stato messo per assicurarsi scorte di combistibile...-- Masque
    • Anonimo scrive:
      Re: con quello che spendono in bombe..
      - Scritto da: Anonimo
      Peccato però che questo non venga
      fatto per altre scommesse sul futuro, magari
      un pochino più prioritarie, come ad
      esempio il patto di Kyoto sulle emissioni di
      gas serra... L'amico Bush si giustifica
      dicendo che se si impegnassero a diminuire
      la produzione di gas serra, ci sarebbe un
      consistente aumento della disoccupazione
      (tra l'altro, non se ne capisce nemmeno bene
      il motivo, ma prendiamola per buona).
      Considerando che gli stati uniti sono la
      nazione che più di tutte produce
      questi gas, mi piacerebbe vederlo fra
      qualche anno, con i suoi lavoratori (che
      hanno mantenuto il posto di lavoro) ad
      ammirare New York mentre si trasforma nella
      Venezia statunitense a causa dello
      scioglimento dei ghiacci.
      Come biasimarlo d'altronde, con tutto
      l'impegno che è stato messo per
      assicurarsi scorte di combistibile...

      -- MasqueBeh, con N.Y ridotta ad una Venezia paludare le scorte di metano americane aumenterebbero e non di poco!:)
  • Anonimo scrive:
    Re: Finalmente qualcosa si muove
    Mamma mia!!!Ragazzi postate dei link su queste cose!!!!Dai, vi prego vi prego vi prego!!!P.S. I militari americani sono molto molto piu furbi della comunità scientifica internazionale. Hanno soldi (tantissimi) da psendere e li spendono su "tutte" le possibilità: gestire il tempo, creare terremoti, armi a microonde, aerei "innovativi" etc etc. Mi sembra un modo furbissimo di essere sempre "avanti". Se poi una cosa non funziona si hanno 2 ottimi risultati: la certezza che non ci sono altri che possano utilizzare quella tecnologia e la (buona) probabilità di scoprire altro o sviluppare nuove tecnologie "derivate"Certo che azzerare la gravità sarebbe un passo avanti per l'umanità TOTALE
  • Anonimo scrive:
    Re: Tecnologia possibile
    L'esperimento "Philadeplhia", eseguito sulla nave USS Eldrige, aveva lo scopo di trovare un modo per occultare elettromagneticamente le navi militari ai sensori delle mine. Sulla nave vengono installati dei grossi generatori di campo e lo scafo viene avvolto da svariati metri di cavo elettrico. Effettivamente, tramite questo metodo, se fatto in modo corretto, è possibile annullare il campo magnetico di uno scafo.Sul noto effetto collaterale del teletrasporto della nave in altro luogo e tempo si è discusso molto, ma non si sa ancora niente di certo e non è mai stata trovata alcuna documentazione della marina militare in riferimento ad un esperimento di occultamento ottico (secondo la "leggenda", la nave è sparita anche alla vista) o di teletrasporto.Cmq, leggenda narra che in seguito sia stato fatto un altro esperimento simile chiamato Montauk.Però, purtroppo, non c'è nulla di certo o confermato.Voglio solo fare un osservazione: è molto più semplice convincere la gente su teorie complottistiche o scandali che non sulle loro smentite. Nel primo caso, non è necessario esporre prove insindacabili per farsi credere, nel secondo sì, ma è difficile comunque convincere al 100%.-- Masque
  • Anonimo scrive:
    Re: Tecnologia possibile
    http://www.history.navy.mil/faqs/faq21-1.htm
  • giu scrive:
    CANCELLANO I POST !
  • Anonimo scrive:
    Re: Tecnologia possibile
    - Scritto da: Funz

    - Scritto da: nicscics

    L'esperimento denominato "Philadephia",

    durante il quale un incrociatore, con
    tutto

    il suo equipaggio, fu trasferito in
    pochi

    secondi, da un porto ad un'altro,
    distante

    centinaia di miglia, dimostra che la

    tecnologia esiste. Deve essere solo

    perfezionata. Chi ci garantisce che,
    dagli

    anni quaranta ad oggi, non abbiano,

    nascostamente, proseguito le

    sperimentazioni?

    Link? Articoli scientifici? Prove?
    A me piacerebbe saperne di piu', ma non
    sentire le farneticazioni di qualche ufologo
    o teorico del complotto, grazieSe se fuori dal mondo, non è colpa mia. Non esiste solo internet, come fonte attendibile di informazioni. Ciò ti basti... e bada a non offendere, se non sai di cosa si parla.
  • Anonimo scrive:
    anche internet e nata in ambito militare
    una rete decentralizzata che funzionasse anche quando parti de essa fossero distrutte dal nemicoarpanet se ben ricordo si chiamavaanni 1950
    • Anonimo scrive:
      Re: anche internet e nata in ambito mili
      Certo! Sono convinto però che, se ci si prende la briga di cercarle, esistano ancora più innovazioni nate in ambito non militare. Il fatto è che l'associazione guerra-
      sviluppo tecnologico ormai è erroneamente radicata nelle teste delle persone (e chi finanzia i progetti militari, questo lo sa bene). Una volta che un idea si è incanalata, è facile infognarvisi trovando conferme della stessa in ogni dove. Generalmente si tende più facilmente a "vedere" l'ipotesi che verifica la regola, piuttosto di quella che la falsifica.-- Masque
    • Terra2 scrive:
      Re: anche internet e nata in ambito mili
      - Scritto da: Anonimo
      una rete decentralizzata che funzionasse
      anche quando parti de essa fossero distrutte
      dal nemico
      arpanet se ben ricordo si chiamava
      anni 1950ANNI '50????Cosa c'erano? Delle strisce di carta perforata che andavano in giro da una base militare all'altra scorrendo dentro tubi di bacchelite?:-D
      • Anonimo scrive:
        Re: anche internet e nata in ambito mili
        - Scritto da: Terra2

        - Scritto da: Anonimo

        una rete decentralizzata che funzionasse

        anche quando parti de essa fossero
        distrutte

        dal nemico

        arpanet se ben ricordo si chiamava

        anni 1950

        ANNI '50????

        Cosa c'erano? Delle strisce di carta
        perforata che andavano in giro da una base
        militare all'altra scorrendo dentro tubi di
        bacchelite?

        :DMa ai corsi di informatica cosa insegnano? Negli anni 50 in piena Guerra fredda nacque l'esigenza, sopratutto militare, di poter garantire anche in caso di esplosione nucleare le comunicazioni tra potere politico (il Presidente USA) ed il potere militare (i capi di stato maggiore infognati nelle caverne di quello che poi divenne il NORAD). Tutte le ricerche portarono ad usare un collegamento di punti variamente eterogenei con la pacchettizzazione delle informazioni, in forma elettronica, in quella che fu definita ARPANET. Una volta che i militari perfezionarorono il sistema, mica penserai che il sistema di comunicazione attuale dell'esercito USA poggi su INTERNET??, questa ARAPNET venne data ad uso civile e nacque INTERNET.Pertanto solo pensare all'uso di cilindri di bakelite (non bacchelite) che scorrono all'interno di tubazioni con tutti i problemi di attrito che tale materiale genera, per trasportare informazioni, è quantomeno , fantascenza!:):D:|
      • DKDIB scrive:
        Re: anche internet e nata in ambito mili
        Terra wrote:
        Delle strisce di carta perforata che andavano in giro da una
        base militare all'altra scorrendo dentro tubi di bacchelite?...Se era una battua, mi son perso il lato umoristico.Se era sul serio, se tu ad esserti perso qualcosa. E non solo una.___EDITEd io invece sono proprio io ad essermi perso qualcosa. E non e' solo il lato umoristico.In pratica mi son sbagliato giusto di quei 20 anni, come l'autore del thread. :$==================================Modificato dall'autore il 08/11/2004 15.32.48
      • Anonimo scrive:
        Re: anche internet e nata in ambito mili

        Cosa c'erano? Delle strisce di carta
        perforata che andavano in giro da una base
        militare all'altra scorrendo dentro tubi di
        bacchelite?

        :Dc'e' poco da ridere.se ti interessasse conoscere cio' che non sai...potrebbe bastare google.
  • Anonimo scrive:
    Re: Tecnologia possibile
    Perché si deve sempre chiedere agli altri ciò che facilmente si potrebbe trovare da soli? Iniziate da http://www.google.com/search?q=philadelphia+teleport+experiment&start=0
  • Rex1997 scrive:
    Re: Non in quello di ST.........
    - Scritto da: Anonimo
    ....in Star Trek il principio non è
    la duplicazione (cioè il riprodurre
    in copia in un punto dell'universo
    mantenendo l'originale dove si trova) ma un
    vero e proprio teletrasporto - l'oggetto o
    la persona vengono disassemblati e
    riassemblati in un altro punto.
    Non serve per duplicare ma solo per
    spostarsi.
    Il replicatore di cibo NON è un
    replicatore (è la traduzione che
    è stata fatta erroneamente), ma
    semplicemente una sorta di cuoco
    elettronico, che assembla ingredienti
    (naturali od artificiali) per produrre il
    cibo richiesto: ad esempio per gli spaghetti
    al pomodoro, il cuoco elettronico cuoce gli
    spaghetti, vi unisce il sugo e condisce con
    olio e parmigiano...........Nel mondo futuristico creato dall'autore di Star Treck in realtà il replicatore di cibo faceva sì quello che dici, ma per farlo partiva da un principio appena accennato: la materia è descritta da una forma d'onda elettromagnetica (o similare) che con opportune macchine può essere manipolata, ossia convertita in altra forma. A partire da tale principio, ma andiamo a finire in campi veramente ostici di chimica e fisica, basta prendere un po di materia, cambiare con opportune manipolazini la frequenza d'onda e si ottiene altra materia, compreso anche il cibo...e l'energia necessaria a fare questo è fornita da un reattore materia-antimateria, che fornisce anche la spinta di curvatura per la navigazione.Suggerisco come base di leggersi come De Broglie (credo si scriva così) vedeva l'atomo e da li andare avanti con le teorie descrittive dell'atomo e della materia e certe idee fantascentifiche ragionandoci sopra non apparirebbero più tali, ma solo irrealizzabili al momento per mancanza di tecnologia adatta.Ammetto che i racconti di Star Treck possono anche apparire fantascientifici oltre misura, ma ricordo che ai tempi della prima serie era fantascentifico anche il comunicatore personale in uso all'equipaggio..il cellulare ricorda niente?==================================Modificato dall'autore il 08/11/2004 11.43.36
  • Terra2 scrive:
    Re: Il mondo militare è ricerca
    - Scritto da: Anonimo
    Tutto ciò che usiamo proviene dal
    mondo militare, esso è la fonte di
    gran parte delle tecnologie (e non solo)
    comunemente utilizzate in svariati ambiti.
    Medicinali come l aspirina (o penicellina in
    altre forme) non sarebbero mai giunte a noi
    senza la tecnologia militare...fu nella
    seconda guerra mondiale che si
    riesumò tale molecola e si fece
    ricerca per poterla produrre in grande
    quantità. La scarsezza di gomma
    naturale spinse la ricerca verso la gomma
    artificiale, nacque il moderno pneumatico.
    Tecnologie prettament emilitari sconfinarono
    in ambiti medici...tutte le applicazioni
    delle onde radio sono finite nella
    radiognostica, tutta la ricerca militare sul
    suono (sonar etc) è finita in campo
    medico e civile, tutta l esperienza medica
    militare ci aiuta a sopravvivere ogni giornoDaccordo con te sul fatto che la ricerca militare sia quella che nell'ultimo secolo ha generato il maggior numero di scoperte poi riversate in ambito civile... ma con tutti gli esempi che c'erano proprio questi dovevi portare? :)L'acido acetilsalicilico era noto dal medioevo (nostradamus lo usava estraendolo dalla corteccia del salice, da cui il nome), non è sicuramente tecnologia della seconda e nemmeno della prima guerra mondiale.La Penicillina (non penicEllina) è stata scoperta per caso, non ha nulla a che fare con la ricerca militare.Solo la sua produzione venne accellerata per far fronte alle richieste provenienti dai campi di battaglia della 2aGM.Il pneumatico deve la sua fortuna alla scoperta della "vulcanizzazione", anche questa avvenuta casualmente nel 1939, non si sa bene se a casa del sig. Goodyear o del sig. Hancock, ma comunque in ambito ben distante dalla ricerca militare.E nonostante la 2aGM sia alla base di tutta la ricerca nel campo degli elastomeri artificiali, soprattutto da parte della Germania (vedi BUMA) che ad un certo punto venne privata quasi totalmente di vie di accesso al caucciù, la gomma migliore rimane quella naturale (cosa che ben sanno coloro che hanno una fidanzata non avvezza all'uso della pillola :) ). Ne consegue che i pneumatici sono fatti quasi esclusicamente in caucciù o suoi derivati.http://www.michelin.ch/ch/front/affich.jsp?codeRubrique=1052〈=IT In ultimo il buon Marconi, quando aveva già una società di comunicazioni telegrafiche via radio, la 1aGM era ancora abbastanza lontana...Per quanto riguarda Nylon, Teflon etc. ok... la ricerca Dupont ha attinto a piene mani dai finanziamenti del governo USA.Il Nylon in particolare venne usato abbondantemente per la produzione dei paracadute USA nell'ultima fase della 2aGM. Si arrivò persino a dire che NYLON fosse l'acronimo di Now You Lose Old Nippon.==================================Modificato dall'autore il 08/11/2004 11.42.04
  • Anonimo scrive:
    Re: Il mondo militare è ricerca
    Ma non finanzia filosofia, letterature, neppure l'educazione, solo la tecnologia...Abbiamo enormi giocattoloni e gente che dice: "beh, a che serve? A guardarci il porno su internet? *ZZAPP* ops... ho disgregato il mio vicino..."
  • Anonimo scrive:
    Re: Il mondo militare è ricerca
    I soldi del mondo militare finanziano la ricerca, semmai.Grazie a questa voglia di superare il nemico abbiamo tecnologie a cui non siamo ne pronti ne preparati.Abbiamo tecnologie del 22° secolo e popoli con mentalità preistoriche.Bene e velocemente non vanno mai bene insieme.
  • Anonimo scrive:
    Re: Esperimenti con fotoni perdenti?
    - Scritto da: Anonimo
    Dov'è che sarebbero "perdenti" e
    "vagamente eretici" gli esperimenti di
    teletrasporto di fotoni?
    Questo articolo sembra fatto da Pecoraro
    Scanio!Nel mondo scientifico certi esperimenti o certe ricerche a volte non sono prese molto sul serio...Prova a dire "fusione fredda" in una sala di accademici... di per se i vecchi sono renitenti ad accettare di ricercare in cose in cui non credono, figuriamoci poi di accettarle...Non si é sicuri che discendiamo dagli australopitechi, potrebbero anche non essere nella nostra linea evolutiva, ma una ramificazione, eppure questa incertezza non é accettata da molti antropologi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Esperimenti con fotoni perdenti?
      - Scritto da: Anonimo
      - Scritto da: Anonimo

      Dov'è che sarebbero "perdenti" e

      "vagamente eretici" gli esperimenti di

      teletrasporto di fotoni?

      Questo articolo sembra fatto da Pecoraro

      Scanio!
      Nel mondo scientifico certi esperimenti o
      certe ricerche a volte non sono prese molto
      sul serio...
      Prova a dire "fusione fredda" in una sala di
      accademici... di per se i vecchi sono
      renitenti ad accettare di ricercare in cose
      in cui non credono, figuriamoci poi di
      accettarle...

      Non si é sicuri che discendiamo dagli
      australopitechi, potrebbero anche non essere
      nella nostra linea evolutiva, ma una
      ramificazione, eppure questa incertezza non
      é accettata da molti antropologi...Sì ma la fusione fredda potrebbero averla replicata forse al massimo 2 altri laboratori, il teletrasporto di fotoni invece è una cosa fondata e dimostrabile tranquillamente!
  • selidori scrive:
    Re: Tecnologia possibile
    Detto fra noi pure io credo poco a questa notizia di un incorciatore PHILADELPHIA.Non solo perchè ne ho sempre sentito parlare come leggenda metropolitana senza almeno un dato rintracciabile (a parte il nome Philadellphia che è una città, un film, un formaggio... insomma un nome comune) ma perchè sembra sia una cosa già fatta, funzionante, pronta e collaudata.Se cosi' fosse perchè siamo ancora fermi agli aerei?
  • Anonimo scrive:
    Spazio 1999.... questa notte ore 1:30 !!
    questa notte ore 1.30, RAI3, fanno la puntata di Spazio 1999 "Il ritorno del Voyager" (una delle migliori !!!!).PS2: domani su PI, articolo sui carabinieri che stanziano fondi per una ricerca sulla "spinta di Queller" :-) :-) :-)PS2: prima fanno "Racconti di fantascienza"Giuseppe
  • napodano scrive:
    con quello che spendono in bombe..
    ...si preoccupano per 7.5mln$ per una scommessa col futuro..È proprio Medio Evo, non c'è niente da fare..
  • Anonimo scrive:
    Re: Bellissimo, per i militari...
    - Scritto da: Anonimo
    Cosi' ti materializzano il missile
    direttamente nel buncker del nemico. :| :|è perchè mai? sarebbe uno spreco, molto più semplice ed economico teletrasportare direttamente il nemico nello spazio o in fondo al mare o in un vulcano magari...:D
  • Anonimo scrive:
    Chissa' cosa cercano veramente...
    Con il pretesto del "teletrasporto" :o
  • Anonimo scrive:
    Non in quello di ST.........
    ....in Star Trek il principio non è la duplicazione (cioè il riprodurre in copia in un punto dell'universo mantenendo l'originale dove si trova) ma un vero e proprio teletrasporto - l'oggetto o la persona vengono disassemblati e riassemblati in un altro punto. Non serve per duplicare ma solo per spostarsi. Il replicatore di cibo NON è un replicatore (è la traduzione che è stata fatta erroneamente), ma semplicemente una sorta di cuoco elettronico, che assembla ingredienti (naturali od artificiali) per produrre il cibo richiesto: ad esempio per gli spaghetti al pomodoro, il cuoco elettronico cuoce gli spaghetti, vi unisce il sugo e condisce con olio e parmigiano...........
  • Funz scrive:
    Re: Ma chi sei la Hack?
    Direi che David Gnomo e' meno esoteroco di un wormhole :pla cosa divertente di voi teorici del complotto e' che siete disposti a credere a qualunque baggianata, purche' in qualche modo confermi le vostre 'teorie', e possibilmente dia modo di dare addosso agli americani.Prove, esperimenti riproducibili, teorie matematicamente dimostrate? Inutile perdita di tempo....Ah, anche Science puo' prendere le sue cantonate, la storia della scienza ne e' piena...
  • Anonimo scrive:
    Bellissimo, per i militari...
    Cosi' ti materializzano il missile direttamente nel buncker del nemico. :| :|
  • Anonimo scrive:
    sarebbe bello
    peccato che lo facciano solo per risparmiare sui trasporti delle truppe, o magari chissa' teletrasportare le bombe direttamente sull'obbiettivoMHUHAHAHAHAHAHAmmerd'iccani
  • lordt scrive:
    Re: Esperimenti con fotoni perdenti?
    La cosa assurda è che chi scrive un articolo su punto informatico dovrebbe stare attento a quello che afferma. Il teletrasporto quantistico di fotoni è realizzabile, è stato realizzato e un po' tutti gli istituti di ricerca lo fanno. é un esperimento abbastanza semplice ed è alla base di tecnologie assolutamente non "eretiche" come la crittografia (quantistica in questo caso).Ciao a tutti Lordt
    • Anonimo scrive:
      Re: Esperimenti con fotoni perdenti?

         Il teletrasporto
      quantistico di fotoni è realizzabile,Sì e no, in verita non si teletrasporta affatto il fotone, ma un pezzo di informazione relativo al fotone il chè è molto differente in termini concettuali.
      • Anonimo scrive:
        Re: Esperimenti con fotoni perdenti?
        - Scritto da: Anonimo

        Il teletrasporto

        quantistico di fotoni è
        realizzabile,

        Sì e no, in verita non si
        teletrasporta affatto il fotone, ma un pezzo
        di informazione relativo al fotone il
        chè è molto differente in
        termini concettuali.Perdente, aggiungerei, proprio sul teletrasporto. Interessante, pero', quello si.
      • Anonimo scrive:
        Re: Esperimenti con fotoni perdenti?
        - Scritto da: Anonimo

        Il teletrasporto

        quantistico di fotoni è
        realizzabile,

        Sì e no, in verita non si
        teletrasporta affatto il fotone, ma un pezzo
        di informazione relativo al fotone il
        chè è molto differente in
        termini concettuali.Sì ma è questo che si intende per teletrasporto, attualmente
  • Funz scrive:
    Re: Finalmente qualcosa si muove
    Se certe teorie non hanno credito presso la comunita' scientifica intera, o sono sballate, o non completamente verificate ne' dal punto di vista teorico ne' dal punto di vista sperimentale, o al livello di congetture.Mi citi la fusione fredda, che e' una bufala risaputa (nessuno e' riuscito a riprodurre l'esperimento, e quindi esso non ha validita' scientifica).Per quanto riguarda- fisica dell'energia di punto zero;- gravita' artificiale e anti-gravita';- teletrasporto quantistico;siamo in campi teorici non ancora pienamente compresi, e nulla e' stato confermato sperimentalmente, quindi per ora e' tutta fantascienza o pia illusione.Tu ritieni la ricerca sul modello standard una perdita di tempo e di soldi, ma non puoi costruire un castello senza le fondamenta non trovi? Come fai ad avere certezze sui campi piu' "esotici" della fisica se non e' pienamente provato il modello standard?
    • Anonimo scrive:
      Re: Finalmente qualcosa si muove
      - Scritto da: Funz
      Se certe teorie non hanno credito presso la
      comunita' scientifica intera, o sono
      sballate, o non completamente verificate ne'
      dal punto di vista teorico ne' dal punto di
      vista sperimentale, o al livello di
      congetture.
      Mi citi la fusione fredda, che e' una bufala
      risaputa (nessuno e' riuscito a riprodurre
      l'esperimento, e quindi esso non ha
      validita' scientifica).

      Per quanto riguarda
      - fisica dell'energia di punto zero;
      - gravita' artificiale e anti-gravita';
      - teletrasporto quantistico;

      siamo in campi teorici non ancora pienamente
      compresi, e nulla e' stato confermato
      sperimentalmente, quindi per ora e' tutta
      fantascienza o pia illusione.

      Tu ritieni la ricerca sul modello standard
      una perdita di tempo e di soldi, ma non puoi
      costruire un castello senza le fondamenta
      non trovi? Come fai ad avere certezze sui
      campi piu' "esotici" della fisica se non e'
      pienamente provato il modello standard?
      Se ti interessa tempo fa (circa 2 anni) apparve nel mondo accademico il risultato di un esperimento fatto in una università svedese, nel quale si ottenne un fenomeno di antigravitazione unito ad uno di teletrasporto...se ne parlò per circa 1 mese ed improvvisamente calò il silenzio su tale argomento, tanto improvvisamente che è tutto scomparso anche l'articolo originale in cui se ne parlava...I casi sono due: o chi ha scritto l'articolo era completamente pazzo, oppure è stato tutto messo a tacere per qualche motivo.Nel primo caso però generalmente il mondo accademico prosegue a denigrare il lavoro per parecchio tempo, ma di articoli denigrativi di tale osservazione scientifica non ne ho trovati da nessuna parte...nel secondo in genere però non scompare tutto così in manira totale...a meno che non si voglia nascondere tutto per qualche motivazione non civile...
  • Funz scrive:
    Re: Tecnologia possibile
    - Scritto da: nicscics
    L'esperimento denominato "Philadephia",
    durante il quale un incrociatore, con tutto
    il suo equipaggio, fu trasferito in pochi
    secondi, da un porto ad un'altro, distante
    centinaia di miglia, dimostra che la
    tecnologia esiste. Deve essere solo
    perfezionata. Chi ci garantisce che, dagli
    anni quaranta ad oggi, non abbiano,
    nascostamente, proseguito le
    sperimentazioni?Link? Articoli scientifici? Prove? A me piacerebbe saperne di piu', ma non sentire le farneticazioni di qualche ufologo o teorico del complotto, grazie
  • Anonimo scrive:
    Re: Ben venga
    ma certo ... chi se ne frega dei mali del mondo ... a che serve una ricerca sul cancro oppure sulla riduzione dei consumi nocivi ... chi se ne frega .. tanto io sto in salute e ho sufficienti soldi per fare la bella vita che voglio .. ma LOL .. scusate gente .. e' meglio spendere per spiegare come una pallina sta in equilibrio su uno stuzzicadenti oppure ricercare per salvare vite umane ...certo la ricerca di primo livello (ossia puramente teorica) e' importante .. ma io credo fermamente che chi come me vede gente che mure dalla mattina alla sera .. preferirebbe qualcosa di concreto per il genere umano quanto prima possibile .. o no?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ben venga
      Ogni volta che si fa una ricerca di qualche tipo viene sempre fuori che "era meglio usare i soldi per la ricerca sul cancro" o "era meglio spenderli per la fame nel mondo"Questa visione della ricerca solo se è 'moralmente giusta' (chissà chi lo decide poi) è veramente nauseante.Perchè non lo chiedi alle case farmaceutiche di usare i miliardi in cui beatamente navigano per una ricerca definitiva sul cancro?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ben venga
      - Scritto da: Anonimo
      ma certo ... chi se ne frega dei mali del
      mondo ... a che serve una ricerca sul cancro
      oppure sulla riduzione dei consumi nocivi
      ...
      chi se ne frega .. tanto io sto in salute e
      ho sufficienti soldi per fare la bella vita
      che voglio ..
      ma LOL .. scusate gente .. e' meglio
      spendere per spiegare come una pallina sta
      in equilibrio su uno stuzzicadenti oppure
      ricercare per salvare vite umane ...
      certo la ricerca di primo livello (ossia
      puramente teorica) e' importante .. ma io
      credo fermamente che chi come me vede gente
      che mure dalla mattina alla sera ..
      preferirebbe qualcosa di concreto per il
      genere umano quanto prima possibile ..
      o no?magari facendo ricerche sulla pallina trovi la soluzione per il cancro...Mi ricordo di un tale che partito per cercare l'India trovò invece un'altra cosa...
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè in ambito militare???
    ragionamento sensatissimo ma putroppo utipistico
    • Anonimo scrive:
      Re: Perchè in ambito militare???
      Qualsiasi cosa è utopica se la si ritiene tale. Ma se la si ritiene utopica e la si ignora, rimarrà utopia per sempre.Casomai, è utopico pensare che da un giorno all'altro le cose cambino. Questo sì! Bisogna dare tempo al tempo ed aspettare pazientemente che le vecchie carcasse di dinosauri che ci tiriamo dietro si decompongano. Intanto, si può pensare di dare qualche aiutino (anche piccolo) al processo di decomposizione.Che è un processo alquanto strano per quanto riguarda queste cose. Muoiono e si decompone più velocemente in proporzione a quante persone sono convinte che stiano morendo e si stiano decomponendo.-- Masque
  • nicscics scrive:
    Tecnologia possibile
    L'esperimento denominato "Philadelphia", durante il quale un incrociatore, con tutto il suo equipaggio, fu trasferito in pochi secondi, da un porto ad un'altro, distante centinaia di miglia, dimostra che la tecnologia esiste. Deve essere solo perfezionata. Chi ci garantisce che, dagli anni quaranta ad oggi, non abbiano, nascostamente, proseguito le sperimentazioni?http://www.looksmart.com/og/pr=LSSitelist;ro=6;rc=8;ii=;pn=;to=;tc=8;po=6;pc=8;pi=us;ts=|http://www.softwareartist.com/philexp.html==================================Modificato dall'autore il 08/11/2004 11.53.31
  • Anonimo scrive:
    Crisi
    Sicuramente la prima cosa che mi salta in mente è: "Ben venga!"Poi ripensando a come ogni conquista tecnologica venga applicata alla guerra o ad altri scopi NON civili comincio ad entrare in difficoltàe' una senzazione che ormai mi pervade da molto tempo.... a nessuno di voi capita?
  • Anonimo scrive:
    Finalmente qualcosa si muove
    La fisica, da decenni a questa parte, e' stagnante.Troppo tempo, troppe menti e troppi soldi sono investiti in questioni di nessuna utilita' pratica e che non lasciano intravvedere altro che minimi sviluppi tecnologici.Al di la' della fisica 'ufficiale' ed 'ortodossa' (tutta intenta a costruire acceleratori di particelle da miliardi di dollari, per validare il modello standard e trovare il bosone di Higgs), esistono molti filoni di ricerca, piu' 'esotici', ma veramente interessanti:- fisica dell'energia di punto zero;- gravita' artificiale e anti-gravita';- fusione fredda;- teletrasporto quantistico;Il vero grande problema e' che i pochi ricercatori che 'osano' vivere le loro carriere ricercando in questi ambiti, vengono praticamente sempre emarginati dai fisici 'ortodossi', che altro non fanno che gettare discredito sui primi. Sono sicuro che ci troviamo, nuovamente, in un momento in cui all'orizzonte ci sono delle reali innovazioni (si pensi solo alla forza di gravita' e a quanto poco conosciamo di essa), ma chi ci lavora si trova di fronte l'ortodossia piu' retriva che la scienza ricordi.Speriamo di riuscire a vedere qualcosa di concreto negli ambiti della fisica piu' esotica, perche' le premesse ci sono tutte.ZioBill
  • Anonimo scrive:
    Re: "La fisica di Star Trek"
    - Scritto da: Anonimo
    Sì, ma ricorda anche (come dovrebbero
    ricordare tutti) che molto di ciò che
    oggi è fantascienza non è
    detto che domani non possa diventare
    realtà...Le parole del mitohttp://punto-informatico.it/p.asp?i=31080
  • Anonimo scrive:
    Re: missili
    - Scritto da: Anonimo
    ma invece di spendere un sacco di soldi per
    cercare di costruire
    missili che si auto-teletrasportano sulla
    testa della gente sti americani non
    potrebbero spenderli tanto per cambiare non
    per uccidere ma per curare delle malattie ?

    A volte mi chiedo chi e' il vero
    rappresentate del "impero del male".

    Perché se curassero tutte le malattie e la gende vivesse fino a 150 anni, in breve saremmo in 600 miliardi....te lo immagini un mondo con 600 miliardi di napoletani?Meglio i missili.....
    • Anonimo scrive:
      Re: missili

      Perché se curassero tutte le malattie
      e la gende vivesse fino a 150 anni, in breve
      saremmo in 600 miliardi....te lo immagini un
      mondo con 600 miliardi di napoletani?

      Meglio i missili.....Sono napoletano e mi sento di doverti dare ragione :s
      • Anonimo scrive:
        Re: missili
        - Scritto da: Anonimo

        Perché se curassero tutte le
        malattie

        e la gende vivesse fino a 150 anni, in
        breve

        saremmo in 600 miliardi....te lo
        immagini un

        mondo con 600 miliardi di napoletani?



        Meglio i missili.....

        Sono napoletano e mi sento di doverti dare
        ragione :sMi sono permesso di dirlo in quanto napoletano per un quarto...;)
  • Anonimo scrive:
    Re: "La fisica di Star Trek"
    Concordo, ma non è vero che " 'smonta' molte delle tecnologie alla base della fortunata serie fantascientifica", come detto nell'articolo. Redazione di PI: leggeteli i libri, prima di scrivere gli articoli...
    • Anonimo scrive:
      Re: "La fisica di Star Trek"
      - Scritto da: Anonimo
      Concordo, ma non è vero che "
      'smonta' molte delle tecnologie alla base
      della fortunata serie fantascientifica",
      come detto nell'articolo.

      Redazione di PI: leggeteli i libri, prima di
      scrivere gli articoli...Diciamo che prende la principale tecnologia di Star Trek e la fa fuori in due mosse: alfiere in f7 scacco matto. Parlerei di scacchi piu' che di smontaggio in effetti
      • Anonimo scrive:
        Re: "La fisica di Star Trek"
        Sì, ma ricorda anche (come dovrebbero ricordare tutti) che molto di ciò che oggi è fantascienza non è detto che domani non possa diventare realtà...
    • UmAnOiDe/69 scrive:
      Re:
      Io l'ho letto un paio di volte e francamente direi che le smonta eccome! Da fan della serie qual è Krauss (o Stephen Hawking, che cura l'introduzione e che è apparso come comparsa nella serie NG), quindi senza cattiveria ma con lucido scetticismo. Ma chiarisce perfettamente perché il teletrasporto di qualcosa di superiore ad una partricella priva di massa sia anche solo teoricamente impossibile.Dici che ricordo male?Approvo il consiglio: leggere quel libro prima di parlare sarebbe cosa buona e giusta. - Scritto da: Anonimo
      Concordo, ma non è vero che
    • DKDIB scrive:
      Re: "La fisica di Star Trek"
      Anonimo wrote:
      [...] non è vero che "'smonta' molte delle tecnologie alla base
      della fortunata serie fantascientifica",Ah... allora non sono l'unico a pensarlo.Preciso ke non l'ho mai letto (semplicemente non sono interessato all'argomento), pero' mi par di ricordare ke fosse consigliato persino dallo STIC (Star Trek Italian Club) italiano.Nel trafiletto di presentazione veniva indicato come l'autore fosse un ex-scienzato NASA, il quale ha collaborato con gli sceneggiatori delle varie serie per dare un minimo di realismo alle loro idee (partendo ovviamente dal presupposto ke si tratta pur sempre di fantascienza).Questo libro analizza semplicemente casa c'e' di vero e cosa non lo e' nella scienza di Star Trek: non smonta (nel senso cattivo del termine) ne' confuta ciecamente alcun ke.
  • Anonimo scrive:
    Re: "La fisica di Star Trek"
    - Scritto da: ElfQrin
    Suggerisco l'ottimo libro "La fisica di Star
    Trek" del fisico statunitense Lawrence
    Krauss.

    Recensioni:
    digilander.libero.it/kyme/lib/l/La%20fisica%2
    www.cicap.org/articoli/at100456.htm Dove ne ho sentito parlare?Ah si!! Qui: http://punto-informatico.it/p.asp?i=50331
    • ElfQrin scrive:
      Re: "La fisica di Star Trek"
      - Scritto da: Anonimo
      Dove ne ho sentito parlare?
      Ah si!! Qui:
      punto-informatico.it/p.asp?i=50331 Così imparo a leggere tutto l'articolo prima di postare, fossero anche l'1:40 del mattino...:)
  • The Raptus scrive:
    Re: applicazioni a medio termine
    Penso che non sia quest la strada per superare il limite della velocità della luce.Il problema serio è come e dove si investe per la ricerca. Se consideri che spesso un errore è più interessante di un successo, allora non ho dubbio alcuno.Lo scetticismo che nasce in me (come penso a molti altri) è dato dalla mancanza di un minimo raziocinio da parte di chi (in Italia!) decide e sposta cifre per la ricerca. In pratica la solita "mafia" italiana!... Poi mi vien da pensare che sarebbe meglio investire in altri campi, es. medicina, sostituz. del petrolio etc. Ma come ho detto sopra, "da cosa nasce cosa"... E mi sento troppo pessimista per il teletrasporto!
    • Anonimo scrive:
      Re: applicazioni a medio termine
      Forse non avrò interpretato correttamente la tua affermazione, ma qui sttanno parlando dell'america e non dell'italia.E gli americano, nonostante non li sopporti per svariati motivi hanno sempre speso molto nel campo della ricerca, altrimenti non si capirebbe xké molti cervelli italiani sono emigrati in america.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma se...
    Questo lo faceva Doc. in Ritorno al Futuro 2. Alimentava la Delorean a bucce di banana, altro che fulmini e plutonio :-)
  • Anonimo scrive:
    Perchè in ambito militare???
    Si riuscirà mai un giorno a superare questo concetto primitivo secondo il quale per fare ricerca sia necessario farlo in ambito militare? Ok, per un periodo è stato proprio da lì che sono nate moltissime tecnologie (sopecialmente grazie alla spinta datta dalla competizione), ma penso che ad un certo punto, ci si dovrebbe un po' evolvere e capire che non è necessario sviluppare tencologia esclusivamente allo scopo di "essere superiore al nemico". Poi, per me possono fare ricerca anche sulle trappole per acchippafantasmi, ma che non lo si faccia esclusivamente con la mentalità da Conan il barbaro: "Uccidere il nemico, inseguirlo mentre fugge, ascoltare i gemiti delle femmine" (anche se lo hanno come governatore della California :-)), ma con la volontà di portare un evoluzione nella società umana allo scopo di migliorare la vita a tutti. Star Trek non è solo teletrasporto, motori a curvatura, scudi e tricorder, ma anche, soprattutto, rapporto fra società diverse, studio e comprensione dell'alterità e della natura degli esseri viventi.-- Masque
  • Anonimo scrive:
    missili
    ma invece di spendere un sacco di soldi per cercare di costruire missili che si auto-teletrasportano sulla testa della gente sti americani non potrebbero spenderli tanto per cambiare non per uccidere ma per curare delle malattie ?A volte mi chiedo chi e' il vero rappresentate del "impero del male".
  • Anonimo scrive:
    Re: applicazioni a medio termine
    - Scritto da: avvelenato
    cosa ne pensate?Sono perfettamente d'accordo, anzi, come dici tu, questo spiegherebbe il motivo per cui questa ricerca fa parte di uno stanziamento per missili da guerra: forse sarebbe possibile pilotare un missile tramite questo meccanismo di teletrasporto invece che con onde radio.Intendo dire utilizzando quelle particelle accoppiate, tali cioè che un cambiamento ad una viene riflettuto dall'altra in tempo reale e in qualsiasi luogo dell'universo in cui si trovi.
    • Anonimo scrive:
      Re: applicazioni a medio termine
      - Scritto da: Anonimo
      Intendo dire utilizzando quelle particelle
      accoppiate, tali cioè che un
      cambiamento ad una viene riflettuto
      dall'altra in tempo reale e in qualsiasi
      luogo dell'universo in cui si trovi.Non si può. L'entanglement (che è il fenomeno a cui ti riferisci) non è un telecomando a tempo zero.
    • Anonimo scrive:
      Re: applicazioni a medio termine
      Prima di andare avanti, ricordate: 1) Il principio di indeterminazione 2) Se trasformiamo la materia in un flusso dati (non vorrei essere nei panni dei tecnici di rete), abbiamo comunque delle pesanti limitazioni. Al massimo si puo' viaggiare a velocita' prossime a quelle della luce, ma non e' che si possa fare molto altro.
    • Anonimo scrive:
      Re: applicazioni a medio termine
      - Scritto da: Anonimo
      Sono perfettamente d'accordo, anzi, come
      dici tu, questo spiegherebbe il motivo per
      cui questa ricerca fa parte di uno
      stanziamento per missili da guerra: forse
      sarebbe possibile pilotare un missile
      tramite questo meccanismo di teletrasporto
      invece che con onde radio.Più che altro si potrebbe teletrasportare una bomba a destinazione senza neanche bisogno del missile!;)
      • avvelenato scrive:
        Re: applicazioni a medio termine
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        Sono perfettamente d'accordo, anzi, come

        dici tu, questo spiegherebbe il motivo
        per

        cui questa ricerca fa parte di uno

        stanziamento per missili da guerra:
        forse

        sarebbe possibile pilotare un missile

        tramite questo meccanismo di
        teletrasporto

        invece che con onde radio.

        Più che altro si potrebbe
        teletrasportare una bomba a destinazione
        senza neanche bisogno del missile!

        ;)a quel punto teletrasporti direttamente la deflagrazione, o no?
  • Anonimo scrive:
    Re: Esperimenti con fotoni perdenti?
    :)Straquoto
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma chi sei la Hack?
    E' risaputo che esisteva un nucleo ben preciso all interno del gabinetto di guerra di Churchill composto da persone dotate di poteri paranormali (o sedicenti tali). Anche Hitler era solito servirsi di tali persone. In merito all aplicazione degli wormhole, consiglio il redattore della notizia di informarsi sugli studi (ufficiali) che Air Force e Nasa stanno portando avanti in merito ai nuovi aerei da combattimento (o esplorazione remota) e soprattutto motori e strumentazioni elettroniche. Il capostipite di tali studi (che sembrano non correlati ma invece lo sono) è il cosidetto "Aurora Project", ormai ufficialmente interrotto ma che ha generato diversi filoni di ricerche ufficialmente portate avanti... si pensi a quelle portate avanti aufficiosamente...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma chi sei la Hack?

      E' risaputo che esisteva un nucleo ben
      preciso all interno del gabinetto di guerra
      di Churchill composto da persone dotate di
      poteri paranormali (o sedicenti tali). Anche
      Hitler era solito servirsi di tali persone. Forse non ti è noto che questo non significa che queste persone avessero effettivamente poteri paranormali, e che esiste da molto tempo un premio di due milioni di dollari per chi dimostra un fenomeno paranormale (basta piegare un cucchiaino) sotto gli occhi di un prestigiatore professionista.
  • Kama scrive:
    Re: applicazioni a medio termine

    cosa ne pensate?che se finanziassero con gli stessi fondi ricerche sulla telepatia non servirebbe neanche mandare il robot su marte ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: applicazioni a medio termine
      però magri scoprirebbero come si pensa, che cosa è il pensiero, come le informazioni sono immagazzinate. Tutte cose su cui c'è ancora molti dubbi, cose che potrebbero servire, ad esempio, a cotruire migliori reti di computeri.(è il primo esempio che mi è venuto)
  • Anonimo scrive:
    Re: Il mondo militare è ricerca
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Ti faccio un esempio simpatico; qualche
    anno

    fa uno dei premi Ignobel fu dato ad una

    ricerca su come e perchè si la
    tenda

    della doccia si piega all interno. Bene,

    quella ricerca, seppur apparentemente

    stupida, tornò utile per
    spiegare i

    comportamenti delle forze agenti all
    interno

    di un ciclone.

    Mi sapresti dare qualche link o qualche
    altro esempio simile, vorrei saperne di
    più su queste cosehttp://www.improb.com/ig/ig-pastwinners.html#ig2001e http://www.fluent.com/about/news/newsletters/01v10i2/a8.htm
  • avvelenato scrive:
    applicazioni a medio termine
    pensate ad esempio alla creazione di canali dati per lunghe distanze, ad esempio tra la terra e qualche satellite o robot nello spazio.ora come oran infatti, l'utilizzo di onde radio per trasmettere dati pregiudica la possibilità di comunicazioni real-time tra distanze dove la velocità della luce si riveli non sufficiente ad evitare latenze significative.in un futuro non troppo remoto, grazie a queste ricerche, potrebbe essere possibile telepilotare un nuovo pathfinder su marte o saturno o quello che si vuole. Potremmo anche raccogliere dati da queste sonde in tempo reale, ed adattare i loro comportamenti in base a ciò che ci comunicano.Francamente non credo sia una tecnologia da bollare aprioristicamente come fantascientifica. E certamente, senza fondi per la ricerca, non si potrà mai scoprire se davvero le possibilità esistono oppure no, e fin dove esse arrivino.cosa ne pensate?
  • ElfQrin scrive:
    "La fisica di Star Trek"
    Suggerisco l'ottimo libro "La fisica di Star Trek" del fisico statunitense Lawrence Krauss.Recensioni:http://digilander.libero.it/kyme/lib/l/La%20fisica%20di%20Star%20Trek.htmhttp://www.cicap.org/articoli/at100456.htm
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma se...
    - Scritto da: Anonimo

    Potremmo avere tutti risorse infinite di
    petrolio, carbone, ciboAmmesso che ci riescano, servirà comunque energia per far funzionare il tutto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se...
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo



      Potremmo avere tutti risorse infinite di

      petrolio, carbone, cibo

      Ammesso che ci riescano, servirà
      comunque energia per far funzionare il
      tutto.A questo punto duplicheremo anche quella...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se...
      basta disintegrare l'equivalente in massa di, ad esempio, spazzatura.Che bestiata sarebbe!
  • Anonimo scrive:
    Re: Ben venga
    Concordo in pieno con te. Magari non si arriverà mai a D parteno da A , però abbiamo conosciuto B e C, forse in un futuro ciò sarà importante per altro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ben venga
      - Scritto da: Anonimo
      Concordo in pieno con te. Magari non si
      arriverà mai a D parteno da A ,
      però abbiamo conosciuto B e C, forse
      in un futuro ciò sarà
      importante per altro.Bravo, pensa un pò che in inglese esiste pure un nome per questo tipo di scoperte che si chiamano Serendipity.Personalmente nel mio lavoro ( software ) e nella vita mi sono accorto che ricorre così spesso che forse varrebbe la pena di sfruttarla più spesso invece di lasciarla solamente "accadere".La penicillina è stata scoperta così, non mi pare poco.Alla faccia di tutti i deterministi e positivisti tanto bravi a imparare libri a memoria a fare conti veloci a fare la guerra a dire sempre di si e a parlare a pappagallo.In fin dei conti già nelle religioni orientali ( come ne parla Hermann Hesse nel suo famoso libro "Siddartha" ) esiste la figura di colui che "cerca" che vive "cercando" non accontentandosi mai e solamente così trova, senza mai smettere di cercare, ma qui finiamo nel mistico, cosa che oggi non va molto di moda ( new-age a parte ) a differenza di secoli addietro dove per esempio le leggi di Keplero le trovavi nei manoscritti tra un oroscopo e un trattato di Alchimia.
  • Anonimo scrive:
    Non può funzionare
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma se...
    Vedi, su star trek sono apparsi molti studi politici e la vita (politica sociale economica) di questa famosa serie televisa è stata notevolmente ampliata nel corso degli anni. Il replicatore, ossia quel marchingegno che replica cibo ed altre cose, è alla base di molti studi politici in merito alla organizzazione politicosociale del mondo trekkiano. Senza la necessità di cercare cibo o produrre merci il mondo economico e sociale muta enormemente. In Star Trek ad esempio non ci sono lobbies economiche, tutti vivono per migliorarsi, cultura, pensiero, civiltà sono le virtù perseguite e volute con tenacia... La serie offre grandi opportunità di studio, è creata molto bene e quello che on è descritto in maniera precisa (come l organizzazion epolitica) ma che viene dedotto da altre situazioni, risulta ancora piu affascinante.
  • Anonimo scrive:
    Ben venga
    Anche se non porterà a nulla, un finanziamento per lo studio sul teletrasporto porterà a conoscere nuove zone inesplorate della natura; in fondo, se c'è un lato degli esseri umani che non può essere considerato riprovevole, è proprio la sua innata curiosità.Quindi ben vengano finanziamenti sullo studio del teletrasporto, o sul modo di far stare una pallina in equilibrio su uno stuzzicadenti, o su come sia possibile distinguere dal suono del clacson se ci stanno salutando, ci stanno avvertendo, o ci stanno insultando.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma se...
    - Scritto da: Anonimo
    Se un oggetto può essere
    teletrasportato, cioè cancellato in
    un posto e duplicato in un altro, allora in
    teoria diventerebbe possibile duplicare
    più volte un oggetto?
    Potremmo avere tutti risorse infinite di
    petrolio, carbone, cibo, per non parlare poi
    di auto, televisori al plasma e Federica
    Fontana?

    Potrebbe nascere un p2p basato sullo scambio
    di oggetti reali?Se mai si riusciranno a teletrasportare persone forse si potranno anche replicare più volte, ma attualmente non credo si conosca il modo di replicare più di una volta
  • Anonimo scrive:
    Re: Il mondo militare è ricerca
    su quella notizia in particolare non saprei che link darti, io l ho appreso da una rivista di scienza cartacea. Bisogna interpellare il signore supremo Google (megli in inglese però) e vedere che cosa dice lui.
  • Anonimo scrive:
    Ma se...
    Se un oggetto può essere teletrasportato, cioè cancellato in un posto e duplicato in un altro, allora in teoria diventerebbe possibile duplicare più volte un oggetto?Potremmo avere tutti risorse infinite di petrolio, carbone, cibo, per non parlare poi di auto, televisori al plasma e Federica Fontana?Potrebbe nascere un p2p basato sullo scambio di oggetti reali?
  • Anonimo scrive:
    Esperimenti con fotoni perdenti?
    Dov'è che sarebbero "perdenti" e "vagamente eretici" gli esperimenti di teletrasporto di fotoni?Questo articolo sembra fatto da Pecoraro Scanio!
  • Anonimo scrive:
    Re: spazio 1999....
    - Scritto da: Anonimo
    l' equipaggio dell' enterprise e' alla
    continua ricerca di mondi nuovi, per andare
    al di là dove nessun uomo e' mai
    andato prima...."bzzz..bzz..error crashing
    n.144322, l' operazione teletrasporto e'
    andato in conflitto con l' upgrading di win
    media player 24, vi state per schiantare da
    qualche parte. premere ok per confermare" :)usano mac(apple)
    • Anonimo scrive:
      Re: spazio 1999....
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      l' equipaggio dell' enterprise e' alla

      continua ricerca di mondi nuovi, per
      andare

      al di là dove nessun uomo e' mai

      andato prima...."bzzz..bzz..error
      crashing

      n.144322, l' operazione teletrasporto e'

      andato in conflitto con l' upgrading di
      win

      media player 24, vi state per
      schiantare da

      qualche parte. premere ok per
      confermare" :)

      usano mac
      (apple)...che palle queste discussioni fatte di umorismo ultrascontato
      • Terra2 scrive:
        Re: spazio 1999....

        ...che palle queste discussioni fatte di
        umorismo ultrascontatoVero ragazzi... siate originali una volta tanto fate una battuta dove il windows faccia bella figura!(apple)(linux)
    • Anonimo scrive:
      [OT] spazio 1999....
      Orbiter Space Flight Simulatorhttp://www.medphys.ucl.ac.uk/~martins/orbit/orbit.html con possibiità di operare anche in sistemi solari "alternativi"... e questo è l'add-on per simulare le navette classe Eaglehttp://www.concentric.net/~frytiger/eagle1.zip:)
  • Anonimo scrive:
    Re: Il mondo militare è ricerca
    Intendi dire che ritieni verosimile con 7,5 milioni nel 2004 riuscire a sviluppare il teletrasporto?
    • Anonimo scrive:
      Re: Il mondo militare è ricerca
      Probabilmente la notizia è incompleta o volutamente inesatta. Mi è capitato piu di una volta di trovare notizie "militari" che riportano solo la divulgazione di un concetto simpatico o di sicura presa sul pubblico. Prendendo la notizia per come è, risulta plausibile pensare che il teletrasporto non verrà realizzato con 7,5 milioni e nemmeno in un tempo ragionevole, però data la pragmaticità del mondo militare il percorso per arrivare al teletrasporto passerà sicurament eper lo studio di nuovi materiali, teorie, proprietà ficiche (etc etc ) che alimenteranno altre vie di ricerca o di produzione. Ti faccio un esempio simpatico; qualche anno fa uno dei premi Ignobel fu dato ad una ricerca su come e perchè si la tenda della doccia si piega all interno. Bene, quella ricerca, seppur apparentemente stupida, tornò utile per spiegare i comportamenti delle forze agenti all interno di un ciclone.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il mondo militare è ricerca
        - Scritto da: Anonimo
        Ti faccio un esempio simpatico; qualche anno
        fa uno dei premi Ignobel fu dato ad una
        ricerca su come e perchè si la tenda
        della doccia si piega all interno. Bene,
        quella ricerca, seppur apparentemente
        stupida, tornò utile per spiegare i
        comportamenti delle forze agenti all interno
        di un ciclone.Mi sapresti dare qualche link o qualche altro esempio simile, vorrei saperne di più su queste cose
  • Anonimo scrive:
    spazio 1999....
    l' equipaggio dell' enterprise e' alla continua ricerca di mondi nuovi, per andare al di là dove nessun uomo e' mai andato prima...."bzzz..bzz..error crashing n.144322, l' operazione teletrasporto e' andato in conflitto con l' upgrading di win media player 24, vi state per schiantare da qualche parte. premere ok per confermare" :-)
  • Anonimo scrive:
    Il mondo militare è ricerca
    Tutto ciò che usiamo proviene dal mondo militare, esso è la fonte di gran parte delle tecnologie (e non solo) comunemente utilizzate in svariati ambiti. Medicinali come l aspirina (o penicellina in altre forme) non sarebbero mai giunte a noi senza la tecnologia militare...fu nella seconda guerra mondiale che si riesumò tale molecola e si fece ricerca per poterla produrre in grande quantità. La scarsezza di gomma naturale spinse la ricerca verso la gomma artificiale, nacque il moderno pneumatico. Tecnologie prettament emilitari sconfinarono in ambiti medici...tutte le applicazioni delle onde radio sono finite nella radiognostica, tutta la ricerca militare sul suono (sonar etc) è finita in campo medico e civile, tutta l esperienza medica militare ci aiuta a sopravvivere ogni giorno (le prime operazioni e ricostruzioni di tessuto nacquero nelle campagne napoleoniche). Vestiti (fibre di nylon, goretex etc etc), motori, elettronica, conoscenze, il 90% percento della nostra realtà è un adattamento di uan ricerca militare... questo lo dico a quanti affermano od affermeranno che la ricerca militare o inutile ed infruttuosa. PS il motore trainante non è il mondo militare, è la necessità. Il mondo militare è l unico che vive sulla necessità immediata ed impellente di superare il nemico e sopravvivere...ecco perchè questo mondo è il maggior finanziatore di ricerca.
  • Anonimo scrive:
    Re: Finanziare la ricerca
    Preferirei finanziassero prima la ricerca sul cancro..così prima di teletrasportare minchiate per lo spazio e nel tempo.. nessuno di noi vedrebbe spegnersi parenti ed amici senza poter fare un emerito ca..o per combattere un male che non solo uccide ma ti prende anche in giro facendoti credere che sei guarito.- Scritto da: Anonimo
    non è mai un errore, senza di essa
    non esisterebbe internet.
    • Anonimo scrive:
      Re: Finanziare la ricerca
      - Scritto da: Anonimo
      Preferirei finanziassero prima la ricerca
      sul cancro..Pienamente d'accordo..sono per la ricerca al 100% ma ricerca seria non fanta-ricerca inutile....
      • Anonimo scrive:
        Re: Finanziare la ricerca
        La ricerca deve costare quattro soldi, deve essere governabile e deve far guadagnare cifre da capogiro, altrimenti non interessa a nessuno.
        • Anonimo scrive:
          Re: Finanziare la ricerca
          E' impossibile risponderti quotando anche il post precedente....Tu ti riferisci alla ricerca sul cancro e rispondi che :
          La ricerca deve costare quattro soldi, deve
          essere governabile e deve far guadagnare
          cifre da capogiro, altrimenti non interessa
          a nessuno.Non ti viene in mente che chi scoprisse la cura definitiva per il cancro o l'AIDS (oppure un vaccino per le medesime malattie) diventerebbe ricco sfondato?Tutte le "big pharma" stanno spendendo miliardi per questo... A quella che arriverà prima alla soluzione non basterà il deposito di Zio Paperone per contenere tutti i fantastiliardi di guadagni.In generale: non vi preoccupate che (almeno negli USA) qualche milioncino di dollari investiti (?) in una ricerca apparentemente idiota sul teletrasporto non distolgono fondi da altre ricerche ben più concrete....Da noi invece, dove i fondi son elargiti con il contagocce la cosa sarebbe ben difficile, ma qui non ci sono i fondi nè per le richerche inutili nè per quelle utili, quindi il problema non sussiste :-(
    • Anonimo scrive:
      Re: Finanziare la ricerca
      quoto totalmente
  • Anonimo scrive:
    Re: Finanziare la ricerca
    - Scritto da: Anonimo
    non è mai un errore [...] Concordo in pieno e sottoscrivo.Pur tuttavia viene da pensare che fra i possibili ambiti di ricerca da finanziare, si sarebbe potuto scegliere qualcosa di più utile, sia fuori che dentro l'ambito militare (ad esempio le ricerche sul silksteel)
  • Anonimo scrive:
    Che senso?
    Ci marciano e spillano soldi.Questo è l'unico senso x una roba del genere.
  • Anonimo scrive:
    Finanziare la ricerca
    non è mai un errore, senza di essa non esisterebbe internet.
Chiudi i commenti