AVM, tutti i Fritz passano al nuovo OS 7.20

AVM annuncia di aver terminato il rollout degli aggiornamenti del sistema operativo per i propri dispositivi dedicati allo sviluppo di reti mesh.
AVM annuncia di aver terminato il rollout degli aggiornamenti del sistema operativo per i propri dispositivi dedicati allo sviluppo di reti mesh.
Guarda 7 foto Guarda 7 foto

AVM ha comunicato il termine del ciclo di aggiornamenti con cui ha portato il nuovo FRITZ!OS 7.20 sull’intera gamma di prodotti per reti mesh messi a disposizione dal gruppo. Si tratta di un aggiornamento importante soprattutto in ottica performance, poiché la rete mesh si regge soprattutto sulla capacità di calibrare le priorità ed i flussi di traffico su tutti i dispositivi connessi.

AVM, l’era dell’OS 7.20

Insieme a un FRITZ!Box con FRITZ!OS 7.20, i FRITZ!Repeater e le FRITZ!Powerline formano ora un Mesh Wi-Fi ancora più potente. Con il nuovo “Performance Mesh Steering”, il software Mesh di AVM garantisce connessioni Wi-Fi ottimali nella rete domestica. Il FRITZ! Mesh controlla regolarmente la qualità di connessione dei dispositivi wireless e li indirizza automaticamente verso le migliori bande Wi-Fi o ripetitori Mesh nella rete domestica. Oltre a questo, la selezione automatica dei canali Mesh è stata migliorata, garantendo che per l’intera rete Mesh venga sempre selezionata la frequenza migliore.

Questi i dispositivi fin qui aggiornati:

Con FRITZ!OS 7.20 i ripetitori più potenti come il FRITZ!Repeater 2400 e il FRITZ!Repeater 3000 supportano anche la larghezza di banda di 160 MHz per dispositivi wireless compatibili, andando ad aumentare significativamente le prestazioni Wi-Fi. Sia FRITZ!Repeater che FRITZ!Powerline funzionano con il sistema operativo FRITZ!OS, ottimizzato per Mesh, garantendo così un potente Wi-Fi a casa e offrendo una serie di altri vantaggi del FRITZ! Mesh, tra cui un setup molto semplice e aggiornamenti regolari per nuove funzionalità, oltre a un alto livello di sicurezza.

Tra le novità integrate nella nuova release v’è anche la gestione intelligente delle VPN, con le quali il nuovo SO promette performance triplicate per uno scambio sicuro ed accelerato di informazioni tra la casa e l’ufficio: aspetti di questo tipo diventano essenziali nell’ottica di un impegno in smart working, laddove l’utilizzo della rete casalinga diventa una valutazione promiscua tra le necessità della realtà domestica e quelle della realtà aziendale.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

24 08 2020
Link copiato negli appunti