Aziende unite contro la clonazione: di RFID

Accordi europei per lo sviluppo di una piattaforma capace di generare ID card sicure ed interoperabili. Per introdurre presto uno standard per i 27 paesi del Vecchio Continente
Accordi europei per lo sviluppo di una piattaforma capace di generare ID card sicure ed interoperabili. Per introdurre presto uno standard per i 27 paesi del Vecchio Continente

Tre delle aziende europee leader nella produzione di chip hanno recentemente annunciato una joint venture di risorse con alcune delle principali società di fornitura di carte elettroniche. Obiettivo primario, sviluppare entro l’estate del 2011 una piattaforma capace di generare ID card ad alto livello di sicurezza , in modo da prevenire clonazioni e attacchi informatizzati.

I protagonisti del progetto , tra cui chipmaker come ST Microelectronics e distributori come Giesecke & Devrient , hanno mostrato quello che si è rivelato il suo nucleo base: sviluppare un solido preparato tecnologico per un’introduzione massiccia di documenti elettronici d’identità validi su tutto il territorio dell’Unione Europea. L’unione di fondi e risorse è stata battezzata BioP@ass , per il costo complessivo di circa 13 milioni di euro.

Il progetto BioP@ass, come si apprende sul sito ufficiale , è mirato allo sviluppo di piattaforme smart card sicure ed interoperabili , in modo da soddisfare le esigenze di applicazioni europee relative all’amministrazione elettronica, tra cui e-identity , permessi di soggiorno e dati sanitari. Le pubbliche amministrazioni potranno, in pratica, contare su dispositivi tecnici capaci di offrire efficaci sistemi di autenticazione, con i possessori di PioP@ass card in grado di eseguire l’identificazione biometrica su Internet.

Infineon Technologies , produttore coinvolto nel progetto, ha poi annunciato l’intenzione di potenziare il trasferimento di dati personali dalle card a dispositivi esterni come un personal computer. Utilizzando i principali protocolli Internet si potrà dunque gestire le proprie carte d’identità senza la necessità di componenti software addizionali, con la semplice connessione in wireless o via USB.

Stando a recenti dati, sarebbero quasi 400 milioni i documenti elettronici attualmente in circolazione tra i 27 paesi dell’Unione Europea. La strada è quella della standardizzazione dei formati, con il Regno Unito che sta marciando con sicurezza verso l’introduzione delle carte d’identità biometriche (con tanto di impronte digitali), grazie ad un massiccio investimento di 5 miliardi di euro. Curioso pensare che ne sono bastati 250 (di dollari) ad un informatico statunitense per acquistare su eBay un dispositivo da integrare al suo laptop. Per clonare in 20 minuti due passaporti per le strade di San Francisco.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

21 10 2009
Link copiato negli appunti