Ballmer: Xbox è per tutti

Microsoft rinuncerà a battere il chiodo della larga banda nella sua campagna di marketing: connessioni veloci troppo poco diffuse


Atlanta (USA) – La banda larga, come si sa, latita, e Microsoft non se la sente di rischiare. “Xbox sarà la console per tutti – ha dichiarato il CEO di Microsoft, Steve Ballmer – e per tutti significa sia per chi è connesso ad Internet a larga banda, sia per chi è connesso con un semplice modem analogico, sia per chi non ha affatto una connessione ad Internet”.

Nonostante Xbox si possa considerare la prima console ad arrivare sul mercato con tutto il necessario per il gioco on-line – scheda di rete, hard disk, supporto TCP/IP – il marketing di Microsoft, di fronte all’ancor bassa penetrazione delle tecnologie a larga banda (cavo, satellite, xDSL) nelle case, deve dunque rinunciare a quello che, secondo gli analisti, sarebbe potuto essere un buon chiodo su cui battere.

“Xbox consente connessioni a larga banda. Ma la principale ragione per cui la gente acquisterà Xbox sarà per giocare in locale… La strategia dell’Internet gaming dipende dalle capacità della larga banda. (Se noi battessimo su questo punto) potrebbe finire che qualcuno non acquisti Xbox perché non possiede la larga banda” ha dichiarato Ballmer.

Ballmer ha poi ribadito che i titoli on-line arriveranno solo quando “ne avremo bisogno”, e che per il momento la stragrande maggioranza dei titoli in programma non prevedono neppure il multiplayer.

Per quest’anno, a detta di Ballmer, Microsoft si accontenterà di testare i primi servizi a larga banda in cinque zone degli USA che, insieme, rappresentano circa il 30% dell’utenza broadband del paese.

Sony sembra invece molto più ottimista verso i servizi a banda larga, forse perché questo colosso per il momento pensa in modo particolare al mercato giapponese, un terreno importantissimo, nei prossimi anni, per il test di tecnologie e servizi chiave nel campo della larga banda e delle reti mobili.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Perche' ho paura di HailStorm?
    Che ci sia un posto dove collezionano e aggregano dati su di me in modo occulto, e' forse solo una fantasia.Che ci sia un posto dove invece lo fanno in modo palese, e' la realta'.Non so, il tempo dira'. Nel frattempo, dato che non capisco ...... ne sospetto; anche se penso che il grande fratello e' gia' attivo da tempo e ormai sa gia' troppo su di me.Spero di salvare la generazione che verra'.
    • Anonimo scrive:
      Re: Perche' ho paura di HailStorm?
      effettivamente più che di hailstorm c'e' da avere paura del M$.net la possibilità di collegare incrociare aggiornare dati aumenterà esponenzialmente e la legge di Moore non ciaiuterà di certo ... :(la privacy è morta da tempo e anche tu mi sembra l'avrai già capito ..., hailstorm farà pubblicamente quello che volendo potrebbero già fare ora incrociando alcuni (???) dei numerosi numeri univoci (guid,cpuid,ata interface id ...)che sono presenti sul nostro pc .. non credoci sia soluzione"la guerra è pace, la libertà è schiavitù,l'ignoranza è forza" a me un pò ha gia convinto :)M99
Chiudi i commenti