Banda Ultralarga: trasparenza e lentezza

Infratel annuncia nuove informazioni per la trasparenza sulla banda ultralarga in Italia: maggior certezza su tempi, modi e luoghi della copertura.
Infratel annuncia nuove informazioni per la trasparenza sulla banda ultralarga in Italia: maggior certezza su tempi, modi e luoghi della copertura.

Se la lentezza è ciò che più caratterizza l’incedere della Banda Ultralarga in Italia, la trasparenza è quantomeno un ingrediente nuovo che tenta di compensare le mancanze degli ultimi anni (fatti di promesse, troppo spesse disattese, relative all’inizio della cantierizzazione della posa). Il Ministero dello Sviluppo Economico ha annunciato che da ieri sono a disposizione nuovi canali di comunicazione per avere informazioni ed una mappa interattiva più completa che – comune per comune – può offrire un quadro aggiornato sulla situazione.

Banda Ultralarga: mappa e informazioni

La mappa interattiva, nello specifico, si arricchisce di nuovi layer informativi:

  • le sezioni sub-comunali delle città italiane più grandi, per meglio comprendere quali aree dei diversi territori comunali sono coinvolte dal piano BUL“;
  • per i comuni con progetto esecutivo consegnato da Open Fiber, i tracciati, la posizione delle tratte fibra e le unità immobiliari da essere raggiunte. La visualizzazione è possibile sia per i singoli comuni che per i gruppi di comuni facenti parte della stessa PCN (Punto di Consegna Neutro)“.

Bastano pochi click per trovare sulla mappa la propria area geografica e le informazioni relative alla cantierizzazione prevista, effettiva e ipoteticamente alla conclusione. Su tutti questi dati, tuttavia, gravano altresì le strategie relative all’avvicinamento tra TIM, OpenFiber e le altre compagnie coinvolte nel progetto di “One Network” per l’Italia: queste manovre hanno allungato i tempi in alcuni territori, dimostrando come le lentezze affondino le proprie radici prima sul piano strategico che non sul fronte realizzativo.

Mappa interattiva sulla banda ultralarga in Italia

Da alcune ore, inoltre, le informazioni sono a disposizione su nuovi canali informativi che consentono di avere novità senza dover estrapolare aggiornamenti dalla mappa:

  • Facebook Messenger;
  • Assistente vocale Google e Alexa;
  • Telegram (@assistente_bul_bot).

La trasparenza basta? No, ma aiuta forse a mantenere saldi i nervi in questi mesi in cui la banda servirebbe più di ogni altra cosa (per studio o per lavoro a domicilio). Invece, per molti, è soltanto una promessa che si allontana. Trasparentemente, sempre lontana.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 11 2020
Link copiato negli appunti