Basta mascherine all'aperto e stop al Green Pass?

Basta mascherine all'aperto e stop al Green Pass?

Mascherine obbligatorie all'aperto solo in caso di assembramenti e possibile cancellazione del Green Pass a giugno: le nuove regole.
Mascherine obbligatorie all'aperto solo in caso di assembramenti e possibile cancellazione del Green Pass a giugno: le nuove regole.

A breve, assisteremo a un allentamento delle restrizioni anti-COVID. A essere interessata per prima sarà la norma relativa all’obbligo di indossare le mascherine all’aperto. Accadrà già questa settimana, a partire dai prossimi giorni, come anticipato ieri. Di fatto, verrà meno il dovere di coprirsi il naso e la bocca se non al chiuso, ma sarà comunque necessario averle con sé in modo da poterle indossare all’occorrenza. Più avanti toccherà anche al Green Pass, con modalità e tempistiche ancora da stabilire.

Mascherine e Green Pass: cosa cambia?

Queste le regole da seguire dall’11 febbraio al 31 marzo, data in cui arriverà a scadenza la proroga dello stato di emergenza. Di seguito la sintesi di quanto si legge nell’ordinanza (PDF) appena firmata da Roberto Speranza, Ministro della Salute:

  • obbligo di indossare mascherine al chiuso fino al 31 marzo, in tutta Italia;
  • obbligo di portarle con sé per indossarle all’aperto in caso di assembramenti o affollamenti, in tutta Italia;

Sempre in merito alle mascherine, sono questi i soggetti esenti dall’obbligo di indossarle, anche al chiuso:

  • bambini di età inferiore a sei anni;
  • persone con patologie o disabilità che ne impediscono l’utilizzo (e coloro che devono comunicare con un disabile);
  • soggetti che svolgono attività sportiva.

Inoltre, la misura non è applicata quando per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto è garantito in modo continuativo l’isolamento da persone non conviventi.

Tornando al Green Pass, al momento non vi sono certezze relative alla sua dismissione. La redazione del Corriere riporta però un’indicazione temporale, non confermata in via ufficiale: giugno (il 15 o il 30). Se tutto andrà come sperato, se la pandemia allenterà finalmente la sua presa, in estate sarà possibile tornare alla normalità pre-COVID, chiudendo un lungo periodo di lotta alla crisi sanitaria durato oltre due anni. Non possiamo però non citare a tal proposito il recente pronunciamento della Commissione Europea, che ha proposto di estenderne l’adozione fino al 30 giugno 2023.

Consulta tutte le ultime offerte di Punto Informatico.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 9 feb 2022
Link copiato negli appunti