Beenz, fagioli in via di estinzione sul Web

Il popolare sistema di raccolta punti chiude le proprie operazioni anche in Italia alla fine del mese. Beenz.com è entrato in crisi con la contrazione del mercato e ne risentono tutte le divisioni affiliate all'estero. Italia compresa


Roma – “Caro utente beenz, il 30 giugno 2001 scadrà l’Autorizzazione Ministeriale per la raccolta punti beenz. Potrai continuare a raccogliere i beenz fino al 26 giugno 2001, mentre il termine per utilizzarli è il 27 giugno 2001 compreso”. Così inizia una sconsolata lettera inviata nelle scorse ore dai gestori di Beenz agli utenti italiani.

La lettera annuncia la chiusura del sistema di raccolta punti, uno dei più celebri tra le tante forme del commercio elettronico, da diverso tempo nei guai a causa della contrazione degli investimenti e del “mercato Internet” nel suo complesso. Gestita da Kataweb, la divisione italiana non ha trovato scampo nella riduzione complessiva delle attività internazionali decisa dall’americana Beenz.com , la mamma dei “fagioli rossi” dell’e-commerce.

Nato nel marzo del 1998, Beenz era basato sull’idea di offrire agli utenti Internet dei “fagioli” in cambio di certe operazioni da compiere online, come riempire questionari, rispondere a sondaggi e via dicendo. Con i “beenz” raccolti, gli utenti hanno potuto ottenere “premi” offerti da negozi e servizi online convenzionati con Beenz.com. Ma pare proprio che la difficilissima congiuntura della net-economy non lasci molto spazio a questa forma di commercio elettronico. Nel giro di quattro mesi Beenz.com ha tagliato i propri investimenti in Italia, Cina, Giappone e Corea del Sud riducendo anche drasticamente il personale.

Destino duro, dunque, anche per i Beenz nostrani che, alla fine di questo mese, non avranno più alcun valore. E questo nonostante la grande popolarità del servizio: pare che quasi 200mila fossero gli aficionados italiani.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    innovazione
    A quando un bel cellulare pennuto ? :)
  • Anonimo scrive:
    Notizia più vecchia
    Se ne parlava gia' un mese fa, ma i tipi di uccelli erano diversi :-)http://cellforum.made.net/article_view.phtml?p_sid=2001/05/14/114447
  • Anonimo scrive:
    di che tipo di uccelli si sta parlando?
    HA HA HA!
  • Anonimo scrive:
    Suoneria motorola
    A quando un merlo indiano che imiti la tipica suoneria motorola? il famoso biribip
    • Anonimo scrive:
      Re: Suoneria motorola
      - Scritto da: MotoSola
      A quando un merlo indiano che imiti la
      tipica suoneria motorola? il famoso biribipTu scherzi, ma io sono impazzito una settimana a capire perchè quando lasciavo il cellulare da qualche parte lo sentissi squillare anche se non arrivava nessuna telefonata. Poi finalmente capii. C'era un uccello, fuori sui tetti, che fischiava proprio come la suoneria Motorola... Quella a 5 note, acute.
      • Anonimo scrive:
        Re: Suoneria motorola
        - Scritto da: HotEngine
        Tu scherzi, ma io sono impazzito una
        settimana a capire perchè quando lasciavo il
        cellulare da qualche parte lo sentissi
        squillare anche se non arrivava nessuna
        telefonata. Poi finalmente capii. C'era un
        uccello, fuori sui tetti, che fischiava
        proprio come la suoneria Motorola... Quella
        a 5 note, acute.io ho risolto tutto con l'uso del fucile.Ho sparato al cellulare :)
  • Anonimo scrive:
    E' VERO!
    Anche qui, fuori dal mio ufficio, c'è un uccello che canticchia una melodia "da cellulare"....
    • Anonimo scrive:
      è pure contagioso!
      - Scritto da: Roberto
      Anche qui, fuori dal mio ufficio, c'è un
      uccello che canticchia una melodia "da
      cellulare"....il mio gatto è rientrato stamattina col pancino pieno, e adesso invece che miagolare suona "Per Elisa".:)
  • Anonimo scrive:
    Non ditelo alla SIAE
    A latere di tutto, una affermaziona scherzosa: se lo sa la SIAE proverà a tassare anche le suonerie ispirate dal canto degli uccelli, quelle che per l'appunto dovevano poter essere distribuite senza bisogno di pagare i diritti d'autore. SSSSShhhhhh.................
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ditelo alla SIAE
      - Scritto da: DPY
      A latere di tutto, una affermaziona
      scherzosa: se lo sa la SIAE proverà a
      tassare anche le suonerie ispirate dal canto
      degli uccelli, quelle che per l'appunto
      dovevano poter essere distribuite senza
      bisogno di pagare i diritti d'autore.
      SSSSShhhhhh.................Conoscendo la bestia (la SIAE) credo che arriverebbe anche a chiedere agli uccellini il pagamento di una tassa per ogni suoneria imitata!!!Difendete gli uccellini !!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ditelo alla SIAE
      Beh quelli della SIAE sarebbere pronti anche a far pagare gli stessi pennuti... :-))Sceriffo- Scritto da: DPY
      A latere di tutto, una affermaziona
      scherzosa: se lo sa la SIAE proverà a
      tassare anche le suonerie ispirate dal canto
      degli uccelli, quelle che per l'appunto
      dovevano poter essere distribuite senza
      bisogno di pagare i diritti d'autore.
      SSSSShhhhhh.................
      • Anonimo scrive:
        post registrato alla SIAE
        - Scritto da: sceriffo
        Beh quelli della SIAE sarebbere pronti anche
        a far pagare gli stessi pennuti... :-))
        ...i quali al colmo dello strazio provvederebbero al pagamento del dazio,sommergendo pian piano la SIAE nel loro guano.
Chiudi i commenti