Berlusconi vuole regolamentare Internet nel mondo

E vuole che lo faccia il G8, in modo che poi tutti i paesi seguano l'esempio delle maggiori economie. Parla di una regolamentazione globale e boccia le iniziative delle Nazioni Unite. Qualcuno si allarma, ma prevale un senso di attesa

Roma – Servono nuove leggi per Internet? Soprattutto: conviene davvero puntare ad armonizzare le leggi in vigore nei diversi paesi? E si può davvero farlo in barba alle Nazioni Unite e al processo di analisi partito ormai da anni ? Queste e molte altre sono le domande che da ieri rimbalzano sulla rete italiana dopoché il premier italiano Silvio Berlusconi ha annunciato l’intenzione di portare al prossimo G8 “una proposta di una regolamentazione internazionale del sistema di Internet”, “in tutto il mondo, essendo internet un forum aperto a tutto il mondo”.

Poche parole, nessun dettaglio, dette a margine di un giro tra i server delle Poste, ma sufficienti a fare il giro della rete , viste anche le tante pessime prove del mondo politico italiano rispetto ad Internet: è altissimo il timore di nuove regole imposte dall’alto prodotte da chi di rete ne sa poco e senza il contributo della rete stessa. Ma a cosa si riferisce esattamente il premier?

Nel merito delle molte ipotesi di queste ore, una direzione appare più chiaramente delle altre. Se il premier ha davvero in mano una proposta allora questa porrà senz’altro l’accento sul diritto d’autore , ossia il fronte su cui il vecchio apparato economico e produttivo è costretto a fare i conti con il nuovo che avanza. Al Governo, nonostante la debole opposizione di Maroni, non dispiace la Dottrina Sarkozy. Non solo: un recentissimo Ordine del giorno impone all’Esecutivo di rivedere le norme di contrasto alla pirateria svolta su peer-to-peer, abdicando ad un altro pezzettino di diritto alla privacy per consentire una più facile penetrazione delle major e delle loro denunce nelle attività telematiche.

L’orientamento che sembra imporsi, e d’altra parte nella compagine di Governo rimangono tutti i principali artefici della famigerata Legge Urbani , è quello di un’Italia portavoce delle esigenze dell’industria , e ciò avrebbe tanto più senso perché il momento è propizio : non solo in Francia si procede verso il regime delle disconnessioni di Stato, non solo Regno Unito e Spagna sono tentati dal seguire la stessa rotta che tanto piace alle major, ma i ministri del Consiglio d’Europa proprio nei giorni scorsi non hanno trovato niente di meglio che cancellare le tutele richieste dal Parlamento Europeo e dalla Commissione Europea a favore degli internauti e del diritto primario costituito dall’accesso ad Internet. Senza contare, sottolineano i più maliziosi, gli effetti positivi sui poteri forti che sarebbero causati da un irrigidimento delle normative di settore in un’epoca di grande trasformazione, che sta già comprimendo certe posizioni e certi profitti.

Se è inevitabile ricondurre al diritto d’autore qualsiasi proposta di armonizzazione globale, certo in molti avrebbero preferito dichiarazioni più esplicite: l’esperienza, non solo in Italia, insegna alla comunità Internet quanto di rado nella stanza dei bottoni si facciano largo istanze nate sulla e dalla rete, anche quando in gioco c’è proprio il presente e il futuro della rete stessa. Né si può escludere che il premier intenda appoggiare anche l’iniziativa del proprio partito per una battaglia ad alzo zero contro i siti che diffondono contenuti razzisti e xenofobi , una proposta di legge in elaborazione che però i suoi promotori vogliono appunto che assuma un respiro internazionale. Trovare una convergenza su questo fronte, come sulla lotta al terrorismo, e il Decreto Pisanu del precedente governo Berlusconi non fu che anticipatore dell’orientamento comunitario, potrebbe non essere così complicato.

Ma non è solo il merito a suscitare attenzione, la forma dell’intervento di cui parla il premier solleva infatti perplessità. Il premier ha dichiarato: “Sarò per la terza volta presidente del G8, che ha già come compito la regolazione dei mercati finanziari in tutte le nazioni; ho visto che per quanto riguarda Internet manca una regolamentazione comune”, una questione che l’ ONU è inadatta ad affrontare , in quanto le Nazioni Unite sono “pletoriche”. Parole forti, soprattutto perché ormai da anni in sede ONU tutto il mondo discute di come convergere su Internet, si cercano mediazioni difficili e proprio l’Italia ha in quella sede un ruolo chiave grazie ad iniziative, discusse ma centrali nel dibattito ONU, come la cosiddetta Costituzione per Internet, inizialmente proposta dall’allora Garante della Privacy Stefano Rodotà addirittura nel 2003 .

Ma perché scartare il lavoro di migliaia di delegati che da anni si riuniscono in diverse città del Pianeta? Lo dice lo stesso premier, che spiega come nel G8 “invece, si discute, ci si interfaccia e si arriva a soluzioni concrete che poi tutti i Paesi si impegnano ad accettare”. Il G8 è un consesso a cui aderiscono le maggiori economie, un insieme che sarà presieduto proprio da Berlusconi.

Ad ogni modo le dichiarazioni del premier, come detto, sono tutto meno che esplicite ed anche per questo c’è chi le legge sperando che vadano nella direzione auspicata proprio in sede ONU. Il senatore Fiorello Cortiana , membro della Consulta sulla Governance di Internet, che da anni lavora a livello internazionale per questi obiettivi, ha rilasciato una nota in cui definisce la proposta Berlusconi una proposta “con una prospettiva internazionale, in cui l’Italia possa essere avanguardia. Queste tecnologie sono il futuro per tutto il mondo”, una proposta che “fa ben sperare tutti coloro che in questi anni si sono adoperati per avviare un processo aperto ed inclusivo per un Internet Bill of Rights capace di armonizzare in modo evolutivo i diritti condivisi, a partire dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo adottata dalle Nazioni Unite 60 anni fa, con la natura interattiva, senza confini e senza condizione di scarsità costituita da Internet”.

“La dichiarazione del Presidente Berlusconi – continua ancora Cortiana – costituisce un buon auspicio all’apertura dell’IGF-Internet Governance Forum dell’ONU che si è aperto a Hyderabad in India. L’azione del nostro Paese partita con il Ministro Stanca che raccolse la mia proposta bipartisan e proseguita con il Ministro Nicolais e il Sottosegretario Magnolfi ha visto la nascita di una Dynamic Coalition, con ONG, Imprese, Governi, all’interno dell’IGF e ha trovato ampio interesse e sostegno nel corso dei due Dialogue Forum on Internet Rights promossi dall’Italia, il secondo a Cagliari lo scorso ottobre”. Come a dire, insomma, che se una proposta italiana deve giungere in una sede così rilevante come il G8, le basi perché si tratti di una proposta ragionata, condivisa e di dialogo ci sono tutte.

L’allarme lanciato da alcuni sulle dichiarazioni di Berlusconi non convince molti. Luca Sofri sul suo blog, ad esempio, scrive che probabilmente Berlusconi non sa di cosa parla e che domani si dimenticherà delle sue dichiarazioni ma avverte: “Piano con il riflesso condizionato dell’indignazione: le regole non sono una cosa sbagliata, in generale. Il problema è capire di quali regole parliamo. Se ciò che avviene in rete risponde alle norme e alle leggi su cui siamo d’accordo per quel che riguarda il mondo precedente a internet (se per esempio l’Iran allineasse le sue regole su internet alle nostre) non c’è niente da protestare contro le regole e la loro applicazione. Se si tratta di inventarne di nuove, allora protesteremo, come è avvenuto solo poche settimane fa su una minaccia e un progetto assai più seri e concreti”.

La sensazione che sia presto per strapparsi i capelli e che il premier non sappia di cosa sta parlando è espressa anche da Sergio Maistrello , mentre Massimo Mantellini suggerisce che è inutile preoccuparsi, visto lo scarso peso dell’Italia e del premier stesso in ambito internazionale. C’è naturalmente chi liquida la cosa come una dichiarazione che piacerà alla casalinga di Voghera ma più in generale sembra prevalere in rete un senso di attesa, per capire se quella di Berlusconi sia stata l’anticipazione di un qualcosa di più articolato, o magari già discusso con gli altri leader, o se vada più letto come un auspicio. In entrambi i casi toccherà attendere solo qualche settimana per saperlo: il premier sarà presidente del G8 a gennaio.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gigi scrive:
    bello bello
    su ubuntu va proprio bene... meglio di amarok, rhythmbox e compagnia!!!
  • Billibob scrive:
    non è male
    ma mancano ancora alcune cose...ad esempio la possibilità di aggiungere un archivio o una cartella alla libreria, importare o esportare playlist (per l'importazione ho provato solo un .plf e non ha funzionato), l'icona in systray, la possibilità di modificare/aggiungere gli short-cut, la possibilità di copiare un file nella cartella musicale alla sua aggiunta nella libreria.... Alcuni di questi "problemi" si possono ovviare con degli add-on che però al momento non sono compatibili con la 1.0.....Sicuramente è un programma che deve migliorare e migliorerà.... sperando sempre che riesca a fare una degna concorrenza ad iTunes...
  • Tony Manero scrive:
    Xmplay
    Io mi trovo bene con questo, molto configurabile e leggero.Tony
  • Homo Musicalis scrive:
    Il vero problema
    Di tutti questi prodotti è la qualità audio.Finora solo Winamp Lite (la versione da 1MB senza libreria) e Foobar2000 mi hanno dato qualche soddisfazione.Ma tutti questi database con funzione play hanno un difetto comune: si sentono male.Di iTunes ho provato tutte le versioni, e merita la palma di peggiore in campo, ma gli altri non è che siano meglio...Di Songbird ho provato solo le RC e mi hanno deluso in questo.Tra l'altro non c'è neanche un equalizzatore per compensare un po' le magagne...Per carità, resta comunque un ottimo sofwtare. E per chi non sente la differenza tra questo, iTunes e Foobar, è praticamente perfetto...;-)
    • Brenji Ahiai scrive:
      Re: Il vero problema
      Curioso, perchè alla fine i dati sono gli stessi!Questa mi è nuova. Non è il programma che fa la qualità, ma è la scheda audio e i driver.
    • Olmo scrive:
      Re: Il vero problema
      - Scritto da: Homo Musicalis
      Di tutti questi prodotti è la qualità audio.
      Finora solo Winamp Lite (la versione da 1MB senza
      libreria) e Foobar2000 mi hanno dato qualche
      soddisfazione.
      Ma tutti questi database con funzione play hanno
      un difetto comune: si sentono
      male.Link? benchmark? test?mai sentita una cosa simile. La decodifica di un mp3 o la lettura digitale di un CD forniscono lo stesso risultato da ogni programma. E' la scheda audio a fare la differenza.
      • Audio Master scrive:
        Re: Il vero problema
        In realtà non è del tutto vero perché un programma può intervenire in vario modo sull'audio, ad esempio attraverso l'equalizzazione quindi quello che dice Homo Musicalis potrebbe essere vero!!
        • Olmo scrive:
          Re: Il vero problema

          l'equalizzazioneE' palese.Puntualizzo: nel play "plain" di un file audio qualsiasi decoder restituisce il medesimo file audio.Attendo, incuriosito, smentite
          • pippo scrive:
            Re: Il vero problema

            E' palese.
            Puntualizzo: nel play "plain" di un file audio
            qualsiasi decoder restituisce il medesimo file
            audio.
            Attendo, incuriosito, smentiteProva, ridirigi l'uscita su file, con player diversi, e poi fai un bel confronto binario ;)
          • Olmo scrive:
            Re: Il vero problema

            Prova, ridirigi l'uscita su file, con player
            diversi, e poi fai un bel confronto binario
            ;)Sono in ufficio e sono molto curioso.Cosa ti restituisce il diff? Grandi differenze?
          • pippo scrive:
            Re: Il vero problema


            Prova, ridirigi l'uscita su file, con player

            diversi, e poi fai un bel confronto binario

            ;)


            Sono in ufficio e sono molto curioso.
            Cosa ti restituisce il diff? Grandi differenze?Io pure, l'unica prova che feci era tra winamp e libmad erano identici... ;)
          • Olmo scrive:
            Re: Il vero problema

            Io pure, l'unica prova che feci era tra winamp e
            libmad erano identici...
            ;)Appena a casa faccio anche io la prova.Comunque, grazie per il suggerimento: era ovvio e palese, ma ti giuro che non mi era venuto in mente... Sicchè grazie!
          • pippo scrive:
            Re: Il vero problema

            Appena a casa faccio anche io la prova.
            Comunque, grazie per il suggerimento: era ovvio e
            palese, ma ti giuro che non mi era venuto in
            mente... Sicchè
            grazie!Dimenticavo, se vuoi approfondire l'argomento su hydrogenaudio trovi una marea di info ;)
        • gordo scrive:
          Re: Il vero problema
          - Scritto da: Audio Master
          In realtà non è del tutto vero perché un
          programma può intervenire in vario modo
          sull'audio, ad esempio attraverso
          l'equalizzazione quindi quello che dice Homo
          Musicalis potrebbe essere vero!!l'equalizzazione è un'altra cosa, e al limite si può disattivare... a me pare che abbia scritto solo una sfilza di 5tr0nz@t3
    • luca scrive:
      Re: Il vero problema
      il meglio è xmms
      • Olmo scrive:
        Re: Il vero problema

        il meglio è xmmsE io ce l'ho più lungo.A cosa serve un post simile? Argomenta, sennò ci si riduce alle chiacchere da bar.un utente mpg123
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: Il vero problema
      Che sia la scheda audio o le casse no eh?Deve per forza essere il software a dare la qualità? A questo punto che compro a fare il resto...
      • battagliacom scrive:
        Re: Il vero problema
        vabbe ma ognuno di queste cose (casse, scheda audio, player, ec...), interviene in maniera differente sull'audio.Di sicuro i componenti più importanti sono le casse e la s.audio, ma IMHO anche il player deve avere una sua funzione.
  • Olmo scrive:
    Non legge gli archivi compressi
    Sorvolando sulla legalità, la maggior parte degli utenti scarica dal mulo gli album in archivi zip o rar.foobar2000 permette di aggiungere in playlist direttamente l'archivio, senza doverlo decomprimere (il che evita di avere una doppia copia dell'album).Conoscete altri player che abbiano questa feature?Ricordo che winamp aveva un plugin per la lettura degli archivi.Per Amarok e SongBird non ho trovato niente di simile: ho cercato male io?
  • Apple scrive:
    Ma che roba è?
    Hanno copiato l'interfaccia di Itunes, spostando il menù dei comandi del player da sopra a sotto. Tutto qui?
    • Homo Musicalis scrive:
      Re: Ma che roba è?
      - Scritto da: Apple
      Hanno copiato l'interfaccia di Itunes, spostando
      il menù dei comandi del player da sopra a sotto.
      Tutto
      qui?No, c'è molto molto di più.E per l'interfaccia si sono ispirati a Music match, da cui iTunes ha sempre copiato...Di sicuro, rispetto al prodotto Apple ha qualche funzione in più e quanlcuna in meno. Per esempio lo spyware...
    • zio beppe scrive:
      Re: Ma che roba è?
      - Scritto da: Apple
      Hanno copiato l'interfaccia di Itunes, spostando
      il menù dei comandi del player da sopra a sotto.
      Tutto
      qui? Gia che abbia la sidebar dove vengono scaricate e mostrate automaticamente i testi batte itunes 100 a 1.
  • amministrat ore scrive:
    è un buon player
    Ne ho installati 113 su altrettanti pc aziendali come player di default.Estirpati wmplayer e itunes presenti dall'amministrazione precedente.
  • Midnight Commander scrive:
    E Amarok su Windows?
    Dovrebbe essere già disponibile.. non so quali saranno le sue performances, ma io lo uso da molto tempo e mi sono sempre trovato bene.
    • zidagar scrive:
      Re: E Amarok su Windows?
      - Scritto da: Midnight Commander
      Dovrebbe essere già disponibile.. non so quali
      saranno le sue performances, ma io lo uso da
      molto tempo e mi sono sempre trovato
      bene.Amarok 2 secondo me non è ancora all'altezza del buon vecchio 1.4, purtroppo.L'ho provato anceh su XP, e non mi è sembrato andare male.Resta comunque che il lavoro è tanto ancora da fare sulla versione 2 a mio parere...ma tutto sommato non è male...
      • Disgra scrive:
        Re: E Amarok su Windows?
        su xp lo trovo un po' lento e a volte si pianta...però è un lettore meraviglioso e spero che si riesca a fare il porting completo
        • zidagar scrive:
          Re: E Amarok su Windows?
          - Scritto da: Disgra
          su xp lo trovo un po' lento e a volte si pianta...
          però è un lettore meraviglioso e spero che si
          riesca a fare il porting
          completoPiù che altro spero che riuscirà almeno a coprire quelle belle funzionalità della 1.4, perchè sennò non me ne faccio tanto di amarok 2...La 1.4 ha delle chicche che la 2, per ora, non spara manco da lontano.Incrocio le dita va...Su XP...beh, per quello che uso io windows(pari a zero praticamente), non è che son stato tanto a provarlo XD
        • Foy scrive:
          Re: E Amarok su Windows?
          Passi a Linux e hai Amarok... :D
  • tienitelo scrive:
    Ennesimo fork inutile
    c'è già VLC che playa tutto, non c'è bisogno di fare l'ennesimo player inutile
    • babelzeta scrive:
      Re: Ennesimo fork inutile
      fork de che???
    • zidagar scrive:
      Re: Ennesimo fork inutile
      - Scritto da: tienitelo
      c'è già VLC che playa tutto, non c'è bisogno di
      fare l'ennesimo player
      inutileNon ti è chiaro cosa sia un fork e neanche cosa sa Songbird eh?!Informati su, prima di scrivere cose a caso ;)
    • Putrescente Maleolente scrive:
      Re: Ennesimo fork inutile
      - Scritto da: tienitelo
      c'è già VLC che playa tutto, non c'è bisogno di
      fare l'ennesimo player
      inutile(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)fork?(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: Ennesimo fork inutile
      Ma che minkate dici???Vorrei sapere come ti gestisci la libreria musicale su VLC!
    • asd scrive:
      Re: Ennesimo fork inutile
      peccato che questo si interfaccia con ipod e fa altre 1000 cose
    • asd scrive:
      Re: Ennesimo fork inutile
      - Scritto da: tienitelo
      c'è già VLC che playa tutto, non c'è bisogno di
      fare l'ennesimo player
      inutile1-ke è un fork? xD2-ke centra VLC? a parte il fatto che la sua gestione del buffer video e quindi della memoria fa pena cmq... ci sono molti lettori migliori di vlc,vedi media player classic
  • Monsieur Duball scrive:
    Spider Player
    Anche se il nome secondo me non è dei più azzeccati, questo è un ottimo player che per molti aspetti ricorda WinAmp da "giovane", quando ancora non era diventato l'obeso pachiderma che è oggi. Merita quantomeno di provarlo e sono convinto che diventerà per molti il player di default.
  • Franco scrive:
    Dimenticavo...
    Vediamo se rispetto a cessotunes si rivela migliore!Come gestisce flac e .cue?Il cessotunes ovviamente è penoso,questo invece?
    • MarcoF scrive:
      Re: Dimenticavo...
      Purtroppo non lo so perchè non ho file con questi formati, però usando il motore gstreamer dovrebbe andare a meraviglia... poi basta provare ;-)
  • LoL scrive:
    MITICO!
    L'ho provato per tutta la giornata, devo dire che sono rimasto sbalordito dal balzo qualitativo fatto rispetto alle varie beta...La comodità di avere player audio e browser web integrati per uno che ascolta un sacco di musica mentre naviga è impagabile :DOttima l'integrazione con SHOUTcast, Last.fm e SkreemR, ottimi i plugin già disponibili. Le performances sono molto buone, nemmeno un rallentamento nè crash durante tutta la giornata :)Forse ho davvero trovato il player che mi farà abbandonare AmaroK, pazzesco! :D
  • Franco scrive:
    Foobar2000
    Io trovo sia il migliore.È un pò il firefox dei player audio,oramai non riesco a farne a meno!Anche perchè itunes su windows è veramente orribile!
    • innominato scrive:
      Re: Foobar2000
      - Scritto da: Franco
      Io trovo sia il migliore.
      È un pò il firefox dei player audio,oramai non
      riesco a farne a
      meno!
      Anche perchè itunes su windows è veramente
      orribile!Non posso che essere d'accordo, ha tutte le funzionalità che mi servono e con i miglioramenti delle ultimi versioni non sento nemmeno più la necessità di installare ui_columns e personalizzarlo, si riesce già a creare un'ottima interfaccia senza troppi sbattimenti.Songbird non capisco perché occupi così tante risorse (ok che la ram non è un problema ma quasi 100mb dopo aver caricato 2 album e ascoltato una canzone? qualcosa non quadra), inoltre non gradisco i software che impongono il loro look and feel invece di adattarsi a quello del sistema operativo.
    • pippo scrive:
      Re: Foobar2000

      Io trovo sia il migliore.Quoto, peccato che non mi giri più su win2000 :'(
    • Chromo scrive:
      Re: Foobar2000
      Dopo aver abbandonato anche Winamp diventato un elefante zoppo trovo che Foobar sia un fantastico Player,molto personalizzabile.E leggero!
  • Gix scrive:
    meglio videolan
    o aimp...
  • Gold Partner scrive:
    Ci mancava solo l'Uccello Stonato!
    Dopo pinguini spennacchiati, volpi piromani e cani mangiapennello si è aggiunto un nuovo improbabile essere al Bestiario dell'opensource.Questo programma è la vetta del tipico sviluppo cantinaro che consiste nel massimizzare il Bloat. Infatti un semplice lettore di mp3 (che potrebbe stare in 1 mb di eseguibile) è stato forgiato dall'accrocchio fra i software più bloat della storia: firefox, vlc, xul e altre mille librerie.Morale della favola, dopo l'uccello fulminato, l'airone ardente e il pinguino spennacchiato, questo non è altro che l'ennesimo insulso pennuto che si aggiunge alla già sovraffollata voliera linara. Egli, come i suoi compagni, è totalmente incapace di lasciare il suo nido sorcioforgiaro e dovrà essere imbeccato a vita dagli schiavi di $talmann. A questo punto possiamo solo sperare in un'aviaria digitale.(win)
    • filosofo scrive:
      Re: Ci mancava solo l'Uccello Stonato!
      MIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!Cavolo!Qua urge una rima su vista!Ma , ahimé, non lo uso....Oddio, meno male che non lo usoSe no il mio pc ritornerebbe nella...cesta!Quale? Quella del gatto!A fare da sabbietta!
    • andrea io scrive:
      Re: Ci mancava solo l'Uccello Stonato!
      wow!!! che flammata!!!
    • Alfonso Maruccia scrive:
      Re: Ci mancava solo l'Uccello Stonato!
      A quest'ora non c'ho capito quasi una mazza, ma bookmarko lo stesso la sparata, lol XDComunque ti sei scordato di segnalare, tra i software più gonfiati della storia, quello che sicuramente detiene il primo posto: Windows :-PAve, Un winaro linaro-wannabe sorcioforgiaro spesso e volentieri che lo tira la patatina ma ama gli uccelli informatici e non è schiavo di $tallman manco se lo pagano XD
    • jonbonjovi scrive:
      Re: Ci mancava solo l'Uccello Stonato!
      non credevo che si potesse comporre un tale delirio perifrastico! meraviglioso...esilarante! almeno quanto insensato purtroppo...ma si sà, tutti i geni sono un po' pazzerelli :D
    • tuba scrive:
      Re: Ci mancava solo l'Uccello Stonato!
      devo ammettere che sei davvero bravo...senti un po', ma tutte queste te le studi di notte invece che dormire? oppure ti sniffi qualcosa di forte?
    • The Bishop scrive:
      Re: Ci mancava solo l'Uccello Stonato!
      Hai mai sentito parlare del lavoro ???Normalmente tira via dalla strada gente come te che non ha un caxxo da fare alle 0.18 del mattino se non quello di fare post osceni e deliranti come questo!
    • Max3D scrive:
      Re: Ci mancava solo l'Uccello Stonato!
      Altrochè putroppo è vero :(io sono stato un sostenitore di firefox, thunderbid, seamonkey, e chi più ne ha più ne metta ma alla finefirefox è diventato un pachiderma, ormai tra lui e internet explorer non so chi ci mette di più a partire.Thunderbid è la più grossa collection di bugs che un gestore di posta abbia mai avuto e insomma... come darti torto -.-'
    • Funz scrive:
      Re: Ci mancava solo l'Uccello Stonato!
      - Scritto da: Gold Partner
      Dopo pinguini spennacchiati, volpi piromani e
      cani mangiapennello si è aggiunto un nuovo
      improbabile essere al Bestiario
      dell'opensource.Vuoi un consiglio? Lascia perdere, non sei un granchè come troll. Anche se hai una buona proprietà di linguaggio hai poca fantasia e la tua trollata si limita alla sterile invettiva e alla presa in giro del nome (come in prima media).Voto: 5/10Applicati di più
    • pippo scrive:
      Re: Ci mancava solo l'Uccello Stonato!

      Questo programma è la vetta del tipico sviluppo
      cantinaro che consiste nel massimizzare il Bloat.
      Infatti un semplice lettore di mp3 (che potrebbe
      stare in 1 mb di eseguibile) è stato forgiato
      dall'accrocchio fra i software più bloat della
      storia: firefox, vlc, xul e altre mille
      librerie.P.S. un lettore mp3 DOVREBBE stare tranquillamente sotto i 100K di eseguibile :D
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: Ci mancava solo l'Uccello Stonato!
      Non c'è niente di male a chiedere anche un pò di look da un lettore multimediale.
    • Ivan! scrive:
      Re: Ci mancava solo l'Uccello Stonato!
      - Scritto da: Gold Partner
      Dopo pinguini spennacchiati, volpi piromani e
      cani mangiapennello si è aggiunto un nuovo
      improbabile essere al Bestiario
      dell'opensource.

      Questo programma è la vetta del tipico sviluppo
      cantinaro che consiste nel massimizzare il Bloat.
      Infatti un semplice lettore di mp3 (che potrebbe
      stare in 1 mb di eseguibile) è stato forgiato
      dall'accrocchio fra i software più bloat della
      storia: firefox, vlc, xul e altre mille
      librerie.

      Morale della favola, dopo l'uccello fulminato,
      l'airone ardente e il pinguino spennacchiato,
      questo non è altro che l'ennesimo insulso pennuto
      che si aggiunge alla già sovraffollata voliera
      linara. Egli, come i suoi compagni, è totalmente
      incapace di lasciare il suo nido sorcioforgiaro e
      dovrà essere imbeccato a vita dagli schiavi di
      $talmann. A questo punto possiamo solo sperare in
      un'aviaria
      digitale.

      (win)
    • Muzio Scevola scrive:
      Re: Ci mancava solo l'Uccello Stonato!
      Ciao,solo per dirti che sei un grande, ho riso veramente di gusto!!La tua uscita potrebbe sembrare una trollata, in realtà è quasi una poesia. Io tutto sommato, potrei rientrare nella definizione di Linaro, però lo dico sinceramente quello che hai scritto mi ha fatto ridere veramente di gusto, ma non una risata che fai in faccia a chi ti sta sulle scatole, no no una risata genuina!grazie per questo momento!
    • q.a. scrive:
      Re: Ci mancava solo l'Uccello Stonato!
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • filosofo scrive:
    Provato e non è all'altezza!
    Meglio Gom o Vlc..Troppo acerbo per ora!
Chiudi i commenti