Bitcoin: l'Africa è pronta a una rivoluzione monetaria crypto

Bitcoin: l'Africa è pronta a una rivoluzione monetaria crypto

Scopriamo come Bitcoin sta aiutando l'Africa a combattere la corruzione e a una rivoluzione crypto che potrebbe cambiare le sorti del Paese.
Scopriamo come Bitcoin sta aiutando l'Africa a combattere la corruzione e a una rivoluzione crypto che potrebbe cambiare le sorti del Paese.

L'Africa purtroppo è definita il centro della corruzione. Proprio per questo la maggior parte dei leader del Paese non sceglierà mai di abbracciare il mercato delle criptovalute. Il rifiuto dei sistemi finanziari legacy ha però portato molti africani a cercare un cambiamento. Appoggiandosi a Bitcoin hanno sviluppato, sotto traccia, una “pacifica rivoluzione monetaria“. Inoltre, la regina delle crypto sta aiutando questo Paese a combattere le disuguaglianze sociali, la carenza di istruzione, la crisi economica e l'alto tasso di disoccupazione.

Bitcoin e la rivoluzione monetaria dell'Africa

Partiamo dal presupposto che Bitcoin potrebbe davvero aiutare una società in profonda crisi risollevando le sorti dell'Africa. Infatti, in tutto il Paese è in atto una iperbitcoinizzazione che sta costruendo l'infrastruttura necessaria per accogliere tutti gli africani che vogliono accedere al mondo delle criptovalute.

Pensiamo a Ejare, piattaforma di livello mondiale che permette la scalata nel mondo crypto diffondendo, soprattutto in Africa, l'idea di autosovranità. Fedele al concetto di Bitcoin “non le tue chiavi, non il tuo formaggio“, la ricchezza sudata con fatica non può essere ceduta alle banche in prestiti non garantiti quali i depositi.

Inoltre, grazie al lavoro da remoto, sono molti i giovani africani che ora possono avere un lavoro visto l'alto tasso di disoccupazione nel continente. Ciò ha portato diversi a voler essere pagati in Bitcoin. Un'ottima soluzione ai costi di commissione.

Pensiamo che il 6 dicembre Bitwage ha pagato il primo stipendio tramite Lightning. Un enorme passo in avanti visto che ora questi giovani, che lavorano da remoto, potranno essere pagati istantaneamente e senza veder dissolvere parte dei loro guadagni negli enormi costi di servizio imposti, ad esempio, da Western Union.

Insomma, Bitcoin e le altre criptovalute si riveleranno così un ottimo trampolino di lancio per coloro che cercano di far fruttare il loro lavoro in Africa. Un valore che sembrava ormai perso e appannaggio di pochi. Ora però, grazie a questa rivoluzione crypto, già dal 2022 potremo assistere a notevoli cambiamenti.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

29 12 2021
Link copiato negli appunti