Bitcoin City: secondo Bukele un vulcano inattivo potrà alimentarla al 90%

Bitcoin City: secondo Bukele un vulcano inattivo potrà alimentarla al 90%

Secondo Nayib Bukele, presidente di El Salvador, Bitcoin City sarà alimentata al 90% da un vulcano inattivo, ma resta ancora un 10% da trovare.
Secondo Nayib Bukele, presidente di El Salvador, Bitcoin City sarà alimentata al 90% da un vulcano inattivo, ma resta ancora un 10% da trovare.

Nayib Bukele, presidente di El Salvador, non ha dubbi. Bitcoin City potrà essere alimentata per il 90% da un singolo vulcano inattivo. Secondo i calcoli del giovane presidente potrebbe mancare all’appello un 10%, ma nessun problema. La soluzione c’è, perché secondo lui se l’energia pianificata per la città non dovesse bastare, superando la capacità del vulcano, si potrà utilizzare altra energia geotermica proveniente da ulteriori siti.

Energia geotermica per alimentare Bitcoin City

Sarà dunque l’energia geotermica che alimenterà Bitcoin City. Il progetto, secondo Bukele, oltre a essere finanziato dai Bitcoin Bond, richiederà circa 42 megawatt utilizzando il vulcano Conchagua. Questo è quanto ha dichiarato il presidente di El Salvador in una nota ufficiale pubblicata domenica scorsa.

Il geotermico è, difatti, una delle principali risorse naturali di El Salvador che contribuisce ogni anno circa 1.000 gigawatt alla fornitura nazionale. Di questa produzione ne è responsabile LaGeo, la compagnia elettrica statale salvadoregna che all’attivo ha due centrali: una ad Ahuachapán e l’altra a Usulután.

Nondimeno la visione di Nayib Bukele è decisamente ambiziosa e pare essere convito dei progetti all’attivo per Bitcoin City tanto che, nella comunicazione ufficiale del presidente, è stato dichiarato:

Abbiamo scavato nuovi pozzi e abbiamo in programma di aumentare la nostra produzione geotermica. In totale, quattro stanno per contribuire alla produzione. Uno dei pozzi, che ha fatto più progressi nel processo di consolidamento, ha la capacità di fornire 95 megawatt di energia pulita, economica e rinnovabile, da una fonte che durerà almeno un paio di milioni di anni.

Quello che sarà prodotto in eccesso verrà destinato all’industria del mining di Bitcoin, aggiungendo così più criptovalute di quelle che saranno già in circolazione. Tutto questo attraverso apparecchiature informatiche dotate di una tecnologia avanzata. Inoltre, proprio Nayib Bukele, in merito a Bitcoin City e all’energia elettrica che servirà ad alimentarla, ha affermato:

Che dire del vulcano inattivo Conchagua? Abbiamo una probabilità del 90% di trovare un pozzo (con capacità) per (contribuire) almeno 42 megawatt. Abbastanza per fornire energia all’intera Bitcoin City. Se la domanda aumenterà a causa della crescita della città, più del previsto, potrà sempre essere prelevata dagli altri pozzi che ora sono in preparazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 11 gen 2022
Link copiato negli appunti