Bitcoin, fra bancomat e class action

Arriva a Roma la possibilità di ritirare la crittovaluta. Mentre in Giappone infiamma la class action contro Mt. Gox

Roma – Mentre a Roma è arrivato il primo bancomat italiano per la moneta digitale (il prototipo, frutto della collaborazione tra le startup CoinCapital e OpenPicus, è stato presentato e installato presso l’acceleratore d’impresa Working capital di Telecom Italia), in Giappone prosegue la class action contro Mt.Gox, l’exchange Bitcoin nato in principio per il gioco di carte da collezione Magic The Gathering che ha dichiarato bancarotta in seguito ai problemi avuti nei mesi scorsi.

Presente e passato della crittovaluta continuano ad intrecciarsi ed è da questo groviglio che dovrebbe spuntare il filo del destino di Bitcoin: la valuta digitale come tutte le monete ha un valore proporzionale alla fiducia che vi si ripone, così è importante che si faccia chiarezza sui problemi avuti nelle settimana scorse in seguito alla scoperta di un bug e a quello che si sta facendo affinché tali non si ripetano.

Valutazioni e class action
D’altronde, anche se Goldman Sachs ha colpito duro la crittovaluta ( definita in un memo interno una non-moneta sulla via del tramonto), per il momento la valutazione di Bitcoin non sembra esserne stata influenzata e, anzi, si affacciano sulla scena internazionale nuovi operatori e idee di business , come l’ accordo ] Perseus Telecom-Atlas ATS per lanciare un sistema di scambio di bitcoin globlale (con basi a New York, Singapore ed Hong Kong).

Nel frattempo, tuttavia, parallelamente a quella giapponese sono state intentate due altre class action (una statunitense ed una canadese) nei confronti dell’exchange Mt. Gox che ha dichiarato bancarotta, ma che è accusata di nascondere ancora i proventi effettuati tramite la crittovaluta e di aver effettuato transazioni senza la necessaria copertura economica.

Nell’accusa è stata coinvolta anche la banca giapponese Mizuho, chiamata in causa da un cittadino dell’Illinois per aver “mancato intenzionalmente di offrire ai suoi utenti il necessario livello di sicurezza per cui era pagata”.

Il trojan nascosto nel database Mt. Gox
Nel frattempo appare più chiara l’analisi di quanto accaduto nelle settimana scorse: Kaspersky ha spiegato che il file MtGox2014Leak.zip con cui nei giorni scorsi sono stati divulgati i dati raccolti con la violazione dell’account Reddit di Mark Karpeles, CEO di Mt. Gox, e del suo blog personale, altro non era che un trojan creato per cercare e sottrarre file dai portafogli Bitcoin delle loro vittime.

Un passato di ombre ed un futuro tutto da scrivere
Le origini di Bitcoin restano oscure: Satoshi Dorian Nakamoto, l’uomo ritenuto da un reportage la figura misteriosa che si nasconde nelle origini di Bitcoin, è tornato a negare di esserne il creatore, sottolineando come la sua azienda abbia fallito nel 2013 per mancanza di fondi e come non abbia competenza sulla tecnologie legata alla crittovaluta.

Il futuro, peraltro è ancora da definire, e un ruolo determinante lo giocherà probabilmente l’atteggiamento delle autorità: stavolta si sono espresse sulla moneta digitale sia Singapore che New York. Il problema della cittovaluta, d’altra parte, resta l’accettazione: e mentre le autorità della Grande Mela stanno pensando di regolarne le transazioni, la nuova normativa pensata da Singapore sembra volerne limitarne gli scambi, per la “natura anonima” delle operazioni così effettuate.

Crittovaluta per Wikimedia?
Jimmy Wales, intanto, ha dato involontariamente vita ad una raccolta fondi tramite Bitcoin: sperimentando le transazioni con la crittovaluta ha per sbaglio diffuso il suo indirizzo BTC.

Questo ha dato il via ad una non richiesta serie di donazioni (che Wales ha detto che trasferirà da quello che è il suo conto personale a Wikimedia) con lo scopo di spingere il cofondatore dell’enciclopedia libera a studiare l’importanza della crittovaluta.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nemo scrive:
    Alternativa IRC
    Vi posso consigliare un'alternativa a XdccMule. XdccDownloader al seguente link http://playxz.altervista.org/blog/xdcc-downloader/. Non dovrete più preoccuparvi di gestire le connessioni, ricezione di file già esistenti, tutto presente in una sola finestra con le sole cose che interessano il nostro download. Il prgrammain questione è multipiattaforma ovvero per Windows, Linux e Mac OSX.
  • fgfdgdg scrive:
    Legale?...
    con tutta la buona volontà..come riescono a definire legale un servizio che ha come unico scopo quello di vedere gratuitamente film scaricati via torrent in modo evidentemente illegale?
    • lorenzo scrive:
      Re: Legale?...
      Dov'e' l'evidenza ? Sul torrent ci sono i contenuti ... legali e illegali il mezzo e' neutro di per se .
      • Allibito scrive:
        Re: Legale?...
        - Scritto da: lorenzo
        Dov'e' l'evidenza ?
        Sul torrent ci sono i contenuti ... legali e
        illegali il mezzo e' neutro di per se
        .Di per se... ma grazie a quel sito si compiono migliaia di reati al minuto.
        • Izio01 scrive:
          Re: Legale?...
          - Scritto da: Allibito
          - Scritto da: lorenzo

          Dov'e' l'evidenza ?

          Sul torrent ci sono i contenuti ... legali e

          illegali il mezzo e' neutro di per se

          .
          Di per se... ma grazie a quel sito si compiono
          migliaia di reati al minuto.Questo non cambia il fatto che il mezzo si possa utilizzare anche in maniera perfettamente regolare, e quindi tu non abbia alcun diritto di vietarlo, come non puoi vietare la vendita di accette, trance o coltelli da cucina.
        • krane scrive:
          Re: Legale?...
          - Scritto da: Allibito
          - Scritto da: lorenzo

          Dov'e' l'evidenza ?

          Sul torrent ci sono i contenuti ... legali

          e illegali il mezzo e' neutro di per se.
          Di per se... ma grazie a quel sito si compiono
          migliaia di reati al minuto.Calcola che Azure di microsoft e' complice di una discreta parte di siti che indicizzano .torrent, in quanto puntano al clowd Microsoft, io denuncerei Bill fossi in te.
          • Allibito scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Allibito

            - Scritto da: lorenzo


            Dov'e' l'evidenza ?


            Sul torrent ci sono i contenuti ...
            legali


            e illegali il mezzo e' neutro di per se.


            Di per se... ma grazie a quel sito si
            compiono

            migliaia di reati al minuto.

            Calcola che Azure di microsoft e' complice di una
            discreta parte di siti che indicizzano .torrent,
            in quanto puntano al clowd Microsoft, io
            denuncerei Bill fossi in
            te.E' nel mirino infatti...Le indicizzazioni di siti illegali sono oggetto di discussione, in Agcom è un capitolo a parte.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Legale?...
            contenuto non disponibile
        • Etype scrive:
          Re: Legale?...
          Fossero solo questi i reati penso che tutti ci metterebbero la firma :DLeale,illegale ....è solo un concetto astratto nella nostra mente.Nella realtà esite "lo trovo,lo prendo",oppure "so farlo,lo faccio"...e non solo in informatica...
        • cicciobello scrive:
          Re: Legale?...
          Anche grazie alle automobili si compiano migliaia di reati al giorno. Vuoi vietarle? Non è che per caso nascondi un interesse personale (tipo... hai un'officina da maniscalco e pensi che se si tornasse ai cavalli guadagneresti di più)?
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Legale?...
            Volendo continuare su questa linea di pensiero, anche con ciò che deriva dall'attività di maniscalco si possono compiere reati. Facendo il confronto con gli esempi a noi cari ... il videonoleggiatore medio sa che il DVD che noleggia è spesso e volentieri copiato, oltre ad essere visionato, ma dal momento che in ciò ci guadagna ... se ne frega !
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Legale?...
            contenuto non disponibile
    • fgfdgdg scrive:
      Re: Legale?...
      senza offendere l' intelligenza di nessuno: trovatemi la percentuale di film legali su YTS.Per favore, su. Che pure nella homepage l'immagine che usavano erano tutte le ultime uscite :)
      • bubba scrive:
        Re: Legale?...
        - Scritto da: fgfdgdg
        senza offendere l' intelligenza di nessuno:
        trovatemi la percentuale di film legali su
        YTS.
        a naso 100%. Visto che non c'e' alcun film su YTS :)
        Per favore, su. Che pure nella homepage
        l'immagine che usavano erano tutte le ultime
        uscite
        :)
        • fgfdgdg scrive:
          Re: Legale?...
          - Scritto da: bubba
          - Scritto da: fgfdgdg

          senza offendere l' intelligenza di nessuno:

          trovatemi la percentuale di film legali su

          YTS.


          a naso 100%. Visto che non c'e' alcun film su YTS
          :)ok, con queste risposte, è inutile andare avanti ;)d'altronde,come da Napster in poi, questa teoria è proprio a prova di bomba legale :)
          • bubba scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: fgfdgdg
            - Scritto da: bubba

            - Scritto da: fgfdgdg


            senza offendere l' intelligenza di
            nessuno:


            trovatemi la percentuale di film legali
            su


            YTS.




            a naso 100%. Visto che non c'e' alcun film
            su
            YTS

            :)


            ok, con queste risposte, è inutile andare avanti
            ;)e perche'? tu hai forse trovato un FILM su yts.re ? magari sui cloud di putdrive, su Mega, ecc... ma li' proprio no.A forza di leggere la stampa propagandista hai dimenticato la realta' tecnologica? :)
            d'altronde,come da Napster in poi, questa teoria
            è proprio a prova di bomba legale
            :)non e' una teoria. E' la realta' tecnica.Poi che gli azzeccagarbugli e i lobbisti inquinino la realta' a botte di capriole legali, e' un fatto ben noto.... niente e nessuno e' al sicuro da un'orda di avvocati ben foraggiati :)
          • fgfdgdg scrive:
            Re: Legale?...
            a prescindere dal fatto che usato un termine ben definito (servizio), il diritto d'autore entra nella sfera legale, non "tecnica".E, mi spiace per tutti i "tecnici" che proprio non riescono a concepirlo, 15 anni di cause legali sui servizi p2p di condivisione di file (che,per definizione,sono servizi dove il file non è presente fisicamente sui sistemi ma sui peer sorgenti) hanno dimostrato che questa logica,nella sfera legale, non regge.Puoi disquisire sul fatto che un link non è il file etc etc.Legalmente la cosa non regge.Punto.
          • Izio01 scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: fgfdgdg
            a prescindere dal fatto che usato un termine ben
            definito (servizio), il diritto d'autore entra
            nella sfera legale, non
            "tecnica".
            E, mi spiace per tutti i "tecnici" che proprio
            non riescono a concepirlo, 15 anni di cause
            legali sui servizi p2p di condivisione di file
            (che,per definizione,sono servizi dove il file
            non è presente fisicamente sui sistemi ma sui
            peer sorgenti) hanno dimostrato che questa
            logica,nella sfera legale, non
            regge.
            Puoi disquisire sul fatto che un link non è il
            file etc etc.Legalmente la cosa non
            regge.Punto.Al che viene da chiedersi chi faccia le leggi e quali interessi intenda tutelare. Non mi sembra che siano altrettanto scattanti nell'intervenire, o flessibili nell'interpretazione dei termini, quando ad essere danneggiati sono gli utenti. Un esempio? Le innumerevoli truffe a danno degli utenti di 3, che si trovano a dover pagare traffico sul portale di 3 (a pagamento) per aver cliccato un banner pubblicitario che NON chiede alcuna conferma né indica il costo della navigazione.Questo nella sfera legale apparentemente regge, visto che continuano imperterriti, il che mi fa pensare che ad essere tutelato sia solo chi può ungere gli ingranaggi giusti.
          • Leguleio scrive:
            Re: Legale?...

            Al che viene da chiedersi chi faccia le leggi e
            quali interessi intenda tutelare. La legge sul diritto d'autore, lo dice la parola, tutela gli autori in senso lato: cantanti, parolieri, musicisti, editori musicali, case discografiche, e un livello superiore, sceneggiatori, registi, attori e case di produzione cinematografiche.Attenzione però che non sempre il bene tutelato è confessabile in pubblico. In certi casi va ricercato fra le righe.
            Non mi sembra
            che siano altrettanto scattanti nell'intervenire,
            o flessibili nell'interpretazione dei termini,
            quando ad essere danneggiati sono gli utenti. Qui però ritorniamo nel ragionamento da scuola materna "Signora maestra, io ho fatto una linguaccia, ma Gigetto mi dà i pizzicotti da stamattina: non è giusto, punisca anche lui".La giustizia continua ad operare e ad avere legittimità anche quando colpisce in maniera asimmetrica.
            Un
            esempio? Le innumerevoli truffe a danno degli
            utenti di 3, che si trovano a dover pagare
            traffico sul portale di 3 (a pagamento) per aver
            cliccato un banner pubblicitario che NON chiede
            alcuna conferma né indica il costo della
            navigazione.Attenzione che il reato di truffa è più lieve di quello di violazione del diritto d'autore, e tra l'altro è necessaria una querela vera e propria: per importi di quell'ordine non so chi se la senta di sporgerla.In ogni caso, operazioni commerciali che un tempo erano perfettamente lecite e ampiamente utilizzate sono state pian piano rese illegali per "proteggere" gli utenti, quindi qualcosa si muove anche lì. Due esempi: le vendite piramidali, e la tassa per la ricarica dei cellulari.
            Questo nella sfera legale apparentemente regge,
            visto che continuano imperterriti, il che mi fa
            pensare che ad essere tutelato sia solo chi può
            ungere gli ingranaggi
            giusti.Tutelato è chi si fa sentire per invocare tutela. A starsene zitti, o a brontolare sui forum, sta' certo che la giustizia non si muove.
          • bubba scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: fgfdgdg
            a prescindere dal fatto che usato un termine ben
            definito (servizio), il diritto d'autore entra
            nella sfera legale, non
            "tecnica".uhn? rispondevo a questo"


            trovatemi la percentuale di film legali
            su


            YTS.




            a naso 100%. Visto che non c'e' alcun film
            su
            YTS"e' un fatto tecnico. il bittorrent funziona cosi'.
            E, mi spiace per tutti i "tecnici" che proprio
            non riescono a concepirlo, 15 anni di cause
            legali sui servizi p2p di condivisione di file
            (che,per definizione,sono servizi dove il file
            non è presente fisicamente sui sistemi ma sui
            peer sorgenti) hanno dimostrato che questa
            logica,nella sfera legale, nonE' tutt'altro che lineare quel che dici. Da un lato la legislazione ha introdotto cavilli su cavilli (prima inesistenti) proprio per interpretare "creativamente" il fatto che, pur mancando materiale in violazione [quindi cascherebbe tutto il castello] posso lo stesso punire qualcuno. Dall'altro, oltre a essere ingiusto (evabbe'), si e' dimostrato tutt'altro che inattaccabile e paritetico per tutti (si veda la disfatta di Brein, le lotte degli ISP, l'esistenza di bitTorrent, inc creatore di uTorrent e altri 100000 "ondeggiamenti legali" e cat-n-mouse game )Essendo il metodo fallato alla base, non puo' funzionare coerentemente e linearmente...Il principio fondante dell'esistenza di questa roba e' molto semplice e chiaro... viene creata un opera di ingegno, e un set di persone puo' accampare diritti vari (lasciamo stare le tempistiche abnormi ecc). che possono venir violati. Nel caso di specie sarebbero i diritti sulla distribuzione. ORA , se l'opera NON c'e' (e su YTS e in un portale che pubblica un http link NON c'e' ) nessuna violazione puo' essere imputata a quei "soggetti". Molto semplice.Per evitare di perseguire CHI ha l'opera (e mostrare al mondo le nefandezze dell'attuale inapplicabile obesa incoerente normativa ) sono andati a perseguire/minacciare/ecc con le capriole piu incredibili, soggetti terzi di ogni specie. Molto male :P Ovviamente non puo' funzionare molto bene questo metodo...
            regge.
            Puoi disquisire sul fatto che un link non è il
            file etc etc.Legalmente la cosa non
            regge.Punto.pero' tecnicamente un http link non e' un file. Orde di lobbisti possono trasformare il bianco in nero, si sa... pero' questo non cambia il fatto tecnico..
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: fgfdgdg
            a prescindere dal fatto che usato un termine ben
            definito (servizio), il diritto d'autore entra
            nella sfera legale, non "tecnica".
            E, mi spiace per tutti i "tecnici" che proprio
            non riescono a concepirlo, 15 anni di cause
            legali sui servizi p2p di condivisione di file
            (che,per definizione,sono servizi dove il file
            non è presente fisicamente sui sistemi ma sui
            peer sorgenti) hanno dimostrato che questa
            logica,nella sfera legale, non regge.I siti possono contenere tutti i LINK che ti pare, <b
            MA SE NON CI SONO PERSONE CHE CONDIVIDONO QUEL CONTENUTO DAI PROPRI COMPUTER, NON SCARICHERAI UN SOLO BIT PROTETTO DA COPYRIGHT </b
            .Tale <b
            FATTO </b
            è sufficiente per definire i LINK legali, indipendentemente da come ti piacerebbe che girasse il mondo o da come piacerebbe alle major o ai magistrati.
          • ... scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            o da come
            piacerebbe alle major o ai
            magistrati.I magistrati si limitano ad applicare le leggi vigenti, che vengono emanate dai politici , esattamente come i vigili urbani si limitano ad applicare il codice della strada che non hanno scritto loro.E' a livello politico che bisogna andare a cercare le responsabilitá.
          • 2014 scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato


            o da come

            piacerebbe alle major o ai

            magistrati.

            I magistrati si limitano ad applicare le leggi
            vigenti, che vengono emanate dai <u
            politici </u
            ,
            esattamente come i vigili urbani si limitano ad
            applicare il codice della strada che non hanno
            scritto
            loro.Vero è una congiura!Quel cartello con scritto 50 in nero con bordo rosso, non era per me :D
          • sgabbia scrive:
            Re: Legale?...
            pere per mele[img]http://ricettablog.it/files/2012/01/mele-e-pere-gratinate1.jpg[/img]
          • Leguleio scrive:
            Re: Legale?...

            I siti possono contenere tutti i LINK che ti
            pare, <b
            MA SE NON CI SONO PERSONE CHE
            CONDIVIDONO QUEL CONTENUTO DAI PROPRI COMPUTER,
            NON SCARICHERAI UN SOLO BIT PROTETTO DA COPYRIGHT
            </b

            .Lo stile di Luco si riconosce sempre: tutto maiuscolo come se piovesse.
            Tale <b
            FATTO </b
            è sufficiente
            per definire i LINK legali, indipendentemente da
            come ti piacerebbe che girasse il mondo o da come
            piacerebbe alle major o ai
            magistrati.Nessuno va a disquisire se i link sono legali o no, mi pare una questione di stampo flosofico. Si chiudono i siti che li ospitano, se ci si riesce. :|
          • bubba scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: Leguleio

            I siti possono contenere tutti i LINK che ti

            pare, <b
            MA SE NON CI SONO PERSONE

            Tale <b
            FATTO </b
            è
            sufficiente

            per definire i LINK legali,
            indipendentemente
            da

            come ti piacerebbe che girasse il mondo o da
            come

            piacerebbe alle major o ai

            magistrati.

            Nessuno va a disquisire se i link sono legali o
            no, mi pare una questione di stampo flosofico. Si
            chiudono i siti che li ospitano, se ci si riesce.
            :|... mi piace questo "nuovo corso" del Legu... un po' piu' indisponente verso gli atteggiamenti iniqui dei legislatori-portaborse :P
          • panda rossa scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: Leguleio

            Nessuno va a disquisire se i link sono legali o
            no, mi pare una questione di stampo flosofico. Si
            chiudono i siti che li ospitano, se ci si riesce.
            :|Spiegaci perche' togliere informazioni dalla rete senza alcuna verifica ma solo dietro indicazione di qualcuno che strilla, non e' censura.
          • Leguleio scrive:
            Re: Legale?...


            Nessuno va a disquisire se i link sono
            legali
            o

            no, mi pare una questione di stampo
            flosofico.
            Si

            chiudono i siti che li ospitano, se ci si
            riesce.

            :|

            Spiegaci perche' togliere informazioni dalla rete
            senza alcuna verifica ma solo dietro indicazione
            di qualcuno che strilla, non e'
            censura.Anche questa parola magica, "censura", è sopravvalutata.Avere un sito o un weblog non è considerato un diritto civile inalienabile. Quindi si chiudono con maggior leggerezza e rapidità rispetto al sequestro di libri e di giornali.
          • Passante scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: Leguleio


            Nessuno va a disquisire se i link sono

            legali

            o


            no, mi pare una questione di stampo

            flosofico.

            Si


            chiudono i siti che li ospitano, se ci
            si

            riesce.


            :|



            Spiegaci perche' togliere informazioni dalla
            rete

            senza alcuna verifica ma solo dietro
            indicazione

            di qualcuno che strilla, non e'

            censura.

            Anche questa parola magica, "censura", è
            sopravvalutata.
            Avere un sito o un weblog non è considerato un
            diritto civile inalienabile.Ms non c'era la liberta' di parola ?
          • Leguleio scrive:
            Re: Legale?...




            Nessuno va a disquisire se i link
            sono


            legali


            o



            no, mi pare una questione di stampo


            flosofico.


            Si



            chiudono i siti che li ospitano,
            se
            ci

            si


            riesce.



            :|





            Spiegaci perche' togliere informazioni
            dalla

            rete


            senza alcuna verifica ma solo dietro

            indicazione


            di qualcuno che strilla, non e'


            censura.



            Anche questa parola magica, "censura", è

            sopravvalutata.

            Avere un sito o un weblog non è considerato
            un

            diritto civile inalienabile.

            Ms non c'era la liberta' di parola ?Sí, e c'è anche la libertà per i governi di non farla circolare troppo per iscritto, questa parola. la parola ha da rimanere orale.
          • ... scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: Leguleio
            non farla circolare troppo per iscritto, questa
            parola. la parola ha da rimanere
            orale.http://www.text2speech.org/
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: Leguleio


            non farla circolare troppo per iscritto,
            questa

            parola. la parola ha da rimanere

            orale.


            http://www.text2speech.org/http://er-finestra.softonic.it
          • Leguleio scrive:
            Re: Legale?...
            Metteteci anche questo per completezza, via:http://tinyurl.com/p9p3sbn-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 marzo 2014 09.30-----------------------------------------------------------
          • Funz scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: Leguleio
            Sí, e c'è anche la libertà per i governi di
            non farla circolare troppo per iscritto, questa
            parola. la parola ha da rimanere
            orale.tu non ne hai la più pallida idea, di cosa sia la libertà.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: Leguleio
            Anche questa parola magica, "censura", è
            sopravvalutata.Non viene nemmeno verificato se il contenuto è effettivamente quello che dice di essere.
            Avere un sito o un weblog non è considerato un
            diritto civile inalienabile.Vallo a dire ai dissidenti cinesi.
          • Leguleio scrive:
            Re: Legale?...


            Anche questa parola magica, "censura", è

            sopravvalutata.

            Non viene nemmeno verificato se il contenuto è
            effettivamente quello che dice di
            essere.Ci sono i ricorsi apposta. Tu vuoi lasciare disoccupati gli avvocati?

            Avere un sito o un weblog non è considerato
            un

            diritto civile inalienabile.

            Vallo a dire ai dissidenti cinesi.Se vuoi glielo dico, ma lo sanno già. Nei Paesi con una maggioranza e un'opposizione i pareri dei dissidenti vengono pubblicati sulla stampa d'opposizione, che ha le sue garanzie. Non dai weblog, quelli sono un "di più", spesso un puro hobby.
          • panda rossa scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: Leguleio


            Anche questa parola magica, "censura", è


            sopravvalutata.



            Non viene nemmeno verificato se il contenuto
            è

            effettivamente quello che dice di

            essere.

            Ci sono i ricorsi apposta. Tu vuoi lasciare
            disoccupati gli avvocati?





            Avere un sito o un weblog non è
            considerato

            un


            diritto civile inalienabile.



            Vallo a dire ai dissidenti cinesi.

            Se vuoi glielo dico, ma lo sanno già. Nei Paesi
            con una maggioranza e un'opposizione i pareri dei
            dissidenti vengono pubblicati sulla stampa
            d'opposizione, che ha le sue garanzie. Non dai
            weblog, quelli sono un "di più", spesso un puro
            hobby.Nei paesi con una maggioranza e una opposizione non ci sono dissidenti, ma c'e', per l'appunto, opposizione.Dove ci sono dissidenti, c'e' solo una maggioranza governativa.L'opposizione e' stata abolita.Per questo ci sono i dissidenti, i quali non hanno diritti, non hanno liberta' di stampa, non hanno liberta' di parola, non hanno niente tranne che la tecnologia della rete per poter raccontare al resto del mondo come stanno realmente le cose.
          • Leguleio scrive:
            Re: Legale?...




            Anche questa parola magica,
            "censura",
            è



            sopravvalutata.





            Non viene nemmeno verificato se il
            contenuto

            è


            effettivamente quello che dice di


            essere.



            Ci sono i ricorsi apposta. Tu vuoi lasciare

            disoccupati gli avvocati?









            Avere un sito o un weblog non è

            considerato


            un



            diritto civile inalienabile.





            Vallo a dire ai dissidenti cinesi.

            Se vuoi glielo dico, ma lo sanno già. Nei
            Paesi

            con una maggioranza e un'opposizione i
            pareri
            dei

            dissidenti vengono pubblicati sulla stampa

            d'opposizione, che ha le sue garanzie. Non
            dai

            weblog, quelli sono un "di più", spesso un
            puro

            hobby.
            Nei paesi con una maggioranza e una opposizione
            non ci sono dissidenti, ma c'e', per l'appunto,
            opposizione.Be', oddio, certi facinorosi che quando possono incendiano le camionette della polizia non rientrano nemmeno nella categoria opposizione. Chiamali antagonisti se non vuoi chiamarli dissidenti, il succo è quello.
            Dove ci sono dissidenti, c'e' solo una
            maggioranza
            governativa.Esatto. E in un sistema del genere la questione dei diritti su internet è proprio l'ultima per importanza. Perché i diritti mancano innanzitutto per quanto riguarda il sistema giustizia, il sistema carcerario, e nella possibilità riconosciuta di aggregazione in formazioni politiche o di altro tipo.
            L'opposizione e' stata abolita.O non c'è mai stata. Siamo nel 2014, ma alcuni Stati nel mondo non hanno mai conosciuto la democrazia nella loro storia.
            Per questo ci sono i dissidenti, i quali non
            hanno diritti, non hanno liberta' di stampa, non
            hanno liberta' di parola, non hanno niente tranne
            che la tecnologia della rete per poter raccontare
            al resto del mondo come stanno realmente le
            cose.Non mi stai raccontando nulla di nuovo. Pensare che i Paesi che non ammettono una stampa, una radio, un tv contraria al governo permettano i weblog è puerile. Poi a volte riescono a soffocare le voci sul web immediatamente, a volte ci vuole di più. Per chi vive al di fuori di quei contesti è un grave problema, perché vede solo quello dal monitor del PC. Per chi ci vive dentro, ogni giorno, è un problema di secondaria importanza, e si sapeva già da subito che si incorreva in sanzioni.
          • Funz scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: Leguleio


            Se vuoi glielo dico, ma lo sanno già.
            Nei

            Paesi


            con una maggioranza e un'opposizione i

            pareri

            dei


            dissidenti vengono pubblicati sulla
            stampa


            d'opposizione, che ha le sue garanzie.
            Non

            dai


            weblog, quelli sono un "di più", spesso
            un

            puro


            hobby.irrilevante. La libertà c'è per tutti, o non c'è.
            Be', oddio, certi facinorosi che quando possono
            incendiano le camionette della polizia non
            rientrano nemmeno nella categoria opposizione.
            Chiamali antagonisti se non vuoi chiamarli
            dissidenti, il succo è
            quello.non c'entra un XXXXX


            Dove ci sono dissidenti, c'e' solo una

            maggioranza

            governativa.

            Esatto. E in un sistema del genere la questione
            dei diritti su internet è proprio l'ultima per
            importanza. Perché i diritti mancano innanzitutto
            per quanto riguarda il sistema giustizia, il
            sistema carcerario, e nella possibilità
            riconosciuta di aggregazione in formazioni
            politiche o di altro tipo.non c'entra un XXXXX

            L'opposizione e' stata abolita.

            O non c'è mai stata. Siamo nel 2014, ma alcuni
            Stati nel mondo non hanno mai conosciuto la
            democrazia nella loro
            storia.non c'entra un XXXXX
            Non mi stai raccontando nulla di nuovo. Pensare
            che i Paesi che non ammettono una stampa, una
            radio, un tv contraria al governo permettano i
            weblog è puerile. Poi a volte riescono a
            soffocare le voci sul web immediatamente, a volte
            ci vuole di più. Per chi vive al di fuori di quei
            contesti è un grave problema, perché vede solo
            quello dal monitor del PC. Per chi ci vive
            dentro, ogni giorno, è un problema di secondaria
            importanza, e si sapeva già da subito che si
            incorreva in
            sanzioni.e a te tutto ciò piace molto, perché sei un illiberale.
          • Beppe Grillo scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: panda rossa
            Nei paesi con una maggioranza e una opposizione
            non ci sono dissidenti, ma c'e', per l'appunto,
            opposizione.

            Dove ci sono dissidenti, c'e' solo una
            maggioranza
            governativa.
            L'opposizione e' stata abolita.Esatto, proprio come nel M5S
            Per questo ci sono i dissidenti, i quali non
            hanno diritti, non hanno liberta' di stampa, non
            hanno liberta' di parola, non hanno niente tranne
            che la tecnologia della rete per poter raccontare
            al resto del mondo come stanno realmente le
            cose.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: Leguleio
            Se vuoi glielo dico, ma lo sanno già. Nei Paesi
            con una maggioranza e un'opposizione i pareri dei
            dissidenti vengono pubblicati sulla stampa
            d'opposizione, che ha le sue garanzie.- Legge 47/1948- Legge 62/2001- Art. 528 CP- Art. 663 CP- Art. 663bis CP
            Non dai
            weblog, quelli sono un "di più", spesso un puro
            hobby.Tu non sai di cosa stai parlando.
          • Leguleio scrive:
            Re: Legale?...


            Se vuoi glielo dico, ma lo sanno già. Nei
            Paesi

            con una maggioranza e un'opposizione i
            pareri
            dei

            dissidenti vengono pubblicati sulla stampa

            d'opposizione, che ha le sue garanzie.

            - Legge 47/1948
            - Legge 62/2001
            - Art. 528 CP
            - Art. 663 CP
            - Art. 663bis CPLuco che dà sfoggio alla sua cultura giuridica. 8)Hai dei problemi con la prevendita? (cit.)

            Non dai

            weblog, quelli sono un "di più", spesso un
            puro

            hobby.
            Tu non sai di cosa stai parlando.Mentre tu, invece...
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Legale?...
            Guarda che veramente parli spesso a sproposito su argomenti che non conosci.
          • Funz scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: Leguleio

            Anche questa parola magica, "censura", è
            sopravvalutata.neanche un po'. Tranne che per i fautori della censura e della dittatura.
            Avere un sito o un weblog non è considerato un
            diritto civile inalienabile. eccome se lo è. Tranne che per i fautori della censura e della dittatura.
            Quindi si chiudono
            con maggior leggerezza e rapidità rispetto al
            sequestro di libri e di
            giornali.il che è un abuso intollerabile. Tranne che per i fautori della censura e della dittatura.
          • Leguleio scrive:
            Re: Legale?...

            E, mi spiace per tutti i "tecnici" che proprio
            non riescono a concepirlo, 15 anni di cause
            legali sui servizi p2p di condivisione di file
            (che,per definizione,sono servizi dove il file
            non è presente fisicamente sui sistemi ma sui
            peer sorgenti) hanno dimostrato che questa
            logica,nella sfera legale, non
            regge.
            Puoi disquisire sul fatto che un link non è il
            file etc etc.Legalmente la cosa non
            regge.Punto.Quindi i giudici di quasi tutta l'europa che ordinano l'oscuramento di servizi quali The Pirate Bay non reggono? :)E se un giudice non regge, qual è la conseguenza? Si spezza in due, si sgretola, affonda o si piega?
          • ... scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: Leguleio
            E se un giudice non regge, qual è la conseguenza?
            Si spezza in due, si sgretola, affonda o si
            piega?Spiegacelo tu. (newbie)
          • Leguleio scrive:
            Re: Legale?...


            E se un giudice non regge, qual è la
            conseguenza?

            Si spezza in due, si sgretola, affonda o si

            piega?


            Spiegacelo tu. (newbie)Se lo sapessi, non avrei chiesto. Non era una domanda retorica.
          • boh scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: Leguleio

            E, mi spiace per tutti i "tecnici" che
            proprio

            non riescono a concepirlo, 15 anni di cause

            legali sui servizi p2p di condivisione di
            file

            (che,per definizione,sono servizi dove il
            file

            non è presente fisicamente sui sistemi ma sui

            peer sorgenti) hanno dimostrato che questa

            logica,nella sfera legale, non

            regge.

            Puoi disquisire sul fatto che un link non è
            il

            file etc etc.Legalmente la cosa non

            regge.Punto.

            Quindi i giudici di quasi tutta l'europa che
            ordinano l'oscuramento di servizi quali The
            Pirate Bay non reggono?
            :)
            E se un giudice non regge, qual è la conseguenza?
            Si spezza in due, si sgretola, affonda o si
            piega?state tutti disquisendo sulla legalita' di una applicazione, popcorn time (una applicazione, non un 'portale' od un 'servizio') e sulla legalita' degli indicizzatori torrent, in quanto non hostano direttamente materiale pirata. dimenticate tutti il fulcro della questione e legge applicata, in altri stati, contro a tpb: istigazione a delinquere (incita l'utente/gli mette a disposizione un mezzo con cui commettere un reato)
          • Leguleio scrive:
            Re: Legale?...

            state tutti disquisendo sulla legalita' di una
            applicazione, popcorn time (una applicazione, non
            un 'portale' od un 'servizio') e sulla legalita'
            degli indicizzatori torrent, in quanto non
            hostano direttamente materiale pirata.Veramente no. Il mio intervento era molto più terra terra. :)Semplicemente ricordavo che al diritto d'autore tengono in molti. La disquisizione tecnica sul "come" venga aggirato è del tutto secondaria.
            dimenticate tutti il fulcro della questione e
            legge applicata, in altri stati, contro a tpb:
            istigazione a delinquere (incita l'utente/gli
            mette a disposizione un mezzo con cui commettere
            un
            reato)Quali Stati? Solo il Giappone, o anche altri?
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: boh
            - Scritto da: Leguleio


            E, mi spiace per tutti i "tecnici" che

            proprio


            non riescono a concepirlo, 15 anni di
            cause


            legali sui servizi p2p di condivisione
            di

            file


            (che,per definizione,sono servizi dove
            il

            file


            non è presente fisicamente sui sistemi
            ma
            sui


            peer sorgenti) hanno dimostrato che
            questa


            logica,nella sfera legale, non


            regge.


            Puoi disquisire sul fatto che un link
            non
            è

            il


            file etc etc.Legalmente la cosa non


            regge.Punto.



            Quindi i giudici di quasi tutta l'europa che

            ordinano l'oscuramento di servizi quali The

            Pirate Bay non reggono?

            :)

            E se un giudice non regge, qual è la
            conseguenza?

            Si spezza in due, si sgretola, affonda o si

            piega?


            state tutti disquisendo sulla legalita' di una
            applicazione, popcorn time (una applicazione, non
            un 'portale' od un 'servizio') e sulla legalita'
            degli indicizzatori torrent, in quanto non
            hostano direttamente materiale pirata.


            dimenticate tutti il fulcro della questione e
            legge applicata, in altri stati, contro a tpb:
            istigazione a delinquere (incita l'utente/gli
            mette a disposizione un mezzo con cui commettere
            un
            reato)Quindi, seguendo il tuo stesso ragionamento, l'armaiolo mette a disposizione un mezzo (una pistola) con cui commettere un reato.Quando avrai fatto chiudere tutti i produttori e venditori di armi (che servono ad UCCIDERE), allora avrai il diritto di venirmi a fare la morale sui film e musica piratati.Fino ad allora, io posso dimostrarti che un mp3 non ha mai ucciso nessuno mentre una pistola sì.
      • Izio01 scrive:
        Re: Legale?...
        - Scritto da: fgfdgdg
        senza offendere l' intelligenza di nessuno:
        trovatemi la percentuale di film legali su
        YTS.
        E quindi bisogna soffocare gli utilizzi legali per difendere l'industria dei contenuti? Smettiamo ISTANTANEAMENTE di produrre armi da fuoco di grado militare, visto che al 99% servono ad ammazzare la gente. Secondo me non è affatto scontato che la percentuale comandi: se il mezzo è neutro ed esistono utilizzi legittimi, nessuno ha il diritto di impedirli.
        Per favore, su. Che pure nella homepage
        l'immagine che usavano erano tutte le ultime
        uscite :)
        • 2014 scrive:
          Re: Legale?...
          - Scritto da: Izio01
          - Scritto da: fgfdgdg

          senza offendere l' intelligenza di nessuno:

          trovatemi la percentuale di film legali su

          YTS.



          E quindi bisogna soffocare gli utilizzi legali
          per difendere l'industria dei contenuti?
          Smettiamo ISTANTANEAMENTE di produrre armi da
          fuoco di grado militare, visto che al 99% servono
          ad ammazzare la gente.Infatti NON sono in vendita
          Secondo me non è affatto
          scontato che la percentuale comandi: se il mezzo
          è neutro ed esistono utilizzi legittimi, nessuno
          ha il diritto di
          impedirli.Porto d'armi ti dice niente?
          • Izio01 scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: 2014
            - Scritto da: Izio01

            - Scritto da: fgfdgdg


            senza offendere l' intelligenza di
            nessuno:


            trovatemi la percentuale di film legali
            su


            YTS.






            E quindi bisogna soffocare gli utilizzi
            legali

            per difendere l'industria dei contenuti?

            Smettiamo ISTANTANEAMENTE di produrre armi da

            fuoco di grado militare, visto che al 99%
            servono

            ad ammazzare la gente.

            Infatti NON sono in vendita


            Secondo me non è affatto

            scontato che la percentuale comandi: se il
            mezzo

            è neutro ed esistono utilizzi legittimi,
            nessuno

            ha il diritto di

            impedirli.

            Porto d'armi ti dice niente?E a te? Vuoi dire che mafia, soldati bambino eccetera sono a posto perché hanno il porto d'armi?Qua si parla di dichiarare un mezzo illegale in base alla percentuale di utilizzo. Sulla base di questo principio, anche le armi andrebbero dichiarate illegali, perché l'impiego illegittimo supera quello legittimo. Muore più gente ammazzata dai carabinieri o dai delinquenti? Ecco: sulla base della logica delle major questo dimostra che le armi sono da vietare tout court.
          • 2014 scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: Izio01
            - Scritto da: 2014

            - Scritto da: Izio01


            - Scritto da: fgfdgdg



            senza offendere l' intelligenza di

            nessuno:



            trovatemi la percentuale di film
            legali

            su



            YTS.









            E quindi bisogna soffocare gli utilizzi

            legali


            per difendere l'industria dei contenuti?


            Smettiamo ISTANTANEAMENTE di produrre
            armi
            da


            fuoco di grado militare, visto che al
            99%

            servono


            ad ammazzare la gente.



            Infatti NON sono in vendita




            Secondo me non è affatto


            scontato che la percentuale comandi: se
            il

            mezzo


            è neutro ed esistono utilizzi legittimi,

            nessuno


            ha il diritto di


            impedirli.



            Porto d'armi ti dice niente?

            E a te? Vuoi dire che mafia, soldati bambino
            eccetera sono a posto perché hanno il porto
            d'armi?
            Qua si parla di dichiarare un mezzo illegale in
            base alla percentuale di utilizzo. Sulla base di
            questo principio, anche le armi andrebbero
            dichiarate illegali, perché l'impiego illegittimo
            supera quello legittimo. Muore più gente
            ammazzata dai carabinieri o dai delinquenti?
            Ecco: sulla base della logica delle major questo
            dimostra che le armi sono da vietare tout
            court.Come darti torto?Aboliamo le armi!
        • Allibito scrive:
          Re: Legale?...
          - Scritto da: Izio01
          - Scritto da: fgfdgdg

          senza offendere l' intelligenza di nessuno:

          trovatemi la percentuale di film legali su

          YTS.



          E quindi bisogna soffocare gli utilizzi legali
          per difendere l'industria dei contenuti?
          Smettiamo ISTANTANEAMENTE di produrre armi da
          fuoco di grado militare, visto che al 99% servono
          ad ammazzare la gente. Secondo me non è affatto
          scontato che la percentuale comandi: se il mezzo
          è neutro ed esistono utilizzi legittimi, nessuno
          ha il diritto di
          impedirli.


          Per favore, su. Che pure nella homepage

          l'immagine che usavano erano tutte le ultime

          uscite :)Infatti, continuare a descrivere il mezzo "neutro" è classico di chi si nasconde dietro un dito.
          • Izio01 scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: Allibito
            Infatti, continuare a descrivere il mezzo
            "neutro" è classico di chi si nasconde dietro un
            dito.No, è classico di chi <u
            capisce </u
            la differenza tra una pinza come quella che hanno usato per aprirmi il box e chi la usa. La pinza è neutra.
          • krane scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: Izio01
            - Scritto da: Allibito

            Infatti, continuare a descrivere il

            mezzo "neutro" è classico di chi si

            nasconde dietro un dito.
            No, è classico di chi <u
            capisce
            </u
            la differenza tra una pinza come
            quella che hanno usato per aprirmi il box e
            chi la usa. La pinza è neutra.C'e' chi non ci arriva...
          • panda rossa scrive:
            Re: Legale?...
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Izio01

            - Scritto da: Allibito


            Infatti, continuare a descrivere il


            mezzo "neutro" è classico di chi si


            nasconde dietro un dito.


            No, è classico di chi <u
            capisce

            </u
            la differenza tra una pinza come

            quella che hanno usato per aprirmi il box e

            chi la usa. La pinza è neutra.

            C'e' chi non ci arriva......e' la stessa gente che chiama "furto" qualcosa che non gli ha rotto la vetrina della videoteca e non gli ha sottratto neanche una custodia vuota.
    • relix scrive:
      Re: Legale?...
      Il fatto in se del giudicare illegale un'applicazione e' illogico.Forse non frequenti la rete o sei un nebie, ma quello che hanno fatto queste persone è creare il "MOTORE" per far leggere i torrent che siano film, filmati educativi o clip freeleft.Quindi bollare come illegale "strumenti" senza neanche sapere la conoscenza e l'uso. Magari tra 5 anni grazie al lavoro svolto da queste persone tu ti starai godendo sul tuo applicativo preferito film e tanto altro in qualita' 1080... e quando ripensarai a quello che hai scritto oggi ti parra' tanto lontano ....
    • budapest scrive:
      Re: Legale?...
      - Scritto da: fgfdgdg
      con tutta la buona volontà..come riescono a
      definire legale un servizio che ha come unico
      scopo quello di vedere gratuitamente film
      scaricati via torrent in modo evidentemente
      illegale?Credo che tu non conosca la legge.http://www.interlex.it/testi/l41_633.htm#171Sarebbe illegale se l'attività fosse effettuata a fini di lucro o commerciali, o comunque non personali. Ma direi che il 100% degli utilizzatori di Pop Corn Time lo fa per uso personale, quindi, è tutto legalissimo
    • budapest scrive:
      Re: Legale?...
      - Scritto da: bubba
      in realta' io non vedo l'ora di vedere una bella
      causa legale con 4-500000 imputati :) [aka gli
      unici che hanno negli harddisk il materiale in
      supposta violazione del copyright. Parlo del
      p2p, come in questo
      caso]
      Ma per gli azzeccagarbugli e' molto meglio
      prendersela coi DNS, paypal, google e qualunque
      altra cosa
      ...Assolti in quanto non sussiste alcun reato.Se non vi fidate di me fidatevi delle Corte di Cassazionehttp://www.cortedicassazione.it/Notizie/GiurisprudenzaPenale/SezioniSemplici/SchedaNews.asp?ID=708PS: ho notato che in questi commenti ho postato un po' di materiale giuridico, quindi, ci tengo a precisare che non sono leguleio
      • budapest scrive:
        Re: Legale?...
        - Scritto da: bubba
        Tu lo trovi limpido,coerente e chiaro (gia' solo
        rimamendo al 633/41)
        ?????A me sembra chiaro che nel caso dell'uso personale il reato non sussista. E tanto mi basta
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: Legale?...
          - Scritto da: budapest
          - Scritto da: bubba

          Tu lo trovi limpido,coerente e chiaro (gia'
          solo

          rimamendo al 633/41)

          ?????
          A me sembra chiaro che nel caso dell'uso
          personale il reato non sussista. E tanto mi
          bastaLa non punibilità l'ha confermata la polizia postale in una trasmissione del servizio pubblico italiano, intervista mai smentita:http://youtube.com/watch?v=IaZ37YRGaos#t=5m10s
    • G,G scrive:
      Re: Legale?...
      In tutti i tabacchini di italia vendono cartine lunghe! Chiudiamo tutti i tabacchini!
    • krane scrive:
      Re: Legale?...
      - Scritto da: Allibito
      Si può anche chiudere semplicemente il sito,
      sarebbe anche troppo facile senza un proprietario
      disposto a difendersi...Fantastico, ottima idea fai pure...
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Legale?...
      - Scritto da: fgfdgdg
      con tutta la buona volontà..come riescono a
      definire legale un servizio che ha come unico
      scopo quello di vedere gratuitamente film
      scaricati via torrent in modo evidentemente
      illegale?"Unico scopo" lo sostieni tu e le major, a me basterebbe dimostrare la presenza di UN film legale per dire che hai torto.E poi quale parte di "l'intermediario non è responsabile di ciò che passa sulla sua rete" non hai capito?A meno che non dimostri (ma devi dimostrarlo!) che i creatori del programma o del servizio siano loro a caricare i film illegali, non puoi definire illegale la loro piattaforma, perché fino a prova contraria chiunque può usarla per qualsiasi cosa.Altrimenti è illegale anche l'IKEA, perché ci sarà chi usa i loro mobili per metterci dentro droga, banconote false, pezzi di cadavere e via dicendo.
    • cicciobello scrive:
      Re: Legale?...
      Peccato che non è un sito... hai almeno capito di cosa stava parlando?
    • fgfdgdg scrive:
      Re: Legale?...
      non mi sono letto tutti i post, troppo stancanteAvete ragione voi e bla bla bla vari.Ditelo pure agli avvocati di napster&affini, ora ;)
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Legale?...
        - Scritto da: fgfdgdg
        non mi sono letto tutti i post, troppo stancante
        Avete ragione voi e bla bla bla vari.

        Ditelo pure agli avvocati di napster&affini, ora
        ;)Tu dillo chiaramente alle major: nel momento dell'introduzione della tecnologia digitale, il valore di una "copia originale" è diventato pari a zero.Prima del digitale una "copia originale" aveva senso soltanto perché essendo una "copia di prima mano" si vedeva e sentiva meglio delle successive, non per altri motivi.Nel momento che copiare digitalmente è stato alla portata di tutti (major comprese) tutte le copie sono diventate 1:1 e non hanno più la perdita di qualità.Anzi, da quando hanno introdotto CSS, codici regionali, macrovision e schifezze simili, la copia è diventata MEGLIO dell'originale, perché non più limitata.E il digitale chi l'ha introdotto, con il compact disc?Non certo i pirati.Le major sono i carnefici di loro stessi e non c'è niente e nessuno che possa fermare questa evoluzione.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 marzo 2014 22.18-----------------------------------------------------------
      • Sg@bbio scrive:
        Re: Legale?...
        Eviti l'argomento, ok.
Chiudi i commenti