Bitcoin, niente IVA anche in Italia

L'Agenzia delle Entrate recepisce le decisioni prese in sede europea e libera le transazioni in BTC dall'IVA anche sul territorio italiano. Chi fa business coi Bitcoin dovrà comunque pagare le tasse dirette

La moneta virtuale nota come Bitcoin acquisisce dignità di mezzo di pagamento “puro” anche in Italia, con l’Agenzia delle Entrate che ha pubblicato un parere destinato a essere accolto molto positivamente sia dagli utenti in possesso di BTC che dalle società di intermediazione che operano sul mercato dal territorio nazionale.

Il parere dell’Agenzia delle Entrate chiama direttamente in causa la decisione presa dalla Corte di Giustizia Europea il 22 ottobre 2015 , una sentenza che stabilisce la validità di bitcoin come moneta a tutto tondo ed esonera utenti e aziende dal pagamento dell’imposta al valore aggiunto (IVA).

Anche in Italia, ha ora comunicato l’Agenzia delle Entrate, le operazioni a base di bitcoin sono esenti dall’IVA perché rientrano nella fornitura di servizi relativi a banconote e monete . Non dovranno pagare l’IVA né i privati che posseggono un certo quantitativo di BTC, né le società di intermediazione che offrono la possibilità di convertire bitcoin in altri tipi di valuta e viceversa.

Coloro che invece dovranno continuare a pagare le imposte dirette (Ires e Irap) sono i soggetti che offrono la suddetta intermediazione, con la tassazione proporzionata ai ricavi derivanti dall’acquisto e dalla vendita di Bitcoin effettuata dai clienti finali.

Infine per quanto riguarda la tassazione ai fini delle imposte sul reddito dei clienti di una società specializzata nel trattamento di bitcoin, ha stabilito l’Agenzia delle Entrate, le persone fisiche che detengono BTC al di fuori delle attività di impresa effettuano operazioni a pronti (acquisti e vendite) di valuta che non generano redditi imponibili mancando la finalità speculativa. L’Agenzia si riserva però il diritto di controllare le liste dei clienti in sede di verifica.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dan ambara scrive:
    manipolazione
    " tariffe agevolate per il roaming vengano utilizzate in maniera corretta da parte dei cittadini europei ". Tariffe agevolate ? Maniera corretta ?Ma che razzo vuol dire?I carrier hanno accordi di reciprocità basata sulle statistiche di uso da parte degli utenti (che comunque sono alterate dal costo del roaming stesso) e sanno benissimo che nell'insieme aono bilanciate, eccetto che per alcuni Paesi dell'est europeo.Così per salvare la facciata hanno accettato la pillola, e poi tramite lobby sui politici rientrano dalla finestra, da ladri quali sono, per porre comunque dei confini.Minchioni manipolatori.
  • nczzdo scrive:
    ma chi se ne frega
    io voglio che venga sanzionato il furto dei 28 giorni...
    • Libero scrive:
      Re: ma chi se ne frega
      - Scritto da: nczzdo
      io voglio che venga sanzionato il furto dei 28
      giorni...Sarebbe più corretto dire "il cartello dei 28 giorni".I gestori virtuali non le fanno queste XXXXXte. Nessuno ti obbliga a a rimanere coi 4 gestori classici.
      • ephestione scrive:
        Re: ma chi se ne frega
        Fai qualche nome? Intendi postemobile ecc? Qualcuno di questi che abbia una copertura come vodafone e che offra per 10 2gb e 1000minuti+sms?
        • Libero scrive:
          Re: ma chi se ne frega
          - Scritto da: ephestione
          Fai qualche nome? Intendi postemobile ecc?Quello che fa per te trovatelo da solohttps://it.wikipedia.org/wiki/Operatore_virtuale_di_rete_mobile#Operatori_virtuali_italiani
Chiudi i commenti