Brevetti, Foxconn paga Microsoft per Android

Siglato un nuovo accordo di licenza nel programma avviato da BigM nel 2003 per la concessione a pagamento della sua proprietà intellettuale. Questa volta tocca al celebre contractor asiatico

Roma – Nuovo accordo di licenza siglato da Microsoft per l’apertura del suo portfolio brevettuale alle più disparate piattaforme software basate su Android. In un breve comunicato diramato alla stampa, il colosso di Redmond ha annunciato il suo licensing agreement con l’azienda taiwanese Hon Hai Precision Industry, meglio conosciuta nella cronaca high-tech come Foxconn .

Dalla fine del 2003, la Grande M ha siglato più di mille accordi con alcuni tra i principali produttori mobile, da Samsung alla taiwanese HTC. Nello scorso luglio , l’azienda statunitense aveva annunciato accordi di licenza simili con i produttori hardware Coby e Aluratek, per lo sfruttamento di tecnologie brevettate all’interno di Chrome OS e appunto Android .

Scarsi i dettagli rilasciati da Microsoft sul nuovo accordo all’interno del programma per la concessione a pagamento della sua vasta proprietà intellettuale. L’azienda di Redmond si è limitata a sottolineare come Hon Hai Precision Industry provvederà al versamento costante di royalty non meglio quantificate per ciascuna unità – smartphone, tablet o TV – assemblata per conto dei giganti dell’industria .

Da Apple ad Amazon, Foxconn realizza circa il 40 per cento di tutti i dispositivi elettronici sul mercato planetario . Per Microsoft un vero e proprio affarone , dal momento che tutti quei device con Chrome OS o Android saranno inclusi nelle royalty versate dai vertici di Hon Hai.

Mentre la stessa Hon Hai dichiara di avere in portafoglio oltre 54mila brevetti in tutto il mondo, il vicepresidente dell’ Intellectual Property Group interno a Microsoft Horacio Gutierrez ha ammesso che l’inclusione di un contractor del calibro di Foxconn garantirà al programma di Redmond una gittata molto più lunga e soprattutto efficace a livello legale nell’infuocato panorama dei brevetti.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Già c'è su youtube
    http://tinyurl.com/cm5vthrDitemi se riuscite a fare il download di questo video. Poi se riuscite, ditemi come avete fatto.Ovviamente fare la ripresa allo schermo non va bene...
    • non fumo non bevo e non dico parolacce scrive:
      Re: Già c'è su youtube
      - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
      http://tinyurl.com/cm5vthr
      Ditemi se riuscite a fare il download di questo
      video. Poi se riuscite, ditemi come avete
      fatto.
      Ovviamente fare la ripresa allo schermo non va
      bene...provato.confermo.
  • Sbagghio scrive:
    Netflix
    Provato tempo fa, non funzionava nemmeno in una sandbox per via del DRM di Silverlight. Disdetto iscrizione immediatamente.
    • urrrrr scrive:
      Re: Netflix
      umm. netflix in Italia manco c'è... hai usato qualche proxy e carta di credito americana?Io si... e non so neanche dove tu abbia preso la boiata di silverlight, i video li vedi in flash e funzionano perfettamente anche in qualsiasi sandbox...Bello sparare XXXXXXXte èèè?- Scritto da: Sbagghio
      Provato tempo fa, non funzionava nemmeno in una
      sandbox per via del DRM di Silverlight. Disdetto
      iscrizione
      immediatamente.
      • Sbagghio scrive:
        Re: Netflix
        - Scritto da: urrrrr
        umm. netflix in Italia manco c'è... hai usato
        qualche proxy e carta di credito
        americana?Infatti vivo in Florida.
        Io si... e non so neanche dove tu abbia preso la
        boiata di silverlight, i video li vedi in flash e
        funzionano perfettamente anche in qualsiasi
        sandbox...Sto parlando di anni fa, comunque ho controllato ed ANCORA è supportato solo silverlight per lo streaming:http://en.wikipedia.org/wiki/Netflix#Internet_video_streamingTu invece elencami le sandbox sotto le quali avresti provato.
        Bello sparare XXXXXXXte èèè?Peccato che l'unico a sparare XXXXXXXte sei stato tu.
        • Sbagghio scrive:
          Re: Netflix
          - Scritto da: Sbagghio
          - Scritto da: urrrrr

          umm. netflix in Italia manco c'è... hai usato

          qualche proxy e carta di credito

          americana?

          Infatti vivo in Florida.


          Io si... e non so neanche dove tu abbia preso la

          boiata di silverlight, i video li vedi in flash
          e

          funzionano perfettamente anche in qualsiasi

          sandbox...

          Sto parlando di anni fa, comunque ho controllato
          ed ANCORA è supportato solo silverlight per lo
          streaming:

          http://en.wikipedia.org/wiki/Netflix#Internet_vide

          Tu invece elencami le sandbox sotto le quali
          avresti
          provato.


          Bello sparare XXXXXXXte èèè?

          Peccato che l'unico a sparare XXXXXXXte sei stato
          tu.Aggiungo che uno in Italia che1) non l'ha mai provato e2) non ha neanche la decenza di andarsi a vedere quali siano i requisiti di sistema prima di parlaree poi accusa gli altri di "sparare XXXXXXXte" dovrebbe solo andare a nascondersi.
  • M.R. scrive:
    E' Netflix che vuole sfruttare...
    ... la rete per il suo business e quindi è Netflix che deve adattarsi ad essa e non viceversa.Se non le stà bene, che sviluppi in proprio la tecnologia per veicolare i propri contenuti e la fornisca gratuitamente agli utenti che ne faranno richiesta.
  • unaDuraLezione scrive:
    Caro Netflix...
    contenuto non disponibile
    • Sgabbio scrive:
      Re: Caro Netflix...
      - Scritto da: unaDuraLezione
      Fai un'app per ogni piattaforma e il cliente non
      avrà modo di lamentarsi del fatto che non volete
      pubblicare in
      html.Ma che palle, tutti che vogliono uccidere uno stantard impestandolo con quel cancro ? Ma che fallissero.
      • thebecker scrive:
        Re: Caro Netflix...
        - Scritto da: Sgabbio
        - Scritto da: unaDuraLezione

        Fai un'app per ogni piattaforma e il cliente non

        avrà modo di lamentarsi del fatto che non volete

        pubblicare in

        html.

        Ma che palle, tutti che vogliono uccidere uno
        stantard impestandolo con quel cancro ? Ma che
        fallissero.HTML è standard e di pubblico dominio. Non devono permettere che sia inquinato da sistemi di limitazione di acXXXXX ai contenuti, sarebbe una cosa che va contro ogni principio per cui è stato creato l'HTML.Volgiono usare i DRM, si facciano un plugin, un estensione per il browser!
      • Il Principe scrive:
        Re: Caro Netflix...
        Un servizio come Netflix merita solo di espandersi il più possibile. Quando voi italioti lo capirete sarà sempre troppo tardi.Inviato da iPhone con TapatalkIl Principe
Chiudi i commenti