Brevetti, iPod pomo della discordia

A sorpresa Apple si è vista rigettare la richiesta di registrazione di alcuni brevetti chiave relativi all'interfaccia di iPod: Microsoft l'avrebbe infatti anticipata di alcuni mesi. Il big di Redmond potrebbe ora pretendere royalties


Cupertino (USA) – Tutti parlano di iPod e tutti ne hanno sentito parlare: un successo su scala globale. Ma un fulmine a ciel sereno ha colpito negli ultimi giorni la killer app che ha portato all’esplosione del marchio Apple in tutto il mondo: l’ingegnoso apparecchio sembra utilizzare alcune idee già registrate a nome di Microsoft .

L’ Ufficio Brevetti statunitense ha così bocciato le richieste di Apple per brevettare le tecnologie alla base della riuscitissima interfaccia di iPod – dal noto touchpad circolare fino al software per la gestione dei file audio. Sembra infatti che il gigante di Redmond abbia registrato questo pacchetto di tecnologie con cinque mesi d’anticipo rispetto al lancio di iPod sul mercato americano. La vicenda ha un sapore vagamente tragicomico: alla base dello scandalo, che ha innescato una valanga di polemiche e speculazioni sulla stampa di tutto il mondo, pare esserci un errore tanto grossolano quanto grave.

Già: iPod è stato commercializzato senza essere integralmente coperto e tutelato da brevetti e licenze specifiche. La decisione dell’Ufficio Brevetti non esclude l’effettiva possibilità di una richiesta d’indennizzo e di royalties da parte di Microsoft:, una “tassa” sulle macroscopiche proporzioni economiche del fenomeno iPod. E con almeno 21 milioni di lettori Apple già venduti in tutto il mondo, l’azienda di Bill Gates potrebbe guadagnare svariate montagne di dollari.

Alcuni avvocati vicini alla Mela hanno immediatamente innalzato una barricata di smentite, gettando acqua sul fuoco: “Quanto decretato dall’Ufficio Brevetti non è affatto una sentenza della Corte Suprema”, sostiene John Ferrell dello studio legale Carr&Ferrell , “ed è ancora troppo presto per tirare le somme”. L’asso nella manica dei legali di Steve Jobs è soltanto uno: dimostrare che iPod è una invenzione Apple, acquistabile con largo anticipo rispetto all’entrata in vigore del brevetto Microsoft, datato 2001.

“Ci vorrà ancora molto tempo per venire a capo di questa situazione, almeno sei mesi”, conclude Ferrell. Sempre che Microsoft non intenda agire in maniera aggressiva: da anni, i produttori di Windows stanno costruendo una muraglia di brevetti per proteggersi dai competitori. “Non penso che Microsoft abbia intenzione di giocare la parte del bullo di periferia”, sostengono gli analisti economici dello Yankee Group .

La stessa Microsoft ha del resto smorzato il tono delle polemiche affermando, per bocca del suo responsabile brevetti David Kaefer, che “è prematuro parlare di cause legali o di diritti dovuti da Apple a Microsoft”.

Non resta che attendere lo sviluppo degli eventi.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Zaphkiel scrive:
    Re: No al DRM, no a GPL/OpenSource! Bast

    E per tutti quelli che decantano opensource, GPL,
    Linux e Linus Torvalds, leggete le ultime su
    questo grande esempio di emulo di Bill Gates, e
    più che evidente oramai suo scagnozzo :

    http://www.theinquirer.net/?article=25602ti invito a leggere qui: e' una mail di Linus sull'argomento:http://marc.theaimsgroup.com/?l=linux-kernel&m=112458521702385&w=2
  • Anonimo scrive:
    5 --
    Secondo me aperto è meglio perché la carbonara và fatta senza cipolla.
  • lele2 scrive:
    Re: No al DRM, no a GPL/OpenSource! Bast
    -

    E per tutti quelli che decantano opensource, GPL,
    Linux e Linus Torvalds, leggete le ultime su
    questo grande esempio di emulo di Bill Gates, e
    più che evidente oramai suo scagnozzo :

    http://www.theinquirer.net/?article=25602
    linux inteso come kernel e' GPLil marchio linux e stato registrato mi pare da linusanche GNU e un marchio registratoil marchio non centra niente con il softwaretu puoi usare il software gnu liberamente ma non puoi usare il marchioprova a publicare una distro linux e chiamarla debian ma che con debian non centra nientee poi vedi che succedeeppure debian e' 100% freesotwareed e' giusto che sia cosii marchi non sono free
  • Paul Atreides scrive:
    Leggete qui
    A me sembra interessante:http://www.linux.it/GNU/opinioni/msftdrm.it.shtml
  • Anonimo scrive:
    Re: No al DRM, no a GPL/OpenSource! Bast
    - Scritto da: Anonimo
    invece si!
    le stesse cose fatte da una multinazionale
    avrebbero attirato le ire di tutti gli open
    sorcisti e dei linari.
    fatte dal sig. linus diventano cosa buona è
    giusta.
    due pesi due misure come al solito!
    svegliati che è ora!Ma chi te lo dice?Questi sono esempi di critiche sensate:Microsoft ha attaccato Lindows perchè troppo simile a Windows, la critica è che teoricamente aveva più diritto di esistere come marchio Lindows che è un nome di fantasia che Windows che significa semplicemente finestre che è stato rifiutato per ben due volte ad inizio anni '90 dall'istituto americano per la registrazione dei marchi, e che è poi stato misteriosamente accettato dopo una presumibile buona iniezione di carta filigranata verde... :-)Così come è criticabile l'attacco a Mike Rowes che si è registrato il dominio www.mikerowesoft.com ed ha avuto problemi con Microsoft che lo ha "intimato" di vendergli il dominio. Ma a che pro, dato che la somiglianza è solo di pronuncia?
    • Anonimo scrive:
      Re: No al DRM, no a GPL/OpenSource! Bast
      certo quello che ha registrato MikeRoweSoft è innocente ed è sempre colpa di microsoft....di questo passo arriveremo ai livelli americani, dove se un ladro mentre ti entra in casa si fa male ti può denunciarema svegliatevi, è solo un modo per rubare soldi a chi ne ha di più, quello con la storia di MikeRoweSoft s'è sistemato
      • Anonimo scrive:
        Re: No al DRM, no a GPL/OpenSource! Bast
        - Scritto da: Anonimo
        certo quello che ha registrato MikeRoweSoft è
        innocente ed è sempre colpa di microsoft....
        di questo passo arriveremo ai livelli americani,
        dove se un ladro mentre ti entra in casa si fa
        male ti può denunciare

        ma svegliatevi, è solo un modo per rubare soldi a
        chi ne ha di più, quello con la storia di
        MikeRoweSoft s'è sistematoScusa ma il ladro in Italia ti può denunciare e se provi a difenderti dal ladro IN ITALIA passi seri guai e rischi multe e galera, TU e non il ladro ! Negli USA in molti stati, specie quelli Repubblicani, in galera il ladro ci finisce eccome e puoi ucciderlo liberamente se entra nella tua proprietà senza autorizzazione, cosa che mi sembra più che giusta a meno che uno non sia un pazzo suicida e voglia far morire se stesso ed i propri cari.
  • Anonimo scrive:
    Re: No al DRM, no a GPL/OpenSource! Bast
    E da quando le associazioni no profit non si fanno pagare?!?!?! Oddio! 10.000 corpi bandistici musicali (le bande del paese) in Italia sono fuorilegge allora! :|
    • Anonimo scrive:
      Re: No al DRM, no a GPL/OpenSource! Bast
      - Scritto da: Anonimo
      E da quando le associazioni no profit non si
      fanno pagare?!?!?!
      Oddio! 10.000 corpi bandistici musicali (le bande
      del paese) in Italia sono fuorilegge allora! :| Naturalmente ero ironico.No-Profit non vuol dire "aggratis" così come Free Software non è "software aggratis" Forza e coraggio, magari a ripetere le stesse cose qualcuno le capisce...magari....
      • Anonimo scrive:
        Re: No al DRM, no a GPL/OpenSource! Bast
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        E da quando le associazioni no profit non si

        fanno pagare?!?!?!

        Oddio! 10.000 corpi bandistici musicali (le
        bande

        del paese) in Italia sono fuorilegge allora!
        :|

        Naturalmente ero ironico.
        No-Profit non vuol dire "aggratis" così come Free
        Software non è "software aggratis"
        Forza e coraggio, magari a ripetere le stesse
        cose qualcuno le capisce...
        magari....No-profit veramente dovrebbe proprio significare "gratis". E' pieno zeppo di gente che dice di "fare volontariato" e di lavorare per la gloria nel "no profit" quando poi la verità è solo una pietosa ipocrisia di persone che frodano, truffano, raggirano e si intascano una barca di soldi in operazioni che negli anni sono state legalizzate ma che negli anni '50 ed anche dopo avrebbero fatto finire quelle stesse persone in galera per decenni--cosa che oramai è riservata solo ai non raccomandati che non hanno compagnucci scagnozzi in magistratura e forze dell'ordine. E poi ci si meraviglia che la società caschi a pezzi... il volontariato lo dice la parola stessa, deve essere "azione volontaria e spontanea volta ad aiutare il prossimo senza alcun ritorno fisico o economico" .. questa è l'unica definizione corretta, il resto è pura ipocrisia. Chiunque lucra sbandierando volontariato e no-profit è una persona meschina che meriterebbe solo la galera, quella vera però e non gli alberghi che sono le carceri attuali.
        • Anonimo scrive:
          Re: No al DRM, no a GPL/OpenSource! Bast
          Mah! Secondo me "non profit" vuole semplicemente dire che quello che gli entra da una parte gli esce dall'altra per sostenere le spese. A volte di queste spese fa anche parte mangiare, vestirsi, viaggiare, dipende dal tipo di iniziativa...Cristiano
  • Anonimo scrive:
    Re: No al DRM, no a GPL/OpenSource! Bast
    Se il marchil Linux non fosse tutelato, Bill Gates potrebbe vendere Vista con il marchio Linux accanto......ti pare regolare?
    • Anonimo scrive:
      Re: No al DRM, no a GPL/OpenSource! Bast
      - Scritto da: Anonimo
      Se il marchil Linux non fosse tutelato, Bill
      Gates potrebbe vendere Vista con il marchio Linux
      accanto...
      ...ti pare regolare?e perchè no?e il mercato che comanda
      • Anonimo scrive:
        Re: No al DRM, no a GPL/OpenSource! Bast
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Se il marchil Linux non fosse tutelato, Bill

        Gates potrebbe vendere Vista con il marchio
        Linux

        accanto...

        ...ti pare regolare?

        e perchè no?
        e il mercato che comanda
        Ma che risposta del menga è questa?
      • Anonimo scrive:
        Re: No al DRM, no a GPL/OpenSource! Bast
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Se il marchil Linux non fosse tutelato, Bill

        Gates potrebbe vendere Vista con il marchio
        Linux

        accanto...

        ...ti pare regolare?

        e perchè no?
        e il mercato che comanda
        Allora perchè M$ ha 'chiesto' a Ghishler di cambiare il nome del suo "Windows Commander"?Allora perchè M$ ha fatto causa al produttore di "WinSpire" perchè il nome assomigliava troppo al nome del suo prodotto?Cosa c'è, Bill può tutelarsi mentre gli altri no? Un marchio è un marchio ed io, tu, Bill, abbiamo il diritto di registrarlo e tutelarlo come previsto dalla legge.E se non credi che i soldi raccolti vengano destinati agli onorari degli avvocati, fagli causa per frode. La legislazione americana te lo consente; ma tu li hai i soldi per pagati un avvocato bravo?
  • Anonimo scrive:
    Re: No al DRM, no a GPL/OpenSource! Bast
    cosi tante cazzate in un solo post.. notevole :)
  • Anonimo scrive:
    il futuro è nel COPYLEFT.
    http://www.copyleft-italia.it/leggete questo libro copyleft in italiano intitolato CULTURA LIBERA di "Lawrence Lessig":http://www.copyleft-italia.it/pubblicazioni/Lessig-CulturaLibera.pdf
    • Anonimo scrive:
      Re: il futuro è nel COPYLEFT.
      - Scritto da: Anonimo
      http://www.copyleft-italia.it/

      leggete questo libro copyleft in italiano
      intitolato CULTURA LIBERA di "Lawrence Lessig":

      http://www.copyleft-italia.it/pubblicazioni/Lessig

      può essere....il futuro per chi però?per gli smanettoni i nulla facenti e quelli a carico di mamma e papà.in un mondo fortemente capitalista pensare ad un settore 'comunista' significa ledere il settore stesso e tutti gli adetti ai lavori.
      • frog scrive:
        Re: il futuro è nel COPYLEFT.

        può essere....
        il futuro per chi però?
        per gli smanettoni i nulla facenti e quelli a
        carico di mamma e papà.
        in un mondo fortemente capitalista pensare ad un
        settore 'comunista' significa ledere il settore
        stesso e tutti gli adetti ai lavori.Oppure significa ledere tutti quelli che come nel tuo caso, non hanno la volonta' e l' intelligenza di confrontare i prodotti per i quali lavorano all' esterno di un contesto *esclusivamente* di marketing.
        • Anonimo scrive:
          Re: il futuro è nel COPYLEFT.
          - Scritto da: frog


          può essere....

          il futuro per chi però?

          per gli smanettoni i nulla facenti e quelli a

          carico di mamma e papà.

          in un mondo fortemente capitalista pensare ad un

          settore 'comunista' significa ledere il settore

          stesso e tutti gli adetti ai lavori.

          Oppure significa ledere tutti quelli che come nel
          tuo caso, non hanno la volonta' e l' intelligenza
          di confrontare i prodotti per i quali lavorano
          all' esterno di un contesto *esclusivamente* di
          marketing.
          sogna!l'intelligenza manca a te se non arrivi a capire che i prodotti fatti su contesto 'marketing' si confrontano anche con quelli fatti per hobby (legge di mercato che qualchevolta crea anche vantaggi agli utenti: se il prodotto non primeggia non vede.) mentre quelli svincolati da ottica di marketing possono benissimo non confrontarsi con i loro fratelli maggiori: dimmi che la gente usa gimp perchè è uguale a photoshop è scoppio a ridere..stesso discorso per blender-
          3dsmax/maya o openoffice-msoffice.la favoletta del confrontarsi su livelli superiori (ma parliamo di spiritualità o di sw?) e tutta made in open source.
          • frog scrive:
            Re: il futuro è nel COPYLEFT.
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: frog



            sogna!
            l'intelligenza manca a te se non arrivi a capire
            che i prodotti fatti su contesto 'marketing' si
            confrontano anche con quelli fatti per hobby
            (legge di mercato che qualchevolta crea anche
            vantaggi agli utenti: se il prodotto non
            primeggia non vede.) mentre quelli svincolati da
            ottica di marketing possono benissimo non
            confrontarsi con i loro fratelli maggiori: dimmi
            che la gente usa gimp perchè è uguale a photoshop
            è scoppio a ridere..stesso discorso per
            blender-
            3dsmax/maya o openoffice-msoffice.
            la favoletta del confrontarsi su livelli
            superiori (ma parliamo di spiritualità o di sw?)
            e tutta made in open source.dimmi che la gente usa apache per motivi ideologici e scoppio a ridere io.e dimmi che tutte le ditte che usano linux (hai idea di quante aziende hanno un server linux) sono orde di comunisti, e hai davvero dimostrato la tua pochezza.
  • Anonimo scrive:
    È improbabile
    I sistemi di protezione non sono più quello che erano quando sono nati. All'inizio servivano solo per proteggere, mentre adesso sono un mercato a loro volta. Le aziende lottano per vendere il proprio sistema alle industrie fono/cine che pagano (cioè che noi paghiamo) montagne di soldi . Nessuno di loro ha interesse ad adottare un sistema libero da royalties perché significherebbe dire addio ai guadagni.A parte questo, per quello che riguarda le applicazioni sui computer, non vedrà mai la luce. Essendo i sorgenti disponibili, sarebbe banale modificarli per rivelare le chiavi segrete di crittografazione o per scrivere su un file i dati decodificati.
    • Anonimo scrive:
      Re: È improbabile
      - Scritto da: Anonimo
      A parte questo, per quello che riguarda le
      applicazioni sui computer, non vedrà mai la luce.
      Essendo i sorgenti disponibili, sarebbe banale
      modificarli per rivelare le chiavi segrete di
      crittografazione o per scrivere su un file i dati
      decodificati.Ma per cortesia?I sistemi crittografici più sicuri ed efficienti sono quelli liberi.Il fatto che il codice sia libero non significa affatto che poi sia decodificabile il risultato criptato ma solo che è possibile vedere come lavora l'algoritmo.Se hai conoscenza di come funziona l'algoritmo e non hai la chiave di crittazione/decrittazione non è che riesci a decodificare nulla.Perchè fate dei commenti senza neppure una base di conoscenza matematica e di tecnologie di crittazione?
      • Anonimo scrive:
        Re: È improbabile
        - Scritto da: Anonimo
        Ma per cortesia?
        I sistemi crittografici più sicuri ed efficienti
        sono quelli liberi.
        Il fatto che il codice sia libero non significa
        affatto che poi sia decodificabile il risultato
        criptato ma solo che è possibile vedere come
        lavora l'algoritmo.
        Se hai conoscenza di come funziona l'algoritmo e
        non hai la chiave di crittazione/decrittazione
        non è che riesci a decodificare nulla.

        Perchè fate dei commenti senza neppure una base
        di conoscenza matematica e di tecnologie di
        crittazione?I sistemi crittografici sono piú sicuri se il sorgente è noto però i DRM utilizzano la crittografia come trucchetto per fare sí che l'utente possa vedere il "messaggio in chiaro", di cui possiede sia crittogramma che chiave, solo in certe condizioni. Nel caso del DRM l'unica cosa effettivamente segreta è l'algoritmo, una volta che hai l'algoritmo è banale modificarlo affinché salvi da qualche parte il messaggio in chiaro piuttosto che fartelo vedere ed eliminarlo subito.
  • Anonimo scrive:
    a proposito delle javate... e Red Sherif
    la cosa che dice il cavallogoloso qui: http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1103565&tid=1103565&p=1&r=PIcome si risolve?io ho letto anche il post in inglese ma il "red sheriff" continua a scaricare la classe ed eseguirla ... firewall? altre cose?aiuto!
  • Crazy scrive:
    Come e` possibile? Non ha senso, puzza
    CIAO A TUTTIscusate, ma questo sembra un controsenso: come fa ad essere aperto un sistema di protezione?E` un po' come se facessi un prorgamma per criptare i programmi e poi ne dessi in giro il codice cosi` tutti ne saprebbero il logaritmo che ci sta sotto.Non ha senso, proprio.Oltretutto, la Sun fa parte del consorzio TCPA e questa cosa mi puzza al quanto: va a finire che i bravi smanettoni creeranno un DRM sicurissimo, poi la Sun lo passa in formato close al TCPA group che facendo delle minime modifiche lo rendera` imbattibile ottenendo il sistema che vogliono:" http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1101790&tid=1101790&p=1&r=PI "Un Hacker sa sempre quali sono i buchi da sfruttare, se lui va a ripararli, li ripara bene e tutti, e questo e` lo stesso principio, tutti lavorerebbero ad una tecnologia che con il tempo limitera` non poco le nostre liberta`, quindi sarebbe bene che la comunita` Open Source si impegnasse a non sviluppare questo Sistema.Il TCPA avanza inesorabilmente e dobbiamo prenderne atto e le relative contromisure: BOICOTTARE sia tutti i Software DRM che tutti i Software TCPA, lo stesso vale per gli Hardware, dobbiamo rifiutare l'acquisto di componenti per Computer sia che siano TCPA sia che includano DRM." http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1101790&tid=1101790&p=1&r=PI "Come dico da sempre, e` l'unica cosa che possiamo fare ed a mio avviso e` anche la cosa migliore da fareNON SVILUPPATE PER LA SUN IL SISTEMA DRM DISTINTI SALUTI
    • Anonimo scrive:
      Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
      - Scritto da: Crazy
      CIAO A TUTTI
      scusate, ma questo sembra un controsenso: come fa
      ad essere aperto un sistema di protezione?
      E` un po' come se facessi un prorgamma per
      criptare i programmi e poi ne dessi in giro il
      codice cosi` tutti ne saprebbero il logaritmo che
      ci sta sotto.
      Non ha senso, proprio.
      Oltretutto, la Sun fa parte del consorzio TCPA e
      questa cosa mi puzza al quanto: va a finire che i
      bravi smanettoni creeranno un DRM sicurissimo,
      poi la Sun lo passa in formato close al TCPA
      group che facendo delle minime modifiche lo
      rendera` imbattibile ottenendo il sistema che
      vogliono:
      "
      http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1101
      Un Hacker sa sempre quali sono i buchi da
      sfruttare, se lui va a ripararli, li ripara bene
      e tutti, e questo e` lo stesso principio, tutti
      lavorerebbero ad una tecnologia che con il tempo
      limitera` non poco le nostre liberta`, quindi
      sarebbe bene che la comunita` Open Source si
      impegnasse a non sviluppare questo Sistema.
      Il TCPA avanza inesorabilmente e dobbiamo
      prenderne atto e le relative contromisure:
      BOICOTTARE sia tutti i Software DRM che tutti i
      Software TCPA, lo stesso vale per gli Hardware,
      dobbiamo rifiutare l'acquisto di componenti per
      Computer sia che siano TCPA sia che includano
      DRM.
      "
      http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1101
      Come dico da sempre, e` l'unica cosa che possiamo
      fare ed a mio avviso e` anche la cosa migliore
      da fare
      NON SVILUPPATE PER LA SUN IL SISTEMA DRM
      DISTINTI SALUTIAncora questo... non se ne può più di leggere le corbellerie di questo individuo.
    • Santos-Dumont scrive:
      Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
      - Scritto da: Crazy
      CIAO A TUTTI
      scusate, ma questo sembra un controsenso: come fa
      ad essere aperto un sistema di protezione?
      E` un po' come se facessi un prorgamma per
      criptare i programmi e poi ne dessi in giro il
      codice cosi` tutti ne saprebbero il logaritmo che
      ci sta sotto.Scusa, ma da semi-ignorante: non é quello che succede nel caso di PGP?!
    • Anonimo scrive:
      Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
      - Scritto da: Crazy
      CIAO A TUTTI
      scusate, ma questo sembra un controsenso: come fa
      ad essere aperto un sistema di protezione?
      E` un po' come se facessi un prorgamma per
      criptare i programmi e poi ne dessi in giro il
      codice cosi` tutti ne saprebbero il logaritmo che
      ci sta sotto.Ahoo ragazzo smetti di spararti pippe e fumare la maria e mettiti una volta per tutte a studiare informatica.Prima di tutto si chiamano algoritmi e non logaritmi che è una cosa totalmente differente...Poi è stato ampiamente dimostrato anche da Openssl in seno al progetto OpenBSD che gli algoritmi di sicurezza e criptazione più sicuri e difficili da violare sono proprio quelli opensource di cui sono aperte le specifiche e visibile il codice.Infatti non ha alcun senso l'equivalenza codice disponibile = facilità di cracking.E' invece vero il contrario ossia più persone ci lavorano e più è facile migliorarlo. O correggerne le falle scoperte.Il lavoro che fa l'algoritmo esula dall'oscurità del codice che produce quel risultato ossia cripta i dati in quel modo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
      Scusa e.. ma anche il codice di GnuGP è open.. eppure Anche leggendolo, riesci a craccare il contenuto dei file protetti (in meno di 80 anni) ?Mah..
      • Anonimo scrive:
        Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
        ma non dargli retta, crazy è malato mi saP.S.: il tuo avatar è spettacolare!!! mitici Opeth!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Non vedo l'ora esca il nuovo album (se non l'hai fatto senti la preview della nuova canzone, mammamia!!!!!!!!!!!!) e relativo concerto .)
      • Anonimo scrive:
        Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
        In realtà l'esistenza di un algoritmo di cifrazione reversibile prevede anche l'esistenza di almeno un algoritmo per decifrare il cifrato...Giusto perchè ogni contenuto cifrato è decifrabile (a lungo andare) l'algoritmo di cifratura migliore è quello che mantiene le informazione al sicuro il più tempo possibile, almeno quanto basta per farle diventare inutili a fini strategici, di spionaggio, violazione della privacy ecc.Tanto per dirne una l'algoritmo SHA (credo si chiami così) ha un metodo di attacco semplicissimo, assolutamente idiota, ma richiede decine di anni (sempre se non si ha a disposizione un pc quantistico... ^_^)
        • Anonimo scrive:
          Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
          Bene.. mettiamo qualche puntino sulle i.. SHA non è un algoritmo di cifratura.. la crittografia è nei DRM solo per bellezza, visto che non ci sono due parti in causa.http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1105494&tid=1105442&p=1&r=PI#1105494
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            - Scritto da: Anonimo
            Bene.. mettiamo qualche puntino sulle i.. SHA non
            è un algoritmo di cifratura.. la crittografia è
            nei DRM solo per bellezza, visto che non ci sono
            due parti in causa.

            http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1105Veramente con il DRM ogni hardware ed ogni software vengono identificati ed approvati tramite metodi di criptazione hardware/software e controllo online sui server.. quindi di parti in causa ce ne sono 3 durante i controlli.. come se l' Activation attuale che dopo Microsoft sta oramai in sempre più programmi "togli libertà al cliente e spialo come fossi la CIA/FBI" non fosse già abbastanza schifosa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
      - Scritto da: Crazy
      CIAO A TUTTI
      scusate, ma questo sembra un controsenso: come fa
      ad essere aperto un sistema di protezione?
      E` un po' come se facessi un prorgamma per
      criptare i programmi e poi ne dessi in giro il
      codice cosi` tutti ne saprebbero il logaritmo che
      ci sta sotto.
      Non ha senso, proprio.Si vede che non hai la minima idea di quali siano i protocolli più sicuri e robusti :)Informati...
    • sterlina scrive:
      Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
      - Scritto da: Crazy
      CIAO A TUTTI
      scusate, ma questo sembra un controsenso: come fa
      ad essere aperto un sistema di protezione?
      E` un po' come se facessi un prorgamma per
      criptare i programmi e poi ne dessi in giro il
      codice cosi` tutti ne saprebbero il logaritmo che
      ci sta sotto.
      Non ha senso, proprio.conoscere l'algoritmo (si chiama così) matematico non vuol dire poter risalire al risultato. Provo a spiegartelo con un classico esempio:io ti dico che un numero, moltiplicato per se stesso, fa 4.tu conosci l'algorimo (moltiplicazione per quello stesso numero) ma senza altre informazioni non puoi sapere se il numero iniziale era "2" o "-2" ("meno due").ovviamente qui ci sono solamente due casi possibili ed è un sistema ingenuo, gli algoritmi di cifratura sono molto più pratici e utilizzabili, nonché robusti e abbastanza (per ora) a prova di intrusiciao!
      • Anonimo scrive:
        Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
        - Scritto da: sterlina

        - Scritto da: Crazy

        CIAO A TUTTI

        scusate, ma questo sembra un controsenso: come
        fa

        ad essere aperto un sistema di protezione?

        E` un po' come se facessi un prorgamma per

        criptare i programmi e poi ne dessi in giro il

        codice cosi` tutti ne saprebbero il logaritmo
        che

        ci sta sotto.

        Non ha senso, proprio.


        conoscere l'algoritmo (si chiama così) matematico
        non vuol dire poter risalire al risultato. Provo
        a spiegartelo con un classico esempio:

        io ti dico che un numero, moltiplicato per se
        stesso, fa 4.

        tu conosci l'algorimo (moltiplicazione per quello
        stesso numero) ma senza altre informazioni non
        puoi sapere se il numero iniziale era "2" o "-2"
        ("meno due").

        ovviamente qui ci sono solamente due casi
        possibili ed è un sistema ingenuo, gli algoritmi
        di cifratura sono molto più pratici e
        utilizzabili, nonché robusti e abbastanza (per
        ora) a prova di intrusi


        ciao!Veramente se hai il codice completo dell'algoritmo sia di criptazione che decriptazione non vedo come sia possibile affermare che tale algoritmo sarebbe sicuro. Tanto è che tutta questa confusione su opensource favorisce solo i terroristi perchè aziende, banche ed altri , su consiglio di gente collusa con i terroristi o semplicemente ignorante e truffaldina, adottano sistemi di criptazione di livello mediocre che chiunque si sia studiato un pò di teoria di base può decodificare senza problemi, specie se i sorgenti per farlo sono pubblici. Ed i terroristi ci vanno a nozze...
        • Anonimo scrive:
          Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz

          Veramente se hai il codice completo
          dell'algoritmo sia di criptazione che
          decriptazione non vedo come sia possibile
          affermare che tale algoritmo sarebbe sicuro. Se sei ignorante, chiedi e ti sarà spiegato. Oppure meglio: fai una ricerca su google, vedrai che ti meraviglierai di quante cose ci siano ancora da imparare, soprattutto per te, che spari cavolate a ripetizione.Svegliaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            - Scritto da: Anonimo


            Veramente se hai il codice completo

            dell'algoritmo sia di criptazione che

            decriptazione non vedo come sia possibile

            affermare che tale algoritmo sarebbe sicuro.

            Se sei ignorante, chiedi e ti sarà spiegato.
            Oppure meglio: fai una ricerca su google, vedrai
            che ti meraviglierai di quante cose ci siano
            ancora da imparare, soprattutto per te, che spari
            cavolate a ripetizione.
            SvegliaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaSei tu che sei ignorante e credi alle favolette. I veri sistemi di criptazione sono super-segreti. La roba pubblica sono giocattoli per le masse che credono di essere protetti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo




            Veramente se hai il codice completo


            dell'algoritmo sia di criptazione che


            decriptazione non vedo come sia possibile


            affermare che tale algoritmo sarebbe sicuro.



            Se sei ignorante, chiedi e ti sarà spiegato.

            Oppure meglio: fai una ricerca su google, vedrai

            che ti meraviglierai di quante cose ci siano

            ancora da imparare, soprattutto per te, che
            spari

            cavolate a ripetizione.

            Svegliaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

            Sei tu che sei ignorante e credi alle favolette.
            I veri sistemi di criptazione sono super-segreti.
            La roba pubblica sono giocattoli per le masse che
            credono di essere protetti. Ha parlato mr. io-so-tutto.Ma vai a farti una ricerca su google, ignorante.E prima di dare dell'ignorante a qualcuno, informati prima, ignorante!Ma è possibile che i saccentoni ignoranti debbano imperversare su PI?
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            scusa dopo gente che si dichiara esperta di programmazione grafica 3d (e conoscitrice di tutte le tecniche possibili e immaginabili, chissà perché posta su pi invece di lavorare alla idSoftware) e poi dice che non ha mai visto opengl o directx in vita sua, ti meravigli tanto?comunque per tornare in topic, ecco qualche link iteressante sulle recenti "rotture" di alcuni algoritmi:http://eprint.iacr.org/2004/199.pdfhttp://www.schneier.com/blog/archives/2005/08/new_cryptanalyt.htmlhttp://www.tweakness.net/index.php?topic=1397http://www.schneier.com/blog/archives/2005/02/cryptanalysis_o.html
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            - Scritto da: Anonimo
            scusa dopo gente che si dichiara esperta di
            programmazione grafica 3d (e conoscitrice di
            tutte le tecniche possibili e immaginabili,
            chissà perché posta su pi invece di lavorare alla
            idSoftware) e poi dice che non ha mai visto
            opengl o directx in vita sua, ti meravigli tanto?

            comunque per tornare in topic, ecco qualche link
            iteressante sulle recenti "rotture" di alcuni
            algoritmi:
            http://eprint.iacr.org/2004/199.pdf
            http://www.schneier.com/blog/archives/2005/08/new_
            http://www.tweakness.net/index.php?topic=1397
            http://www.schneier.com/blog/archives/2005/02/crypSenti, non cambiare discorso, si parlava della segretezza dell'algoritmo.Adesso, se non vuoi fare la figura di c@cc@, invia qualche link che dimostri ciò che, da perfetto ignorante, hai prima affermato.Io potrei inviarti qualche link, ma ti facilito le cose, prova a cercare su google la seguente stringa, compresi i doppi apici: crittografia "segretezza dell'algoritmo"avrai delle belle sorprese, o mio caro ignorante.
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            premesso il fatto che la crittografia non c'entra niente con i DRM.. bisogna prendere atto che l'ignoranza non ha limiti :)
        • AnyFile scrive:
          Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
          - Scritto da: Anonimo


          Veramente se hai il codice completo
          dell'algoritmo sia di criptazione che
          decriptazione non vedo come sia possibile
          affermare che tale algoritmo sarebbe sicuro.
          Tanto è che tutta questa confusione su opensource
          favorisce solo i terroristi perchè aziende,
          banche ed altri , su consiglio di gente collusa
          con i terroristi o semplicemente ignorante e
          truffaldina, adottano sistemi di criptazione di
          livello mediocre che chiunque si sia studiato un
          pò di teoria di base può decodificare senza
          problemi, specie se i sorgenti per farlo sono
          pubblici. Ed i terroristi ci vanno a nozze...Perche' quello che fa un programma (compreso un programma che fa una decriptazione) non dipende solo dall'algoritmo ma anche dai dati che ha in input.I programmi di decriptazione non chiedono in input solo il testo da decriptare (il cifrato) ma anche la chiave. E la chiave non e' nota.Devo pero' ammettere, a differenza di quanti hanno sostenuto altri, che la conoscenza dell'algoritmo di criptazione/decriptazione costituisce a tutti gli effetti un vantaggio per chi voglia decriptare il cifrato senza essere il legittimo destinatario.Questo fatto e' piu' che evidente in tantissimi esempi storici.Nel caso degli algoritmi RSA e simili non solo sono noti gli algoritmi di criptazione e decriptazione ma e' perfino noto il modo per venire in possesso della chiave. Questi metodi di criptazione (o algoritmi) si basano sul fatto che il metodo per venire in possesso della chiave e' estremamente lungo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
        giusto per divagare.. (visto che i DRM non c'entrano niente con la crittografia).. hai fatto un bell'esempio con la radice.. visto che risolvere x^2 = c mod n è equivalente a fattorizzare n stesso (chi sa dimostrare pke? :PpPpP)
    • pikappa scrive:
      Re: possibile
      beh tecnicamente parlando anche pgp è aperto, eppure è in grado di cifrare senza problemi, semplicemente non è possibile risalire al testo in chiaro pur conoscendo l'algoritmo.La stessa cosa si può applicare qui, un sistema di drm libero da brevetti, e implementabile da chiunque senza royalties varie, senza peraltro tirare in ballo chip palladium et similaHo dei sentimenti contrastanti su questa cosa, da un lato è interessante perchè potrebbe portare allo sviluppo di software e negozi online anche sulle altre piattaforme (solaris e linux) e quindi livellare un poco le forze in gioco, dall'altro lato è semplicemente desolante dover acquistare musica compressa e per giunta "zoppa" con cui poi devo fare salti mortali per poterla semplicemente acquistare dove mi pare
      • Anonimo scrive:
        Re: possibile
        Come al solito la confusione regna :)PGP/GPG implementano algoritmi il cui obbiettivo è permettere a due soggetti di comunicare in modo non intercettabile senza essere a conoscenza di una chiave prestabilita.I DRM invece implementano limitiazioni che verranno eseguite sul tuo stesso computer per impederti di accedere a determinati contenuti.Morale della favola? i DRM sono tecnologie che a livello teorico sono sempre crakkabili :) l'unica speranza che hanno di rimanere non crakkati è se sono implementati su hardware specifico (vista la difficoltà di fare il reversing di un algoritmo che viene implementato su hardware) (come, ad esempio, le schede delle PayTV).Quindi o la Sun ha inventato qlcosa di profondamente innovativo.. oppure sta sviluppando qlcosa di inutile (ma poi chi lo vuole il software java della sun? pke non se lo tengano sui loro computer?!)
        • Anonimo scrive:
          Re: possibile
          - Scritto da: Anonimo
          Come al solito la confusione regna :)

          PGP/GPG implementano algoritmi il cui obbiettivo
          è permettere a due soggetti di comunicare in modo
          non intercettabile senza essere a conoscenza di
          una chiave prestabilita.

          I DRM invece implementano limitiazioni che
          verranno eseguite sul tuo stesso computer per
          impederti di accedere a determinati contenuti.

          Morale della favola? i DRM sono tecnologie che a
          livello teorico sono sempre crakkabili :) l'unica
          speranza che hanno di rimanere non crakkati è se
          sono implementati su hardware specifico (vista la
          difficoltà di fare il reversing di un algoritmo
          che viene implementato su hardware) (come, ad
          esempio, le schede delle PayTV).

          Quindi o la Sun ha inventato qlcosa di
          profondamente innovativo.. oppure sta sviluppando
          qlcosa di inutile (ma poi chi lo vuole il
          software java della sun? pke non se lo tengano
          sui loro computer?!)Veramente dovresti darti una letta al DRM. PGP e simili sono crackabili, anche DES e SHA sono stati di recente messi sotto accusa come blandi, quindi figurarsi... Il DRM se andrà a regime diventerà inviolabile e costringerà ogni utente PC ad acquistare qualsiasi programma, anche i driver diventeranno a pagamento (hotfix Microsoft già lo stanno diventando in pratica....), ci sarà un controllo sistematico su ogni individuo che al confronto il numero seriale sulle CPU Intel di qualche anno fa sembrerà uno scherzo.E Mac OS X Intel x86 crackato senza DRM che è uscito sulla rete non dice nulla, a meno che non vogliate credere alle favolette che lo studentello presunto genietto avrebbe disabilitato tutto il codice DRM e crackato l' OS... ehhh! Sì, sicuro.. credete alle favole... se Apple e Steve Jobs/Bill Gates non avessero voluto mai una copia pirata di OS X in giro non ci sarebbe stata, potete starne certi. "Appaiono" per un preciso motivo le copie pirata e non per caso grazie alla bravura di qualcuno come crede la massa...
          • Anonimo scrive:
            Re: possibile
            - Scritto da: Anonimo
            studentello presunto genietto avrebbe
            disabilitato tutto il codice DRM e crackato l'
            OS... ehhh! Sì, sicuro.. credete alle favole...guarda che una stupida limitazione locale (con sopra scritto TECNOLOGIA DRM) me la crakko anche da solo, non c'è bisogno che venga il genietto dalla lampada :)
          • Anonimo scrive:
            Re: possibile
            "Veramente dovresti darti una letta al DRM. PGP e simili sono crackabili, anche DES e SHA sono stati di recente messi sotto accusa come blandi, quindi figurarsi..." cosa vuol dire crakkabili? se un algoritmo con una chiave di 2^128 bit richiede 2^128 operazioni per essere violato.. lo consideri crakkabile? :) se un algoritmo con chiave pubblica di 2048bit lo puoi violare con "SOLTANTO" 2^200 operazioni.. lo consideri crakkabile? ma soprattutto.. se sei ignorante.. pke non stai zitto?
    • Anonimo scrive:
      Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
      - Scritto da: Crazy
      CIAO A TUTTI
      scusate, ma questo sembra un controsenso: come fa
      ad essere aperto un sistema di protezione?
      E` un po' come se facessi un prorgamma per
      criptare i programmi e poi ne dessi in giro il
      codice cosi` tutti ne saprebbero il logaritmo che
      ci sta sotto.[cut]Uhm... stai sostenendo una campagna anti-TCPA e non conosci neanche l'ABC della crittografia?Ti consiglio di correre ai ripari... ;-)Per tacer del logaritmo... :|
    • Anonymous scrive:
      Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
      Concordo con tutti quelli che ti hanno ripreso per la sciocchezza detta sul fatto che se si conosce il codice di un algoritmo di criptazione si puo' facilmente risalire ai contenuti decriptati.Nessuno ti ha spiegato il perche'.Vedi, al momento si usano algoritmi per criptare lievemente piu' complessi del rot13 ;)Detto grezzamente (se vuoi approfondire google o un libro di algebra saranno tuoi amici):per criptare usi una successione di formule matematiche non invertibili, anche conoscendo il risultato e l'algoritmo che lo produce, non puoi calcorare l'operazione inversa.Matematicamente puo' essere possibile, ma il tempo necessario al calcolo dell'operazione rende la cosa esageratamente svantaggiosa e quindi non applicabile.Mai sentito parlare di fattorizzazione?Ecco, questo e' un esempio: se si riuscisse a trovare un algoritmo in grado di calcolarla, attualmente sarebbe la fine della crittografia come noi la conosciamo.Visto che tale algoritmo non esiste (e non e' detto che esista), l'unico modo per decriptare un dato ti obbliga a un attacco di tipo brute-force, e fai un rapido conto di che matrice delle possibilita' esce con un semplice algoritmo a 128bit (e ora vengono tranquilllamente usati anche a 1024).Anonymous
      • Anonimo scrive:
        Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
        Bene.. cosa c'entra la crittografia pubblica con tutto questo? Semplice: NIENTE :) quindi ti rimando al mio post precedente :)http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1105514&tid=1105442&p=1&r=PI#1105514
        • Anonymous scrive:
          Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
          dai che hai capito benissimo il senso del mio postAnonymous
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            il tuo post è abbastanza sensato.. io volevo solo sottolineare che non c'è nessun legame tra crittografia pubblica e DRM... cmq un esempio può chiarire:1) compro un dispositivo che contiene musica protetto da DRM2) ascolto la musica legalmente sul mio computer e nello stesso tempo un altro programma in background la registra3) salvo la registrazione (che è identica a quella ke ho sentito)nel fare questo procedimento.. cosa me ne frega di quale algoritmo di cifratura è stato usato nel file originale?
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            - Scritto da: Anonimo
            il tuo post è abbastanza sensato.. io volevo solo
            sottolineare che non c'è nessun legame tra
            crittografia pubblica e DRM... cmq un esempio può
            chiarire:

            1) compro un dispositivo che contiene musica
            protetto da DRM
            2) ascolto la musica legalmente sul mio computer
            e nello stesso tempo un altro programma in
            background la registranon credo funzioni, il DRM sarà implementato anche sui dischi fissi, quindi potrai memorizzare solo dati non protetti...
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            "non credo funzioni, il DRM sarà implementato anche sui dischi fissi, quindi potrai memorizzare solo dati non protetti..."bene.. come tu stesso ammetti non c'entra niente il formato con cui è salvato il file. il punto che io voglio attaccare è chi mi costringe a rispettare queste regole (in questo caso l'harddisk). Soluzione? Non comprare harddisk con queste feature, se le hai comprati comprare il chip per levargliele :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            comunque io potrei memorizzare i dati in formato cryptato cosi l'harddisk stesso non può sapere cosa sto salvando.. in ogni caso è una battaglia persa (da parte di chi implementa il DRM) :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            - Scritto da: Anonimo
            comunque io potrei memorizzare i dati in formato
            cryptato cosi l'harddisk stesso non può sapere
            cosa sto salvando.. in ogni caso è una battaglia
            persa (da parte di chi implementa il DRM) :)Te lo risolvono con una condizione banale, impedire i dati non riconosciuti e renderli non adatti all'hardware. Se il formato è considerato illecito sarà bollato come illegale. Ecco cosa accadrà a regime. Tanto è che con il DRM lo shareware ed il freeware scompariranno ed i prezzi schizzeranno a livelli assurdi , come se adesso fossero normali....
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            - Scritto da: Anonimo
            "non credo funzioni, il DRM sarà implementato
            anche sui dischi fissi, quindi potrai memorizzare
            solo dati non protetti..."

            bene.. come tu stesso ammetti non c'entra niente
            il formato con cui è salvato il file. il punto
            che io voglio attaccare è chi mi costringe a
            rispettare queste regole (in questo caso
            l'harddisk). Soluzione? Non comprare harddisk con
            queste feature, se le hai comprati comprare ilil problema è che se DRM siventerà uno standard tutti i produttori si adegueranno, risultato tutti i dischi fissi impediranno la copia di dati protetti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            - Scritto da: Anonimo
            il tuo post è abbastanza sensato.. io volevo solo
            sottolineare che non c'è nessun legame tra
            crittografia pubblica e DRM... nel caso di TCPA c'e' un forte legame, in quanto le applicazioni certificate son firmate digitalmente e l'hardware decide se possono girare o meno proprio in base a quelle firme
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1105991&tid=1105442&p=2&r=PI#1105991
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            temo tu non abbia capito, il problema e' nella cpu, il tcpa e' implementato li (anche se a questo stadio si usa un chip esterno chiamato fritz), essa comunichera' tramite crittografia asimmetrica con le altre periferiche e lascera' eseguire solo le applicazioni certificate (aka firmate digitalmente con chiavi note); ora ti e' chiaro perche' la crittografia va di pari passo con il drm implementato in tcpa?
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            bah.. son molto curioso di vedere chi le compra le cpu che eseguono solo applicazioni firmate :) pke se io posso eseguire quello ke mi pare stai pure certo ke non c'è DRM che tenga! :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            http://guly.org/antik.jpg
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            - Scritto da: Anonimo
            bah.. son molto curioso di vedere chi le compra
            le cpu che eseguono solo applicazioni firmate :)
            pke se io posso eseguire quello ke mi pare stai
            pure certo ke non c'è DRM che tenga! :)Tutti le compreranno. E' inevitabile col tempo. Puoi resistere 2-3 anni forse.. ma poi che pensi che nessuno comprerà più i PC quando poi il 99% della popolazione manco ha idea di cosa siano DRM,TCPA e così via ? Quando le masse lo capiranno sarà troppo tardi, multinazionali falliranno e Gates avrà accesso anche ai dati del Pentagono...
          • Anonymous scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            - Scritto da: Anonimo
            nel fare questo procedimento.. cosa me ne frega
            di quale algoritmo di cifratura è stato usato nel
            file originale?Nulla!Se leggi bene nel mio post volevo solo far capire (sommariamente) a Crazy perche' non ha senso dire che se il codice di una funzione di criptazione e' pubblico e' facile risalire al contenuto decriptato.Non ho mai usato la parola drm nel mio postAnonymous
          • Anonimo scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            ho detto abbastanza sensato pke fai delle assunzioni sbagliate.. per fattorizzare un numero da 2048 bit esistano degli algoritmi che pur essendo esponenziali sono comunque migliori del semplice bruteforce. (esempio stupido: il mio computer è in grado di fattorizzare la stragrande maggiornza di numeri n=p*q dove n è circa 64bit in 0.010ms) (il che significa che non faccio 2^32 operazioni...). Altre assunzioni sbagliate sono che la fattorizzazione sia il problema centrale dellla crittografia.. non è vero.. ci sono anche altri algoritmi a chiave pubblica.. alcuni dei quali non c'entrano niente con la fattorizzazione e altri che se venissero violati allora verrebbe violata la fattorizzazione ma non viceversa (discrete logarithm) :)
          • Anonymous scrive:
            Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
            Non era mia intenzione buttare nella pentola troppe cose: ho fatto l'esempio piu' banale.Se pero' vuoi approfondire ben volentieri, ma non ne vedo il senso in quanto palesemente OT (e gia' il mio primo post era sull'orlo dell'ot)Anonymous
    • Crazy scrive:
      SORRY
      SCUSATEper la Gaffe "Logaritmo" - "Algoritmo", errore madornale, non sono un computer e di fatto errare e` umano.Detto questo, chiedo venia per la seconda Gaffe, questa, proprio per un errore di interpretazione mio: pensavo che un Algoritmo di Crittazione libero fosse facilmente Decrittabile, invece mi avete fatto capire che non e` cosi`, bene, allora... e` ancora peggio!!!La Sun, vuola sfruttale la conoscienza di tanti programmatori Open per poi chiudere la loro tecnologia ed utilizzarla nei sistemi Palladium, o per meglio dire, in quesi Computer che sono TCPA approved e che integrano quindi i DRM.Il Post di cui ho messo il Link, che non ho scritto da solo ma e` scritto in collaborazione con svariate altre persone e quindi piu` facilmente esente da errori di intepretazione tipo quello da me appena fatto, e` stato scritto in tempi recenti, durante il mese di Luglio 2005 e spero che, pur non essendo Computer, l'unione di piu` cervelli umani possa garantire una certa accuratezza delle informazioni:" http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1101790&tid=1101790&p=1&r=PI "Comunque e` un peccato che la SUN sia passata cosi` a TCPA, la avevo vista sempre come la Anti-Microsoft per eccellenza, e per questo una volta mi stava antipatica, ora invece che mi da fastidio il TCPA a cui ha aderito Microsoft... pure la Microsoft, e di fatto pure Mac, hanno aderito a questo progetto... che Delusione.Rimane sempre il mio consiglio di Boicottare Palladium e non sviluppare questa tecnologia DRM per la SUN.Chiedo perdono ancora per gli errori indicati nel post di cui sopraDISTINTI SALUTI
      • Anonimo scrive:
        Re: SORRY
        trovati uno scopo nella vita(consiglio: cavia da laboratorio)
      • Anonimo scrive:
        Re: SORRY
        - Scritto da: Crazy
        possa garantire una certa
        accuratezza delle informazioni:
        "

        http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1101Secondo me PI dovrebbe spostarti nel forum degli OT e dei Troll ogni volta che posti quel link perché hai veramente rotto.A parte che la spiegazione che dai di là è un'accozzaglia di inesattezze da far paura. Oltre al fatto che per scriverla hai dovuto scrivere cinquanta messaggi.Al massimo potevi mettere una pagina sola con dei link a delle fonti autorevoli.Allora domani veniamo qui e incolliamo tutta la Divina Commedia in un thread con 3000 messaggi.
        • Anonimo scrive:
          Re: SORRY
          la divina commedia è sicuramente meglio delle cavolate sparate dal crazy, per me è un bot spara-cavolate programmato da qualcuno
      • Anonimo scrive:
        Re: SORRY

        Scritto da: Crazy
        pensavo che un Algoritmo di CrittazioneCrittazione?!?!?!?Buhahahahahahahahahahahahaha!!!!!!!!!(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
      I DRM sono il futuro del commercio on-line, soprattutto per quanto rigurada il materiale multimediale (musica, film, libri, etc) perchè è oggi l'intyeresse primario di produttori e distributori. Per cui dovremmo imparare a conviverci. Ci sono due scenai possibili: da una parte una moltitudine di sistemi eterogenei, incompatibili e non intercambiabili e dall'altra una serie di sistemi aderenti tutti allo stesso standard, conosciuto aperto e libero da royalties. Io, da utente, preferisco di gran lunga il secondo scenario!
      • Anonimo scrive:
        Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz
        bah.. tutta questa inevitabilità mi sembra eccessiva :)basta 1) usare software libero 2) uasre hardware pulito e hai già risolto il problema :)
    • Anonimo scrive:
      9 --
      cristo della miseria le ca**ate che hai scritto... ma a te il cervello dove minchia te l'hanno installato, su per le chiappe?
    • Anonimo scrive:
      x Crazy
      Hey Crazy, Da come la metti tu su palladium & c. sembra veramente una cosa temibile x tutti quelli che vogliono piratare.Però anche x chi ha intenzioni oneste, la cosa mi pare un tantino fastidiosa.Prendo come spunto un esempio che qualcuno ha già scritto nel forum: se io sono una ditta e voglio fare un programmino di utilità liberamente scaricabile ma non voglio sobbarcarmi altre spese come quella di registrarlo, i clienti che hanno palladium non possono eseguirlo?Se poi il mio sito non è registrato, non possono neanche accedere al sito?Ma come fa' a funzionare un'iniziativa del genere?Io la vedo destinata a fallire, se non in partenza, appena un numero considerevole di utenti comincia farsi sentire in rete e nei media.
      • Crazy scrive:
        RISPOSTA da Crazy
        - Scritto da: Anonimo
        Hey Crazy,

        Da come la metti tu su palladium & c. sembra
        veramente una cosa temibile x tutti quelli che
        vogliono piratare.Tengo a precisare che io non approvo la Pirateria, e` giusto che venga punita, senza esagerazioni come carcere, ma non e` cosa giusta, quindi va sanzionata.
        Però anche x chi ha intenzioni oneste, la cosa mi
        pare un tantino fastidiosa.E` proprio questo il punto su cui mi sto imponendo io, anche chi ha intenzioni oneste, si trovera` a subire forti limitazioni perche` chi e` preposto (chissa` chi) ha deciso che certe cose e` giusto che non si possano fare
        Prendo come spunto un esempio che qualcuno ha già
        scritto nel forum: se io sono una ditta e voglio
        fare un programmino di utilità liberamente
        scaricabile ma non voglio sobbarcarmi altre spese
        come quella di registrarlo, i clienti che hanno
        palladium non possono eseguirlo?Esatto, questo e` il principio base della Trusted Computing Plattform: solo i programmi che sono stati verificati dagli enti preposti della TCPA otterranno l'approvazione per poter passare il test pre-installazione.In questo modo, verificano che il tuo Software non contenga Virus o non cerchi di crakkare il sistema in modo da rendere violabili i DRM.Comunque forse una via c'e`, passare solo il file .txt che poi le altre persone dovranno compilare sul loro Computer: un programma compilato nel Computer Palladium, funzionera` solo su quel Computer, ma a quel punto, ti impongono di distribuire il tuo Porgramma come OpenSource e se tu volevi tenertene l'esclusiva... scordatelo.Tanto per darti l'esempio pratico, se hai Windows XP ed hai installato il Service Pack 2, se provi ad installare certi programmi, o certi Driver, ti capita che Windows ti dica: "il seguente file non ha passato il Micorsoft Logo Test, se lo si installa, questo potrebbe causare problemi al funzionamento del Sistema, Installare Comunque?"Per ora, ti chiede se lo vuoi installare comunque, in futuro ti dira` semplicemente che non si puo` installare, punto e basta.
        Se poi il mio sito non è registrato, non possono
        neanche accedere al sito?Questo e` uno degli altri principi della Piattaforma Sicura di Computazione: risolvere ogni minimo e lontano problema di potenziale pirateria alla radice, quindi, la cosa migliore da fare e` impedire l'accesso ai siti da cui scaricare eventuali Crack o programmi di P2P cosi` da non arrivare nemmeno a tentare l'installazione.In ogni caso, se in qualche modo reisci a ricevere quel Programma, al momento dell'installazione ti verra` detto che non ha passato il test e non ti permettera` di installarlo.
        Ma come fa' a funzionare un'iniziativa del genere?La risposta e` brutalmente semplice: te lo impongono, se hai letto tutto il decuplo post avrai trovato anche il Link con la lista di tutti i membri del TCPA, e ti sarai reso conto che sono ben poche le Software House che non Vi hanno aderito e lo stesso valesi per gli Hardware.Tuttavia, mi ha stupito il rifiuto di certe aziende di entrare a par parte del TCPA ed e` una cosa che mi fa estremamente piacere, un esempio e` la Pioneer, comuqnue la maggioranza delle grosse aziende Vi ha aderito perche` grazie a questo sistema riusciranno ad imporre l'acquisto dei loro prodotti.
        Io la vedo destinata a fallire, se non in
        partenza, appena un numero considerevole di
        utenti comincia farsi sentire in rete e nei
        media.
        Come ho detto in passato, per il futuro penso che si verra` a formare una sorta di muro di berlino informatico tra chi ha Palladium e chi non ce lo ha.Probabilmente, anzi, quasi sicuramente, nemmeno le Email potranno circolare tra una persona che ha Palladium ed una che non ce lo ha, ecco perche`, se vogliamo continuare a vivere come siamo abituati a fare fino ad ora, la cosa migliore e` Boicottare Palladium, farlo fallire e poi riprendere la vita di sempre.Praticamente per un periodo non ci si aggiorna, si rimane a Windows XP senza fare UpDate, o si passa a Linux, non si acquistano Porcessori Intel o AMD per un qualche anno, poi, una volta che Palladium fallisce, si torna a comperare il Windows che pero` non avra` piu` tracce di Palladium.
        • Anonimo scrive:
          5 --
          ... crazy sei ridicolo, siccome nessuno qui dentro sta ad ascoltare le cavolate che spari ti fai le domande come utente anonimo e poi ti rispondi da solo, datte foco!
        • Anonimo scrive:
          Re: RISPOSTA da Crazy
          - Scritto da: Crazy



          Ma come fa' a funzionare un'iniziativa del
          genere?
          La risposta e` brutalmente semplice: te lo
          impongono, se hai letto tutto il decuplo post
          avrai trovato anche il Link con la lista di tutti
          i membri del TCPA, e ti sarai reso conto che sono
          ben poche le Software House che non Vi hanno
          aderito e lo stesso valesi per gli Hardware.Mah... io sono un po' scettico, per imporre una cosa del genere si deve avere una forza che non riesco ad immaginare.Se veramente ci sarà un tentativo di imposizione del genere, io credo che il mercato risponderà picche, basta una percentuale piccolissima di utenti che non accetta l'imposizione per procurare danni enormi.Poi mi è venuta in mente un'altra questione: se io da privato faccio delle foto delle mie vacanze o dei filmini, dopo non posso mandarli via email a un parente?Se il mitttente è palladium e il destinatario NON è palladium, non si può.Se il mitttente NON è palladium e il destinatario è palladium, non si può.Se il mitttente è palladium e il destinatario è palladium, non si può.Se il mitttente NON è palladium e il destinatario NON è palladium, ALLORA SI PUO'.Mi pare una cosa difficile da accettare dalla massa di utenti.
          • Crazy scrive:
            Ulteriore RISPOSTA da Crazy

            Mah... io sono un po' scettico, per imporre una
            cosa del genere si deve avere una forza che non
            riesco ad immaginare.
            Se veramente ci sarà un tentativo di imposizione
            del genere, io credo che il mercato risponderà
            picche, basta una percentuale piccolissima di
            utenti che non accetta l'imposizione per
            procurare danni enormi.
            Sempre nel solito Post, e piu` precisamente nella parte 9 ci sono un po' di link dove protestano contro questa imposizione.Se la percentuale di gente che lo rifiuta e` piccola non c'e` nulla da fare, Palladium vivra`, ci sono aziende di mezzo che guadagnano decine di miliardi di dollari l'anno, un po' di utenti persi non e` nulla, specialmente pensando che comunque ora piu` della meta` sono pirata, mentre con TCPA, quelli che avranno saranno solo regolari, quindi il conto come minimo pareggia.
            Poi mi è venuta in mente un'altra questione: se
            io da privato faccio delle foto delle mie vacanze
            o dei filmini, dopo non posso mandarli via email
            a un parente?Di sicuro si se tu ed il tuo parente avete il Computer Palladium, oppure se entrambi lo avete non Palladium, piu` incerto se invece avete Computer diversi
            Se il mitttente è palladium e il destinatario NON
            è palladium, non si può.Teoricamente dovrebbe essere cosi`
            Se il mitttente NON è palladium e il destinatario
            è palladium, non si può.Esatto, perche` potrebbe essere un qualcosa di non approvato
            Se il mitttente è palladium e il destinatario è
            palladium, non si può.NO, se entrambi solo Palladium ovviamente tutto funziona, e-mail Trusted per Computer Trusted
            Se il mitttente NON è palladium e il destinatario
            NON è palladium, ALLORA SI PUO'.Chiaro, l'importante e` che i COmputer in questione combacino
            Mi pare una cosa difficile da accettare dalla
            massa di utenti.Il problema e` che la maggior parte degli utenti non sa nemmeno cosa sia Windows, ma e` bello
          • Anonimo scrive:
            Re: Ulteriore RISPOSTA da Crazy
            - Scritto da: Crazy


            Poi mi è venuta in mente un'altra questione: se

            io da privato faccio delle foto delle mie
            vacanze

            o dei filmini, dopo non posso mandarli via
            email

            a un parente?
            Di sicuro si se tu ed il tuo parente avete il
            Computer Palladium, oppure se entrambi lo avete
            non Palladium, piu` incerto se invece avete
            Computer diversi


            Se il mitttente è palladium e il destinatario
            NON

            è palladium, non si può.
            Teoricamente dovrebbe essere cosi`


            Se il mitttente NON è palladium e il
            destinatario

            è palladium, non si può.
            Esatto, perche` potrebbe essere un qualcosa di
            non approvatoSolo questo fatto, da solo, secondo me basta a decretare il fallimento di palladium: prova ad immaginarti tutta la mole di preblemi generata nella fase di transizione di tutti i PC.Sarebbe inaccettabile dal mercato, il mercato cercherebbe sicuramente delle alternative al palladium.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ulteriore RISPOSTA da Crazy
            - Scritto da: Anonimo
            Solo questo fatto, da solo, secondo me basta a
            decretare il fallimento di palladium: prova ad
            immaginarti tutta la mole di preblemi generata
            nella fase di transizione di tutti i PC.
            Sarebbe inaccettabile dal mercato, il mercato
            cercherebbe sicuramente delle alternative al
            palladium.Che non ci sono se tutti i produttori adottano Palladium, senza contare l'appoggio dei governi che potrebbero oltre che renderlo obbligatorio spendere anche barche di soldi per facilitare la transizione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ulteriore RISPOSTA da Crazy
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            Solo questo fatto, da solo, secondo me basta a

            decretare il fallimento di palladium: prova ad

            immaginarti tutta la mole di preblemi generata

            nella fase di transizione di tutti i PC.

            Sarebbe inaccettabile dal mercato, il mercato

            cercherebbe sicuramente delle alternative al

            palladium.

            Che non ci sono se tutti i produttori adottano
            Palladium, senza contare l'appoggio dei governi
            che potrebbero oltre che renderlo obbligatorio
            spendere anche barche di soldi per facilitare la
            transizione.Se tutti i produttori adottano Palladium, cosa già molto difficile, io credo che nasceranno altri produttori che non lo adotteranno.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ulteriore RISPOSTA da Crazy
            - Scritto da: Anonimo

            Che non ci sono se tutti i produttori adottano

            Palladium, senza contare l'appoggio dei governi

            che potrebbero oltre che renderlo obbligatorio

            spendere anche barche di soldi per facilitare la

            transizione.

            Se tutti i produttori adottano Palladium, cosa
            già molto difficile, io credo che nasceranno
            altri produttori che
            non lo adotteranno.Finchè non diventa obbligatorio, come è addirittura probabile.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ulteriore RISPOSTA da Crazy
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo


            Che non ci sono se tutti i produttori adottano


            Palladium, senza contare l'appoggio dei
            governi


            che potrebbero oltre che renderlo obbligatorio


            spendere anche barche di soldi per facilitare
            la


            transizione.



            Se tutti i produttori adottano Palladium, cosa

            già molto difficile, io credo che nasceranno

            altri produttori che

            non lo adotteranno.

            Finchè non diventa obbligatorio, come è
            addirittura probabile.Imposto da chi? dalla Spectre? Come fa un paese democratico ad imporre una tecnologia al mercato? Non siamo mica in Cina.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ulteriore RISPOSTA da Crazy
            - Scritto da: Anonimo


            Se tutti i produttori adottano Palladium, cosa


            già molto difficile, io credo che nasceranno


            altri produttori che


            non lo adotteranno.



            Finchè non diventa obbligatorio, come è

            addirittura probabile.

            Imposto da chi? dalla Spectre?
            Come fa un paese democratico ad imporre una
            tecnologia al mercato?
            Non siamo mica in Cina.Ma per favore. Neanche gli Stati Uniti sono in Cina, ma ci sono leggi che obbligano ad applicare delle tecnologie drm alle trasmissioni e tecnologie televisive.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ulteriore RISPOSTA da Crazy
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo



            Se tutti i produttori adottano Palladium,
            cosa



            già molto difficile, io credo che nasceranno



            altri produttori che



            non lo adotteranno.





            Finchè non diventa obbligatorio, come è


            addirittura probabile.



            Imposto da chi? dalla Spectre?

            Come fa un paese democratico ad imporre una

            tecnologia al mercato?

            Non siamo mica in Cina.


            Ma per favore. Neanche gli Stati Uniti sono in
            Cina, ma ci sono leggi che obbligano ad applicare
            delle tecnologie drm alle trasmissioni e
            tecnologie televisive.Ti sei bevuto il cervello?Link per favore.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ulteriore RISPOSTA da Crazy
            - Scritto da: Anonimo


            Imposto da chi? dalla Spectre?


            Come fa un paese democratico ad imporre una


            tecnologia al mercato?


            Non siamo mica in Cina.





            Ma per favore. Neanche gli Stati Uniti sono in

            Cina, ma ci sono leggi che obbligano ad
            applicare

            delle tecnologie drm alle trasmissioni e

            tecnologie televisive.

            Ti sei bevuto il cervello?
            Link per favore.http://a257.g.akamaitech.net/7/257/2422/12feb20041500/edocket.access.gpo.gov/cfr_2004/octqtr/47cfr73.9002.htm articolo bCassato dalla corte di appello in effetti perchè ritenuto non di competenza della fcc, ma la questione verrà presto discussa dal congresso
          • Anonimo scrive:
            Re: Ulteriore RISPOSTA da Crazy
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo



            Imposto da chi? dalla Spectre?



            Come fa un paese democratico ad imporre una



            tecnologia al mercato?



            Non siamo mica in Cina.








            Ma per favore. Neanche gli Stati Uniti sono in


            Cina, ma ci sono leggi che obbligano ad

            applicare


            delle tecnologie drm alle trasmissioni e


            tecnologie televisive.



            Ti sei bevuto il cervello?

            Link per favore.

            http://a257.g.akamaitech.net/7/257/2422/12feb20041

            Cassato dalla corte di appello in effetti perchè
            ritenuto non di competenza della fcc, ma la
            questione verrà presto discussa dal congressoSenti sparafandogne, e dove sta scritto che è obbligatorio?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ulteriore RISPOSTA da Crazy
            - Scritto da: Anonimo

            http://a257.g.akamaitech.net/7/257/2422/12feb20041500/edocket.access.gpo.gov/cfr_2004/octqtr/47cfr73.9002.htm



            Cassato dalla corte di appello in effetti perchè

            ritenuto non di competenza della fcc, ma la

            questione verrà presto discussa dal congresso

            Senti sparafandogne, e dove sta scritto che è
            obbligatorio?Non lo è in realtà, doveva esserlo ma poi la norma è stata annullata per un vizio di forma perlopiù. Solo il congresso ha il potere di emanare una norma simile ma penso che sia solo una questione di tempo visto che Bush la preme tantissimo.P.S. se non hai capito quello che c'è scritto nella normativa però non è colpa mia.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ulteriore RISPOSTA da Crazy
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo



            http://a257.g.akamaitech.net/7/257/2422/12feb20041





            Cassato dalla corte di appello in effetti
            perchè


            ritenuto non di competenza della fcc, ma la


            questione verrà presto discussa dal congresso



            Senti sparafandogne, e dove sta scritto che è

            obbligatorio?

            Non lo è in realtà, doveva esserlo ma poi la
            norma è stata annullata per un vizio di forma
            perlopiù. Solo il congresso ha il potere di
            emanare una norma simile ma penso che sia solo
            una questione di tempo visto che Bush la preme
            tantissimo.

            P.S. se non hai capito quello che c'è scritto
            nella normativa però non è colpa mia.si vede che tu dormi con Bush e prendi per oro colato gli incubi notturni che ha...e poi vieni a sfogarti su PI per la frustrazione che Bush non sogni te.ma va la
          • Crazy scrive:
            Re: Ulteriore RISPOSTA da Crazy


            Se tutti i produttori adottano Palladium, cosa
            già molto difficile, io credo che nasceranno
            altri produttori che
            non lo adotteranno.

            Se leggi nella lista dei produttori di Hardware e Software che hanno aderito a TCPA, ti accorgerai che la maggior parte, e sopratutto, tendenzialmente i migliori Vi hanno aderito, vedesi Sony ad esempio, comunque ce ne sono di altrettanto buone, come ad esempio la Pioneer, che non Vi hanno aderito.E` altrettanto vero che Vi sono case che di per se, sono nate come Anti-Palladium; un esempio e` la "Dream-Multimedia".Quindi, e` solo da pserare che il numero di produttori come la Dream-Multimedia che fanno prodotti totalmente TCPA & DRM Free aumentino.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ulteriore RISPOSTA da Crazy
            - Scritto da: Crazy




            Se tutti i produttori adottano Palladium, cosa

            già molto difficile, io credo che nasceranno

            altri produttori che

            non lo adotteranno.




            Se leggi nella lista dei produttori di Hardware e
            Software che hanno aderito a TCPA, ti accorgerai
            che la maggior parte, e sopratutto,
            tendenzialmente i migliori Vi hanno aderito,
            vedesi Sony ad esempio, comunque ce ne sono di
            altrettanto buone, come ad esempio la Pioneer,
            che non Vi hanno aderito.
            E` altrettanto vero che Vi sono case che di per
            se, sono nate come Anti-Palladium; un esempio e`
            la "Dream-Multimedia".
            Quindi, e` solo da pserare che il numero di
            produttori come la Dream-Multimedia che fanno
            prodotti totalmente TCPA & DRM Free aumentino.Che aumentino o meno sarà una conseguenza di quello che deciderà il mercato.
          • Crazy scrive:
            Conclusioni



            Se il mitttente NON è palladium e il

            destinatario


            è palladium, non si può.

            Esatto, perche` potrebbe essere un qualcosa di

            non approvato

            Solo questo fatto, da solo, secondo me basta a
            decretare il fallimento di palladium: prova ad
            immaginarti tutta la mole di preblemi generata
            nella fase di transizione di tutti i PC.
            Sarebbe inaccettabile dal mercato, il mercato
            cercherebbe sicuramente delle alternative al
            palladium.
            Eh eh, ma la cosa sara` fine, il passaggio non avverra` dalla sera alla mattina, la cosa sara` lieve, lentamente, in realta`, Palladium e` iniziato ad entrare nelle nostre case gia` nel 2002, nel 2008, verra` attivato a pieno regime, praticamente nont e ne accorgerai del passaggio, ma se ci fai caso, se fai attenzione e metti assieme tutti i piccoli tasselli che gia` oggi puoi trovare in giro... ti renderai conto che sta arrivando e senza pieta`, dobbiamo essere piu` reattivi e rifiutarne l'acquisto in modo da creare perdite tali da distruggere sto progetto
          • Anonimo scrive:
            Re: Conclusioni
            - Scritto da: Crazy





            Se il mitttente NON è palladium e il


            destinatario



            è palladium, non si può.


            Esatto, perche` potrebbe essere un qualcosa di


            non approvato



            Solo questo fatto, da solo, secondo me basta a

            decretare il fallimento di palladium: prova ad

            immaginarti tutta la mole di preblemi generata

            nella fase di transizione di tutti i PC.

            Sarebbe inaccettabile dal mercato, il mercato

            cercherebbe sicuramente delle alternative al

            palladium.



            Eh eh, ma la cosa sara` fine, il passaggio non
            avverra` dalla sera alla mattina, la cosa sara`
            lieve, lentamente, in realta`, Palladium e`
            iniziato ad entrare nelle nostre case gia` nel
            2002, nel 2008, verra` attivato a pieno regime,
            praticamente nont e ne accorgerai del passaggio,
            ma se ci fai caso, se fai attenzione e metti
            assieme tutti i piccoli tasselli che gia` oggi
            puoi trovare in giro... ti renderai conto che sta
            arrivando e senza pieta`, dobbiamo essere piu`
            reattivi e rifiutarne l'acquisto in modo da
            creare perdite tali da distruggere sto progettotorna a guardare Star Trek e l'arrivo dei Borg che rapiranno il Cap. Piccard
    • Anonimo scrive:
      sei scosso come i cavalli
      hai presente ssl?e OpenSSL?è una cosa apertama te sai farte a sgangherarla?rifletti :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Come e` possibile? Non ha senso, puz

      E` un po' come se facessi un prorgamma per
      criptare i programmi e poi ne dessi in giro il
      codice cosi` tutti ne saprebbero il logaritmo che
      ci sta sotto.E dove sarebbe l'assurdità? È quello che si fa comunemente. Mai sentito parlare della crittografia a chiave pubblica?E poi si dice algoritmo, non logaritmo!
Chiudi i commenti