Brevetti, Optima reclama la masterizzazione

Una piccola società californiana sostiene di possedere il brevetto su di una diffusa tecnica di scrittura dei CD-R. Roxio è già stata denunciata e altre seguiranno


Irvine (USA) – Una piccola società californiana che sviluppa software per la masterizzazione dei CD, Optima Technology , ha denunciato la rivale Roxio accusandola di aver violato un brevetto datato 1995.

Il brevetto descrive una modalità di masterizzazione apparentemente simile a quella utilizzata da quei programmi che, analogamente a DirectCD di Roxio, supportano la scrittura incrementale a pacchetti. In particolare, Optima sembra rivendicare la tecnica adottata da tali software per gestire un CD riscrivibile (CD-R) come una sorta di floppy disk a cui possano essere aggiunti e “cancellati” i dati a più riprese.

In un comunicato, Optima afferma che il suo brevetto viene violato anche da diversi standard adottati dall’ Optical Storage Technology Association (OSTA), gli stessi implementati in numerosi prodotti hardware e software per la masterizzazione dei CD-ROM.

L’azienda ha già minacciato azioni legali contro altre aziende del settore.

“Optima sta cercando di far rispettare i propri brevetti e di ricevere, a partire da Roxio, un risarcimento danni da qualsiasi azienda di hardware o di software che sta utilizzando la nostra tecnologia. Optima è convinta che molte aziende appartenenti all’industria della masterizzazione di CD siano in violazione”.

A giudicare dalla sezione del sito di Optima in cui si trovano archiviati i comunicati stampa, e a dispetto del titolo “Optima Technology Milestones” (le pietre miliari della tecnologia Optima), pare che di recente l’azienda sia stata di gran lunga più attiva sul fronte legale che su quello dell’innovazione tecnologica.

“A mettermi sempre la pulce nell’orecchio in questi casi è la quantità di tempo impiegato dall’azienda che detiene il brevetto per decidere di intraprendere l’azione legale”, ha scritto Matthew su Geek.com. “Questo può essere visto come una tattica premeditata: attendere che una certa cosa venga installata su larga scala per poi trarne lauti profitti attraverso le cause legali”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • s. scrive:
    Novità?
    Lo scorso 17 marzo scadevano i termini per l'emanazione del regolamento di attuazione.E' stato emanato in silenzio oppure è tutto rimandato alle calende greche?
  • Anonimo scrive:
    potrebbero anche dare il buon esempio...
    il loro sito, segnato come html 4.0 transitional NON valida, ed è tutto formattato a tabelle, almeno gli alt giusti e un link per saltare al documento ce l'ha ma non basta assolutamente ancora
    • gian_d scrive:
      Re: potrebbero anche dare il buon esempi
      - Scritto da: Anonimo
      il loro sito, segnato come html 4.0
      transitional NON valida, ed è tutto
      formattato a tabelle, almeno gli alt giusti
      e un link per saltare al documento ce l'ha
      ma non basta assolutamente ancoradi quale sito parli?
  • Anonimo scrive:
    Scano
    "[...] spingerà le pubbliche amministrazioni che non vogliano essere sanzionate a progettare o riprogettare la propria presenza in internet."Fatti sotto Scano, ché c'è trippa pé gatti!(e facce ride!):D
  • Anonimo scrive:
    esempi di bollini blu?
    ho letto che punto informatico è uno tra i siti più accessibili... non capisco però come faccia un cieco a navigare sul sito (visto che è uno dei più navigabili) o che senso abbia rendere un sito funzionale anche con grafica disabilitata...perchè un disabile dovrebbe disabilitare la grafica?come fanno i ciechi a navigare su punto informatico?come può un tetraplegico muovere il mouse con i comandi vocali?vorrei anch'io fare qualcosa per il mio sito (www.radiologiacremona.it), ma non ho capito neanche da dove cominciare!grazie
    • cico scrive:
      Re: esempi di bollini blu?
      http://www.w3.org/WAIc'é moltissima documentazione e, a mioparere, fatta molto beneti spiegano anche, in molti casi, cosasuccede a chi usa browser specificiscaricati anche un browser che leggea voce le pagine per capire comefunziona il tuttoah! ti avviso fin da subito: sarà unalunga lettura, ma ne vale la pena
      • gian_d scrive:
        Re: esempi di bollini blu?
        - Scritto da: cico
        scaricati anche un browser che legge
        a voce le pagine per capire come
        funziona il tuttoc'è la possibilità di trovarne uno freeware o shareware? o magari un validatore off line?thanx
    • Xmasitel scrive:
      Re: esempi di bollini blu?
      - Scritto da: Anonimo
      ho letto che punto informatico è uno tra i
      siti più accessibili... non capisco però
      come faccia un cieco a navigare sul sito
      (visto che è uno dei più navigabili) o che
      senso abbia rendere un sito funzionale anche
      con grafica disabilitata...Esistono schermi speciali per i ciche chiamati schermi braille che permettono ai ciechi di "vedere" i caratteri sullo schermo. Il punto è che questi schermi non rendono le immagini; questo è il motivo per cui un sito accessibile ha come requisito quello di poter funzionare anche seza grafica

      perchè un disabile dovrebbe disabilitare la
      grafica?vedi sopra

      come fanno i ciechi a navigare su punto
      informatico?vedi sopra

      come può un tetraplegico muovere il mouse
      con i comandi vocali?"avanti" e "dietro" fanno spostare il cursore sugli elementi successivi o precedenti; "vai" permette di "cliccare" su un link e così via.

      vorrei anch'io fare qualcosa per il mio sito
      (www.radiologiacremona.it), ma non ho capito
      neanche da dove cominciare!Il punto di inizio sono le raccomandazioni del W3C relative all'HTML standard. Seguendo quelle hai già fatto il 50% del lavoro.In ogni caso ti conviene lasciar perdere Internet Explorer come browser per navigare il tuo sito: il suo rendering non rispetta le specifiche W3C; puoi usare Mozilla o Firebird.Per verificare che una pagina segua queste specifiche devi andare su http://validator.w3.org.Un'altra cosa che puoi fare è procurarti un browser testuale (ad esempio lynx: http://lynx.isc.org). Elimina tutta la grafica e tutti gli stili e permette di "navigare" come se tu fossi un cieco o uno che non può usare il mouse.

      graziegrazie a te per l'impegno :-)
      • gian_d scrive:
        Re: consigli?
        - Scritto da: Xmasitel
        Il punto di inizio sono le raccomandazioni
        del W3C relative all'HTML standard. Seguendo
        quelle hai già fatto il 50% del lavoro.
        In ogni caso ti conviene lasciar perdere
        Internet Explorer come browser per navigare
        il tuo sito: il suo rendering non rispetta
        le specifiche W3C; puoi usare Mozilla o
        Firebird.
        Per verificare che una pagina segua queste
        specifiche devi andare su
        http://validator.w3.org.pongo alcuni dubbi da parecchio tempo uso come riferimento Mozilla e l'HTML 4.01 Transitional come DTD. Il transitional lo applico solo per qualche attributo (in genere il border delle immagini). Tolta qualche sfumatura i miei siti sono navigabili con i browser Gecko, con Explorer (riferimento 5.5), Opera e, con qualche limite nell'estetica grafica, anche con il vecchio Navigator 4.75. Purtroppo c'è qualche problemino con Konqueror (trattandosi di siti in ASP e avendo un solo pc non posso testare tutte le pagine con konqueror a meno che non le salvi e le trasferisca su linux come pagine statiche).In passato facevo validare le pagine e questo mi è servito molto per imbarcarmi nello standard.Il problema più grosso lo incontro con le tabelle. Sto cercando di eliminare le tabelle finalizzate al layout perché ho sentito che limitano l'usabilità con gli screenreader. Le trovavo utilissime per realizzare pagine adattabili a differenti risoluzioni dello schermo, però non vedo molte alternative se non quello di usare i DIV a posizionamento assoluto in percentuale. La soluzione si adatta benissimo con i browser relativamente recenti (IE 5.5, Opera 5-6, Gecko) mentre i browser che non supportano il CSS2 vanno in tilt.I miei dubbi sono:1) la soluzione dei div a posizionamento assoluto è valida o è meglio restare sulle tabelle? i div a posizionamento assoluto sono compatibili con gli screen reader?2) che fare con i vecchi browser? è il momento di abbandonarli al loro destino o è il caso di tenerli ancora in considerazione?La risposta potrebbe essere semplice, ricorrere a pagine spartane, tuttavia si tratta di siti scolastici e l'occhio vuole la sua parte (nei limiti del possibile rispettando l'usabilità)Insomma, il mio obiettivo sarebbe quello di raggiungere un congruo compromesso fra usabilità e rendering grafico, sono riuscito a farlo da tempo con i browser, però ho seri dubbi per i portatori di handicap.

        Un'altra cosa che puoi fare è procurarti un
        browser testuale (ad esempio lynx:
        http://lynx.isc.org). Elimina tutta la
        grafica e tutti gli stili e permette di
        "navigare" come se tu fossi un cieco o uno
        che non può usare il mouse.




        grazie
        grazie a te per l'impegno :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: consigli?

          pongo alcuni dubbi [...]
          attributo (in genere il border delle
          immagini). Tolta qualche sfumatura i mieiquello lo farei con fogli di stile
          siti sono navigabili con i browser Gecko,
          con Explorer (riferimento 5.5), Opera e, con
          qualche limite nell'estetica grafica, anche
          con il vecchio Navigator 4.75. Purtroppo c'è[...]
          In passato facevo validare le pagine e
          questo mi è servito molto per imbarcarmi
          nello standard.validare le pagine è n vizio che non bisognerebbe mai perdere :-)
          Il problema più grosso lo incontro con le
          tabelle. Sto cercando di eliminare le[...]
          1) la soluzione dei div a posizionamento
          assoluto è valida o è meglio restare sulle
          tabelle? i div a posizionamento assoluto
          sono compatibili con gli screen reader?io sono assolutamente favorevole ai div,1) proprio per l'accessibilità2)il giorno che vuoi camiare formattazione al sito l'html non lo tocchi e modifichi solo due righe di css(per il momento purtroppo è consigliabile solo usare il posizionamento assoluto e non i float perchè fanno sbarellare explorer di brutto)
          2) che fare con i vecchi browser? è il
          momento di abbandonarli al loro destino o è
          il caso di tenerli ancora in considerazione?io faccio in questo modo: @import "style/style.css;" per importare il foglio di stile è una direttiva che netscape 4 e explorer 4 non capiscono così ti fanno vedere il sito senza foglio di stile, scarno ma funziona e si legge, e se vuoi cose più semplici come solo i font e i colori li puoi importare in un altro foglio di stile con il metodo tradizionale, così sul netscape vecchio non perde proprio tutta la formattazione ma fa solo quella che è in grado di fare
          La risposta potrebbe essere semplice,
          ricorrere a pagine spartane, tuttavia si
          tratta di siti scolastici e l'occhio vuole
          la sua parte (nei limiti del possibile
          rispettando l'usabilità)con il css si possono fare delle cose esteticamente stupende (guarda ad esempio http://www.meyerweb.com/eric/css/edge/, non una riga di javascript per fare tutti quegli effetti, in realtà usa html molto spartano), e non appesantisce per niente l'html, e un browser per disabili non caricherà gli stili grafici, ma al massimo, magari un foglio di stile aural fatto apposta per gli screen reader.
          • Anonimo scrive:
            Re: consigli?
            Per chi fosse interessato ad esempi di grafica gestita con CSS su documenti strutturati (XHTML) consiglio di guardare CSS Zen Garden (http://www.csszengarden.com/): stesso documento, piu' di 70 CSS con grafica completamente diversa.
    • Anonimo scrive:
      Re: esempi di bollini blu?
      Se non vuoi leggere tutto quantoinizia da questo:http://www.aib.it/aib/cwai/WAI-trad.htmè la versione in Italiano
    • Anonimo scrive:
      Re: esempi di bollini blu?
      urp! :oho letto un pò di roba che mi avete gentilmente postato, (solo un'oretta, poi mi scoppiava la testa!) :'(ma sarà dura per i webmaster non professionisti come me imparare anche i CSS e diavolerie simili! :|spero che presto tutto ciò possa diventare presto obsoleto con l'introduzione di sofware in grado di tradurre in "disabilese" anche le pagine fatte da chi non mastica xtml dalla mattina alla sera! cosiderando i continui progressi della ricerca e i costanti regressi del mio cervello, sicuramente inventeranno un qualcosa prima che io impari i CSS2!
  • Anonimo scrive:
    P.I. e' un sito accessibilissimo
    Se dovessi fare una classifica per migliore accessibilita' tra i siti che frequento, P.I. condivide la prima piazza a pari merito con pochi altri.Pagine HTML rigorosamente standard e tutte le immagini grafiche che stanno sopra un link hanno il campo ALT valorizzato in modo che siano distinguibili anche con la grafica disabilitata.Come dice Covatta: "Basta poco, ch'ecce vo'?"
    • Anonimo scrive:
      Re: P.I. e' un sito accessibilissimo

      Se dovessi fare una classifica per migliore
      accessibilita' tra i siti che frequento,
      P.I. condivide la prima piazza a pari merito
      con pochi altri.

      Pagine HTML rigorosamente standard e tutte
      le immagini grafiche che stanno sopra un
      link hanno il campo ALT valorizzato in modo
      che siano distinguibili anche con la grafica
      disabilitata.

      Come dice Covatta: "Basta poco,
      ch'ecce vo'?"ah beh... certo sta tutto lì...fatti un giro su http://www.w3.org/WAIuna qualche volta e leggiti i documentiper avere l'accessibilità AA o AAA evedrai che non è neanche lontanamentesemplicecon questo non voglo dire che non siagiusto, ma ci sono molte cose nelprogettare la pagina che, se non tisei mai letto nulla in merito, neancheti immaginiun esempio ?mettere un link in testa alla classicanavigation bar per saltare direttamenteal corpo del documento. sembra unacavolata per chi usa browser che"leggono" le pagine significa nondoversi sorbire la lettura di tuttala navigation bar ogni voltaecc ecc
      • Anonimo scrive:
        Re: P.I. e' un sito accessibilissimo
        - Scritto da: Anonimo

        Se dovessi fare una classifica per
        migliore

        accessibilita' tra i siti che frequento,

        P.I. condivide la prima piazza a pari
        merito

        con pochi altri.



        Pagine HTML rigorosamente standard e tutte

        le immagini grafiche che stanno sopra un

        link hanno il campo ALT valorizzato in
        modo

        che siano distinguibili anche con la
        grafica

        disabilitata.



        Come dice Covatta: "Basta poco,

        ch'ecce vo'?"

        ah beh... certo sta tutto lì...
        fatti un giro su

        http://www.w3.org/WAI

        una qualche volta e leggiti i documenti
        per avere l'accessibilità AA o AAA e
        vedrai che non è neanche lontanamente
        sempliceNon metto in dubbio: io pero' valuto in base alle mie esigenze di accessibilita'.E per le mie necessita' e' sufficiente che venga valorizzato correttamente l'ALT negli P.I. lo fa, altri no.
    • Anonimo scrive:
      Re: P.I. e' un sito accessibilissimo
      mica tanto, ad esempio la formattazioe delle pagine è fatta con delle tabelle: male, molto male
  • Anonimo scrive:
    P.I. è uscito il kernel 2.6...
    meno nelle flash mettiamolo, su dai.
  • Anonimo scrive:
    Legge "mutilata"
    Questa legge che non prevede un automatismo per adeguarla automaticamente alle direttive WAIWCAG sull'accessibilità è largamente incompleta e destinata a divenire obsoleta in poco tempo (se non già da subito)....Sull'argomento c'erano proposte migliori..... (per esempio la Campa-Palmieri, ma i firmatari erano troppo trasversali....)
    • blakwolf scrive:
      Re: Legge "mutilata"
      questo era un rischio che si sapeva già da prima, dipende solo da come il governo italiano intende applicarla
    • rscano scrive:
      Re: Legge "mutilata"
      - Scritto da: Anonimo
      Questa legge che non prevede un automatismo
      per adeguarla automaticamente alle direttive
      WAIWCAG sull'accessibilità è largamente
      incompleta e destinata a divenire obsoleta
      in poco tempo (se non già da subito)....

      Sull'argomento c'erano proposte
      migliori..... (per esempio la
      Campa-Palmieri, ma i firmatari erano troppo
      trasversali....)L'art. 12, voluto proprio da noi che abbiam creato la Campa-Palmieri, parla di costante adeguamento....
  • s. scrive:
    Aspettiamo fiduciosi il 17 marzo 2003
    Art. 10. (Regolamento di attuazione)1. Entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, con regolamento emanato ai sensi dell?articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988,n. 400, sono definiti:a) i criteri e i princìpi operativi e organizzativi generali per l?accessibilità;b) i contenuti di cui all?articolo 6, comma 2;c) i controlli esercitabili sugli operatori privati che hanno reso nota l?accessibilità dei propri siti e delle proprie applicazioni informatiche;d) i controlli esercitabili sui soggetti di cui all?articolo 3, comma 1.2. Il regolamento di cui al comma 1 è adottato previa consultazione con le associazioni delle persone disabili maggiormente rappresentative, con le associazioni di sviluppatori competenti in materia di accessibilità e di produttori di hardware e software e previa acquisizione del parere delle competenti Commissioni parlamentari, che devono pronunciarsi entro quarantacinque giorni dalla richiesta, e d?intesa con la Conferenza unificata di cui all?articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.Art. 11. (Requisiti tecnici)1. Entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge il Ministro per l?innovazione e le tecnologie, consultate le associazioni delle persone disabili maggiormente rappresentative, con proprio decreto stabilisce, nel rispetto dei criteri e dei princìpi indicati dal regolamento di cui all?articolo 10:a) le linee guida recanti i requisiti tecnici e i diversi livelli per l?accessibilità;b) le metodologie tecniche per la verifica dell?accessibilità dei siti INTERNET, nonchè i programmi di valutazione assistita utilizzabili a tale fine.
  • Anonimo scrive:
    A quando il "bollino" blue....
    sulle "chiappe" doc a mandolino?
Chiudi i commenti