Bucato il sito dell'Aeronautica militare italiana

Qualche giorno fa il sito di riferimento è stato vittima dell'incursione di un defacer che ne ha sostituito la home page con un proclama politico
Qualche giorno fa il sito di riferimento è stato vittima dell'incursione di un defacer che ne ha sostituito la home page con un proclama politico

Scrive Giorgio D.: “Salve, sono uno studente di ingegneria informatica dell’Università di Trieste. Sarà perché è attinente alla mia scrivenda tesi di laurea, ma non posso fare a meno di portare alla vostra attenzione un fatto interessante: alle ore 2007/01/26 20:48 il sito dell’aeronautica militare era stato attaccato con successo”.

La notizia è confermata da Zone-h.org che riporta anche la home page del sito come appariva al momento del defacement, a quanto pare avvenuto pochi giorni fa, il 26 gennaio. La pagina sostituita è un proclama in turco firmato da quattro cracker che spiegano che si tratta di una “protesta contro chi sostiene la guerra”.

“Ad oggi – scrive Giorgio D. – il sito non risulta accessibile. Direi che la cosa è grave, soprattutto se si pensa chi è il soccombente!”. In realtà lo spazio web dell’Aeronautica militare appare funzionare di nuovo, sebbene la visualizzazione con alcuni browser non sembri ottimale.

Sul sito non sembra esserci notizia dell’incursione informatica.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

31 01 2007
Link copiato negli appunti