Bucato sito della NASA

Tornano a farsi sentire su server istituzionali americani i crackers di Prime Suspectz, di probabile origine brasiliana e autori di alcuni dei crack che hanno avuto maggiore attenzione dai media, come quello contro il Nasdaq
Tornano a farsi sentire su server istituzionali americani i crackers di Prime Suspectz, di probabile origine brasiliana e autori di alcuni dei crack che hanno avuto maggiore attenzione dai media, come quello contro il Nasdaq


Roma – I “Prime Suspectz”, un gruppo di crackers di origine probabilmente brasiliana, sono entrati sui server NASA, in particolare sul network che si occupa della gestione e monitoraggio delle attività satellitari in orbita geostazionaria dedicate al controllo ambientale.

Il server bucato dai Prime Suspectz, in passato autori di alcune delle aggressioni più clamorose a server istituzionali americani ed europei, è quello che gestisce il sito del “NASA Geostationary Operational Environmental Satellite” (goes2.gsfc.nasa.gov). Il sito NASA viene gestito su piattaforma WindowsNT e Internet Information Server 4.0.

Sulla home page “craccata” del sito, i Prime Suspectz hanno lasciato la propria “firma”:

“Prime Suspectz ownz NASA Geostationary Operational Environmental Satellite Project… Did man really walked on the moon???? !!BRAZIL RLZ!! ”

In Italia i Prime Suspectz si erano fatti notare quando erano entrati nei siti di Alcatel Italia e AT&T Italia . Il crack ai danni di un sito del Nasdaq di New York rimane l’azione del gruppo di crackers che ha avuto maggiore risalto sui media internazionali.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 03 2001
Link copiato negli appunti