Bug nella registrazione di Office 2000

Microsoft si è detta al lavoro per risolvere un fastidioso bug di Office 2000 che può causare la ripetuta richiesta di registrare il prodotto, questo anche per quelle copie vendute con licenze a volume


Redmond (USA) – Microsoft ha confermato l’esistenza di un bug in Office 2000 che può causare la ripetuta richiesta di registrare il prodotto. Il baco, che interessa alcune versioni di Office 2000 Service Release 1 (SR-1), è stato segnalato a Microsoft all’inizio della scorsa settimana, come riportato anche dalla webzine The Register.

Microsoft ha spiegato che il problema affligge in particolar modo gli utenti che non hanno privilegi di amministratore: questi infatti non hanno possibilità di evitare che la richiesta di registrazione compaia ogni qual volta si lancia un’applicazione di Office. Ad aggravare la cosa interviene il fatto che, dopo la cinquantesima volta che si evita la registrazione, il prodotto entra in una modalità di funzionamento ridotto.

Il big di Redmond, che ha promesso il rilascio di una patch in tempi brevi, afferma che il problema è stato causato da un meccanismo integrato in Office 2000 per prevenire la registrazione di nuove copie del prodotto dopo il 15 aprile 2003: a partire da questa data, infatti, Microsoft ha ufficialmente cessato il servizio di registrazione per Office 2000 in previsione del rilascio, a giugno, di Office 2003 .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mda scrive:
    CHI SONO
    Batterie al magnesio :http://www.integrati.com/content/extracell/extracell.html"Sono un'invenzione degli italiani Maurizio Fauri (ingegnere) e Vito Di Noto (chimico), sviluppata nei laboratori dell'Università di Padova. Funzionano sullo stesso principio della batterie al litio, ma al posto del litio per condurre è stato utilizzato il magnesio. Ogni elettrodo è quindi in magnesio metallico separato dall'altro da uno strato di elettrolita polimerico ai sali di magnesio. Il risultato è una batteria con una capacità di accumulo doppia rispetto a quelle al litio (a parità di superficie e di tempo); inoltre il peso è 10 volte inferiore a queste. Altri pregi di queste batterie sono:- costi di produzione molto bassi;- funzionamento da -40° a +200° di temperatura;- vita lunghissima (centinaia di cicli);- tutti i materiali che la compongono non sono inquinanti al momento dello smaltimento."
  • Anonimo scrive:
    Inutile vi scaldiate come mufloni.......
    Inutile vi scaldiate come mufloni in calore. E cavolo, che fondamentalisti della carta riciclata! Riciclatevi il cervello!Io pago come un banco per la nettezza; sono lieto di farlo, perchè lo smaltimento della stessa è necessario. Ma per le cifre che pago (a 6 zeri), trovo anche qualcuno che quella nettezza me la mangia, pile comprese. Pagando tali cifre, esigo e pretendo un servizio efficiente e regolare, così come lo sono IO nel PAGARE il servizio stesso: puntuale e regolare.Pertanto, quando la pila è finita, apro il bidone e la butto. Fine.Le vostre son solo fregnacce. Quando arriverà ai centri di smaltimento, lì si occuperanno anche di selezionare e dividere i rifiuti; con quello che pago possono anche sezionare un cadavere.Adesso, cari coglioncelli salutisti ed ipocriti, andate a farvi una bella scopata a Porta Palazzo........... e state sereni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Inutile vi scaldiate come mufloni.......
      Tu si che sei furbo eh?E' più semplice ed economico selezionare a monte o dopo?Se la selezione non la fai prima la maggior parte delle cose non è nemmeno possibile reciclarla, qualsiasi cifra tu sia disposto a spendere.... inoltre robe tipo batterie ecc... hanno bisogno di essere smaltite in maniera diversa....Non ti piace differenziare e sei disposto a spendere? Allora costruisciti la tua discarica personale
      • cico scrive:
        Re: Inutile vi scaldiate come mufloni.......
        ma lascialo perdere, certa gente dovrebberoproprio appenderla... sono questi ignorantila vergogna del paese
        • Anonimo scrive:
          Re: Inutile vi scaldiate come mufloni...
          Certo che se le aziende municipalizzate prevedessero anche dei cassonetti differenziati per smaltire gli aborti della società, come questo tro-glione, io pagherei la tassa moooooolto più soddisfatto!
    • cico scrive:
      Re: Inutile vi scaldiate come mufloni.......

      Pagando tali cifre, esigo e pretendo un
      servizio efficiente e regolare, così come lo
      sono IO nel PAGARE il servizio stesso:
      puntuale e regolare.Quello paghi serve a malapena a recuperare,stoccare e bruciare tutte le boiate inutili cheproduci ogni giorno.Per il resto servono più soldi ed impegno.Da parte di _tutta_ la comunità, che comete paga già per lo smaltimento dei rifiuti.
  • Vaira scrive:
    Re: A me dello smaltimento non importa
    Non appena gli idioti come te inizieranno ad ammazzarli quando sono ancora nella culla, magari i costi di smaltimento saranno molto più contenuti.Nessuno ti avrà mai insegnato l'educazione è ovvio, ma devi sapere che non hai il diritto di cagare dove ti capita.
  • Anonimo scrive:
    Re: A me dello smaltimento non importa
    Bè, allora dichiara di non avere immondizia e tienila nella tua bella cameretta sotto il letto o gettala dal finestrino della tua auto. Scommetto che sei uno di quelli che butta il pacchetto di sigarette dal finestrino per non sporcare il cestino della tua macchina, ed intanto si inquinano i fossi e le acque, i tombini non scaricano più. Se fossimo tutti come te, e purtroppo ce ne sono tanti, vivremo in un mondo ancora più mer**so di questo. Complimenti x l'educazione che ti hanno dato i tuoi genitori!!!!!!!!!!
  • cico scrive:
    Re: A me dello smaltimento non importa
    Il solito troll oppure il solito ragazzetto chedurante questo ponte può usare di più ilpiccìfai penaupdated: rivendico il diritto del mio post a non cadere nell'oblio considerando i termini del post originale :-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 aprile 2006 22.34-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    Re: A me dello smaltimento non importa
    - Scritto da: Anonimo
    .......praticamente niente.
    ci
    pennseranno loro a SMALTIRE IL MIO RIFIUTO,
    o devo pensarci io?Non credo che nessuno potrebbe mai chiederti nulla del genere.Pensare, dico.Burp
  • Anonimo scrive:
    Re: A me dello smaltimento non importa
    - Scritto da: Anonimo
    .......praticamente niente.troll
  • Funz scrive:
    Re: A me dello smaltimento non importa
    - Scritto da: Anonimo
    .......praticamente niente.
    Complimenti.Meriteresti un bell'inceneritore davanti alla tua finestra e una discarica sul retro :p
    • Anonimo scrive:
      Re: A me dello smaltimento non importa
      - Scritto da: Funz

      - Scritto da: Anonimo

      .......praticamente niente.



      Complimenti.

      Meriteresti un bell'inceneritore davanti
      alla tua finestra e una discarica sul retro
      :pIO ce l'ho e non me la sono meritata ...come l'amico Troll:(
  • Anonimo scrive:
    Tecnologia italiana
    Siamo stati noi italiani a inventare le batterie al magnesio. Come succede sempre piu` spesso, noi inventiamo e gli altri incassano.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tecnologia italiana
      - Scritto da: Anonimo
      Siamo stati noi italiani a inventare le
      batterie al magnesio. Come succede sempre
      piu` spesso, noi inventiamo e gli altri
      incassano. ESATTO!!! Se ben ricordo l'inventore in questione ha addirittura partecipato al concorso del mensile Focus piazzandosi ai primi posti!!!
      • Akiro scrive:
        Re: Tecnologia italiana

        ESATTO!!! Se ben ricordo l'inventore in
        questione ha addirittura partecipato al
        concorso del mensile Focus piazzandosi ai
        primi posti!!!forse l'ho letto ank'io.. se è così mi vergogno di essere italiano...invece di sviluppare le nostre (buone) idee le esportiamo come i "cervelloni"si pensa troppo al profitto e poco al futuro
        • Anonimo scrive:
          Re: Tecnologia italiana
          - Scritto da:
          Certo ès empre colpa del governo, ma prima di
          aprlare sarebbe melgio riflettere sui numeri, che
          dicono che seppure di poco (ma l'italia è un
          paese che ha un debito pubblico mostruoso e molti
          problemi da risolvere) i soldi per la ricerca in
          Italia sono stati aumentadi e non diminuiti e
          questo i precedenti governi farebbero melgio a
          ricordarselo visto che loro invece proprio non
          hanno aumentato nulla, quanto poi alla quantitàVERAMENTE ???? VEDO !!! MA FAI I CONTI COME IL MINISTRO DI FI ?
          di soldi può apparire poca ma è in linea con i
          paesi come il nostro, certo in america investono
          di più ma non è il governo a investire in america
          e non capisco perchè debba esserlo in italia. InIN PERCENTUALE NOI O LORO INVESTIAMO PIù DI COSA ???
          America investo le aziende (qui el aziende non
          investino proprio) , investono le università cheANCHE QUI, MA QUI SI MANGIANO ANCHE QUELLO !!!
          si gestiscono motlo melgio che da noi e alla fine
          rendono si autofinanziano (qui d anoi se gli dai
          100 bolgiono 150 se gli dai 150 vogliono 200 ma
          alla fine per quanti soldi gli dai.... basta che
          vai a vedere infatti cosa guadagna un ricercatore
          americano e uno italiano e poi forse ti rendi
          conto che qui tutto non funziona a partire dal
          professore stesso e non dal governo. prima di
          parlare è sempre bene confrontare prima e
          informarsiINFATTI SE GUARDI OLTRE, VEDRAI CHE BRAVOO è IL GOVERNO BERLUSCONI !!!(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • mda scrive:
      Re: Tecnologia italiana
      - Scritto da:
      Siamo stati noi italiani a inventare le batterie
      al magnesio. Come succede sempre piu` spesso, noi
      inventiamo e gli altri
      incassano.Batterie al magnesio :http://www.integrati.com/content/extracell/extracell.html"Sono un'invenzione degli italiani Maurizio Fauri (ingegnere) e Vito Di Noto (chimico), sviluppata nei laboratori dell'Università di Padova. Funzionano sullo stesso principio della batterie al litio, ma al posto del litio per condurre è stato utilizzato il magnesio. Ogni elettrodo è quindi in magnesio metallico separato dall'altro da uno strato di elettrolita polimerico ai sali di magnesio. Il risultato è una batteria con una capacità di accumulo doppia rispetto a quelle al litio (a parità di superficie e di tempo); inoltre il peso è 10 volte inferiore a queste. Altri pregi di queste batterie sono:- costi di produzione molto bassi;- funzionamento da -40° a +200° di temperatura;- vita lunghissima (centinaia di cicli);- tutti i materiali che la compongono non sono inquinanti al momento dello smaltimento."
Chiudi i commenti