C'è del malware nello spazio

Su alcuni laptop a bordo della Stazione Spaziale Internazionale c'è un virus informatico. Va a caccia di password per l'online gaming

Roma – Neanche nello spazio si può più stare tranquilli: un bel virus informatico è stato “pizzicato” su alcuni laptop, a bordo della International Space Station .

ISS La notizia sta circolando diffusamente solo in queste ore ma, stando a quanto riferiscono Wired ed alcune altre fonti, il virus è stato individuato il mese scorso. Preoccupa una frase, che chiude il comunicato di Spaceref , da cui è emersa la conferma della notizia: “È stato notato che la maggior parte dei laptop non è dotato di alcun software di protezione o rivelazione di virus”.

Kelly Humpries, portavoce NASA, ha confessato a Wired che “Non è la prima volta che ci ritroviamo con un worm o un virus. Non capita di frequente, ma questa non è la prima volta”. Un’affermazione disarmante, se si pensa alla delicatezza di una circostanza d’impiego decisamente diversa da quelle terrestri.

Il più pressante interrogativo che circola riguarda la provenienza di tale virus: secondo le informazioni di Spaceref è il W32.Gammima.AG worm , un malware scoperto lo scorso anno incline al furto di password per l’ingresso in siti di online gaming e che, normalmente, si replica passando di supporto in supporto. I laptop infetti, benché indicati come di impiego secondario (email ed esperimenti nutrizionali, illustra ZdNet ), sono risultati infetti in più di un caso. Ciò lascia presupporre una sorta di contagio trasmesso attraverso un mezzo, possibilmente una Flash Card, una Pen Drive o – ipotizza Wired – una sorta di Intranet a bordo.

Tuttavia non c’è alcuna connessione Internet diretta sulla Stazione. Esiste solo un collegamento indiretto in banda KA , attraverso cui gli occupanti possono scaricare email o inviare video. Tale dato smantella l’ipotesi della provenienza dalla Rete e la portavoce NASA precisa: “Tutto viene controllato da un’apposita scansione prima che raggiunga la stazione”.

E per quanto riguarda gli altri sistemi, definiti in gergo mission critical ? Sono connessi allo stesso canale? “Non lo so – ha replicato Humpries alla domanda di Wired – e anche se lo avessi saputo non avrei potuto riferirlo per ragioni di sicurezza IT”. Le indagini sono tuttora in corso e coinvolgono sia gli USA, sia la Russia sia tutti gli altri partner, in quanto i materiali a bordo sono approvvigionati in compartecipazione da tutti i paesi coinvolti.

Marco Valerio Principato

(fonte immagine: NASA )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Roberto Gozzani scrive:
    In Italia non lo fa' nessuno?
    Hey se non lo fa' nessuno in Italia lo faccio io!Secondo voi c'e' abbastanza richiesta?Facendo browsing nel sito ho notato molti nomi italiani.Che ne dite?
    • anonimo scrive:
      Re: In Italia non lo fa' nessuno?
      - Scritto da: Roberto Gozzani
      Hey se non lo fa' nessuno in Italia lo faccio io!
      Secondo voi c'e' abbastanza richiesta?
      Facendo browsing nel sito ho notato molti nomi
      italiani.
      Che ne dite?Un'ottima idea.*fa'-
      è sbagliato
  • Roby10 scrive:
    Sito interessante
    L'idea più carina che ho letto è quella di esportarsi la propria "Spore Creature" e farsela mandare a casa in 3d, solo che non so come han fatto ad estrarre il modello 3d dall'editor
  • anonimo scrive:
    La prova che blender è una ciofeca
    Blender è gratuito e supporta quel formato, poteva essere il loro cavallo di troia. Ma hanno capito che la sua interfaccia è troppo complicata per il loro utente tipo: uno che vuole disegnare subito delle cagatine in 3d e poi farsele spedire senza diventare matto.
    • Eugenio Odorifero scrive:
      Re: La prova che blender è una ciofeca
      Guarda che Blender è un programma di modellazione, ma non è un CAD.Per una stampante 3D occorre un CAD
      • Marco scrive:
        Re: La prova che blender è una ciofeca
        1) il fatto che sia un programma (anche) di modellazione, ne fa una ciofeca? bah...2) per una stampante 3d NON serve un cad, serve un file in un formato specifico, come stl. che blender, come molti altri software, è in grado di generare.3) di fatto l'articolo tratta di un modo in più per fare qualcosa di "semipronto" molto velocemente. 4) dì qualcosa di più costruttivo, dai! :)
    • BLah scrive:
      Re: La prova che blender è una ciofeca
      E' vero, l'interfaccia di Blender è terribile... E purtroppo lo sanno tutti, anche chi lo usa.Nonostante questo, da anni è ancora la stessa...
      • Marco scrive:
        Re: La prova che blender è una ciofeca
        no, l'interfaccia di blender NON è terribile. E' terribilmente diversa da qualunque altra. ed è molto apprezzata da tutti quelli che hanno provato ad usarla davvero, e non solo per creare un mondo 3d scegliendo un'opzione dal menu. detto da chi arriva da altri programmi "maggiori", e prova a fare lo sforzo, è anzi MOLTO meglio.in ogni caso, una vicina prossima release (2.50) introdurrà sostanziali modifiche al core (piuttosto vecchiotto, 1995, e concepito per le esigenze interne di uno studio di animazione, non per i web users, specialmente quelli wannabe) che consentiranno di creare anche più di un'interfaccia, a piacimento, e di poterla modificare secondo le esigenze/gusti. Allora, ce la farai anche tu :I
      • Mah scrive:
        Re: La prova che blender è una ciofeca
        Io uso blender da anni, guasi da quando è nato e non trovo questa complessita, neppure quando ho iniziato ad usarlo... ha un'interfaccia diversa tutta sua, almeno una cosa che lo contraddistingue dagli altri programmi, se facessere tutti i programmi uguali che senso avrebbe? converrebbe che tutti gli sviluppatori si riunissero e facessero un unico programma... l'unico vero problema è che siamo pigri e la gente vorrebbe imparare ad usare un programma a livello professionistico il giorno stesso che lo installa... altro che interfaccia terribile... con calma e pazienza si può conquistare il mondo :DCmq qui si parlava di stampe 3d e non di blender... questa mi sembra piu una campagna razzista contro blender nata dal nulla...
    • pabloski scrive:
      Re: La prova che blender è una ciofeca
      - Scritto da: anonimo
      Blender è gratuito e supporta quel formato,
      poteva essere il loro cavallo di troia. Ma hanno
      capito che la sua interfaccia è troppo complicata
      per il loro utente tipo: uno che vuole disegnare
      subito delle cagatine in 3d e poi farsele spedire
      senza diventare
      matto.cioè è una ciofeca perchè o complesso?quindi Matlab è una cacata di bue
Chiudi i commenti