C'è più Photoshop in Lightroom 2.0

La nuova release del giovane software di Adobe per la gestione delle foto digitali beneficia di novità importanti, quali il supporto ai 64 bit e la capacità di apportare correzioni ad aree specifiche di un'immagine

Roma – Ad un anno e mezzo di distanza dal suo ufficiale ingresso sul mercato, Photoshop Lightroom raggiunge la sua seconda major release, una versione con cui Adobe tenta di rispondere colpo su colpo alle novità recentemente introdotte da Apple in Aperture.

il software Lightroom permette ai fotografi professionisti di gestire i flussi di lavoro della fotografia digitale, inclusi ritocco, catalogazione, visualizzazione, stampa e pubblicazione. L’applicazione ha molte somiglianze con Aperture, e, come quest’ultimo, supporta i formati d’immagine RAW: questi, anche chiamati “negativi digitali”, sono tipicamente offerti dalle reflex digitali, ma si stanno diffondendo sempre più anche nel settore delle fotocamere compatte di fascia alta.

Le più importante novità tecnica introdotta da Lightroom 2.0 è rappresentata dal supporto alle versioni a 64 bit di Windows e Mac OS X, che permette di sfruttare le grandi quantità di memoria indirizzabili da tali sistemi operativi. Sotto il punto di vista delle funzionalità, invece, il software beneficia di nuovi tool per la modifica e l’ottimizzazione delle foto, del supporto a più monitor , di una più completa e sofisticata sezione per la stampa, di un’ architettura estensibile per mezzo di plug-in (proprio come il fratello maggiore Photoshop), e della capacità di organizzare, da un unico catalogo, le foto che si trovano su driver diversi, inclusi quelli esterni.

Sotto il punto di vista del fotoritocco, la più grande miglioria introdotta da Lightroom 2.0 è il pennello correttivo locale , che permette di apportare regolazioni a esposizione, saturazione e contrasto in un’area specifica della foto. L’introduzione di questa feature, a lungo attesa dai professionisti, dovrebbe minimizzare il ricorso alle maschere di livello di Photoshop: per quanto concerne il fotoritocco, tuttavia, quest’ultimo rimane un prodotto assai più sofisticato di Lightroom.

Lightroom e Photoshop sono infatti software del tutto complementari, e Adobe punta molto sulla loro integrazione: nell’ultima versione, ad esempio, Lightroom ha acquisito la capacità di passare a Photoshop CS3 più immagini contemporaneamente , così da sveltire il processo di importazione delle foto da un’applicazione all’altra: tale caratteristica è utile soprattutto quando si debbano creare foto panoramiche o ad alta gamma dinamica (HDR) a partire da più immagini.

Nel nuovo Lightroom, Adobe afferma poi di aver migliorato l’elaborazione batch delle foto, i tool di catalogazione, il motore di ricerca delle immagini (che ora consente di ricercare le foto in base ad un maggior numero di criteri e tag), l’algoritmo per incrementare la nitidezza (sharpening), e il supporto ai formati d’immagine RAW (ora oltre 190).

Una descrizione (in inglese) delle principali novità e migliorie di Lightroom 2.0 si trova in questa pagina del sito di Adobe.

Photoshop Lightroom 2.0 ha un prezzo al pubblico di 298,80 euro per la versione completa e di 118,80 euro per quella aggiornamento o educational. Al momento è disponibile solo in inglese, francese, tedesco e giapponese.

Con l’occasione, Adobe ha aggiornato anche il proprio plug-in Camera Raw , giunto alla versione 4.5, che permette di elaborare e convertire le foto in formato RAW e importarle automaticamente in Phostohop, After Effects o Bridge. La versione inglese di Camera Raw 4.5 può essere scaricata gratuitamente da qui per Mac OS X e da qui per Windows.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Joliet Jake scrive:
    Plugiin? Quali? Per che browser?
    Ma non potrebbero essere più precisi?E' importante 'sta cosa...
  • OrioPIX scrive:
    Come la mettiamo con lo spoofing?
    Mi sbagliero', ma i dati citati nell'articolo mi sembrano assolutamente fuorviati: io ogni giorno ricevo spam tramite mail che risultano inviate da me stesso, e vi assicuro che non me ne spedisco mai...
    • mah.. scrive:
      Re: Come la mettiamo con lo spoofing?
      se non ti autospammi dimostralo
    • Marco Marcoaldi scrive:
      Re: Come la mettiamo con lo spoofing?
      Putroppo il protocollo SMTP del buon John Postel (pace all'anima sua) fu creato solo quando Internet era un posto per pochi ELETTI, per guru che non avevano intenzioni maliziose e truffaldine !!!!Le fake mail ormai sono un'abitudine tantochè comunque esistono appositamente regole antispam specifiche e servizi RBL per filtrare a monte il tutto !!!!
      • Lowres scrive:
        Re: Come la mettiamo con lo spoofing?
        Il canale mail è in assoluto uno dei più insicuri. Lo sanno molto bene aziende che si sono viste rubare informazioni segrete, contenute negli attachment "sniffati" (so che non è il termine esatto) dai movimenti di posta elettronica.Non è un caso che in tempi non sospetti sia stato inventato PGP per crittografare sopratutto i messaggi email.
  • S P A M scrive:
    Ve lo dico io perchè!
    Perchè gli utenti italiani sono i più bravi in informaggiatica e in websuonerie, mi danno un sacco di soddisfazioni! 8)
Chiudi i commenti