Call of Duty non danneggia la reputazione del dittatore

L'opera videoludica è una forma di manifestazione del pensiero e come tale va tutelata. Manuel Noriega, poi, non ha saputo dimostrare come il titolo di Activision attenti alla sua fama

Roma – Call of Duty: Black Ops II lo ritrae al termine degli anni 80, il volto segnato, alla vigilia della invasione statunitense di Panama che lo avrebbe deposto dalla sua dittatura. Manuel Noriega non potrà soffocare il proprio doppio videoludico: la libertà di espressione vince sulle pretese di un dittatore che mostra di non sapersi confrontare con la storia e con la proria reputazione.

L’ex-dittatore di Panama aveva denunciato Activision nei mesi scorsi. In una delle missioni del titolo, il gamer, che impersona un agente della CIA, è incaricato di consegnarlo alle autorità statunitensi: Noriega sosteneva che il videogioco riverberasse sulla propria persona l’immagine di “un sequestratore, assassino e nemico dello stato” responsabile di aver commesso “numerose atrocità fittizie”.

Il giudice del tribunale di Los Angeles incaricato di dirimere il caso ha ora deliberato in favore di Activision, ritenendo che il confronto non avesse ragion d’essere: innanzitutto, chiarisce il giudice, il valore del videogioco non deriva dalla presenza di Noriega ma dalla creatività e dalle competenze di Activision. Coloro che si spendono per questo genere di lavoro, che sfocia in un’opera dell’ingegno a tutti gli effetti, godono del diritto alla libertà di espressione , che in questo caso sovrasta senza ombra di dubbio il diritto all’immagine che Noriega ha tentato di rivendicare, al pari di altri personaggi pubblici che si sono riconosciuti in avventure videludiche.

Il diritto alla libera espressione di Activision è inoltre consolidato dal fatto che la raffigurazione di Noriega in Call Of Duty costituisce un’elaborazione della sua immagine reale, con intenti in qualche modo caricaturali e satirici. È evidente dunque che l’archiviazione del caso rappresenta una rassicurazione per tutti coloro che lavorino ad opere che si confrontano con la storia e ripropongano senza troppe distorsioni il passato sotto forma di intrattenimento.
Del resto, Noriega è un personaggio pubblico noto per le proprie gesta. Nella sua denuncia “non è stato in grado di fornire le prove del fatto che il videogioco arrecasse danno alla propria reputazione” si legge nell’opinione del giudice, che non teme di sottolineare che “data la circolazione globale delle notizie riguardo alla sue azioni negli anni 80 e nei primi anni 90, è difficile immaginare che tali prove possano esistere”.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Leguleio scrive:
    Si riparla della legge
    Fa discuter ancora la cosiddetta ammazza-blog:"Il mondo dei blogger è in allarme, ma tra gli editori è diffusa la tesi che non sarebbe giusto far cadere il peso della nuova legge solo sulle testate registrate, mentre qualsiasi blog resta libero di pubblicare quello che vuole".http://www.repubblica.it/tecnologia/2015/04/24/news/diffamazione_stretta_anche_sui_blog-112699954/?ref=HRER2-1
  • vac scrive:
    stato di polizia
    Sempre più verso lo stato di polizia
    • Leguleio scrive:
      Re: stato di polizia

      Sempre più verso lo stato di poliziaSempre di più, sì.Ma quindi quando accadeva questo fatto, in Italia lo Stato di polizia non c'era? (newbie)http://cultura.inabruzzo.it/0014065_giovannino-guareschi-il-giornalismo-in-carcere-i-parte/
  • Ettore Greco scrive:
    Cose dell'altro millennio
    La mancanza di impiego che esiste nei luoghi dove vivi andrebbe vista in un piu grande contesto e non semplicemente entro lambito della politica locale. Stiamo ora oltrepassando una delle fasi di un Complotto mondiale ben definito di cui anche tu gia fai parte ovunque tu sia. Non ti lasciare incantare dai media. Il Complotto mondiale non e una teoria. Nota ad esempio come gli annunci di lavoro saranno formulati sempre piu con il verbo servire al posto di lavorare. Non sara una coincidenza. Inizialmente la propaganda la fara apparire come una virtu ma presto servire sara una cosa scontata ed un requisito per continuare a vivere. Una vecchia piaga sta per riemergere in maniera massiccia ed ovunque nel Mondo. I Sionisti sono nostalgici di quella schiavitu che diede loro i natali nellantico Egitto. Per far avverare il loro sogno basterebbero i 2.3 trillioni di dollari denunciati smarriti dallamministrazione Bush il giorno prima dellUndici Settembre e rubati dal controllore del Pentagono Dov Zakheim per conto della famiglia Bush. Questo per dire dimentica i sindacati ed i diritti Umani. Sono cose dell'altro millennio. http://www.wavevolution.org/it/humanwaves.html
    • panda rossa scrive:
      Re: Cose dell'altro millennio
      - Scritto da: Ettore Greco
      La mancanza di impiego che esiste nei luoghi dove
      vivi Che c'azzecca con cio' di cui stiamo parlando?
  • Leguleio scrive:
    Strafalcioni
    " nell'ultima versione del DDL trovano spazio l'introduzione del diritto dall'oblio (anche se non centra affatto "Ignoranti!C'entra, con l'apostrofo.
    • VVVV scrive:
      Re: Strafalcioni
      - Scritto da: Leguleio
      Ignoranti!
      C'entra, con l'apostrofo.bravo, hai fatto c'entro
    • okkio scrive:
      Re: Strafalcioni
      Giovane:http://www.dirittopratico.it/24-giustizia-penale/30-reato-di-ingiuria-e-testimone-ostile.htmlFai attenzione con le ingiurie.
      • Leguleio scrive:
        Re: Strafalcioni

        Giovane:

        http://www.dirittopratico.it/24-giustizia-penale/3

        Fai attenzione con le ingiurie.Quali ingiurie. Ignorante è uno che ignora, uno che non sa. In questo caso le regole dell'ortografia.
        • evviva scrive:
          Re: Strafalcioni
          - Scritto da: Leguleio

          Giovane:




          http://www.dirittopratico.it/24-giustizia-penale/3



          Fai attenzione con le ingiurie.

          Quali ingiurie. Ignorante è uno che ignora, uno
          che non sa. In questo caso le regole
          dell'ortografia.Ok il testo contiene un errore o forse anche più di uno, ma ti sei preso la briga di leggere il link che ti hanno passato?[img]http://cdn3.volusion.com/u47ok.bmqn6/v/vspfiles/photos/P-2150-2.jpg?1336757045[/img]
          • Pasta alla Pirateria scrive:
            Re: Strafalcioni
            - Scritto da: evviva
            Ok il testo contiene un errore o forse anche più
            di uno, ma ti sei preso la briga di leggere il
            link che ti hanno
            passato? [img]http://cdn3.volusion.com/u47ok.bmqn6/v/vspfiles/photos/P-2150-2.jpg?1336757045[/IMG][IMG]http://i.imgur.com/AavsYya.png[/IMG]-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 ottobre 2014 08.36-----------------------------------------------------------
        • Magda Leguleio scrive:
          Re: Strafalcioni
          [img]http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Immagini/Attualita%20ed%20Esteri/Attualita/2006/11/furio_magda_169x126.jpg?uuid=9fbb150e-7af7-11db-822e-00000e25108c[/img]Buongiono a tutti Sono Magda Leguleio .Lo so che è complicato averci a che fare (ditelo a me! :'( ) ma purtroppo sta vivendo un momento molto difficile.Vi chiedo solo di comprendere e se potete dategli ragione che altrimenti gli prendono le crisi gli viene la bava alla bocca strabuzza gli occhi e io sono disperata.Vi ringrazio ancora se vorrete capirmi e tante grazie a tutti.
        • Thepassenge r scrive:
          Re: Strafalcioni
          Temo che questo sarà a libera interpretazione da parte del giudice e devi dimostrargli la tua nuonafede, se qualcuno vuole veramente romperti le uova nel paniere.Lo stesso potrebbe avvenire per i blog con notizie scomode, potrebbero trovare qualsiasi stupidaggine per metterti a tacere, siccome la legge non è mai chiara ma va a interpretazione.Il vero problema è proprio questo.
          Quali ingiurie. Ignorante è uno che ignora, uno
          che non sa. In questo caso le regole
          dell'ortografia.
          • Thepassenge r scrive:
            Re: Strafalcioni
            *buonafede- Scritto da: Thepassenge r
            Temo che questo sarà a libera interpretazione da
            parte del giudice e devi dimostrargli la tua
            nuonafede, se qualcuno vuole veramente romperti
            le uova nel
            paniere.
            Lo stesso potrebbe avvenire per i blog con
            notizie scomode, potrebbero trovare qualsiasi
            stupidaggine per metterti a tacere, siccome la
            legge non è mai chiara ma va a
            interpretazione.
            Il vero problema è proprio questo.


            Quali ingiurie. Ignorante è uno che ignora,
            uno

            che non sa. In questo caso le regole

            dell'ortografia.
          • Leguleio scrive:
            Re: Strafalcioni

            Temo che questo sarà a libera interpretazione da
            parte del giudice e devi dimostrargli la tua
            nuonafede, se qualcuno vuole veramente romperti
            le uova nel
            paniere.Be', sì: come in ogni querela per diffamazione.La causa va avanti, poi sta all'accusa portare argomentazioni abbastanza convincenti da persuadere il giudice a emettere una condanna. E con il participio presente di ignorare la vedo dura.
            Lo stesso potrebbe avvenire per i blog con
            notizie scomode, potrebbero trovare qualsiasi
            stupidaggine per metterti a tacere, siccome la
            legge non è mai chiara ma va a
            interpretazione."Mettere a tacere": quante volte ho sentito questa espressione qui su PI.Evidentemente ci sono molti che da piccoli non hanno potuto giocare al "piccolo dissidente", oppure al "piccolo Solenicyn", e ora sfogano questa loro mancanza da adulti: un po' come Bruno Vespa coi suoi plastici. Pensa che a me interessavano solo il piccolo chimico e l'allegro chirurgo. Una querela per diffamazione comporta solo una pena pecuniaria. Giusto a Sallusti poteva capitare il carcere, perché lo aveva compiuto per la terza volta nel giro di pochi anni, e perché nemmeno si è degnato di mandare un avvocato a difenderlo in tribunale. Adesso una pena pecuniaria ha l'effetto della mordacchia (strumento di tortura: http://tinyurl.com/ly8yq9o). Un po' di senso della misura, per cortesia.
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Strafalcioni
      - Scritto da: Leguleio
      " <I
      nell'ultima versione del DDL trovano spazio
      l'introduzione del diritto dall'oblio (anche se
      non centra
      affatto </I
      "

      Ignoranti!
      C'entra, con l'apostrofo.http://www.treccani.it/vocabolario/centrare/centrare v. tr. [der. di centro] (io cèntro, ecc.). 1. Fissare nel centro: c. la punta del compasso.2. Far corrispondere il centro di due circoli; più in generale, far corrispondere il centro di una figura (o di un oggetto) con quello di unaltra figura (o di un altro oggetto): c. limmagine sullo schermo di un televisore, fare sì, agendo sul centratore, che il centro dellimmagine riprodotta corrisponda al centro del cinescopio; c. una ruota, far sì che il mozzo sia esattamente nel centro; analogam.: c. unelica; c. un pezzo, in una macchina utensile a moto rotatorio (v. centratura).3.a. C. il bersaglio, nel linguaggio milit., inquadrarlo, fare sì che si trovi nel centro di uno spazio delimitato dai punti di caduta delle varie salve; più comunem., colpire in pieno il bersaglio, soprattutto con riferimento al tiro di artiglieria e al bombardamento aereo. C. il tiro, portare le salve dei proiettili a cavallo del bersaglio anche se questo non è materialmente colpito.b. fig. C. un tema, un argomento, una questione, coglierne il centro dinteresse, laspetto più importante e vitale; lattore ha centrato il suo personaggio, ne ha reso esattamente, perfettamente lo spirito.4. Nel gioco del calcio e simili: c. il pallone, calciare il pallone da una posizione laterale verso la parte interna del campo in modo che possa essere ripreso dai giocatori di centro e indirizzato in profondità verso la porta avversaria o direttamente contro di essa (sinon., crossare); c. in rete, segnare. ◆ Part. pass. centrato, anche come agg. (v. la voce).
      • Shiba scrive:
        Re: Strafalcioni
        A 'sto giro ha ragione lui:http://www.treccani.it/enciclopedia/c-entra-o-centra_%28La_grammatica_italiana%29/
        • Pignolo scrive:
          Re: Strafalcioni
          No non ha affatto ragione.http://punto-informatico.it/policy.asp <b
          "evitare come da netiquette di puntualizzare eventuali errori di sintassi o battitura in un post" </b
          come minimo è un post contrario alla policy (oltre che inutile e scassaballe)!
          • Shiba scrive:
            Re: Strafalcioni
            - Scritto da: Pignolo
            No non ha affatto ragione.

            http://punto-informatico.it/policy.asp

            <b
            "evitare come da netiquette di
            puntualizzare eventuali errori di sintassi o
            battitura in un post" </b


            come minimo è un post contrario alla policy
            (oltre che inutile e
            scassaballe)!Ah beh, questo è un altro paio di maniche. Però non capisco perché qui dentro stanno tutti a focalizzarsi sulla policy negli interventi di Leguleio quando di media 9/10 post sono spazzatura che altro che violazione della policy...
          • evviva scrive:
            Re: Strafalcioni
            - Scritto da: Shiba
            - Scritto da: Pignolo

            No non ha affatto ragione.



            http://punto-informatico.it/policy.asp



            <b
            "evitare come da netiquette di

            puntualizzare eventuali errori di sintassi o

            battitura in un post" </b




            come minimo è un post contrario alla policy

            (oltre che inutile e

            scassaballe)!

            Ah beh, questo è un altro paio di maniche. Però
            non capisco perché qui dentro stanno tutti a
            focalizzarsi sulla policy negli interventi di
            Leguleio quando di media 9/10 post sono
            spazzatura che altro che violazione della
            policy...Perchè i post di Leguleio non vengono moderati: due pesi, due misure.
          • Shiba scrive:
            Re: Strafalcioni
            - Scritto da: evviva
            Perchè i post di Leguleio non vengono moderati:
            due pesi, due
            misure.Non voglio difendere lo staff a tutti i costi, ma mi viene da pensare che sono abituati a ben di peggio :D
          • Zack scrive:
            Re: Strafalcioni
            - Scritto da: Shiba
            Non voglio difendere lo staff a tutti i costi, ma
            mi viene da pensare che sono abituati a ben di
            peggio :DPeggio dei post di legu?
          • cogito scrive:
            Re: Strafalcioni
            - Scritto da: Pignolo
            No non ha affatto ragione.

            http://punto-informatico.it/policy.asp

            <b
            "evitare come da netiquette di
            puntualizzare eventuali errori di sintassi o
            battitura in un post" </b

            Non ha puntualizzato un post, sveglia la mattina!!
          • Pignolo scrive:
            Re: Strafalcioni
            Si sveglia la Mattina Legù!il redazionale è un post!Ma in ogni casohttp://punto-informatico.it/policy.asp"mai scrivere commenti ingiuriosi e offensivi rispetto a chicchessia"è 2 volte contrarrio alla policy:"Ignoranti!C'entra, con l'apostrofo"Contento?
      • LucaP scrive:
        Re: Strafalcioni
        centrare v. tr. come dice la tua stessa citazione, centrare è un verbo transitivo.Non vedi che manca il complemento oggetto nella frase inquisita?
        • Izio01 scrive:
          Re: Strafalcioni
          - Scritto da: LucaP
          centrare v. tr.

          come dice la tua stessa citazione, centrare è un
          verbo transitivo.
          Non vedi che manca il complemento oggetto nella
          frase inquisita?Non per fare l'avvocato del diavolo, ma anche mangiare è un verbo transitivo. Secondo te la frase: "Oggi non ho mangiato" non è italiano corretto in quanto il complemento oggetto è assente? ;-)
          • Pasta alla Pirateria scrive:
            Re: Strafalcioni
            - Scritto da: Izio01
            Non per fare l'avvocato del diavolo, ma anche
            mangiare è un verbo transitivo. Secondo te la
            frase: "Oggi non ho mangiato" non è italiano
            corretto in quanto il complemento oggetto è
            assente?
            ;-)centrato!
    • Magda Leguleio scrive:
      Re: Strafalcioni
      [img]http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Immagini/Attualita%20ed%20Esteri/Attualita/2006/11/furio_magda_169x126.jpg?uuid=9fbb150e-7af7-11db-822e-00000e25108c[/img]Buongiono a tutti Sono Magda Leguleio .Lo so che è complicato averci a che fare (ditelo a me! :'( ) ma purtroppo sta vivendo un momento molto difficile.Vi chiedo solo di comprendere e se potete dategli ragione che altrimenti gli prendono le crisi gli viene la bava alla bocca strabuzza gli occhi e io sono disperata.Vi ringrazio ancora se vorrete capirmi e tante grazie a tutti.
    • vgaber scrive:
      Re: Strafalcioni
      Occhio che ti censurano... Vedi me quando osai spiegare come usare "affatto" correttamente...- Scritto da: Leguleio
      " nell'ultima versione del DDL trovano spazio
      l'introduzione del diritto dall'oblio (anche se
      non centra
      affatto "

      Ignoranti!
      C'entra, con l'apostrofo.
      • Maruccia scrive:
        Re: Strafalcioni
        - Scritto da: vgaber
        Occhio che ti censurano... Vedi me quando osai
        spiegare come usare "affatto"
        correttamente...A lui non censurano, è il cocco della redazione ed il buffone di corte locale.
    • nome e cognome scrive:
      Re: Strafalcioni
      giusto un test."affatto"e vediamo che succede :-)
    • nome e cognome scrive:
      Re: Strafalcioni
      AFFATTO :-)3,2,1... non sei tu a censurare, Leguleio, vero?- Scritto da: Leguleio
      " nell'ultima versione del DDL trovano spazio
      l'introduzione del diritto dall'oblio (anche se
      non centra
      affatto "

      Ignoranti!
      C'entra, con l'apostrofo.
  • bubba scrive:
    a una prima veloce occhiata...
    bene accenno a lite temerariabene togliere il carceredirei bene l'allargamento del segreto professionalemalino, male (o malissimo) il resto.
    • Thepassenge r scrive:
      Re: a una prima veloce occhiata...
      ciò che mi sorprende è il voto favorevole del M5S, ma non si erano opposti la volta scorsa perchè ledeva la libertà di informazione dei piccoli blog?è strano e non capisco.- Scritto da: bubba
      bene accenno a lite temeraria
      bene togliere il carcere
      direi bene l'allargamento del segreto
      professionale

      malino, male (o malissimo) il resto.
      • Leguleio scrive:
        Re: a una prima veloce occhiata...

        ciò che mi sorprende è il voto favorevole del
        M5S, ma non si erano opposti la volta scorsa
        perchè ledeva la libertà di informazione dei
        piccoli
        blog?
        è strano e non capisco.Se ho capito bene, avevano promesso che lo avrebbero votato se nel testo finale fosse stato inserito il loro emendamento. Promessa mantenuta.
      • bubba scrive:
        Re: a una prima veloce occhiata...
        - Scritto da: Thepassenge r
        ciò che mi sorprende è il voto favorevole del
        M5S, ma non si erano opposti la volta scorsa
        perchè ledeva la libertà di informazione dei
        piccoli
        blog?
        è strano e non capisco.andrebbe letto in DETTAGLIO (potrebbe farlo il giornalista, ma....) ... potrebbe non ledere i 'piccoli blog' di piu di quanto non fossero gia' "lesionati" con le norme precedenti... si vociferava delle 'testate registrate online'... poi magari leggero' in dettaglio. In realta' il pezzo che mi incuriosisce di piu' e' sulle liti temerarie... ma sara' uscita un'anatra zoppa... :P
        • Thepassenge r scrive:
          Re: a una prima veloce occhiata...
          non lo so, si chiama ammazza-blog proprio perchè mi pareva estesa anche ai semplici blog (che non sono testate giornalistiche). poi se è cambiato qualcosa non lo so, ma ne dubito, visto che il loro scopo è quello di mettere a tacere le voci scomode.- Scritto da: bubba
          - Scritto da: Thepassenge r

          ciò che mi sorprende è il voto favorevole del

          M5S, ma non si erano opposti la volta scorsa

          perchè ledeva la libertà di informazione dei

          piccoli

          blog?

          è strano e non capisco.
          andrebbe letto in DETTAGLIO (potrebbe farlo il
          giornalista, ma....) ... potrebbe non ledere i
          'piccoli blog' di piu di quanto non fossero gia'
          "lesionati" con le norme precedenti... si
          vociferava delle 'testate registrate online'...
          poi magari leggero' in dettaglio.

          In realta' il pezzo che mi incuriosisce di piu'
          e' sulle liti temerarie... ma sara' uscita
          un'anatra zoppa...
          :P
          • Leguleio scrive:
            Re: a una prima veloce occhiata...

            non lo so, si chiama ammazza-blog Be', adesso, non è che si chiami così... :DVarie testate le hanno affibbiato quel nomignolo, per carità va benissimo. Ma a questa stregua qualcuno ricostruirà la storia politica del secondo dopoguerra e dirà che Camera e Senato hanno discusso il DDL "legge truffa".
          • bubba scrive:
            Re: a una prima veloce occhiata...
            - Scritto da: Thepassenge r
            non lo so, si chiama ammazza-blog proprio perchè
            mi pareva estesa anche ai semplici blog (che non
            sono testate giornalistiche). poi se è cambiato
            qualcosa non lo so, ma ne dubito, visto che il
            loro scopo è quello di mettere a tacere le voci
            scomode.LUNGI da me difendere il pacchetto nel suo complesso ( as-usual la roba che riguarda legge sulla stampa/ingiuria/diffamazione/rettifiche & co e' un insieme continuo di toppe a norme arcaiche...andrebbe triturata tutta e rifatta... alla luce del fatto che non si puo' infestare i tribunali per un vaffa su FB, perche' si invoca di continuo il penale, perche' si da' del mafioso a un mafioso, perche' angelucci ha le paturnie e porta in tribunale WP, ecc ecc) MA i giornalisti hanno problemini come questi ... http://www.francescocosta.net/2014/10/29/il-problema-dellitalia-sono-i-suoi-giornalisti/ (compreso l'articolo di Sofri ivi linkato)Per quello dicevo che questa roba piena di toppe andrebbe letta IN DETTAGLIO... e forse lo faro'... anche se, per le questioni di cui sopra, e' sempre pesante "tradurre" il provvedimento in italiano corrente :P
          • Leguleio scrive:
            Re: a una prima veloce occhiata...

            alla luce del fatto che non si puo' infestare i
            tribunali per un vaffa su FB, perche' si invoca
            di continuo il penale, perche' si da' del mafioso
            a un mafioso, perche' angelucci ha le paturnie e
            porta in tribunale WP, ecc ecc) Perché non si può? È un diritto.
            MA i giornalisti
            hanno problemini come questi ...
            http://www.francescocosta.net/2014/10/29/il-probleNo, è un problema dei lettori, non dei giornalisti. Le notizie corrette ci sono, ma i quotidiani, che non sono onlus e nemmeno precettori, ma imprese che badano al profitto, non vi danno risalto perché sanno che non interessano al lettore medio. Si può ovviamente discutere del fatto che la stampa italiana, e soprattutto la stampa online, sia andata dietro alle voglie dei lettori anziché cercare di educarli e di fornire materia di cui discutere con più raziocinio e meno emotività: quello sì. Ma se gli italiani non hanno voglia di leggere notizie di un certo tipo, non si può applicare a loro il metodo Ludovico: :[img]http://www.kiyoaki.com/kiyoaki/wp-content/uploads/imagenes/foto74_or.jpg[/img]
          • panda rossa scrive:
            Re: a una prima veloce occhiata...
            - Scritto da: Leguleio

            alla luce del fatto che non si puo'
            infestare
            i

            tribunali per un vaffa su FB, perche' si
            invoca

            di continuo il penale, perche' si da' del
            mafioso

            a un mafioso, perche' angelucci ha le
            paturnie
            e

            porta in tribunale WP, ecc ecc)

            Perché non si può? È un diritto.Lo era, in passato per nobili intenti, ma e' stato abusato e utilizzato come arma di ricatto e oggi e' decisamente sorpassato dalla tecnologia.Qualunque soggetto e' in grado di dimostrare che quanto viene detto su di lui e' falso, e replicare in modo paritario.

            MA i giornalisti

            hanno problemini come questi ...


            http://www.francescocosta.net/2014/10/29/il-proble

            No, è un problema dei lettori, non dei
            giornalisti.Allora non e' un problema visto che in italia i lettori si contano sulle dita di una mano o due.
            Le notizie corrette ci sono, ma i quotidiani, che
            non sono onlus e nemmeno precettori, ma imprese
            che badano al profitto, I quotidiani lo sono.Quelli di cui parli tu sono una inutile e medievale casta parassita, piu' brevemente chiamati editori.
            non vi danno risalto
            perché sanno che non interessano al lettore
            medio.Il lettore medio non esiste.E se esiste non legge certo quella roba.
            Si può ovviamente discutere del fatto che la
            stampa italiana, e soprattutto la stampa online,
            sia andata dietro alle voglie dei lettori anziché
            cercare di educarli e di fornire materia di cui
            discutere con più raziocinio e meno emotività:
            quello sì.Li hanno educati eccome.Li hanno educati alla stupidita' e alla totale assenza di critica.
            Ma se gli italiani non hanno voglia di leggere
            notizie di un certo tipo, non si può applicare a
            loro il metodo Ludovico:Le notizie di un certo tipo ci sono e io sono tra i pochi che le leggono.Degli altri non me ne puo' fregar di meno.
          • Leguleio scrive:
            Re: a una prima veloce occhiata...


            Perché non si può? È un diritto.

            Lo era, in passato per nobili intenti, ma e'
            stato abusato e utilizzato come arma di ricatto e
            oggi e' decisamente sorpassato dalla
            tecnologia.
            Qualunque soggetto e' in grado di dimostrare che
            quanto viene detto su di lui e' falso, e
            replicare in modo
            paritario.No, è impossibile replicare in modo paritario quando si ha contro una intera catena editoriale, come potrebbe essere, a titolo d'esempio, il Gruppo <I
            L'espresso-Repubblica </I
            , oppure i quotidani in coppia <I
            La Stampa Secolo XIX </I
            . E non parliamo nemmeno delle tv private. Solo nei fumetti uno contro mille vince.

            Le notizie corrette ci sono, ma i
            quotidiani,
            che

            non sono onlus e nemmeno precettori, ma
            imprese

            che badano al profitto,

            I quotidiani lo sono.
            Quelli di cui parli tu sono una inutile e
            medievale casta parassita, piu' brevemente
            chiamati
            editori.Tutti i giornali in Italia sono proprietà di editori. Quelli gestiti da cooperative arrancano, hanno ancora più problemi economici degli altri.
          • panda rossa scrive:
            Re: a una prima veloce occhiata...
            - Scritto da: Leguleio


            Perché non si può? È un diritto.



            Lo era, in passato per nobili intenti, ma e'

            stato abusato e utilizzato come arma di
            ricatto
            e

            oggi e' decisamente sorpassato dalla

            tecnologia.

            Qualunque soggetto e' in grado di dimostrare
            che

            quanto viene detto su di lui e' falso, e

            replicare in modo

            paritario.

            No, è impossibile replicare in modo paritario
            quando si ha contro una intera catena editoriale,
            come potrebbe essere, a titolo d'esempio, il
            Gruppo <I
            L'espresso-Repubblica
            </I
            , oppure i quotidani in coppia
            <I
            La Stampa Secolo XIX </I
            . E non
            parliamo nemmeno delle tv private.Mele con pere, come al solito.Per i casi da te citati esiste gia' la diffamazione a mezzo stampa.
            Solo nei fumetti uno contro mille vince. Non fai che confermare quello che gia' sappiamo.Vige ancora la legge del piu' forte.


            Le notizie corrette ci sono, ma i

            quotidiani,

            che


            non sono onlus e nemmeno precettori, ma

            imprese


            che badano al profitto,



            I quotidiani lo sono.

            Quelli di cui parli tu sono una inutile e

            medievale casta parassita, piu' brevemente

            chiamati

            editori.

            Tutti i giornali in Italia sono proprietà di
            editori.Tutti i giornali in Italia sono venduti al potere e l'Italia nella classifica mondiale della liberta' di stampa contende l'ultimo posto alla Corea del Nord.
            Quelli gestiti da cooperative arrancano, hanno
            ancora più problemi economici degli
            altri.Certo, perche' si basano su un modello del secolo scorso.Siamo nel terzo millennio.Oggi l'informazione deve essere real-time, plurima e gratuita.
          • Leguleio scrive:
            Re: a una prima veloce occhiata...


            No, è impossibile replicare in modo paritario

            quando si ha contro una intera catena
            editoriale,

            come potrebbe essere, a titolo d'esempio, il

            Gruppo <I
            L'espresso-Repubblica

            </I
            , oppure i quotidani in coppia

            <I
            La Stampa Secolo XIX </I
            .
            E
            non

            parliamo nemmeno delle tv private.

            Mele con pere, come al solito.

            Per i casi da te citati esiste gia' la
            diffamazione a mezzo
            stampa.La legge in discussione oggi in parlamento, se non te ne fossi accorto, riguarda il reato di diffamazione. :DWeblog, giornali, siti personali e pagine facebook sono sottoposti alla stessa legge.

            Solo nei fumetti uno contro mille vince.

            Non fai che confermare quello che gia' sappiamo.
            Vige ancora la legge del piu' forte.Certo che vige la legge del più forte. La legge scritta, quella approvata dagli uomini, cerca, e non solo nell'ambito della diffamazione, di bilanciare questa disparità di forze con sanzioni di tipo penale.


            I quotidiani lo sono.


            Quelli di cui parli tu sono una inutile
            e


            medievale casta parassita, piu'
            brevemente


            chiamati


            editori.



            Tutti i giornali in Italia sono proprietà di

            editori.

            Tutti i giornali in Italia sono venduti al potere
            e l'Italia nella classifica mondiale della
            liberta' di stampa contende l'ultimo posto alla
            Corea del
            Nord.No, l'Italia è al 49° posto; la Corea del Nord è penultima nella classifica di quest'anno, l'ultima è l'Eritrea.

            Quelli gestiti da cooperative arrancano,
            hanno

            ancora più problemi economici degli

            altri.

            Certo, perche' si basano su un modello del secolo
            scorso.

            Siamo nel terzo millennio.
            Oggi l'informazione deve essere real-time,
            plurima e
            gratuita.Questo è <B
            il tuo </B
            ideale di informazione.Ora possiamo tornare a parlare della realtà in cui siamo immersi, e non dei tuoi sogni bagnati?
          • Allibito scrive:
            Re: a una prima veloce occhiata...
            - Scritto da: Leguleio


            No, è impossibile replicare in modo
            paritario


            quando si ha contro una intera catena

            editoriale,


            come potrebbe essere, a titolo
            d'esempio,
            il


            Gruppo <I
            L'espresso-Repubblica


            </I
            , oppure i quotidani in
            coppia



            <I
            La Stampa Secolo XIX
            </I

            .

            E

            non


            parliamo nemmeno delle tv private.



            Mele con pere, come al solito.



            Per i casi da te citati esiste gia' la

            diffamazione a mezzo

            stampa.

            La legge in discussione oggi in parlamento, se
            non te ne fossi accorto, riguarda il reato di
            diffamazione.
            :D
            Weblog, giornali, siti personali e pagine
            facebook sono sottoposti alla stessa legge.





            Solo nei fumetti uno contro mille
            vince.




            Non fai che confermare quello che gia'
            sappiamo.

            Vige ancora la legge del piu' forte.


            Certo che vige la legge del più forte. La legge
            scritta, quella approvata dagli uomini, cerca, e
            non solo nell'ambito della diffamazione, di
            bilanciare questa disparità di forze con sanzioni
            di tipo penale.






            I quotidiani lo sono.



            Quelli di cui parli tu sono una
            inutile

            e



            medievale casta parassita, piu'

            brevemente



            chiamati



            editori.





            Tutti i giornali in Italia sono
            proprietà
            di


            editori.



            Tutti i giornali in Italia sono venduti al
            potere

            e l'Italia nella classifica mondiale della

            liberta' di stampa contende l'ultimo posto
            alla

            Corea del

            Nord.

            No, l'Italia è al 49° posto; la Corea del
            Nord è penultima nella classifica di quest'anno,
            l'ultima è l'Eritrea.





            Quelli gestiti da cooperative arrancano,

            hanno


            ancora più problemi economici degli


            altri.



            Certo, perche' si basano su un modello del
            secolo

            scorso.



            Siamo nel terzo millennio.

            Oggi l'informazione deve essere real-time,

            plurima e

            gratuita.

            Questo è <B
            il tuo </B
            ideale di
            informazione.
            Ora possiamo tornare a parlare della realtà in
            cui siamo immersi, e non dei tuoi sogni
            bagnati?per panda rossa basta che ci sia la parola gratis, il resto conta poco.
          • chi sei scrive:
            Re: a una prima veloce occhiata...
            ma tu sei lo stesso allibito che raccontava frottole qui?http://punto-informatico.it/b.aspx?i=4172238&m=4172829#p4172829se sì, (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • certo certo scrive:
            Re: a una prima veloce occhiata...
            ma tu sei lo stesso allibito che raccontava frottole qui?http://punto-informatico.it/b.aspx?i=4172238&m=4172829#p4172829Se sì, pensi di avere un barlume di credibilità adesso?
          • certo certo scrive:
            Re: a una prima veloce occhiata...
            ma tu sei lo stesso allibito che raccontava frottole qui?http://punto-informatico.it/b.aspx?i=4172238&m=4172829#p4172829Se sì, pensi di avere un barlume di credibilità adesso?
          • certo certo scrive:
            Re: a una prima veloce occhiata...
            ma tu sei lo stesso allibito che raccontava frottole qui?http://punto-informatico.it/b.aspx?i=4172238&m=4172829#p4172829Se sì, pensi di avere un barlume di credibilità adesso?
    • collione scrive:
      Re: a una prima veloce occhiata...
      - Scritto da: bubba
      malino, male (o malissimo) il resto.direi perfettamente in riga con l'attuale deriva autoritaria del viziato di Firenzedel resto siamo nel Paese dove i poliziotti massacrano a manganellate i lavoratori
Chiudi i commenti