Canone Rai, con il Reddito di Cittadinanza non si paga: cosa dice la legge

Canone Rai, con il Reddito di Cittadinanza non si paga: cosa dice la legge

Si stanno diffondendo voci per cui chi percepisce il Reddito di Cittadinanza non dovrebbe pagare il Canone Rai: vediamo come stanno le cose.
Si stanno diffondendo voci per cui chi percepisce il Reddito di Cittadinanza non dovrebbe pagare il Canone Rai: vediamo come stanno le cose.

Il canone di abbonamento alla televisione, più comunemente conosciuto come Canone Rai, è dovuto da chiunque detenga un apparecchio con sintonizzatore TV. Si deve pagare una sola volta l’anno a famiglia, solo se i familiari hanno la residenza nella stessa abitazione.

Dal 2016, secondo l’Articolo 1, commi da 152 a 159, della Legge n. 208 del 2015, è stata introdotta la presunzione di detenzione dell’apparecchio televisivo. Questo nel caso sia attivata un’utenza per la fornitura di energia elettrica nel luogo in cui una persona risiede.

In altre parole, il pagamento del Canone Rai avviene con tacito accordo attraverso la bolletta dell’energia elettrica. Questa pratica, ancora attuale, si presume che a gennaio 2023 verrà abbandonata. Ciò per volontà dell’Unione Europea che non vuole “oneri impropri” all’interno delle fatture relative alla bolletta della luce.

Proprio per questo consenso tacito, molti pensano che chi riceve il Reddito di Cittadinanza non dovrebbe pagare il Canone Rai. Ma cosa dicono le normative in merito? Vediamo insieme se veramente chi percepisce questo sostegno economico rientra tra le categorie esonerate.

Canone Rai: se percepisci il Reddito di Cittadinanza lo devi comunque pagare

È normale che chi si trova in difficoltà economica e riceve ogni mese il Reddito di Cittadinanza sia preoccupato dell’annunciato e possibile aumento del Canone Rai dall’anno prossimo. Per chi davvero fa fatica ad arrivare a fine mese, versare anche 18 euro ogni due mesi in bolletta è una sfida.

Ecco perché molti speravano vivamente che il Governo avesse pensato a una soluzione combinata, esonerando coloro che percepiscono questo sostegno economico dal pagare il Canone Rai. Se la speranza è l’ultima a morire, la prima ad aver abbandonato il campo è la logica.

Infatti, secondo la Legge, chi riceve il Reddito di Cittadinanza perché in difficoltà economica deve comunque versare tutta la somma dovuta per il Canone Rai. Diversamente, per richiedere l’esenzione all’Agenzia delle Entrate non dovrebbe detenere alcun apparecchio atto alla ricezione dei canali del digitale terrestre.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 5 giu 2022
Link copiato negli appunti