Cartolina, virus all'italiana

Ha il potenziale di diffusione di ILoveYou ma solo in Italia. Trend Micro e F-Secure avvertono della sua presenza ma sottolineano: al momento il virus non sta dilagando


Roma – Una variante italiana di LoveLetter, il virus più diffuso nel 2000. Questo il profilo di Cartolina, un worm che è stato segnalato nel nostro paese ma che non pare aver raggiunto una diffusione significativa.

Trend Micro, con cui Punto Informatico ha potuto parlare ieri, ha spiegato: “In questo momento ci stiamo limitando a monitorare il comportamento del virus. L’evidenza maggiore che abbiamo è presso un cliente corporate ma non ci sono segnali di una diffusione incontrollata”.

Sulla stessa linea anche il rapporto che ieri mattina ha fatto circolare F-Secure, altra azienda antivirus, secondo cui, al momento, non si deve temere la diffusione di Cartolina.

Il virus è facilmente riconoscibile. Arriva in un messaggio che ha per subject la frase “C’è una cartolina per te” e per testo: “Ciao, un tuo amico ti ha spedito una cartolina virtuale… mooolto particolare!”. L’allegato infetto è il file “Cartolina.vbs”.

Se qualcuno dotato di Outlook e Windows dovesse ricevere il messaggio e aprirlo, il virus si infilerà nel sistema comportandosi proprio come LoveLetter con alcune aggiunte. Anzitutto si autospedirà a tutti i contatti della rubrica di Outlook e poi modificherà l’indirizzo della prima pagina del browser facendola puntare ad un sito italiano di musica. Altra “particolarità” rispetto ad ILoveYou-LoveLetter, Cartolina.vbs infila un marker nel registro e non si autoinvia due volte dallo stesso sistema.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Catto comunismo
    Una riflessione:il garante ha deciso che lo Spam a scopi politici viola la privacy. Solo quello a scopi politici. Esiste UN solo partito che abbia utilizzato questa via. Non valeva la pena che il garante dicesse semplicemente che ai radicali è vietatoi fare propaganda politica in ogni forma? E' vero o no che gli ultimi dati dell'osservatorio di Pavia confermano che in televisione la lista Bonino ha avuto lo zero-virgola di passaggi televisivi mentre la legge grantirebbe pari opportunità? Non è violazione dei diritti politici? Non e vero che mi continueranno ad arrivare spam di aziende, siti porno, portali, catene di sant'antonio e puttanate varie?Non è vero che è vietato affiggere manifesti elettorali fuori dagli spazi adibiti ma l'unico partito che rispetta questa legge sono i radicali?Non è vero che le firme per la presentazione delle liste devono essere autenticate e depositate giorno per giorno e che esistono decine di procedimenti penali a carico di tutti i partit ad esclusione dei radicali?Non è vero che quando Craxi tuono nell'emiciclo "chi non ha mai preso soldi si alzi in piedi" gli unici ad alzarsi furono i radicali?Non è vero che i radicali hanno condotto le battaglie per aborto, divorzio, abolizione pena di morte, incriminazione di Milosevic (1 anno prima della guerra...), abolizione finanziamento pubblico ai partiti, eliminazione quota proporzionale, ecc. ecc.? Vi sembra questo un partito illiberale o che utilizzi pratiche antidemocratiche?Non è vero che la Russia spalleggiata dagli altri stati "democratici" come la Cina, Cuba, Sudan, ecc ha cercato di estromettere il Partito Radicale internazionale dal consiglio delle organizzazioni non governative tacciandoli di pedofilia e collusione con il narcotraffico per aver fatto parlare un deputato ceceno all'ONU?Non è vero che la mozione (1° caso nella storia dell'ONU) è stata respinta con l'appoggio di tutti gli stati democratici (veri) è il colpevole, vergognoso silenzio della farnesina?Quanti altri esempi vi devo fare per convincervi che il Partito radicale NON E' come gli altri e che ha usato lo spam come ennesimo tentativo (es.: cicciolina...) per non venire estromesso completamente dalla informazione (non considerate radio radicale: la ascoltano chi già lo conosce il partito...)?Vi prego: informatevi. WWW.RADICALI.IT e WWW.RADIORADICALE.ITAvrete anche la possibilità di partecipare al forum, farvi anche due risate e magari due riflessioni.Ciao e scusate l'ardore ma ci tenevo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Catto comunismo

      Una riflessione:
      il garante ha deciso che lo Spam
      a scopi politici viola la privacy.
      Solo quello a scopi politici. Onesta intellettuale prossima allo zero. E' una tua invenzione che il garante si sia pronunciato solo sullo spam elettorale.Infatti il garante si è così pronunciato: "La mera conoscibilità degli indirizzi di posta elettronica non consente di per sé l'invio generalizzato di e-mail (il cosiddetto spamming), di qualunque contenuto siano i messaggi, compreso quello politico-elettorale." [cut su una montagna di domande retoriche fuori luogo]Divorzio, aborto. Aborto, divorzio... siete ancora agli anni Settanta e avete dimostrato ben poca attenzione per questioni cruciali come diritto d'autore, brevettabilità del software e reverse engineering.
  • Anonimo scrive:
    Fare SPAM non c'entra niente con la democrazia
    Secondo me chi difende lo SPAM non difendela democrazia ma soltanto il diritto di fare il porco comodo suo con i dati degli utenti.Esempio:Quanto influiscono gli stipendi dei politici sul deficit pubblico? Un mio amico mi ha mandato una email ANONIMA che sta girando da un po' di tempo on line. Parla degli stipendi dei politici. Ve ne cito un pezzo: [...]
    QUESTE LE CIFRE DELLA VERGOGNA DEI MACACHI NAZIONALI!
    Stipendio 24 milioni al mese circa (19.201.000 circa per 15 mesi) al mese circa per il macaco
    portaborse;
    2 al mese circa rimborso affitto ufficio al mese circa;
    rimborso spese viaggio 4.000.000 all'anno circa per viaggi studio estero;
    La posta spedita dal Parlamento è gratis;
    350.000 al giorno circa ogni volta che entrano in Parlamento;
    250.000 al giorno circa per indennità di missione (ora sostituita con il "piè di lista"); [...] e così via sciorinando dati che sembrano verosimili e precisi. Ho fatto un po' di indagini con i motori di ricerca. Chi manda in giro queste cose e' un certo Silvano Giometto, 50 anni, veneto, che e' stato trombato alle elezioni del 16 aprile 2000, e che adesso si occupa del Referendum abolizione privilegi ai parlamentari. Nulla dice Silvano Giometto su quanta parte percentuale del mio stipendio vada a finire ai politici, quanta parte invece venga sprecata in malasanità ad esempio, e quale e' la situazione nel resto dell'europa. Solitamente coloro i quali ricorrono alle catene di email anonime sono persone che non hanno voce sui media: dico io, un motivo pur ci sarà... Per il fatto che usano la posta elettronica tantissimi di questi furbetti non si accollano la responsabilità di quello che dicono. Demagogia pura, per acchiappare i voti di elettori incazzati che ad esempio nel veneto hanno perso la stima in Bossi Come diceva un tizio , il potere logora chi non ce l'ha... Pino Silvestre Vi allego un po' di link sui quali approfondire la questione: elenco candidati del 16 aprile 2000 http://www.grr.rai.it/grparlamento/settimana/16_aprile/candidati.htm Il testo, stavolta FIRMATO, della email rompiballe: http://www.corriereonline.com/nuovo/quelscr.htm Una breve biografia della testa di razzo... http://www.geocities.com/ecodelserrasanta/20000709/08quanto.html
    • Anonimo scrive:
      Re: Fare SPAM non c'entra niente con la democrazia
      L'email è una bufala. La maggior parte dei dati è errato.Quel che resta è comunque troppo.E' sufficiente metà legislatura per avere diritto al vitalizio, che in caso di morte viene ereditato dalla moglie e dai figli fino alla morte di questi(!!!! 2 generazioni anni di vitalizio !!!!).
  • Anonimo scrive:
    D'Ambrosio, sii serio
    Non è possibile che ogni volta che qualcuno ti contesta qualcosa, piuttosto fi rispondergli direttamente preferisci portare la discussione su altri temi (come quello delle aziende che commerciano dati).Io voglio sapere perché i radicali hanno ritenuto di avere il diritto di fare un'operazione decisamente contro la gente, già sfruttata in questo senso da tanti altri che non sono organizzazioni politiche con dei "principi".Sai rispondere a questo oppure preferisci il silenzio o altri discorsi?CiuX
  • Anonimo scrive:
    Il mio pensiero.
    Il mio pensiero. Senza conoscere a fondo i problemi non si ottiene nulla. Con le leggi non si risolve nulla poichè lo spammatore il più delle volte è anche anonimo oltre ad essere di un altro paese. Inoltre se alcune leggi per Internet dovranno essere fatte si dovrà tenere in considerazione anche gli altri paesi poichè internet è internazionale e non è possibile farsi le leggi per conto proprio.Per risolvere un problema (se esiste) bisogna essere esperti del settore, altrimenti basta copiare gli americani (che hanno inventato internet). Non capisco perchè in europa lo spammer è così un grosso problema e negli Stati Uniti? Cosa fanno? Perchè non aspettiamo cosa fanno loro? Siamo più esperti noi o loro per internet? Se non vogliamo aspettare perchè non chiediamo a Microsoft e colleghi cosa fare? O pensiamo di essere più esperti di Microsoft in questo settore?Se per il provider lo spammer dovesse essere un problema dovrà essere lui a vedersela con il suo cliente. Il provider potrebbe inserire un programma sul suo server di posta che controlla e si accorge automaticamente se una persona sta inviando una enorme quantità di dati e in quel caso in automatico il sistema potrebbe cestinare le email dello spammatore. Spesso alcuni provider (anche per risparmiare) pare che non proteggano a sufficenza il loro server di posta. Forse i servizi offerti dai provider dovrebbero aumentare di qualità e non fare a gara a chi riesce a dare l'accesso più gratuito possibile. Inoltre filtrare la posta indesiderata e facile e veloce anche per il destinatario.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il mio pensiero.
      - Scritto da: Michele
      Il mio pensiero.

      Senza conoscere a fondo i problemi non si
      ottiene nulla. Con le leggi non si risolve
      nulla poichè lo spammatore il più delle
      volte è anche anonimo oltre ad essere di un
      altro paese.Quasi nessuno spammer è realmente anonimo perché i servizi anonymizer non si prestano a simili giochetti. In molti stati USA si stanno prendendo decisioni contro gli spammer e potremmo anche arrivare a una decisione federale. Infine, per quanto riguarda l'Europa, il garante ha semplicemente confermato l'indicazione dell'Article Article 29 Data Protection Working Party, che si è reso interprete della direttiva che ha dato vita alle leggi sulla privacy (95/46/CE)
      Inoltre se alcune leggi per
      Internet dovranno essere fatte si dovrà
      tenere in considerazione anche gli altri
      paesi poichè internet è internazionale e non
      è possibile farsi le leggi per conto
      proprio.Entro certi limiti è possibile. E lo spam rientra spesso in questi casi. Se ricevo pubblicità per un marchio italiano da parte di un'azienda con server residente all'estero la legge potrà essere applicata. Se ricevo pubblicità per un marchio straniero si potrà sempre applicare l'autoregolamentazione della rete che prevede la lista nera (RBL, RAS, DUL) per i server che offrono supporto agli spammer.
      Per risolvere un problema (se esiste)
      bisogna essere esperti del settore,
      altrimenti basta copiare gli americani (che
      hanno inventato internet).Aspetta... chi ha inventato il web?
      Non capisco
      perchè in europa lo spammer è così un grosso
      problema e negli Stati Uniti? Cosa fanno?Le leggi della Virginia e di molti altri stati sono ben più severe delle nostre. Manca ancora un'indicazione federale a causa dell'estrema libertà concessa agli Stati.
      Perchè non aspettiamo cosa fanno loro?Perché dobbiamo sempre andare dietro agli americani?
      Siamo
      più esperti noi o loro per internet? Se non
      vogliamo aspettare perchè non chiediamo a
      Microsoft e colleghi cosa fare? O pensiamo
      di essere più esperti di Microsoft in questo
      settore?Dopo questa affermazione mi sorge il dubbio che tu sia un troll. Microsoft di Rete non è per nulla esperta. E' entrata massicciamente nella Rete solo 5 o 6 anni fa quando ormai la maggioranza dei protocolli e Internet Standard era già definita (ad esempio, RFC 822).[...]
      Inoltre filtrare la posta indesiderata e
      facile e veloce anche per il destinatario.Assolutamente no. Non si può filtrare posta proveniente da destinatari e server diversi a meno di non ricorrere a provider seri che implementano le protezioni e i filtri suindicati. Nonostante ciò, anche grazie all'apporto dei paesi asiatici, gli open relay si stanno moltiplicando come funghi. Qualche utente filtra in base a parole inglesi ricorrenti, ma così taglia via un mucchio di falsi positivi, soprattutto quando usa software senza supporto per le espressioni regolari (Outlook Express in primis).
  • Anonimo scrive:
    ADUC incomprensibile
    Davvero strana questa associazione degli utenti che invece di difendere gli utenti, difende partiti politici e aziende che fanno un uso distorto di Internet.Secondo l'ADUC combattere lo spam "spiana la strada alla morte dell'E-mail"... ci vuole tanto a capire che è vero esattamente il contrario? Che è la massa crescente di posta spazzatura che si riceve ad uccidere l'e-mail?Povera Italia che si ritrova queste associazioni degli utenti...
    • Anonimo scrive:
      Re: ADUC incomprensibile
      - Scritto da: Marco Calvo
      Davvero strana questa associazione degli
      utenti che invece di difendere gli utenti,
      difende partiti politici e aziende che fanno
      un uso distorto di Internet.Difende le aziende ed i partiti? Tutto il contrario! Con questa legge chi ci guadagnera' sara' chi ha gia' soldi per COMPRARE i dati degli utenti.Le aziende di telefonia li venderanno (SeatPagineGialle lo fa adesso senza autorizzazione) ed i partiti politici piu' "ricchi" potranno permettersi qualsiasi campagna elettorale.Chi rimarra fuori saranno sempre i piu' poveri e i non potenti!
      • Anonimo scrive:
        Re: ADUC incomprensibile
        - Scritto da: Francesco D'Ambrosio
        - Scritto da: Marco Calvo

        Davvero strana questa associazione degli

        utenti che invece di difendere gli utenti,

        difende partiti politici e aziende che
        fanno

        un uso distorto di Internet.

        Difende le aziende ed i partiti? Tutto il
        contrario! Con questa legge chi ci
        guadagnera' sara' chi ha gia' soldi per
        COMPRARE i dati degli utenti.Ma comprare i dati per farne cosa se NON possono mandare email agli utenti!??!!La legge dovrebbe parlare chiaro.
        Le aziende di telefonia li venderanno
        (SeatPagineGialle lo fa adesso senza
        autorizzazione) ed i partiti politici piu'
        "ricchi" potranno permettersi qualsiasi
        campagna elettorale.
        Chi rimarra fuori saranno sempre i piu'
        poveri e i non potenti!E` la legge del capitalismo. Non e` colpa tua, tantomai mia ma e` cosi.Autorizzare le email ai movimenti poveri sarebbe giusto? Spammare puo` anche chi i soldi ce li ha e in questo caso risparmia ;-)))
        • Anonimo scrive:
          Re: ADUC incomprensibile
          - Scritto da: Roberto
          Ma comprare i dati per farne cosa se NON
          possono mandare email agli utenti!??!!
          La legge dovrebbe parlare chiaro.Eh si', possono possono. Le grande aziende hanno le autorizzazioni di quasi tutti gli italiani ad inviare loro email, posta tradizionale e quant'altro. Era studiato a tavolino...prima raccolgono le autorizzazioni e poi le vietano a chi non le ha. Semplice no?
          E` la legge del capitalismo. Non e` colpa
          tua, tantomai mia ma e` cosi.No caro...non capitalismo ma libera concorrenza. Se chi non ha i soldi non potra' piu' nascere dal nulla sara' solo in favore dei gia' presenti OLIGOPOLI. Che odio ancor piu' di un monopolio.
          Autorizzare le email ai movimenti poveri
          sarebbe giusto? Spammare puo` anche chi i
          soldi ce li ha e in questo caso risparmia
          ;-)))Qui si parla del nostro futuro di liberta'...ma possibile che non vi rendiate conto che stanno, PIANO PIANO, intaccando la liberta' che ERA presente nella rete?** Vi ricordo che l'Autorita' se ne fotte degli utenti. L'Autorita' e' d'accordo su quello che fa SeatPagineGialle: vende i profili di 20.000.000 di famiglie SENZA AUTORIZZAZIONE!
    • Anonimo scrive:
      Re: ADUC incomprensibile

      Davvero strana questa associazione degli
      utenti che invece di difendere gli utenti,
      difende partiti politici e aziende che fanno
      un uso distorto di Internet.Chiaramente i padrini politici e economici di questa assoc.. assoc..oddio non ci riesco a chiamarla associazione di difesa consumatori ;-)abitano dalle parti del partito radicale.
      • Anonimo scrive:
        Re: ADUC incomprensibile
        Spamming: oligopoli contro libera concorrenza "Di quando in quando, noi o i nostri selezionati partners potremo contattarti per offrirti interessanti proposte commerciali. Barra questa casella solo se intendi rinunciare a questa vantaggiosa opportunità". Immaginate se la dicitura di legge suonasse invece così: "La ns. società inserisce il tuo nominativo in un database relazionale, eventualmente collegato a quello di altre società. Di conseguenza siamo in grado di disegnare con esattezza il tuo profilo commerciale ..." Difatti, solo una minoranza barra la casellina. Spamming? è una lotta degli oligopoli - l'unica cosa peggiore del monopolio - contro la libera concorrenza, contro il libero mercato e contro la libertà. Se si affermerà il proibizionismo sull'e-mail, il risultato sarà che la possibilità di inviare e-mail commerciali sarà riservato alle società più grosse (conglomerati Tlc-Tv, banche-assicurazioni, fornitrici di servizi pubblici essenziali: acqua, luce, gas) e tutti gli altri dovranno pagare o saranno fuorilegge.Senza escludere, in prospettiva, la pura e semplice riduzione a zero dei servizi di posta tradizionale e la conseguente tassazione dei servizi di posta elettronica, magari gestiti da una singola Authority sovranazionale. Ha scritto Francesco D'Ambrosio: "E-mail politiche vietate? I partiti con piu' soldi non avranno problemi mentre chi ci rimettera' sara'il povero utente ed il partito senza una lira... Mentre Seat Pagine Gialle vende SENZA AUTORIZZAZIONE i dati degli abbonati al telefono precedenti il '96.". D'accordo.--G.akaMrB.ps. per chiarezza e conoscenza, sono un radicale...
        • Anonimo scrive:
          Re: ADUC incomprensibile

          Mentre Seat Pagine Gialle vende SENZA
          AUTORIZZAZIONE i dati degli abbonati al
          telefono precedenti il '96.". D'accordo.Io chiedo solo che non mi si venga a rompere le P***E in email per vendermi roba...fossero assorbenti per signora o programmi di partiti politici!Se ho bisogno delle suddette info me le vado a cercare da me, non ho bisogno che qualcuno me le mandi, anche perche' in tal caso cestino lo spam senza neanche leggerlo.
          ps. per chiarezza e conoscenza, sono un
          radicale... Scusa la battuta, ma.. si era capito.E per quanto riguarda quella cosa chiamata ADUC,trovo squallido e irritante rovesciare la frittata trasformando la difesa dallo spam in fenomeno liberticida.
      • Anonimo scrive:
        Re: ADUC incomprensibile
        - Scritto da: *.*
        Chiaramente i padrini politici e economici
        di questa assoc.. assoc..
        oddio non ci riesco a chiamarla associazione
        di difesa consumatori ;-)
        abitano dalle parti del partito radicale.il fatto che non ti firmi e' gia' il segno della tua civilta'...ma ciascuno in fondo si esprime sempre dando il meglio di se' ;-)quando avrai voglia e tempo ci raccontenterai la storia dei padrini, perche' non e' male, davvero!ma fossi in te entrerei nel merito delle argomentazioni che abbiamo portato e forse la conversazione si farebbe piu' interessante....
        • Anonimo scrive:
          Re: ADUC incomprensibile

          il fatto che non ti firmi e' gia' il segno
          della tua civilta'...
          ma ciascuno in fondo si esprime sempre dando
          il meglio di se' ;-)Se mi passi la battuta..e' per evitare di essere spammato da enti come il vostro ;-)
          quando avrai voglia e tempo ci
          raccontenterai la storia dei padrini,
          perche' non e' male, davvero!
          ma fossi in te entrerei nel merito delle
          argomentazioni che abbiamo portato e forse
          la conversazione si farebbe piu'
          interessante....C'e' poco da argomentare...avete scelto di difendere l'indifendibile,ovvero di appoggiare la decisione del partito radicale di spammare in rete..capisco che il garante abbia rotto le uova nel paniere di chi aveva progettato uno sbarco in grande stile sulla rete (parole di bonino e pannella di qualche mese fa.. vedi che non parlo completamente a vanvera? ;-)Puoi vedere da te quale accoglienza hanno ricevuto le vostre argomentazioni su questo forum..Cordialmente..*.* (senza email ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: ADUC incomprensibile
      provo a spiegare la posizione dell'Aduc, inserendo per esteso il comunicato stampa:COME UCCIDERE LA POSTA ELETTRONICACI STA PROVANDO IL GARANTE DELLA PRIVACYFirenze, 8 Febbraio 2001. Il Garante per la privacy ha stabilito che la stessa sarebbe violata se qualcuno utilizza a fini di comunicazione politica indirizzi E-mail che ha reperito sulla Rete, pur se rilevati in luoghi di pubblica frequentazione. Secondo l'Autorita' per inviare questi messaggi occorrerebbe il consenso degli interessati.Interviene il presidente dell'Aduc, Vincenzo Donvito.Abbiamo piu' volte sostenuto che la legge sulla Privacy, oltre a stabilire il diritto del livello superiore (lo Stato) a fare cio' che vuole dei dati dei suoi amministrati, ha messo i privati nelle condizioni dei polli di Renzo di manzoniana memoria: scannatevi tra di voi, tanto qualcuno ha gia' deciso la vostra sorte e vi sta conducendo verso essa.E la decisione odierna dell'Autorita' rientra in questa logica, perche' apre la guerra tra privati gia' condannati, lasciando inalterato lo Stato a svolgere il suo permanente spamming (anche se ora, per evidenti ritardi tecnologici, lo Stato non lo fa in Rete, ma solo con la piu' tradizionale posta: c'e' qualcuno che non abbia ricevuto quelle lettere minatorie dell'Urar per la sua presupposta convinzione che il fatto di esistere e' legato al possesso di una tv e quindi scatterebbe l'obbligo di pagare quella tassa che continuano a chiamare canone o abbonamento?).Si vuole ammazzare la posta elettronica: questo e' quello che sta succedendo. E non escludiamo che sia il primo passo per una tassazione unitaria della stessa. E' evidente che anche noi siamo contrari allo spamming, ma non lo mettiamo in pratica nell'unico modo in cui e' possibile senza ammazzare lo strumento: l'autoregolamentazione e, solo in caso di non cancellazione dagli elenchi dopo un'ingiunzione, la richiesta di intervento dell'Autorita' della Privacy che, a nostro avviso, dovrebbe duramente sanzionare chi non vi ottempera.Invece l'Autorita' ha deciso che, senza neanche tanto forzare i termini della questione, per esempio, non si puo' piu' mettere la pubblicita' in cassetta, e che, prima di farlo, bisognerebbe mandare una lettera in cui si chiede il permesso: essere pubblicamente in Rete, a nostro avviso, equivale a mettere una cassetta della posta davanti all'ingresso della propria abitazione. Sulle cassette -sempre piu' frequentemente- compaiono degli avvisi per il non gradimento della pubblicita', ma non c'e' legge che vieti di continuare a metterla, salvo quella del mercato che, giustamente, invoglierebbe la "vittima" a non comprare i prodotti di cui subisce la violenza pubblicitaria. Invece il Garante, questa legge la vuole mettere in Rete.Capiamo la logica che ispira l'Autorita', che e' quella che i data-base promozionali devono contenere elenchi di persone che hanno autorizzato il trattamento dei loro dati anche per quella funzione (e' il consenso che, per esempio, diamo obbligatoriamente in banca altrimenti non ci aprono il conto corrente ?.), ma, sia perche' la questione e' regolamentata con un pesante vantaggio per chi ha servizi che gestisce in regime di monopolio/cartello (l'esempio della banca e' calzante), e, inoltre -e' bene ricordarlo- non riguarda la pubblica amministrazione, non capiamo perche' in Rete, dove l'E-mail e' la regina del contatto, non si debba favorire lo stesso: a maggior ragione se si considera che, in termini tecnici, la cancellazione da questi elenchi, dopo il primo invio non gradito, e' un click col mouse sulla casella "reply" del programma di posta elettronica e, qualche volta, con l'aggiunta della parola "remove" (cosa ben diversa dalla lettera, magari anche raccomandata A/R, che bisogna inviare nel caso della posta tradizionale).Insomma, il problema e' che la legge italiana sulla Privacy, fra i tanti difetti gia' elencati, ha anche quello di non essere stata concepita pensando all'irrompere gigantesco della comunicazione via Internet nella vita dei privati, e qui sta mostrando tutte le sue debolezze e astrusita'. Il Garante invece di riconoscere il problema, ha preferito mostrare la mascella dura della legge, col risultato che spiana la situazione alla morte dell'E-mail.
    • Anonimo scrive:
      Re: ADUC incomprensibile
      Calvo di nome e di fatto, secondo me... Ma hai letto quello che scrivi? Informati prima di dire certe cazzate!!Sei un altro prezzolato che si riempie la bocca di cazzate... - Scritto da: Marco Calvo
      Davvero strana questa associazione degli
      utenti che invece di difendere gli utenti,
      difende partiti politici e aziende che fanno
      un uso distorto di Internet.

      Secondo l'ADUC combattere lo spam "spiana la
      strada alla morte dell'E-mail"... ci vuole
      tanto a capire che è vero esattamente il
      contrario? Che è la massa crescente di posta
      spazzatura che si riceve ad uccidere
      l'e-mail?

      Povera Italia che si ritrova queste
      associazioni degli utenti...
  • Anonimo scrive:
    Anche Telecom ...
    Voglio raccontare una cosa che mi è successa. Tempo fa ho "ridomiciliato" le mie linee telefoniche dell'ufficio a casa mia. Sono stato contattato da una signorina di un'azienda che vende computer, la quale, quando le ho detto di essere interessato all'offerta mi ha chiesto di "verificare" il mio indirizzo per inviarmi il materiale: sorpresa, la singorina aveva già l'indirizzo di casa mia, associato al numero di telefono della mia ditta, sulla cui ragione sociale appare però l'indirizzo della sede legale. L'indirizzo in suo possesso era quello che avevo indicato a Telecom per farmi spedire le bollette, nessun altro poteva associare quell'indirizzo a quel numero di telefono! Ovviamente quando le ho chiesto come avesse avuto il mio nominativo ha fatto una melina incredibile ... Inquietante!
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche Telecom ...
      - Scritto da: Andrea
      Voglio raccontare una cosa che mi è[...]
      successa. Tempo fa ho "ridomiciliato" le
      avuto il mio nominativo ha fatto una melina
      incredibile ... Inquietante!E io cosa sto dicendo da molto tempo? La Telecom-SeatPagineGialle VENDE i dati dei propri utenti senza autorizzazione! Praticamente i tuoi dati sono stati venduti, ci hanno fatto un bel guadagno e tu non ne sai nulla!
      • Anonimo scrive:
        Re: Anche Telecom ...
        - Scritto da: Francesco D'Ambrosio
        - Scritto da: Andrea

        Voglio raccontare una cosa che mi $B!&(B
        [...]

        successa. Tempo fa ho "ridomiciliato" le

        avuto il mio nominativo ha fatto una
        melina

        incredibile ... Inquietante!

        E io cosa sto dicendo da molto tempo? La
        Telecom-SeatPagineGialle VENDE i dati dei
        propri utenti senza autorizzazione!
        Praticamente i tuoi dati sono stati venduti,
        ci hanno fatto un bel guadagno e tu non ne
        sai nulla!Io credo che la signorina abbia aperto il volume di SeatPagineGialle e abbia cercato indirizzi di potenziali clienti e li abbia trascritti. Semplice vero?
        • Anonimo scrive:
          Re: Anche Telecom ...
          - Scritto da: Roberto
          Io credo che la signorina abbia aperto il
          volume di SeatPagineGialle e abbia cercato
          indirizzi di potenziali clienti e li abbia
          trascritti. Semplice vero?E' una possibilita', ma la SeatPagineGialle VENDE ricerche tramite i profili dei propri "utenti"!
      • Anonimo scrive:
        Re: Anche Telecom ...
        La linea telefonica di cui parlo è stata attivata nel '99, non dovevano poter fare i cazzi loro solo coi numeri registrati prima del '96? E poi vista la velocità con cui hanno aggiornato i miei dati, ho quasi il sospetto che peschino DIRETTAMENTE nel DB di Telecom!-
        E io cosa sto dicendo da molto tempo? La
        Telecom-SeatPagineGialle VENDE i dati dei
        propri utenti senza autorizzazione!
        Praticamente i tuoi dati sono stati venduti,
        ci hanno fatto un bel guadagno e tu non ne
        sai nulla!
        • Anonimo scrive:
          Re: Anche Telecom ...
          - Scritto da: Andrea
          La linea telefonica di cui parlo è stata
          attivata nel '99, non dovevano poter fare i
          cazzi loro solo coi numeri registrati prima
          del '96? E poi vista la velocità con cui
          hanno aggiornato i miei dati, ho quasi il
          sospetto che peschino DIRETTAMENTE nel DB di
          Telecom!Non saprei, potrebbe essere stato fatto tutto fuorilegge. Nella telefonia c'e' una giungla per gli utenti, altro che spam!!! Ed informazione ed istituzioni stanno al gioco!!! Ladri!
  • Anonimo scrive:
    Complimenti vivissimi al garante
    Ecco finalmente una cosa buona...Personalmente non ho mai ricevuto spam sulla mia casella di posta elettronica, men che meno quello politico effettuato dalla lista bonino. Personalmente mi avrebbe mandato in bestia ricevere spam politico, ancor piu' se inviata da una formazione politica che detesto in maniera viscerale. Non comprendo l' affermazione dell' ADUC "secondo cui il Garante sta uccidendo la posta elettronica" penso invece che stia proteggendo un sistema di comunicazione che assumera' un' importanza sempre maggiore..Vorrei vedere voi dover scaricare centinaia di messaggi sulla vostra casella di posta, che magari utilizzate per lavoro....Bravo Garante ha fatto bene!
    • Anonimo scrive:
      Re: Complimenti vivissimi al garante
      - Scritto da: Marco
      Ecco finalmente una cosa
      buona...Personalmente non ho mai ricevuto[...]
      di posta, che magari utilizzate per
      lavoro....Bravo Garante ha fatto bene!E questi mitici 100 spammer non si renderebbero conto che la loro posta non verrebbe letta? Hai piu' visto Spam della Bonino? Un motivo ci sara'.E cmq l'email e' alla sua svolta: si passa da mezzo di comunicazione a mezzo della newEconomy (quindi la sua morte)
      • Anonimo scrive:
        Re: Complimenti vivissimi al garante

        E cmq l'email e' alla sua svolta: si passa
        da mezzo di comunicazione a mezzo della
        newEconomy (quindi la sua morte)Ma non diciamo baggianate da apocalittici!!!La lettera e' forse morta come mezzo di comunicazione della old-economy?Perche' proteggere i cittadini dallo spam selvaggio dovrebbe equivalere alla morte del mezzo?Ma io mi chiedo dove andate a pescarle certe teorie sociologiche...
  • Anonimo scrive:
    ben fatto!
    ben fatto!
  • Anonimo scrive:
    C'è un forum a tema libero
    Avete visto che bel regalo ci ha fatto Punto?c'è un forum a tema liberoa me piace molto
  • Anonimo scrive:
    spiana la strada alla morte dell'E-mail
    "col risultato che spiana la strada alla morte dell'E-mail"Ma daiiiii... Contro lo spam DEVONO essere intraprese azioni di forza! Non serve ciarlatanare e "riconoscere il problema". Mi sembra che l'Authority lo abbia riconosciuto e abbia poi REAGITO di conseguenza! Meno male che a qualcosa serve!Michele
    • Anonimo scrive:
      Re: spiana la strada alla morte dell'E-mail
      - Scritto da: Michele
      Ma daiiiii... Contro lo spam DEVONO essere
      intraprese azioni di forza! Non serve
      ciarlatanare e "riconoscere il problema". Mi
      sembra che l'Authority lo abbia riconosciuto
      e abbia poi REAGITO di conseguenza! Meno
      male che a qualcosa serve!A cosa serve questa "legge"? Le aziende italiane dovranno pagare AI LADRI italiani i dati degli italiani. Ma lo spam dall'estero arrivera' lo stesso, con la conseguenza che le nostre aziende si sposteranno, anche virtualmente, presso server e siti stranieri.Non dimenticare che la legge italiana, con la complicita' di QUESTA Authority, permette alla SeatPagineGialle di VENDERE i dati (con profili) di 20.000.000 di italiani SENZA AVERNE L'AUTORIZZAZIONE. E notate bene: e' una legge fatta ad hoc per loro.Come mai adesso ha questa paterna attenzione per gli utenti?
      • Anonimo scrive:
        Re: spiana la strada alla morte dell'E-mail

        Non dimenticare che la legge italiana, con
        la complicita' di QUESTA Authority, permette
        alla SeatPagineGialle bla bla blaSi abbiamo capito, incominci a rompere con 'sta cosa, tanto nessuno ti ha proprosto di andare in piazza, abbiam capito che ti rode, ma smettila altrimenti lo riteniamo spamming!
        • Anonimo scrive:
          Re: spiana la strada alla morte dell'E-mail
          - Scritto da: Keper
          Si abbiamo capito, incominci a rompere con
          'sta cosa, tanto nessuno ti ha proprosto di
          andare in piazza, abbiam capito che ti rode,
          ma smettila altrimenti lo riteniamo
          spamming!"ti rode"? Non so quanti hanni hai tu, ma avrai un telefono fisso. Se l'hai attivato prima del '96 i TOUI dati ( o dell'intestatario) sono VENDUTI dalla SeatPagineGialle senza l'autorizzazione dell'intestatario della linea!!! E per dei profili prendono una marea di soldi!!!E' SPAM? DENUNCIAMI!
      • Anonimo scrive:
        Re: spiana la strada alla morte dell'E-mail

        A cosa serve questa "legge"? Le aziende
        italiane dovranno pagare AI LADRI italiani i
        dati degli italiani. Ma lo spam dall'estero
        arrivera' lo stesso, con la conseguenza che
        le nostre aziende si sposteranno, anche
        virtualmente, presso server e siti
        stranieri.Ma l'hai letta la legge 675/96? La legge si applica anche ai dati raccolti in Italia e poi esportati su server esteri (art.28). Se il server è fuori dalla UE occorre la preventiva notifica al Garante.
        Le aziende di telefonia li venderanno
        ed i partiti politici piu' "ricchi"
        potranno permettersi qualsiasi campagna
        elettorale.Non nella mia e-mail. Non al mio telefono. Chi paga può solo sapere il mio numero e dove abito, ma non ha ottenuto il consenso a innondarmi di spazzatura come hanno fatto i radicali.
        Chi rimarra fuori saranno sempre i piu'
        poveri e i non potenti!Non tengo a farmi rappresentare da un povero, ma da persone competenti in grado di comprendere le pieghe dell'attuale legislazione e, possibilmente, cambiarla in meglio. La Bonino sapeva benissimo a cosa sarebbe andata incontro e lo ha fatto *coscientemente* per poter mandare avanti i suoi scagnozzi a gridare alla censura. Non cascarci anche tu.
  • Anonimo scrive:
    Sì, ma cosa è spam?
    Le solite leggine italiane: e dallo spam che arriva dall'estero come ci si difende? Hanno bloccato la Bonino, sai che vittoria...Il lato buono della legge è che riguarda qualsiasi comunicazione, quindi suppongo che dalla sua attuazione non dovrei più vedere messaggi, italiani, di catene di san Francesco, sesso gratis e vendita di telefonini.Una cosa non ho capito: quali sono le sanzioni e come ci si può difendere da uno spammatore italiano?E ancora: chi determina cosa è spam? Un programma di Natale od un filmato divertente spediti a colleghi od amici sono spam? E se mi spediscono un messaggio indesiderato che io considero spam, ma che invece nelle intenzioni dell'autore non lo è, perchè magari è una richiesta di soldi per un malato terminale, cosa succede?Di nuovo, quali sono i temrini per definire un mailing "spam"?
    • Anonimo scrive:
      Re: Sì, ma cosa è spam?
      normalmente viene definito spam un invio di email uguali non personali a indirizzi multipli che non hanno richiesto di riceverla- Scritto da: enrico ferrari
      Le solite leggine italiane: e dallo spam che
      arriva dall'estero come ci si difende? Hanno
      bloccato la Bonino, sai che vittoria...
      Il lato buono della legge è che riguarda
      qualsiasi comunicazione, quindi suppongo che
      dalla sua attuazione non dovrei più vedere
      messaggi, italiani, di catene di san
      Francesco, sesso gratis e vendita di
      telefonini.
      Una cosa non ho capito: quali sono le
      sanzioni e come ci si può difendere da uno
      spammatore italiano?
      E ancora: chi determina cosa è spam? Un
      programma di Natale od un filmato divertente
      spediti a colleghi od amici sono spam? E se
      mi spediscono un messaggio indesiderato che
      io considero spam, ma che invece nelle
      intenzioni dell'autore non lo è, perchè
      magari è una richiesta di soldi per un
      malato terminale, cosa succede?
      Di nuovo, quali sono i temrini per definire
      un mailing "spam"?
      • Anonimo scrive:
        Re: Sì, ma cosa è spam?
        - Scritto da: spammatore
        normalmente viene definito spam un invio di
        email uguali non personali a indirizzi
        multipli che non hanno richiesto di
        riceverla"non personale"...cosa intendi per personale?Un'email confidenziale inviata a 100 persone e' non personale?E se io invio un'email a dei miei amici che decidono di farmi andare in galera? Per loro basta dire che e' spam e che io non avevo la loro autorizzazione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sì, ma cosa è spam?
      Come in tutte le umane vicende i CONFINI ESATTI dello spamming credo siano veramente ardui da indicare; ti posso dire cosa SICURAMENTE è spamming:-inviare una mail ad una lista più o meno estesa di indirizzi tramite un mail server CHE NON SIA IL TUO (pratica molto amata dagli spammer professionali). Un comportamento del genere è automaticamente classificabile come spammig... per darti un'idea, è come se, trovando una porta aperta, entrassi in casa e utilizzassi il telefono che trovi lì per farti i c...i tuoi, non so se mi spiego.-inviare mail a destinatari palesemente non interessati all'argomento pubblicizzato; ad esempio (come è successo) una mail pubblicizzante prodotti tipici siciliani inviata ad una mailing list riguardante la configurazione del kernel di Linux è palesemente spamming, anche se inviata una volta sola (tanto poi viene automaticamente inviata a tutti gli iscritti alla mailing list... A proposito, non puoi immaginare i commenti successivi degli iscritti).-falsificare l'indirizzo del mittente (altra pratica molto in voga)-inserire un falso indirizzo per l'unsubscribe (la cancellazione) dall'elenco dei destinatari: spesso trovi la dicitura "se non volete più ricevere questa mail notificatelo a ihdbjba@kttx.com", dove non solo ihdbjba ma anche kttx.com non esistono nè sono mai esistiti-la mancanza di altri recapiti del mittente (nome, indirizzo, ecc...) se non un numero telefonico verde o no (preferibilmente no, in genere facente capo a qualche call center internazionale di una azienda multiservizi)Queste sono le caratteristiche tipiche dello spamming. Se eviti di fare queste cose, ti posso garantire che sarà alquanto difficile che qualcuno ti possa accusare di spamming.- Scritto da: enrico ferrari
      Di nuovo, quali sono i temrini per definire
      un mailing "spam"?
      • Anonimo scrive:
        Re: Sì, ma cosa è spam? - Elementare, Watson!!

        enrico ferrari:
        Di nuovo, quali sono i temrini per definire
        un mailing "spam"?La definizione di spam e' molto semplice:1)_qualunque_ messaggio di _qualunque_ argomento inviato da sconosciuti ad un indirizzo privato2)_qualunque_ messaggio di argomento _estraneo_ inviato ad un ng o una ml insomma lo stesso criterio che adotta chiunque di noi nel controllare la posta cartacea, a casae in ufficio e' indesiderata e fastidiosa lapubblicita' (dal detersivo all'onorevole), lefalse richieste di midollo osseo o il metodo per fare i miliardi allevando cavallette, in ufficio tutta la posta estranea alla nostra attivita' se ci occorrono informazioni sulle pentole, sul programma di bonino o sui preservativi siamo grandi, vaccinati e capaci di chiederlePaolo
        • Anonimo scrive:
          Re: Sì, ma cosa è spam? - Elementare, Watson!!
          - Scritto da: Paolo

          enrico ferrari:

          Di nuovo, quali sono i temrini per definire

          un mailing "spam"?

          La definizione di spam e' molto semplice:

          1)_qualunque_ messaggio di _qualunque_
          argomento
          inviato da sconosciuti ad un indirizzo
          privato

          2)_qualunque_ messaggio di argomento
          _estraneo_
          inviato ad un ng o una ml

          insomma lo stesso criterio che adotta
          chiunque
          di noi nel controllare la posta cartacea, a
          casa
          e in ufficio e' indesiderata e fastidiosa la
          pubblicita' (dal detersivo all'onorevole), le
          false richieste di midollo osseo o il metodo
          per
          fare i miliardi allevando cavallette, in
          ufficio
          tutta la posta estranea alla nostra attivita'

          se ci occorrono informazioni sulle pentole,
          sul programma di bonino o sui preservativi
          siamo grandi, vaccinati e capaci di
          chiederle

          PaoloFinalmente uno che ha spiegato bene, comunque da parte mia, lo spamming, non lo ritengo un problema, per quanto riguarda la posta elettronica la cancello e basta, per la posta cartacea, mi fa anche comodo riceverla, mi accendo il fuoco nella stuffa d'inverno, avvanzo cosi di comprarmi "diavolina" o accendi fuoco del genere, al telefono, se è una signorina o signora (tanto cosa me ne frega), gli chiedo un appun tamento per il sabbato sera,....la maggior parte delle volte mi mettono giù il telefono loro!!! Chissa perchè!!!Piccole soluzioni per rimediare al problema spamming.Ciao a tuttiErio
  • Anonimo scrive:
    Nomi ed indirizzi gratis? Eccoli, grazie a Rodota'
    E' sufficiente andare al Comunee chiedere di consultare le liste elettoraliche sono disponibili a tutti.E' possibile facilmente in questo modosapere data di nascita ed indirizzodi milioni di famiglie.Tempo fa sulla RAI hanno denunciato questoscandalo. Le telecamere ripresero una ragazzache stava tranquillamente trascrivendogli indirizzi a mano, per una banca. Alla ovvia domanda:"Scusi ma e' legale quello che sta facendo?""Certamente.""Per chi lo sta facendo?""Per una nota banca.""Si puo' sapere quale sia?""No, mi dispiace, non sono autorizzata a dirlo."PS-------------Re: PRIVACY:Nomi ed indirizzi gratis? Eccoli! di Francesco D'Ambrosio(fdambrosio[at]mac.com) del 09/02/01 (10:32)Quessto ci e' stato riferito a Brixelles direttamente da Rodota', che ssembrava esserne orgoglioso. I dati di dominio pubblico, diceva, sono disponibili a tutti e quindi ci si puo' fare cio' che si vuole. Per le eMail non vale?Forse perche' il business gia' e' stato organizzato al meglio?A Bologna sono stati chiesti 100 MILIONI per i dati di tutti i residenti di Bologna. Ovviamente i residenti non sanno nulla di quessta vendita fraudolenta da parte dello Stato.E non dimenticate SeatPagineGialle, che senza autorizzazione vende i dati di circa 20milioni di italiani (tutti gli abbonati alla Telecom prima del '96)
    • Anonimo scrive:
      Re: Nomi ed indirizzi gratis? Eccoli, grazie a Rodota'
      Il problema, torno a dire, è che è consentito ancora commerciare dati privati.
      • Anonimo scrive:
        Re: Nomi ed indirizzi gratis? Eccoli, grazie a Rodota'
        - Scritto da: Chicco
        Il problema, torno a dire, è che è
        consentito ancora commerciare dati privati.E questo e' permesso dalla legge italia e dall'Auorita' che adesso vuole apparire come la salva-rete per eccellenza.Ricorda che questa legge portera' alla totale obbligatorieta' nell'acquistare dalle grandi aziende (provider nazionali: tiscali, infostrada, telecom) gli indirizzi ed i profili degli italiani. La posta arrivera' lo stesso, ma per comunicare bisognera' pagare...bella sotira no?
        • Anonimo scrive:
          Re: Nomi ed indirizzi gratis? Eccoli, grazie a Rodota'
          Tanto per cambiare tutto a favore dei grandi "pseudo-industriali", camuffando tutto come servizio agli utenti indifesi che da bravi peroni possono star tranquilli e dormire beatamente tanto c'è una legge, un ministro o unaauthority che li protegge!! Invece di farci continuamente regolamentare anche la colazione perchè non cerchiamo di svegliarci ed autotutelarci invece di chiedere che siano targate anche le bici ...quando lo stato da regole lo va solo a favore dei poteri forti!! - Scritto da: Francesco D'Ambrosio
          - Scritto da: Chicco

          Il problema, torno a dire, è che è

          consentito ancora commerciare dati
          privati.

          E questo e' permesso dalla legge italia e
          dall'Auorita' che adesso vuole apparire come
          la salva-rete per eccellenza.
          Ricorda che questa legge portera' alla
          totale obbligatorieta' nell'acquistare dalle
          grandi aziende (provider nazionali: tiscali,
          infostrada, telecom) gli indirizzi ed i
          profili degli italiani. La posta arrivera'
          lo stesso, ma per comunicare bisognera'
          pagare...bella sotira no?
        • Anonimo scrive:
          Re: Nomi ed indirizzi gratis? Eccoli, grazie a Rodota'
          - Scritto da: Francesco D'Ambrosio
          - Scritto da: Chicco

          Il problema, torno a dire, è che è

          consentito ancora commerciare dati
          privati.

          E questo e' permesso dalla legge italia e
          dall'Auorita' che adesso vuole apparire come
          la salva-rete per eccellenza.Ma secondo te è guisto? No perché voi radicali siete sempre stati attenti ad apparire pregni di uno spirito critico autentico. In questa storia dello spam (almeno) pare proprio che non sapetre nemmeno cosa sia lo "spirito critico" (e non è un fantasma).
          Ricorda che questa legge portera' alla
          totale obbligatorieta' nell'acquistare dalle
          grandi aziende (provider nazionali: tiscali,
          infostrada, telecom) gli indirizzi ed i
          profili degli italiani. La posta arrivera'
          lo stesso, ma per comunicare bisognera'
          pagare...bella sotira no?Dici eresie.
          • Anonimo scrive:
            Re: Nomi ed indirizzi gratis? Eccoli, grazie a Rod
            - Scritto da: Chicco
            Ma secondo te è guisto? No perché voi
            radicali siete sempre stati attenti ad
            apparire pregni di uno spirito critico
            autentico. In questa storia dello spam
            (almeno) pare proprio che non sapetre
            nemmeno cosa sia lo "spirito critico" (e non
            è un fantasma)."voi radicali" e' termine non adatto. Io non sono qui a rappresentare nessuno se non me stesso.E cmq dov'e' che mi manca lo spirito critico?La pensiamo in maniera diversa, vabbe', capita.

            Ricorda che questa legge portera' alla

            totale obbligatorieta' nell'acquistare
            dalle

            grandi aziende (provider nazionali:
            tiscali,

            infostrada, telecom) gli indirizzi ed i

            profili degli italiani. La posta arrivera'

            lo stesso, ma per comunicare bisognera'

            pagare...bella sotira no?

            Dici eresie.No, faccio accuse ben precise. Dimostra che non e' cosi'...
        • Anonimo scrive:
          Re: Nomi ed indirizzi gratis? Eccoli, grazie a Rodota'
          - Scritto da: Francesco D'Ambrosio
          - Scritto da: Chicco

          Il problema, torno a dire, $B!&(Bche $B!&(B

          consentito ancora commerciare dati
          privati.

          E questo e' permesso dalla legge italia e
          dall'Auorita' che adesso vuole apparire come
          la salva-rete per eccellenza.
          Ricorda che questa legge portera' alla
          totale obbligatorieta' nell'acquistare dalle
          grandi aziende (provider nazionali: tiscali,
          infostrada, telecom) gli indirizzi ed i
          profili degli italiani. La posta arrivera'
          lo stesso, ma per comunicare bisognera'
          pagare...bella sotira no?Sono all` oscuro di questa storia.Come sarebbe che grandi aziende dovranno acquistare gli indirizzi? Anche acquistandoli non gli autorizza a mandare email in giro, no?Se il garante decide che lo spam non puo` essere fatto, non vedo che differenza c`e` in che modo si sia arrivati a indirizzi email.Come detto, saro` all` oscuro di certi punti, mah
          • Anonimo scrive:
            Re: Nomi ed indirizzi gratis? Eccoli, grazie a Rod
            - Scritto da: Roberto
            Sono all` oscuro di questa storia.
            Come sarebbe che grandi aziende dovranno
            acquistare gli indirizzi? Anche
            acquistandoli non gli autorizza a mandare
            email in giro, no?
            Se il garante decide che lo spam non puo`
            essere fatto, non vedo che differenza c`e`
            in che modo si sia arrivati a indirizzi
            email.
            Come detto, saro` all` oscuro di certi
            punti, mahCerco di darti qualche spunto di riflessione in piu'.Quasi tutti i navigatori hanno un abbonamento "free" con i vari Tiscalinet, Libero, Clubnet, etc.Stipulando il contratto con loro, dai i tuoi dati in gestione a quelle societa'. Loro avranno la possibilita' di rivendere i tuoi dati e di farti inviare quanta pubblicita' vogliono. Non sara' spam perche' la vendita dei tuoi dati l'hai autorizzata.Cio' che e' Spam e' quello che fa SeatPagineGialle, che VENDE senza autorizzazione i dati degli italiani intestatari di una linea telefonica attivata prima del '96.
  • Anonimo scrive:
    Viva la Bonino
    che ha sollevato il problema e ha spiegato il suo programma utilizzando un nuovo strumento di comunicazione.preferisco 1000 e-mail a mille volantini nella cassetta della posta....Noto per inciso che quando mi iscrivo ad una mailing, autorizzo o meno la diffusione del mio indirizzo, e quindi accetto o meno il rischio dello spamm.Esistono anche i filtri per difendersi.Cerchiamo di non invocare aiuto per ogni cazzata altrimenti finiremo per legittimare quei cazzoni che stanno tentando di burocratizzare, controllare, imbavagliare,. ect.. internet ( cfr.http://www.interlex.it/)
    • Anonimo scrive:
      Re: Viva la Bonino

      preferisco 1000 e-mail a mille volantini
      nella cassetta della posta....TU!Ma tutti gli altri che usano seriamente la posta elettronica non di certo.T^
    • Anonimo scrive:
      Re: Viva la Bonino
      - Scritto da: epifanio
      che ha sollevato il problema e ha spiegato
      il suo programma utilizzando un nuovo
      strumento di comunicazione.

      preferisco 1000 e-mail a mille volantini
      nella cassetta della posta....

      Noto per inciso che quando mi iscrivo ad una
      mailing, autorizzo o meno la diffusione
      del mio indirizzo, e quindi accetto o meno
      il rischio dello spamm.
      Esistono anche i filtri per difendersi.
      Cerchiamo di non invocare aiuto per ogni
      cazzata altrimenti finiremo per legittimare
      quei cazzoni che stanno tentando di
      burocratizzare, controllare, imbavagliare,.
      ect.. internet ( cfr.
      http://www.interlex.it/) NO ! Quando mi iscrivo ad una mailing non lo faccio perche' accetto lo spamming, che non ha niente a che vedere con la mailing.I filtri sono come le porte blindate: il fatto che esistano non autorizzano i furti negli appartamenti.Se tu preferisci 1000 email a 1000 volantini sono fatti tuoi. Io francamente odio entrambi. Solo che i volantini non li pago io, mentre lo spamming, quando scarico i messaggi, si.I tentativi di imbavagliare internet sono fatti per altri scopi e non per bloccare lo spamming, il quale infatti, fino ad ora almeno, non e' stato mai condannato a livello politico.
      • Anonimo scrive:
        Re: Viva la Bonino
        - Scritto da: Stefano
        I tentativi di imbavagliare internet sono
        fatti per altri scopi e non per bloccare lo
        spamming, il quale infatti, fino ad ora
        almeno, non e' stato mai condannato a
        livello politico.Parti da un presupposto sbagliato. Lo spamming e' solo la scusante per portare avanti la loro legislazione atta a controllare la rete.
        • Anonimo scrive:
          Re: Viva la Bonino
          La necessità di controllare, caro d'ambrosio, mi sembra sia nata anche grazie alla bonino che con il suo gesto "comunicativo" ha rotto le scatole ad un sacco di gente che è stata costretta a lamentarsi pubblicamente nella speranza di fermare un gesto assolutamente maldestro e illiberale come quello dei radicali.Non rigirare frittate già bruciate...
          • Anonimo scrive:
            Re: Viva la Bonino
            - Scritto da: Chicco
            La necessità di controllare, caro
            d'ambrosio, mi sembra sia nata anche grazie
            alla bonino che con il suo gesto
            "comunicativo" ha rotto le scatole ad un
            sacco di gente che è stata costretta a
            lamentarsi pubblicamente nella speranza di
            fermare un gesto assolutamente maldestro e
            illiberale come quello dei radicali.

            Non rigirare frittate già bruciate...Chicco, puoi darmi del tu.Premesso che il "gesto" della Bonino non e' illiberale, regolamentare e' sempre un'ottima cosa. Il problema e' che l'email non la puoi regolamentare, e' come se regolamenti la parola o la comunicazione: non puoi limitarli!
          • Anonimo scrive:
            Re: Viva la Bonino

            un'ottima cosa. Il problema e' che l'email
            non la puoi regolamentare, e' come se
            regolamenti la parola o la comunicazione:
            non puoi limitarli!ok, allora adesso mi metto a telefonarti alle tre di notte tutte le notti per dirti quant'è conveniente un prodotto che vendo.in fondo è comunicazione anche questa, no?est modus in rebus.
        • Anonimo scrive:
          Re: Viva la Bonino

          spamming e' solo la scusante per portare
          avanti la loro legislazione atta a
          controllare la rete.Ma finiamola con 'ste paranoie!Se avessero detto "per bloccare lo spamming iniziamo a tenere traccia di ogni mail spedita e del suo contenuto" potresti aver ragione.Quello che invece giustamente ha fatto il Garante e' stato stabilire che lo Spamming e' illecito, e cosi' non ci saranno piu' cavillatori in mala fede come la Bonino che ti dicono "questa mail e' legale".Ci saranno ugualmente abusi? Certamente, ma questo non vuol dire che una legge sarebbe sbagliata. E' come dire "liberalizziamo il furto nelle abitazioni, visto che beccano solo l'1% dei colpevoli".
          • Anonimo scrive:
            Re: Viva la Bonino
            - Scritto da: deBrando
            Ma finiamola con 'ste paranoie!

            Se avessero detto "per bloccare lo spamming
            iniziamo a tenere traccia di ogni mail
            spedita e del suo contenuto" potresti aver
            ragione.Secondo te sono cosi' fessi da dirlo ora? Come per qualunque cosa si inizia con poco, si fa un passo alla volta per poi giungere ad una legislazione del genere.
      • Anonimo scrive:
        Re: Viva la Bonino
        - Scritto da: Stefano
        I tentativi di imbavagliare internet sono
        fatti per altri scopi e non per bloccare lo
        spamming, il quale infatti, fino ad ora
        almeno, non e' stato mai condannato a
        livello politico.Parti da un presupposto sbagliato. Lo spamming e' solo la scusante per portare avanti la loro legislazione atta a controllare la rete.
    • Anonimo scrive:
      Re: Viva la Bonino - in parte

      Cerchiamo di non invocare aiuto per ogni
      cazzata altrimenti finiremo per legittimare
      quei cazzoni che stanno tentando di
      burocratizzare, controllare, imbavagliare,.
      ect.. internet ( cfr.
      http://www.interlex.it/) Anche se non giustifico chi manda tonnellate di e-mail spazzatura, penso che deva esserci da parte delle aziende coscienza nell'uso della posta elettronica ( ad esempio nel campo business to business ), ma anche una certa libertà di inviare messaggi.Credo infatti che si deva distinguere tra il rapporto azienda-azienda e azienda-privato per colpire lo spam.Anche secondo la 185/99, il "consumatore" (privato) è di per sè un contraente debole e quindi va giustamente tutelato. Le aziende consapevolmente mettono a disposizione ad esempio sul sito istituzionale un indirizzo di contatto....e allora commercialmente parlando si può parlare di spam verso aziende? secondo il mio modesto parere no. Infatti il messaggio non sollecitato può venire da un ordine, da un messaggio pubblicitario che però potrebbe essere una fonte di business per l'azienda stessa.Sono quindi d'accordo nel difendere i privati, ma per le aziende si dovrebbe seguire un approccio diverso.Sono anche d'accordo che non è possibile invocare aiuto dai burocrati ( lo sono anche io, insegno all'università ;) e poi lamentarsi se questi "imbrigliano" internetBuona discussione
    • Anonimo scrive:
      Re: Viva la Bonino
      Allora dammi il tuo indirizzo, che provvedo io a mandartele...- Scritto da: epifanio
      che ha sollevato il problema e ha spiegato
      il suo programma utilizzando un nuovo
      strumento di comunicazione.

      preferisco 1000 e-mail a mille volantini
      nella cassetta della posta....
    • Anonimo scrive:
      Re: Viva la Bonino
      Massi' cavolo ! Anche se ha fatto un po di spam VIVA LA BONINO !!! che almeno non e' falsa come la maggiorparte dei nostri politici che ancora puntano alla repressione contro le drogheleggere....e ora grazie alla maggioranza pecoronache mandera' berluskoni al governo tutti ingalera per una canna!!!la cosa assurda e' l'incoerenza delle persone..infatti statisticamente piu del 50% delle persone fumerebbero o cmq sarebbero per la liberalizzazionepoi pero' questa gente e' la stessa che vota anche per la destra nazionale e per berluska...ma kosa diavolo pensano??? bah...che paese ridicolo che siamo- Scritto da: epifanio
      che ha sollevato il problema e ha spiegato
      il suo programma utilizzando un nuovo
      strumento di comunicazione.

      preferisco 1000 e-mail a mille volantini
      nella cassetta della posta....

      Noto per inciso che quando mi iscrivo ad una
      mailing, autorizzo o meno la diffusione
      del mio indirizzo, e quindi accetto o meno
      il rischio dello spamm.
      Esistono anche i filtri per difendersi.
      Cerchiamo di non invocare aiuto per ogni
      cazzata altrimenti finiremo per legittimare
      quei cazzoni che stanno tentando di
      burocratizzare, controllare, imbavagliare,.
      ect.. internet ( cfr.
      http://www.interlex.it/)
    • Anonimo scrive:
      Re: Viva la Bonino

      preferisco 1000 e-mail a mille volantini
      nella cassetta della posta....MA CHE DISCORSO E'?!?Lo spamming e' fastidioso ANCHE postale, ma almeno in quest'ultimo caso a loro costa e quindi ne fanno un uso meno indiscriminato e comunque e' facilmente tracciabile il committente.Sinceramente abolirei anche quello, comunque.
      Noto per inciso che quando mi iscrivo ad una
      mailing, autorizzo o meno la diffusione
      del mio indirizzo, e quindi accetto o meno
      il rischio dello spamm.Quindi vuoi dire che, dal momento in cui ho bisogno di dare il mio indirizzo perche' qualcuno potrebbe aver bisogno di contattarmi (magari sono il webmaster), devo PER FORZA accettare che ne abusino e mi mandino schifezze varie a caso?!?
      Esistono anche i filtri per difendersi.Ah, tu hai inventato una IA in grado di discriminare se un messaggio e' spamming o no? Mettila sul mercato, perche' diverresti MIGLIARDARIO.Ma per favore! I filtri si basano sul bloccare i domini che piu' frequentemente spammano, ma chi avrebbe mai pensato che la Bonino avrebbe iniziato a farlo? E comunque sistemi veramente efficaci non ne ho mai visti.
      Cerchiamo di non invocare aiuto per ogni
      cazzata altrimenti finiremo per legittimare
      quei cazzoni che stanno tentando di
      burocratizzare, controllare, imbavagliare,.
      ect.. internet Non c'entra nulla qui imbavagliare. Qui c'e' un branco di mentecatti che cerca di farsi pubblicita' a costo zero, senza peraltro sapere che e' piu' controproducente che altro, e noi vogliamo difenderci.
  • Anonimo scrive:
    ADUC: ma andate a lavorare!
    Questi non sanno neppure che cos'è un e-mail e ne preconizzano la fine?? E basta con queste pseudo associazioni dei consumatori che non concludono mai nulla di buono... come i sindacati del resto.
    • Anonimo scrive:
      Re: ADUC: ma vai tu a lavorare!

      Questi non sanno neppure che cos'è un e-mail
      e ne preconizzano la fine?? E basta con
      queste pseudo associazioni dei consumatori
      che non concludono mai nulla di buono...
      come i sindacati del resto.Le associazioni consumatori non concludono niente di buono? Mi sembra che tu sia un po' INDIETRO; informati meglio di come vanno le cose, anche all'estero, a cominciare dagli USA.Leggendo post come questo mi spiego perchè le associazioni consumatori in Italia hanno ancora così poca importanza. Probabilemente ce lo meritiamo.
      • Anonimo scrive:
        Re: ADUC: ma vai tu a lavorare!
        Ma tu trovi sensato dire che se si elimina li spam la posta elettronica non serve piu' a nulla?Secondo me l'ADUC non ha nessuno che gli scrive allora ha messo una cassetta piu' grande per raccogliere tutta la pubblicita' possibile.Io sono 5 anni che lavoro con la mail, ed e' ben lungi dall'estinguersi la mia casella se non ricevo spam.Saluti.Stefano.
        • Anonimo scrive:
          Re: ADUC: ma vai tu a lavorare!
          - Scritto da: Stefano
          Secondo me l'ADUC non ha nessuno che gli
          scrive allora ha messo una cassetta piu'
          grande per raccogliere tutta la pubblicita'
          possibile.

          Io sono 5 anni che lavoro con la mail, ed e'
          ben lungi dall'estinguersi la mia casella se
          non ricevo spam.

          Saluti.

          Stefano.beh, forse e' sempre meglio parlare di cose che si conoscono, altrimenti si fanno i discorsi da bar...fatti un giro sul sito dell'Aduc e poi parlarne (anche male)ti consiglio il settore Cara Aduc con molte delle email giunte e le rispettive rispostehttp://www.aduc.it
    • Anonimo scrive:
      Re: ADUC: ma andate a lavorare!
      - Scritto da: ALZ
      Questi non sanno neppure che cos'è un e-mail
      e ne preconizzano la fine?? E basta con
      queste pseudo associazioni dei consumatori
      che non concludono mai nulla di buono...
      come i sindacati del resto.cos'e' che ti fa supporre che non conosciamo l'uso della posta elettronica?
  • Anonimo scrive:
    PRIVACY:Nomi ed indirizzi gratis? Eccoli!
    E' sufficiente andare al Comunee chiedere di consultare le liste elettoraliche sono disponibili a tutti.E' possibile facilmente in questo modosapere data di nascita ed indirizzodi milioni di famiglie.Tempo fa sulla RAI hanno denunciato questoscandalo. Le telecamere ripresero una ragazzache stava tranquillamente trascrivendogli indirizzi a mano, per una banca. Alla ovvia domanda:"Scusi ma e' legale quello che sta facendo?""Certamente.""Per chi lo sta facendo?""Per una nota banca.""Si puo' sapere quale sia?""No, mi dispiace, non sono autorizzata a dirlo."PS
    • Anonimo scrive:
      Re: PRIVACY:Nomi ed indirizzi gratis? Eccoli!
      - Scritto da: Pino Silvestre
      E' sufficiente andare al Comune
      e chiedere di consultare le liste elettorali[...]Quessto ci e' stato riferito a Brixelles direttamente da Rodota', che ssembrava esserne orgoglioso. I dati di dominio pubblico, diceva, sono disponibili a tutti e quindi ci si puo' fare cio' che si vuole. Per le eMail non vale?Forse perche' il business gia' e' stato organizzato al meglio?A Bologna sono stati chiesti 100 MILIONI per i dati di tutti i residenti di Bologna. Ovviamente i residenti non sanno nulla di quessta vendita fraudolenta da parte dello Stato.E non dimenticate SeatPagineGialle, che senza autorizzazione vende i dati di circa 20milioni di italiani (tutti gli abbonati alla Telecom prima del '96)
  • Anonimo scrive:
    il problema non e' l'invio del messaggio...
    a me non secca tanto ricevere spam, quanto sapere che il mio indirizzo email e' inserito da qualche parte in qualche database, e ad esso sono collegate alcune caratteristiche.quello che mi preoccupa, cioe', non e' il traffico di spam, e' la "profilazione" legata a quell'indirizzo.il mio indirizzo compare in un certo elenco, poi in un altro e un altro ancora. qualche grande struttura se li compra tutti quanti, incrocia i dati ed esce fuori un mio personale profilo senza che io ne sappia niente.detto in altre parole, a me non secca ricevere uno spam, nemmeno dai radicali. mi secca il kmotivo per il quale ricevo lo spam, e cioe' che qualcuno ha profilato i miei dati e mi ritiene bersaglio adatto per questa o quella pubblicita', e un domani per chissa' cos'altro. ovvero, mi sorveglia. non attivamente, ma mi sorveglia.usando una parola che andava di moda qualche anno fa, ha un dossier su di me.tra l'altro, cosa strana assai, io il messaggio della bonino non l'ho mai ricevuto, eppure sono iscritto ad un paio di mailing list radicali... :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: il problema non e' l'invio del messaggio...
      - Scritto da: Luca Boccianti[...]
      il mio indirizzo compare in un certo elenco,
      poi in un altro e un altro ancora. qualche
      grande struttura se li compra tutti quanti,
      incrocia i dati ed esce fuori un mio
      personale profilo senza che io ne sappia
      niente.[...]Sai che la SeatPagine Gialle VENDE I DATI DI CIRCA 20.000.000 di famiglie senza averne avuta l'autorizzazione?E sono dati dotati di profili, ed anche ben dettagliati.
  • Anonimo scrive:
    La chiave a pag. 2
    "non consente di per sé l'invio generalizzato di e-mail di qualunque contenuto siano i messaggi"Semplice ma geniale.Finalmente chi fa spamm potrà essere denunciato all'antitrust. Buongiorno.
    • Anonimo scrive:
      Re: La chiave a pag. 2
      - Scritto da: Chicco
      "non consente di per sé l'invio
      generalizzato di e-mail di qualunque
      contenuto siano i messaggi"

      Semplice ma geniale.

      Finalmente chi fa spamm potrà essere
      denunciato all'antitrust. Buongiorno.Perfetto, allora per scriverti devo chiedertene l'autorizzazione...ma se non ti posso contattare come faccio a chiedertela??Ah, e' vero: siamo nella new-economy, basta chiedere e pagare gli indirizzi alle varie Tiscalinet e Libero.Pero' non dimenticate che per i dati anagrafici PUBBLICI non e' richiesta alcuna autorizzazione. Infatti SeatPagineGialle VENDE i dati di circa 20 milioni di italiani, senza esserne autorizzata.Questo e' un vero scandalo, sottaciuto da tutti i media, compreso questo quotidiano.
      • Anonimo scrive:
        Re: La chiave a pag. 2
        - Scritto da: Francesco D'Ambrosio
        - Scritto da: Chicco

        "non consente di per s$B!&(Bl'invio

        generalizzato di e-mail di qualunque

        contenuto siano i messaggi"



        Semplice ma geniale.



        Finalmente chi fa spamm potr$B!&(Bessere

        denunciato all'antitrust. Buongiorno.

        Perfetto, allora per scriverti devo
        chiedertene l'autorizzazione...ma se non ti
        posso contattare come faccio a chiedertela??
        Ah, e' vero: siamo nella new-economy, basta
        chiedere e pagare gli indirizzi alle varie
        Tiscalinet e Libero.spam e` piu` che altro mandare piu` email alla volta! Spam e` piu` che altro un messaggio promozionale o commerciale!Chiedere a qualcuno se lo si puo` contattare non contiene questi punti.(attenzione che per "chiedere" non si usi un modo geniale per mettere messaggi commerciali :-)Per quanto riguarda la Tiscalinet e Libero, non credo sia il luogo piu` idoneo per diffamare! tanto piu` se non centra niente con il messaggio iniziale di questo thread.

        Pero' non dimenticate che per i dati
        anagrafici PUBBLICI non e' richiesta alcuna
        autorizzazione. Infatti SeatPagineGialle
        VENDE i dati di circa 20 milioni di
        italiani, senza esserne autorizzata.
        Questo e' un vero scandalo, sottaciuto da
        tutti i media, compreso questo quotidiano.Ma riesci a dormire la notte o sogni pure di SeatPagine Gialle? ;-)))
        • Anonimo scrive:
          Re: La chiave a pag. 2
          - Scritto da: Roberto
          spam e` piu` che altro mandare piu` email
          alla volta!Ma quante' 1000 sono spam' Lo sono 100.000 o 10? Quante?
          Spam e` piu` che altro un
          messaggio promozionale o commerciale!Qui si poarla di politico, il che potrebbe riguardare anche le nostre comunicazioni politiche (personali)
          Chiedere a qualcuno se lo si puo` contattare
          non contiene questi punti.Sarebbe comunque NON richiesta.
          (attenzione che
          per "chiedere" non si usi un modo geniale
          per mettere messaggi commerciali :-)E se politico o fatto da dissidenti?
          Per quanto riguarda la Tiscalinet e Libero,
          non credo sia il luogo piu` idoneo per
          diffamare! tanto piu` se non centra niente
          con il messaggio iniziale di questo thread.Non c'entra? Sono loro (tiscali, infostrada, wind, tin, etc. etc.) che possono vendere gli indirizzi eMail di tutta Italia. Fino ad ora non c'hano fatto una lira...cercano la riscossa'
          Ma riesci a dormire la notte o sogni pure di
          SeatPagine Gialle? ;-))) Per me e' una questione centrale; per questo motivo li sogno di giorno :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: La chiave a pag. 2
            - Scritto da: Francesco D'Ambrosio
            - Scritto da: Roberto

            spam e` piu` che altro mandare piu` email

            alla volta!

            Ma quante' 1000 sono spam' Lo sono 100.000 o
            10? Quante?Anche una se non richiesta.

            Spam e` piu` che altro un

            messaggio promozionale o commerciale!

            Qui si poarla di politico, il che potrebbe
            riguardare anche le nostre comunicazioni
            politiche (personali)Si, il problema è che a me non interessano e non ne voglio ricevere e non vedo perché devo perdere tempo a dirtelo

            Chiedere a qualcuno se lo si puo`
            contattare

            non contiene questi punti.

            Sarebbe comunque NON richiesta.Infatti, ma c'è modo e modo: se mi mandi una riga dicvendo "sono la Bonino e vorrei poterti spedire dei messaggi politici. Se rispondi a questo messaggio ti invierò altre comunicazioni, altrimenti scusami per il disturbo."Invece è arrivata un testo lunghissimo che ha richiesto molto più lavoro al mio intelletto, lavoro che non avrei voluto fare e ho fatto mio malgrado.

            (attenzione che

            per "chiedere" non si usi un modo geniale

            per mettere messaggi commerciali :-)

            E se politico o fatto da dissidenti? Affiri loro, io non sono né politico né dissidente e non vedo perché devo essere obbligato a "sapere" quello che dici tu!
            Non c'entra? Sono loro (tiscali, infostrada,
            wind, tin, etc. etc.) che possono vendere
            gli indirizzi eMail di tutta Italia. Fino ad
            ora non c'hano fatto una lira...cercano la
            riscossa'Hai le prove di quello che sostieni?CiuX
          • Anonimo scrive:
            Re: La chiave a pag. 2
            - Scritto da: Chicco
            Si, il problema è che a me non interessano e
            non ne voglio ricevere e non vedo perché
            devo perdere tempo a dirteloMa se tu non sai cosa voglio dirti non puoi dirlo! Della Bonino potete dire di tutto perche' lei vi ha fatto sapere cosa proponeva, altrimenti come avresti potuto sapere di quell'informazione?
            Infatti, ma c'è modo e modo: se mi mandi una
            riga dicvendo "sono la Bonino e vorrei
            poterti spedire dei messaggi politici. Se
            rispondi a questo messaggio ti invierò altre
            comunicazioni, altrimenti scusami per il
            disturbo."Quindi si fa la distinzione tra messaggio e messaggio? E' soggettivo?
            Invece è arrivata un testo lunghissimo che
            ha richiesto molto più lavoro al mio
            intelletto, lavoro che non avrei voluto fare
            e ho fatto mio malgrado.Quante cellule in piu' hai bruciato?
            Affiri loro, io non sono né politico né
            dissidente e non vedo perché devo essere
            obbligato a "sapere" quello che dici tu!Mah, vedo che non sai come funziona un regime. Viene negata l'informazione e quindi l'unico modo per poter distruggere quel regime e' informare coloro che NON sanno.Con questa legge cio' non sarebbe possibile.
            Hai le prove di quello che sostieni?Le hai anche tu sotto gli occhi: coloro che offrono abbonamenti free comprano la possibilta' di rivendere a terzi i propri dati (email e profili). Siccome di pubblicita' acquistata da loro ce n'e' stata poca...
          • Anonimo scrive:
            Re: La chiave a pag. 2
            - Scritto da: Francesco D'Ambrosio
            - Scritto da: Chicco

            Si, il problema $B!&(Bche a me non
            interessano e

            non ne voglio ricevere e non vedo perch$B!&(B

            devo perdere tempo a dirtelo

            Ma se tu non sai cosa voglio dirti non puoi
            dirlo!
            Della Bonino potete dire di tutto perche'
            lei vi ha fatto sapere cosa proponeva,
            altrimenti come avresti potuto sapere di
            quell'informazione?Ma chi la voleva quella informazione?????Preferirei non commentarla, quindi che non fosse stata mandata! :-)))

            Le hai anche tu sotto gli occhi: coloro che
            offrono abbonamenti free comprano la
            possibilta' di rivendere a terzi i propri
            dati (email e profili). Siccome di
            pubblicita' acquistata da loro ce n'e' stata
            poca...Hai forse ragione ma: ho rilevato spesso che ci sono clausole precise quando sottoscrivi ad un abbonamento free! Spesso dicono che i dati possono essere dati o messi a disposizione di terzi! E` una cosa brutta, ma lo hanno detto. Se un utente non le legge, e` colpa sua.Non sono tenuto a sottoscrivere e se lo faccio devo accettare le clausole. Punto e basta.Il problema e` che nessuno ti da` un abbonamento gratis senza metterti in 10000 mailing-list ;-((
          • Anonimo scrive:
            Re: La chiave a pag. 2
            - Scritto da: Roberto
            Hai forse ragione ma: ho rilevato spesso che
            ci sono clausole precise quando sottoscrivi[...]
            Il problema e` che nessuno ti da` un
            abbonamento gratis senza metterti in 10000
            mailing-list ;-((Ho detto che quello che fanno e' illegale? E' perfettamente legale.Proprio con questa legge si chiude il cerchio: loro faranno una marea di soldi perhce' ne hano l'"esclusiva"
          • Anonimo scrive:
            Re: La chiave a pag. 2
            - Scritto da: Francesco D'Ambrosio
            - Scritto da: Chicco

            Si, il problema è che a me non
            interessano e

            non ne voglio ricevere e non vedo perché

            devo perdere tempo a dirtelo

            Ma se tu non sai cosa voglio dirti non puoi
            dirlo!
            Della Bonino potete dire di tutto perche'
            lei vi ha fatto sapere cosa proponeva,
            altrimenti come avresti potuto sapere di
            quell'informazione?Ma sono obbligato a sentirti. Bella libertà che mi offri, non posso nemmeno scegliere se acoltarti o meno...

            Infatti, ma c'è modo e modo: se mi mandi
            una

            riga dicvendo "sono la Bonino e vorrei

            poterti spedire dei messaggi politici. Se

            rispondi a questo messaggio ti invierò
            altre

            comunicazioni, altrimenti scusami per il

            disturbo."

            Quindi si fa la distinzione tra messaggio e
            messaggio? E' soggettivo?No, è oggettivo e si affida al buon senso che, anche nel diritto, ha ragion d'essere.

            Invece è arrivata un testo lunghissimo che

            ha richiesto molto più lavoro al mio

            intelletto, lavoro che non avrei voluto
            fare

            e ho fatto mio malgrado.

            Quante cellule in piu' hai bruciato?Non lo so, ma anche una sarebbe stata sprecata.

            Affiri loro, io non sono né politico né

            dissidente e non vedo perché devo essere

            obbligato a "sapere" quello che dici tu!

            Mah, vedo che non sai come funziona un
            regime. Viene negata l'informazione e quindi
            l'unico modo per poter distruggere quel
            regime e' informare coloro che NON sanno.
            Con questa legge cio' non sarebbe possibile.Quindi giustifichi ogni azione contro le regole o la libertà perché "tanto siamo in un regime"???Ma ci fai o ci sei?Il fatto che _a te_ o _ai radicali_ neghino l'informazione mi può dispiacere ma per questo non sono disposto a ricevere messaggi email indesiderati.Mi fa anche pensare che in fondo, allora, anche tu sei d'accordo con la necessità di "controllare" o "regolare" in qualche modo e se non ti fanno parlare tu urli finche non ti fanno parlare... Ora vuoi che regolamentino Internet perché lo spam Bonino è stata una caxxata???Perché la bonino non si assume le sue responsabilità???

            Hai le prove di quello che sostieni?

            Le hai anche tu sotto gli occhi: coloro che
            offrono abbonamenti free comprano la
            possibilta' di rivendere a terzi i propri
            dati (email e profili). Siccome di
            pubblicita' acquistata da loro ce n'e' stata
            poca...Hai le prove? (e due)
          • Anonimo scrive:
            Re: La chiave a pag. 2
            - Scritto da: Chicco
            Ma sono obbligato a sentirti. Bella libertà
            che mi offri, non posso nemmeno scegliere se
            acoltarti o meno...Questo lo dovrebbe fare l'informazione in uno stato democratico. Ma se non lo fa? Ci turiamo il naso e facciamo una bella genuflessione di 90°?
            Quindi giustifichi ogni azione contro le
            regole o la libertà perché "tanto siamo in
            un regime"???Contro la liberta'? Insomma, la liberta' e' non poterti inviare un messaggio?
            Mi fa anche pensare che in fondo, allora,
            anche tu sei d'accordo con la necessità di
            "controllare" o "regolare" in qualche modo e
            se non ti fanno parlare tu urli finche non
            ti fanno parlare... Il problema c'e' ma il rimedio farebbe piu' danni del male stesso, e' questo che voglio dire.
            Perché la bonino non si assume le sue
            responsabilità???Premesso che parlo a titolo personale (lo preciso per i maligni) la Bonino si e' assunta le proprie responsabilita', parlandone anche in un'assemblea pubblica. I radicali sono anche sotto "processo" (non mi vien la parola e vado di fretta) presso l'Authority

            offrono abbonamenti free comprano la

            possibilta' di rivendere a terzi i propri
            Hai le prove? (e due)Ho gia' risposto prima (non ricordo dove :) )Vai al contratto di Tiscalinet e leggi...saranno loro che decreteranno, grazie a questa legge, il prezzo dei nostri dati..
          • Anonimo scrive:
            Re: La chiave a pag. 2
            - Scritto da: Francesco D'Ambrosio[...]


            Quindi giustifichi ogni azione contro le

            regole o la libert$B!&(Bperch$B!&(B"tanto siamo in

            un regime"???

            Contro la liberta'? Insomma, la liberta' e'
            non poterti inviare un messaggio?E non ti viene in mente che la liberta` potrebbe essere anche il "non ricevere un messaggio"????Come la mettiamo? io non voglio messaggi politici e/o commerciali, chi mi tutela tale diritto alla liberta` alla quale ti arrampichi?La liberta` FINISCE dove comincia la liberta` altrui!Per esprimere la mia liberta` NON posso toglierla agli altri! Questo e` un punto chiave!
          • Anonimo scrive:
            Re: La chiave a pag. 2
            - Scritto da: Roberto
            E non ti viene in mente che la liberta`
            potrebbe essere anche il "non ricevere un
            messaggio"????Infatti lo e', leggi sotto
            Come la mettiamo? io non voglio messaggi
            politici e/o commerciali, chi mi tutela tale
            diritto alla liberta` alla quale ti
            arrampichi?
            La liberta` FINISCE dove comincia la
            liberta` altrui!
            Per esprimere la mia liberta` NON posso
            toglierla agli altri! Questo e` un punto
            chiave!Il punto chiave e' che per impedire che qualcuno ti invii i msg devi controllarli tutti, qualcuno dovra' decidere cosa sara' giusto inviare e cosa no...
          • Anonimo scrive:
            Re: La chiave a pag. 2
            BOOOOOOOOOMMMMMMMM!Tu comincia a non mandare i tuoi che agli altri che mi inviano messaggi ci penso io.Non è proprio vero che devi "controllare", basta denunciare a posteriori.- Scritto da: Francesco D'Ambrosio
            Il punto chiave e' che per impedire che
            qualcuno ti invii i msg devi controllarli
            tutti, qualcuno dovra' decidere cosa sara'
            giusto inviare e cosa no...Tu, secondo me, sei un conservatore sfegatato e non capisco proprio che ci fai nei radicali che "dovrebbero" essere di sinistra... ma tu sei proprio sul fasciolino...
      • Anonimo scrive:
        Re: La chiave a pag. 2

        Perfetto, allora per scriverti devo
        chiedertene l'autorizzazione...ma se non ti
        posso contattare come faccio a chiedertela??Sono IO utente che ti vengo a cercare e sono IO utente che decido come e quando ricevere le tue circolari!NO ai metodi arroganti stile BONINO, che prima scrive alle mie 5 email e poi mi costringe a dovermi rimuovere dalla sua mailing list (a cui non avevo mai chiesto di registrarmi).E' così complesso il discorso?
        • Anonimo scrive:
          Re: La chiave a pag. 2
          - Scritto da: Robby
          Sono IO utente che ti vengo a cercare e sono
          IO utente che decido come e quando ricevere
          le tue circolari!Ma se NON ti fanno sapere di quella circolare come fai a cercarla?
          NO ai metodi arroganti stile BONINO, che
          prima scrive alle mie 5 email e poi mi
          costringe a dovermi rimuovere dalla sua
          mailing list (a cui non avevo mai chiesto di
          registrarmi).Come piu' volte ribadito si e' trattato di un metodo sbagliato.
          • Anonimo scrive:
            Re: La chiave a pag. 2
            - Scritto da: Francesco D'Ambrosio
            - Scritto da: Robby

            Sono IO utente che ti vengo a cercare e
            sono

            IO utente che decido come e quando
            ricevere

            le tue circolari!

            Ma se NON ti fanno sapere di quella
            circolare come fai a cercarla?
            Mettono i loro bei banner in giro, mettono qualche inserzione sui giornali!Ma certo, cio` costa, mentre lo spam no. Tipico ragionamento degli spammer!
          • Anonimo scrive:
            Re: La chiave a pag. 2
            - Scritto da: Roberto
            Mettono i loro bei banner in giro, mettono
            qualche inserzione sui giornali!
            Ma certo, cio` costa, mentre lo spam no.
            Tipico ragionamento degli spammer!Appunto, tutto diventa pubblicita'. Anche chiederti se vuoi venire ad un convegno mi costerebbe milioni. Oh, ma ragionateci un attimo sopra!E'' ovvio che chi ha soldi non ha problemi, ma e' questo che voglio dirvi!Chi non ha soldi e' tagliato fuori da qualsiasi mezzo di informazione!
          • Anonimo scrive:
            Re: La chiave a pag. 2
            - Scritto da: Francesco D'Ambrosio
            - Scritto da: Roberto


            Mettono i loro bei banner in giro, mettono

            qualche inserzione sui giornali!

            Ma certo, cio` costa, mentre lo spam no.

            Tipico ragionamento degli spammer!

            Appunto, tutto diventa pubblicita'. Anche
            chiederti se vuoi venire ad un convegno mi
            costerebbe milioni. Oh, ma ragionateci un
            attimo sopra!
            E'' ovvio che chi ha soldi non ha problemi,
            ma e' questo che voglio dirvi!
            Chi non ha soldi e' tagliato fuori da
            qualsiasi mezzo di informazione!Si, ed e` quindi autorizzato a spammare.Ma allora coloro che "PAGANO" per la loro pubblicita` sono stupidi a farlo!Magari, cerca pure tu di ragionarci sopra ;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: La chiave a pag. 2
            - Scritto da: Francesco D'Ambrosio
            - Scritto da: Robby

            Sono IO utente che ti vengo a cercare e
            sono

            IO utente che decido come e quando
            ricevere

            le tue circolari!

            Ma se NON ti fanno sapere di quella
            circolare come fai a cercarla?Se mi interessa, concordo, sarò io a venirla a cercare altrimenti non voglioc he mi si spediscano messaggi (è un mio diritto? Sono libero di decidere con chi parelare o da chi farmi parlare? (d'ambrosio, dimmelo tu!!!)
            Come piu' volte ribadito si e' trattato di
            un metodo sbagliato.Assolutamente maldestro e assolutamente ignorante delle libertà altrui. Questa è la verità.Non si tratta solo di un "metodo" ma ancge di un principio (stabilito solo ora dal garante) che mi fa molta specie proprio i radicali abbiano deciso di ignorare. Evidentemente i radicali non sono quello che dicono di essere. Questa è l'evidenza.CiuX
      • Anonimo scrive:
        Re: La chiave a pag. 2

        Perfetto, allora per scriverti devo
        chiedertene l'autorizzazione...ma se non ti
        posso contattare come faccio a chiedertela??
        Ah, e' vero: siamo nella new-economy, basta
        chiedere e pagare gli indirizzi alle varie
        Tiscalinet e Libero.Io direi piuttosto: se mando un messaggio pubblicitario sulle mie canoe a chi è intervenuto in un newsgroup sulle canoe, o in siti o discussioni sulle canoe, non è spamming.Mi sembra che per definire lo spam occorra tener conto non solo della QUANTITA' dei messaggi inviati (insomma, distinguere tra DECINE e CENTINAIA o peggio), ma ancor di più sul CRITERIO de selezione dei destinatari.In pratica, qualsiasi utilizzo di una lista indifferenziata è spamming.Spero che chi di dovere si orienti in questo senso.
  • Anonimo scrive:
    E allora?
    Scusate, ma se una azienda inserisce il suo e-mail sul sito istituzionale, perchè lo fa?Io credo per farsi contattare...insomma a questo punto se qualcuno fa un'ordine via posta elettronica al mio e-mail aziendale, potrei citarlo per spamming!!!!Mi pare assurdo, quale new economy? Dovremo ancora andare a carta e penna?Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: E allora?
      - Scritto da: mdrodi
      Scusate,

      ma se una azienda inserisce il suo e-mail
      sul sito istituzionale, perchè lo fa?

      Io credo per farsi contattare...insomma a
      questo punto se qualcuno fa un'ordine via
      posta elettronica al mio e-mail aziendale,
      potrei citarlo per spamming!!!!
      Quante te ne mancano ? Di rotelle intendo.
    • Anonimo scrive:
      Re: E allora?
      Scusa, dici tu stesso che se metti l'indirizzo è per farti mandare gli ordinidi acquisto e NON di voto, se vendi qualcosa...o no?
    • Anonimo scrive:
      Re: E allora?
      - Scritto da: mdrodi
      Scusate,

      ma se una azienda inserisce il suo e-mail
      sul sito istituzionale, perch$B!&(Blo fa?

      Io credo per farsi contattare...insomma a
      questo punto se qualcuno fa un'ordine via
      posta elettronica al mio e-mail aziendale,
      potrei citarlo per spamming!!!!

      Mi pare assurdo, quale new economy? Dovremo
      ancora andare a carta e penna?Non fraintendere le cose!!!!Se metti la tua email per essere contattato allora sei TU che chiedi di esere contattato, quindi non puoi denunciare colui che ti fa un orsine online!Si parlava di prendere indirizzi e-mail da siti o mailinglist e mandare messaggi a sconosciuti.Se entro nel tuo sito e-commerce allora non "rubo" nessun indirizzo!

      Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: E allora?

        Se metti la tua email per essere contattato
        allora sei TU che chiedi di esere
        contattato, quindi non puoi denunciare colui
        che ti fa un orsine online!
        Se entro nel tuo sito e-commerce allora non
        "rubo" nessun indirizzo!Se lo usi per una funzione diversa da quella a cui e' predestinata la casella postale si che commetti spam.Sui mio sito l'indirizzo e' a disposizione dei miei utenti, non dei partiti politici.Ma presto mettero' una casella con /DEV/NULL e l'indicazione "Riservata ai Testimoni di Geova, venditori di enciclopedie ed aspirapolvere nonche' politici".Saluti.Stefano.
    • Anonimo scrive:
      Re: E allora?
      - Scritto da: mdrodi
      Scusate,

      ma se una azienda inserisce il suo e-mail
      sul sito istituzionale, perchè lo fa?

      Io credo per farsi contattare...insomma a
      questo punto se qualcuno fa un'ordine via
      posta elettronica al mio e-mail aziendale,
      potrei citarlo per spamming!!!!non e' la stessa cosa...io ho un citofono che sta sulla pubblica strada col mio nome sopra, ma se qualcuno ci si attacca per mezz'ora alle due di notte... insomma, mi secca un po', no?
    • Anonimo scrive:
      Re: E allora?

      ma se una azienda inserisce il suo e-mail
      sul sito istituzionale, perchè lo fa?Io personalmente metto l'indirizzo istituzionale per ricevere le comunicazioni dei miei utenti / clienti, certamente non per ricevere campagne promozionali di partiti politici.Saluti.Stefano.
    • Anonimo scrive:
      Re: E allora?
      - Scritto da: mdrodi
      Scusate,

      ma se una azienda inserisce il suo e-mail
      sul sito istituzionale, perchè lo fa?

      Io credo per farsi contattare...insomma a
      questo punto se qualcuno fa un'ordine via
      posta elettronica al mio e-mail aziendale,
      potrei citarlo per spamming!!!!

      Mi pare assurdo, quale new economy? Dovremo
      ancora andare a carta e penna?

      CiaoE' un po' come toccare il culo ad una ragazza.Se e' la tua va bene, ma una sconosciuta potrebbe prenderla male .....E non venire a dire che se si mette la minigonna e' per farsi toccare il culo ....
      • Anonimo scrive:
        Re: E allora?
        - Scritto da: Y
        E' un po' come toccare il culo ad una
        ragazza.
        Se e' la tua va bene, ma una sconosciuta
        potrebbe prenderla male .....
        E non venire a dire che se si mette la
        minigonna e' per farsi toccare il culo ....Ma almeno per farsi guardare ;-)
        • Anonimo scrive:
          Re: E allora?
          - Scritto da: Francesco D'Ambrosio
          - Scritto da: Y

          E' un po' come toccare il culo ad una

          ragazza.

          Se e' la tua va bene, ma una sconosciuta

          potrebbe prenderla male .....

          E non venire a dire che se si mette la

          minigonna e' per farsi toccare il culo
          ....

          Ma almeno per farsi guardare ;-)Beh, francamente non e' che me ne freghi molto se qualcuno "guarda" il mio indirizzo di posta elettronica. L'importante e' che si limiti a guardare. In pratica anche qui vale il principio "guardare ma non toccare" ...
          • Anonimo scrive:
            Re: E allora?
            - Scritto da: Y
            Beh, francamente non e' che me ne freghi
            molto se qualcuno "guarda" il mio indirizzo
            di posta elettronica. L'importante e' che si
            limiti a guardare. In pratica anche qui vale
            il principio "guardare ma non toccare" ... Guarda ma non toccare, tocca ma non mangiare, mangia ma non gustare ( da quale film?)Il mio era solo una semi-battuta in questo clima teso che si respira sempre in queste discussioni.
          • Anonimo scrive:
            Re: E allora?

            Il mio era solo una semi-battuta in questo
            clima teso che si respira sempre in queste
            discussioni.Ho capito che c'è tensione, ma qui c'è gente che ci campa con ste cose...non so se mi spiego...se c'è chi ti cambia le regole a partita iniziata allora la tensione sale ( e ti girano vorticosamente....)scusa lo sfogo
          • Anonimo scrive:
            Re: E allora?
            - Scritto da: mdrodi
            Ho capito che c'è tensione, ma qui c'è gente
            che ci campa con ste cose...non so se mi
            spiego...se c'è chi ti cambia le regole a
            partita iniziata allora la tensione sale ( e
            ti girano vorticosamente....)

            scusa lo sfogoFigurati, pero' lo sfongo con me non l'ho capito :)Anch'io sono in tensione su questi temi e per questo motivo avevo buttato li' una mezza battuta...tutto qui
          • Anonimo scrive:
            Re: E allora?
            - Scritto da: Francesco D'Ambrosio
            Il mio era solo una semi-battuta in questo
            clima teso che si respira sempre in queste
            discussioni.Non certo per merito tuo, ovviamente. Vero?
Chiudi i commenti