Casa Bianca: hackers non colpite

L'amministrazione Clinton teme il finimondo, a Capodanno e nelle settimane successive, per il sovrapporsi di Anno2000, virus e hacker. E fa un appello


Washington (USA) – Non potevano trovare un mezzo per soddisfare maggiormente una larga fetta della comunità hacker mondiale: pregare gli hacker di non colpire a capodanno e nelle settimane successive. A nome dell’amministrazione Clinton il boss del comitato contro il millennium bug, John Koskinen, ha rivolto agli hacker un appello in questo senso.

In realtà, ha spiegato Koskinen, le speranze sono che “chi si occupa di testare la sicurezza dei sistemi di stato” si voglia astenere dal farlo nelle delicate settimane che seguiranno il primo gennaio e soprattutto nel weekend di capodanno: “Contiamo sul fatto che tutti loro capiranno che avremo già abbastanza da fare e che non sarà il momento per dimostrare la poca sicurezza dei sistemi”…

In stato di allerta saranno anche l’ FBI , con il suo National Infrastructure Protection Center, in pratica i cybercops federali, e il CERT, il centro per il controllo dei virus informatici della Carnegie Mellon University.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti