Il cashback funziona già per 3,6 milioni di italiani

Il Cashback di Stato ha iniziato a registrare le prime operazioni, gli utenti attivati sono in aumento e ora sembra tutto funzionare regolarmente.
Il Cashback di Stato ha iniziato a registrare le prime operazioni, gli utenti attivati sono in aumento e ora sembra tutto funzionare regolarmente.

I dati di questa mattina dicono che sono 3,6 milioni gli italiani che hanno già pienamente attivo il Cashback di Stato previsto dal Piano Cashless Italia. Complessivamente sono 6,2 milioni gli strumenti di pagamento registrati (quindi circa 2 per ogni utente). I numeri fotografano un incedere destinato a crescere costantemente: i problemi delle prime ore sembrano a questo punto superati e, data la sostanziale improbabilità di nuovi colli di bottiglia legati ad un forte afflusso contemporaneo di utenti, il cashback potrà ora fluire regolarmente.

I numeri del cashback

Come da nostre verifiche, fin da oggi i primi cashback virtuali sono registrati dall’app IO e solo dopo il raggiungimento delle 10 transazioni valide si potrà considerarli come denaro sonante destinato ad arrivare sul proprio IBAN sotto forma di rimborso.

I numeri sono comunque fin da ora sostanziali, tali per cui entro pochi giorni si potrà arrivare ad oltre 10 milioni di italiani attivi nei pagamenti cashless con rimborso attivo:

Solo tramite l’app IO sono state attivate al Cashback circa 3,5 milioni di carte di credito e più di 1,7 milioni di carte PagoBANCOMAT. A cui si aggiungono circa 990 mila strumenti di pagamento registrati attraverso i sistemi messi a disposizione dagli altri operatori del settore (i cosiddetti “Issuer Convenzionati”).

Le polemiche sono destinate a spegnersi a mano a mano che i rimborsi andranno a controbilanciare l’indignazione di quanti nelle prime ore si son trovati impossibilitati ad attivare il servizio, nonché a tentare quanti invece vorrebbero rinunciare al cashback in virtù di una puerile battaglia ai “poteri forti”. Di fatto quel che non funzionava fino a poche ore fa a causa del sovraccarico di operazioni di registrazione degli strumenti di pagamento nelle prime ore, ora sembra funzionare senza ulteriori intoppi di rilievo. Il vero percorso del cashback, che andrà a terminare il 30 giugno 2022, inizia quindi di fatto oggi e sarà costruito su nuovi strumenti di pagamenti in entrata, aumento dei download dell’app e monitoraggio costante degli strumenti interessati:

Sull’app IO, giunta a 8,6 milioni di download, risultano significativamente ridimensionati i disservizi nel caricamento delle carte di credito all’interno della sezione “Portafoglio” dell’app. Tanto che da ieri sera sono state registrate su IO oltre mezzo milione di carte di credito. I tecnici sono al lavoro per un monitoraggio costante su eventuali ulteriori disagi.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

11 12 2020
Link copiato negli appunti