Caso Vividown, l'analisi delle requisitorie

di Giovanni Maria Riccio - Perché non convincono le posizioni del Procuratore Generale. La direttiva sul commercio elettronico deve restare lo strumento per valutare la correttezza nella fornitura dei servizi Internet

Roma – Si è tenuta martedì scorso la seconda udienza del processo di appello che vede coinvolti tre dipendenti di Google per violazione della privacy. Il caso è noto: alcuni ragazzini malmenano un loro compagno di classe disabile, riprendono la scena con un telefonino e pubblicano il video su Google Video. La “bravata” costa la condanna sia dei ragazzini che dell’insegnante presente in aula durante gli atti di bullismo.

In un secondo momento, quattro dipendenti di Google vengono citati in giudizio con l’accusa di diffamazione e violazione della privacy. La sentenza di primo grado assolve gli imputati dall’accusa di diffamazione e ne condanna tre per violazione della legge sulla privacy. Nella recente requisitoria del PG nel processo di secondo grado, però, si è detto che Google sarebbe stata “in grado di impedire l’immissione del video”, avrebbe avuto “i sistemi di controllo adatti da anni”, ma non lo avrebbe fatto. Inoltre, dall’immissione del video la società avrebbe tratto un ritorno economico, grazie alla pubblicità trasmessa sul sito.

Diversa la ricostruzione da parte della società. L’avvocato Bongiorno, membro del collegio difensivo, ha affermato che: “Come è emerso chiaramente dalle indagini della polizia giudiziaria non vi era alcun messaggio pubblicitario connesso a Google Video e pertanto Google non ha tratto alcun profitto da questo o altri video”. Il corretto inquadramento della vicenda non può prescindere dalla direttiva sul commercio elettronico e dal relativo decreto di recepimento (il D.Lgs. 70/2003). L’articolo 17 del decreto (che ricalca pedissequamente la formulazione comunitaria) stabilisce che “il prestatore non è assoggettato ad un obbligo generale di sorveglianza sulle informazioni che trasmette o memorizza, né ad un obbligo generale di ricercare attivamente fatti o circostanze che indichino la presenza di attività illecite”.

Quindi Google, così come tutti gli altri operatori che si limitano a svolgere un ruolo di mera intermediazione tecnica, non è tenuta a un controllo sulle informazioni trasmesse dai propri utenti. L’obbligo di rimuovere i contenuti illeciti, peraltro, sorgerebbe esclusivamente a seguito di un ordine impartito dall’autorità giudiziaria o da altra autorità competente.

La scelta della direttiva, del resto, era chiara: evitare che gli operatori della Rete, soggetti di diritto privato, fossero chiamati a svolgere un ruolo di censori istituzionali e a stabilire quali contenuti fossero leciti e quali illeciti. Prudentemente, invece, tale valutazione era stata rimessa a un’autorità pubblica. Nell’accusa non sembra essere convincente il richiamo al fine di lucro. È ovvio che gli operatori della Rete non agiscano per finalità filantropiche. Tuttavia, la ricostruzione del PG milanese sarebbe al più ammissibile se il fine di lucro fosse associato direttamente al contenuto del video, mentre invece su Google Video non era presente alcuna forma di pubblicità e pertanto Google non ne traeva alcun profitto.

Si tratta di una questione che, da tempo, la Corte di Giustizia ha risolto, sganciando la presenza di un ritorno economico per gli operatori di internet dagli illeciti commessi dagli utenti dei loro servizi. Del resto, sarebbe come condannare un gestore telefonico per le telefonate di stalking compiute da un suo cliente: anche in questo caso l’operatore ha un ritorno economico dalle telefonate compiute (e per di più Google non ha tratto alcun profitto dal video incriminato). Prospettata così, però, sembrerebbe una soluzione peregrina. Per quale motivo le cose dovrebbero essere diverse per Google?

Prof. Giovanni Maria Riccio
Scorza Riccio & Partners

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Zukkino scrive:
    Gli stessi USA...
    ...che non firmano gli accordi internazionali sulla governance di internet, per paura che la rete finisca sotto il dominio dei singoli governi? Forse ci sono due governi americani, quello da mostrare ai telegiornali esteri e quello che vero...
    • Leguleio scrive:
      Re: Gli stessi USA...
      - Scritto da: Zukkino
      ...che non firmano gli accordi internazionali
      sulla governance di internet, per paura che la
      rete finisca sotto il dominio dei singoli
      governi? Se ti riferisci alla recente conferenza ITU a Dubau, Emirati Arabi Uniti, i Paesi che si sono sfilati sono molti di più, e hanno sistemi politici abbastanza variegati:Regno Unito, Costa Rica, Danimarca, Egitto, Svezia, Paesi Bassi, Kenya, Repubblica Ceca, Canada, Nuova Zelanda, Polonia. Il testo completo da ratificare non è stato reso noto (che io sappia), quindi è difficile giudicare se le riserve dei rispettivi governi fossero fondate o meno.
      Forse ci sono due governi americani,
      quello da mostrare ai telegiornali esteri e
      quello che
      vero...Tutti gli uomini hanno due facce, almeno quelli che hanno un minimo di responsabilità. Una per il grande pubblico, e una per le faccende intrafamiliari e intraaziendali. Non solo i governi. :|
  • prova123 scrive:
    ora abilitato a inserire nel proprio ...
    database anche i profili dei cittadini non sospettati di alcun crimine. Cosa useranno le "Pagine Bianche" americane rispettando l'ordine alfabetico per un profondo senso di democrazia? (rotfl)
  • Kriev scrive:
    l'aquila in gabbia
    Sa tantissimo di stato di polizia. Uno squilibrio di poteri che mi sembra estremamente pericoloso per la democrazia e la liberta'. Nel momento in cui il governo e' potenzialmente in grado di ricattare e minacciare i cittadini, allora si capovolgono i ruoli. Se qualcuno crede che chi lavora per il governo agisca sempre a fin di bene e senza mai volonta' di abuso o interesse personale e' molto molto ingenuo e ha la memoria molto corta.Concordo con anon riguardo alla differenza tra poterlo tecnicamente fare ed essere legalmente autorizzati a farlo.
  • Leguleio scrive:
    Precisazione
    "Concessa l'autorizzazione a scandagliare e conservare anche i profili dei cittadini non sospettati di aver commesso alcun crimine"Conservare solo per 5 anni, però.
    • krane scrive:
      Re: Precisazione
      - Scritto da: Leguleio
      "Concessa l'autorizzazione a scandagliare e
      conservare anche i profili dei cittadini non
      sospettati di aver commesso alcun crimine"
      Conservare solo per 5 anni, però.Piu che sufficiente per ricattare, fare spionaggio industriale e un sacco di altre cosette.
    • thebecker scrive:
      Re: Precisazione
      - Scritto da: Leguleio
      "Concessa l'autorizzazione a scandagliare e
      conservare anche i profili dei cittadini non
      sospettati di aver commesso alcun
      crimine"

      Conservare solo per 5 anni, però.Allora? Mi sembra solo un "abuso di potere" da parte del governo/autorità. Mi sembra che un provvedimento del genere sia anticonstituzionale in tutti i paesi "democratici" (visto che nei paesi "democratici" si parlà di libertà nella costituzione).Essere controllati nella propria privacy senza motivo valido viola la libertà dell'individuo. Accettare questi provvedimenti significa spianare la strada a chi vuole instaurare un regime!!
      • Leguleio scrive:
        Re: Precisazione
        - Scritto da: thebecker

        Conservare solo per 5 anni, però.

        Allora? Mi sembra solo un "abuso di potere" da
        parte del governo/autorità. Mi sembra che un
        provvedimento del genere sia anticonstituzionale
        in tutti i paesi "democratici" (visto che nei
        paesi "democratici" si parlà di libertà nella
        costituzione).

        Essere controllati nella propria privacy senza
        motivo valido viola la libertà dell'individuo.

        Accettare questi provvedimenti significa spianare
        la strada a chi vuole instaurare un
        regime!!Tutto vero, e non è escluso che la Corte suprema sia chiamata a pronunciarsi sul punto. A guardare la notizia con occhi pragmatici, però, grazie ai mezzi tecnologici esistenti, se non lo farà il National Counterterrorism Center lo farà qualcun altro: di nascosto, e al riparo dalle interferenze del Freedom of information act. :-(
        • Skywalker scrive:
          Re: Precisazione
          Forse si.Ma guardando con occhi pragmatici, se rimane illegale, dovesse saltare fuori, almeno il corrente condomino della Casa Bianca farebbe le valigie. Stile Nixon.Ci indrebbero con i piedi di piombo.Così invece lo farebbero tranquillamente senza che nessuni rischi nulla."E chi se ne frega se abbiamo esagerato..."
          • Leguleio scrive:
            Re: Precisazione
            - Scritto da: Skywalker
            Forse si.

            Ma guardando con occhi pragmatici, se rimane
            illegale, dovesse saltare fuori, almeno il
            corrente condomino della Casa Bianca farebbe le
            valigie. Stile
            Nixon.Non hai capito: "di nascosto" significa proprio al riparo dagli sguardi di tutti, compreso il presidente in carica. I metodi, più o meno, sono noti: non si danno mai istruzioni per iscritto né al telefono, solo orali, e in stanze ovattate. Gli interlocutori si scelgono solo fra persone patriottiche e discretissime: se anche finissero in carcere e rischiassero l'ergastolo, non metterebbero mai in mezzo i loro mandanti. Nixon fece l'errore di lasciare tracce dietro di sé, un nastro registrato, che una volta diffuse dalla "gola profonda" (William Mark Felt, Sr.) costituirono prove schiaccianti, era inutile addirittura cercare di confutarle. I presidenti successivi impararono la lezione.
          • krane scrive:
            Re: Precisazione
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: Skywalker

            Forse si.

            Ma guardando con occhi pragmatici, se rimane

            illegale, dovesse saltare fuori, almeno il

            corrente condomino della Casa Bianca farebbe

            le valigie. Stile Nixon.
            Non hai capito: "di nascosto" significa proprio
            al riparo dagli sguardi di tutti, compreso il
            presidente in carica. I metodi, più o meno, sono
            noti: non si danno mai istruzioni per iscritto né
            al telefono, solo orali, e in stanze ovattate.
            Gli interlocutori si scelgono solo fra persone
            patriottiche e discretissime: se anche finissero
            in carcere e rischiassero l'ergastolo, non
            metterebbero mai in mezzo i loro mandanti.
            Nixon fece l'errore di lasciare tracce dietro di
            sé, un nastro registrato, che una volta diffuse
            dalla "gola profonda" (William Mark Felt, Sr.)
            costituirono prove schiaccianti, era inutile
            addirittura cercare di confutarle. I presidenti
            successivi impararono la lezione.Si ? Strano allora che si siano di nuovo fatti beccare con la storia di wikileaks o riguardo alle dichiarazioni della cia sulle armi del Saddam...
          • Leguleio scrive:
            Re: Precisazione
            - Scritto da: krane

            Non hai capito: "di nascosto" significa
            proprio

            al riparo dagli sguardi di tutti, compreso il

            presidente in carica. I metodi, più o meno,
            sono

            noti: non si danno mai istruzioni per
            iscritto


            al telefono, solo orali, e in stanze
            ovattate.

            Gli interlocutori si scelgono solo fra
            persone

            patriottiche e discretissime: se anche
            finissero

            in carcere e rischiassero l'ergastolo, non

            metterebbero mai in mezzo i loro mandanti.


            Nixon fece l'errore di lasciare tracce
            dietro
            di

            sé, un nastro registrato, che una volta
            diffuse

            dalla "gola profonda" (William Mark Felt,
            Sr.)

            costituirono prove schiaccianti, era inutile

            addirittura cercare di confutarle. I
            presidenti

            successivi impararono la lezione.

            Si ? Strano allora che si siano di nuovo fatti
            beccare con la storia di wikileaks o riguardo
            alle dichiarazioni della cia sulle armi del
            Saddam...Hai visto richieste di dimissioni per questo? Io no, semplicemente perché... il presidente nel frattempo era cambiato. :-)In ogni caso, c'è una certa differenza fra muovere guerra a uno Stato non proprio pacifico e non certo fra i più amati dalla comunità internazionale come l'Iraq, e intercettare illegalmente nella sede del partito democratico.
          • Skywalker scrive:
            Re: Precisazione
            Va bene. Lo facciano pure di nascosto.Ma "di nascosto" non puoi contare su risorse illimitate o estese, perché se allarghi troppo la base dei "patrioti" rischi di prenderne dentro qualcuno non abbastanza patriottico.Raccogliere le impronte digitali di tutti i passeggeri in ingresso da una qualunque frontiera non riesci a farlo con un gruppo di "patrioti clandestini" ma è un gioco banale farlo usando la CBP.Una "schedatura di massa" mal si presta ad essere fatta "clandestinamente": la probabilità che qualcosa scappi è praticamente 1.Qui si parla di rastrellare informazioni in modo massivo, trattarle semi-automaticamente per poi concentrarsi sui casi "più sospetti". Senza il supporto di una intera schiera di tecnici nei punti chiave di tutti gli ISP e Carrier telefonici non lo fai. E tra i tecnici informatici i complottisti abbondano. ;)Più facile sarebbe assegnare ad un gruppo di patriotti la verifica dei casi più sospetti. Ma questa è la seconda fase e secondo me CIA ed NSA, ma anche DIS e AISE, già la fanno. Ed i numeri e la situazione son ben diversi.
          • Leguleio scrive:
            Re: Precisazione
            - Scritto da: Skywalker
            Qui si parla di rastrellare informazioni in modo
            massivo, trattarle semi-automaticamente per poi
            concentrarsi sui casi "più sospetti". Senza il
            supporto di una intera schiera di tecnici nei
            punti chiave di tutti gli ISP e Carrier
            telefonici non lo fai. E tra i tecnici
            informatici i complottisti abbondano.
            ;)Non dirlo qui, che è pieno di informatici! (anonimo)
            Più facile sarebbe assegnare ad un gruppo di
            patriotti la verifica dei casi più sospetti. Ma
            questa è la seconda fase e secondo me CIA ed NSA,
            ma anche DIS e AISE, già la fanno. Ed i numeri e
            la situazione son ben
            diversi.Sì, infatti intendevo questo. Spostando le competenze da un organo pubblico come l'antiterrorismo ai servizi segreti, si "risolvono" i problemi costituzionali. Può darsi che la cosa costituirà un problema quando alcune prove andranno usate in tribunale: spiegare come le hanno ottenute non sarà facile. Ma sono problemi che si risolvono caso per caso...
        • anon scrive:
          Re: Precisazione
          - Scritto da: Leguleio
          A guardare la notizia con occhi pragmatici, però,
          grazie ai mezzi tecnologici esistenti, se non lo
          farà il National Counterterrorism Center lo farà
          qualcun altro: di nascosto, e al riparo dalle
          interferenze del Freedom of information act.Se lo fanno di nascosto, vuol dire che agiscono nell'illegalità, e se agiscono nell'illegalità, vuol dire che devono stare allerta e hanno molta meno libertà d'azione; nel caso, per esempio, tentassero di ricattarti o altro coi dati da loro raccolti, potresti tranquillamente far intervenire la legge in tua difesa. (visto che agiscono nell'illegalità)Cosa ben diversa dal legalizzare la violazione della privacy di tutto e tutti. Se anche la legge non è più dalla tua parte, allora chi interverrà in tua difesa?
          • Leguleio scrive:
            Re: Precisazione
            - Scritto da: anon

            A guardare la notizia con occhi pragmatici,
            però,

            grazie ai mezzi tecnologici esistenti, se non lo

            farà il National Counterterrorism Center lo farà

            qualcun altro: di nascosto, e al riparo dalle

            interferenze del Freedom of information act.

            Se lo fanno di nascosto, vuol dire che agiscono
            nell'illegalità, e se agiscono nell'illegalità,
            vuol dire che devono stare allerta e hanno molta
            meno libertà d'azione; nel caso, per esempio,
            tentassero di ricattarti o altro coi dati da loro
            raccolti, potresti tranquillamente far
            intervenire la legge in tua difesa. (visto che
            agiscono
            nell'illegalità)Se la cosa ti consola...Agirebbero nell'illegalità per modo di dire: non ci sarebbe nulla di ufficiale, nessuno potrebbe scoprire come agiscono in base al Freedom of information act. Ma già ora i servizi segreti agiscono, appunto, nella segretezza, e a tutti va bene così.
      • ultimate scrive:
        Re: Precisazione
        avete visto lo show di benigni sulla costituzione..!? i politici dovrebbero imparare da lui :)
    • e dai scrive:
      Re: Precisazione
      - Scritto da: Leguleio
      "Concessa l'autorizzazione a scandagliare e
      conservare anche i profili dei cittadini non
      sospettati di aver commesso alcun
      crimine"

      Conservare solo per 5 anni, però.solo?ma non ti vergogni a spammare tutti gli articoli con commenti dal tenore inqualificabile?
      • Leguleio scrive:
        Re: Precisazione
        - Scritto da: e dai
        - Scritto da: Leguleio

        "Concessa l'autorizzazione a scandagliare e

        conservare anche i profili dei cittadini non

        sospettati di aver commesso alcun

        crimine"



        Conservare solo per 5 anni, però.

        solo?

        ma non ti vergogni a spammare tutti gli articoli
        con commenti dal tenore
        inqualificabile?No.Se proprio ci tieni, puoi vergognarti tu al posto mio.
    • Funz scrive:
      Re: Precisazione
      - Scritto da: Leguleio
      "Concessa l'autorizzazione a scandagliare e
      conservare anche i profili dei cittadini non
      sospettati di aver commesso alcun
      crimine"

      Conservare solo per 5 anni, però.beh, ce lo ficcano in cu|o ma abbiamo rassicurazioni sulla rugosità del paletto. Festeggiamo!
      • Leguleio scrive:
        Re: Precisazione
        - Scritto da: Funz
        - Scritto da: Leguleio

        "Concessa l'autorizzazione a scandagliare e

        conservare anche i profili dei cittadini non

        sospettati di aver commesso alcun

        crimine"



        Conservare solo per 5 anni, però.

        beh, ce lo ficcano in cu|o ma abbiamo
        rassicurazioni sulla rugosità del paletto.

        Festeggiamo!Se vuoi vederla così... Un proverbio dice che, potendo scegliere, tre pugni in faccia sono meglio di cinque (con varianti anche volgari).
Chiudi i commenti