Cassandra Crossing/ Compiti per le Vacanze

di Marco Calamari - Inutile tentare di sottrarsi: tra le dune di una spiaggia o in coda sull'Autosole, persino lontano da computer e dintorni si può ancora far molto, almeno qualcosa, per i propri diritti. Ecco i compitini

Roma – Alla fine dello scorso millennio… no, non esageriamo, a metà del secolo scorso la vita era più semplice, anche a scuola. Per chi andava a scuola il mondo variava da 0 a 10, non c’erano crediti formativi, semplicemente si studiava o non si studiava, dalle elementari all’università. Esisteva, già allora per fortuna agonizzante, un perverso istituto, oggi giustamente estinto (almeno spero), quello dei Compiti per le Vacanze.

Io, che sono sempre stato un piantagrane fin dalle elementari, tranquillo e bravino ma piantagrane, ricordo perfettamente in II elementare di essermi trovato in mano un libriccino smagrito con questo inquietante e contraddittorio titolo: “I tuoi Compiti per le Vacanze”. La domanda che mi venne spontaneo fare alla maestrina di seconda, e poi a mia madre fu appunto: “Ma se si fanno i compiti, che vacanze sono?”.

Non ricordo la risposta, che fu probabilmente insoddisfacente, ma ricordo di essermi trovato in camera d’albergo in montagna intento a fare aste (scrivevo malissimo fin da allora), compitare e svolgere altre attività poco vacanziere. Ogni tanto mi ritornava in mente la domanda, a cui non trovavo risposta. Oggi invece la risposta ce l’ho, si trattava di una punizione sadica e subdola, volta a mantenere vivo il ricordo dello studio per cercare di trasformarlo in rituale ed abitudine.

Non sono riuscito mai a capire come non mi abbia completamente fatto passare l’amore per lo studio; da positivista ed empirico comunque voglio provare a vedere se funziona anche con voi. Quindi invece di un caloroso saluto ed un arrivederci, ecco i vostri:

COMPITI per le VACANZE
Dato che molti dovranno svolgerli dalla spiaggia e senza ausili informatici, tralasceremo problemi, riassunti, traduzioni e versioni; soltanto dei temi, da svolgersi in forma di saggio di una/due cartelle. Chi non si trovasse in spiaggia e magari neppure in ferie non tenti di portare questi dettagli a sua giustificazione. I compiti sono Compiti e vanno fatti!

Nella migliore tradizione cassandracrossesca i temi saranno tendenziosi, impopolari, politically scorrect, con un robusto fondo di paranoia e guarniti di un tocco di qualunquismo che non guasta mai; speriamo magari che siano causa di dubbi, pensieri, perplessità e magari anche incazzature arrabbiature.

Spedite direttamente alla Redazione i vostri elaborati; provvederanno con la consueta efficienza ad inoltrarmeli per le necessarie “correzioni”. Non è neppure esclusa a priori una qualche forma di pubblicazione.

“Caro Onorevole, ho ascoltato alla TV le sue preoccupazioni sui terribili pericoli che i nostri figli corrono in Rete; la vorrei rassicurare raccontandole di me e mio figlio la sera davanti al pc…”

“Caro Ministro degli Interni, visto che si catturano sempre più “criminali” su internet, non si potrebbero contrastare i criminali ordinari che rendono sempre più difficile la vita in strada, non quella in Rete?”

“Caro Pedosatanista, come mai i giornalisti parlano sempre di te e mai di quelli che fanno buone azioni in Rete e regalano a tutti quello che hanno? Sono forse maniaci anche loro? Oppure semplicemente il bene non fa notizia.”

“Caro Navigatore, perchè lasciare inutilizzata la tua ADSL flat già pagata; cosa potresti caricare sul pc da lasciar frullare tutto il mese per il bene della Rete?”

“Cara BBC, vorrei vedermi a casa Doctor Who prima serie. Visto che non lo hai mai pubblicato o venduto, e non lo trasmetti più mi potresti suggerire un modo per farlo?”

“Caro Cittadino della Rete, mentre tu stai in ferie ci sono persone ed enti che decidono cosa potrai fare e cosa no quando riaccenderai il tuo pc. Non sei un po’ preoccupato?”

Bene, basta così. Anche per quest’anno in Italia quasi tutto si ferma. Se lo spirito del buon Wau guiderà i miei bit, voi non avrete trovato qualcosa di meglio da leggere e la Redazione qualcosa di meglio da pubblicare, ci risentiremo tra un mesetto.

Marco Calamari

Tutte le release di Cassandra Crossing sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Comet scrive:
    Curiosità... qualcuno sviluppa in CFML?
    Io faccio il programmatore, specificatamente PHP, ASP (ieri), .NET (oggi), Java anche se non su progetti molto grandi.Coldfusion l'ho sempre sentito, ma non ho mai visto grande richiesta su mercato, nè ho conosciuto tante persone che lo conoscessero (anzi a dire il vero che lo sapessero bene forse nessuna).Io almeno vedendo alle offerte di lavoro mi pare sia molto poco richiesto, rispetto agli altri.Almeno, in Italia. Forse all'estero è diverso...E'vero che se sei esperto di qualcosa di nicchia puoi farti valere, ma è anche vero che ciò che fai in Coldfusion lo puoi fare anche in altri linguaggi, e se la richiesta è poca...Qui c'è qualcuno che lo conosce bene, e saprebbe dire com'è la curva d'apprendimento, e se vale la pena impararlo?
    • Comet scrive:
      Re: Curiosità... qualcuno sviluppa in CFML?
      Immaginavo... grazie per la risposta. In effetti non è una tecnologia a buon mercato...
    • La Salamandra scrive:
      Re: Curiosità... qualcuno sviluppa in CFML?
      Concordo con Roberto. Io ho iniziato a studiarlo nel 1997. A mio parere è uno dei linguaggi più "belli" che esistano (e li ho studiati tutti all'università).Se vuoi fare il programmatore indipendente, non importa la tecnologia che usi, ma il risultato che ottieni.
      • gabrimonfa scrive:
        Re: Curiosità... qualcuno sviluppa in CFML?

        A mio parere è uno dei linguaggi più "belli" che esistano (e li ho studiati tutti all'università).Hmm, non sono per niente d'accordo.Ha dei difetti notevoli, IMHO.1. Tag che si aprono e non si chiudono ( ). Così tutti gli editor che tentano di mantenere l'indentazione vanno in paranoia perché sono abituati alla sintassi corretta HTML (a tag aperto corrisponde tag chiuso)2. La documentazione non è buona (I commenti sul sito della documentazione riportano notevoli inconsistenze tra la documentazione stessa ed il comportamento reale o tra varie versioni dell'applicativo)3. L'idea degli Application.cfm è quanto di più perverso possa esistere perché non aiuta a scrivere codice manutenibile e spinge alla duplicazione.4. Gli operatori hanno tutti nomi non standard, tipo IS al posto dell'"=" e così via.5. Il è un'idiozia che produce pagine con moltissime righe vuote. A meno che tu non disabiliti questo comportamento. Il che produce altri problemi.6. L'idea di avere un tag all'interno del quale la sintassi interna è del tutto diversa rispetto all'esterno è confusionaria7. L'application server a volte tiene lockati i file che usa molto più a lungo del necessario e ovviamente ne impedisce le modifiche.8. Talvolta il servizio che fa ODBC smette di funzionare, soprattutto con db MS ACCESS (se si possono chiamare db...) e a volte nemmeno un riavvio del servizio aiuta. Occorre riavviare il server. Sembra incredibile ma è così. La faccenda è nota, anche ad Adobe, ma di soluzioni non se ne vede.Questo solo per citare alcuni problemi che secondo me ha questo linguaggio.Poi si sa che sono opinioni, ma IMHO è difficile sostenere che sia il più "bello"
        • Andrea Veggiani scrive:
          Re: Curiosità... qualcuno sviluppa in CFML?

          1. Tag che si aprono e non si chiudono
          ( ). Così tutti gli editor che tentano di
          mantenere l'indentazione vanno in paranoia perché
          sono abituati alla sintassi corretta HTML (a tag
          aperto corrisponde tag
          chiuso)DW, Homesite+ e CFEclipse gestiscono tranquillamente la cosa, CF non è nato come linguaggio XML e se la soluzione di un costrutto condizionale in un linguaggio XML deve essere tipo quella di XSL ben venga il .
          2. La documentazione non è buona (I commenti sul
          sito della documentazione riportano notevoli
          inconsistenze tra la documentazione stessa ed il
          comportamento reale o tra varie versioni
          dell'applicativo)Coldfusion ha una documentazione OTTIMA; guardala per bene ed errori (anche madornali è vero, ma ci sono i commenti apposta ...) non inficano la qualità dei materiali, se guardi i manuali della nuova versione ci sono interi nuovi (e corposi capitoli) dedicati alle nuove feature chiari ed esaurienti, in linea con il resto della documentazione.
          3. L'idea degli Application.cfm è quanto di più
          perverso possa esistere perché non aiuta a
          scrivere codice manutenibile e spinge alla
          duplicazione.In che senso scusa? messa così l'affermazione non ha senso, il codice manutenibile è responsabilità dello sviluppatore non del linguaggio, vorrei capire cosa intendi.
          4. Gli operatori hanno tutti nomi non standard,
          tipo IS al posto dell'"=" e così
          via.Vero ed è scomodo, ma si è reso necessario per l'utilizzo all'interno di un tag nelle prime versioni di CF e anche nella 8 rimane così, anche se in cfscript si possono usare gli operatori tradizionali.
          5. Il è un'idiozia che produce pagine
          con moltissime righe vuote. A meno che tu non
          disabiliti questo comportamento. Il che produce
          altri problemi.ci sono modi per ovviare al problema, in generale non è ma CF che tende a generare più spazi del dovuto, ma è tranquillamente possibile controllare il fenomeno.
          6. L'idea di avere un tag all'interno
          del quale la sintassi interna è del tutto diversa
          rispetto all'esterno è
          confusionariaE perchè? è una possibilità in più che viene data a chi è abituato a scrivere codice in un determinato modo, mica sei obbligato.
          7. L'application server a volte tiene lockati i
          file che usa molto più a lungo del necessario e
          ovviamente ne impedisce le modifiche.Non è che sia DW che lo fa? non mi risultano problemi di questo tipo.
          8. Talvolta il servizio che fa ODBC smette di
          funzionare, soprattutto con db MS ACCESS (se si
          possono chiamare db...) e a volte nemmeno un
          riavvio del servizio aiuta. Occorre riavviare il
          server. Sembra incredibile ma è così. La faccenda
          è nota, anche ad Adobe, ma di soluzioni non se ne
          vede.So di problemi in questo senso ed è lo scotto che CF ha pagato nel passaggio a Java, il Bridge ODBC non è il massimo (non è un componente sviluppato da Adobe), esistono però ottimi driver Jdbc per tutti i DB (fuori che Access però).
          Poi si sa che sono opinioni, ma IMHO è difficile
          sostenere che sia il più
          "bello"Il giudizio è per forza soggettivo e visto che ogni linguaggio ha comunque punti di debolezza e di forza è ovvio che i primi siano considerati 'accettabili' da chi ama il linguaggio.Ciao
          • gabrimonfa scrive:
            Re: Curiosità... qualcuno sviluppa in CFML?

            DW, Homesite+ e CFEclipse gestiscono
            tranquillamente la cosaBeh certo. E' come dire che tutti i programmi che sanno di questa... diciamo così... caratteristica, ne tengono conto.Gli altri no. Secondo me era più semplice rispettare gli standard visto che nella parola CFML ML sta per Markup Language
            Coldfusion ha una documentazione OTTIMA; guardala
            per bene ed errori (anche madornali è vero, ma ci
            sono i commenti apposta ...) non inficano la
            qualità dei materiali.Chiaramente buona o cattiva va visto rispetto a cosa.Diciamo mi sembra peggiore rispetto a php.net e java.Anche se ammetto che i commenti rimediano ad alcuni errori

            3. L'idea degli Application.cfm...


            In che senso scusa? messa così l'affermazione non
            ha senso, il codice manutenibile è responsabilità
            dello sviluppatore non del linguaggio, vorrei
            capire cosa
            intendi.Intendo che gli Application.cfm sono cercati a ritroso in tutto il filesystem (e non mi piace che vada a leggere dove non voglio).Inoltre se includo un file devo ricordare che l'Application letto è quello del chiamante. Al contrario se ho un frame, dato che è cmq una pagina html nuova, l'Application è quello del chiamato, ma non quello del chiamante.A me sembra meno pratico degli include in php.

            6. L'idea di avere un tag all'interno

            del quale la sintassi interna è del tutto
            diversa

            rispetto all'esterno è

            confusionaria

            E perchè? è una possibilità in più che viene data
            a chi è abituato a scrivere codice in un
            determinato modo, mica sei
            obbligato.Infatti vi si ricorre perché è scomodo scrivere molti ogni se si assegnano più variabili o si fanno conti.Ma il codice che ne viene fuori mescolando le due sintassi è difficile da leggere per chi non è l'autore materiale del codice.

            7. L'application server a volte tiene lockati i

            file che usa molto più a lungo del necessario e

            ovviamente ne impedisce le modifiche.

            Non è che sia DW che lo fa? non mi risultano
            problemi di questo
            tipo.Non uso dreamweaver (intendi questo con DW?).Non posso escludere che non dipenda da CF, ma mi è successo diverse volte.

            8. Talvolta il servizio che fa ODBC smette di

            funzionare, soprattutto con db MS ACCESS (se si

            possono chiamare db...) e a volte nemmeno un

            riavvio del servizio aiuta. Occorre riavviare il

            server. Sembra incredibile ma è così. La
            faccenda

            è nota, anche ad Adobe, ma di soluzioni non se
            ne

            vede.

            So di problemi in questo senso ed è lo scotto che
            CF ha pagato nel passaggio a Java, il Bridge ODBC
            non è il massimo (non è un componente sviluppato
            da Adobe), esistono però ottimi driver Jdbc per
            tutti i DB (fuori che Access
            però).Vero, ma CF si paga. Quindi non mi interessa troppo chi abbia sviluppato il componente. Adobe lo dovrebbe sistemare, secondo me. Capisco comunque che la priorità non sia per ACCESS.Cordiali saluti,
      • perplesso scrive:
        Re: Curiosità... qualcuno sviluppa in CFML?
        - Scritto da: La Salamandra
        Concordo con Roberto. Io ho iniziato a studiarlo
        nel 1997. A mio parere è uno dei linguaggi più
        "belli" che esistano (e li ho studiati tutti
        all'università).TUTTI???? Tutti i linguaggi esistenti?E poi hai studiato CF all'università? ... mah ...
        • valentino rioni scrive:
          Re: Curiosità... qualcuno sviluppa in CFML?
          Ma questo/a dove cazzo si è laureato/a? Tutti i linguaggi? Mah. Coldfusion è per i falliti nullafacenti che hanno carenza di materia grigia.
    • Andrea Veggiani scrive:
      Re: Curiosità... qualcuno sviluppa in CFML?

      Coldfusion l'ho sempre sentito, ma non ho mai visto grande
      richiesta su mercato, nè ho conosciuto tante persone che
      lo conoscessero (anzi a dire il vero che lo sapessero bene
      forse nessuna).Vero, però a cercare si trovano, anzi io conosco personalmente due aziende che in questo momento stanno cercando (e faticano a trovare purtroppo) ...
      Io almeno vedendo alle offerte di lavoro mi pare sia molto
      poco richiesto, rispetto agli altri.Sicuramente.
      Almeno, in Italia. Forse all'estero è diverso...Sì, all'estero è tutta un'altra storia, specialmente negli USA dove PHP non è così pervasivo come in Europa.
      E'vero che se sei esperto di qualcosa di nicchia puoi
      farti valere, ma è anche vero che ciò che fai in
      Coldfusion lo puoi fare anche in altri linguaggi, e se la
      richiesta è poca...Il discorso è sempre lo stesso, ci sono cose (tante, specialmente dopo l'uscita della versione 8) che con CF puoi fare in tempi infinitamente ridotti rispetto a qualsiasi altra soluzione presente sul mercato; qui sta il vantaggio principale di CF.
      Qui c'è qualcuno che lo conosce bene, e saprebbe dire
      com'è la curva d'apprendimento, e se vale la pena
      impararlo?La curva di apprendimento è bassissima, se sai HTML (o comunque sei avvezzo a linguaggi basati su TAG) e conosci i fondamenti della programmazione (meglio ancora se di quella OOP così si parte subito bene) allora CF impari a conoscerlo in due giorni e per amarlo basta una settimana :)Ciao
Chiudi i commenti