Cassandra Crossing/ Una follia tutta italiana

di Marco Calamari - Lo ha detto Amato, ma non si riferiva a come i provider si trovano a dover registrare dati che non dovrebbero mai essere archiviati, si riferiva invece alle intercettazioni telefoniche dei Vip della politica

Roma – Quoto questa frase del Ministro dell’Interno Giuliano Amato, noto per essere persona molto più competente e posata della media della classe politica italiana. Il riferimento è allo scandalo (scandalo di routine) delle divulgazione selettiva di intercettazioni telefoniche come strumento di lotta politica.

Un argomento del genere sarebbe fuori tema in questa rubrica; non lo è invece il problema di privacy che questa situazione solleva , come non lo è in problema della rapidità di risposta del legislatore a problemi ed istanze provenienti da ambienti diversi da quelli dei normali cittadini.

Per quanto attiene il primo problema è chiaro che le intercettazioni telefoniche usate in ambito giudiziario pongono seri problemi di privacy, trattandosi normalmente di conversazioni a due che possono avvenire tra un indagato ed una persona estranea alle indagini. Da questo punto di vista il senso comune vorrebbe che, per criterio di giustizia, una tale intercettazione venisse utilizzata solo nell’ambito delle indagini, e potesse essere usata solo per coinvolgere la persona estranea nelle indagini, ma non per avviarne di nuove. In ogni caso, trattandosi di colloqui che possono poi diventare parte di atti giudiziari destinati ad essere resi pubblici, dovrebbero essere debitamente editate per salvaguardare l’estraneo innocente.

La cancellazione di intercettazioni non pertinenti od a posteriori non rilevanti per il procedimento in oggetto sembrerebbe, sempre al senso comune, un altro atto logico e doveroso. Precauzioni di questo tipo non sono state sempre seguite in casi giudiziari passati, e non mi risulta che siano normate come tali; una pronuncia del Garante nei termini più semplici e diretti possibili sembrerebbe naturale.

Il problema della diffusione di intercettazioni prima del dibattimento in aula dovrebbe essere affrontato sistematicamente, non quando fa comodo; farebbe piacere vedere indagini, processi e condanne dei responsabili di queste diffusioni che sono già illegali, configurando come minimo il “comportamento infedele” di un dipendente o pubblico ufficiale, ma la cronaca che ricordo è straordinariamente povera a riguardo.

Per quanto attiene il secondo problema, quello della sensibilità “differenziale” del legislatore ai problemi dei politici rispetto a quelli dei cittadini, è necessario aumentare ulteriormente il tono già fortemente “populista” del discorso.

La tendenza attuale della società, e non sono in Italia, è quella di evolvere verso una cultura del tecnocontrollo preventivo e totale delle comunicazioni.

In Italia questo avviene in maniera tecnicamente non regolamentata, in cui gli attori sanzionabili, prevalentemente gli internet provider, sono ovviamente portati ad interpretare cautelativamente (per loro) in senso estensivo la scarna normativa e gli inesistenti regolamenti attuativi, intercettando e memorizzando tutto quello che è economicamente fattibile.

Ho personalmente assistito alla descrizione delle attività di intercettazione di uno dei tre principali provider italiani; questo provider memorizza i dati di tutte le sessioni TCP che vengono instaurate sulla sua rete, e memorizza tutti gli header dei messaggi di posta che vengono spediti o ricevuti dai suoi server.
Si tratta di una quantità di informazioni spropositata (dal punto di vista della privacy degli utenti) ed in alcuni casi non solo non richiesta, ma vietata.

Si pensi ad esempio all’header che contiene l’oggetto della mail; la normale applicazione della legge esclude l’intercettazione dei contenuti delle mail, e l’oggetto di una mail è probabilmente la parte più significativa del contenuto della mail in termini di “densità di informazione”. Inoltre secondo una interpretazione letterale della legge i dati da memorizzare non sarebbero gli header della mail, ma i comandi SMTP che effettuano la trasmissione del messaggio, e che contengono il destinatario vero, non quello agevolmente falsificabile degli header. Ricordo anche perfettamente che l’attuale Garante, presente a questa esposizione ed ai suoi commenti, non ritenne di pronunciarsi in alcun modo.

Per concludere, in maniera molto semplice; che credibilità ha una classe politica che reagisce prontamente con nuove leggi che violano la privacy dei suoi membri e poi permette, anzi prescrive lo scempio della memorizzazione preventiva delle mail e dei dati delle telefonate di tutti i cittadini italiani?

Se è follia che alcune intercettazioni selettivamente filtrino fuori dai palazzi di giustizia, come definire la noncuranza con cui si memorizzano i dati di tutti i cittadini italiani, con lo scopo specifico di controllarli, utilizzando oltretutto metodi e pratiche frutto di interpretazioni? Si consideri che in Italia, paese evidentemente davvero di folli, la memorizzazione si attua in maniera estensiva rispetto alle richieste della UE e dei trattati internazionali.

Che credibilità può avere quando anche suoi elementi distinti e coinvolti in prima persona come l’attuale Ministro dell’Interno ed il Garante si pronunciano e tacciono in questo modo?

Tra l’altro non sembrano aver pensato che tra queste mail e queste telefonate ci sono anche le loro.

Marco Calamari

Tutte le release di Cassandra Crossing sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Flavio Ronco scrive:
    Flickr penalizza anche i tedeschi
    Ed è proprio dalla Germania che si estendono le proteste. Un putiferio.
  • bbbbbbb scrive:
    Cina, Singapore, Corea...
    ... e anche Germania.http://flickr.com/help/forum/42597/page5/#reply227666Inoltre (ma qui parlo per sentito dire, non ho verificato!) si dice che Yahoo! intenda limitare la possibilità di sottoscrivere account pro di flickr usando carte prepagate per costringere all'uso di carte di credito tradizionali (ben più facilmente tracciabili).
  • aaaaaaaa scrive:
    Yahoo! XSS vulnerability
    http://netcooties.blogspot.com/2007/06/yahoo-endangers-users-do-web-sites-care.htmlhttp://it.slashdot.org/article.pl?sid=07/06/15/0528212&from=rss"A major Yahoo XSS flaw makes it possible to take over any Yahoo user's account, including their mail, instant messaging, photos, etc. This is not a rare occurrence. So why aren't web sites doing more to protect their users? It's looking like most web developers don't even know or care about XSS."
  • Gian scrive:
    Ma non capisco, cosa si aspettano??????
    Io non capisco una cosa.Vi volete mettere TUTTI IN TESTA che Yahoo e Google sono AZIENDE??????Multinazionali.Corporation.Non stanno sul MERCATO per amore vostro, non campano di simpatia, non sono "amici", non REGALANO NULLA!Google e' piu "geek", Yahoo meno, e' una scelta di marketing. Fiat non fa auto di lusso Audi non fa utlitarie.Per tenere in piedi una baracca come Yahoo o Google ci vogliono MILIARDI!Vorrei farvi sentire la registrazione di cosa dicono i "mega commerciali" di queste aziende, di cosa pensano loro di se stessi e degli utenti. Nulla di male, nulla di brutto per "noi". E' solo che il loro obiettivo e' VENDERE.Stare SUL MERCATO. Fare SOLDI.Il tal paese chiede pallini verdi? Analisi costi/benefici =
    PALLINI VERDI!!!!Ok la lotta contro gli stipendi demenziali ma sperare che una azienda si precluda mercati lucrosi e' da dementi.Sicuramnete NON E' DA AZIONISTI
  • floriano scrive:
    mi ricorda
    qualcosa di simile che accade anche in italia .. è una azienda di tlc che è anche (a ragione) la vittima preferita di beppegrillo
  • aaaa scrive:
    che ridere
    Nelle votazioni di martedì scorso non è passata né la proposta di legare i compensi della dirigenza ai risultati, né la creazione della commissione sui diritti.
Chiudi i commenti