Centomilioni di CD protetti, by Macrovision

L'azienda dei lucchetti annuncia di aver piazzato oltre 100 milioni di CD contenenti la propria tecnologia anticopia, un traguardo raggiunto soprattutto grazie al mercato europeo. Gli USA sono il prossimo bersaglio


Santa Clara (USA) – Sono 100 milioni, secondo Macrovision , i CD protetti con i propri lucchetti digitali che, fino ad oggi, sono piovuti sui mercati internazionali, in particolar modo quello europeo e giapponese.

L’azienda, che ha recentemente acquisito Midbar Tech, creatrice della nota tecnologia anticopia Cactus Data Shield (CDS), sostiene che i CD da lei prodotti contengono due tracce: una in standard red book, riproducibile su qualsiasi lettore audio, ed una di dati, leggibile su qualsiasi PC.

Quella descritta da Macrovision non è altro che la tecnologia CDS 200 ereditata da Midbar, un sistema di protezione molto diffuso che prevede la possibilità, per gli utenti di PC, di ascoltare versioni compresse delle tracce audio tradizionali attraverso un player fornito direttamente sul CD.

I 100 milioni di CD di cui si vanta Macrovision non sono dunque tutta farina del suo sacco: la tecnologia CDS era la più diffusa sul mercato ben prima che Macrovision l’acquistasse insieme ai suoi inventori.

Ad ogni modo, il proclama di Macrovision conferma – come sanno bene i lettori che seguono il canale Pirateria e Copyright di PI – come i CD protetti, nonostante la pioggia di critiche provenienti dal mondo dei consumatori e i reclami di Philips , abbiano ormai raggiunto un livello di penetrazione sul mercato elevatissimo.

Macrovision, che assicura come i propri CD offrano “un’eccellente riproducibilità ed efficacia”, ci tiene a sottolineare come “il superamento dei 100 milioni di CD è un importante pietra miliare nello sviluppo e nella diffusione delle protezioni per i CD di musica”.

“Le etichette discografiche sono di fronte ad una sfida senza precedenti nel tentare di fermare la condivisione non autorizzata di musica e la masterizzazione dei CD”, ha commentato Adam Sexton, vice president of marketing di Macrovision?s Music Technology Division. “Siamo felici di essere stati in grado di bilanciare la necessità di proteggere i contenuti dell’industria della musica con l’esigenza di offrire ai consumatori la possibilità di ascoltare i CD anche sui PC, come si aspettano”.

Macrovision non fa alcun riferimento, tuttavia, ai problemi emersi con le prime versioni della tecnologia CDS né del fatto che per diverso tempo i consumatori europei sono stati utilizzati dalle etichette come cavie su cui sperimentare sistemi anticopia che, fino a non molto tempo fa, spesso accompagnavano CD privi di alcun bollino o disclaimer .

E se in Europa i CD protetti sono una realtà da ormai oltre un paio d’anni, Macrovision si pavoneggia con l’intenzione di inondare molto presto anche gli USA, un mercato dove fino ad oggi le tecnologie anticopia sono state applicate solo a pochi album.

Se agli americani arriveranno tecnologie più mature, capaci di non mandare in stallo il computer o far gracchiare l’autoradio, questa volta dovranno ringraziare gli europei per il cortese, e spesso involontario, beta testing.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Notizie in ritardo
    ticoli scritti male come al solito.Apple ha rilasciato la 6.1 giorni e giorni fa. Ora siamo alla 6.1.1.. Buonanotte!
  • Anonimo scrive:
    Ieri volevo installare real player..
    e mi sono letto, come faccio sempre le condizioni di licenza.Ho annullato la procedura di installazione dopo aver constatato che accettando le condizioni di licenza, li avrei autorizzati ad eseguire qualsiasi tipo di operazione sul mio computer anche senza informarmi. Mi pare che Satana valuta la tua anima un po' più di un programmino, quindi se proprio devo..... ;-) .Pietro
  • Anonimo scrive:
    real: la rovina del web
    Grazie a real si sono diffusi formati chiusi di ogni genere. Grazie a real una adsl non riesce neanche a streamare una canzone (mentre lo streaming mp3 va alla grande). Grazie a real apriamo l'ennesima porta sui sistemi di milioni di utenti.Ma webmaster del cavolo, non la potreste piantare di distribuire contenuti con tecnologie proprietarie?
    • Anonimo scrive:
      Re: real: la rovina del web
      - Scritto da: Anonimo
      Grazie a real si sono diffusi formati chiusi
      di ogni genere. Grazie a real una adsl non
      riesce neanche a streamare una canzone
      (mentre lo streaming mp3 va alla grande).
      Grazie a real apriamo l'ennesima porta sui
      sistemi di milioni di utenti.

      Ma webmaster del cavolo, non la potreste
      piantare di distribuire contenuti con
      tecnologie proprietarie?E' vero, con tutti i formati decenti che ci sono in giro, c'è gente che ancora usa quel cavolo di Real che non fa altro che generare altra confusione. Ma è mai possibile che per vedere dei miseri filmati online bisogna prima installarsi 100 lettori diversi?
      • Anonimo scrive:
        Re: real: la rovina del web
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Grazie a real si sono diffusi formati
        chiusi

        di ogni genere. Grazie a real una adsl non

        riesce neanche a streamare una canzone

        (mentre lo streaming mp3 va alla grande).

        Grazie a real apriamo l'ennesima porta sui

        sistemi di milioni di utenti.



        Ma webmaster del cavolo, non la potreste

        piantare di distribuire contenuti con

        tecnologie proprietarie?


        E' vero, con tutti i formati decenti che ci
        sono in giro, c'è gente che ancora usa quel
        cavolo di Real che non fa altro che generare
        altra confusione. Ma è mai possibile che per
        vedere dei miseri filmati online bisogna
        prima installarsi 100 lettori diversi?IHIH, sotto linux basta mplayer per tutto :) A patto di avere i codec real installati. Sotto debian:apt-get install realplayer mplayer-k6(marillat.free.fr se avete dubbi :))
Chiudi i commenti