Chi sarà Internet Explorer 7?

Emerge qualche nuovo dettaglio ufficioso sulla prossima versione del browser: tra le novità un più robusto modello di sicurezza e il supporto a nuovi standard
Emerge qualche nuovo dettaglio ufficioso sulla prossima versione del browser: tra le novità un più robusto modello di sicurezza e il supporto a nuovi standard


Roma – A circa un mese di distanza dall’ annuncio con il quale Bill Gates ha rivelato i nuovi piani di Microsoft circa Internet Explorer 7, sul nuovo browserone stanno lentamente emergendo informazioni più o meno ufficiose che aiutano a tracciarne un primo, pur se ancora vago, identikit.

Nello sviluppo di IE7 il big di Redmond si focalizzerà soprattutto sulla sicurezza ma, stando a quanto riportato da Microsoft Watch , non trascurerà di aggiungere o aggiornare il supporto a certi standard del web e di rinnovare l’interfaccia del proprio browser.

Sul fronte della sicurezza IE7 introdurrà una modalità di esecuzione con privilegi ridotti che dovrebbe minimizzare l’impatto delle vulnerabilità sul sistema: nel caso infatti un cracker riuscisse a sfruttare una falla del browser, gli esperti sostengono che gli sarebbe assai più difficile eseguire del codice pericoloso o prendere il controllo del PC. Come ulteriore difesa contro il malware, Microsoft prevede poi di integrare IE7 con il suo tool gratuito anti-spyware .

Il nuovo IE dovrebbe inoltre includere una più robusta implementazione di Secure Sockets Layer (SSL), il noto protocollo utilizzato per proteggere le transazioni on-line, e alcune restrizioni atte a prevenire l’esecuzione dei famigerati script cross-domain , spesso utilizzati dai cracker per rubare agli utenti del Web informazioni sensibili e numeri di carte di credito.

Sempre secondo le indiscrezioni, la prossima versione di IE potrebbe finalmente introdurre il tabbed browsing , o navigazione a schede, una funzionalità che le sue alternative sfoggiano ormai da lungo tempo. Questa caratteristica potrebbe anche essere accompagnata da altre novità sia estetiche che funzionali, come ad esempio l’aggiunta di nuove toolbar personalizzabili.

Tra gli standard candidati ad entrare a far parte del futuro IE vi sono CSS2, di cui Microsoft dovrebbe però implementare solo alcuni aspetti; il formato grafico Portable Network Graphics (PNG) con overlay; e gli International Domain Name (IDN): va ricordato, tuttavia, come la sicurezza di quest’ultimo standard sia stata recentemente messa in discussione da un problema che ha interessato praticamente tutti i browser che lo supportano.

Microsoft aveva inizialmente pianificato di sviluppare IE7 esclusivamente come componente integrato del suo futuro Windows Longhorn . Di recente il colosso ha invece fatto sapere che la prossima versione del suo browser verrà rilasciata anche per Windows XP Service Pack 2, Windows Server 2003 Service Pack 1 e Windows XP Professional x64 . Questa decisione è stata motivata con la volontà di estendere le migliorie di sicurezza di IE7 anche alle attuali versioni di Windows, ma di mezzo c’è sicuramente anche l’intenzione di contrastare la rapida marcia di Firefox , nuovo e carismatico portabandiera del software open source.

La prima beta pubblica di IE7 è attesa per questa estate.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 03 2005
Link copiato negli appunti