Chrome, emerge il primo bug

La release non aggiornata del WebKit tradisce il browser di Google

Google Chrome Roma – È Aviv Raff il ricercatore di sicurezza che a poche ore dalla presentazione di Google Chrome avverte che il browser di mammaG soffre di una vulnerabilità.

Con una demo esplicativa del problema, disponibile a questo indirizzo , Raff dimostra come gli utenti Windows di Chrome possano finire vittima di un attacco carpet bombing . Come viene evidenziato da ZdNet , un aggressore potrebbe associare una vulnerabilità nel WebKit su cui si basa e un bug Java emerso di recente: l’utente verrebbe così messo in condizione di aprire senza rendersene conto file eseguibili direttamente dall’interno del browser.

Nella sua demo, Raff evidenzia la facilità con cui l’utente possa essere spinto a depositare sulla scrivania di Windows file malevoli. Il browser di Google, che così tanto punta sulla sicurezza, non sarebbe quindi immune da rischi nonostante il ricorso alla sandbox in cui viene fatto girare il motore di rendering del browser.

Va detto che il problema sarà facilmente risolvibile da Google. Chrome sfrutta il WebKit, in particolare una versione del WebKit che con Apple Safari già si era dimostrata vulnerabile a quel tipo di problema, tanto che Apple già da tempo ne ha aggiornato la versione in uso.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • terminator scrive:
    terninator
    si va verso cio che e ' raccontato nei film di terminator macchine che autoapprendono e magari un giorno si rivolteranno contro la razza piu' dannosa del pianeta.. l ' uomo. E' incredibile come anche la fantascienza piu' estrema sta diventando quasi attuale.
  • attonito scrive:
    anatra ubriaca
    Se per "fare acrobazie" si intende volare in tondo, andare a destta e sinistra come un'antra ubriaca, volare sbilenchi tentando di non schiantarsi ed infine, puntare altrove la telecamera per non far vedere che si schianta... allora, si l'elicotterino "fa acrobazie".
    • Vega scrive:
      Re: anatra ubriaca
      - Scritto da: attonito
      Se per "fare acrobazie" si intende volare in
      tondo, andare a destta e sinistra come un'antra
      ubriaca, volare sbilenchi tentando di non
      schiantarsi ed infine, puntare altrove la
      telecamera per non far vedere che si schianta...
      allora, si l'elicotterino "fa
      acrobazie".evidentemente non hai capito nulla di quelle acrobazie.... un volo rovesciato con un elicottero o avvitamenti multipli (verticali e orizzontali), nonchè gli stazionamenti a 90° non sono certo un "volare sbilenchi".....per te magari che non ne capisci una cippa di elicotteri e di fisica, si, è uno volo sbilenco... per chi fa quelle manovre avendo per tutto il tempo il pieno controllo del velivolo, sono un pelo più complicate. ma giusto un pelo.
      • attonito scrive:
        Re: anatra ubriaca
        Tu sei ingegnere aereonautico, giusto?
        • Vega scrive:
          Re: anatra ubriaca
          - Scritto da: attonito

          Tu sei ingegnere aereonautico, giusto?
          no... ma sono comunque ingegnere.
        • CLEAR scrive:
          Re: anatra ubriaca
          attonito (per cosa poi), non concepisco per quale ragion d'essere ti ostini a "criticare" un progetto di tale rilevanza quando è più che palese che sei del tutto ignorante in merito. è chiaro che questo articolo non fa che stimolare la curiosità del lettore poiché ti introduce una notizia, la rende leggibile e decifrabile a tutti. Non ha senso che ti impunti su parole che non sono di un gergo tecnico specifico e ci costruisci la tua bella casetta di paglia..rileggiti un po' la storiella dei tre porcellini, che è perfetta per esorcizzare queste tue smanie da critico di sti'cca.E mettiti l'animo in pace, per carità.*G
          • Zago scrive:
            Re: anatra ubriaca
            WOW interessantissimochi ha fatto un po' di studi a riguardo sa quanto sia difficile stabilizzare un controllo retroazionato per il volo dell'elicottero, anzi se le cose non sono cambiate ultimamente un controllo completo per il volo di un elicottero che sia stabile in retroazione non c'è. Sarei curioso di sapere come hanno fatto il controllore, se buttando i poli instabili molto lontano e facendo saltare di tanto in tando in una catena aperta. Mi metto alla ricerca di qualcosa a riguardo. cmq figata
  • attonito scrive:
    radiocomandato, altro che!
    "Durante il volo, parte della strumentazione risiede a bordo, parte a terra. Insieme, esse monitorano continuamente la posizione, la direzione, l'orientamento, la velocità e"Quindi il "cervello" sta a terra e i sensori a bordo del veicolo.Quando il cervello stara' a bordo del veicolo, allora si che sara' un veicolo autonomo, fino a quel punto, restera' una macchi radiocomandata da terra (ancorche da un sistema di IA)Forse non hanno messo il cervello a bordo perche' consuma come un ferro da stiro o pesa troppo... non so... comunque e' un passo avanti di sicuro verso l'automazione.
    • Pippo Caruso scrive:
      Re: radiocomandato, altro che!
      Non è esatto quello che dici.Radiocomandato per necessità di spazio a bordo. Comandato a distanza si, ma sempre da un calcolatore.. _non_ da un umano. Il che rende il radiocomando un bit differente da come siamo abituati ad intenderlo.
      • attonito scrive:
        Re: radiocomandato, altro che!
        radiocomandato: comandato via radio.si veda: http://it.wikipedia.org/wiki/RadiocomandoChe il "comandante" sia di carne o di silicio, non cambia il significato di "radiocomandato": se la gente capisce male, non e' colpa mia. :-)
    • studente scrive:
      Re: radiocomandato, altro che!
      Non è esatto.La parte in cui il sistema è radiocomandato, riguarda la fase di training del sistema; cito l'articolo: 'A "fine apprendimento", in totale autonomia, gli elicotteri dotati di nuovi skill hanno messo in scena un'esibizione entusiasmante, con manovre pericolosissime, alcune delle quali sono state realizzate addirittura meglio di quanto non sia riuscito a fare lo stesso esperto pilota.'A seguito di ciò, nella fase reale, quella di test, in cui si osserva e si analizza ciò che il sistema ha "appreso", senza alcun ausilio di un radiocomando esterno, esso ha tentato di riprodurre autonomamente ciò che "gli era stato mostrato". Ecco perché il titolo di questo commento è fuoriluogo: implica una ingenua ignoranza in merito alle basi del machine learning.
    • Math scrive:
      Re: radiocomandato, altro che!

      Forse non hanno messo il cervello a bordo perche'
      consuma come un ferro da stiro o pesa troppo...
      non so... comunque e' un passo avanti di sicuro
      verso
      l'automazione.Forse più semplicemente, trattandosi di una ricerca, hanno preferito evitare di investire in uno step (la miniaturizzazione) che probabilmente non ha alcun senso: una volta davanti ad un sistema in grado di pilotare un elicottero da 1mt il passo successivo sarà portarsi su dispositivi (magari anche 1:1) dove il problema dello spazio non sarà più un problema. Vedo scarsa utilità infatti nel fare un elicottero da 1mt completamente autonomo.
  • Luca Vanoff scrive:
    E se...
    Poi prendono coscenza e con le pale iniziano ad ammazzare i loro costruttori ?
  • Marvho scrive:
    le macchine assimileranno l'uomo.
    io ho gia un po paura... ghghgh
    • Nome e cognome scrive:
      Re: le macchine assimileranno l'uomo.
      Il giorno che a bordo di un aereo di linea ci sarà un robot al posto del pilota manderò la mia copia robotica a bordo per farsi le vacanze...
  • Math scrive:
    Si chiamano "macro"
    Anche il mio Excel fa ogni mese gli stessi conti sul mio foglio di calcolo.. uguali uguali a come li ho fatti io la prima volta.. (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Prima che parta un flame della miseria, ovviamente scherzo!
    • Antony scrive:
      Re: Si chiamano "macro"
      beh, non hai tutti i torti. Ma infondo anche noi siamo "sistemi di macro"...per camminare impariamo guardando gli altri, per usare la forchetta copiamo i gesti dei nostri genitori, ecc...ecc...IMPARARE, in un certo senso, è COPIARE...a meno che non si stiano imparando cose completamente NUOVE che nessuno ha mai fatto o conosce.Quei droni robotizzati hanno solamente MEMORIZZATO i passaggi da fare per portare l'elicottero all'esatta coordinata X,Y dopo TOT tempo di volo. Se prendiamo tutti i droni e gli elicotteri e li portiamo in un posto in cui ci sono cavi elettrici, alberi, case e/o stormi di uccelli, di sicuro i droni guideranno da schifo finendo per distruggere il veivolo.Mah..notizia sicuramente simpatica, ma di scarso valore tecnico.
      • Guybrush scrive:
        Re: Si chiamano "macro"
        - Scritto da: Antony[...]
        IMPARARE, in un certo senso, è COPIARE...a meno
        che non si stiano imparando cose completamente
        NUOVE che nessuno ha mai fatto o
        conosce.Quella si chiama RICERCA.L'apprendimento e' imitazione, ma a differenza della copia, chi apprende effettua un lavoro di adattamento a se stesso dell'informazione acquisita.Leggendo l'articolo sembra proprio sia accaduto questo: i droni hanno eseguito i compiti meglio dell'umano che gli ha passato le informazioni necessarie al volo.Forse non si puo' parlare ancora di apprendimento vero e proprio, ma ci si e' andati dannatamente vicino.
        Quei droni robotizzati hanno solamente[...]
        veivolo.Se hai ragione tu e si tratta di "macro", ma e' un bel po' di tempo che i robot fanno i conti con gli imprevisti, non penso che al giorno d'oggi un drone volante abbia troppi problemi a scansare un pennuto.Soprattutto perche' il pennuto collabora :D quanto ai cavi e ai rami degli alberi... danno rogne anche ai piloti umani, quindi niente di nuovo.Pero' qualcosa in questo articolo mi fa essere cautamente ottimista.GT
        • Olmo scrive:
          Re: Si chiamano "macro"

          Forse non si puo' parlare ancora di apprendimento
          vero e proprio, ma ci si e' andati dannatamente
          vicino.Perché no? le reti neurali *apprendono* nel vero senso della parolahttp://en.wikipedia.org/wiki/Artificial_neural_network
      • charon scrive:
        Re: Si chiamano "macro"
        Solo che ripetendo esattamente le stesse mosse, se cambiasse un po' il vento, si dovrebbe schiatare.
  • fox82i scrive:
    Qualche video?
    come da oggetto
Chiudi i commenti